Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

678Report
Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.
-------------------------------------------------- -----------------

Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti.

Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi investimenti, ma avrebbe potuto essere pericoloso.

Per me.

"Hai investito in un terreno che non è edificabile?"

"Sì, ci sono alcune case e fattorie lì, ma niente di significativo."

"Perché in luoghi così isolati?"

"Per me l'isolamento è un vantaggio, non uno svantaggio". Disse, sorseggiando il suo caffè con le labbra increspate.

"Ma hai comprato per 100 milioni, quindi l'investimento deve essere al primo posto nella tua mente?"

Appoggiando delicatamente la tazza, ne tracciò il bordo con l'indice. Per un momento sembrò riflettere profondamente sulla sua risposta. Anelli alle dita, un lampo di riflessi arcobaleno dai diamanti.

“L'investimento per me non è perdere valore. Cioè perseguo i miei obiettivi e interessi per le mie ragioni. Si dà il caso che io abbia una piccola partecipazione in un'impresa commerciale nel nord di Long Island e volessi acquistare un terreno adiacente per aggiungere valore e privacy. Per quanto riguarda la terra dello stato settentrionale, beh, è ​​​​un azzardo, vedremo se ho giudicato giusto il mercato.

Ho considerato attentamente le mie opzioni. Eccomi qui, la finta giornalista di una rivista americana di investimenti, ed eccola lì, una donna coinvolta in una sorta di losco affare negli ultimi dieci anni.

Perché falso?

Perché sono un investigatore privato e posso percepire queste cose...

Normalmente sono coinvolto in divorzi e altri casi personali difficili che richiedono tracciamento, pazienza e impersonificazione, nonché un talento per la registrazione e le riprese.

Una donna che stava cercando di rintracciare la scomparsa di un suo amico mi aveva assunto. Dio lo sa, normalmente questi casi si risolvono in poche ore di ricerche sul web e qualche pellame di scarpa lasciato sul marciapiede. Poche centinaia di dollari veloci e un giorno di lavoro. Questo non stava funzionando. Ero già senza soldi per le spese senza niente da mostrare al cliente.

L'unica pista era la signorina Irene Clearmont, una donna sessantenne che era collegata a tutte le persone giuste ed è apparsa dal nulla solo dieci anni fa. Difficile parlare con loro, impossibili da rintracciare, soldi in abbondanza e privacy di proporzioni impenetrabili.

"Allora racconta ai miei lettori dei tuoi investimenti a Long Island!"

“Ho parte di una fattoria speciale nel nord dell'isola. Una specie di istituto di formazione. Facciamo allevamento selettivo, addestramento e un'istruzione molto specifica. Il lavoro è in qualche modo segreto perché stiamo facendo passi da gigante e dobbiamo proteggere i nostri metodi”.

"Sembra interessante, puoi darmi altri indizi su questa affascinante faccenda?" Mi sono sentito sporgere un po' in avanti come in modalità cospiratoria.

Irene, invece, si limitò a sorridere ea finire il caffè. Ho sentito una delle sue scarpe toccarmi l'interno della coscia, una mossa alquanto inaspettata da parte di questa donna attraente ma anziana. La suola piatta del suo stiletto era tra le mie gambe e sfregava delicatamente contro la mia erezione.

Con un sorriso che sarebbe stato timido in qualsiasi altra donna, aprì la sua piccola pochette e prese un rossetto. Con un tocco delicato rinnovò le sue labbra in rosso prugna prima di acconsentire a continuare.

“Se lo desideri, puoi unirti a me lì, ma potrebbe essere un po' fastidioso per te. Oggi, prima di acconsentire a questa intervista, ho chiamato la tua rivista solo per essere informato che non sei nei loro libri come giornalista. Si scopre infatti che sei un investigatore privato e stai curiosando in aree della mia vita che considero inviolate e intoccabili.

Per un momento fece schioccare le labbra per lisciare il rossetto. "Questo non è accettabile. Sono pronto ad aiutarti se puoi fare una proposta che mi interessa!

"Mi dispiace ingannarti, ma devo andare avanti con un caso di scomparsa a cui sto lavorando, non intendevo..."

"Per ingannarmi!" Irene terminò la mia frase e mi infilò il piede nell'inguine. "Posso vedere tre possibili corsi d'azione, ognuno dei quali ha vantaggi e svantaggi per me, la variabile è la tua reazione."

Ormai mi sentivo abbastanza preso da lei, un'erezione furiosa e un mistero.

"Quindi quali scelte vedi?"

La signorina Clearmont si sporse in avanti e anch'io mi chinai mentre parlava in un sussurro.

“Beh, potremmo andare nella mia limousine e farci scopare mentre andiamo a vedere i miei investimenti a Long Island. Mi piace scopare ed essere fottuto e tu offri alcune possibilità in quella direzione. Secondo, puoi uscire di qui e dire al tuo cliente che il perseguimento di questa questione, qualunque essa sia, va oltre le tue capacità. La terza possibilità è che tu sia completamente aperto con me e mi dica su cosa stai indagando e chi è il tuo cliente.

Si sporse un po' di più in avanti e la sentii aprirmi i pantaloni sotto il tavolo. Potevo a malapena resisterle mentre la sua mano liberava la mia erezione per stare orgogliosa contro la suola e il tacco della sua scarpa. Un leggero movimento del suo piede attirò il mio cazzo sull'attenti e lo premette contro la punta metallica dello stiletto. Entrambe le sue mani erano di nuovo in vista ma era iniziato un ritmo lento e già potevo sentirmi andare verso l'orgasmo.

"Allora, cos'è essere il mio piccolo cazzo privato?" disse con un sorriso. “Sesso o onore? Perché entrambi non sono disponibili, solo una scelta di uno.

Il suo tacco di metallo ha scavato sotto le mie palle e ha premuto sulla delicata giuntura tra culo e testicoli. La suola mi spinse con fermezza e mi allungò fino all'orgasmo, un'ondata che esplose nell'intimità sotto il tavolo ma fu chiara a entrambi.

"Andiamo a vedere i tuoi investimenti."

“Speravo che la vedessi a modo mio.

Il sesso è sempre la scelta migliore per quanto mi riguarda!





Un lungo viaggio
------------------

Sono uscito dal ristorante con Irene al braccio. Chiamò il suo autista sul cellulare e la Mercedes si fermò sul marciapiede con un sussurro. Le aprii la porta e lei si infilò nella cella di cuoio con un gesto esperto. Unendomi a lei chiusi la porta e mi voltai a guardarla.

L'auto si allontanò dal marciapiede con un sussurro appena percettibile dall'interno. Irene aprì la borsa e ne estrasse una busta. Per un attimo armeggiò con la chiusura e poi mi passò le foto.

Una grande casa e stalle, una Ferrari parcheggiata fuori. Questi erano gli sfondi delle due foto. Il primo piano di quella in alto era una donna nuda in catene e un cappuccio con i segni viola di un selvaggio pestaggio sui seni e sulle cosce. La seconda era una donna di proporzioni generose che indossava una lunga pelliccia e impugnava un frustino. Un barlume di carne si intravedeva nella pelliccia, un grasso di sesso e una rosetta di capezzolo.

"Gestisci un bordello?" La domanda mi sfuggì involontariamente, ma era quello a cui stavo pensando.

Irene rise e si allungò per accarezzarmi per un momento. "No, non un bordello, qualcosa di molto più interessante!"

Devo essere sembrato un po' vacuo perché sentiva di dover elaborare. “Sesso, potere e soddisfazione. Offriamo sesso ma non solo per un pagamento diretto per il servizio. Formiamo i volenterosi e i riluttanti e quindi offriamo i vantaggi di tale indottrinamento a una selezione mondiale di clienti esclusivi da sperimentare e godere nella privacy del proprio ambiente.

Non potevo impedire alle sue mani di slacciarmi lentamente cintura e pantaloni. La mia mente vagava nei regni della tensione e del piacere. Questa donna, questa medusa di sessant'anni, costringeva le persone alla schiavitù, alla schiavitù sessuale e ora mi stava scopando. Una sola delle sue unghie mi accarezzò dalle palle alla punta umida della mia erezione tesa.

“Vuoi che ti mostri come funziona? Come addestriamo e forziamo la compliance? In che modo le vittime vengono contaminate e degradate per i desideri sottili ma dolorosi dei nostri clienti degenerati? In che modo la tortura e la sofferenza di coloro che costringiamo portano piacere mentre lo schiavo viene violato e punito per crimini non commessi? Questo ti eccita? Questo potere di estinguere e mutilare, stuprare e rovinare?

"SÌ." sussurrai mentre il piacere prendeva il sopravvento e la signorina Clearmont prendeva il sopravvento.

Non sentivo i vincoli sui polsi e sulle caviglie, tutto quello che potevo sentire erano le mani che facevano sforzare il mio cazzo per venire una seconda volta. Stavo così cadendo dall'alto nelle sue abili mani. Le morbide e fugaci pennellate di pelo sulla punta e la salda presa sulle mie palle.

Nel momento in cui mi aveva quasi portato a venire ero nudo e impotente e lottavo, non contro le restrizioni, ma contro la gratificazione dell'orgasmo che finiva troppo presto. Dio, doveva durare per sempre questa sensazione di caduta, i racconti di schiavitù e servitù.

Questa seconda venuta.

Il piacere è cessato prima che venissi, le mani hanno revocato il loro dono e il corpo del mio malvagio partner si è ritirato dal contatto. Per un momento rimasi solo stordito, una massa di carne tremante, adagiata sulla morbida pelle e sui miei lunghi vestiti scartati. Poi è arrivata la consapevolezza. Consapevolezza delle manette che mi circondavano le caviglie e dei morbidi guanti con le tasche che racchiudevano le mie mani. Entrambi con catenelle delicate che portano ad occhielli nella tappezzeria dell'auto. Mi misi a sedere e alzai le mani immobilizzate.

"Sei troppo egocentrico per essere un mio partner!" lei disse. “Ho bisogno di assistenza e attenzione e ora ti mostrerò cosa intendo. Tuttavia ti mostrerò come puoi essere una persona meno egoista e dare oltre che ricevere.

Ancora un po' stordito per essere quasi venuto, ho detto: "Non hai bisogno di legarmi per fare l'amore con me!" ma la ragione e l'argomentazione non erano una strategia realistica.

La sua mano si spostò sulla consolle centrale dell'auto e premette una manopola. Un piccolo suono meccanico e ho sentito che le mie gambe e le mie braccia venivano tirate. Le catene venivano avvolte nell'auto e io venivo disteso implacabilmente sul sedile posteriore. Irene si è spostata su un sedile di fronte e mi ha guardato mentre venivo tirato fuori, immobilizzato ed esposto alla sua completa attenzione.

Ha raggiunto in un armadietto e tirò fuori una maschera. Con me che lottavo e imploravo, me lo tirò sugli occhi e sulla bocca. Un cappuccio di pelle mi copriva la testa ed era stretto per modellarsi sui miei lineamenti. Per un momento ho lottato per respirare prima che lei staccasse l'apertura d'ottone della bocca. Ho sentito le sue mani forti tenermi la testa mentre mi avvitava qualcos'altro sulla bocca e nella maschera. Poi una chiave inglese e un tubo sono penetrati nella mia bocca aperta e si sono fatti strada sulla mia lingua.

“Non cercare di parlare della mia cagna, questa è la prima lezione. Il secondo è rilassarti e metterti nelle mie mani. Stai per farmi piacere e darmi piacere. Se fai bene sarai contento di averlo fatto. D'altra parte sono molto esigente e un innamorato che non piace è un amante che si rammarica della sua testardaggine. Ho bisogno di sentire il vero volume dentro di me, ho bisogno di essere scopata e penetrata e tu sei il mio strumento ideale.

Mentre parlava potevo sentirla montarmi. All'inizio ho pensato che avrebbe scopato il mio cazzo teso, ma poi si è trascinata sul mio corpo prono e si è sistemata sul dildo che era la riserva d'aria della mia bocca.

Ogni colpo era un respiro per me mentre il suo sesso apriva e chiudeva i fori per l'aria che correvano lungo la lunghezza del temibile dispositivo in lattice. Afferrando la maniglia sulla parte superiore della mia maschera mi ha usato per soddisfare se stessa. Non ero altro che una bambola da scopare, uno strumento per il suo piacere e una cosa da controllare per la sua fica avida. Ha deciso se potevo trarre il respiro stesso della vita.

Mentre ansimavo per respirare, è venuta e mi ha tagliato il petto a nastri insanguinati con i suoi artigli affilati, una tigre che trova vette di passione e lussuria mentre la capra picchettata rabbrividisce nel dolore terminale. Ha raggiunto l'orgasmo non solo per l'attrito, ma anche per il brivido del mio servizio forzato.

"Vedi come mi hai fatto piacere." mi sussurrò all'orecchio: "Ora ti presterò un po' di attenzione".

Ho sentito la sua mano prendere il mio cazzo teso. Con un movimento lento tirò giù esponendo la punta delicata alle attenzioni dell'altra mano.

“Devo decidere. Imparerai a conoscere la mia attività dall'interno, come stagista, o ti mostrerò il mio hobby dall'esterno come visitatore privilegiato? Vediamo come reagisci al mio tenero amore.»

Ho provato a resistere, l'ho fatto davvero, ma il ritmo insistente delle sue mani ha spazzato via ogni pensiero di resistenza dalla mia testa. Per un attimo si fermò, io aspettai, quasi incapace di respirare per la tensione sessuale.

Quando le mani tornarono al loro lavoro, potevo sentire che aveva girato i suoi anelli e ora i diamanti graffiavano e graffiavano la mia tenera carne.

Il piacere era bilanciato dal dolore, la sensualità dal disagio.

"Va meglio, mia piccola puttana del cazzo?" L'ho sentita ridacchiare mentre lottavo per liberarmi da questo desiderio, da questo bisogno di piacere mentre mi spingevo tra le sue mani, i miei fianchi che tradivano il mio bisogno di venire ad ogni costo.

"Penso che tu sia adatto per essere addestrato, mia cara."

Sono state quelle parole a trovare un profondo recesso della mia coscienza? L'emozione di dare tutto a questa spaventosa donna e cadere in suo potere? Fui sopraffatto da un'ondata di stimoli e con una spinta del mio corpo incatenato entrai nelle sue mani. Mai prima d'ora ero stato così in alto, mai prima d'ora avevo tanto bisogno di essere controllato.

"Presto saremo lì."

Ho sentito la radice del dildo ritirarsi tra le mie labbra per lasciarmi senza fiato in un trauma post orgasmico. Un dito entrò nella mia bocca e si mosse sui miei denti con un movimento casuale. L'altra mano giocava ancora con la mia erezione che svaniva, prendendomi a coppa e riportandomi verso il bisogno e l'eccitazione sessuale.

"Signorina, per favore lasciami essere tuo." dissi, quasi involontariamente.

"Vedi!" lei rispose: “Hai solo bisogno di un addestramento adeguato e sarai pronto per essere preso. Non dovrei essere io a fare quella presa? Non sarebbe meglio lasciar perdere questa vita complicata e servirmi? Lascia che sia io a prendere e darai il massimo. Così semplice, devi solo arrenderti, sarei così felice di averti come mio.

La signorina Clearmont aveva portato ancora una volta sull'attenti il ​​mio membro ferito. Piacere con dolore.

“Se sei mio, ti contorcerai dal dolore e salterai dal piacere. Servirai chi comando e diventerai il mio bene. Alla fine pregherai di eseguire i miei ordini.

La terza volta è stata la migliore e la peggiore. Venni con un piagnucolio di dolore mentre diedi l'ultima volta alle sue mani indagatrici. Nel buio della maschera la sua voce mi guidava mentre le sue dita esploravano e penetravano. Le mie labbra desideravano baciarla e la mia lingua assaporarla, ma il servizio era al suo comando, non mio. A quell'ondata finale di felicità sessuale mi sono dato a lei e ho sentito il sollievo quando ha accettato la mia promessa.




Fine. L'inizio.
-------------------------------------

Questo mi porta alla fine della storia del mio unico incontro con quell'affascinante medusa, la signorina Irene Clearmont. Ma è solo l'inizio della mia remota servitù nei suoi confronti.

Sto lavorando per essere perfetto nella speranza che lei se ne accorga e riceva qualche piccola parola della mia buona condotta, ma sono al di sotto della sua attenzione. So che ora che la mia formazione è completa nel suo istituto di soggiogazione, sarò venduta.

I soldi che le guadagno le compreranno una pelliccia o un anello di diamanti, una piccola cosa che le dà un momento di piacere, ma lei mi avrà dimenticato da tempo mentre vado al miglior offerente, verso la schiavitù perpetua.

Mi pento di quel difetto nel mio carattere? Quel difetto che mi ha fatto gettare la vita al vento? No, valeva il piacere profondo della capitolazione perché non importa chi mi compra e mi usa io sono sua per sempre.





-------------------------------------------------- --------------------------------------------
Fine.

Copyright Miss Irene Clearmont 2011 (ottobre)

Altri scritti sul WWW di Miss Irene Clearmont possono essere trovati su:
http://www.missireneclearmont.com

contattami a:
[email protected]
La maggior parte delle e-mail riceve una risposta.

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

733 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.