Sarah, cosa hai fatto con il mais?

1KReport
Sarah, cosa hai fatto con il mais?

Questo è un primo tentativo, quindi qualsiasi critica costruttiva è più che benvenuta, anche qualsiasi lode sarebbe gradita.
Se qualcuno ha idee per nuove storie, sentiti libero di lasciare le tue idee. Ho alcune idee che potrebbero utilizzare gli stessi personaggi nella sua storia. Godere.


Sarah e Matthew Jones vivevano in una piccola villetta a schiera da qualche parte in una piccola città nel sud dell'Inghilterra, vivevano con la loro madre Elizabeth, ma lei non c'era mai. Aveva raggiunto una posizione elevata nella sua azienda e il suo lavoro significava che viaggiava molto tempo. Questo è stato un peccato ma necessario e almeno questo le ha permesso di pagare il mutuo e le bollette. Elizabeth ricordava sempre come aveva ottenuto il lavoro e non era mai lontano dalla sua mente!

Grazie al suo lavoro, i suoi figli gestivano la casa ma si comportavano sempre bene e non c'erano mai problemi. In effetti, nonostante alcuni discorsi dei suoi vicini, ogni critica è stata rapidamente dissipata quando non c'erano segni di guai o feste sfrenate o altri incidenti associati a due adolescenti soli in una casa. In effetti, non c'erano altro che elogi per Sarah e Matthew poiché erano più che utili nel prendersi cura di alcuni anziani quando avevano bisogno di assistenza. Anche il fatto che Sarah avesse 17 anni e suo fratello Matthew ne avesse 15 ha aiutato, poiché erano ritenuti responsabili e dovevano essere trattati come adulti, specialmente Sarah.

Elizabeth aveva perso il marito cinque anni fa a causa di una lunga e tortuosa malattia, da cui non sembrava mai riprendersi. Non c'erano mai stati nuovi fidanzati e lei sembrava dedicare tutte le sue energie al lavoro. Quindi, senza un padre naturale o un nuovo partner che si prendesse cura dei suoi due figli, questo era l'accordo e sebbene non fosse il tipico accordo familiare, ha funzionato bene per Elizabeth, Sarah e Matthew.

Sarah era ancora a scuola dopo aver terminato gli esami e frequentava l'istruzione superiore. Era intelligente, carina e popolare con tutti. Alcuni pensavano che fosse un po' troppo popolare. Aveva anche un po' di astuzia, sapeva che se ci fosse stato qualche tipo di incidente in casa mentre sua madre era via, avrebbe potuto porre fine al piccolo accordo che avevano. Pur amando sua madre, godeva dell'indipendenza che le era stata concessa. È stata una sua idea assicurarsi che mantenessero buoni rapporti con i suoi vicini, poiché avrebbero lasciato lei e Matthew soli ai loro dispositivi.

Aveva ereditato la figura di sua madre, avrebbe potuto essere la gemella di sua madre. A 5'6 con i capelli castani lunghi fino alle spalle, il suo viso era carino ma tutta l'attenzione era rivolta ai suoi bellissimi occhi azzurri, che tutti avevano notato. A nessuno poteva mancare il modo in cui il suo corpo era cambiato di recente, sviluppando modi più femminili. Era diventata più formosa nei posti giusti e aveva sicuramente sviluppato un bel seno che era stato sicuramente notato. Sapeva di poter attirare l'attenzione dei ragazzi, ma ha scelto di attenuarla, poteva sempre scegliere quando mostrare davvero ciò che aveva. Nella sua mente sapeva di avere il controllo e avrebbe lasciato che le altre ragazze si mettessero in mostra se lo avessero voluto.

Matthew aveva 15 anni e mancava un anno agli esami finali. Andava bene ma non abbastanza per farsi notare, certo avrebbe fatto abbastanza per superare gli esami. Era tranquillo, un po' timido e si teneva praticamente per sé. Aveva alcuni amici, ma troppo pochi per essere definito popolare. Non mostrava molto interesse per le ragazze a scuola ei suoi compagni di classe, in privato, avevano l'impressione che fosse o gay o vergine. Non gli importava davvero di quello che pensavano.

Matthew negli ultimi due anni si era sviluppato normalmente, come qualsiasi adolescente, non lo sapeva ma somigliava sempre di più a suo padre giorno dopo giorno. Avvicinandosi a quasi 6'0, con molto esercizio e sport era magro e in salute. Sicuramente un tratto di suo padre. Ovviamente aveva avuto i normali folli cambiamenti ormonali, ma li aveva superati con l'aiuto di sua sorella, lei si era comportata come una madre surrogata e questo legame significava che Matthew e sua sorella ora erano più vicini di quanto non fossero mai stati.

Sebbene sua sorella fosse la più responsabile, lui era abbastanza intelligente da ascoltare e prestare attenzione a ciò che diceva. Sapevano che tutto sarebbe stato meglio se fossero stati lasciati soli a se stessi.

Per quanto riguardava la scuola, sia Sarah che Matthew stavano andando bene e mentre la scuola sapeva della situazione, non c'era certamente motivo di preoccuparsene.

I giorni di scuola erano praticamente normali. Svegliarsi, prepararsi, fare colazione, andare a scuola, rientrare a casa quando la scuola è finita, prendere il tè e guardare la televisione o qualche altra attività per passare il tempo la sera. Oggi sarebbe molto diverso.

Matthew e Sarah erano seduti al tavolo a fare colazione.

"Tornerò più tardi stanotte, quindi non preoccuparti. Prepara da solo il tuo cibo e lascia qualcosa per me" disse Sarah.

"OK, potrei essere in ritardo anch'io, il mio amico vuole parlarmi di qualcosa ma ha detto che doveva essere dopo la scuola" rispose Matthew.

Detto questo Sarah si alzò, baciò suo fratello sulla guancia e andò a uscire. Matthew se ne andò poco dopo incuriosito dal suo amico e dal suo strano comportamento.

Nel cortile della scuola tre ragazzi hanno trovato un posto tranquillo per parlare, volevano un po' di privacy. I tre erano amici. John, Luke e Terry erano tutti nella classe di Matthew e ovviamente avevano programmi per quella sera. John era il capo mentre gli altri due si comportavano più come pecore. John era maturato fisicamente e mentalmente molto velocemente, mentre i suoi due amici meno, a volte si comportavano ancora come bambini.

"Non abbiamo molto tempo, quindi facciamo in fretta. Io ho trenta sterline, Luke tu ne hai trenta e Terry ne hai trenta. Sono novanta sterline in totale più dieci in più fanno cento. incontriamoci qui alle 16:00 e prendilo da lì. Non preoccuparti a cosa servono le dieci sterline, lo vedrai più tardi. Dovremmo divertirci un po' più tardi." John parlò con forza non permettendo a nessuno degli altri due di parlare. Aveva la scuola da affrontare, un po' di shopping e poi la ricreazione.

Le quattro arrivavano troppo lentamente, il tempo a scuola si trascinava e quando finì i tre ragazzi non vedevano l'ora di uscire da lì. Luke e Terry si sono recati al punto d'incontro alle 15.50 e hanno aspettato John che si è presentato una ventina di minuti dopo con una borsa della spesa. Avevano provato a chiedere cosa c'era lì dentro, ma gli era stato semplicemente detto di aspettare e vedere.

“OK, andiamo a incontrarla” ordinò John e fece strada.

Matthew finì la scuola e aspettò fuori il suo amico David. Finalmente avrebbe scoperto cosa stava succedendo. Non appena ha visto David, le domande gli sono uscite di bocca. David lo calmò e lo riempì di ciò che sapeva.

“Ascolta e non fare domande, posso solo dirti quello che so. Tutto quello che so è che a scuola si è parlato molto di te, tutti pensano che tu sia gay o vergine». David era rosso in faccia per questo e si sentiva imbarazzato per il suo amico, ma ha continuato: “Mi è stato detto di dirti di incontrare qualcuno fuori dai cancelli della scuola alle 5.30, ti troveranno. Apparentemente questo è a tuo vantaggio. Mi dispiace, è tutto quello che so.

David ha fatto rapidamente una mossa poiché questa era una situazione imbarazzante per lui e avrebbe risolto tutto il giorno successivo. Matthew era perplesso e preso alla sprovvista, non ne era troppo sicuro ma si sentiva abbastanza incuriosito da affrontare qualunque cosa fosse.

Sarah aveva finito la scuola e ora doveva incontrare alcune persone della scuola, le era stato promesso un periodo proficuo e divertente. Aveva un'idea di cosa fosse ed era più che felice di vedere come andavano le cose. Dopotutto non aveva reputazione a scuola o nella zona, ma la gente non ne conosceva la metà.

C'era un parco a un paio di minuti dalla scuola e lì aveva organizzato un incontro con qualcuno della scuola. Non sapeva chi fosse perché la nota era anonima, sembrava un'avventura e pericolosa ma sapeva cosa stava facendo, aveva sempre la fiducia necessaria per prendersi cura di se stessa e il cervello per sapere quando le cose erano andate troppo oltre. Ha proceduto ad andare al parco e quando è entrata, ha potuto vedere solo tre scolari seduti su una panchina. Mentre uno era fiducioso e attento alla ricerca di qualcuno, gli altri due erano nervosi e nervosi. Sapeva di aver scoperto chi aveva inviato il messaggio.

Si avvicinò ai tre ragazzi, si alzarono e non poterono fare a meno di ammirare questa figura davanti a loro, avevano sicuramente fatto la scelta giusta.

“Immagino che tu sia quello che mi ha inviato la nota? Volete dirmi i vostri nomi o volete rimanere anonimi? Ti riconosco dall'anno di mio fratello, vero? chiese Sarah con forza.

John si fece avanti e si presentò: "Sono John e hai ragione, siamo nell'anno di tuo fratello, e ovviamente abbiamo inviato la nota". Quando John ha visto che gli altri due si stavano comportando in modo timido, ha capito che avrebbe dovuto prendere il comando, “questo è Luke e questo è Terry. Ci mettiamo al lavoro?

John era infastidito dalle reazioni dei suoi due amici e ha deciso di prendere il controllo della situazione. “Sai perché sei qui, vero? Non era esplicito nel biglietto, ma potevi leggere tra le righe e sicuramente conosci mio fratello. Mi ha raccontato tutto di te, è andato tutto bene.

Sarah si limitò ad annuire e commentò solo per dire che conosceva molto bene suo fratello. Poteva vedere che era stato un grande passo per John aver preso il controllo di questa situazione e lasciargli prendere l'iniziativa, dopotutto poteva riprenderselo in qualsiasi momento.

John ha continuato: “Conosco la tua reputazione, ma il modo in cui la scuola non lo sa è un miracolo. Abbiamo i soldi, il tempo e il luogo, andiamo? Oh, e comunque stiamo andando a casa di mio fratello, lui è via ma ha detto che potevo usarlo in qualsiasi momento. Penso che tu conosca la strada.

Mentre stavano per andarsene, Terry è andato a dare i soldi a John, ma è stato subito rimproverato "non ora idiota". Sarah ha visto tutto questo ma ha deciso di non fare storie sapendo che questi tre sarebbero stati stucco nelle sue mani.

L'appartamento era a soli cinque minuti di distanza, ovviamente tutto questo era ben pensato. I quattro entrarono e si sedettero in salotto, nessuno parlava, solo un silenzio nervoso. John ha preso il controllo perché ora si sentiva potenziato, dopotutto era nell'appartamento di suo fratello e avevano portato Sarah così lontano, stava andando tutto molto bene. Un po' troppo bene forse.

"Credo che abbiamo concordato novanta sterline per l'ora e altre dieci per alcuni extra?" John cercò nervosamente una risposta da Sarah.

"Giusto. Prima beviamo qualcosa e poi possiamo cominciare? Se ricordo bene tuo fratello aveva una buona scorta di bevande” rispose Sarah con sicurezza. Dopo che la spavalderia di John ha vacillato, sembrava che avrebbe dovuto prendere il comando.

Trovarono del whisky e altri liquori e bevvero un po', questo mise a proprio agio i tre ragazzi soprattutto Luke e Terry i cui nervi sembravano scomparsi. Sarah ne era contenta perché voleva che le fossero utili e non solo un sacco di nervi. Dopo i drink, Sarah annunciò che sarebbe andata in camera da letto e le avrebbe concesso un paio di minuti, poi l'avrebbero raggiunta. Lasciò la stanza e andò in camera da letto, ma girò rapidamente la testa e disse "So che hai i soldi, puoi contarli e lasciarli da parte per favore?" Hanno contato i soldi, li hanno lasciati da parte. Quando vide questo, sorrise e disse loro che erano le cinque meno cinque adesso e di entrare in camera da letto alle cinque. Il loro tempo sarebbe iniziato allora. Ha aggiunto di portare la borsa con loro.

Sarah aveva deciso che se li avesse aspettati abbastanza a lungo, non sarebbe successo niente, quindi era meglio iniziare il procedimento. Facendoli aspettare lei poteva iniziare a prendere il controllo della situazione, pensavano di approfittarsi di lei ma in realtà era il contrario, semplicemente non lo sapevano.

Sarah era a suo agio con questo, era stata in questo appartamento molte volte, aveva tre giovani scolari nell'altra stanza che aspettavano di "approfittarsi di lei". Dal loro aspetto non pensava che sarebbero durati un'ora, soprattutto i due più deboli, quindi doveva sfruttare al meglio quello che avevano.

Ora era l'ora dello spettacolo, aveva un pubblico pagante e voleva assicurarsi che ricevessero la loro soddisfazione e la sua. Se avesse aspettato che la spogliassero, l'ora sarebbe passata e tutti sarebbero rimasti delusi. Inoltre, non voleva nemmeno avere freddo, quindi è stato allora che ha preso in mano la situazione.

Aveva un paio di minuti per aspettarli, si spogliò velocemente fino alle mutande e al reggiseno. Si slacciò il reggiseno e se lo tolse, liberando i suoi grandi seni. I suoi capezzoli avevano cominciato a indurirsi al pensiero di quello che sarebbe successo. Li strofinò rapidamente per eccitarli in modo che si mettessero sull'attenti. Poi si tolse le mutandine esponendo la sua figa, come sorpresa aveva rasato una piccola freccia che puntava verso il basso. Almeno ora sapevano dove andare. Le labbra della sua figa avevano cominciato a inumidirsi, dopo che tutte le stronzate erano finite e finalmente ci sarebbe stata un po' di azione.

Si sdraiò sul letto toccandosi cominciando dai suoi seni, afferrandoli dolcemente, e poi spostandosi sui suoi capezzoli, massaggiandoli lentamente, andando più veloce, poi lentamente e pizzicandoli per eccitarli.

Che fosse davvero lei, era solo naturale quando la sua mano si mosse lentamente verso la sua figa. Il suo dito si mosse intorno alla freccia e la seguì fino al suo clitoride. Ci giocò un po' prima di scendere sulle labbra della sua figa, ora erano più che umide, un dito entrò seguito rapidamente da un altro. Adesso era pronta. La sua mano tornò sulla clitoride, massaggiandosi dolcemente. Lo strofinò un po' più velocemente finché non iniziò ad eccitarsi davvero e sentì dei piccoli spasmi dentro di sé. Un po' più velocemente e i suoi fianchi iniziarono a sgroppare, questo stava migliorando sempre di più.

Aveva perso il controllo dei suoi pensieri, non si rendeva conto di dove fosse e non gliene importava, era su un letto a giocare con il suo clitoride ed era molto eccitata. La sua mano scese sulla sua figa, le sue labbra si aprirono facilmente e due dita entrarono. Si infilò le dita con due dita e poi con tre e poi con quattro, le piaceva la sfida di quanto poteva stare lì dentro.

Aveva perso il controllo così tanto che non si era resa conto che i tre ragazzi erano ora nella stanza, nudi e si stavano masturbando guardando il suo one woman show. Sarah poi raccolse i suoi pensieri, non volendo fermarsi ma sapendo che doveva rallentare un po', chiamò i ragazzi "venite o cosa?"

Non avevano bisogno di un secondo invito, John si era naturalmente diretto verso la sua figa mentre gli altri due erano andati ai lati di Sarah. Nervosamente uno dei ragazzi dapprima iniziò a baciarle e succhiarle il seno, l'altro aveva iniziato a baciare Sarah, ma vedendo cos'altro c'era in offerta scese all'altro seno baciandolo prima e continuando a succhiarle il capezzolo. John aveva trovato rapidamente le labbra della sua figa e aveva iniziato ad allargarle, mettendoci dentro la lingua. Era fradicia e lui poteva assaggiare i suoi succhi dolci. Sarah gli afferrò la testa e se la tirò verso il clitoride, quando lo trovò sentì spasmi ovunque. Quando sentì che tutto andava bene allargò le braccia di lato alla ricerca di due cazzi con cui giocare. Li ha trovati e ha iniziato a masturbarli.

Che spettacolo, c'erano mani, bocche e lingue ovunque. Ogni tanto c'era un gemito o un mormorio finché John non iniziava a cambiare le cose. Ha detto a Luke e Terry di fermarsi un minuto e ha detto a Sarah di mettersi a quattro zampe, cosa che ha fatto. Non sorprende che tutti e tre i ragazzi fossero duri, mentre Sarah era fradicia, i suoi succhi scendevano lungo le sue cosce e giù fino al culo. Con Sarah a quattro zampe, John si è messo dietro e ha iniziato a scoparle la figa fradicia, Luke e Terry all'inizio erano confusi finché Sarah non li ha messi di fronte a lei. Ha iniziato a succhiare uno dei loro cazzi mentre si masturbava l'altro. John era più grosso degli altri due ma lei lo prese facilmente, i muscoli della sua figa si strinsero attorno al suo cazzo mentre lui la scopava per tutto ciò che valeva. Sarah si è alternata tra i due cazzi davanti a lei e ha pensato a che grande inizio è stato fino a quando tutto è andato storto.

Luke e Terry non potevano durare a lungo e lei poteva iniziare a sentire che stavano per esplodere. Uno le è venuto in bocca e lei ha continuato a succhiarlo anche dopo che era venuto. L'altro aveva sborrato quando lo stava masturbando, ora il suo sperma era sulla sua mano. Quando ebbe finito di succhiare un cazzo, si ripulì lo sperma dalla mano e poi ripulì l'altro cazzo davanti a sé con la bocca, facendolo gemere. John non durò a lungo e rapidamente entrò dentro di lei. Quello di cui non si rendeva conto era che il suo dito era scivolato facilmente nel suo culo e lei non si lamentava, ma invece tornava indietro sul suo cazzo in movimento con le sue spinte. Dopo che ebbe finito, prese rapidamente il cazzo di John e lo ripulì con la bocca e la lingua finché non gemette in estasi. I tre ragazzi erano esausti e non potevano andare oltre, guardarono l'orologio e videro che erano solo le 5.25.

“Sapevo che sarebbe successo, fortunatamente ho pensato al futuro. Luke, puoi portare la borsa, per favore. chiese John e quando Luke tornò, John gli tolse la borsa e gli sussurrò qualcosa all'orecchio. Luke lasciò la stanza con uno strano sorriso sul volto.

Luke si è vestito velocemente ed è corso fuori dall'appartamento, ha iniziato a correre verso i cancelli della scuola, doveva incontrare qualcuno lì alle 5.30. Il tempo era contro di lui e non poteva permettersi altre trenta sterline. Nel frattempo David rimase pazientemente fuori dalla scuola chiedendosi cosa stesse succedendo, chiunque avrebbe dovuto incontrare era in ritardo, stava per andarsene quando vide una figura spettinata correre verso di lui. David si fermò e aspettò, riconobbe nella strana figura il suo compagno di classe Luke. David poteva vedere che si era vestito in fretta e c'era un odore malsano intorno a lui. Forse era meglio ignorare il suo aspetto e vedere solo dove questo portava. Luke parlò velocemente, "basta seguirmi e dobbiamo essere veloci, non abbiamo molto tempo". Luke fece strada, correndo il più velocemente possibile verso l'appartamento per vedere cosa si era perso.

Di ritorno all'appartamento le cose si sarebbero fatte più interessanti. Sarah era ancora a quattro zampe e ancora molto bagnata, ma ora le sue mani erano legate alla testiera, era bendata e le sue gambe erano divaricate costringendole la figa e l'ano spalancati. Era scomodo, ma era già stata in quella posizione e la sua esperienza le diceva che poteva portare a cose molto buone. Ci fu un fruscio quando John e Terry aprirono la borsa. Quando hanno visto il contenuto, entrambi hanno fatto grandi sorrisi. Non dovevano esserci dubbi nelle loro menti su cosa sarebbe successo dopo, davanti a loro Sarah era legata e mostrava tutti i suoi beni. Il suo ano e la sua figa stavano solo implorando di essere riempiti. Il contenuto della borsa era disposto davanti a loro sul letto. Sul letto c'era del lubrificante, una carota, un cetriolino, una pannocchia, un cetriolo, una melanzana e una tavoletta di cioccolato. Non c'erano premi per sapere dove stava andando una parte, se non tutto. Sarah non poteva vedere niente di tutto questo e mentre sentiva che stava perdendo un po' di controllo qui, sembrava che le piacesse la sensazione che la eccitava di nuovo.

Non c'era tempo da perdere, avevano solo trenta minuti rimasti. John le toccò lentamente il clitoride muovendosi fino alla sua figa tracciando le labbra aperte fino al suo ano, circondandolo fino a quando improvvisamente mise il suo dito dentro. Il corpo di Sarah aveva goduto del dolce tracciare del suo dito sulle sue parti più intime ma improvvisamente ebbe uno spasmo quando il suo dito era entrato in lei. Quando lo tenne lì dentro, lei spostò indietro l'ano per incontrare le sue piccole spinte. "Sapevo che ti sarebbe piaciuto, non sembrava che ti dispiacesse quando te l'avevo fatto prima", disse John prima di indicare a Terry di passargli il lubrificante. Terry glielo passò e John le tolse rapidamente il dito dall'ano, deludendola. Mise un po' di lubrificante su due dita e premette sul suo ano, lasciandolo lì abbastanza tempo solo per stuzzicarle. Quando sentì le sue dita entrare, si sentivano fredde ed era certa che questa volta ce n'era più di una. Ha quindi iniziato a fotterle il culo con le dita, lei ha risposto gemendo leggermente e spostando il corpo indietro per incontrare i suoi movimenti.

Quando tirò fuori le dita una seconda volta, le sostituì rapidamente con la carota, entrando e uscendo dal suo culo. L'ha lasciato lì e ha messo le dita nella sua figa. Prima due, poi tre, poi quattro e quasi cinque muovendoli dentro e fuori lentamente. Prese il cetriolo e il cetriolino, inserendo prima il cetriolo nella sua figa fradicia. La scopò con il cetriolo velocemente andando più in profondità che poteva, poi guardò il cetriolino. Sarah emetteva dei gemiti sommessi e il suo corpo si riempiva di spasmi ma quando sentì il cetriolo dentro di lei, con la pelle ruvida e le piccole protuberanze che interagivano all'interno della sua vagina, sentì come se volesse urlare e dovette cercare di trattenersi dal farlo. . John ha poi gridato a Terry, che non riusciva a staccare gli occhi da quello che stava succedendo e si è masturbato: "Vieni qui e inizia a fotterle il culo con la carota". Era lì in un lampo e presto Sarah veniva penetrata nel suo culo e nella sua figa e lo adorava. Ha preso nota che John avrebbe dovuto ottenere una sorta di ricompensa, poiché sembrava avere un talento per la perversione. Potrebbe averlo imparato da suo fratello.

Terry ha continuato a fotterle il culo con la carota ed è diventato così audace da schiaffeggiarle il culo un paio di volte, quando non c'era resistenza ha continuato a schiaffeggiarle il culo finché non ha iniziato a diventare rosso. John tirò fuori il cetriolino, con disappunto di Sarah, e lo sostituì con le pannocchie. Questo era un po' più grande e ci è voluto un po' più di tempo per inserirlo il più profondamente possibile, invece di scoparla dentro e fuori, l'ha tenuto dov'era e l'ha semplicemente ruotato girando e rigirando. Sarah è esplosa dentro, i pezzetti di mais hanno interagito all'interno della sua vagina più del cetriolino e ha sicuramente colpito il suo punto g. Ora aveva difficoltà a respirare, seguirono ondate su ondate di orgasmi, rendendola ancora più bagnata di quanto pensasse possibile. Quanto tempo potrebbe durare? Quanto ancora poteva sopportare?

John diede un'occhiata all'orologio e vide che erano le 5.45, tolse la pannocchia, notando che mancava un po' di grano e doveva essere nella sua figa. Sarebbe venuto fuori più tardi, supponeva. Ha poi detto a Terry di smetterla di fotterle il culo ma di lasciare la carota dentro di lei, John poi ha consegnato a Terry la barretta di cioccolato dicendogli "scopala davvero bene con questo, prendi un sacco dei suoi succhi e poi daglielo da mangiare. Quando torno Non ne voglio più, tornerò tra un minuto" Uscì in soggiorno lasciando Terry che si divertiva da matti, scopandosi la figa con una barretta di cioccolato e costringendo Sarah a mangiarsela assicurandosi aveva assaggiato un sacco dei suoi stessi succhi. Non aveva bisogno di essere persuaso. Sarah stava andando fuori di testa, la prima mezz'ora potrebbe essere stata un po' una delusione, ma hanno rimediato e l'hanno pagata! Aveva fatto cose peggiori!

John uscì dalla stanza nudo e vide Luke e Matthew seduti in attesa di qualche segno. David non era sicuro di cosa pensare, aveva incontrato Luke nello stato in cui si trovava, ora un altro compagno di classe John era seduto nella stessa stanza nudo e odorava di sesso. Adesso capiva quello strano profumo di Luke e sperava che non fosse quello che stava pensando. John è andato dritto al punto: "Matthew, non ho molto tempo per spiegarlo, ma eravamo preoccupati per la reputazione che ti stavi guadagnando. Quindi ti aiuteremo. Nell'altra stanza c'è una giovane donna con chi ci siamo divertiti, lei è legata al letto e bendata, non saprà mai chi sei e tu non devi fare altro che entrare e scoparla dove vuoi, le piace in entrambi i modi quindi non preoccuparti a questo proposito, togli prima la carota. Oh, e non preoccuparti del disordine che potresti vedere sul pavimento, anche se potresti essere curioso riguardo alle verdure. Ora tutto quello che devi fare è scoparla e ringraziarci più tardi."

Quando John ha detto che ci sono state due reazioni, prima di tutto Luke ha iniziato ad arrabbiarsi chiedendosi cosa fosse successo quando lui non era lì, mentre David era più che sollevato quando John aveva detto che c'era una donna lì dentro. Per come stavano andando le cose, si chiedeva se fosse arrivato troppo in profondità. Comunque, qui c'era una scopata gratis e come si dice 'quando a Roma'. John se ne andò per un minuto e tornò in camera da letto, due minuti dopo uscì con Terry che sorrideva da un orecchio all'altro. Questo non piacque a Luke. Terry fece un cenno a Matthew e lo vide spogliarsi nudo, Terry non disse nulla. Terry e Luke andarono in bagno a pulirsi mentre John spiegava un po' di più, "non dirle niente e quando hai finito falla sdraiare a faccia in giù sul letto in modo che non ti veda. Sciogli i nodi a liberale le braccia e vattene. Tornerò più tardi per ripulire il casino, questo è l'appartamento di mio fratello tra l'altro. Ora ci toglieremo di mezzo e ti lasceremo fare, chiudi la porta dietro di te quando te ne vai. Divertiti e assicurati di finire per le sei".

Quando Matthew entrò nella camera da letto, rimase sbalordito dalla sua vista. Sul letto c'erano diverse verdure, un po' di lubrificante, le lenzuola erano dappertutto per non parlare delle gambe aperte, della figa bagnata fradicia e dell'ano spalancato che ora lo fronteggiava. Le guance del culo erano diventate rosse dove Terry aveva perso il controllo e continuava a sculacciare quel sedere indifeso. Con un dito ha messo il dito sull'ano, tracciandolo fino alla figa estremamente bagnata e aperta, toccando le labbra e fottendo un po' con le dita, prima di strofinare il clitoride. Sentì la porta d'ingresso chiudersi e mise la testa dietro l'angolo per vedere se se ne fossero andati, i suoi vestiti erano ancora lì e poteva vedere dei soldi sul lato che erano ovviamente per questa figa spalancata.

"Ciao sorellina, ti sei divertita?"

"Ciao bruv, sono sorpreso di vederti qui ma mentre sei qui finiscimi e fottimi di nuovo. Poi vedremo che giochi possiamo fare stasera"

Matthew non ha avuto bisogno di un altro invito e ha subito messo il suo cazzo nella figa di sua sorella e ha iniziato a scoparla. Ha preso la carota e le ha messo su il culo e l'ha scopata lì il più velocemente possibile. Non è durato a lungo e quando è stato sul punto di esplodere, le ha tolto la carota dal culo e l'ha sostituita con il suo cazzo, andando più in profondità che poteva e venendo subito dopo.

"Solo due domande sorellina, perché c'è del mais nella tua figa e cosa avrebbero fatto con questa melanzana?"

Sua sorella ha risposto rapidamente "portalo a casa con te e vedremo cosa farne dopo".

"Sarah, non lo mangeremo, vero? Non so dove sia stato!"

"Matthew, non pensavo di mangiarlo e comunque pensavo ti piacesse il modo in cui ho cucinato le verdure, con il condimento speciale che uso. Almeno adesso conosci la mia ricetta segreta. Ora slegami e ricorda che dobbiamo mantenere l'atto andando così tu vai prima e io ti incontrerò a casa ".

Matteo si lavò in fretta, si vestì e uscì chiudendosi la porta alle spalle. Ha lasciato sua sorella a pulirsi da sola, ma era sicuro di poterla borbottare sul fottuto mais dolce e su come arriva ovunque.

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

366 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.