Sotto la sua scrivania (Cap3)

3.2KReport
Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da...

Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono

Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma sul tappeto -- mi sento umiliata e completamente alla sua mercé. chiamandolo padrone! Pregandolo di scoparmi!

La mia bussola emotiva gira come una trottola, fuori controllo tra arrapato e inorridito. Il mio stomaco formicola e si agita per la lussuria e l'eccitazione. Mi odio, ma non posso negare quanto lo desidero, quanto sia incredibile cedere il mio corpo a lui. La sua scarpa bella e costosa è appoggiata leggermente sul mio fianco. Faccio scorrere leggermente il dito su di esso pensieroso; il suo poggiapiedi. Non riesco a immaginare cosa significhi per me. Dove sta andando. Ho sempre avuto un piano, ma questo desiderio dentro di me ha cambiato tutto. A cosa porta? Come va a finire?

"Vado a sistemarli. Faccio il caffè e torno tra un po', ok?"

"Ok" gracchio timidamente da sotto la sua scrivania come se fosse tutto perfettamente normale. Fin dal mio primo giorno qui ho avuto queste piccole fitte lussuriose quando mi dice di fare il caffè. Ho cercato questo lavoro perché sono un artista come lui. Voglio dire, sapevo che avrei dovuto pagare i miei debiti prima di diventare qualcosa di simile al suo pari, ma fare il caffè? Una cosa così misogina degli anni '50 da chiedere. Ma niente mi ha preparato a quanto mi avrebbe eccitato quella piccola e insignificante mancanza di rispetto. Voglio dire, i "grandi" ti dicono cose sul sesso, sai? Su come dovrebbe funzionare, e come dovrebbe sentirsi, sul tuo ruolo nell'intera relazione. Ma niente mi ha preparato per questo. Si alza, si abbottona i pantaloni e si dirige verso la porta, e io striscio pensoso fuori quando la sento chiudersi.

Nessuno ti dice come ti senti quando un'umiliazione come questa ti fa arrabbiare. Quando ti fa bagnare quando un uomo ti dice di fare delle cose. E non cose bollenti come togliersi la maglietta, ma cose stupide e banali come fare il caffè o ordinare un obiettivo da 50 mm di ricambio. Nessuno ti parla del "succhiami il cazzo" nascosto all'interno del "fai 5 copie di questa ricevuta". Ieri mi ha fatto tenere in mano un riflettore boom, e stando lì come un C-Stand umano mentre la troia modella bianca di una rivista posava e si pavoneggiava per lui, mi sono quasi fottutamente scremato.

Pensosamente, controllo il cassetto con i miei vestiti. È chiuso. Sarò nudo finché non lo aprirà. Il mio padrone ha preso i miei vestiti. rabbrividisco. Onestamente? Voglio chiedergli di tornare solo per sentirlo ridere sulla mia faccia impotente e macchiata di lacrime. Voglio che eserciti il ​​suo potere su di me. Voglio sentire le parole che userà per mettermi in ginocchio, e sentire il dorso della sua mano quando mi schiaffeggia fino alla sottomissione e mi ordina di rimettermi il cazzo sotto la sua scrivania a cui appartengo. Dio aiutami. Voglio fregarmi subito. Voglio che entri e mi becchi nudo nel suo ufficio, mentre mi masturbo al pensiero che mi vengano negati i vestiti, e poi voglio che mi punisca per questo.

È disgustoso. sono disgustoso. Oh chiudi il becco, cervello.

Nessuno ti dice come ti senti quando ti masturbi per dormire per settimane all'immagine di un uomo come Matt che ti sculaccia, o ti lega e ti stupra il culo mentre piangi e gemiti come una scolaretta. Nessuno ti avverte della lussuria ribollente che ti batterà nello stomaco quando gli consegnerai i tuoi vestiti, o quando strisci fuori da sotto la sua scrivania di mogano dopo essere stato usato, per asciugarti la sborra dalle cosce e preparargli il caffè come me sono adesso. Versarlo amorevolmente nella tazza che so è il suo preferito, e metterlo nel punto vicino alla carta assorbente dove so che di solito lo tiene da solo prima di strisciare obbedientemente al mio posto sulle mani e sulle ginocchia per aspettare il suo prossimo comando. Il mio posto. Questo è il mio posto.

Questo è quello che voglio. Non voglio essere la sua ragazza. Né ho una bassa autostima. Sto fumando caldo e gli uomini mi vogliono. Sono la fottuta madre asiatica di Scarlett Johansson. Ho avuto dei fidanzati e l'ho superato. Sono MEGLIO di così. Di più. Sono un altro tipo di animale. Qualcosa che ogni uomo sogna, ma di cui pochissimi uomini sono degni.

Gesù, cosa c'è che non va in me?! PERCHÉ voglio così tanto queste cose? E che diavolo mi sta letteralmente eccitando riguardo al cliché razzista di essere uno schiavo asiatico di un padrone bianco?! Quella è una fottuta merda nera. Non sono razzista! sono femminista! UNA BUONA femminista. Voglio dire, ho persino twittato merda femminista. Beh, ho retwittato merda femminista...

dice inginocchiandosi obbediente sotto la scrivania del suo padrone bianco

Oh zitto cervello.

La sua porta si apre senza preavviso e lui entra con la chiave. Parlano di lunghezze focali, segni e illuminazione come sempre. "Dov'è Rachel?" chiede la chiave. "Lei è in giro" risponde Matt, sorseggiando il caffè che gli ho lasciato; appoggiato sopra di me sulla sua scrivania con calma. Solo 3/4" di legno tra i suoi fianchi e la mia faccia. Tocco il legno tremante, la sensazione del suo cazzo nella mia gola è ancora fresca nella mia mente. Come può essere così calmo?

Lo vedi? Matt è il tipo di uomo che mi merita. Ascoltalo chiacchierare come se non gliene importasse niente al mondo mentre il suo assistente si inginocchia nudo e trema sotto di lui. Aspettando con angosciante attesa per il suo abuso. Tocco il legno dove poggia il suo fianco. Le mie mani tremano incontrollabilmente. L'ho visto prendere quello che vuole. Mi sono nascosto in passerella, guardandolo scopare supermodelle attraverso un obiettivo da 300 mm. Ora l'ho sentito piegarmi sulla scrivania e scoparmi. Non voglio sposarlo e andare alle fottute riunioni dei suoi figli. Perché dovrei volerlo?

Voglio soffocare nel collare attaccato al guinzaglio che la sua arrogante, fastidiosa, bianca fidanzata strattona con impazienza. Voglio essere umiliato e degradato e usato per il suo piacere. Voglio pulire il suo sperma caldo dalle fiche palpitanti e distrutte delle sue conquiste con la mia lingua e servirlo come lo schiavo del cazzo che è nato per possedere. Posso darglielo e lui può darmi ciò di cui ho bisogno in cambio.

L'impugnatura della chiave se ne va e lo sento frugare in un armadio. Il rumore dei fili che raschiano l'esterno della scrivania. Per un momento il suo braccio lascia cadere una cornetta del telefono sul pavimento davanti a me. È mio. Quello della mia scrivania. Lo spinge verso di me e io lo prendo, trascinandolo sotto la scrivania con me, sbattendo le palpebre per la sorpresa.

"Ordina il pranzo per 20. Forse specialità o qualcos'altro di semplice. Qualcosa di vegetariano per le modelle."

"Ok, um. Insalata di pollo per te?" Io offro. Cazzo, mi terrà nudo sotto la sua scrivania tutto il giorno, è così CALDO.

"Sai cosa voglio Rachel"

Sì. So esattamente cosa vuoi. "um. Sì Matt. Penso di sì."

Il suono degli scarabocchi mentre prende appunti.

"Opaco?"

"Sì?"

"Voglio che tu abbia quello che vuoi."

"Lo so." Non-chalant. Tutto-affari. Come se ogni martedì schiavizzasse una dea asiatica di vent'anni. I suoi passi, diretti verso la porta dello studio

"Voglio dire", si ferma per farmi finire "Voglio che tu lo tenga."

"So di cosa hai bisogno. Stai zitto e ordina il pranzo." la porta si chiude.

Prendo la cornetta e ordino.

45 minuti atrocemente lunghi dopo lascia l'equipaggio per pranzare con me, sedendosi alla sua sedia e salendo a bordo.

"Ecco" comanda, allargando le gambe e battendosi l'interno coscia. Mi stropiccio nel suo cavallo; il mio petto nudo si posa sul bordo della sua sedia di pelle mentre poso la guancia contro il denim della sua coscia interna. Lo sento andare forte contro la mia guancia; il suo enorme strumento facilmente più lungo della mia faccia minuta. Mi nutre a mano, tra i morsi del suo stesso panino; le sue dita indugiano sulle mie labbra. Li bacio e li lecco amorevolmente.

"Come ti chiami?" chiede incuriosito, accartocciando il foglio in cui è arrivato il suo pranzo e gettandolo nel cestino.

"Ehm. Rachel?" Rispondo, non cogliendo il suo significato. Mi afferra i capelli, sollevandomi inaspettatamente sulle sue ginocchia. Sussulto, piantando le mani sul pavimento per stabilizzarmi. Il mio culo scoperto è nel suo grembo adesso, e lo schiaffeggia rumorosamente con la mano. Soffoco un grido di sorpresa per il colpo.

"Come ti chiami?" chiede, e di nuovo non capisco cosa voglia dire. Lui conosce il mio nome.

"Mi chiamo Rachel" SMACK di nuovo mi sculaccia. Più difficile questa volta. Punge intensamente e il mio seno e i miei fianchi si muovono con la sua forza. Non riesco a pensare chiaramente alla sua domanda. Il mio cervello non riesce a superare il fatto che mi stia davvero sculacciando. Mi piega sulle ginocchia come una scolaretta e mi sculaccia nel suo ufficio. Salacious vuole foruncoli nel petto e nel collo. La sua mano tiene rudemente la mia testa in posizione e il mio fianco è bloccato dal bordo della sua scrivania. È così forte. Non potrei scappare se volessi, cosa che non faccio. Questo è ciò che significa essere maneggiati dall'uomo. Da qui è nata quella parola.

"Sei vero nome. Qual è il tuo vero nome?" chiede, impaziente. La sua mano si libra sopra il mio sedere che si sta rapidamente arrossendo, e non so come rispondere. Se lo facessi, non sono sicuro che lo farei, perché voglio che mi colpisca di nuovo. Voglio sentire il suo controllo. Voglio che mi renda la sua puttana.

"Io.. non lo so" rispondo chiudendo gli occhi in attesa. SMACK arriva il colpo, il suo suono echeggia nell'ufficio. Grugnisco vigorosamente, volendo ringraziarlo come una troia, ma resisto. Il mio culo punge violentemente e mi chiedo se può vedere il mio buco del culo. Può fare tutto ciò che vuole. Risate e chiacchiere in studio mentre i modelli e la troupe pranzano. Non hanno idea che vengo sculacciato a 20 piedi di distanza. Ognuno di loro potrebbe entrare in qualsiasi momento.

"IL TUO NOME" chiede, e finalmente mi viene in mente. Vuole che mi chiami. Cagna? fica? Schiavo? Puttana? Cosa sono? Come voglio che mi chiami il mio padrone?

SMACK mi sculaccia di nuovo e di nuovo SMACK. "Uh! grazie maestro" mormoro come una puttana. La mia fica già calda e fradicia inizia a gocciolargli in grembo.

SMACK "ugh grazie"

SMACK "MMM grazie"

SMACK "AH! grazie"

SMACK "CHINK" Mi sento strillare. La conversazione si interrompe all'esterno. Mi hanno sentito.

"Che cosa?" Matt sbatte le palpebre, incredulo. Lo so. Non riesco a crederci nemmeno io.

"Cina". Mi ripeto, arrossendo mentre lo guardo. "Sono la tua fessura"

Annuisce, sembra capire, e mi accarezza dolcemente il culo dolorante. "Questo è il mio buon piccolo spiraglio" tuba, provandolo. "Vuoi uscire e aiutare con le riprese?"

"Sì, per favore, maestro" imploro avidamente.

"Ok" sorride, aprendo la scrivania e aprendo il cassetto con i miei vestiti. "Niente biancheria intima per te oggi però."

Raggiungo il cassetto, recuperando goffamente la mia camicetta e la gonna. La richiude, sollevandomi per i capelli. Sto in piedi, appoggiato alla scrivania tra le sue gambe aperte, di fronte a lui mentre mi infilo e mi abbottono la camicia. Mi tiene gli occhi, ignorando il mio corpo mentre mi vesto e mi crogiolo nella sua attenzione. Non dico niente, ricambiando lo sguardo con le labbra socchiuse. Ho indossato questa camicetta bianca sottile per accentuare il mio reggiseno di pizzo per lui. Senza di essa, a volte i miei seni nudi saranno visibili quando premono contro il tessuto. Lui lo sa, e presumo che voglia che la troupe faccia un po' di spettacolo. Per me va bene. Sono le sue tette adesso. Tutto di me suo. Può mostrarli a chi vuole. Ad ogni modo, non sarà la prima volta che l'equipaggio ha dato una piccola sbirciatina a un bellissimo rack. Lascio i primi tre pulsanti aperti. Se il mio padrone mi vuole troia per il suo equipaggio, dovrebbe essere fatto bene.

"Dovremmo finire alle 9, ma voglio che tu te ne vada alle 4. Vai a casa, prepara una borsa e torna sotto la mia scrivania come una buona fessura per le 8. Vieni a casa con me."

Mi infilo la gonna, "Grazie Maestro". zippare la schiena. Voglio scoparlo. Voglio che usi la mia bocca. Voglio avvolgere la mia lingua intorno al suo cazzo mentre la sua mano si stringe senza pietà intorno al mio collo. Voglio che mi prenda, che prenda tutto ciò che sono. Invece mi solleva la camicetta, baciandomi dolcemente lo stomaco sotto il punto vita. Le mie ginocchia si indeboliscono mentre la sua barba calda arriva fino al mio ombelico piatto. Le sue mani trovano il mio petto, le sue dita articolate si chiudono intorno ai miei capezzoli e stringono forte. Vanno duro per lui, sfregando contro il tessuto in modo squisito. Potrei anche non indossare una maglietta.

"Ok" si alza. "andiamo a lavorare"

Storie simili

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

648 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

581 I più visti

Likes 0

Porta del cane

Porta del cane Immagina la mia sorpresa quando stavo lavando i piatti della colazione e ho guardato oltre per vedere un bambino che strisciava attraverso la porta del mio cane. La porta era per il mio cane Skippy. Era morta un anno prima insieme a mia madre e mio padre in un incidente automobilistico. Skippy all'epoca aveva tredici anni in termini umani e adorava viaggiare in macchina. Ero al college quando accadde. Ora, quasi un anno dopo, mi mancavano ancora tutti. Sembrava che il bambino avesse qualche problema a mettere le ginocchia sopra la tavola in fondo, quindi mi sono inginocchiato...

576 I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

Bacchette magiche, per così dire (Una storia di Harry Potter)

Era tarda notte verso la fine di luglio, mancavano ancora pochi giorni al matrimonio di Bill e Fleur. L'intera Tana era tranquilla, quasi. All'interno della soffitta, un Incantesimo Silenziante sulla stanza, se qualcuno fosse nella stanza avrebbe sentito i piccoli gemiti e i forti schiocchi dell'ansioso mago diciassettenne Ron Weasley che leccava, succhiava e leccava la solitamente modesta Hermione Granger. Lei gemeva e piagnucolava, i suoi fianchi si agitavano e si agitavano come un cavallo selvaggio impazzito. Era iniziato in modo abbastanza innocente, Ron scivolava silenziosamente fuori dalla sua stanza e Hermione si materializzava dalla stanza che condivideva con Ginny. Si...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.