The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

577Report
The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

ATTO PRIMO: INTRODUZIONE



Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza.

"Ricorda, Ciri," disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, "devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà."

Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due girarono la testa verso il suono, le loro mani cercarono istintivamente le loro armi.

In un momento di panico, Ciri si ritrovò senza armi e si appoggiò con la schiena contro un robusto albero. Il ringhio si fece più forte, riempiendole le orecchie di un'intensità primordiale. Con un passo falso, ha perso l'equilibrio ed è caduta lungo una piccola pendenza, scontrandosi con il viso contro una roccia affilata.

Il sangue colava dalla guancia di Ciri, uno squarcio profondo segnava la sua pelle chiara. Il dolore divampò in lei, ma ricacciò indietro le lacrime, rifiutandosi di lasciare che la paura la sopraffacesse.

Come per destino, sul sentiero apparve una figura vestita. La figura si avvicinò con cautela, il cappuccio le nascondeva i lineamenti. Con un tocco gentile, tirò indietro il cappuccio, rivelando un bel viso incorniciato da capelli castani ricci cosparsi di lentiggini.

"Non ho potuto fare a meno di notare la tua caduta", disse la donna con voce rassicurante. "Il mio nome è Triss e sono diretto a Kaer Morhen. Posso offrirti aiuto e accompagnarti nel tuo viaggio."

Ciri guardò Triss con circospezione, la sua cautela era ancora persistente. Eppure, qualcosa nel comportamento della donna sembrava genuino e degno di fiducia. Ciri esitò ma alla fine annuì, accettando l'offerta di aiuto di Triss.

La voce di Triss trasportava un dolce incanto mentre invocava la sua magia curativa, le sue mani brillavano di una luce calda. Con attenta precisione, chiuse la ferita sulla guancia di Ciri, senza lasciare traccia del profondo squarcio dietro.

Proprio mentre Triss finiva di curare Ciri, Geralt emerse dalla foresta, portando un grosso cinghiale in spalla. I suoi occhi incontrarono quelli di Triss e tra loro passò un lampo di riconoscimento: una storia d'amore a lungo dimenticata che si riaccendeva per un breve momento.

Geralt si avvicinò a Ciri e Triss, con la preoccupazione impressa sul volto rude. "Ciri, stai bene? Cos'è successo?"

Ciri sorrise, il dolore ora si era calmato. "Ho inciampato, ma Triss mi ha aiutato. È in viaggio per Kaer Morhen, come noi."

Geralt guardò Triss, i suoi occhi tradivano un misto di sorpresa e curiosità. "È così? Sarà bello riaverti, Triss."

"Aspetta, la conosci", disse Ciri scioccata, "Pensavo che Whichers tenesse Kate Morhen segreta agli estranei?"

Gerald sorrise a Ciri: "Triss ha aiutato Whitchers in passato a guarire e ho pensato che potesse aiutarti a imparare come affinare bene i tuoi poteri di preveggenza".

Con la tensione momentaneamente allentata, i tre viaggiatori continuarono il loro viaggio, Ciri camminando accanto a Geralt e Triss. La conversazione scorreva senza sforzo, i racconti delle avventure passate si fondevano con i piani pieni di speranza per il futuro.

Mentre la giornata volgeva al termine, raggiunsero la loro destinazione: un castello annidato tra le imponenti montagne di Kaer Morhen. Quella vista familiare portò in Geralt un misto di nostalgia e attesa, ricordandogli i legami che lo legavano ai suoi fratelli Witcher.

La sera scese su di loro e un abbondante banchetto li attendeva nella grande sala del castello. Intorno al tavolo si sono riuniti otto Witcher e la loro presenza è un confortante promemoria dei legami forgiati attraverso prove ed esperienze condivise. Ciri e Triss sedevano tra loro, accolte in questa famiglia unica.

All'inizio della festa, il vino scorreva e le risate riempivano l'aria. Lo sguardo di Geralt vagò su Triss. La sua bellezza era accattivante. Dietro il suo cappotto viola reale, i suoi capelli ricci castano chiaro le incorniciavano il viso. I suoi occhi castani erano pozze misteriose che mostravano la saggezza della sua anima. Come i Whitchers, i maghi vissero per centinaia di anni ma lei non sembrava più vecchia di 30 anni. Il suo mantello fluente si aprì per rivelare la sua struttura sinuosa progettata per il desiderio illecito e usata per controllare generazioni di re dalla mente debole. Una volta Triss aveva salvato Geralt e in cambio avevano condiviso un abbraccio appassionato di cui lui non aveva più avuto esperienza. Si chiese se il suo corpo potesse ancora resistere al potere grezzo e selvaggio di un lussurioso Witcher.

Le bevande scorrevano liberamente durante la festa e le celebrazioni diventarono presto rumorose e vanagloriose. Lambert, un Witcher, alzò il boccale ed esultò: "Per nostra fortuna, le nostre donne sono raddoppiate e la nostra Ale è stata spillata!" Gli uomini hanno applaudito l'arrivo di Triss e hanno guardato la giovane e bella Ciri che ha dimostrato di avere la volontà di apprendere le vie dei Witcher attraverso un addestramento senza fine.

Coen e Lambert avevano mostrato un interesse particolare per Ciri nelle ultime settimane. All'inizio pensavano che fosse solo una principessa viziata e non avevano riserve nel dirglielo. Ma c'era qualcosa di speciale in lei, oltre ad essere semplicemente la protetta di Geralt, era ribelle e volitiva. Mentre la provocavano affinché si allenasse più duramente, lei lo fece nonostante il dolore che le fu inflitto. Entrambi hanno visto questa giovane ragazza affrontare le prove di Witcher, anche senza i loro poteri mutanti di forza e guarigione. Era diversa dalle altre ragazze e suscitava il loro interesse e curiosità. Amavano il fatto che desiderasse essere accettata e sapevano che era uno strumento che potevano usare per influenzarla.

Lambert osservò la giovane e bella donna bere il loro idromele e ballare tra gli uomini. Tutti i loro occhi seguivano il suo giovane corpo, scivolando sensualmente attraverso la stanza, spensierato. Tra gli uomini che cacciavano i demoni, lei era una boccata d'aria fresca, un premio di innocenza e bellezza che raramente abbelliva queste sale. Sperava di separarla dalla protezione di Geralt, i suoi desideri ammantati di amicizia. Un sorriso malizioso gli attraversò il viso mentre ballava con il suo amico Coen. Aveva un piano per vedere fino a che punto lei si sarebbe spinta per sentirsi accettata.

Quando il sole iniziò a tramontare, proiettando una calda tonalità dorata sui terreni del castello di Kaer Morhen, gli istinti paterni di Geralt presero il sopravvento. Guardò l'orizzonte, notando la luce che svaniva, e rivolse la sua attenzione a Ciri.

"Ciri," disse con voce gentile ma ferma, "è ora che tu vada a letto. Hai bisogno di riposo."

Gli occhi di Ciri si spalancarono per la delusione. "Ma Geralt, la notte è ancora giovane! Non posso restare sveglio ancora un po'?"

Geralt addolcì la sua espressione, comprendendo il suo desiderio di avventura e compagnia. "Ciri, so che vuoi partecipare ai festeggiamenti, ma abbiamo molto da fare. Devi essere riposato e pronto per l'allenamento di domani."



ATTO SECONDO: IL GIOCO



Con riluttanza, Ciri annuì, sapendo che le parole di Geralt erano sagge. Salutò il soggiorno e si diresse verso la sua stanza, i passi pesanti di desiderio per l'eccitazione che le sarebbe mancata.

Con sorrisi sornioni, Coen e Lambert si scambiarono sguardi d'intesa, poi rivolsero la loro attenzione a Ciri. "Ehi, Ciri!" gridò Coen. "Abbiamo una proposta per te. Che ne dici di una partita a carte? Se sei fortunato ti lascio anche vincere una partita o due"

Ciri alzò un sopracciglio, incuriosita dalla proposta. "Un gioco di carte? Ci sei!" La fiducia aumentò in Ciri poiché aveva un talento per la maggior parte dei giochi di carte. A sua insaputa, il suo potere di lungimiranza, che sembrava sempre intuito, non l'avrebbe aiutata in queste sale incantate.

C'era qualcosa in quegli uomini che faceva battere forte il cuore di Ciri. Il loro carisma e lo scintillio del pericolo nei loro occhi erano irresistibili.

Il primo era un bell'uomo nero calvo di nome Coen, la sua presenza attirava l'attenzione. I suoi occhi gentili, uno color ambra e l'altro di un sorprendente blu, brillavano di un lampo di avventura.

Il secondo Witcher era Lambert, una rossa robusta con riccioli infuocati che gli scendevano sulle spalle. Era muscoloso e intimidatorio, a differenza della maggior parte dei Witcher che non condividevano liberamente le proprie emozioni, era molto più focoso ed era diretto su ciò che gli piaceva e ciò che non gli piaceva. C'era qualcosa di speciale in lui, le sue emozioni crude, che l'attiravano verso di lui. Il suo viso lentigginoso mostrava un fascino malizioso e i suoi penetranti occhi color ambra contenevano un barlume di malizia.

Mentre camminavano verso la sua stanza, Ciri chiese: “Per cosa dovremmo suonare? Altro idromele?»

Le labbra di Lambert si curvarono in un sorriso malizioso. "Ci prenderò dell'altro idromele, non è un premio. Mettiamoci d'accordo che il perdente deve cedere qualcosa... un capo di abbigliamento o una sfida."

Gli occhi di Ciri si spalancarono per la sorpresa, ma un brivido la percorse. La prospettiva di giocare un gioco audace con questi Witcher la allettava. "Va bene, ci sto. Ma attenzione, sono abbastanza abile con le carte."

Coen ridacchiò. "Vedremo a riguardo."

Si diressero verso la stanza di Ciri, dove era allestito un tavolino con un mazzo di carte. Le stanze del vecchio castello erano fatte di pietra e l'aria fredda scorreva attraverso le fessure del muro. La stanza era spoglia, fatta eccezione per un letto di paglia coperto di stoffa e un lampadario illuminato da candele che pendeva sopra di loro. Onestamente, la stanza avrebbe potuto essere una prigione nel castello di Ciri a casa, ma ha sfruttato al meglio l'ospitalità di Geralt. La stanza era immersa nella luce soffusa e tremolante delle candele, creando un'atmosfera intima.

Mentre giocavano, le abilità di Ciri emergevano. La sua strategia era impeccabile e le sue mosse calcolate. Ciri si è ritrovata a vincere alcune mani, la fortuna sembrava favorirla all'inizio, ma sentiva che qualcosa non andava, era quasi come se i suoi poteri di preveggenza fossero bloccati. La stanza era piena di battute e risate giocose mentre Coen e Lambert, i due Witcher, erano impegnati nel gioco. Ciri, nelle prime due mani, è riuscita a convincere gli uomini a togliersi magliette e pantaloni. Non poteva fare a meno di notare i loro fisici impressionanti, i loro corpi segnati dalle battaglie, una testimonianza dei loro anni di addestramento e combattimento. La vista dei loro muscoli increspati e delle loro forme forti la incuriosiva, accendendo dentro di lei un nuovo desiderio.

Ma presto la situazione cambiò. Ad ogni round, la pila di vestiti di Ciri cresceva, rivelando scorci di pelle mentre perdeva mani chiave. Le risate dei Witcher riempirono la stanza, le loro battute scherzose aumentavano la tensione del gioco.

Il tempo passò e Ciri si ritrovò con il suo ultimo indumento mentre si toglieva lentamente il reggiseno. I suoi graziosi seni giovani pendevano come lacrime, pieni ed elastici, implorando di essere toccati. I suoi capezzoli erano rosa ed eretti a causa del freddo della stanza, le punte gonfie attiravano gli occhi degli uomini che salivavano sensualmente ai fari. Cercò di coprirsi ma ogni volta che guardava le carte le sue mani lasciavano scoperti i seni. Un misto di frustrazione e curiosità sgorgò dentro di lei. Ciri riconobbe un altro lato di questi uomini, il loro sguardo lussurioso le diede potere. Non era una ragazzina viziata ai loro occhi, era qualcosa di più e amava il modo in cui la situazione era cambiata mentre loro la desideravano.

Mentre il gioco si avvicinava alla fine, Ciri e i Witcher si ritrovarono con i loro ultimi capi di abbigliamento. L'atmosfera si fece carica di attesa e di sottile tensione. Lo sguardo di Ciri indugiò su Coen e Lambert, la loro pelle parzialmente esposta rivelava scorci della rude attrattiva che si nascondeva sotto.

Coen sorrise maliziosamente a Ciri. "Sembra che la situazione stia diventando intensa, vero?" lo prese in giro, con una luce giocosa nei suoi occhi.

Lambert, i suoi lunghi capelli rossi e ricci che si aggiungevano al suo fascino rude, si unì a lui, la sua voce intrisa di divertimento. "Sembra che la fortuna sia dalla tua parte stasera, Ciri. Ma basterà a tenerti l'ultimo capo di abbigliamento?"

Il cuore di Ciri batteva forte mentre la loro attenzione si rivolgeva a lei. Sentì un misto di eccitazione e apprensione, il calore del momento alimentava i suoi desideri. I suoi occhi incontrarono i loro e tra loro passò una sottile comprensione.

Con un sorrisetto audace, Ciri si sporse in avanti, appoggiando le mani sul tavolo. "Bene, immagino sia ora di scoprirlo," rispose, con una voce piena di un misto di sicurezza e curiosità.

Coen e Lambert si scambiarono uno sguardo, tra loro si stabilì un accordo silenzioso. Sapevano di aver suscitato qualcosa in Ciri, un'attrazione per la loro natura pericolosa e il fascino dell'ignoto. Il gioco era diventato più che semplici carte.

Mentre veniva giocata l'ultima mano, la fortuna di Ciri sembrò scemare e lei perse la partita. Il suo ultimo indumento, le mutandine, un sottile strato di tessuto drappeggiato sulla sua figa proteggendo la sua castità, era ora l'unica cosa che si frapponeva tra lei e la completa vulnerabilità. Un misto di eccitazione e nervosismo le scorreva nelle vene quando si rese conto delle conseguenze del gioco.

Gli occhi di Coen incontrarono quelli di Ciri, un lampo di intensità passò tra loro. "Sembra che sia giunto il momento di riscuotere il tuo debito, Ciri", disse con voce bassa e piena di anticipazione.

Mentre Ciri stava davanti agli uomini, con l'ultimo indumento aggrappato al suo corpo, guardavano con maggiore anticipazione. Le sue dita si agganciarono delicatamente alla cintura delle mutandine, i suoi occhi s'incrociarono nei loro, mentre lentamente cominciava ad abbassare il tessuto, rivelando il tesoro nascosto sotto.

Gli sguardi degli uomini si intensificarono, il loro respiro si fermò in gola, mentre centimetro dopo centimetro, le sue mutandine scivolarono giù, svelando le curve che erano state maliziosamente nascoste. Il tessuto le sfiorava i fianchi, esponendo la liscia distesa della sua pelle, finché alla fine si accumularono ai suoi piedi, lasciandola nuda e vulnerabile.

Erano ipnotizzati dalla vista davanti a loro. Gli intimi segreti di Ciri erano ora svelati e non potevano distogliere lo sguardo dalle delicate pieghe e dai contorni che erano stati svelati. Il suo cespuglio peloso di capelli biondi si divideva al centro dove si incontrava la sua giovane fessura bagnata. La sua eccitazione era evidente con le labbra gonfie che imploravano di essere toccate. Il fascino della sua femminilità li affascinò, suscitando un desiderio primordiale nel loro profondo.

La sua nudità la diceva lunga, mentre stava lì, una visione di sensualità. La sua pelle, morbida e invitante, invitava ad essere accarezzata ed esplorata. Gli occhi dell'uomo tracciarono la curva gentile dei suoi fianchi, il rigonfiamento del suo fondoschiena e l'arco aggraziato della sua vita. Ogni centimetro del suo corpo era un capolavoro, che li invitava a indulgere nei piaceri che l'attendevano. L'atmosfera della stanza sembrava crepitare di desiderio mentre gli occhi degli uomini e delle donne presenti si fissavano sul suo corpo esposto.

Gli occhi di Ciri brillavano di determinazione mentre guardava le carte davanti a lei. Sapeva che la vittoria in quella mano poteva portarle non solo la soddisfazione di vincere ma anche qualcosa di speciale, qualcosa che desiderava.

"Che ne dite voi ragazzi all'ultima mano?" Ciri disse con sicurezza: "Se vinco, allora entrambi accetterete di essere miei schiavi per un giorno!" Lo disse con un sorriso.

"Se vinci," disse Lambert, con una luce giocosa negli occhi, "saremo a tua completa disposizione per due giorni interi! Qualunque cosa desideri, saremo al tuo servizio."

L'interesse di Ciri fu stuzzicato. L'idea che gli uomini soddisfacessero ogni suo capriccio le mandava un brivido nelle vene.

Tuttavia, il suo comportamento giocoso cambiò mentre continuava, la sua voce si abbassò leggermente. "Ma se perdi," fece una pausa per fare effetto, "ho qualcosa di speciale in programma per te. Questa stanza, vedi, era una prigione. Quegli occhielli nel soffitto una volta venivano usati per tenere i prigionieri."

Gli occhi di Ciri si spalancarono con un misto di intrigo e anticipazione. Il pensiero di un'esperienza così emozionante e sottomessa le fece battere il cuore. Lei si avvicinò.

"Se perdi, ti legheremo e ti benderemo", ha detto Lambert, con un luccichio malizioso negli occhi. "Ci cederai completamente il controllo. Ci permetterai di esplorare le profondità dei tuoi desideri per un'ora intera."

Il respiro di Ciri si bloccò mentre immaginava di essere legata e bendata, in balia dei capricci di Lambert e degli altri. Incontrò lo sguardo di Lambert, i suoi occhi pieni di un misto di anticipazione e trepidazione per saperne di più. "Sono d'accordo, facciamolo!" disse, la sua voce intrecciata con una ritrovata audacia. "Sono disposto a cogliere questa possibilità."

Le labbra di Lambert si curvarono in un sorriso malvagio mentre annuiva, una scintilla di eccitazione danzava nei suoi occhi. "Molto bene, allora, Ciri," rispose con voce roca. "Vediamo se la fortuna ti aiuta nel prossimo turno."

Mentre le carte venivano mescolate e distribuite, Ciri avvertì un'ondata di determinazione. Era pronta a cambiare la situazione, riconquistare la fortuna perduta e riprendere il controllo del gioco. Tuttavia, man mano che la mano avanzava, divenne evidente che la fortuna le si era rivoltata contro. Non importa come elaborasse una strategia o sperasse in un miracolo, la vittoria sfuggiva alla sua presa. La consapevolezza arrivò e un misto di delusione e anticipazione riempì il cuore di Ciri. Aveva perso la partita e, con essa, l'opportunità di mantenere la sua libertà.



ATTO TERZO: IL DEBITO

Lo sguardo di Lambert incontrò quello di lei, la sua espressione era un misto di malizia e desiderio. "Bene, Ciri, sembra che la fortuna abbia un piano diverso per te stasera," mormorò, con voce bassa e allettante. "Sei pronto a portare a termine la tua parte della scommessa?"

Il battito di Ciri accelerò mentre annuiva. "Sì, sono pronta", rispose.

Lambert posò le mani sulla curva della sua parte bassa della schiena, questo tocco inviando sensazioni elettriche attraverso il suo corpo. La guidò sotto gli occhielli del soffitto. Alzò lo sguardo, un senso di euforia scorreva nelle vene di Ciri. La storia della stanza come prigione assunse un nuovo significato, l'anticipazione di ciò che sarebbe successo le fece venire i brividi lungo la schiena.

Si offrì volentieri, tenendo le mani davanti a sé a Coen. Le corde erano abilmente legate, assicurandola in un modo che permettesse sia conforto che restrizione. Nel frattempo, con precisione esperta, Lambert guidava le corde attraverso gli occhielli del soffitto, con azioni caute ma mirate. Quando la tensione sulle corde aumentava, il corpo di Ciri rispondeva, sollevandosi da terra finché le sue dita dei piedi sfioravano appena il pavimento. Provò un inebriante senso di vulnerabilità, sospesa nell'aria, con la sua figura nuda completamente esposta. La sua pelle elastica come il latte brillava alla luce delle candele mentre le ombre delle candele danzanti accentuavano le sue adorabili curve.

Gli occhi affamati di Lambert la fissarono: "Ciri, sei bella oltre misura. Voglio assaporare le tue labbra e accarezzare la tua pelle. Sei inebriante e voglio assaporare ogni momento con te."

Mentre Ciri dondolava dalle corde, il suo cuore batteva forte con un misto di nervosismo ed eccitazione, il suo respiro era affannoso. Il brivido del suo stato controllato acuì i suoi sensi. La voce di Ciri sfuggì alle sue labbra con un tono dolce e implorante. "Mi sento così vulnerabile, Lambert," mormorò, con una voce seducente. "Il mio corpo desidera essere toccato. Mi arrendo completamente a te."

Quando Lambert si avvicinò a lei, le sue dita sfiorarono leggermente la sua pelle esposta, dal collo alla spalla e al bordo esterno arrotondato dei suoi meravigliosi seni, lasciando tracce di calore nella loro scia. "Quasi mio caro." Lui solleva la benda con un sorriso e le copre gli occhi.

La benda nascondeva il mondo, lasciandole solo con la sua immaginazione e il tocco delle mani di Lambert. Poteva sentire la sua presenza avvicinarsi, il suo respiro che le scaldava il collo della pelle. La sua lingua le lecca delicatamente il lobo dell'orecchio, e i suoi denti lo sfiorano dolcemente, tirandolo giocosamente prima di lasciarsi andare. Lui lascia una scia di morbidi baci lungo il suo lungo collo impeccabile seguendo la vena giugulare, ogni bacio fa accelerare il battito del suo cuore. La sua bocca si apre, lasciando che i suoi denti sfreghino contro il suo collo vulnerabile come per morderla, ma invece la baciano sensualmente. Poi, lasciando che le loro labbra finalmente si tocchino, lui le morde il labbro inferiore prima di premere le sue labbra sulle sue, le loro bocche si aprono naturalmente lasciando che le loro lingue esplorino le rispettive profondità.

Il suo corpo formicolava per l'attesa mentre il tocco di Lambert la percorreva, una sinfonia di sensazioni che suonavano sulla sua pelle. La benda acuì gli altri suoi sensi, rendendo ogni tocco delle sue dita, ogni bacio, ogni sussurro del suo respiro contro di lei, un'esperienza accattivante.

Man mano che il tocco di Lambert diventava più audace, i gemiti di Ciri si mescolavano al suono delle corde che scricchiolavano. La sua voce in un sussurro basso: “Ciri, il tuo corpo, il tuo spirito, tutto di te è incantevole. Non ne ho mai abbastanza di te." Le sue mani le afferrarono i giovani seni pieni. Il suo pollice scivolò sui suoi capezzoli gonfi e rigidi inviandole onde d'urto di desiderio, suscitando un gemito, implorando di più.

Le sue dita stringevano forte i capezzoli e la torcevano, aumentando la sua eccitazione. La sua lingua calda leccò i suoi capezzoli sensibili, sfrecciando rapidamente da un lato all'altro prima che la sua bocca la consumasse completamente. Il calore della sua bocca, in contrasto con la stanza fredda, fece sì che i suoi gemiti di piacere diventassero sempre più forti. Ad ogni tocco, il corpo di Ciri si inarcava e tremava, arrendendosi al piacere che la avvolgeva.

Il corpo di Ciri pulsava di bisogno, i suoi sensi erano acuiti fino a raggiungere un livello febbrile. Ogni tocco, ogni parola, le mandava brividi lungo la schiena, infiammandola di lussuria. Fu una tortura esasperante e squisita che la lasciò desiderare di più. Sentì la pelle avvampare, un calore delicato accumularsi tra le sue cosce, un dolore delizioso che desiderava essere liberato.

Le sue dita viaggiarono lungo il centro del suo petto, sotto la cassa toracica, sopra l'ombelico, e si fermarono per alcuni secondi sui peli del suo bacino. Le sue dita calde lasciarono una scia di pelle d'oca sulla sua pelle. Il suo palmo ruotava, le sue dita scivolavano tra i capelli ricci del suo sesso, il suo dito medio scivolava lungo la sua fessura umida, separandola lungo la strada. Le sue dita separarono le sue delicate pieghe durante il loro viaggio, intrise di sensualità prima di trovare e tracciare delicatamente l'anello esterno del suo ingresso vaginale.

La sua voce grondava giocosa seduzione mentre si avvicinava, le sue labbra a pochi centimetri dal suo orecchio. "Mia, mia principessa, sembra che tu sia desiderosa quanto me," sussurrò, il suo tono mescolato con un misto di malizia e desiderio, "La tua figa è bagnata di lussuria. Sento il profumo inconfondibile del tuo desiderio. Sei pronto ad arrenderti a noi per la prossima ora come hai concordato?"

La voce di Ciri trema con una punta di nervosismo mentre risponde alla domanda audace di Lambert. "Sì," sussurra, le sue parole intrecciate con un inebriante miscuglio di desiderio e resa. "Sono pronto, richiedi il tuo premio finché puoi." Disse con un sorrisetto giocoso.

Mentre le dita di Lambert premono dentro di lei, sente un calore inebriante e l'umidità delle sue profondità più intime. Può sentire il calore pulsante che avvolge le sue dita, una manifestazione tangibile del suo desiderio e della sua eccitazione. Lievi sussulti e gemiti sfuggono alle sue labbra: "Oh, oh mio Dio, oh, sì." Lui si diverte nel potere che ha sul suo piacere, nel modo in cui il suo corpo risponde ad ogni suo movimento. Con ogni piega delle sue dita, cerca i suoi punti più sensibili, inducendo il piacere a fluire attraverso il suo corpo. Sente i sottili fremiti e gli spasmi che la attraversano.

Con ogni movimento delle sue dita, scava più a fondo, esplorando i contorni delle sue pareti interne, cercando i punti dolci che suscitano sussulti e risposte tremanti da parte sua. Presta molta attenzione ai segnali del suo corpo, regolando la velocità e la pressione del suo tocco per aumentare il suo piacere.

Le sue parole sfuggono in sussurri e gemiti frammentati, appena coerenti ma grondanti di desiderio ed estasi. Lei geme: "Oh dei, sì... non fermarti", esprimendo il suo urgente bisogno del suo tocco, "Lambert, per favore... altro".

La sua voce trema per il peso del desiderio mentre crea una sinfonia di estasi che risuona nella stanza. Le sue gambe, una volta incrociate, ora penzolano apertamente permettendogli sempre più accesso alle sue profondità. Ogni tocco, ogni carezza, le mandavano ondate di piacere che si infrangevano su di lei, e lei si perdeva nella delirante resa dei suoi sensi.

Una nuova presenza si è fatta conoscere. Un timbro ricco e risonante, “Non dimenticarti di me Ciri”. La voce di Coen si unì a quella di Lambert nella stanza buia alle sue spalle. I baci la punteggiavano lungo la nuca fino alla sommità della spina dorsale. Mentre il suo dito percorreva dolcemente la sua schiena tremante, fino alla curva inferiore della schiena e in mezzo alla fessura del sedere. I suoi palmi le afferrarono forte il sedere rotondo, brutalmente, allargandola delicatamente.

"Pronta a passare al livello successivo, Ciri?" La voce di Coen portava un accenno di malizia e anticipazione, alimentando il fuoco che già ardeva dentro di lei.

Il respiro di Ciri si bloccò, la sua voce appena un sussurro mentre rispondeva: "Sì, Coen".

Le dita di Lambert si ritirano dal suo ingresso vaginale, facendo piagnucolare Ciri per lui. Le sue dita, lubrificate dal desiderio, trovano il suo clitoride e iniziano a premerlo e a strofinarlo rapidamente.

Le dita di Coen la penetrano facendola sussultare di soddisfazione. Il tocco di Coen si intreccia con quello di Lambert, le loro mani lavorano in armonia per accendere un fuoco dentro di lei. I loro movimenti erano sincronizzati, Coen spingeva le dita dentro e fuori da lei mentre Lambert la avvicinava al climax con la stimolazione del clitoride.

Il corpo di Ciri rispondeva a ogni loro tocco, il suo desiderio cresceva ogni momento che passava. Lei geme di gioia con il fiato sospeso, "oh sì, il tuo tocco è fantastico! Mi sto bagnando così tanto che adoro come mi fai rabbrividire!"

Con l'umidità che gli gocciola sulle mani, il pollice lubrificato di Coen scivola lungo il suo perineo contro il suo stretto buco del culo increspato. Il respiro di Ciri diventa più superficiale, la paura e la vulnerabilità la consumano mentre può sentire la punta del suo pollice premere contro il suo buco pulsante. Perforando il centro del suo stretto anello anale muscoloso che non può più fermare la sua invasione lubrificata.

Ciri implora: “Coen, ho paura. Non l'ho mai fatto! Ci si sente a disagio.

Con la punta del pollice stretta sul muscolo della vista, le sussurra all'orecchio: “Ciri, rilassati. Lascia che ti mostri quanto può essere piacevole. Hai detto che ti saresti arreso, vero?"

"Mmm" disse, mentre si concentrava sul relax riusciva a trovare il piacere nel dolore e cominciò ad eccitarsi incredibilmente all'idea di farlo. “Va bene, ma c'è una parte di me che è un po' spaventata. Possiamo procedere con calma e assicurarci che mi senta al sicuro e a mio agio?"

"Certamente Ciri", dice mentre le sue dita premono congiunte contro di lei. Lo spesso muscolo dello sfintere si arrende e il suo pollice scivola oltre la sua spessa parete nei suoi interni morbidi e lubrificati che sono lisci e invitanti. Il suo pollice preme contro il muro che separa i suoi buchi, il pollice e le dita si premono insieme, massaggiandola con urgenza.

Nel frattempo, il palmo della mano di Lamber si appoggia, premendo saldamente contro il suo bacino mentre le sue dita continuano a stimolare rapidamente il suo clitoride con movimenti laterali.

Il collasso della sua parete vaginale interna, combinato con le ripetute spinte di Coen, risveglia il suo punto G. Il suo calore aumenta ulteriormente, inizia a sudare e ansimare mentre il suo climax si avvicina al culmine.

Ammette con piacere: "Oh, Coen... non mi sarei mai aspettata che questo fosse così incredibilmente intenso e piacevole. Per favore," supplicò, con la voce intrisa di desiderio, "non fermarti. Ho bisogno di entrambi."

Coen, sentendo di poter oltrepassare i limiti, dice: "Non ci fermeremo, se ci lasci chiamare la nostra troia mentre ti scopiamo!"

Il piacere si irradiava attraverso il suo corpo mentre lui continuava a pompare dentro di lei. Non le importava altro che il suo rilascio, “oh sì, farò qualsiasi cosa, ma non fermarti. Sono la tua fottuta troia! Usami!!”

Le sue parole erano sospese nell'aria, cariche di anticipazione. La vulnerabilità di Ciri era pari solo alla sua impazienza, al suo incrollabile desiderio di esplorare le profondità del piacere con Coen e Lambert. Le corde che la legavano servivano a ricordarle fisicamente la sua resa, amplificando la sua eccitazione e alimentando la sua fame per il loro tocco.

La voce di Lambert, roca e piena di desiderio, rispose alla sua supplica. "Abbiamo appena iniziato, Ciri. Ti useremo da sgualdrina che sei!"

Il corpo di Ciri tremò fino a quando la cresta del suo climax si spezzò mandando ondate di piacere che si increspavano attraverso il suo corpo. "Oh dei, oh cazzo!" Il suo corpo tremava in modo incontrollabile, le corde scricchiolavano mentre lei ondeggiava a mezz'aria mentre continuavano a colpirla. Dei liquidi le rigavano le gambe mentre i suoi fluidi schizzavano via e si rilasciavano sul pavimento. “Oh, Dei... quello era... non riesco nemmeno a trovare le parole. Sembrava che tutto il mio essere fosse consumato dal piacere. Non ho mai provato niente del genere prima.”

Mentre la tensione elettrizzante nella stanza aumentava, Coen tolse le dita da lei e lentamente allungò la mano verso la cintura. La voce di Coen, un mormorio basso e seducente, ruppe il silenzio. "Sei pronta per qualcosa di più, troia?"



ATTO QUARTO: PIACERE DEL DOLORE

Scendendo dal suo recente massimo, ora era disposta a fare qualsiasi cosa potesse farla sentire così bene. Lei annuì, sì.

Coen tracciò il cuoio liscio della cintura sul sedere nudo di Ciri. Il contatto gentile le mandò un brivido di anticipazione lungo la schiena, facendola inarcare leggermente, invitandola a ulteriori esplorazioni. La sensazione della cintura contro la sua pelle le mandò deliziose ondate di piacere che la attraversavano, acuendo i suoi sensi e risvegliando un desiderio più profondo.

La voce di Coen, un mormorio vellutato, risuonò nella stanza. "Ti piace come ci si sente, Ciri? Il tocco del cuoio contro la tua pelle?"

La risposta di Ciri, un sussurro senza fiato, conteneva un misto di desiderio e resa. "Sì," rispose, la sua voce intrecciata con un misto di anticipazione e desiderio, "sembra... squisito."

Quando la cintura entrò in contatto con la sua pelle, sferrando uno schiaffo morbido e allettante, Ciri emise un gemito che mescolava piacere con un pizzico di sorpresa. Il suono sfuggì alle sue labbra socchiuse, un sussulto delicato che tradiva la miscela di sensazioni che scorrevano attraverso il suo corpo. L'inaspettato pizzicore della cintura contro la sua pelle nuda provocò una scossa di piacere che si irradiò attraverso tutto il suo essere. Fu un momento fugace, una breve esplosione di sensazioni che la fece desiderare di più.

Ancora e ancora, la colpì, sempre più forte. I suoi piagnucolii echeggiarono nella stanza, una testimonianza del piacere che risuonava dentro di lei. L'impatto della cintura risuonò nel suo corpo, innescando una risposta infuocata che le inarcò la schiena e le fece irrigidire i muscoli per l'attesa. La violenza dello schiaffo fu seguita da un'ondata di calore e da un formicolio che risvegliò ogni terminazione nervosa.

Ad ogni impatto, il suo corpo si irrigidiva ed emetteva gemiti e sussulti. I suoi gemiti riempivano l'aria, un coro armonioso di estasi e resa. Ogni respiro che faceva era intriso dell'inebriante profumo del desiderio. Le corde che la legavano servivano a ricordare fisicamente la sua vulnerabilità, aumentando l'intensità dell'esperienza.

Mentre le labbra e la lingua di Lambert operavano abilmente la loro magia sui suoi seni, i gemiti di Ciri diventavano più forti, fuoriuscendo dal profondo di lei. Si contorse e si inarcò contro le corde che la legavano, la tensione e la restrizione non facevano altro che alimentare ulteriormente il suo desiderio. Il sapore dell'estasi indugiava sulle sue labbra.

Mentre la mano di Coen le afferrava saldamente le natiche arrossate, un'ondata di sensazioni percorse il corpo di Ciri. La fitta iniziale di dolore si trasformò rapidamente in una miscela inebriante di piacere e desiderio. L'intensità della sua presa, unita al contrasto del suo tocco contro la sua pelle sensibile, mandò ondate di puro piacere che si irradiavano attraverso il suo essere.

Si dilettava nello squisito paradosso, nel dolore e nel piacere simultanei che il tocco di Coen suscitava. Era una danza di sensazioni, dove i confini del suo piacere si espandevano oltre ciò che aveva mai conosciuto. Nel profondo di questa dicotomia piacere-dolore, Ciri trovò la liberazione, abbracciando i desideri crudi e selvaggi che crescevano dentro di lei.

Coen le abbaiò: “Apri le gambe, troia! Stai per ricevere un regalo. " She did as she was told, she loved being dominated. Coen grasped his thick black cock and rubbed it against her saturated cunt, ensuring he was greased up with her lubrication.

Ciri, feeling his girth between her thighs, moaned with anticipation. “Oh, Coen you’re so big!”

As Coen pressed himself against Ciri's exposed and eager body, the melding of their flesh sent shockwaves of pleasure coursing through her. Her vaginal opening was stretched open. The forceful contact between them heightened her sensations, the unmistakable heat of his arousal against her sensitive skin fueling her desire to new heights.

Their bodies moved in perfect synchronization, a dance of passion and need. The ropes that held Ciri captive allowed for limited mobility, intensifying the sensation of Coen's every touch and thrust. With each deep, penetrating movement, Ciri felt herself losing control, her body surrendering to the intoxicating blend of pleasure and desire that enveloped her. The friction between them ignited a wildfire within, consuming her with an insatiable hunger for more. She moaned as Coen's rhythm became relentless.

Her body molded itself to his, every curve and contour a perfect fit. The powerful thrusts, the meeting of their bodies, sent shockwaves of pleasure radiating outward, spiraling through her core and igniting her every nerve ending. With each movement, they soared higher, their passion reaching crescendo after crescendo until they finally succumbed to the intoxicating release that awaited them.

As the intensity of their passion reached new heights, Lambert joined in, adding another layer of desire and pleasure to the already electrifying connection. He pressed his rod into her cunt as well, the burning sensation of her stretched vaginal opening increased the pleasure she felt, a pleasure of complete fullness. The synchronized movements of all three bodies created a symphony of sensations, a dance of ecstasy that left Ciri breathless.

“Oh gods…both of you are huge!…uh….it feels so good. Fuck. I love being used by you! Oh, yes, yes, I am you slut!” She admitted, knowing that it was true.

She felt the heat of Lambert's body pressing against her, his every thrust driving her closer to the edge of bliss. The sensation of being filled by both Coen and Lambert simultaneously sent waves of euphoria crashing through her, overwhelming her senses and blurring the line between pleasure and ecstasy. Ciri surrendered herself completely to the rhythm of their bodies, each movement pushing her further into a realm of pleasure she had never experienced before.

She reveled in the feeling of being desired by both men, the intensity of their passion fueling her own. The room filled with breathless moans, mingled in the air as they indulged in the depths of their shared desires. Her body became a vessel of pleasure. Every nerve ending came alive, every inch of her skin humming with delight.

As their bodies continued to move with an insatiable hunger, Ciri felt a growing urgency within her. The flames of desire burned hotter and fiercer, driving her toward the edge of release. Ciri's moans grew louder, her breath coming in ragged gasps as her body trembled with anticipation. She yearned for the ultimate release. “You’re going to make me come so hard,” she screamed, feeling the pressure boil over.

The pleasure built, the intensity rising to an almost unbearable level. In a moment of uninhibited surrender, Ciri let go. Her body convulsed with ecstasy, every nerve ending ignited with pleasure as she reached the pinnacle of her desire.



ACT FIVE: WITCHERS

A euphoric wave washed over her, cascading through her body in shuddering waves of bliss. She cried out in rapture, her voice intertwining with the symphony of their shared pleasure. At that moment, an unexpected surge of magical energy coursed through her veins. The power of her Elder Blood awakened, triggering a chain reaction that extended to the two Witchers holding her.

The men stepped back, confused. In an instant, Coen and Lambert felt a jolt of electrifying energy surging through them. Their bodies convulsed as the dormant mutations within them were ignited by the potent magic that emanated from Ciri. The black lines of their enhanced Witcher physiology rippled across their skin, veining their bodies with an otherworldly glow. Their bodies grew in size by ten percent, their muscles became more defined and their skin more pale. The transformation was swift and intense. The blackened eyes of the Witchers intensified, mirroring the depth of the magic that flowed through them. They became more in tune with their mutant nature, their senses heightened to supernatural levels.

Ciri herself was not unaffected by the surge of power. Her transformation took on a celestial quality as if her very essence merged with the magic that engulfed her. She radiated an ethereal light, her body seemingly transcending its mortal limitations.

In their new animalistic forms, they no longer had restraint. Lambert stepped up to Ciri, taking her hanging body and thrusting himself deep into her. His girth and size penetrated her deeper than ever filling her like two men couldn’t. Her legs wrapped around him as his claws dug into her thighs giving him the leverage to mercilessly pound his flesh weapon deep into her depths.

Coen, as well, stepped closer to Ciri. Her ass hung down as she was wrapped around Lambert getting plowed. His claws spread apart her butt cheeks and pressed his massive thick lubricated black cock into her tight asshole. He pushed his fat rigid mushroom tip against her hole, opening up her hips, and stretched her muscles apart.

Her ass burned, and her sphincter never had a chance to fight off his assault. “Oh shit! Oh, gods! You're so fucking big!”

The head of his big cock popped into her asshole, getting to the lubricated soft skin of her anal cocoon, the sensation excites Ciri, pleasure radiating like didn’t know she could feel.

Ciri howls at Coen, pushing him forward, “Ow, yes,

you feel so good! I want to feel you deep inside me, stretching me out.” As requested he pushed deep into her. His thrust punctured deep into her, rapidly, filling her bowels like she had never felt before. The strong anal muscle stretched wide gripping around his flesh tightly, increasing his pleasure. She felt every pulsating vein on his rigid cock, each bump sending beams of ecstasy deep into her soul. Once fully buried, he began an onslaught of long deep thrusts that pushed any remaining air out of her ass. Her butt shook with the violent thrusts he impaled her with. “Ohhhhhh, fuck!” she squealed in delight.

She fought against the rope, as the men thrust into her, needing to take control deep inside. The bindings splintered into the dust of hemp above her as her strength increased with a surge of magic. Her arms wrapped around Lambert's neck, her claws digging into his skin, her head resting on his shoulder as she savors their pleasurable assault.

As they continued to thrust, the physical pleasure intensified with each movement, sending waves of ecstasy radiating from the point of contact. The friction, the rhythm, and the intensity of their lovemaking brought her to the edge of bliss. Her body responded eagerly, arching, moaning, and surrendering to the overwhelming pleasure. She lost herself in the moment, the sensations consuming her entirely.

As the intensity of their passion reached its peak, Ciri became aware of a continued transformation occurring within Coen and Lambert. Their bodies seemed to expand, muscles bulging with incredible power. Ciri could feel the sheer power radiating from them, as their movements became even more vigorous and commanding. With each thrust, the intensity magnified, filling her with a combination of pleasure and a hint of awe. Ciri found herself completely enraptured by their newfound size, the sheer force of their bodies overwhelming.

Ciri screamed, “More... I need more of you both. Fill me, fill your slut, make me yours.”

In a final thrust, Lambert drills his hips deep into Ciri hitting the back wall of her vagina sending a spike of pleasure from her cervix to her mouth.

In a yelp pleasure, she begs, “I want to feel your hot seed in me!”

On her command, the Witcher releases a torrent of hot black magical cum that paints her insides. It shoots, like a spray from a hose, in a non-stop flow of liquids deep into her cervix. Her belly filled with his sticky goo, she could feel her stomach expanding as it fills her, the heat of the liquid setting her soul a blaze in rapture.

Spent, he stares at his conquest. Her ass was still impaled on Coen’s long thick black cock, his hands holding her by her breast. With each of Coen’s thrusts, Lambert watches as her cunt gushes a waterfall of his liquidy black release onto the floor. Coen, lifting her by her breasts and shoving her lithe form hard on his massive rod. Her moans are loud and passionate as she enjoys the pleasure of his girth sliding in and out of her butt.

As Lambert reached the peak of his pleasure, Ciri felt a deep sense of satisfaction. The knowledge that she had been a part of his pleasure, a willing participant of it, made her glow in satisfaction. He finally reaches his climax a few minutes earlier, filling her bowels with a jet of Witcher cum that pushes up her colon into her intestines. His girth locked in his seed in her so the searing heat of his liquids can be felt deep into her abdomen. Spent, he lets her down on the ground, her body like a rag doll, her legs shaking uncontrollably.

Ciri's heart raced as she felt the ground below her. She landed on her hands and knees, her pussy and asshole pouring out cum that dripped down her legs. As she removed the blindfold that had obscured her vision, she was greeted with the sight of Coen and Lambert in their mutated forms, their bodies adorned with black lines, their veins pulsating with raw power. Their penises were already rigid again, It was a sight that left her breathless, her lips parting in both astonishment and desire.

She couldn't help but be captivated by their transformed beauty. The combination of their muscular physiques, the striking black lines coursing through their skin, and the sheer intensity in their eyes was an irresistible sight to behold. The mutations had turned them into something otherworldly, an embodiment of strength and resilience that both fascinated and aroused her.

With her lips slightly parted, she longed to taste the power that emanated from their transformed bodies. Ciri's lips brushed against Lambert's flesh, her mouth tracing a path along the contours of his rigid form. Ciri’s tongue stretched out, touching him. She revealed in the taste of him, the scent of their passion mingling in the air. Her lips hovered above his massive hard-on, her breath mingling with his as anticipation filled the air. The intensity of the moment was palpable, as both of them knew what lay ahead.

As her lips descended upon him, she felt his size and potency in a more intimate way. His tip entered her stretching her jaw wide open. Her senses were overwhelmed by the sheer magnitude of him, both physically and metaphorically.

The taste of herself, on his cock added a new layer of sensuality to the experience. As Ciri licked her essence from her lips, a shiver of pleasure coursed through her. The taste was a mixture of sweetness and musk, a tantalizing blend that aroused her senses even further. The flavor lingered on her tongue, a lingering reminder of the ecstasy she had experienced.

From behind, Coen pressed himself against Ciri’s cunt, her body responded instinctively, buckling under the force of their combined movement. The power and intensity of their union overwhelmed her senses, sending waves of pleasure coursing through her veins.

Her back arched as Coen's strong hands firmly grasped her hips, guiding her movements and melding their bodies together. The sensation of his muscular form pressed against her, his large black cock drilling into her deepest desires, sent shivers cascading down her spine. She could feel the strength of his every movement, the raw energy emanating from him as they moved in perfect synchrony.

With each thrust, Ciri was pushed further and further down onto Lambert's thick flesh. The seal around her lips she tried to create broke creating slurping sounds of slobber that echoed against the brick walls. The power she could feel pulsating from Coen and Lambert electrified their union. It was as if they were caught in a tempestuous whirlwind of desire, their bodies moving with an intensity that bordered on the primal. As the Witchers pressed into her face and her pussy, her body responded instinctively, buckling under their power, both figuratively and literally. Their combined movement and intensity overwhelmed her senses, sending waves of pleasure coursing through her veins.

Ciri’s hands rapidly beat against Lambert’s rigid flesh, yearning to satisfy him. Her throat relaxed, each time Lambert grabbed her head to thrust into her face. She allowed him to go further and further down her neck. Her magical powers gave her a strength she didn’t realize she had. She didn’t gag and couldn’t feel the pain of his long cock. All she could feel was the width of her neck expanding as his twelve-inch thick tool plowed into her face.

Lambert released a long moan of pleasure then said, “Ciri, I'm close... You're driving me wild. Keep going, don't stop.” Ciri could feel the pulsating rod in her mouth. She hungered for his satisfaction and applied extra suction to the large head of his shaft while her hands furiously worked his lubricated tool. She knew her prize was close. He howled in pleasure as his second orgasm shot out in a series of spurts into her mouth.

As the culmination of their passion reached its peak, Ciri found herself overcome with a sense of urgency and hunger. Without hesitation, she swallowed, taking in the essence of Lambert's release. It was a moment of raw intimacy. In that fleeting moment, as she tasted his essence, Ciri felt a surge of both satisfaction. The taste lingered on her tongue, it was a taste that resonated deep within her, stirring a mixture of emotions—desire, fulfillment, and a twinge of longing. As she swallowed, Ciri felt a sense of empowerment and liberation. It was a choice she made, an affirmation of her desires, and a testament to her ability to pleasure.

As Ciri lavishes her attention on Lambert, his body tenses with ecstasy. His voice comes out as a ragged whisper, filled with a mix of surprise and delight. "By the gods, Ciri, you're incredible. Your mouth feels incredible... You're driving me wild," he gasps. He can't help but express his amazement at the intensity of the pleasure she's bestowing upon him. The sensations coursing through his body overwhelm him, and he's unable to hold back his vocal admiration.

Coen, his body still ablaze with desire, continued to undulate his hips, thrusting Ciri forward with a rhythm that resonated deep within her core. Every movement sent waves of pleasure coursing through her body, igniting her senses and pushing her further into the realm of ecstasy.

In a low growl, Coen grunts, “Let me show you how I can satisfy your desires, Ciri. I want to make you quiver with pleasure.”

As his strong hands found purchase on her waist, guiding her with a firm yet gentle grip, Ciri surrendered herself to the intoxicating dance they shared. The world around them faded into a blur, leaving only the palpable connection between their bodies, the electrifying chemistry that fueled their shared desires.

Coen's unwavering stamina, a testament to his Witcher training and fortitude, plunged into her sopping wet cunt liberally. Each thrust was purposeful, calculated, and aimed at driving Ciri to the pinnacle of pleasure. With every undulation, Ciri's senses heightened, her body responding eagerly. Waves of pleasure rippled through her, building with an intensity that threatened to consume her entirely. She was lost in the sea of sensations, her mind awash with pure, unadulterated bliss.

She begged for his massive black cock, “Yes, Coen... show me your strength, your power. I want to feel it all.”

Her fingers clawed at the stone beneath her, her nails digging into the cracks and crevices as she surrendered herself to the overwhelming pleasure coursing through her veins. His thick black dick pushed deep into her leaving a wake of desire in its path, the muscles in her vagina quivered for the next thrust. Each thrust brought her closer to the edge, pushing her to the brink of release and beyond.

Coen, attuned to her every response, read her body like a well-worn book of desires. He reveled in the power he held over her, relishing in the way her body quivered under his touch, the way her breath hitched with each exhilarating movement. Her vagina was so tight, it hugged his fat cock like a warm wet sheath, he never wanted to leave her yearning cunt. His pleasure intertwined with hers, their connection growing stronger with each passing moment.

As Coen reached the pinnacle of his ardor, Ciri could feel the pulsating heat of his release deep inside her. A surge of pleasure rippled through her core, intensifying the already overwhelming sensations coursing through her body. The rhythmic contractions of his muscles sent waves of ecstasy radiating through her, pushing her pleasure to new heights.

Her inner walls clenched around his massive black girth, embracing his release with a sublime mixture of satisfaction and longing. The feeling of his hot-cum filling her, sent shivers of pleasure cascading through her body, she was copulated by monsters and loved every second of it.

Time seemed to stand still as her ravaged body erupted in a final orgasmic release. Ciri's senses heightened, every nerve ending alive and tingling with the electrifying aftermath of their union. She reveled in the primal ecstasy that coursed through her veins, feeling a sense of completion and fulfillment that only the passionate embrace of two souls could bring.

As they caught their breath, bodies still entwined, a profound sense of contentment washed over Ciri. She basked in the aftermath of their shared pleasure, feeling a deep sense of satisfaction and intimacy that surpassed any fleeting desires. At that moment, she realized the true power of their connection and the depths of the love and passion that had brought them together.

As waves of ecstasy crashed over Ciri once more, her body soared to new heights of pleasure. A primal howl escaped her lips, echoing through the room, a testament to the intense rapture she experienced at that moment. The sheer intensity of the pleasure consumed her, overpowering her senses and leaving her lost in a vortex of raw, unbridled passion.

Her cries of pleasure reverberated in the air, a symphony of blissful release that mingled with the heavy breathing and moans of her lovers. Every nerve ending in her body ignited with fiery pleasure, each sensation magnified to an almost unbearable degree. It was an uninhibited expression of her most primal desires, an unrestrained outpouring of pleasure that transcended the limits of her physical form.

Her words tremble with raw intensity and euphoria. "Oh gods, yes... I'm coming…again," she moans, her voice a melodic blend of ecstasy and surrender. The sheer bliss washes over her, causing her body to convulse with pleasure, and at that moment, she's unable to hold back her uninhibited expression of delight. As Ciri's body trembles with each wave of pleasure, her voice escapes in breathless whispers. "You feel so good," she moans, her words a testament to the overwhelming sensations coursing through her. "I've never felt like this before

Ciri, fueled by her insatiable desires, turned her body towards Coen, her eyes locked on his form. A hunger stirred within her, a craving to explore the depths of pleasure even further. With a seductive gaze, she parted her lips, inviting him to come closer, to feel the taste of their shared intimacy.

As Coen met her gaze, a knowing smile curled on his lips, understanding the depths of her desires. He moved closer, his body drawn to hers, his desire mirrored in his eyes. With a tantalizing slowness, he positioned himself before her, offering his throbbing arousal to her eager lips.

Ciri's tongue darted out, tracing the outline of her lips, relishing in the lingering taste of their previous intimacy. With a mix of anticipation and arousal, she took him into her mouth, savoring the mingling flavors of their passion. The taste of herself on him ignited a primal instinct within her, intensifying her hunger and pushing her further into the realm of pleasure.

She worked her lips and tongue with a practiced finesse, exploring every inch of him, relishing in his response to her ministrations. The taste of their shared intimacy, coupled with the intoxicating sensation of his pulsating flesh against her tongue, sent ripples of pleasure coursing through her body.

As Ciri continued to indulge in her desires, her lips moving with purpose and skill, she felt a deep connection forming between them. The act of tasting herself on him created an intimate bond, a powerful aphrodisiac, driving them both to new heights of pleasure and ecstasy. Ciri continued to pleasure Coen with her lips until she was sure he was completely cleaned off and polished.

In that moment of climax, the room filled with a dazzling display of ethereal light. Vibrant hues of blue and white intertwined, dancing and pulsating in a mesmerizing display. The air crackled with a potent energy, charged with the magic of their desires and the release of their passion.

Their bodies trembled, still intertwined in a blissful embrace, as the waves of their climax subsided. They lay there, bathed in the afterglow, their breaths mingling in the stillness of the room. The air felt charged with otherworldly energy, the remnants of their powerful connection.

As they gazed into each other's eyes, they could sense a profound shift within themselves. The explosion of their combined elder power had opened up new possibilities, unlocking hidden depths within their souls. It was as if their union had awakened a dormant force, propelling them further along their paths of destiny.

They lay there, limbs intertwined and hearts intertwined, their bodies spent but their spirits ignited. At that moment, they knew that they had experienced something extraordinary, something that transcended the physical realm. Their passion had touched upon something primal, a connection that reached far beyond the confines of their mortal existence.

Silence filled the room as they basked in the aftermath of their shared experience. It was a moment of profound intimacy and vulnerability, where words seemed unnecessary. They reveled in the depth of their connection, understanding that their journey had taken a new turn, guided by the spark of their combined power.

As they lay there, their bodies slowly coming down from the heights of pleasure, they felt a renewed sense of purpose and unity. Their union had become a catalyst for transformation, igniting a fire within them that would guide them on their paths and intertwine their fates even further.

In that quiet moment, they shared a knowing smile, the unspoken promise of more adventures and passionate encounters yet to come. They were forever changed by this explosive culmination of desire and power, bound together by a force that defied comprehension.



ACT SIX: MORNING FOG

The man's eyes fluttered open, their consciousness returning to them as they gradually awakened from their slumber. As their minds cleared, a sense of confusion and unease settled upon them, for they could not remember the details of what had transpired in the throes of passion.

They looked at each other, their brows furrowed, searching for answers that eluded them. The room was filled with an air of tension, the remnants of their intimate encounter lingering as a subtle reminder of what had taken place. The smell of sex hung in the air, a potent reminder of their shared pleasure.

Uncertainty gripped their hearts as they exchanged silent glances. They were unsure of what had transpired, unable to recall the specific moments of their passion. The fragments of memory slipped through their fingers, leaving them with a sense of disorientation and a lingering desire for answers.

With a mix of worry and apprehension, the men decided to retreat from the room, leaving before Ciri awakened. They knew that their absence might raise questions, but the weight of their confusion outweighed their fear of discovery. It was a choice made in haste, driven by the need to process their emotions and seek understanding.

As they stepped out into the corridor, a heaviness settled upon their shoulders. They walked in silence, their footsteps echoing in the empty hallways. Their minds raced, searching for clues, attempting to make sense of the enigma that had unfolded in that room.

The smell of sex still clung to their senses, a reminder of the intimate connection they had shared with Ciri. It was a fragrance that stirred conflicting emotions within them - desire, confusion, and a hint of regret. They couldn't shake off the lingering sensation of their encounter, nor the unanswered questions that weighed upon their minds.

As they distanced themselves from the room, their footsteps quickened, driven by the need to find solace and regain their composure. They knew that the road ahead would be filled with uncertainty, and they needed time to process their feelings, to reconcile the sensations that had consumed them.

In the depths of their hearts, they held a profound respect and admiration for Ciri, but the fog of confusion clouded their judgment. They yearned for clarity, for a better understanding of the events that had transpired and the implications of their actions.

With heavy hearts, they retreated into the night, their minds filled with a whirlwind of emotions. The unanswered questions lingered, leaving them to grapple with the complexities of their desires and the consequences of their choices.

And so, they disappeared into the darkness, each lost in their thoughts, seeking solace and answers amidst the uncertainty that now surrounded them. The memory of their encounter with Ciri would forever remain a mystery, a chapter in their lives that had been both transformative and enigmatic.



ACT SEVEN: CIRI’S DREAM

As Ciri slowly awakened from her slumber, a hazy fog of confusion enveloped her mind. She felt a lingering sense of satisfaction, an echo of something profound that had transpired, yet her memory failed to provide any clear recollection. It was as if she had stepped into a dream, where fragments of reality mingled with the elusive whispers of imagination.

The only concrete memory that remained was that of playing cards, engaging in a game that had seemingly set the stage for what had followed. The details, however, remained frustratingly out of reach, teasing her consciousness with their intangible presence.

As she gazed upon her exposed form, the bareness of her body a reminder of the depths she had ventured into, a mixture of uncertainty and intrigue swirled within her. What had unfolded in the depths of that dream-like encounter? What had brought her to this state of serene satisfaction?

Determined to unravel the enigma that shrouded her recollections, Ciri dressed with a touch of grace and adorned her hair with a delicate purple flower that she found in her room. It was a silent invitation, an act of seeking the attention of those she felt a connection with, even if the details eluded her.

With each step she took, Ciri felt a tinge of anticipation, a yearning to find the men who had played a part in her mysterious journey. She hoped that in their presence, the missing pieces of the puzzle would fall into place, unveiling the truth that lay hidden within the depths of her subconscious.

Yet as she ventured forth, the nagging sense of uncertainty persisted. The memories remained veiled as if locked away in a secret chamber of her mind. The truth danced just beyond her grasp, a tantalizing mystery that beckoned her further down the path.

Adorned with the purple flowers and carrying a silent longing, Ciri moved with a mix of determination and trepidation. She knew not what awaited her, but she embraced the unknown with an open heart, trusting that the answers would reveal themselves in due time.

She hoped that in their presence, she would find the missing pieces of her fragmented memories, and perhaps, a deeper understanding of the profound connection that had been forged within the realms of her elusive dream.

ACT EIGHT: THE NEXT MORNING CONTINUED

As Ciri approached the men with a hopeful heart, adorned in purple flowers and dressed with a touch of elegance, she was met with unexpected reactions. Instead of the warm reception she had anticipated, the men greeted her with lighthearted mockery, jesting at the sight of flowers and fancy dress.

Caught off guard by their response, Ciri's cheeks flushed with embarrassment. Their words pierced through the delicate veil of her dreams, reminding her of the vulnerability she had revealed in her pursuit of their attention. Feeling the sting of their jests, she turned on her heels, her steps hastening as she ran away, seeking solace from the unexpected disappointment.

But just as her disappointment threatened to consume her, a familiar voice cut through the air. Triss Merigold, the mage, and a trusted friend, appeared on the scene. With her fiery spirit and unwavering loyalty, Triss came to Ciri's defense, reprimanding the men for their thoughtless behavior.

"You ought to be ashamed of yourselves," Triss scolded, her eyes flashing with

Storie simili

Eventi che portano alla nostra fase di

Come la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori, eravamo in tanti a frequentarci spesso. Scherzavamo, ci davamo del filo da torcere, ci prendevamo in giro, cose normali da ragazzi. E come la maggior parte dei gruppi di ragazzi di quell'età, alcuni di noi avevano l'auto, e alcuni di noi dovevano prendere in prestito quella dei nostri genitori di tanto in tanto... Era il fine settimana e avevamo deciso di andare in un luogo di ritrovo popolare, un lago a circa un'ora di macchina, che aveva scivoli e piattaforme da cui saltare, probabilmente meglio descritto come l'equivalente anni '80 di un...

562 I più visti

Likes 0

Caldissimo giocatore di basket

Sono un allenatore di basket in un piccolo collage nel sud. Alleno una ragazza, ne ho venti, cinque per classe. sono di tutte le taglie, alti e bassi, ma non troppo bassi. Tutti sono ben costruiti. Petto delle dimensioni di un gragefruit. Alcuni dei culi più belli che tu abbia mai visto. Quindi un giorno sono nel mio ufficio e Annie entra nel mio ufficio. Indossa uno di quei top corti che le arrivano appena sopra il seno. È obesa che non indossava un reggiseno. Indossa un paio di pantaloncini che sono di cotone e sono così attillati che puoi vedere...

859 I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

867 I più visti

Likes 0

La riluttante lap dance di Alison

Alison è entrata nella mia vita come parte di una cosa a tre con un'altra ragazza. Il trio è stato divertente, ma presto ci siamo separati. Abbiamo ricominciato a parlare qualche mese dopo, quando l'ho vista in uno strip-club in cui aveva appena iniziato a lavorare. Poco dopo, abbiamo avuto il nostro primo vero appuntamento. Un paio di drink veloci in un bar per immersioni e un pompino nel parcheggio è stato il massimo del romanticismo. Quando ha iniziato a venire a casa mia, sono stato il primo a farla squirtare quando raggiungeva l'orgasmo. Sono stato anche il primo a trattarla...

910 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

698 I più visti

Likes 0

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

2K I più visti

Likes 0

Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

Il mio vicino è un guardone e si chiama Tom. Sì, conosco molto cliché, ma il suo nome è davvero Tom. Ora sono stato timido riguardo al mio corpo, è sinuoso e sì, sono un po 'sovrappeso per il mio telaio 5ft6, il mio culo è arrotondato, i miei seni sono molto grandi e le mie cosce sono più grandi di quanto vorrei. Tuttavia, sono tutto io e quindi è così. La maggior parte dei giorni di sole mi piace passeggiare in giardino in topless (almeno) a volte completamente nudo, annusando i fiori e sedendomi per prendere il sole. Quindi, comunque...

1.1K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

951 I più visti

Likes 0

Daniel Wolf (rieditato) Parte 5

Daniel Wolf Capitolo 8 Parte 5 Tutti i partecipanti hanno più di 18 anni Capitolo 8 Parte V Era stata una lunga giornata, era stato tutto ciò che potevamo fare per non far cadere tutto e semplicemente cadere sul pavimento e scopare come i cani di città. Ma ci eravamo astenuti poiché non volevamo davvero che gli anziani della città morissero di imbarazzo. Ma ora, mentre la porta si chiudeva tra loro e noi, i vestiti iniziarono a volare. All'inizio sembrava che i vestiti che volavano appartenessero a Marlu. Daniel era quasi congelato nel tempo mentre guardava Marlu spogliarsi. Man mano...

837 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

670 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.