La festa del college è andata bene tanto per cambiare

870Report
La festa del college è andata bene tanto per cambiare

Sabato 12:00

"Cazzo-" Sono stato interrotto dal muro che mi ha colpito la schiena dietro di me. Le sue mani mi afferrarono per le tette, spingendomi contro il muro. Le mie dita si bloccarono sulle sue spalle per non scivolare giù dal comò; divertente aggrapparsi alla fonte, pensai. Il suo respiro era caldo contro la mia pelle che si librava sopra la mia fica. La mia testa si è appoggiata all'indietro mentre mi baciava le mutandine, come diavolo è successo? E mi sono ricordato,

Venerdì 17:00

"Non riesco ancora a credere che tu mi abbia convinto ad andare alla festa di quel-che-faccia, avrei dovuto chiedere una bustarella migliore." Ho detto alla mia migliore amica e compagna di stanza, Alanna. Abbiamo condiviso un dormitorio, quindi abbiamo praticamente condiviso tutto.

"Come puoi essere sorpresa Mirabel, so che saresti d'accordo se ti prendessi quel set." Alanna stava scattando una foto prima della festa; ancora in lingerie. – Eccitato -, decisi. Era sempre pronta per una festa. Sono sempre stato geloso dell'aspetto dei miei amici. Aveva capelli rosso chiaro ramati, quasi biondi, occhi verdi, labbra rosee con una leggera polvere di lentiggini. Se ciò non bastasse aveva la figura; curve snelle ma morbide, un culo che le ha fatto i complimenti e una coppa B. È saltata verso di me e mi ha passato un bicchierino, sorridendo ha indicato il mio vestito. "Devi sempre portare le tue nuove mutandine a fare un giro di prova."

L'ho scrollata di dosso imbarazzato. Ero in piedi davanti allo specchio a figura intera che condividiamo. La sua bustarella per me era un reggiseno push-up di pizzo rosso e nero con mutandine abbinate. Si è complimentato con la mia pelle abbronzata. Le mie gambe erano formose con un culo pieno, un po' paffuto, coppa C, 5'5. Mi pettinai i capelli all'indietro, erano biondo miele, di media lunghezza che incorniciavano i miei occhi castani e le labbra rosa scuro. Ho indossato i miei jeans scuri e poi una canottiera beige e poi una canotta vintage sopra.

Qualche altro scatto prima della festa dopo eravamo in un taxi, diretti alla festa in casa. Durante il viaggio ho pensato tra me e me; - Dovrò solo succhiare e fare del mio meglio per divertirmi. Non è colpa mia se non sono bravo con i ragazzi. Devo solo sperare che Alanna non mi abbandoni. –

Dopo circa due ore di bevute con Alanna mi sono ritrovato seduto con gli stoner; i miei più stretti compagni di classe. Avevo perso il mio amico a causa di uno studente in scambio dalla Francia. Eravamo seduti fuori casa; era a due piani ma il piano di sopra era un posto separato e chiuso a chiave. Lo spinello veniva passato in giro e ho preso un paio di tiri. Ero piacevolmente ubriaco e fatto ora e circa 15 minuti dopo si è seduto con il nostro gruppo. Non ho potuto fare a meno di guardare nella sua direzione.

Doveva essere alto circa un metro e ottanta, capelli castano scuro con un'ombra delle cinque in tinta. Era tonico, con spalle forti. Occhi grigio chiaro e un sorrisetto che mi fece rabbrividire. Era uno di quei ragazzi, quelli che i miei ormoni adoravano. Ho subito guardato uno dei miei compagni di classe. Avevo bisogno di una distrazione per non arrossire. "Allora Jeff, cosa hai intenzione di fare per il tuo articolo per il Prof. Green?" Ho detto.

«Il professor Green?» Era l'uomo, che interrompeva Jeff prima che potesse rispondere. “L'avevo. Si lamenta ancora del fatto che tutti abbiano scaricato il suo libro?" Mi ha sorriso. Potevo sentire la chimica. Ho sentito il mio corpo piegarsi in avanti e il mio sorriso allargarsi. – È stupendo ed è nel mio stesso campo, incredibile! –

Abbiamo parlato con il gruppo, ho saputo che si chiamava Kevin e che era un amico dell'inquilino del piano di sopra. Mi sono ritrovato a desiderare di essere più vicino a lui. Ho guardato da lontano mentre parlava con il gruppo in rapida diminuzione. Ho lanciato un altro sguardo mentre rispondeva a una domanda di Jeff. Bagnandomi le labbra mentre lo fissavo, improvvisamente mi guardò negli occhi. Ho alzato le sopracciglia per la sorpresa, ha sorriso e ha continuato la sua storia mentre i suoi occhi vagavano per il mio corpo. Rapidamente mi alzai, e spolverandomi i jeans,

"Vado a cercare il mio amico, ci vediamo più tardi ragazzi." Ho salutato e guardato direttamente Kevin, il mio corpo non voleva andarsene, ma la mia scommessa era che l'avrebbe seguito. Ho camminato verso il ponte e dietro l'angolo. È lì che ho aspettato, tirando fuori il telefono per mandare un messaggio ad Alanna. Ho avuto appena il tempo di pensare a cosa scrivere quando è apparso. Abbiamo incrociato gli occhi e lui si è fatto avanti, ho sorriso.
Ha rapidamente colmato la distanza tra di noi. "Quindi, non mi hai detto il tuo nome." Disse sorridendo un po'.

"OH? Pensavo di averlo fatto, sono Mirabel. Mira se vuoi. Tesi la mano, aspettandomi una stretta di mano. Lo prese con cura e lo tenne tra i suoi.

"Carina, so che è un po' strano ma, uh-" Si interruppe e si sporse in avanti, piantando un bacio veloce sulle mie labbra.

Le mie ginocchia tremavano e sono rimasto deluso dalla velocità con cui è passato. Mi stava osservando per una reazione. Gli presi l'altra mano e la tenni nella mia mano; guardandolo. "Niente di strano, per niente."

Incoraggiato, separò le sue mani dalle mie e le posò sui miei fianchi. Avvolsi le mie braccia intorno alle sue spalle. Abbiamo continuato ad assaporarci l'un l'altro, i suoi baci decisamente allettanti. La sua bocca era improvvisamente contro il mio orecchio, potevo sentire la sua barba ispida contro la mia guancia e le sue mani che esploravano la mia vita. "Ho una chiave per il piano di sopra, se vuoi uscire da solo?" Ho annuito.

Correndo su per le scale ci siamo abbassati tenendoci per mano nel buio, cercando di essere discreti. Quando arrivammo in cima e lui mi attirò di nuovo a sé per un altro bacio, le sue labbra delicate contro le mie. Sospirai contenta mentre si allontanava, aprendo la porta dopo aver girato le chiavi. Kevin mi tirò dentro e poi mi schiacciò contro di lui mentre le sue labbra cercavano le mie. Mi aggrappai alle sue spalle, premendo i miei fianchi contro di lui con forza. Le sue mani scivolano lungo la mia schiena, sui miei jeans e mi stringono forte il sedere. Un leggero rantolo mi sfuggì mentre le sue dita scavavano sotto il mio culo, quasi fino alla mia fica.

"Bello", la sua voce era già roca. Mi guardò con un'espressione divertita mentre continuava a infilare le dita nei miei jeans. Riportando le mani sulla mia schiena, fece passare le dita nei passanti della cintura dei miei jeans. Le mie dita presto afferrarono le spalle della sua maglietta, provai a toglierla. Si ritrasse sorridendo e si tolse la maglietta con un movimento rapido e fluido. Le mie mani andarono dritte al suo petto. Tastai intorno, il buio mi stuzzicava. Imitando la sua precedente provocazione, mormorai: "Bello". A seguire con un rapido bacio sulla sua clavicola.

È tutto ciò che gli è servito per trascinarmi attraverso l'appartamento per i miei jeans. Stavamo entrambi ridendo e inciampando nelle cose nell'oscurità. Si fermò in quello che presumevo fosse il soggiorno. Sentii i miei fianchi essere tirati verso un'ombra scura, presumevo fosse il divano, mentre mi guidava ancora per i miei jeans. "Sono così felice di aver indossato questi..." mormorai.

“Anche a me, ma…” A quelle parole sentii i miei jeans abbassarsi. Per un momento sono rimasto così sorpreso che le mie mani si sono lanciate per cercare di coprirsi. "Aww... non essere timido." L'ho sentito dire nel buio. Con ciò lo sentii più vicino nell'oscurità ora, le sue mani che si muovevano di nuovo sul mio sedere. Proprio mentre afferrava il mio culo coperto di pizzo, le mie mani esplorarono i muscoli duri della sua schiena.

"Luci?" sussurrai, quasi implorando questa volta. Voglio vederlo, decisi.

“Ehm? Oh certo." Sembrava riluttante a lasciarmi andare il culo, ma dopo un attimo ha ricominciato a tirarmi nel buio. Abbiamo fatto un paio di passi e ho sentito il clic di una maniglia. Mi condusse nella stanza e mi lasciò rapidamente in piedi nell'oscurità mentre cercava qualcosa. Ho sentito il clic della lampada poco prima che la luce mi rimbalzasse negli occhi. Anche se la luce era accesa, non era troppo luminosa; ma potevo vederlo. E dallo sguardo sul suo splendido viso poteva vedermi anche lui. Ci siamo ammirati, centimetro dopo centimetro, dall'altra parte della stanza. Alla fine aprì le braccia verso di me, una silenziosa richiesta di andare da lui.

I miei piedi si muovevano lentamente, e mi sono preso il tempo per avvicinarmi a lui, le mani sui fianchi. "Quindi penso che sia un po' ingiusto che i miei pantaloni siano gli unici a togliersi." Ho detto.

"Davvero, perché mi sto godendo la vista." Adesso ero solo alla sua portata e lui mi strinse tra le braccia, tirandomi vicino a sé faccia a faccia. All'improvviso mi fece girare in modo che il mio culo fosse contro il rigonfiamento dei suoi jeans. "E ad essere onesto, non voglio giocare bene". Il suo respiro era caldo contro il mio orecchio mentre mi stringeva a sé in modo possessivo. Potevo sentire la mia fica bagnarsi a ogni sua parola. E ad essere onesto, ho sempre pensato che essere dominato sarebbe stato sexy.

Le sue mani andarono dai miei fianchi fino all'orlo del mio top, spingendolo su e presto trovò il mio reggiseno di pizzo. Fischiò sommessamente mentre si muoveva per accarezzarmi i seni. Sorrisi, guardando le sue mani esplorare la mia pelle morbida. Mi ha baciato il collo mentre ha iniziato a lavorare la sua mano contro il mio seno, ho rabbrividito per l'anticipazione. Alzando le mie braccia, capì subito che era il segnale. Tirandomi il top sopra la testa, mi fece voltare verso di lui. Questo ha fatto sì che la mia parte superiore mi intrappolasse i polsi, ho sbattuto le palpebre per la sorpresa mentre tirava verso l'alto le mie mani ora legate. Sorridendo usò la mano libera per infilarsi sotto il mio reggiseno, provocando un piccolo rantolo fuoriuscire dalle mie labbra. Lo stavo guardando negli occhi adesso, sembravano brillare di fame. Uno che ho capito immediatamente-

«Ah!» Ho saltato un po'; il filo dei miei pensieri è stato interrotto dal pizzicotto che ha dato al mio capezzolo. Sorrise come un bambino beccato da qualcuno che sa che non lo punirà. Ho cercato di avvicinarmi a lui e lui mi ha attirato di nuovo contro di lui. Potevo sentire il suo cazzo attraverso i pantaloni ora, le mie mani si contorcevano per cercare di tenere qualcosa, qualsiasi cosa, soprattutto lui. Mi ha baciato le labbra e ha lasciato la maglietta libera, lasciando che me la lanciassi dai polsi. Gli afferrai le spalle proprio mentre mi afferrava da dietro e mi sollevava da terra. Spaventato e decisamente più che un po' civettuolo, ho provato ad avvolgere le mie gambe attorno alla sua parte bassa della schiena. Solo che non mi aspettavo che mi lasciasse.

"Cazzo-" Sono stato interrotto dal muro che mi ha colpito la schiena dietro di me e il mio sedere è atterrato sul comò. Le sue mani ora mi tenevano per le tette, spingendomi contro il muro. Le mie dita si bloccarono sulle sue spalle per non scivolare giù dal comò; divertente aggrapparsi alla fonte, pensai. Il suo respiro era caldo contro la mia pelle che si librava sopra la mia fica. La mia testa si appoggiò all'indietro mentre mi baciava le mutandine. Come diavolo è successo? E mi sono ricordato.

Ha mordicchiato il pizzo appena sopra il mio clitoride, riportandomi velocemente alla realtà. "Kevin... Oh, fottimi..." mi contorsi quando lo sentii allontanarsi. Lo sentii ridacchiare, e solo allora mi resi conto che avevo gli occhi chiusi. Aprendoli ho trovato la sua faccia solo a un palmo di distanza dalla mia.

"Hai detto qualcosa?" La sua voce sembrava quasi seria. Sorrisi un po' timidamente, troppo imbarazzata per rispondere mentre scuotevo la testa. Come fai a dire a qualcuno che hai appena incontrato che stavi gemendo il loro nome? "Dai," si chinò, ma soprattutto fece scivolare un dito sulle mie mutandine bagnate.

"Mi dispiace, mi sembra di averlo dimenticato", ho provato. La mia voce è un po' stordita da tutto finora. Ha immerso un dito nella mia fica e ho gemuto. Il mio corpo aveva bisogno del rigonfiamento che potevo vedere attraverso i nostri corpi. Ho bisogno di un cazzo. Ora ha continuato a immergere il dito dentro di me ogni pochi secondi. Ho provato a muovere i fianchi contro la sua mano, ma era chiaro che avremmo seguito il suo ritmo.

"Dillo di nuovo Mirabel se vuoi che continui." Ho sentito il suo dito dentro di me, solo che non l'ha ritirato come lo era stato. Potevo sentire quanto ero bagnata contro il suo dito, ei miei fianchi cercavano di lavorare contro la sua mano. Mi ha tenuto fermo, "Voglio solo sentirtelo dire di nuovo."

Arrossii, "Kevin, fottimi". Mi sono allontanato, ero sempre timido con i discorsi sporchi. Sono stato ricompensato da un bacio sulle labbra quando ha iniziato a togliermi le mutandine. Alzai le gambe per facilitare le cose mentre le mie mani cercavano la sua cintura. Stava ridendo in quel modo sorpreso mentre gli aprivo la cerniera dei pantaloni. Mi lasciò cadere le mutandine mentre io lasciavo cadere i suoi jeans. Mi attirò a sé e mi sollevò di nuovo.

"Letto." Era la spiegazione burbero. Ho visto il letto dall'altra parte della stanza e ho fatto uno sforzo per strofinare la mia fica contro di lui ad ogni passo. Ha preso piede e si è preso solo il suo tempo. Mi ha abbassato sul letto e io mi sono aggrappato ai suoi boxer, portandoli letteralmente con me. Con quello che finalmente l'ho visto, ero quasi spaventato. Era grande, più grande di quello a cui ero abituato. E lui era a pochi centimetri dalla mia figa.

Le sue mani si muovevano, una diretta verso il comodino e l'altra che ora si strofinava il cazzo. Gli ci volle un momento per aprire e indossare il preservativo che aveva afferrato. Ma presto il suo cazzo fu sempre più vicino; finché non ha strofinato la punta contro di me. Ha spinto e la mia schiena si è inarcata, non era arrivato fino in fondo ma si sentiva enorme. Non ha aspettato, ora mi scopa forte e lentamente. Ansimando, avvolsi le mie braccia intorno a lui, a ogni spinta diventava sempre più profondo. Finché alla fine lo sentì completamente sepolto. Mi diede un momento per riprendere fiato quando finalmente si ricordò del mio reggiseno. Presto fu spento, le sue labbra succhiarono forte il mio capezzolo sinistro. Poi è iniziato...

"Fanculo!" Rimasi senza fiato, ora mi stava scopando più velocemente. "Oh Dio!" Tutto quello che potevo fare era afferrargli le spalle e resistere per il viaggio. Mi baciò forte prima di raddrizzarsi e rilasciarmi per girarmi sullo stomaco. Mi alzai sulle ginocchia, guardandolo. Stava sorridendo con una mano che teneva una delle mie natiche.

"Carino." Egli ha detto. -Immagino sia una cosa nostra.- pensai. Poi mi ha fatto scorrere un dito sulla fica e sul culo. Rabbrividii, avevo provato l'anale solo una volta. Gliel'ho detto così piano e lui ha sospirato un po' deluso. "Un'altra volta allora... Per ora." Ho sentito di nuovo il suo cazzo contro la mia figa e proprio mentre mi sbatteva dentro ho sentito il suo dito scivolare nel mio culo. Ho gemuto e lui mi ha scopato forte la figa e il culo. Sentivo l'inizio del mio orgasmo e sono arrossita. Solo per gemere e rabbrividire mentre mi speronava più forte di prima. Mi aggrappai alle lenzuola e continuai a gemere finché la mia schiena non si raddrizzò.

"SÌ!" Gemetti e lui rallentò un po', fottendomi dolcemente la fica mentre venivo.

"È una brava ragazza..." lo sentii mormorare. Questo è stato l'unico avvertimento che ho avuto fino a quando non ha ricominciato ad accelerare e poi ha tirato fuori il dito dal mio culo. Ero ancora troppo sensibile, ho provato a dire, solo che mi ha tirato su per la spalla in modo che non fossi più in ginocchio ma solo in ginocchio mentre mi scopava da dietro. Gemetti e lui mosse le mani. Un braccio mi avvolse il petto e l'altro mi sfregò subito la clitoride. Stavo senza fiato e lo chiamavo per fermarsi, era semplicemente troppo intenso! Mi stava scopando per tutto il suo valore adesso. All'improvviso il mio corpo si è irrigidito e sono venuto più forte che mai, un piccolo getto di sperma schizzava su tutta la sua mano. L'ho sentito rabbrividire e scoparmi forte una, due, altre tre volte prima che tirasse fuori, un preservativo pieno sul suo cazzo che si stava ammorbidendo.

"Oh dio, scusa- non ho mai- scusa!" Ho provato a spiegare qualcosa che non conoscevo bene. Avevo solo sentito parlare di squirting da amici o porno. Kevin mi ha tirato via solo per baciarmi la guancia.

"Zitto Squirt." Mormorò e mi tirò giù per sdraiarmi sul letto con lui mentre mi teneva. Mi sono addormentato pensando a come potevo sentire un po' della macchia bagnata che avevo fatto sul suo letto e quanto fosse bello che non russasse.

Sabato 9:00

Un suono familiare e fastidioso raggiunse le mie orecchie, solo che si stava avvicinando. Ho aperto gli occhi e ho visto ciò che mi circondava e, soprattutto, Kevin; che mi porta il cellulare che squilla. Le avventure della notte mi sono tornate in mente ed ero felice di vederlo ancora qui. Presi il telefono sorridendo e risposi, con la sua voce stridula nel mio orecchio: “Ho detto test drive! Non guidare di notte!” Abbiamo riso.


Continua? Qualche suggerimento su cosa potrebbe succedere dopo? Ama sempre il feedback, e gli amanti ameranno e gli odiatori odieranno. Ti parlo dopo!

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.