Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

186Report
Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

"Eccoci..." gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio.
Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. "Tempo di scarto per tornare a casa." In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto passava un vagone a vapore che trasportava uno o due cittadini dell'anello superiore.
Mentre camminavo, mi resi conto di quello che suonava come un violino a pochi isolati di distanza, vicino alla torre dell'orologio. Mi diressi verso il rumore finché non vidi la piccola folla radunata dietro l'angolo di una strada.
Lasciando che Scrap proseguisse verso la torre dell'orologio, mi fermai ad ascoltare la musica del violino. Era una canzone veloce e vivace, che sollevava l'anima. "Chi sapeva che sapeva suonare il violino?" "C'è qualcosa che non può fare?" La gente sussurrava. Mi sono fatto strada delicatamente oltre le persone che cercavano di vedere da dove provenisse la musica. Alla fine, sono rimasto scioccato.
Le sue dita magre danzavano sulle corde, il legno dipinto di blu luccicava leggermente alla luce del sole al tramonto. Aveva il cappello abbassato sul viso e sembrava ondeggiare dolcemente mentre giocava. La catena del suo orologio da taschino tintinnava leggermente mentre si muoveva. Il Clockmaster era un uomo veramente dotato.
“Maestro dell'Orologio…” sussurrai, mantenendo la mia facciata di leale apprendista. Vedendomi, un sorriso timido apparve sulle sue labbra e improvvisamente smise di suonare. Mettendo il violino blu e l'archetto abbinato nella custodia aperta, improvvisamente dal nulla tirò fuori una rosa, presentandola a me.
Alcune donne strillarono e io lo fissai sbalordito per un momento prima di prenderlo delicatamente. L'ho annusato. Il suo profumo mi ha riportato ai giorni nel giardino di mia madre, tra i suoi tanti fiori e cespugli.
"Un regalo per il mio fedele studente." L'Orologio strascicò con una voce innaturalmente profonda. "Attento alle spine". Annuii leggermente, ancora preso alla sprovvista dal gesto sorprendentemente romantico. L'Orologiaio si chinò, richiuse la custodia e la chiuse con cura. Si alzò dritto e disse: "Vieni ora. Dobbiamo tornare a casa". Annuii, seguendolo.
Non appena la porta della Torre dell'Orologio si chiuse dietro di noi, lasciò cadere la finzione. "Infine. È bello essere a casa!” Disse normalmente, gettando da parte il cappello rivelando onde dolcemente nere e brillanti occhi verdi. "Quando diavolo hai imparato a suonare il violino?!" chiesi incredulo mentre metteva la valigetta vicino alla porta. "E quando ne hai preso uno?" “So come da quando ero bambino. Per quanto riguarda l'acquisto, è stato buttato nel negozio di musica locale. Potete crederci?" Disse sorridendo come un bambino.
Sospirai e scossi la testa. "Sky, a volte mi stupisci." "Questo è il punto, Kara." In risposta l'ho abbracciato. "Come vanno le cose in fabbrica?" “Tutto è in magazzino, organizzato per tipologia e dimensione. Lo scarto non ha fatto molto però. Penso che potrebbe aver bisogno di una messa a punto più tardi". Sky annuì. È andato ad abbracciarmi, ma quando l'ha fatto ho sentito qualcosa nella mia schiena. “Ow ow ow ow owww…” sussultai, mettendo una mano sulla parte bassa della mia spina dorsale e piegandomi in avanti.
"Che cos'è?" "Io... oww..." cercai di raddrizzarmi ma sentii i dolori che mi colpivano le gambe e i piedi. "Kara stai bene?" "La mia schiena... penso di averci fatto qualcosa..." ho piagnucolato. Sky mi ha messo una mano sulla spalla chinandosi per guardarmi negli occhi "Riesci a scendere le scale?" "Non so…."
In risposta, Sky mi ha delicatamente sollevato, portandomi giù per le scale nella mia stanza. In qualche modo è riuscito ad aprire la porta mentre mi teneva ancora. “Ecco qua…” Mi depose gentilmente sul letto. Gemevo per il dolore mentre mi raddrizzavo e Sky accese le lampade, inondando di luce la mia stanza nel seminterrato. "Stavi sollevando con le gambe o la schiena?" Mi morsi il labbro sapendo che sarebbe stato infastidito. "La mia schiena. Devi ricordare che sono paffuto, è difficile per me accovacciarmi in quel modo.
"Sciocco.." "sì, ma io sono il tuo scemo." sussurrai ricambiando un sorriso nonostante il dolore. L'Orologio si sedette cautamente sul bordo del letto. Esitò, poi disse: "Vorresti che ti massaggiassi la schiena?" Ho annuito. "Ma... se lo faccio dovrò farti togliere il corsetto e la maglietta."
"Stai scherzando... non credo di poter Sky..." ho piagnucolato. "Allora ti aiuterò." Le sue dita si spostarono sui fermagli d'acciaio del mio corsetto, sciogliendoli delicatamente uno per uno. Non appena è stata aperta, ha iniziato a fare lo stesso con la mia maglietta. Mi sono morso il labbro ma non l'ha aperto come ha fatto con il corsetto. "Distoglierò gli occhi..." "Dopo tutto quello che ti abbiamo fatto..." "Ti rispetto ancora, piccola puttana." disse scherzosamente, quasi scherzosamente. Non ho interrotto il contatto visivo per un momento prima di annuire. Girando la testa, chiuse gli occhi mentre mi sedevo lentamente sussultando mentre mi toglievo la parte superiore, gettandola e il corsetto di lato.
"Rotola a pancia in giù" Non guardò mentre parlava. Feci come mi era stato detto, appoggiando le braccia su entrambi i lati. "Hai delle pomate o lozioni?" “Sul mio comò nella scatola di legno…” risposi con la mia voce attutita dai cuscini. Chiusi gli occhi, cercando di rilassare i muscoli della schiena. Improvvisamente, ho sentito l'odore della lavanda e ho sentito la lozione fredda sulla mia schiena. Sussultai piano, e sentii le sue mani premere sopra la piccola pozza di lozione gemevo mentre le sue mani scivolavano facilmente sulla mia schiena,
"Ti senti bene?" “Incredibile…” piagnucolai mentre le sue dita premevano delicatamente sulla mia spina dorsale. Muovendomi i capelli con il dorso della mano, ha impastato con forza i muscoli delle mie spalle, facendomi gemere forte di piacere. Le sue mani scivolarono di nuovo verso il basso e i suoi pollici si spinsero nella parte bassa della mia schiena. Mi sono sciolta sotto le sue mani.
"Adorabile.." mormorai mentre si allontanavano, ora sfiorandomi delicatamente il lato delle costole. Notai le sue dita scivolare dolcemente sempre più in basso finché la punta delle dita non sfiorava delicatamente i lati del mio seno. Espiravo di beatitudine. Lo sentii chinarsi su di me finché la sua bocca non fu vicino al mio orecchio.
"Ti piace quello?" Sussurrò abbassando le mani per prendermi a coppa. Ho mosso la testa al minimo cenno del capo. "Sei sicuro?" Sussurrò, il suo pollice e l'indice pizzicando delicatamente e facendo rotolare leggermente il mio capezzolo. “Sì signore…” mormorai. Ormai avevo imparato a rispondere e a comportarmi.
“Brava ragazza…” sussurrò mordicchiandomi leggermente l'orecchio. Ho riso e le sue mani hanno rilasciato i miei seni e lentamente sono scivolati indietro lungo la mia schiena. Hanno raggiunto la cima dei miei pantaloni, si sono fermati un momento, poi sono andati più in città, dentro di loro/..
Gemetti piano, le sue mani che mi tiravano i pantaloni. "Puoi toglierti questi?" lui ha sussurrato. Annuii, sedendomi. Riuscii a strapparli via e gettarli da parte, ora solo in mutande. "Brava ragazza…. Sei stato bravo ultimamente, vero…” Mi morsi il labbro incerto se fosse una trappola o meno, ma poi ho deciso che era sicuro e ho annuito.
"Sì, signore, sono stato..." "Forse meriti una ricompensa..." Mi morsi il labbro non sapendo cosa dire. Improvvisamente mi ha afferrato i fianchi e mi ha fatto cadere sulla schiena. Lo fissai con il fiato sospeso senza sapere cosa stesse succedendo. Chinandosi, mi baciò dolcemente, dolcemente. Sospirai chiudendo gli occhi, avvolgendo le braccia intorno al suo collo. Si chinò un po' di più, premendo contro di me.
La mia mano si alzò, scorrendo tra i suoi capelli mentre iniziava a succhiarmi delicatamente il labbro inferiore. piagnucolai, girando la testa per spezzare il bacio ancora incerto sul fatto che dovessi godermela. "Quale vuoi che sia la tua ricompensa?" sussurrò, ora baciandomi il collo e la mascella. "Non so, signore..." piagnucolai.
"Dove vuoi il mio marchio?" Mi mordo il labbro e feci un cenno verso la parte superiore del seno. Si chinò baciando e mordicchiando finché non apparve un piccolo cerchio rosso. "Là…. Se qualcuno lo vede, saprà che sei mio.
"Lo sanno già signore..." sorrise baciandomi di nuovo, la nostra lingua si mescolò. gemetti alzando i fianchi per premere contro di lui. Potevo sentire la sua lunghezza crescere attraverso i pantaloni. «Ho qualcosa per te, mia cara puttana...» sospirò infilandosi in tasca. "Te lo ricordi, vero?" tirò fuori un piccolo cilindro di ottone con la punta arrotondata e un filo, che si collegava a un piccolo telecomando. “Un altro regalo per il mio fedele apprendista..” sussurrò.
Mi morsi il labbro non sapendo cosa mi avrebbe fatto. Improvvisamente ha girato un po' il telecomando e l'ho sentito iniziare a vibrare "Cosa diavolo?" Prima che potessi dire altro, me l'ha fatto scivolare tra le gambe e dentro di me.
"Oh Dio…." gemetti piegando i fianchi per un piacere selvaggio. Era proprio come prima, la sensazione intensa. Mentre muovevo i miei fianchi, l'Orologiaio premette il pollice sul mio clitoride strofinando forte e veloce. "Per favore padrone... per favore... fammi venire..." piagnucolai con i denti scavando nel mio labbro inferiore. Non rispose, un sorriso malvagio sulle labbra. “Attenta, troia mia.,.... Non disobbedire... non sfidare... O verrai punito senza pietà…” Annuii annuendo debolmente trattenendo disperatamente il mio orgasmo.
Chinandosi Sky sussurrò "Ora... cum!" Ho quasi urlato mentre lasciavo che le onde del piacere prendessero il sopravvento, venendo così forte che il giocattolo che Sky ha fatto scivolare fuori sul letto. Mentre il mio corpo si afflosciava ansimando, sorrisi debolmente ammiccando allo sguardo desideroso di Sky. "Brava ragazza…." è arrivata la risposta.
"La mia piccola troia vuole qualcos'altro?" Aprii le gambe annuendo, ma restando in silenzio. "Oh, lei vuole, vero?" spense il giocattolo vibrante, appoggiandolo sul mio comodino. Alzandosi in piedi si mise le mani sui fianchi aspettandomi. Immediatamente ero in ginocchio sul letto, le mie mani che lottavano per slacciargli cintura e pantaloni. Le nostre labbra si incontrarono freneticamente, e non appena i suoi pantaloni furono slacciati, ero supino sul letto, tirandomi addosso il mio padrone.
Mi ha preso in giro leggermente con la punta, non proprio entrando ma non entrando in me. "Prego Signore…. Smettila di prendermi in giro e riempimi…” sussurrai. Una spinta dentro di me fu la mia risposta, e le mie dita affondarono nelle lenzuola. "Oh... Oh.. Oh..." sussurrai ad ogni sua spinta. Gemette piano, senza interrompere il contatto visivo con me.
Improvvisamente, la testa si è premuta nel mio punto g e ho potuto fermare il grido soffocato e schizzare. Sky the Clockmaster non si è fermato a punire la sua troia, scegliendo invece di muoversi più velocemente e più forte. Le mie braccia sollevarono le mie mani appoggiate sulle sue spalle, le mie unghie che affondavano nelle sue spalle attraverso la sua maglietta.
I suoi occhi si chiusero e il suo carico caldo esplose dentro di me, gocciolando fuori di me e sulle lenzuola. Sky crollò, tutto il suo peso su di me, ansimando, cercando di riprendere fiato. Lentamente, le sue braccia si avvolsero intorno al mio corpo e io sospirai di sollievo; Sapevo ora che non dovevo temere di essere punito almeno in quel momento.
Non disse nulla, girandomi su un fianco, rannicchiandosi contro di me da dietro, il suo corpo mi accarezzava. “Vedi mia cara? Dovresti ascoltare più spesso…” “Forse lo farò…” sospirai, appoggiandomi alla schiena “Mi piace comportarmi male…”. SLAAP! Urlai mentre il Mastro Orologia mi sculacciava. “Farai come ti è stato detto quando ti è stato detto…” Mi fece le fusa nell'orecchio mordicchiandolo scherzosamente. Sorrido appoggiandolo con la schiena a lui. "Si signore…"
“Ora mia cara... Penso che dovrei lasciarti adesso. Si è alzato in piedi ma gli ho preso la mano. “Per favore Sky... resta con me...” Esitò “Dovrei davvero lasciarti vestire e--” “Per favore... Per me…. Come hai detto, sono stata una brava ragazza. Sorridendo si sdraiò di nuovo, le sue braccia intorno alla mia vita. "Bene…. Bene…” è stato come se ci fossimo addormentati.

Storie simili

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

622 I più visti

Likes 1

Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro. Parte 2 - Il livello successivo Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra...

601 I più visti

Likes 0

Notte incredibile

Notte incredibile Qual è stata la tua notte o il tuo giorno di sesso più incredibile? Cosa lo ha reso così fantastico? Questo è mio, quattro anni fa. Quando ho comprato il mio duplex nei sobborghi di Minneapolis, significava che sarei rimasto qui per un po' e ne ero davvero felice. Una giovane coppia sposata poco più che ventenne stava affittando l'altra parte del duplex. Avevo appena compiuto trentadue anni e mi sentivo già una generazione avanti a loro. Ho organizzato una piccola festa per conoscere i vicini e si sono presentate una ventina di persone. La maggior parte aveva figli...

1K I più visti

Likes 0

Innocente ragazza asiatica si è trasformata in una schiava Capitolo 3

“Indossa una gonna domenica. Niente reggiseno o mutandine. Sophia lesse il breve messaggio e sospirò. Era stata essenzialmente costretta a rinunciare a tutto il resto della sua vita solo per far piacere al Maestro Liam. Invece di andare al club culinario giovedì durante il pranzo, ha passato il tempo a succhiargli le palle nella Tesla. Invece di andare a prendere Boba con le sue amiche domenica, avrebbe perso la verginità con un anziano che aveva incontrato solo due settimane prima. Sophia era terrorizzata dal dolore di perdere la sua verginità. Ha letto online di quanto sia stata dolorosa la rottura dell'imene...

827 I più visti

Likes 0

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

637 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

512 I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

794 I più visti

Likes 0

Chi vuoi baciare

Avevo circa 13 anni quando è successo, ero un bambino molto arrapato, ma per ora per qualche ragione non lo capisco più. L'ho inventato un po' : P Non vedo l'ora di baciare un ragazzo! disse Carolina mentre sfogliava la sua rivista Tiger Beat. Non voglio baciare Devin, il ragazzo della mia classe di matematica. Lo conosci vero? ha detto mentre mi guardava. uh uh. ho mormorato. Ero troppo impegnato a pensare al ragazzo che avrei voluto baciare per dire qualcos'altro. Non volevo dirglielo, ma pensavo che suo fratello di 16 anni fosse molto incantevole. Quasi tutte le sere di questo...

843 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

688 I più visti

Likes 0

Fucking the Pooch o Al's Vacation

Mentre ero seduto nella taverna a bere birra e sparare cazzate con Al, il proprietario di questo bel locale, stavamo parlando del suo problema. Sembra che la sorella di Al, Naomi, abbia vissuto in Romania e voglia che Al la visiti. L'unico problema è che Al ha paura di viaggiare da solo e vuole che qualcuno viaggi con lui. È qui che entro. Al, non posso credere che un ragazzo come te abbia paura di viaggiare da solo? Ho riso di lui. Semplicemente non mi piace andare in un posto dove le persone parlano un'altra lingua si lamentò Al. “Ma ho...

672 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.