Santo Gallo Ch.02

717Report
Santo Gallo Ch.02

Il giorno del Janazah (funerale) era arrivato, e come un brutto cliché anche la pioggia. La pioggia aveva reso molto più difficili i rituali di sepoltura; la tomba aperta rischiava di essere sopraffatta dall'acqua. Alla fine tutti i rituali e le formalità di sepoltura furono risolti. Tutti lasciarono lentamente il cimitero, ma Javed rimase indietro per un po'.

"Mi dispiace tanto papà, davvero. Mi hai dato tanto e come ti ho ripagato, io..." disse Javed, faticando a finire la frase.

Non poteva dirlo ad alta voce; non poteva dire di aver ripagato suo padre facendogli succhiare il cazzo dalla moglie. Non solo, ma aveva ancora intenzione di scoparsi sua madre Farhana, sapeva che la morte di suo padre avrebbe reso sua madre ancora più vulnerabile. Mentre piangeva la morte di suo padre, si rese anche conto dell'opportunità che ora c'era.

"FERMATI! Bastardo!" gridò Javed a squarciagola. "Smettila di pensare a cose del genere, maledetto fottuto tuo padre è appena morto."

Javed tornò a casa, sperando di potersi liberare di questi pensieri. In fondo sapeva che questi pensieri non sarebbero andati via così facilmente. Mentre si dirigeva verso la porta di casa sentiva piangere tutte le donne all'interno, poteva sentire sua nonna, le sue zie e tutte le altre donne che piangevano tutte all'unisono.

L'unica persona che non riusciva a sentire era sua madre, dalla morte del padre non aveva detto una parola a nessuno. Farhana si era chiusa nella sua stanza, il suo isolamento preoccupava tutti ma poi era previsto, dopotutto suo marito era appena morto.

Ma nessuno sapeva davvero il vero motivo per cui Farhana si era isolata, il motivo era il senso di colpa. Si sentiva in colpa per le sue scopate con l'Imam (sacerdote); aveva tradito suo marito. Si sentiva in colpa perché voleva avere un grosso cazzo dentro di lei in quel momento, in particolare il cazzo mostruoso di suo figlio.

Il solo pensiero che invadesse la sua figa la fece bagnare, una delle sue mani si spostò involontariamente verso il suo inguine. Farhana iniziò quindi a massaggiarsi lentamente e delicatamente la figa; ricordava il sapore del suo sperma. Era assolutamente meraviglioso, così dolce; ce n'era così tanto.

"Smettila puttana, non hai vergogna donna. I tuoi mariti sono morti, tutto ciò a cui riesci a pensare è tuo figlio, il suo cazzo e quanto ne hai bisogno," disse Farhana a se stessa.

"Non devi vergognarti mia cara."

"Chi l'ha detto? Chi c'è?" disse Farhana mentre esaminava la sua stanza buia, eppure non c'era nessuno.

"Non riconosci la mia voce, mia cara?"

La voce suonava così imperiosa e dura, ma anche gentile e indulgente. La voce suonava familiare. Farhana allora ricordò all'istante la voce che aveva sentito molte volte prima, la voce che le aveva parlato del demone dentro di lei, la voce che le aveva parlato del santo cazzo che l'avrebbe purificata dai demoni con dentro di lei. Era la stessa voce che le aveva detto che suo figlio possedeva il santo cazzo che l'avrebbe curata.

"Sei tu Allah, il mio creatore, il mio dio?" disse Farhana anche se sapeva per certo che era lui, il suo creatore, il suo dio.

"Sì, sono io, figlio mio. Non provare vergogna o senso di colpa; sono io che ho portato via tuo marito da questo piano di esistenza. Non preoccuparti per lui, è al sicuro in paradiso. So che stai pensando , "Perché l'hai portato via". È molto semplice, bambina mia, ti apre la strada per usare il santo cazzo di tuo figlio. Così puoi sbarazzarti dei demoni che sono in te. Dopo tutto, sei una delle mie creazioni preferite su questo pianeta e non posso sopportare di perderti a causa del diavolo. Ora cogli questa opportunità, mia cara."

Farhana aspettò qualche minuto per vedere se il suo creatore avrebbe parlato di nuovo ma non lo fece, sapeva che se n'era andato. In fondo aveva detto tutto quello che c'era da dire, probabilmente doveva occuparsi di altre faccende.

Ma nonostante tutto ciò che Farhana continuava a sussurrare "Grazie per la tua guida", sapeva che avrebbe sentito la sua gratitudine. Alla fine Farhana alzò lo sguardo e vide che Javed era in piedi nella sua stanza e la guardava intensamente.

"Da quanto tempo è lì?" si chiese.

Javed era lì da un po' ormai. In effetti era stato lì per tutto il tempo, anche quando Farhana "comunicava" con Allah. Javed era salito di sopra per controllare sua madre, era entrato nella sua stanza in silenzio per non essere disturbata. Quando entrò nella stanza, rimase senza fiato quando vide sua madre sul letto che si strofinava furiosamente il clitoride.

Quando finalmente si fermò e iniziò a parlare da sola, si stava rimproverando per aver pensato al suo cazzo. Sentendo che il suo cazzo improvvisamente sembrava contrarsi, sentendo quanto lei desiderasse il suo cazzo lo aveva eccitato. Stava per avvicinarsi al suo letto e dirle che se lo desiderava così tanto tutto quello che doveva fare era chiedere. Proprio mentre stava per fare il primo passo verso di lei, lei si alzò improvvisamente dal letto e iniziò a guardarsi intorno nella stanza.

"Cosa diavolo sta guardando?" mormorò Javed tra sé.

Poi vide sua madre cambiare improvvisamente il tono della sua voce, sembrava simile a quando sua madre stava parlando di tutte quelle stronzate sul suo cazzo che era "santo" e lei aveva una specie di demone dentro di lei. Javed rimase lì turbato, stupito e molto divertito alla vista di sua madre che parlava da sola, fingendo di essere Allah. Sapeva che avrebbe dovuto strapparla di scatto, ma non ci provò, una parte malata e perversa di lui si stava divertendo.

La parte malata e perversa era il suo enorme cazzo o, come direbbe sua madre, il suo "santo" cazzo. Ciò gli portò un sorriso ironico in faccia; sapeva cosa doveva fare per avere sua madre. La "comunione" di sua madre con Allah era diretta in una direzione entusiasmante, si rese conto allora che non avrebbe dovuto sforzarsi così tanto per ottenere sua madre. Era più o meno pronta per essere tutta sua. La sua furiosa erezione si stava sforzando contro i suoi jeans; doveva essere rilasciato.

"Presto, molto presto", pensò Javed tra sé.

Alla fine sua madre alzò lo sguardo e lo vide lì in piedi. Poteva dire che sua madre stava cercando di capire da quanto tempo era nella sua stanza.

Farhana finalmente ruppe il silenzio, "cos'è Javed?"

"Mamma, la cosa più meravigliosa mi è successa mentre tornavo a casa. Allah mi ha parlato...!" Poteva vedere gli occhi di Farhana illuminarsi per l'eccitazione, aveva il sorriso più bello sul viso.

"Mi ha parlato del mio dono, che era mia responsabilità aiutarti con il mio cazzo santo. Mi ha detto che avevo il potere di salvarti dal fuoco infernale, madre. Ha spiegato che sarebbe stato un processo lungo. Mi ha detto io che il mio sperma era la chiave, che SOLO il mio sperma poteva aiutarti.

"Mi ha anche fatto una domanda, mi ha chiesto se ti amavo o no. E io ho detto di sì..." Javed non riuscì a finire la frase mentre le labbra di sua madre erano premute contro le sue prima che se ne rendesse conto.

La lingua di Farhana sondò l'interno della bocca di suo figlio, "No, non solo mio figlio, ma il mio salvatore" pensò Farhana.

Entrambi erano bloccati nel bacio più appassionato e potente di sempre, mentre entrambi esploravano la bocca dell'altro, le loro lingue guizzavano dentro e fuori dalla bocca dell'altro. Entrambi avevano ragioni molto diverse sul perché credevano che questo bacio fosse così potente e appassionato. Farhana credeva che fosse dovuto al fatto che proveniva dal suo salvatore, colui che era stato benedetto da Allah.

Mentre Javed credeva che fosse perché sua madre era una troia sottomessa, e che questa passione era il suo bisogno del suo cazzo. Ciò di cui entrambi non si rendevano conto era che questo bacio appassionato rappresentava il loro amore reciproco, qualcosa che entrambi non avrebbero realizzato per un po'. Javed sentì sua madre che gli sbottonava i pantaloni. Poi fece scivolare lentamente la mano nei suoi boxer, le sue mani fredde avvolsero il cazzo di Javed.

"Il mio santo cazzo ha bisogno di cure prima che possa iniziare l'esorcismo" disse innocentemente Javed; voleva sentire le labbra calde e succulente di sua madre attorno al suo cazzo.

Farhana fu più che felice di accontentarti: "Certo, mio ​​caro figlio". Si inginocchiò davanti a Javed; poi gli ha tirato giù i pantaloni e le scatole. Farhana sussultò, non riusciva ancora a credere quanto fosse grande il cazzo mostruoso di suo figlio, "Oh dio, lo voglio così tanto", pensò tra sé.

Javed poteva sentire le morbide labbra di sua madre aprirsi mentre il suo cazzo entrava nella sua bocca. Gemette di piacere non appena il suo cazzo fu inghiottito da sua madre. Abbassò lo sguardo per vedere la testa di sua madre che si muoveva su e giù per il suo cazzo. Javed voleva vedere sua madre conati di vomito sul suo cazzo come aveva fatto l'ultima volta, quindi le ha tenuto la testa mentre le spingeva il membro fino in fondo alla gola. Poteva sentire la sua bocca stringersi attorno al suo cazzo; poteva vedere quanto si stesse divertendo.

Farhana ha continuato a succhiare il cazzo di suo figlio con passione. Adorava assolutamente la sensazione del mostruoso cazzo di suo figlio che le colpiva la parte posteriore della gola, il modo in cui pulsava nella sua bocca. Le piaceva tutto e non vedeva l'ora che suo figlio entrasse nella sua figa bagnata. Farhana credeva che finalmente il demone dentro di lei sarebbe stato estinto. Nessuno aveva mai soddisfatto pienamente la sua fame, da suo zio, suocero, marito, il capo di suo marito, l'idraulico nero e infine l'Imam (sacerdote). Avevano fallito tutti, ma questa volta sapeva che sarebbe stato diverso.

Nel frattempo Javed si sentiva come se fosse in paradiso "dannazione questa puttana sa davvero come succhiare un cazzo, chissà se ha fatto altri uomini oltre all'Imam", pensò tra sé.

Javed si è reso conto che era pericolosamente vicino a venire e che doveva fare il passo successivo prima di perdere questa opportunità. Ha cercato di allontanare sua madre dal suo pene, ma lei era riluttante. Era così presa dal succhiare l'enorme mostro che non ha mai voluto rilasciarlo, ma alla fine ha ceduto.

Javed la tirò su e poi la condusse a letto "Sdraiati mamma e allarga le gambe il più possibile, così posso iniziare il processo per salvarti." Farhana obbedì immediatamente, l'anticipazione di avere una cosa così mostruosa dentro di lei era semplicemente troppo.

La pressione del suo cazzo palpitante sulle sue labbra la mandò oltre il limite, lei venne all'istante "Oh Allah, non l'ha ancora messo dentro e sono già venuta,"

"Cosa mi farà quando sarà finalmente dentro di me?" pensò tra sé.

Javed iniziò strofinando il suo cazzo sull'ingresso di sua madre; di tanto in tanto metteva la testa dentro di circa mezzo pollice e tirava fuori. Voleva stuzzicare sua madre il più possibile, sapeva che era già venuta quindi chiaramente lo voleva, ma voleva sentirlo da lei.

Ogni volta che Farhana sentiva suo figlio tirare fuori la testa del suo cazzo, emetteva un gemito. Lo desiderava così tanto ma non sapeva se era perché c'era davvero una specie di demone malvagio dentro di lei o perché era una puttana arrapata e depravata.

"Mettilo dentro figlio, il demone diventa irrequieto dentro di me", non poteva più aspettare "Metti il ​​tuo magnifico cazzo santo dentro di me, spingilo dentro così i demoni non possono più controllarmi e posso essere salvata dal fuoco dell'inferno ".

"Sei sicura madre, e se fosse la voce dei demoni che ho sentito invece di quella di Allah" rispose timidamente Javed.

"No, figlio mio, è stato sicuramente Allah, l'Onnipotente, il più potente perché ha detto la stessa cosa a me. Ha detto che avevo bisogno del tuo cazzo; ne ho bisogno figlio mio per salvarmi. Fidati di me, mio ​​bellissimo ragazzo, la tua mamma ha bisogno di te e del tuo santo cazzo," rispose Farhana con un rinnovato senso di convinzione. Ovviamente questo è ciò che Allah voleva, non lei, era la volontà di Allah che ciò accadesse.

"Se lo dici tu mamma, ti amo troppo per negarti la possibilità di salvarti", Javed pensava di essere così vicino a convincere sua madre ad ammettere che era lei non alcune parole inventate di esseri inesistenti, ma questo dovrebbe bastare per ora. Quindi Javed ha speronato il suo cazzo o come amava chiamarlo sua madre, il suo "santo" cazzo nella sua fica in attesa.

"OH JAVED! Oh mio dolce ragazzo, mio ​​salvatore sbrigati e vieni dentro tua madre, sbrigati!" sussultò sua madre.

Solo cinque pollici del suo cazzo duro erano dentro di lei, eppure la stava già facendo impazzire. Man mano che più di lui entrava in lei, poteva sentire la sua figa allungarsi, a lei sembrava che la sua figa fosse stata squarciata.

"Javed...oh Allah, mi sto stirando, mi stai stirando la figa." gridò Farhana.

"Non preoccuparti ancora un po' mamma, ti sarà più facile dopo." grugnì Javed mentre continuava a infilare il suo enorme tubo dentro a sua madre.

"Sì, hai ragione figlio mio... Oh Allaaah, oh cazzo... Allah dammi forza." Farhana gemette.

Sei pollici, sette pollici, otto pollici

"No, è troppo, oh Allah fa male, fa male a Javed. Sono così pieno. Non ce la faccio." piagnucolò Farhana senza fiato.

"Devi mamma, è la volontà di Allah. Non vuoi disobbedire all'onnipotente ora, vero?" chiese Javed innocentemente. Odiava stare al gioco così, ma dannazione era così bello, non voleva perderlo.

"Sì, hai ragione figlio mio. Oooooh, oooooh Allah." gemette. "È lo Shaitan (Diavolo), sì, deve essere lui, sta cercando oooooh, di portarmi fuori strada oooooh. Quindi ignora le mie lamentele continua ooooh."

Nove pollici, dieci pollici, undici pollici,

"Oh Allah, la mia figa ooooooh, ooooooh sembra così piena. Devi fermare Javed." sussultò Farhana.

"No, non fermarti, noooooo oooooh Allah, continua. Sì, è così, oooooh, sì, continua. Oh sì figliolo, ora ci si sente meglio. Continua", tubò.

Finalmente dodici pollici, "OOOOOH JAVED MOOMMY'S, CUMMM OOOOOH CUMMMIN.....oh cazzo, è così bello, piccola." sussultò Farhana.

Sentire sua madre lottare per accoglierlo dentro di sé lo rendeva ancora più difficile. Sentire la sua figa calda, bagnata e stretta attorno al suo cazzo lo ha quasi mandato oltre il limite, proprio come sua madre.

Ma aveva la volontà di resistere "Dopo tutto il mio cazzo è un" santo ", benedetto dall'onnipotente per spegnere il fuoco nella calda fica di mia madre. Hashanah." pensò tra sé.

Ha iniziato a sbattere il cazzo dentro e fuori da sua madre come un pistone. Tutti i 12 pollici dentro e poi fuori, ogni volta che lo tirava fuori era accompagnato da sua madre che lo supplicava di sbattere contro di lei.

Farhana non riusciva a credere a quanto piena potesse farla sentire il bel giovane cazzo palpitante di suo figlio. Sapeva che era grande, dopotutto l'aveva messo in bocca DUE VOLTE eppure non avrebbe mai potuto immaginare quanto grande e pieno si sarebbe sentito dentro di lei. Rimase sbalordita dalla vista del mostruoso palo da 12 pollici di suo figlio che la lacerava.

L'ultima volta che si è sentita così piena è stato 6 mesi fa, quando David, il suo idraulico, l'aveva scopata. Questo prima che tornasse in Nigeria per visitare la sua famiglia. Aveva certamente placato il demone dentro di lei per un po' con il suo enorme pene nero, ma suo figlio si sentiva ben due pollici più lungo e 3 pollici più spesso di lui.

Eppure c'era un livello di intimità che non aveva mai provato con nessun altro uomo, vedere suo figlio che si sforzava così tanto di aiutarla nel nome di Allah la faceva davvero sentire orgogliosa di essere sua madre.

Gli avvolse le gambe intorno e lo tirò più vicino. Farhana lo baciò appassionatamente; ricambiò il bacio con uguale passione mentre entrambi i corpi coperti di sudore si stringevano ancora più vicini di prima.

"Voglio che tu oooooh; sappi mio dolce bambino che la mamma è oooooh gawwwdd, che ti ama così tanto, ed è orgogliosa di te per ooooooooh Allah, per aver fatto questo e aver finalmente accettato la tua religione, oooooh cazzo" gemette Farhana mentre si allontanava dalle labbra di suo figlio.

"Sì madre, avrei dovuto accettare la nostra religione, ugghhhh così dannatamente vista, prima. Ringrazio Allah per averci portato così vicino. Lode all'onnipotente" grugnì Javed tra le spinte.

"Lode all'onnipotente, ooooooooh.....ooooooh.....cazzo.....cazzo, sto arrivando...sto arrivando babyyyy!" strillò di gioia.

Le faceva ancora molto male, ma mentre suo figlio continuava, la sua figa impotente si allargava un po' per accoglierlo. Cominciò lentamente a sentirsi sempre meglio, il dolore veniva sostituito dal puro piacere.

Ora che la figa di sua madre si era allargata, ha permesso a Javed di prendere il ritmo. Cominciò a sbattere dentro e fuori il suo cazzo da 12 pollici con un movimento fluido. Poteva dire che aumentando la sua velocità stava inviando ondate di piacere attraverso il corpo di sua madre.

Non riusciva a credere al fatto che sua madre fosse già venuta due volte; lei deve davvero godere di questo.

Farhana poteva sentire suo figlio aumentare il ritmo e penetrare in lei più velocemente e più a fondo. Cercò di eguagliare il suo ritmo spingendo i fianchi in avanti per incontrare le sue spinte.

Javed stava raggiungendo punti dentro di lei che non erano mai stati toccati da nessun uomo prima. Il piacere di avere il suo palo mostruoso dentro di lei fece tremare ogni singolo muscolo del suo corpo.

Vedere le tette di sua madre ondeggiare e sussultare ogni volta che lui le sbatteva addosso, gli fece capire che aveva il più grande rack che avesse mai visto. Erano leggermente cadenti ma ancora piuttosto sodi. Afferrò entrambi i suoi tumuli mentre continuava ad arare dentro di lei, stringendo e accarezzando gli enormi globi. Cominciò a pizzicarle i capezzoli duri; il pizzicotto era accompagnato da un lieve gemito e dalle fusa di sua madre.

Iniziò a colpire i suoi duri boccioli con la lingua, e poi finalmente li strinse avidamente. Stava ancora una volta succhiando le tette di sua madre proprio come faceva da bambino. Eppure questa volta è stato molto meglio "hmmm mi chiedo perché?" sorrise tra sé.

"Oh Allah, sì, è così, succhia il seno della mamma. Sì, è così, prenditi cura di questi adorabili tumuli", gemette in estasi.

"Dai, figlio di puttana, fottimi davvero bene. Voglio il tuo fottuto seme caldo dentro di me. Voglio oooooh cazzo, cazzo sì, lo voglio, dammelo, stronzo." sbottò Farhana. Non intendeva dirlo, perché ha detto una cosa del genere ad alta voce?

"No, ignora quello che ho detto, sei un ragazzo dolce oooooh Allah non una madre... stronzo....ooooh Allah. È di nuovo lo shaitan, non lasciare che ti scoraggi figlio mio. Quindi la mamma ha bisogno del tuo seme divino dentro di lei" rispose velocemente cercando di rettificare ciò che aveva detto prima.

"Va bene mamma, capisco ma quando hai detto tutte quelle cose sporche ero vicino a rilasciare il mio seme divino madre. Forse dovresti dire di nuovo quelle cose." disse innocentemente.

Aveva pensato che alla fine si fosse arresa alla sua vera natura e che avrebbe chiuso con questa facciata di merda di seguire gli ordini di qualche dio. Ma sapeva che l'aveva, che questa non sarebbe stata l'ultima volta che avrebbe avuto bisogno del suo "santo" cazzo.

"Va bene, Oooooooooh Allah, questo mi fa sentire così fottutamente bene. Andiamo figlio di puttana, ooooooooh ooooooooooh sì, questo mi fa più male. Sì, fottimi oooooh sì, oh signore." gemette di piacere.

"Ti piace tuo figlio scopare, vero, certo che ti diverte. Perché la mamma è una puttana, giusto, è una puttana del cazzo che ama il grosso cazzo di suo figlio." disse Javed.

"Oh sì, la mamma è una puttana, la mamma ama il cazzo, la mamma ama il cazzo bianco, il cazzo nero, il cazzo marrone, adora tutti i tipi di cazzo. Ma adora i suoi piccoli figli di puttana, enormi mostri, oh sì, lo adora. Il cazzo di tuo padre non era niente rispetto al tuo, aveva un pisello floscio, ma quello del mio bambino oooooh ooooooh ne ha uno grosso." Non appena ha detto che se ne è pentita, ma ha pensato che avrebbe potuto spronare Javed ancora di più.

In parte aveva ragione perché ha spronato Javed a scoparla ancora più forte proprio quando pensava che non fosse possibile farlo. Lei lo guardò e vide un'intensità animalesca, un desiderio di scoparsela "no, no, un desiderio di salvarmi" si corresse.

Con un rinnovato senso di desiderio Javed ha continuato a scoparla come un animale impazzito. Voleva scoparla così forte che lei sarebbe tornata a supplicarlo all'istante. Quando Farhana iniziò a provare un altro orgasmo, pensò che Javed sarebbe arrivato presto. Ma Javed ha continuato a pompare il suo cazzo dentro e fuori di lei. Ben presto un orgasmo fu seguito a breve da un altro; alla fine perse il conto di quanti orgasmi aveva sperimentato. Eppure suo figlio ha continuato a scoparla per quella che le è sembrata un'ora.

"Dai piccola, la mamma ha bisogno che tu venga... Ho bisogno del tuo benedetto seme dentro, oooooh sì piccola vieni dentro mamma, salvala dalla dannazione." lei tubava.

"Ecco che arriva, mamma, ecco che arriva il seme divino del tuo bambino, STO ARRIVANDO MAMMA, oooooh sì" ha urlato Javed mentre scaricava il suo sperma caldo in profondità nel buco del cazzo di sua madre.

"Oooooh loda l'onnipotente, oooooh sì mamma può sentire il tuo sperma baby, è così caldo e fantastico. Non fermarti, riempimi la figa, annega i demoni dentro con il tuo seme divino." fece le fusa Farhana di piacere.

Poteva sentire il carico, dopo il carico, dello sperma caldo di suo figlio dentro di lei. Era da un po' che qualcuno non la riempiva di tanto sperma. Amava assolutamente la sensazione della sua fica che veniva riempita con del seme caldo. Sapeva che avrebbe dovuto preoccuparsi di rimanere incinta, ma in quel momento con suo figlio che le pompava il suo carico non le importava un cazzo.

Voleva di più e lui continuava a vomitare di più per lei. È venuto così tanto che Farhana ne ha sentito un po' fuoriuscire dalla sua figa e creare un casino. Farhana ha messo le dita nella sua figa per raccogliere un campione in modo che potesse assaggiarlo. Aveva un sapore delizioso, i suoi succhi mescolati con esso lo rendevano ancora migliore.

Javed non avrebbe mai immaginato che avrebbe mai visto il buco dell'amore di sua madre scorrere con il suo sperma, e che immagine era. "Grazie, Allah, Dio, Buddha, Gesù o signori alieni, se ce n'è qualcuno lassù, grazie per la migliore scopata della mia vita."

Nonostante fosse esausto, Javed sentì il suo cazzo agitarsi, il che sembrò gradire la vista di sua madre che raccoglieva il suo sperma a piacere. "Non so se posso scoparmela, ma sembra che a qualcuno piaccia il sapore dello sperma."

Farhana ha notato che suo figlio si alzava dal letto tenendo il suo "santo" cazzo. "Aspetta un attimo, è già duro come può essere, mi ha appena fottuto il cervello ed è ancora duro." "Mamma, quando Allah mi ha parlato, mi ha detto che ogni volta che il mio santo cazzo era duro, significava che era giunto il momento per me di darti il ​​mio seme divino per aiutarti. Devo dartelo, non importa dove siamo. Mi ha anche detto che il processo sarebbe stato lungo ma una volta terminato ci avrebbe fatto sapere entrambi. Quindi per favore accetta il mio santo cazzo. disse Javed.

Fingendo di essere il ragazzo religioso e fedele che sua madre ha sempre voluto che fosse. Si sentiva un fottuto idiota per aver fatto quel discorso assurdo, ma dannazione voleva sentire quelle labbra carnose sul suo cazzo.

Farhana non poteva fare a meno di avere gli occhi annebbiati, davvero l'onnipotente ha lavorato in modi misteriosi. Per tutta la vita ha voluto che suo figlio fosse fedele alla sua religione quanto lo era lei; ora era benedetto come lei come Allah aveva parlato anche a lui. L'Onnipotente la conosceva bene; perché altrimenti le manderebbe un cazzo così bello? Era sempre stato fantastico con lei, ogni volta che un cazzo non riusciva a soddisfarla misteriosamente ne appariva un altro.

Vedere il cazzo lì in tutta la sua gloria le fece formicolare ancora una volta le labbra della figa. Lo voleva di nuovo dentro di sé ma non pensava di poterlo gestire, non ancora. Così si alzò dal letto, si avvicinò a suo figlio e si mise in ginocchio. Poi ha gettato la testa in avanti e ha succhiato e leccato l'enorme cazzo marrone di suo figlio come una donna pazza di sesso.

Adorava questo cazzo proprio come adorava il suo Dio; dopotutto era un regalo. Adorava il modo in cui il suo cazzo era caldo e duro nella sua bocca. Fece scorrere la mano su e giù per la sua asta sentendone il peso e accarezzandola dolcemente. Vedere le sue piccole mani che cercavano di afferrare il suo meraviglioso cazzo la fece arrapare ancora di più di prima. La sua figa piena di sperma era ancora una volta bagnata mentre faceva scorrere la lingua sull'intero albero.

"È fantastico mamma, ooooh dannazione" gemette Javed di piacere.

Farhana sentì le mani di suo figlio sulla sua testa mentre inghiottiva il suo intero cazzo e se lo forzava in bocca ancora una volta. Adorava il sapore del succo della sua figa e del suo sperma mescolati insieme, aveva un sapore un po' salato ma non le importava. Le sue narici erano piene del suo odore. Si fermò dal bavaglio mentre continuava a prendere il suo cazzo in bocca. La sua bocca iniziò a schiumare di saliva mentre Javed le batteva il viso con il suo cazzo. Poi sentì le sue mani afferrarle i capelli e tirarla con forza rude. Lei restituì la sua ruvidità afferrando le sue natiche dure come una roccia con le mani mentre faceva del suo meglio per tenere il suo cazzo in bocca. Aveva il respiro corto e non sapeva per quanto tempo avrebbe potuto resistere senza svenire.

"Javed, ragazzi, state bene?" sentì chiedere sua zia.

"Merda, è Afsana zia, cosa diavolo dovrei fare." pensò Javed tra sé

Sua madre era così impegnata a succhiarglielo che non si è nemmeno accorta che sua sorella la stava chiamando. Era intenta ad assaggiare ancora una volta il suo seme divino.

"Stanno bene zia ji." rispose Javed rapidamente.

"Beh, va bene, ho sentito delle urla che mi hanno fatto preoccupare. Ma sbrigati e scendi di sotto la cena pronta e tutta la famiglia vi sta aspettando."

"Sì, stiamo arrivandoggggg" gridò Javed in pura gioia.

Il suo cazzo tremava nella sua bocca mentre mandava sbuffi di sperma caldo in gola, soffocandola. Le tirò fuori dalla bocca e spruzzò il suo bel viso con una raffica di sperma caldo. Lo sperma appiccicoso le è entrato nei capelli, negli occhi e nel naso. Ha immediatamente ingoiato il carico caldo in bocca. Il sapore del suo sperma la faceva impazzire, così lo ingoiò avidamente.

"Ti ha fatto sentire bene come lo è stato per me, figlio mio?" chiese con un'espressione timida mentre si massaggiava il suo cazzo sul viso.

"Sì, mamma, è stato fantastico, ma la cosa migliore è stata fornirti il ​​mio sperma caldo, intendo il mio seme divino in modo che possa aiutarti con i tuoi demoni interiori." disse serio con un enorme sorriso.

"Oh Allah, grazie per avermi dato un figlio così premuroso" disse mentre baciava la testa del suo cazzo mentre le soffiava un ultimo carico sul viso.

"Adesso dovremmo scendere a mangiare, ho fame. Sembra che le tue madri avranno bisogno di molta energia d'ora in poi." disse mentre si asciugava il suo sperma dal viso e se lo leccava dalle dita.

"Inoltre, non tutti capiranno quanto sia speciale, o crederanno che siamo stati benedetti da Allah stesso, quindi penso che sia meglio se lo teniamo segreto." esclamò.

"Sì certo mamma nessuno lo capirebbe, in fondo lì non sono speciali come noi."

"Anche mamma, assicurati di essere pronta perché dobbiamo ancora espellere i demoni dall'altro tuo buco." le fece l'occhiolino mentre andava in camera sua per cambiarsi.

"Potrei abituarmi a questo." Javed sorrise tra sé.

Continua...

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

649 I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

365 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

626 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.