Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

839Report
Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi.

"Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire!" Inger stava ringhiando a Jake.

"Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che Sheeka non fosse ferita così gravemente." Jake affermò che nuove lacrime cadevano dai suoi occhi.

Tutti e 3 i suoi Jinn guardarono improvvisamente la porta con sguardi scioccati. "Maestro Jake?" Ha iniziato Gen.

"Lo so; mi dispiace Gen e tutti voi. Sono stato un maestro così indegno per tutti voi. Sono più che merito della morte lenta che so che sta arrivando." Jake ha detto che non vedendo, il pensiero che morissero a causa sua, gli faceva desiderare che quando fosse morto sarebbero rimasti vivi.

Ci fu il suono di un gong e poi una fanfara dal suono titanico. Apparve il consiglio dei Jinn; shock evidente su tutti i loro volti. Il desiderio espresso da Maestro Jake era inaudito. Poi Rasmir sorrise: un'altra parte della leggenda stava per realizzarsi. Questa dimostrazione di amore incondizionato per tutti e quattro i suoi Jinn, oltre al fatto che era disposto a morire pur di poter vivere, lo era.

Jake sentì il consiglio sussultare e si avvicinò a loro. "Grande consiglio dei Jinn." cominciò Jake. "Mi umilio davanti a te chiedendoti, per favore, di aiutare i miei Jinn a vivere quando morirò. Li amo tutti e la morte di uno solo è troppo."

Jake cadde a terra aspettando il colpo mortale che sapeva sarebbe arrivato. All'improvviso la stanza divenne silenziosa, beh Jake pensò che fosse così.

All'improvviso una voce bassa e tranquilla si diffuse nelle sue orecchie: "Mio caro, caro amorevole Maestro. Non sono morto, amore mio."

Alzando lo sguardo, Jake vide Sheeka immerso in una luce dorata, con la bocca spalancata e poteva solo fissarlo. Alla fine, ritrovando la voce, Jake riusciva a malapena a pronunciare le parole. "Io... ti ho visto cadere, ti ho abbracciato, ho sentito il tuo cuore fermarsi e il tuo respiro. Sono confuso, felice sì, ma molto confuso."

"Forse posso aiutarti, padre." Venne una voce dall'aria. "La saggezza e il coraggio che hai dimostrato insieme all'amore incondizionato. Queste cose che hai per mamma e gli altri. Ora so che, come amano gli altri, il TUO amore è una magia molto più potente di qualsiasi cosa quei malvagi potrebbero produrre . La mamma starà bene presto, ma tu e loro avete molto da fare prima che tutti noi nasciamo."

Jake guardò mentre Sheeka sorrideva e le toccava amorevolmente lo stomaco. All'improvviso, così come era iniziato, Sheeka si addormentò sdraiata sul divano vicino a sua sorella.

Jake era ancora sotto shock e non avrebbe potuto dire una parola anche se avesse voluto, un sorriso storto sulle labbra. ‘Saggezza e coraggio? Lui? Diavolo, pensavo di essere un codardo", pensò Jake, traendo un sussulto dal Gen.

"Maestro Jake! Tu caro Maestro non sei un codardo! Sei andato da Sheeka anche quando il trio mortale stava per distruggerti. Ti preoccupi più per noi che per te stesso. Sei il maestro più gentile e gentile che il mondo abbia mai visto. Mi dispiace Maestro, ma sei tutt'altro che un codardo!" disse Gen con le braccia incrociate, uno sguardo di rabbia negli occhi.

Jake rimase scioccato per un momento, stava appena iniziando ad abituarsi alle lodi. Ci voleva un bel po' per assimilare le parole che Gen aveva pronunciato. Non si sentiva alcun tipo di eroe, aveva semplicemente fatto quello che pensava fosse giusto. Inoltre era ancora responsabile del fatto che Sheeka si fosse fatta male.

"Riconosco che non sono un codardo, ma sono comunque responsabile del fatto che si sia fatta male. Ho promesso a tutti voi che vi avrei protetto il più possibile. Ciò significa non mettervi nella posizione di potervi fare del male. ..." stava dicendo Jake quando fu nuovamente interrotto.

"Tutto questo, come dici tu, è vero, padre, anche se sappiamo entrambi che anche ognuno di questi quattro darebbe la vita per te. Padre, accetta semplicemente il fatto che il vostro amore reciproco è molto più potente di qualsiasi cosa possano inviarvi." te. Devo andare papà, stai bene, ci vediamo presto." Detto questo la voce scomparve, Jake seduto lì a fissare tutti e quattro i suoi Jinn.

'Dannazione,' pensò Jake, 'vorrei che Akeesha avesse sentito tutto questo, in questo modo potrebbe non volermi uccidere quando si sveglierà.' Ci fu un gemito dal divano poi gli occhi di Akeesha si aprirono. Tremante si alzò in piedi e si avvicinò a Jake.

"Ho sentito tutto quello che è stato detto. Ti avverto comunque, Padrone Jake, proteggila o morirò ponendo fine alla tua vita!" Ancora una volta lei si tirò indietro per schiaffeggiarlo solo per cadere tra le braccia di Jake.

Guardando Inger Jake disse: "Inger aiutami a portarla sul divano, temo che sia debole e abbia bisogno di riposare. Puoi restare e vegliare su di lei?"

Gli occhi di Inger si spalancarono mentre aiutava Jake a portarla sul divano. Chi era questo maschio umano che teneva più ai Jinn che alla propria vita?

"Sì, sono il maestro Jake. Ascolto sempre la voce della mia padrona. Maestro Jake, posso farti una domanda?" chiese timidamente Inger a Jake. Quando lui si limitò ad annuire, lei continuò. "Ho notato che non ti sei difeso da Akeesha. Posso chiederti perché?"

Jake fece un profondo sospiro poi aprì la bocca: "Ciò che ha detto era vero, avevo promesso di proteggerli tutti. Sento di aver fallito in questo senso. Era perfettamente nel suo diritto punirmi. Inoltre le ho detto di portarla via." rabbia su di me. Sentivo di averlo più che meritato. "

Gli occhi di Inger si spalancarono ancora di più alle sue parole. Un maschio che ha effettivamente accettato la responsabilità delle sue azioni? Scuotendo la testa pensò che aveva bisogno di studiare di più quest'uomo. Se tutto quello che diceva era vero allora era davvero un maschio raro al mondo.

Jake si avvicinò a Trully che stava nuovamente esaminando Sheeka, con un ampio sorriso sul viso. "Starà bene, Trully? Ero così spaventato quando l'ho vista iniziare a cadere. Pensavo di aver perso lei e il bambino, tutto quello che potevo pensare era il perché? Suo figlio è molto più importante di me, così come lo è lei. " Quest'ultima parte Jake la disse quasi in un sussurro.

"Sì, Padron Jake, sta bene, così come il bambino che porta in grembo. Padron Jake, ho una domanda per te, per favore rispondi sinceramente." Jake fece un cenno a Trully. "Dici che ami tutti i tuoi Jinn come hai dimostrato più e più volte."

Di nuovo Jake annuì fissando Trully un po' confuso. "Certo che le amo tutte, come potrei non farlo? Sono le donne più gentili e dolci che abbia mai incontrato."

"Ok, allora rispondimi. Non è forse possibile che anche loro ti amino al punto che tu sei tutto per loro?" Trully disse che il suo sorriso cresceva quando vide una luce improvvisa apparire negli occhi di Jake.

"Pensavo che si sentissero obbligati... ad agire come fanno... ma non hanno mai... come avrei potuto?" Jake balbettò sentendosi ancora più confuso di prima.

Trully scosse semplicemente la testa: "Il maestro Jake, per quanto sia saggio e coraggioso come te, non sai davvero nulla dell'amore, vero?"

Jake abbassò la testa e arrossì, come era dolce Trully, che pensava che stesse arrossendo davvero! Guardando il consiglio dei Jinn ancora presente, Trully annuì a tutti loro. All'improvviso anche tutti sorrisero ampiamente.

Dandogli una leggera pacca sul braccio, Trully gli sussurrò: "Va tutto bene, Maestro Jake, tutti dobbiamo imparare prima o poi. Lo stesso vale anche per i Jinn; siamo molto simili agli umani perché dobbiamo anche imparare l'amore. Non farlo". Non preoccuparti; impari di più man mano che procedi." Detto questo Trully si diresse al consiglio lasciandosi dietro un Jake dalla faccia rossa e quasi completamente confuso.

Jake guardò Trully parlare con il consiglio per qualche minuto, poi si voltò con un inchino e se ne andò. L'intero consiglio aveva un'espressione sorpresa sui volti. Jake scosse la testa per schiarirsi le idee e si avvicinò a Rasmir.

"Rasmir, temo che potremmo aver bisogno di una strategia diversa. Non posso più rischiare la loro vita in questo modo. Non sono preoccupata tanto per me quanto per loro. Sheeka diventerà presto madre, non posso , NON la metterà più in pericolo in quel modo." Jake lo disse all'uomo più anziano.

"Maestro Jake, come sono sicuro che mia sorella ti abbia detto, ti amano troppo per NON farsi coinvolgere." Sorridendo ampiamente, Rasmir aggiunse: "Sono anche sicuro che avrai notato che tu e loro siete quasi intoccabili. Da quello che ho visto ci è voluta una quantità di magia estremamente potente per cercare di ferire Sheeka. Quel tipo di magia è quasi sconosciuta a tutti tranne alcuni." Rasmir mise un braccio intorno a Jake per sostenere l'uomo ancora confuso. "Sei un uomo molto fortunato, Maestro Jake, a conoscere l'eguale amore di quattro Jinn e a ricambiare quell'amore con la stessa fierezza di te."

Jake poteva solo annuire, questo era un po' troppo per lui, anche con tutto quello che aveva già visto.

A migliaia di chilometri di distanza, Nuha lottava per sopravvivere, aggrappandosi a malapena alla vita. Il dolore era ben oltre qualsiasi cosa avesse mai provato. Fatin e Abla stavano facendo del loro meglio per mantenere in vita Nuha, ma sentivano che stavano perdendo la battaglia. All'improvviso Fatin si arrabbiò, come osava quello stronzo di un maschio umano ferire la sua preziosa sorella! Abla dovette indietreggiare poiché il potere crescente di sua sorella stava effettivamente iniziando a respingerla.

Gli occhi di Abla si spalancarono mentre osservava il potere di Fatin aumentare e Nuha cominciava finalmente a respirare meglio. Urlando Fatin disse: "Lo ucciderò! Lo ucciderò! Nessuno fa del male a mia sorella, alla mia famiglia! NESSUNO!"

Nuha stava finalmente iniziando a essere riconoscibile mentre l'enorme quantità di potere fluiva da Fatin a lei. Finalmente, un'ora dopo, Fatin crollò a terra ai piedi di Nuha che si alzò e accarezzò il viso di sua sorella. "Non preoccuparti, mia cara sorella." Nuha ha detto alla forma immobile di Fatin. "Esigeremo la più orribile vendetta su quest'uomo e sui suoi... animali domestici!"

Abla rimase senza fiato mentre Nuha stava nuda di fronte a lei. "Sorella, il marchio sulla tua schiena!"

Nuha si precipitò verso uno specchio e fissò il segno a forma di fulmine lungo tutta la sua schiena. "Ah! Un piccolo prezzo da pagare per tutto quello che ho guadagnato!" Nuha rise maliziosamente mentre le scintille eruttavano dalle sue dita. "Sì, davvero un piccolo prezzo. Quell'idiota mi ha dato il potere di estinguere finalmente la sua pietosa esistenza!" Detto questo, Nuha lanciò un fulmine contro il muro più vicino, facendogli effettivamente un buco.

Abla sorrise: così sembrava, una fusione tra il potere antico e il potere naturale di una tempesta. L'Ever Last Master non aveva alcuna possibilità!

Jake si svegliò quella notte dopo essersi addormentato sul pavimento vicino sia ad Akeesha che a Sheeka. Sebbene la sua mente fosse piena di sogni terribili, Jake riuscì comunque a dormire un po'. Guardando il divano vide che Akeesha era sveglia e beveva da una tazza che Inger le teneva. Cercando di non emettere alcun suono, Jake voltò lo sguardo verso Sheeka. Un attimo dopo anche lei aprì gli occhi, Jake si alzò e le portò in fretta qualcosa da bere.

Sheeka si svegliò confusa, dove diavolo era? Questa era la dimora di Padron Jake ma... poi vide sua sorella e Inger. Un attimo dopo Jake apparve con una tazza per lei, oh per il grande Jinn, quell'acqua era così buona! Con una voce molto cavalla disse a Jake: "Grazie maestro, ma non devi fare questo, sono..."

"No, questo non è niente che ti ripaghi, anche se ho un'idea che spero non troverai troppo?" Jake ha detto a Sheeka, ora molto confuso, un'idea? Di cosa stava parlando il maestro? Bevendo a sazietà ringraziò Jake poi si sdraiò addormentandosi quasi immediatamente.

Jake sorrise sperando che fosse abbastanza forte da realizzare ciò che aveva in mente. Poi di nuovo Jake pensò, mentre il suo viso si contorceva in un momento di concentrazione, sperava di poterlo fare anche lui.

La mattina dopo Jake convocò tutti i suoi Jinn nella sala comune, come la chiamava lui. Chiamando anche il consiglio e Giunone, Jake pensava di avere abbastanza per testimoniare questo. Aveva già contattato Trully per scoprire se Sheeka era abbastanza forte da resistere a ciò che aveva in mente. Trully gli assicurò che era molto più forte di quanto apparisse.

"Grazie a tutti per essere venuti qui oggi, quello che è successo nell'ultima settimana o almeno così mi ha fatto pensare. Sheeka ha fatto molte cose coraggiose e onorevoli per me; all'inizio pensavo che fosse solo lei che cercava di ingannarmi. Poi ho scoperto che lei, così come io, abbiamo sviluppato dei sentimenti l'uno per l'altro." Jake si avvicinò ad una piccola alcova incastonata nel muro dove c'erano due bottiglie, quella di Sheeka e quella di Rosalinda.

Gen, Rosalinda e infine Rashala sorrisero tutti enormemente. Potevano vedere cosa stava per fare il loro padrone, erano pienamente d'accordo con la sua decisione. Sheeka poteva solo fissarla, aveva fatto qualcosa di sbagliato? Anche Akeesha stava fissando Jake, poiché aveva scoperto che l'uomo era pieno di sorprese.

"Ho deciso che hai fatto molto di più per me di quanto io possa fare per te." Jake disse mentre Sheeka chinava la testa, amava il suo padrone abbastanza da sopportare il dolore che l'essere nella sua bottiglia avrebbe prodotto. Una volta lì avrebbe pensato a tutto quello che aveva fatto di sbagliato e lo avrebbe corretto quando lui l'avesse lasciata uscire di nuovo. Con le lacrime agli occhi aspettava le sue parole di prigionia.

"Trovo che non posso vivere con la paura costante che il biberon incombe su di te. Non posso vivere con la stessa paura che incombe sul nostro primo figlio. Pertanto, davanti a tutti i presenti, auguro che tu non sia più schiavo di quella bottiglia ed essere liberi di amare e di vivere!" Glielo disse Jake.

Come Rashala prima di lei, Sheeka quasi non sentì Jake, poi con shock sentì le parole. "Io... tu... mi libererai?" Un ampio sorriso felice le illuminò il viso: "Ascolto e obbedisco al mio Maestro, è come desideri!"

Ci fu un boom assordante poi un altro suono di gong, la bottiglia di Sheeka iniziò a tremare e vibrare poi esplose e scomparve. Sheeka si alzò e si gettò tra le braccia di Jake baciandolo appassionatamente. "Grazie caro Maestro", gli sussurrò all'orecchio. Dall'altra parte della stanza Rosalinda sospirava che un giorno anche lei sarebbe stata libera. Sapeva di dover ancora dimostrare di non essere più malvagia, anche se il solo fatto di avere la possibilità di stare vicino a Jake era quasi una ricompensa sufficiente.

Una figura oscura aveva osservato gran parte di ciò che era accaduto, quindi pensavano che Dreama fosse ancora schiava della sua bottiglia. Bah! Questo suo nuovo nome era spazzatura! Presto la figura pensò che Dreama si sarebbe liberata di quell'umano egoista. Se ne sarebbero assicurati, questo era certo!

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

LESSI Capitoli 7-14

LEXI (Capitolo 7-14) CAPITOLO 7 Siamo finiti in un ristorante italiano preferito nel quartiere in cui a Spence piaceva andare. Era piuttosto affollato e l'unico posto libero era una cabina d'angolo. Abbiamo seguito l'addetto alla reception allo stand e Lexi è entrata per prima e Carmen ha detto. Stan, perché non entri tu il prossimo e riempi la parte centrale tra me e Lexi. Certo ho accettato. Ci sistemammo mentre sia Carmen che Lexi sedevano piuttosto vicine a me. Allora, cosa ne pensi di portare noi ragazze ad un appuntamento? chiese allegramente Lexi. Sì, sei in buone mani Stan mentre Carmen...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

832 I più visti

Likes 0

Facendo bagnare di nuovo Amy! Di Blueheatt __Amy era brava nel suo lavoro e io ho fatto il mio lavoro, ma i trucchi non si sono mai fermati. Chiamava: “James chiama estendere. 102” La chiamavo e lei mi abbaiava ordini. (le piaceva fare il capo con me, anche se non era il mio capo) “JAMES, la mia sedia ha un cigolio, alzati qui e riparala. CLIC. Ci andrei quando ne ho la possibilità, senza fretta. Prendevo il mio piccolo kit di attrezzi e mi comportavo come se stessi facendo qualcosa. Quando arrivavo lì, la sua assistente mi annunciava di entrare e...

838 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.