I 120 giorni di sodoma - 12 - parte 1, L'UNDICESIMO GIORNO

2.7KReport
I 120 giorni di sodoma - 12 - parte 1, L'UNDICESIMO GIORNO

L'UNDICESIMO GIORNO

Non si alzarono fino a tardi quel giorno e, rinunciando a tutte le solite cerimonie, andarono direttamente a tavola una volta alzati dai loro letti. Il caffè, servito da Giton, Hyacinthe, Augustine e Fanny, era in gran parte tranquillo, anche se Durcet non poteva fare a meno di alcune scoregge di Agostino, e il Duca infilò il suo coraggioso strumento tra le labbra di Fanny. Ora, poiché dal desiderio a ciò che il desiderio provoca non è che un solo passo con personaggi come i nostri eroi, andarono incrollabilmente verso la soddisfazione di se stessi; fortunatamente Agostino era preparato, soffiò una brezza costante nella bocca del piccolo finanziere, e lui quasi si irrigidì; quanto a Curval e al Vescovo, si limitarono ad accarezzare il sedere dei due ragazzini, e poi i nostri campioni si trasferirono in auditorium.

Un giorno la piccola Eugénie, che stava prendendo più confidenza con il resto di noi e che sei mesi di bordello aveva solo reso tutto più carino, Eugénie, dico, un giorno si avvicinò a me e alzando le sue gonne mi fece guardare il suo culo. "Vedi, Duclos, come Fournier vuole che mi tenga le spalle oggi?"
Una macchia di merda spessa un pollice ricopriva il suo dolce piccolo buco del culo.
"E perché vuole che tu lo indossi?" Le ho chiesto.
"È per il bene di un vecchio gentiluomo che viene questo pomeriggio", spiegò, "e si aspetta un asino incazzato".
"Bene, bene", dissi, "sarà molto contento di te, ne sono certo, perché il tuo non potrebbe essere più fittamente incrostato."
E lei mi ha detto che quella di Fournier era la mano che l'aveva imbrattata così. Curioso di assistere alla scena imminente, sono volato allo spioncino non appena è stata convocata la cara piccola Eugénie. L'attore principale era un monaco, ma uno di quei monaci che chiamiamo gros bonnets, un cistercense, alto, pesante, vigoroso, vicino ai sessant'anni. Accarezza la bambina, la bacia sulla bocca e, chiedendo di sapere se è ordinata e pulita, le issa personalmente le sottogonne per verificare un costante stato di pulizia di cui Eugénie gli dà piena sicurezza, pur sapendo che nulla potrebbe essere più lontano dalla verità ; ma le era stato ordinato di parlargli così.
"Cos'è questo, mio ​​piccolo mascalzone?" esclama il monaco vedendo quel formidabile pasticcio. "Cosa? Osi dirmi che sei pulito e ordinato quando il tuo culo è sporco come questo? Perché, per la Vergine, sono sicuro che sono passate quindici giorni da quando questo culo è stato asciugato. È davvero molto preoccupante, perché io mi piace che le cose siano pulite, lo faccio, e sembra davvero che sia meglio esaminare la situazione".
Mentre parlava aveva deposto Eugénie su un letto, si era inginocchiato dietro le sue natiche e aveva cominciato a staccarle con entrambe le mani. Si sarebbe pensato che, all'inizio, si proponesse semplicemente di osservare lo stato delle cose, che lo ha suscitato grande sorpresa, ma a poco a poco si abitua alle cose come stanno, vede qui una virtù dove aveva visto solo una colpa prima, tira fuori la lingua e avvicina la testa, si mette a lucidare la gemma, le zolle e le macchie che rimuove, l'oggetto incontaminato che nascondono infiamma i suoi sensi, il suo cazzo si alza, naso, bocca e lingua sembrano essere contemporaneamente al lavoro, la sua estasi sembra così deliziosa che è quasi privato del potere di parlare, la sua scopata finalmente monta - si afferra il cazzo, se lo frega e, mentre scarica, finisce di pulire quell'ano, che ora è così fresco e puro a malapena supponevo che fosse stato brutto non più di un minuto o due prima.
Ma il libertino non era ancora pronto a concludere la faccenda, questa sua voluttuosa mania costituiva un mero preliminare; si alza in piedi, elargisce altri baci alla sua piccola compagna, le mostra un gran culo dall'aspetto molto malvagio e molto immondo, e le ordina di scuoterlo a fondo, di socratizzarlo; questo gli fa rizzare il cazzo furiosamente, ora torna al culo di Eugénie, lo travolge con carezze, leccate e così via rinnovate, ma quello che ha fatto dopo non sta a me raccontarlo, né figurare correttamente in queste narrazioni introduttive ; voi, signori, avrete la grande gentilezza di permettere a Madame Martaine di parlarvi del comportamento di un cattivo che conosceva fin troppo bene; e per evitare tutte le domande, miei signori, che i vostri stessi regolamenti mi vietano di trattare, o di risolvere, proseguo con un altro episodio.
«Una sola parola, Duclos», disse il duca, che poi interrogò il narratore in un linguaggio indiretto che le consentiva di rispondere legittimamente. «È stato bello con il monaco? È stata la prima volta di Eugenia?...».
"Sì, sire, il primo, e il monaco era grande più o meno come il tuo."
"Ah, fottimi gli occhi!" mormorò Durcet; "una dannata bella dimostrazione, mi piacerebbe vederla."

Forse saresti stato altrettanto curioso, disse Duclos riprendendo il filo del suo racconto, sull'individuo che, pochi giorni dopo, passò nelle mie mani. Equipaggiato con un vaso contenente otto o dieci grandi stronzi raccolti da tutte le parti ei cui autori sarebbe stato molto afflitto ad aver identificato, ero con le mie stesse mani a strofinarlo dalla testa ai piedi con questa profumata pomata. Non fu trascurato un centimetro del suo corpo, nemmeno il suo viso, e quando gli ebbi massaggiato l'uccello, che allo stesso tempo gli fregai, il famigerato maiale, che per tutto il tempo si fissava soddisfatto allo specchio, lasciò tracce della sua umile virilità tra i miei palmi.
E finalmente, signori, siamo arrivati; Posso ora avvisarvi che l'omaggio sta per essere reso nel vero tempio. Mi era stato detto di tenermi pronto, ho tenuto le viscere chiuse per due lunghi giorni. Era un comandante dell'Ordine dei Cavalieri di Malta con il quale dovevo spezzare una lancia; vedeva ogni mattina una ragazza diversa per questi esercizi; la scena seguente è avvenuta a casa sua.
"Natiche molto chiare", fu la sua opinione mentre mi abbracciava il sedere. "Tuttavia, bambina mia," continuò, "c'è di più oltre ad avere un bel culo, lo sai. Quel bel culo deve sapere come cagare. Dimmi, hai voglia?"
«Un tale desiderio che muoio dalla voglia di soddisfarlo, monsieur», confessai.
"Ebbene, per Gesù, è delizioso!" esclamò il comandante, "è quello che si chiama un ottimo servizio alla società, ma guarda qua, paperella mia, ti piacerebbe cagare in questo vaso da notte che ti offro?"
"In fede, monsieur," risposi, "che con il bisogno che ho di cagare, lo farei ovunque, vi cagherei anche in bocca."
"No! Nella mia bocca, dici? Perché, che Dio mi benedica, è delizioso, ed è proprio il posto che io stesso avevo in mente per te", aggiunse, mettendo da parte la pentola.
"Ebbene, signore, affrettiamoci, alzate la bocca," dissi, "perché davvero non potrò trattenermi ancora a lungo."
Si mette sul divano, io gli salgo a cavallo, mentre operandolo lo friggo, lui mi sostiene con le mani le mie cosce e riceve, pezzo per pezzo, tutto quello che depongo nella sua bocca avida. È elettrizzato da tutto ciò, si avvicina alla sua estasi, il mio polso è appena necessario per far uscire le piene di sperma che salutano la mia esibizione; Friggo, concludo la mia cagata, il nostro uomo perde se stesso e il suo seme del tutto, e lo lascio felice con me, o almeno così ha la gentilezza di dire a Fournier, chiedendo allo stesso tempo i servizi di un'altra ragazza per l'indomani .
Il personaggio successivo adottò più o meno lo stesso approccio al problema, ma tenne semplicemente i bocconcini in bocca per un periodo più lungo. Li ridusse a un liquido, se ne sciacqui la bocca per un quarto d'ora e sputò fuori poco più che acqua sporca.
Un altro ancora aveva, se possibile, un'eccentricità ancora più bizzarra; gli piaceva trovare quattro stronzi nella pentola sotto una sedia forata, ma quei quattro stronzi non potevano essere mescolati con nemmeno una singola goccia di urina. Sarebbe stato rinchiuso da solo nella stanza che conteneva questo tesoro, non permetteva mai a una ragazza con sé, e bisognava prendere ogni precauzione per assicurare la sua solitudine, non poteva sopportare il pensiero di essere osservato, e quando finalmente si sentì sicuro entrò in azione; ma non sono assolutamente in grado di dirti cosa fece, perché nessuno l'aveva mai visto; tutto quello che si sa è che quando lui ebbe lasciato la stanza, il vaso fu scoperto perfettamente vuoto e il più ordinato possibile. Ma cosa ha fatto con i suoi quattro stronzi solo il diavolo può dirti, se davvero lo sa. Forse li ha buttati via da qualche parte, ma, d'altronde, avrebbe potuto anche fare qualcos'altro con loro.
Tuttavia, ciò che farebbe sospettare che non abbia fatto qualcos'altro con loro è che ha lasciato l'approvvigionamento di quei quattro stronzi interamente a Fournier e non ha mai fatto la minima domanda sulla loro origine. Un giorno, per vedere se ciò che stavamo per dire lo avrebbe allarmato - perché il suo allarme avrebbe potuto fornirci un indizio sulla sorte di quegli stronzi - gli abbiamo detto che quelli che gli erano stati serviti quel giorno erano venuti da diverse persone affette da sifilide. Rideva bonariamente con noi, non era minimamente turbato, reazione che non c'era da aspettarsi da qualcuno che aveva impiegato gli stronzi piuttosto che buttarli via. Quando abbiamo cercato, in una o due occasioni, di spingere un po' più in là le nostre domande, ci ha detto di tacere e non avremmo mai dovuto saperne di più sulla questione.
Questo conclude ciò che devo dirti questa sera, disse Duclos; domani mi propongo di raccontare il mio nuovo modo di vivere, o meglio la nuova svolta che il mio stesso modo di vivere ha preso, quando ho incontrato il signor d'Aucourt; e quanto all'affascinante passione che tanto prediligi, spero di avere l'onore di intrattenerti con esempi di essa per almeno altri due o tre giorni.
Le opinioni erano divise sulla sorte degli stronzi nell'episodio appena raccontato da Duclos, e mentre discutevano e ragionavano su di loro, i Messieurs ne fecero produrre alcuni per se stessi; e il Duca, desideroso di far conoscere a tutti il ​​gusto che stava sviluppando per Duclos, mostrò a tutta l'assemblea il suo modo libertino per divertirsi con lei, e la destrezza, attitudine e prontezza, accompagnate dal linguaggio più commovente, con cui ella sapeva così abilmente come soddisfarlo.
La cena e le orge avvennero senza alcun incidente insolito, nulla di importante ebbe luogo prima del pomeriggio del giorno successivo, e quindi possiamo passare direttamente alle recitazioni con cui Duclos illuminò il 12 novembre.

Storie simili

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

In un batter d'occhio

. In un batter d'occhio. Mi siedo sulla panchina aspettando l'autobus sentendomi solo come al solito. Sono quasi sempre circondato da persone, inclusi amici e familiari, e provo la profonda e infinita sensazione di essere solo su questo pezzo di roccia che chiamiamo casa. Ho ascoltato molte conversazioni sulla possibile esistenza degli extraterrestri, e lascia che te lo dica, esistono, solo forse non nella forma e nella forma che pensi. Quando completerai questa voce, crederai che non sono umano, molti mi chiamano animale o disumano, ma credo davvero di essere una forma di vita aliena, intrappolata su questo pianeta, alla ricerca...

622 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

578 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

*c'è una prima parte in questo e ancora una volta la grammatica non è perfetta* Il pensiero della torcia del capezzolo mi ha fatto eccitare, ma non oso dirlo a Mr.B. Mi ha afferrato il braccio e mi ha detto di sbottonarmi la parte superiore e di togliermelo insieme al reggiseno e di mettermi la mano sopra la testa, quando ci ho messo troppo tempo ha sospirato scuotendo la testa e mi ha dato altri schiaffi sul culo. Ho accelerato per non turbarlo più. Ha preso la mia tripla D e i miei grandi capezzoli sorridendo tra sé come se avesse...

1.1K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

1.1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

936 I più visti

Likes 0

Appuntato...

Il mio ultimo anno abbiamo viaggiato per circa 2 ore per un ENORME torneo di wrestling nella speranza di acquisire molta esperienza e forse un trofeo. Questo era diverso dalla fine del primo periodo della mia prima partita. Bene, abbiamo attraversato il primo senza che accadesse nulla di importante e ho toccato il fondo nel secondo periodo. Immagino che questo lo abbia reso un po' eccitato trovandosi in quella posizione di fronte a lui. Ho fatto un tiro e l'ho messo sulla schiena proprio al fischio. Suppongo che sia stato preso alla sprovvista e subito dopo si è reso conto di...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.