I 120 giorni di sodoma - 12 - parte 1, L'UNDICESIMO GIORNO

965Report
I 120 giorni di sodoma - 12 - parte 1, L'UNDICESIMO GIORNO

L'UNDICESIMO GIORNO

Non si alzarono fino a tardi quel giorno e, rinunciando a tutte le solite cerimonie, andarono direttamente a tavola una volta alzati dai loro letti. Il caffè, servito da Giton, Hyacinthe, Augustine e Fanny, era in gran parte tranquillo, anche se Durcet non poteva fare a meno di alcune scoregge di Agostino, e il Duca infilò il suo coraggioso strumento tra le labbra di Fanny. Ora, poiché dal desiderio a ciò che il desiderio provoca non è che un solo passo con personaggi come i nostri eroi, andarono incrollabilmente verso la soddisfazione di se stessi; fortunatamente Agostino era preparato, soffiò una brezza costante nella bocca del piccolo finanziere, e lui quasi si irrigidì; quanto a Curval e al Vescovo, si limitarono ad accarezzare il sedere dei due ragazzini, e poi i nostri campioni si trasferirono in auditorium.

Un giorno la piccola Eugénie, che stava prendendo più confidenza con il resto di noi e che sei mesi di bordello aveva solo reso tutto più carino, Eugénie, dico, un giorno si avvicinò a me e alzando le sue gonne mi fece guardare il suo culo. "Vedi, Duclos, come Fournier vuole che mi tenga le spalle oggi?"
Una macchia di merda spessa un pollice ricopriva il suo dolce piccolo buco del culo.
"E perché vuole che tu lo indossi?" Le ho chiesto.
"È per il bene di un vecchio gentiluomo che viene questo pomeriggio", spiegò, "e si aspetta un asino incazzato".
"Bene, bene", dissi, "sarà molto contento di te, ne sono certo, perché il tuo non potrebbe essere più fittamente incrostato."
E lei mi ha detto che quella di Fournier era la mano che l'aveva imbrattata così. Curioso di assistere alla scena imminente, sono volato allo spioncino non appena è stata convocata la cara piccola Eugénie. L'attore principale era un monaco, ma uno di quei monaci che chiamiamo gros bonnets, un cistercense, alto, pesante, vigoroso, vicino ai sessant'anni. Accarezza la bambina, la bacia sulla bocca e, chiedendo di sapere se è ordinata e pulita, le issa personalmente le sottogonne per verificare un costante stato di pulizia di cui Eugénie gli dà piena sicurezza, pur sapendo che nulla potrebbe essere più lontano dalla verità ; ma le era stato ordinato di parlargli così.
"Cos'è questo, mio ​​piccolo mascalzone?" esclama il monaco vedendo quel formidabile pasticcio. "Cosa? Osi dirmi che sei pulito e ordinato quando il tuo culo è sporco come questo? Perché, per la Vergine, sono sicuro che sono passate quindici giorni da quando questo culo è stato asciugato. È davvero molto preoccupante, perché io mi piace che le cose siano pulite, lo faccio, e sembra davvero che sia meglio esaminare la situazione".
Mentre parlava aveva deposto Eugénie su un letto, si era inginocchiato dietro le sue natiche e aveva cominciato a staccarle con entrambe le mani. Si sarebbe pensato che, all'inizio, si proponesse semplicemente di osservare lo stato delle cose, che lo ha suscitato grande sorpresa, ma a poco a poco si abitua alle cose come stanno, vede qui una virtù dove aveva visto solo una colpa prima, tira fuori la lingua e avvicina la testa, si mette a lucidare la gemma, le zolle e le macchie che rimuove, l'oggetto incontaminato che nascondono infiamma i suoi sensi, il suo cazzo si alza, naso, bocca e lingua sembrano essere contemporaneamente al lavoro, la sua estasi sembra così deliziosa che è quasi privato del potere di parlare, la sua scopata finalmente monta - si afferra il cazzo, se lo frega e, mentre scarica, finisce di pulire quell'ano, che ora è così fresco e puro a malapena supponevo che fosse stato brutto non più di un minuto o due prima.
Ma il libertino non era ancora pronto a concludere la faccenda, questa sua voluttuosa mania costituiva un mero preliminare; si alza in piedi, elargisce altri baci alla sua piccola compagna, le mostra un gran culo dall'aspetto molto malvagio e molto immondo, e le ordina di scuoterlo a fondo, di socratizzarlo; questo gli fa rizzare il cazzo furiosamente, ora torna al culo di Eugénie, lo travolge con carezze, leccate e così via rinnovate, ma quello che ha fatto dopo non sta a me raccontarlo, né figurare correttamente in queste narrazioni introduttive ; voi, signori, avrete la grande gentilezza di permettere a Madame Martaine di parlarvi del comportamento di un cattivo che conosceva fin troppo bene; e per evitare tutte le domande, miei signori, che i vostri stessi regolamenti mi vietano di trattare, o di risolvere, proseguo con un altro episodio.
«Una sola parola, Duclos», disse il duca, che poi interrogò il narratore in un linguaggio indiretto che le consentiva di rispondere legittimamente. «È stato bello con il monaco? È stata la prima volta di Eugenia?...».
"Sì, sire, il primo, e il monaco era grande più o meno come il tuo."
"Ah, fottimi gli occhi!" mormorò Durcet; "una dannata bella dimostrazione, mi piacerebbe vederla."

Forse saresti stato altrettanto curioso, disse Duclos riprendendo il filo del suo racconto, sull'individuo che, pochi giorni dopo, passò nelle mie mani. Equipaggiato con un vaso contenente otto o dieci grandi stronzi raccolti da tutte le parti ei cui autori sarebbe stato molto afflitto ad aver identificato, ero con le mie stesse mani a strofinarlo dalla testa ai piedi con questa profumata pomata. Non fu trascurato un centimetro del suo corpo, nemmeno il suo viso, e quando gli ebbi massaggiato l'uccello, che allo stesso tempo gli fregai, il famigerato maiale, che per tutto il tempo si fissava soddisfatto allo specchio, lasciò tracce della sua umile virilità tra i miei palmi.
E finalmente, signori, siamo arrivati; Posso ora avvisarvi che l'omaggio sta per essere reso nel vero tempio. Mi era stato detto di tenermi pronto, ho tenuto le viscere chiuse per due lunghi giorni. Era un comandante dell'Ordine dei Cavalieri di Malta con il quale dovevo spezzare una lancia; vedeva ogni mattina una ragazza diversa per questi esercizi; la scena seguente è avvenuta a casa sua.
"Natiche molto chiare", fu la sua opinione mentre mi abbracciava il sedere. "Tuttavia, bambina mia," continuò, "c'è di più oltre ad avere un bel culo, lo sai. Quel bel culo deve sapere come cagare. Dimmi, hai voglia?"
«Un tale desiderio che muoio dalla voglia di soddisfarlo, monsieur», confessai.
"Ebbene, per Gesù, è delizioso!" esclamò il comandante, "è quello che si chiama un ottimo servizio alla società, ma guarda qua, paperella mia, ti piacerebbe cagare in questo vaso da notte che ti offro?"
"In fede, monsieur," risposi, "che con il bisogno che ho di cagare, lo farei ovunque, vi cagherei anche in bocca."
"No! Nella mia bocca, dici? Perché, che Dio mi benedica, è delizioso, ed è proprio il posto che io stesso avevo in mente per te", aggiunse, mettendo da parte la pentola.
"Ebbene, signore, affrettiamoci, alzate la bocca," dissi, "perché davvero non potrò trattenermi ancora a lungo."
Si mette sul divano, io gli salgo a cavallo, mentre operandolo lo friggo, lui mi sostiene con le mani le mie cosce e riceve, pezzo per pezzo, tutto quello che depongo nella sua bocca avida. È elettrizzato da tutto ciò, si avvicina alla sua estasi, il mio polso è appena necessario per far uscire le piene di sperma che salutano la mia esibizione; Friggo, concludo la mia cagata, il nostro uomo perde se stesso e il suo seme del tutto, e lo lascio felice con me, o almeno così ha la gentilezza di dire a Fournier, chiedendo allo stesso tempo i servizi di un'altra ragazza per l'indomani .
Il personaggio successivo adottò più o meno lo stesso approccio al problema, ma tenne semplicemente i bocconcini in bocca per un periodo più lungo. Li ridusse a un liquido, se ne sciacqui la bocca per un quarto d'ora e sputò fuori poco più che acqua sporca.
Un altro ancora aveva, se possibile, un'eccentricità ancora più bizzarra; gli piaceva trovare quattro stronzi nella pentola sotto una sedia forata, ma quei quattro stronzi non potevano essere mescolati con nemmeno una singola goccia di urina. Sarebbe stato rinchiuso da solo nella stanza che conteneva questo tesoro, non permetteva mai a una ragazza con sé, e bisognava prendere ogni precauzione per assicurare la sua solitudine, non poteva sopportare il pensiero di essere osservato, e quando finalmente si sentì sicuro entrò in azione; ma non sono assolutamente in grado di dirti cosa fece, perché nessuno l'aveva mai visto; tutto quello che si sa è che quando lui ebbe lasciato la stanza, il vaso fu scoperto perfettamente vuoto e il più ordinato possibile. Ma cosa ha fatto con i suoi quattro stronzi solo il diavolo può dirti, se davvero lo sa. Forse li ha buttati via da qualche parte, ma, d'altronde, avrebbe potuto anche fare qualcos'altro con loro.
Tuttavia, ciò che farebbe sospettare che non abbia fatto qualcos'altro con loro è che ha lasciato l'approvvigionamento di quei quattro stronzi interamente a Fournier e non ha mai fatto la minima domanda sulla loro origine. Un giorno, per vedere se ciò che stavamo per dire lo avrebbe allarmato - perché il suo allarme avrebbe potuto fornirci un indizio sulla sorte di quegli stronzi - gli abbiamo detto che quelli che gli erano stati serviti quel giorno erano venuti da diverse persone affette da sifilide. Rideva bonariamente con noi, non era minimamente turbato, reazione che non c'era da aspettarsi da qualcuno che aveva impiegato gli stronzi piuttosto che buttarli via. Quando abbiamo cercato, in una o due occasioni, di spingere un po' più in là le nostre domande, ci ha detto di tacere e non avremmo mai dovuto saperne di più sulla questione.
Questo conclude ciò che devo dirti questa sera, disse Duclos; domani mi propongo di raccontare il mio nuovo modo di vivere, o meglio la nuova svolta che il mio stesso modo di vivere ha preso, quando ho incontrato il signor d'Aucourt; e quanto all'affascinante passione che tanto prediligi, spero di avere l'onore di intrattenerti con esempi di essa per almeno altri due o tre giorni.
Le opinioni erano divise sulla sorte degli stronzi nell'episodio appena raccontato da Duclos, e mentre discutevano e ragionavano su di loro, i Messieurs ne fecero produrre alcuni per se stessi; e il Duca, desideroso di far conoscere a tutti il ​​gusto che stava sviluppando per Duclos, mostrò a tutta l'assemblea il suo modo libertino per divertirsi con lei, e la destrezza, attitudine e prontezza, accompagnate dal linguaggio più commovente, con cui ella sapeva così abilmente come soddisfarlo.
La cena e le orge avvennero senza alcun incidente insolito, nulla di importante ebbe luogo prima del pomeriggio del giorno successivo, e quindi possiamo passare direttamente alle recitazioni con cui Duclos illuminò il 12 novembre.

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

947 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

838 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

1.3K I più visti

Likes 0

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

956 I più visti

Likes 1

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1K I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

516 I più visti

Likes 0

Game Over

Game Over. Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento. La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore...

853 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

814 I più visti

Likes 0

Un piccolo servizio

Yorkshire, Inghilterra, qualche anno fa. Un piccolo servizio. Stavo lavorando in ufficio a capo pozzo quella mattina, il sole splendeva d'oro sul fumo del locale caldaia, gli uccelli tossivano, non pioveva da due giorni, e questa è ufficialmente una siccità nello Yorkshire. Qualsiasi strada intorno a cui mi stavo occupando della cera d'api quando arriva il capo. Blagthorpe. Sommat si sbagliava. Non era tutto audace come al solito. Era quasi nervoso. Ah giovane Allen, dice, tutto amichevole come quando vuole che i conti vengano manipolati. Chissà se potresti rendermi un servizio? Lo farò se posso gaffer, dico, Cosa sta succedendo? Ora...

1.3K I più visti

Likes 0

Notte in città

Una notte in città. Ciao, mi chiamo Chas e mia moglie non ne ha mai abbastanza. Si diverte davvero a essere nuda in pubblico e ad avere il suo corpo usato per il piacere degli uomini, scopata in tutti i suoi buchi, frustata, sculacciata, lo chiami lei ama, è così. Se qualcuno mi avesse detto otto mesi fa, che avevo una moglie sgualdrina e che presto avrei permesso a qualsiasi uomo, in effetti gruppi di uomini, di spogliarla nuda e abusare del suo corpo come voleva, di umiliarla, usarla come loro troia, avrei detto loro che erano fuori di testa. Comunque...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.