Jack e Jill

1.4KReport
Jack e Jill

Jack e Jill hanno scalato la montagna insieme
Storia vera
Non sono un autore di alcuna sostanza, tuttavia volevo catturare alcuni eventi e fantasie che ho avuto. Spero che Jill (il soggetto di questa storia) lo legga

Mi chiamo Jack. Felicemente sposato da oltre 20 anni, vive a Londra.
Alcuni anni fa ho incontrato Jill a un incontro di lavoro. All'epoca eravamo concorrenti negli affari, ma a causa dell'importanza di un progetto comune siamo stati costretti a cooperare insieme.
Jill è ciò che la maggior parte degli uomini sogna. Pesava circa 55 kg con seni a coppa C e gambe lunghe e tornite che rendevano il mio cazzo duro come una roccia. Ha i capelli neri, gli occhi azzurri, la vita sottile e un sorriso capace di abbattere ogni resistenza. Il suo culo è piccolo e rotondo. Non si rende conto di quanti uomini si eccitano quando lei è nei paraggi.
Jill è sofisticata, molto intelligente, volitiva e sa come fare a modo suo. Jill è la donna dei miei sogni. Ha la capacità di possedere la tua anima, le tue fantasie e possiederà i tuoi orgasmi. Sarai suo a comandare. Sfortunatamente Jill non condivide il mio letto perché siamo entrambi sposati.
Quando ho visto per la prima volta questa bellezza, è stato molto difficile mantenere la concentrazione. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era scoparla senza senso.
La nostra collaborazione è rimasta strettamente professionale nei due anni successivi, ma sono sicuro che la mia lussuria era evidente
Jill è rimasta oggetto di molte fantasie nel corso dei due anni e, come ha voluto il destino, le nostre strade si sono incrociate di nuovo e avremmo avviato un'attività come soci alla pari

Come per qualsiasi attività commerciale, i primi anni si sono rivelati molto difficili, tuttavia io e Jill ci siamo avvicinati di giorno in giorno.
In una bella giornata, io e Jill decidemmo di goderci insieme un bicchiere di vino rosso in un ristorante locale. In poco tempo avevamo finito 2 bottiglie di vino ed eravamo piuttosto liberali con le nostre espressioni verbali e pensieri. Jill ha detto qualcosa che mi ha colpito in mezzo agli occhi... ha commentato la quantità di tempo che abbiamo passato insieme e ha detto che era la mia "LAVORO".
Jill indossava blue jeans e una camicetta blu che mostrava abbastanza scollatura da calamitare i miei occhi. Tutto quello che volevo era vedere quelle bellezze.
In quel momento, la mia testa che girava per il troppo vino rosso ora girava con i pensieri di questa magnifica donna che mi aveva appena detto di essere la mia "moglie di lavoro". Tutto quello a cui riuscivo a pensare era scoparla... la volevo, avevo bisogno di lei. Nient'altro contava. Il rigonfiamento nei miei pantaloni tradisce la mia lussuria.
Jill ha un modo con le parole. Mi ha detto cose che mi hanno fatto sentire un milione di dollari. Non mi ero mai sentito così bene prima. A questo punto, sapevo di essere una causa persa. Sono stato colpito dalla resistenza scomparsa.

Dopo un rapido bacio lussurioso in macchina sulla via del ritorno in ufficio, abbiamo aspettato che la costa si schiarisse e che il resto del personale tornasse a casa.
Jill era in cucina a versarsi un po' d'acqua per cercare di smaltire un po' la sbornia, così da poter tornare a casa in macchina. Sono arrivato dietro di lei, con il cuore che batteva come un tamburo, e in qualche modo ipnotizzato dalla lussuria nel mio cazzo, ho premuto forte sul suo culo e l'ho baciata sul collo... lei si è girata e invece di schiaffeggiarmi, ha iniziato a baciarmi. I suoi baci andavano oltre i miei sogni più sfrenati. Ha esplorato la mia bocca con la lingua, prendendosi in giro e all'improvviso mi ha morso... il sangue scorreva nella mia bocca, e in un certo senso immagino fosse come una ragazzina che perde la verginità. Ero appena diventato suo.

L'ho sollevata sul bancone per tutto il tempo baciandomi. Le ho slacciato la cintura e ho aperto la zip dei suoi blue jeans e li ho tolti solo fino alle ginocchia. Indossava stivali, quindi i suoi jeans erano a mezz'asta
Ho aperto ogni bottone della sua camicetta di seta. Davanti ai miei occhi, l'oggetto della mia lussuria, la donna che possedeva i miei sogni e pensieri era davanti a me. Che spettacolo glorioso. Mi sentivo come se fossi in una zona crepuscolare bloccata tra il mio sogno e la realtà
Le baciai il collo e mi feci strada lungo il suo petto. Le mie mani cercano il premio. Abbassandole il reggiseno, liberai i suoi magnifici seni dalla loro prigionia. I suoi piccoli capezzoli vivaci danno via la sua stessa lussuria. Li ho baciati e gli ho succhiato i capezzoli attirandoli nella mia bocca e rilasciandoli alla ricerca dell'altro.
Le mie mani si spostarono rapidamente lungo i lati del suo corpo, per trovare il suo perizoma di pizzo. Ho agganciato i lati delle sue mutandine e li ho tirati fuori. Eccola lì, seduta sul bancone, in tutto il suo splendore. Ho sempre pensato che Jill fosse bella, ma ora davanti a me c'era una dea. La sua fica era qualcosa da vedere. Capelli tagliati, ma non ben rasati. Le sue labbra erano gonfie ei suoi succhi molto visibili. Allungò la mano e si mise le dita nella fica e di nuovo con mia sorpresa si assaggiò. Sono sicuro che il mio cuore ha perso un battito. Poi si è infilata di nuovo le dita nella fica e me le ha messe in bocca. Aveva un sapore meraviglioso. I suoi succhi di fica si mescolavano con il sangue nella mia bocca e sapevo che questa era un'unione senza paragoni.

Mi sono inginocchiato e ho iniziato a baciarle la fica. Ho aperto le sue labbra che hanno fatto una farfalla perfetta. Succhiando, leccando, facendo roteare la lingua. Stavo assaporando le sue parti più interiori. Ho pensato tra me e me "questo è ciò che significa essere una moglie che lavora". Ho sentito la sua mano sulla nuca. Stava macinando la sua fica sulla mia faccia. Stava usando la mia faccia per raggiungere l'orgasmo.
Jill è venuta tre volte quella notte prima di tornare a casa da suo marito. Io invece stavo pazientemente aspettando il mio turno per prendere possesso del suo corpo. L'unione era stata creata, lei mi possedeva. Su questo non c'erano dubbi.



capitolo 2
Passarono diverse settimane, con entrambi che cercavamo di compartimentare gli eventi che erano accaduti. L'argomento era "tabù" come argomento di discussione. Dopotutto avevamo un'attività da gestire.
Ancora una volta si presentò l'opportunità di bere qualcosa in ufficio. Questa volta avevamo invitato i nostri colleghi, quindi la possibilità che ci mettessimo nei guai non era grande. Ben presto quattro bottiglie di vino rosso si sono fatte strada nei nostri sistemi ed eravamo ben oltre il limite per guidare.
Più tardi quella sera, fummo di nuovo lasciati soli in ufficio, in attesa di smaltire la sbornia a sufficienza per poter tornare a casa in macchina.
Ho preso Jill per mano e l'ho portata nel mio ufficio. Essendo l'amministratore delegato dell'azienda, avevo una scrivania leggermente più grande. Non prestando attenzione a nulla, ho pulito la scrivania e ho fatto sedere Jill sulla mia scrivania mentre ero sulla mia sedia da ufficio. L'ho spinta indietro in modo che fosse sdraiata sulla mia scrivania. Potevo sentire quel dolce profumo della sua figa. Le sollevai la gonna e le tirai di lato il perizoma di pizzo viola. Questo era il mio momento. Stavo per scoparla. Stavo per impossessarmi di lei, come lei ha fatto con me.
Mentre mi sedevo, con le gambe di Jill sulle mie spalle, ricominciai ad assaporare il suo nettare. Aveva un sapore paradisiaco. La stavo leccando e baciando il suo interno coscia. Guardando il suo respiro aumentare ei suoi fianchi sollevarsi per incontrare la mia seduzione. Sapevo che questa notte il mio cazzo avrebbe spruzzato il suo seme nelle profondità di questa dea. La mia lussuria incontenibile.
All'improvviso si è seduta dicendo “questo è barare. Non possiamo farlo” immediatamente si alzò, fece le valigie senza dire una parola e se ne andò. Il mio desiderio e la mia lussuria crollano come un edificio abbandonato che implode.
Il giorno successivo in ufficio è stato imbarazzante, nessuno dei due ha parlato di quello che è successo. L'incidente è stato nuovamente compartimentato e non è stato discusso. Passarono due lunghi mesi senza menzione o incidente.


capitolo 3
Come è successo, e come accade in molte aziende, l'inevitabile viaggio d'affari ha iniziato a profilarsi.
Stavamo andando in affari per negoziare diversi accordi di fornitura. Jill, essere una persona finanziaria è stato fondamentale per i negoziati.
Poche settimane dopo, dopo aver ottenuto i visti e i biglietti aerei richiesti, ci siamo fatti strada tra le partenze internazionali, lasciando mia moglie e suo marito che ci salutavano con la mano.
Il volo è stato lungo e in qualche modo durante il volo ho allungato la mano e ho tenuto la mano di Jill. Ci siamo addormentati abbracciati. Presto la sentii stringermi la mano e affondare le unghie nella mia pelle. Eppure sembrava addormentata. Ho guardato mentre Jill si contorceva e portava se stessa all'orgasmo proprio accanto a me.
Ho scoperto che Jill ha la capacità di venire senza che nessuno la tocchi o senza l'uso delle sue mani. La guardai contrarsi e respirare più velocemente mentre i suoi pensieri interiori prendevano il sopravvento. Fu allora che appresi che poteva raggiungere l'orgasmo senza alcun contatto fisico!
E ha ammesso che a volte, quando era sola al lavoro, lasciava vagare la mente e aveva i più deliziosi orgasmi segreti! Senza toccarsi! Le stava solo stringendo le cosce. Ma mi ha detto che spesso giocava con se stessa se non c'era nessuno in giro! Questa donna mi ha stupito.
Quando si è svegliata, le ho sussurrato all'orecchio "Sogno interessante?" La sua risposta è stata breve e definitiva "non andateci!!"
L'ho lasciato, sapendo che sarebbe stato un viaggio interessante.
All'arrivo alla nostra destinazione siamo stati portati al nostro alloggio sponsorizzato dal nostro fornitore. Siamo arrivati ​​in un bed and breakfast sub standard. Questo non era un albergo! Le nostre camere erano una accanto all'altra. Le camere erano pulite, ma fornivano il minimo di comfort. I letti erano duri e scomodi.
La stanza di Jill era particolarmente brutta. Ho sentito bussare alla porta, chiedendole se poteva usare la mia doccia. La sua stanza non aveva acqua. Ovviamente le ho fatto cenno di entrare nella mia stanza e, da vero gentiluomo, l'ho lasciata fare la doccia in pace. Tutto in me voleva entrare nella doccia e posare gli occhi su questo essere celeste davanti a me.
Mentre lei faceva la doccia io giacevo sotto le coperte accarezzandomi il cazzo al solo pensiero. Mentre stavo costruendo, è uscita l'asciugamano da doccia avvolto intorno al suo corpo e il mio cuore ha perso un battito. Non sono venuto, ma sapevo che quando lo avrei fatto sarebbe stato bello. I tre giorni accumulati nelle mie palle non mi avrebbero certo deluso.
Tornò nella sua stanza per finire di prepararsi per la giornata.
Più tardi quella notte, Jill aveva di nuovo bisogno di venire nella mia stanza perché la sua acqua era ancora un problema. Avevo due letti singoli e le dissi di mettersi comoda. Almeno potremmo guardare la TV insieme. Ha accettato ed è venuta a sedersi sul letto indossando pantaloncini e maglietta. Abbiamo condiviso di nuovo una bottiglia di vino rosso e presto le cose hanno iniziato a scaldarsi.
L'ho tirata verso di me. Si è sdraiata sulla mia spalla mentre ci rannicchiavamo insieme. Senza cura o preoccupazione della vita reale, ci siamo divertiti l'un l'altro. Jill indossa sempre il profumo più incredibile. La serata è stata trascorsa a solleticarle la schiena e ad accarezzarle i capelli. Non sono sicuro che Jill potesse sentire il battito del mio cuore o se potesse vedere la rigidità del mio cazzo. Sapevo di essere una causa persa con questa donna tra le mie braccia.
Per la maggior parte la prima notte ci siamo “comportati” bene.

Jill e io ci stavamo abituando al fatto che avevamo bisogno di condividere le strutture e in effetti condividere la mia stanza. Non solo aveva problemi con l'acqua, ma aveva anche problemi con la sua elettricità. Aveva bisogno di usare l'asciugacapelli.
Ogni occasione che abbiamo avuto durante il giorno seguente, ci tenevamo l'un l'altro, scambiandoci sguardi di apprezzamento e sussurrandoci affetto. La chimica stava crescendo, su questo... non c'erano dubbi.
Dopo una lunga giornata di visite alle fabbriche, siamo tornati al nostro alloggio. Dopo esserci sistemati nella mia stanza, abbiamo iniziato ad accarezzarci l'un l'altro. Eravamo sdraiati sul letto uno accanto all'altro e ci baciavamo. I preliminari sono stati incredibili. Improvvisamente Jill si alzò e lasciò la stanza. Proprio come aveva fatto prima. Questa volta, dicendo che stiamo andando troppo lontano. Mentre se ne andava, le ho detto che la porta sarebbe stata lasciata aperta e che aspetterò il suo ritorno.
Jill sedeva nella sua stanza e faceva molte conversazioni con se stessa. Due ore dopo, la porta si aprì e lei si infilò nel letto accanto a me.
Giaceva con la schiena rivolta verso di me e io le sussurrai all'orecchio "andrà tutto bene"
Quelle parole sono la chiave della sua anima interiore.
Le baciai il collo, mentre la sollevavo in posizione seduta. Le ho tolto la maglietta. I suoi meravigliosi seni in mostra. Gli occhi di Jill mi imploravano di succhiarle i capezzoli.
L'ho sdraiata sulla schiena e le ho tolto i pantaloncini. Là davanti a me c'era l'oggetto del mio desiderio, la donna che mi aveva controllato dal giorno in cui il mio sangue si era mescolato con il nettare delle sue parti più interne.

Mi sdraio su di lei ancora senza penetrarla, ancora baciandola e accarezzandola.
Ha afferrato il mio cazzo, quello che sembrava per la prima volta e mi ha messo all'ingresso del suo tempio. I suoi occhi mi danno il via libera, il suo corpo si contorce per la lussuria. La sua fica era così bagnata che i succhi le scorrevano nel culo.
Con una spinta sono entrato nella sua fica e l'ho riempita con il mio cazzo. Il momento che aspettavo da tanti anni. Velluto caldo e umido, e la bocca che si apre per respirare a ogni spinta.
Le mie palle scoppiavano di sperma. In quell'unico momento in cui sono entrata in lei, ho provato sensazioni che non avevo mai provato prima. La sua fica di velluto che avvolge il mio cazzo; il momento del possesso.

Ho potuto vedere gli occhi di Jill nel momento in cui l'ho riempita. Lo sguardo sul suo viso, mentre sapeva che il suo corpo era mio. Ero sdraiato sopra di lei in posizione da missionario, il mio cazzo impalato ei nostri cuori intrecciati.
Rabbrividii mentre sparavo il mio seme nelle sue profondità ma ero tutt'altro che finito di scoparla. Il mio cazzo è rimasto increspato e desideroso ... La notte era appena iniziata
Abbiamo scopato diverse volte quella notte…. Con solo il tempo sufficiente perché il mio cazzo si riprenda per riposare. Sono entrato in Jill diverse volte quella notte. Il suo corpo e la sua mente erano miei. Il mio territorio segnato e tutte le inibizioni rimosse.
La nostra collaborazione è stata consumata. Lei era la mia moglie di lavoro e io ... il suo marito di lavoro.
Jill mi ha messo a cavalcioni nella posizione 69 e mi ha presentato la sua deliziosa fica. Allo stesso tempo ha iniziato a succhiarmi il cazzo. La sua bocca era fantastica. La sua lingua saettava intorno alla punta, su e giù per l'asta, finché non arrivò alle mie palle. Mi ha succhiato le palle e mi ha preso in bocca. Non avevo mai provato così tanto piacere allo stesso tempo. La sua figa in faccia e le mie palle in bocca. Ero morto e andato in paradiso? Questo piacere era possibile anche sulla terra? Presto ho iniziato a costruire e le ho sparato il mio carico in bocca. Ha bevuto ogni goccia.
Ci siamo addormentati l'uno nelle braccia dell'altro sorridendo con eterna beatitudine.
Il giorno seguente è stato pieno di tocchi sottili e tenerezza tra di noi. Sguardi conoscitivi e segreti condivisi.
La nostra terza e ultima notte si sarebbe rivelata ancora più eccitante della precedente, tuttavia, l'intensità della consumazione non potrebbe mai essere eguagliata.
Di nuovo Jill, nel mio letto accanto a me, nuda stava macinando il culo contro il mio cavallo. Aveva bisogno di un cazzo. Voleva il cazzo e ha sempre fatto a modo suo.

Tuttavia avevo altri piani. Jill e io stavamo cucchiando quando ho sentito Jill, spingendo fuori il culo chiedendomi di scoparla. Mi voltai in modo che la mia testa fosse rivolta verso il suo sedere. La posizione 99 le ho sollevato la gamba e ho iniziato a leccarle la fica da dietro. Era così bagnata. Adoro il gusto di questa bellezza. Potrei assaporare la sua fica ogni giorno!
Potevo sentire le contrazioni nella sua fica mentre la leccavo e le strofinavo la clitoride. Con desiderio ho spostato la mia lingua sul suo culo. Ho iniziato a leccare il suo posto più sacro. Jill non l'aveva mai sperimentato prima.
La mia lingua ha iniziato a sfrecciare nel suo culo, stavo scopando con la lingua la sua piccola stella marina. Il suo gusto è magnifico. Pensare a quanto eravamo intimi e vulnerabili l'uno con l'altro a quel punto. Il suo corpo ha risposto e lei si è contorta e sgroppata sotto il mio incitamento. Leccarle il culo è stata probabilmente una delle cose più belle ed erotiche che abbia mai fatto. Sono nato per questo. Sono nato per far venire questa donna. Sono nato per mangiarle il culo.
Jill sussultava e tremava mentre il suo orgasmo raggiungeva il suo corpo. Il suo viso descriveva il suo piacere quando la sua bocca si aprì ei gemiti lasciarono il suo corpo. Jill si girò e si sdraiò sullo stomaco e cadde nella beatitudine del sonno post orgasmico.

Poche ore dopo, sdraiati nudi uno accanto all'altro, ho chiesto a Jill se le piaceva essere sculacciata. Ha detto che lo fa. Ero seduto sul letto, sostenuto dai cuscini, e spostai Jill in modo che fosse sdraiata sulle mie ginocchia. Era sulle mani e sulle ginocchia, con il mio cazzo che si allungava fino a toccarle la pancia. Le ho abbassato la testa in modo da sollevare solo il sedere. Era ora che Jill venisse sculacciata. Dopotutto, si meritava davvero una sculacciata decente. Ha bisogno di essere sculacciata per essere così sexy, così sexy.
Sfregai le mie mani sul monticello del suo culo, lasciando che le mie dita ogni tanto toccassero le pieghe della sua fica.
Senza aspettative, le ho dato il primo schiaffo con la mano piatta sulle natiche. Jill ansimò per respirare.
Ann stava mormorando: “Per favore, sculacciami. Sono stato cattivo a sedurti "L'ho sculacciata per altri 20 colpi che le hanno fatto diventare il culo rosso vivo. Jill si stava eccitando per la sculacciata. Voleva che la trattassi così. Voleva essere punita. Voleva che le scopassi la faccia, voleva che la possedessi totalmente con la lussuria.
Dopo un po' non riuscii più a resistere e la montai da dietro. A questo punto mi scoppiavano le palle e avevo bisogno di sollievo. Ho messo il mio cazzo all'ingresso della sua fessura e ho spinto. Era così bagnata che il mio cazzo le è scivolato dentro con facilità. Ho pompato il mio cazzo nella sua fica come se fosse l'ultima volta che l'avrei mai scopata. Ho lasciato che il mio seme andasse in profondità nel suo grembo, riempiendola.
Jill si addormentò con il suo culo rosso in mostra, mentre la guardavo. Stavo assorbendo la sua bellezza. Presto il mio cazzo era di nuovo duro e non avevo altra scelta che montarla di nuovo e trattarla come una discarica di sperma. Il mio cazzo ha trovato la sua strada nella sua morbida apertura bagnata.
Il nostro viaggio d'affari è stato troppo breve e il viaggio di ritorno a Londra è arrivato troppo in fretta
Durante il viaggio di ritorno Jill mi sussurrava all'orecchio. Mi stava dicendo come avrebbe controllato il mio cazzo, e come avrebbe posseduto e persino posseduto i miei stessi orgasmi. Mentre mi parlava, ero duro come una roccia e disperavo di venire. Ero diventato il suo schiavo e il mio cazzo il suo giocattolo.
Ha stuzzicato e giocato con il mio cazzo per molto tempo, durante il volo di ritorno. Per fortuna è stato un volo notturno in cui coperte e luci soffuse hanno nascosto le nostre indiscrezioni. Jill mi ha sussurrato all'orecchio e mi ha detto di andare a sparare il mio carico nella toilette. Sono andato in bagno e ho sparato al mio carico in totale abbandono e resa. Le mie azioni erano più che semplicemente cumming. Ero schiavo della sua volontà.

Siamo tornati dal nostro viaggio di lavoro con tante emozioni da affrontare. La nostra intimità non era solo lussuriosa, ma anche fare l'amore. Le settimane successive sono state piene di tanti abbracci e tocchi. Molti pensieri intimi condivisi, desideri e fantasie e, naturalmente, molti orgasmi
Abbiamo scopato sul mio tavolo al lavoro, nel suo ufficio e ovunque l'opportunità lo permettesse. Ci possedevamo l'un l'altro. Nessun limite, nessuna restrizione.

Devo dire che Jill è una delle donne più straordinarie di sempre. Ha la capacità di succhiare il cazzo come non ho mai sperimentato. È una delle donne più abili con la sua lingua. Ha imparato l'arte della gola profonda. Non c'è niente come sentire il mio cazzo toccarle la parte posteriore della gola. In un'occasione, mi ha succhiato il cazzo e ha munto ogni goccia di sperma nella sua bocca in attesa. Improvvisamente si alzò con la bocca piena di sperma e mi baciò. Mi ha fatto mangiare il mio sperma. Ho adorato quel bacio di sperma. Questo di per sé ci ha portato a un altro livello di intimità. non potevo tenere le mie mani di questa dea. È una donna magnifica sotto ogni aspetto.
Jill ama dominare ed essere dominata. Abbiamo invertito i ruoli su base settimanale. A sua volta come dominante, mi faceva tirare fuori il mio cazzo e accarezzarlo per lei... mi stuzzicava e mi bordava, così che non venivo finché non mi avesse dato il permesso.
Quando toccava a me dominare, di solito finivo con qualche sculacciata. Ho un cucchiaio di legno sul mio tavolo che mi è stato regalato come ricordo. Questo cucchiaio di legno ha fornito lo strumento migliore e perfetto per una buona sculacciata. Speravo che un giorno Jill lo usasse su di me, ma questa è un'altra storia
Abbiamo scopato come adolescenti che non avevano il controllo. Abbiamo preso molti rischi ma ne è valsa la pena. Tutto ciò che Jill voleva era avere il mio sperma dentro di lei. Tutto quello che volevo era compiacere quel corpo celeste. Mi piaceva scoparla. Le mie giornate lavorative erano caratterizzate da un costante rigonfiamento nei pantaloni, poiché sembrava che perdessi il controllo su Jill
La nostra relazione stava diventando così intensa che noi (io) decidemmo di essere quasi al punto di non ritorno. Le nostre famiglie e i nostri amici sarebbero tutti gravemente feriti. Due realtà che si scontrano nel tempo e nello spazio..
I mesi successivi hanno visto prevalere una certa sanità mentale e i nostri incontri fisici sono diventati meno frequenti, ma la nostra intimità rimane con ricordi sacri condivisi.

Ogni tanto sembra che abbassiamo la guardia e la lussuria ci travolge. Di recente eravamo soli in ufficio. Mi sono avvicinato a Jill e ho iniziato a baciarla. Le ho afferrato la gola e lei ha risposto roteando il suo corpo. Stavo riprendendo possesso della mia donna. Le mie mani trovarono i suoi seni. Le ho pizzicato i capezzoli. I sussulti di Jill erano così incoraggianti. Ho allentato la sua camicetta così ho potuto vedere ancora una volta la sua bellezza.
L'ho fatta sedere nel suo posto in ufficio. Indossava una gonna che le arrivava quasi alla vita. La sua calda fica bagnata era desiderosa, affamata e aveva bisogno di attenzioni. Mi sono avvicinato mentre le sue gambe si allargavano per me. Jill stava spingendo la sua fica nel mio inguine. Ho aperto la zip e rilasciato il mio cazzo duro. Ho spinto da parte le sue mutandine e ho messo il mio cazzo duro al suo ingresso. L'ho riempita con la mia virilità. Sembrava il paradiso. L'unica cosa sulla fica di Jill è il suo calore. Non ho mai sentito una fica così calda prima d'ora. Il mio cazzo dentro di lei, i nostri occhi bloccati ei nostri respiri lussuriosi che si mescolano nell'aria.
Ho sparato il mio carico in profondità dentro di lei. Il mio territorio era stato marcato ancora una volta.
In un'altra occasione, ho iniziato ad accarezzare il collo e le spalle di Jill. Le mie intenzioni erano semplicemente di farle un massaggio alla schiena. Una cosa tira l'altra. Le mie mani hanno trovato le sue tette. In qualche modo ogni volta che vedo le sue tette e i suoi piccoli capezzoli vivaci è come la prima volta. Non ne ho mai abbastanza.
Le sue gambe si aprirono quando iniziai a baciarle l'interno coscia. Si stava toccando la fica. Infilò due dita nelle sue profondità e si assicurò che fosse bagnata. Ha raccolto il suo succo d'amore e mi ha messo le dita in bocca. Sono quasi svenuto. Ben presto le sue mani furono sulla mia testa mentre mi tirava nel suo delta di Venere dandomi il permesso di prendere quello che volevo. Il suo clitoride nella mia bocca era così incredibile. Leccai i suoi succhi. Aveva un sapore incredibile. Presto Jill mi venne in faccia mentre il suo orgasmo la raggiungeva. Che sensazione, che piacere.

Jill ha in qualche modo mantenuto il possesso della mia mente. Non riesco a vedere venire senza che io pensi a lei.
Non passa giorno senza che il mio cazzo perda sperma al solo pensiero di quello che avevamo e di quello che vorrei potessimo essere.

Come accennato in precedenza, Jill è una donna volitiva molto forte. La sua forza di volontà è superata solo dalla sua bellezza.

Il testo seguente descrive alcune delle mie fantasie in ufficio con Jill.
Jill è diventata la mia dominante. Il mio scopo nella vita è il suo piacere. Jill ha preparato un menù simile a quello di un ristorante, elencando i suoi desideri e desideri. Lo aggiorna di volta in volta a suo piacimento.
Ogni mattina, quando Jill entra in ufficio, il mio primo compito è prepararle una tazza di tè e presentarle il menu. Jill lancia i suoi dadi (1,2,3 o 4 pezzi) per vedere cosa riserverà la giornata
Il menù recita così:
Punto 1: Spogliati (solo la parte inferiore) e continua a lavorare. A comando guarda un video porno. Non è permesso toccare (Jill adora questo. Ama il concetto di presa in giro e negazione)
Articolo 2: Masturbarsi a comando, mentre si è seduti sulla sedia dell'ufficio. Assicurati di essere in piena vista
Articolo 3: mangia la mia fica. (Uno dei preferiti di Jill)
Punto 4: mangiami il culo mentre mi fai un ditalino
Punto 5: succhiami i capezzoli e attendi ulteriori istruzioni
Articolo 6: sperma sul mio seno
Punto 7: sborrami sul seno e leccalo dopo. (Jill ama il potere e il controllo che questo le dà)
Punto 8: sborrami in bocca e lascia che ti baci (Ancora una delle preferite. Adora il pensiero.)
Punto 9: inginocchiati dietro di me mentre sono in piedi. Mi fotterai i polpacci mentre mi strofini la testa sul culo
Articolo 10: tempo di sculacciata
Punto 11: Jill seleziona una scena/fantasia. Devo venire alla sua selezione. Non importa cosa o come tabù
Punto 12: gioco di ruolo qualsiasi fantasia di mia scelta
Articolo 13: Scopata mentale (Jill ha un'immaginazione così potente e una mente malvagia. Mi fa venire nei pantaloni senza alcuna stimolazione. Puramente il sussurro nel mio orecchio e il mio corpo risponde all'essere fottuto mentalmente)
Punto 14: Scopami ma niente sborra
Articolo 15: scopami e vieni dentro di me, seguito da una sessione di seduta in faccia, dove pulirai il tuo sperma dalla mia fica
Articolo 16: fanculo il mio culo
Articolo 17: scopare una donna di mia scelta.
Punto 18: cambia la foto e lo stato del tuo profilo sui social media a mia scelta.
Articolo 19: legato, bendato e scopato
Articolo 20: prerogativa di Jills


Ogni mattina mentre Jill contemplava i giorni, dadi in mano, chiedeva
"Jack, ti ​​sei scopato tua moglie?"
Sì padrona, io risponderei.
"Jack, quali sono le regole per scopare tua moglie?"
“Padrona, la moglie è una puttana e una puttana. Mi è permesso usare solo la sua fica, ma devo immaginare che ti sto scopando"
“Jack, dimmi ancora cos'è tua moglie? “
“Padrona, è una puttana. Niente di più. Una troia senza valore. Una fica per me” rispondevo.
"Bravo ragazzo. Ora possiamo iniziare la giornata"

Se rispondessi "NO" alla domanda di scoparmi mia moglie, direbbe Jill
“Tua moglie è una puttana vero?”
“Sì padrona” direi
"probabilmente è stata fottuta da un altro cazzo, vero?" Jill avrebbe risposto
“Sì padrona”
“Ti ecciti al solo pensiero, vero Jack? Rende duro il tuo cazzo, non è vero? Ami il pensiero della sborra che gocciola dalla sua fica che non è tua, ehi Jack"..
“si padrona” rispondo
"Fammi vedere il tuo cazzo... Bravo ragazzo, ora possiamo iniziare la nostra giornata"

Jill lanciava i dadi e veniva selezionato il numero dell'articolo sul menu. Il mio corpo si è così abituato a questo stile di vita da schiavo che il mio precum inizia a fuoriuscire quando sento i suoi passi entrare nella stanza.


Sebbene io sia il suo schiavo e lo sarò sempre, ogni azione è un atto d'amore. Di notte non condivide il mio letto ma vive come la mia amante, amica e moglie, nel mio cuore

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

488 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.