LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

1.8KReport
LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico "collegamento" con lei sembrava quella dei loro peni con la sua vagina. E il resto del tempo che ha passato a rendere la mia vita infelice, solo per dimostrare a se stessa che era al comando e lo sapeva.

Non c'è stato letteralmente un momento della giornata lavorativa in cui ero libero dalla minaccia che potesse improvvisamente passare per "controllare i conti", o emettere alcuni ordini inutili su ciò che dovremmo fare (inevitabilmente annullando il mio), e poi incolpandomi quando le cose andavano a rotoli, come inevitabilmente farebbero. Dal momento che non ha alcun ruolo importante in questa storia, e poiché fino ad oggi solo pensare a lei mi riempie di disprezzo e disgusto, non mi preoccuperò di inventare un nome per lei. Puoi pensare a lei come alla Cagna.

Una sera, ricordo, ero appena tornato a casa nel piccolo appartamento che avevo affittato (un affare molto più piccolo di quello che possiedo ora), spogliato nudo come al solito, ed ero effettivamente nella vasca da bagno quando ha chiamato al mio cellulare. Non avevo ancora allora pensato di assegnarle una suoneria (errore che ho rimediato subito dopo), e mi ha ordinato di guidare fino all'aeroporto. Secondo lei, un importante contatto d'affari doveva arrivare con un volo in ritardo e aveva bisogno di essere accolto, cenato e scortato al suo hotel.

Ora non solo ero da solo, e non in compagnia, il tempo, sapevo - dal momento che gestivo maledettamente bene il posto - che non c'era nessun "importante contatto d'affari" previsto. Volevo dirle di spingerlo e prenderlo lei stessa se voleva. Ma se l'avessi fatto, avrei cercato un nuovo lavoro prima della fine della settimana, e non ero pronto a cercarlo in quel momento. Non ancora.

(Più tardi ho capito cosa era successo. La Puttana aveva invitato uno dei suoi fidanzati da fuori città a farle visita, ma si era dimenticata che aveva già fissato un appuntamento con uno dei suoi altri fidanzati per la notte in questione. se n'è andato con qualche scusa - probabilmente che doveva essere fuori città per lavoro, un'emergenza improvvisa, non lo sai - e mi ha mandato a prenderlo.)

Era una notte d'inverno, fredda e piovosa, e l'aeroporto era il più triste che avessi mai visto in tutta la mia vita. E dopo aver aspettato un'ora buona, l'aereo è stato dirottato in un'altra città fino al mattino a causa del tempo, quindi ho dovuto tornare indietro, completamente raffreddato, senza umore e pronto a dare un pugno alla puttana nel clitoride se lei chiamasse di nuovo . Fortunatamente non lo fece, dimostrando anche che il "contatto d'affari" non era niente del genere.

Era così che si lavorava per la Cagna.

Poi un giorno ho sviluppato un dolore alla pancia. Pensavo di avere un'ulcera o forse un cancro (non tentare l'autodiagnosi da siti medici, gente!), e quando non ne potevo più ho deciso di visitare un gastroenterologo. Non conoscevo gastroenterologi, e alla fine ne ho scelto uno online, perché c'era una sua foto sul suo sito web, e sembrava simpatico, mentre il resto erano donne o uomini dalla faccia dura che sembravano anziani segugi con dispepsia che non sapevano come curare.

Lascia che lo chiami Dylan, perché non riesco a concepire un altro nome più lontano dal suo vero. Quando l'ho chiamato per fissare un appuntamento mi ha detto di venire subito - "Non vorrei che ci ripensassi, vero?" – e mi disse che, poiché la sua infermiera si era presa un giorno di ferie inaspettato, avrei dovuto portare con me qualcuno se avessi sentito di aver bisogno di un accompagnatore. Non avevo bisogno di un accompagnatore, quindi sono andato da solo.

L'ufficio di Dylan era al piano terra di un edificio commerciale, tra una concessionaria di mobili e un negozio di ferramenta. Devo essere passato molte volte davanti a questo edificio senza sapere che era lì: l'unico annuncio che si è degnato di fare al mondo è stata una piccola targa color bronzo con il suo nome e le sue lauree. La sala d'attesa era vuota. Quando sono entrato ha aperto la porta interna della stanza di consultazione e mi ha invitato a entrare.

Dylan era piuttosto alto, ben fatto, probabilmente di un anno o due più di me, con la testa rasata e il pizzetto tagliato. Aveva un sorriso amichevole e un accento che non riuscivo a identificare; in seguito ho scoperto che aveva trascorso la sua infanzia all'estero e il suo accento era lievitato da quello del paese in cui era cresciuto. Mi ha controllato la pressione sanguigna e la temperatura, mi ha fatto alcune domande e poi mi ha chiesto di sostenere l'esame tavolo.

"Nudo?" chiesi, giusto per alleggerire l'atmosfera. "Pensavo che gli esami medici fossero sempre fatti nudi".

"Beh, forse allora non sono un dottore", disse con un sorriso. "Per ora, togliti il ​​top." Non aveva bisogno di chiedermi se avevo il reggiseno. Sono una ragazza corposa, e tremerei dappertutto se non ne avessi indossata una. Si chinò sul mio stomaco, punzecchiandomi e punzecchiando e chiedendo se facevo male, poi fece un passo indietro e mi guardò con un'espressione un po' strana sul viso.

"Stai dormendo bene?" chiese.

"Beh..." ad essere onesti, la Cagna aveva invadendo i miei sogni negli ultimi tempi. "Non sempre."

"E hai anche avuto dolore alle mascelle al mattino, quando ti svegli?"

Per un momento lo guardai stralunato. Avevo assolutamente avuto dolore alle articolazioni della mascella quando mi sono svegliato, ma è andato via quando mi sono alzato e l'avevo dimenticato. "Beh", ho chiesto, "che cos'è? Quanto tempo mi resta da vivere?"

Sorrise di nuovo. “Non è terminale, tranne per il fatto che la vita è una malattia mortale. Dato che non ho molto da fare oggi - come puoi vedere, non sono esattamente oberato di pazienti - posso portarti fuori a pranzo? Possiamo discutere il tuo caso davanti a un po' di cibo.»

"Non dovrebbe essere immorale o qualcosa del genere, uscire con i tuoi pazienti?"

"Non lo dirò se non lo fai."

Così siamo andati in un ristorante nelle vicinanze. Aveva un finto arredamento afgano, ricordo, fatto come un incrocio tra una capanna di un villaggio e una grotta, e il portiere indossava barba, turbante e quello che è noto come un "abito afgano". Ma il cibo - presumo che dovesse essere autenticamente afgano, non ne ho mai mangiato - era sorprendentemente buono; focacce così sottili da essere quasi traslucide, montone che nuota nel burro e nelle spezie, e sorbetti di acqua di rose su ghiaccio tritato.

Dopo aver mangiato per un po', Dylan si è seduto e mi ha fissato finché non sono stato costretto a guardarlo negli occhi. “Ti senti un po' meglio adesso? Rilassato?"

ho sbattuto le palpebre. "Credo. Perché quella domanda in particolare?"

“Perché, Juliana, non hai davvero niente che non va fisicamente in te. Potrei ovviamente ordinare un sacco di esami molto costosi – ecografie e scansioni TC, endoscopia, e chi più ne ha più ne metta – ma anche se costerebbero un bel soldo alla tua compagnia assicurativa, posso dirti che sarebbero una perdita di tempo. Non c'è niente di sbagliato in te se non lo stress".

Ho bevuto un sorso veloce di sorbetto e lui ha aspettato che finissi di soffocare.

“Ho ragione, no? Che cos'è? Famiglia? Un fidanzato? Il tuo lavoro?"

“Ah... non ho esattamente una famiglia. C'è solo mia madre e io sono estraneo a lei. Nessun fidanzato, in questo momento. Quindi deve essere il lavoro.”

Allungò una mano e mi toccò con la punta delle dita. "Cattivo capo, vero?"

"Non avete idea." E mi sono ritrovato a raccontargli tutto della Cagna e di come mi avesse reso la vita infelice. "Anche in questo preciso momento, potrebbe chiamarmi per fare qualche richiesta assurda."

"E suppongo che cambiare lavoro sia fuori discussione?"

“Lo è, adesso. Ho bisogno dell'esperienza per ottenere un lavoro migliore e devo essere in grado di partire alle mie condizioni, quando voglio, non quando lei vuole che lo faccia. In altre parole, non posso essere licenziato".

“Ah. Bene, ti prescriverò una medicina contro l'acidità e la sindrome dell'intestino irritabile, ti aiuterà, ma alla fine dovrai trovare un modo per ridurre lo stress, e non posso fare nulla per aiutarti in questo . Almeno professionalmente».

"Professionalmente?" Ero incuriosito. "Che ne dici di non professionale?"

"Um... ti piacerebbe fare un giro in moto con me?"

Sbattei le palpebre, stupito. "Non dirmelo, sei un motociclista?"

“Beh, sì, ma se stai immaginando che io sia un Hells Angel o qualcosa del genere, dimenticalo. Non tutti noi motociclisti siamo criminali con le toppe, lo sai. Vado in bicicletta solo per divertimento. Ma sei il benvenuto se vieni. È un inferno di stress buster.”

Ho pensato per un momento. Erano molti anni che non salivo su una moto. "Va bene. Quando?"

Sorrise. “Hai bisogno di alleviare lo stress, ho bisogno di distogliere la mia mente dal fatto che non sono stato oberato di pazienti oggi. Allora, che ne dici di adesso?"

Ho ingoiato un pezzo di montone. Avevo bisogno di deglutire, comunque. "Bene. Andiamo."

La sua moto era nel parcheggio interrato dello stesso edificio in cui aveva la sua clinica. L'ho considerato con una certa trepidazione.

"Non mi spaccherai la testa, vero?"

"Ho sempre un casco di scorta." Aprì una borsa rigonfia e la tirò fuori, era rosso vivo. "Provalo, dovrebbe andar bene per te."

"Come mai porti un casco di riserva?" chiesi, allacciandolo. "Porti spesso le tue pazienti a fare un giro?"

"Vorrei solo averlo fatto." Premette un pulsante e il motore prese vita con un rombo. "Salire."

Non ricordo che modello fosse la sua moto. Era lungo e basso, rosso e nero, e il suo motore rombava così che potevo sentirlo all'incrocio delle mie cosce. E mentre ci sporgevamo dietro le curve, mi sono ritrovato, non richiesto, a gettargli le braccia al collo e ad abbracciarlo forte. A lui non sembrava importare.

Dopo un po' eravamo fuori città (ve l'avevo detto che non era grande) e stavamo guidando attraverso una foresta. Ha lasciato la strada principale per una più piccola e poi per una pista. Alla fine arrivammo in un luogo dove c'era una collina da un lato e una valle boscosa dall'altro, e lì fermò la bicicletta.

"C'è una buona vista da qui", ha detto, indicando il punto in cui il terreno scendeva nella valle. "Sediamoci lì un po'."

Noi facemmo. L'erba era fitta e spugnosa e quindi, naturalmente, mi tolsi scarpe e calzini e ci strofinai i piedi. Sotto di noi gli alberi lasciarono il posto a un fiume lontano e poi a una pianura verdeggiante. Il sole, calando alle nostre spalle, dipingeva tutto di una luce dorata della sera.

"Vieni qui spesso?" Ho chiesto. "Conosci bene questo posto, ovviamente."

"Qualche volta. Dovresti vedere questo posto in una notte di luna piena."

"Vieni qui da solo, allora?"

Esitò. "Non sempre."

Ho riso. "Lo sapevo. E tu fai sesso con lei su quest'erba. Ammettilo."

“Beh, ci si sente bene. E riduce lo stress. Come dovresti sapere.» Mi guardò. "Non sei vergine, vero?"

"Ovviamente no. Ma perché me lo chiedi?"

“Forse è una domanda personale, ma da quanto tempo non fai sesso? Con un altro umano, intendo?"

"Troppo lungo. Non importa quanto tempo, è troppo lungo.” Era stato il periodo di siccità più lungo da quando avevo perso la verginità, che durava da quattordici mesi.

"È un peccato. Il rapporto sessuale regolare è uno dei migliori riduttori di stress che ci siano. Ma non importa. Ti è piaciuto il giro in bicicletta finora?"

"Oh si."

"Grande. Ti riporterò indietro ora, ma sei più che benvenuto se uscirai di nuovo con me."

Mi sono messo le scarpe e il casco, siamo tornati in città e lui mi ha fatto scendere, alla mia direzione, davanti al mio appartamento. Prima di ripartire, mi guardò fisso.

"Allora, che ne dici di questo fine settimana?"

"Scusami?"

“Che ne dici di uscire di nuovo con me questo fine settimana? A meno che tu non abbia di meglio da fare.”

"Non ho niente di meglio da fare", dissi. "No, a meno che la Cagna (gli avevo detto come l'avevo chiamata nella mia mente) non mi avesse dato ordini contrari, cioè."

"Grande", ha detto. “Ci vediamo sabato mattina. Dieci o giù di lì?"

"Andrà bene", dissi.

Il venerdì è stato brutto. La Cagna era di pessimo umore per qualsiasi motivo, ha trascorso l'intera giornata in ufficio e ha ridotto in lacrime la sua segretaria. Ha anche scartato il mio intero piano aziendale trimestrale successivo, sostituendolo con qualche cosa "ispirata" che aveva sognato, che chiunque avesse un mezzo cervello avrebbe potuto dirle non avrebbe mai funzionato. E poi mi ha ordinato di prepararle le proiezioni di profitto per i suoi piani strampalati entro lunedì. Beh, avrei potuto darle la risposta in mezzo secondo, e la risposta sarebbe stata "zero", ma avrei dovuto stare sveglio fino alle undici di sera lavorando al mio computer per trovare una sorta di spiegazione del perché le sue idee non avrebbero, ehm, soddisfatto le aspettative di entrate. E dopo averle inviato per e-mail tutto il casino, non ero riuscito a dormire bene la sera.

Così sabato mi sono svegliato con un mal di testa e un mal di stomaco, ed ero quasi tentato di chiamare Dylan e pregare. Ma nemmeno la prospettiva di passare la giornata da solo era allettante, quindi alle dieci ero in piedi sul marciapiede, con indosso un paio di occhiali da sole perché la giornata era calda e con in spalla una cartella in cui avevo fatto e preparato un pranzo leggero per noi; panini al tonno e succo di mela se ricordo bene. Era puntuale e mi guardò dall'alto in basso.

"Stressato più che mai, vero?"

"Come lo hai saputo?" Ho chiesto.

“Hai quello sguardo su di te. La Puttana, vero?" Senza aspettare risposta mi porse l'elmetto di scorta. "Beh, cercheremo di liberarci di quello stress."

Quello è stato il primo vero giro che abbiamo fatto, su e giù per strade e sentieri che non sapevo esistessero, giù per viottoli tortuosi e attraverso boschi dove le foglie filtravano il sole in una foschia verde, e i miei occhiali da sole lo trasformavano in un mare torbido. Poco dopo mezzogiorno ci fermammo a riposare presso un ruscelletto e vi immergemmo i piedi nudi per rinfrescarli. Ho tirato fuori il cibo che avevo portato.

"Brava ragazza", disse. "Ti è piaciuta l'uscita di oggi?"

"Molto", dissi. Era verde e pacifico, l'acqua intorno alle mie dita dei piedi fresca, le pietre sotto di loro lisce e rotonde, l'erba sotto le mie mani soffice, ed eravamo tutti soli. Potevo quasi immaginare che la Cagna non esistesse. "Pensi che non sarebbe etico per un paziente baciare il suo gastroenterologo?"

“Non lo dirò a nessuna associazione professionale se tu…” non finì perché la mia bocca era sulla sua. La punta della mia lingua premette contro la sua. Non so quanto tempo ci è voluto prima che abbiamo rotto il bacio, ma ero senza fiato.

"Wow", ha detto. "Non stavi scherzando quando hai detto che non avevi alcun contatto umano da un po'."

Improvvisamente mi sentii profondamente schiacciato, come se una pietra mi fosse caduta alla bocca dello stomaco. “Vuoi dire che non sono stato fottuto. Questo è ciò che intendi. "Contatto umano" potrebbe anche essere il mio parrucchiere".

"Hai ragione. Ma questo è il tipo di contatto umano di cui hai bisogno.” Si chinò per un altro bacio. "Ti piace baciare, vero?"

“Certo che lo faccio. Ma sono solo baci. In realtà non migliora le cose".

"Potresti sentirti meglio dopo aver guidato un po' più lontano", ha detto. Siamo saliti sulla bici e siamo andati avanti, ma il mio cuore non c'era. Potevo ancora sentire le sue labbra premere contro le mie, ma il battito del motore della sua bici tra le mie gambe mi ricordava solo il terribile, terribile vuoto della mia vita, che sembrava concentrato nel vuoto della mia vagina.

Le ombre erano lunghe quando tornammo indietro per la città, e ci fermammo in una tavola calda per mangiare e visitare il bagno. Dylan mi guardò con aria interrogativa davanti al nostro caffè. “Cosa ti dà fastidio, esattamente? Eri molto più felice prima. Qualcosa è cambiato. È qualcosa che ho detto?"

"Oh no", ho risposto. “Non riguarda te. È solo che...” Ho sentito una stretta calda in gola e dietro gli occhi. “Sai, non ho una vita. Non sono stato con nessuno, e non intendo nemmeno sessualmente, per più di un anno tranne te questo pomeriggio. E ho paura di accendere il mio computer dopo essere tornato a casa e aver visto cosa ha risposto la Cagna al mio lavoro di ieri sera.

"È solo sabato, sai", disse Dylan. “Sei libero. In realtà non devi controllare la sua risposta fino a lunedì".

«Ma ci rimarrò a rimuginare tutta la notte e fino a domani», dissi. “È meglio che la finisca. Ammesso che si sia presa la briga di rispondere. Forse mi licenzierà".

“No, non lo farà. Non la conosco ma conosco il tipo. Sanno che non possono davvero gestire le cose da soli; li rende furiosi perché sono intensamente consapevoli dei propri limiti e se la prendono con i loro dipendenti, quelli che effettivamente gestiscono le cose.

"Sì, è quello che ho detto -"

"Lasciami finire. È perché sanno di non essere competenti che non osano licenziare i loro dipendenti. Starai bene." Ha messo la sua mano sulla mia. “In ogni caso, ricordati che sei un essere umano e che il tuo dovere primario è renderti felice.”

“E come lo faccio? A meno di trovare un altro lavoro, che avrei già se potessi.

“Che ne dici di uscire con me a fare un giro ogni tanto? Sei stato sicuramente in grado di lasciarti tutto alle spalle per tutta la mattinata, vero?"

Ho considerato. “Potrebbe essere una buona idea. A patto che a tua moglie, alla tua ragazza o al tuo amante non importi."

Ha riso. “Sono divorziato e non ho esattamente cercato attivamente un sostituto. Quindi non c'è nessuno a cui badare".

"Oh? In tal caso accetto. Che ne dici di sabato prossimo, allora?"

Fece un piccolo inchino sul tavolo. "I tuoi desideri sono ordini."

Più tardi, dopo che mi ebbe portato a casa, presi le medicine che mi aveva dato e accesi il mio computer, decidendo di farla finita. Sorprendentemente, la risposta della Cagna è stata quasi conciliante. Ha "apprezzato i miei suggerimenti", ha pensato che "avessero un bell'aspetto" e mi ha detto di provarli. Significa che dopotutto avrei usato i miei piani originali.

Deve essersi fatta scopare a fondo la notte scorsa, ho pensato, e ha chiamato Dylan per dirglielo.

"Che ne dici di venire a pranzo da me domani?" chiesi, d'impulso. "Sono un cuoco terribile, ma se ti avvelenassi, allora puoi curarti".

"Scommetto che non sei peggio di me", rispose. "Sarò lì."

*********************************************

Non scherzo quando dico che sono un pessimo cuoco; ma la mattina dopo ho almeno cercato di fare un minimo di sforzo. Non che io sia andato online per controllare ricette fantasiose o addirittura uscito per generi alimentari esotici, capisci; Volevo solo mangiare con un'altra persona a casa e sentirmi come qualcuno con una vita normale. E il cambio di tono della Cagna mi aveva riempito di un tale sollievo che mi sentivo ancora sollevato da esso. Le mie mascelle non mi facevano nemmeno male quando mi ero svegliato quella mattina.

Quindi, quando Dylan si è presentato alla mia porta, sono stato in grado di salutarlo con qualcosa che si avvicinava a una diffusione. Aveva portato una bottiglia di vino rosso e l'abbiamo condivisa mentre mangiavamo. Gli ho lasciato parlare, e lui mi ha raccontato della sua vita, di come era nato in un posto non lontano dalla mia città natale, ma portato all'estero quando era ancora un bambino. I suoi genitori erano morti all'estero, e lui era tornato e si era laureato in medicina, e poi si era sposato con un compagno di studi in medicina. Ma il matrimonio era andato a rotoli molto rapidamente, avevano vissuto insieme solo per pochi mesi e dopo il divorzio definitivo aveva deciso di stare lontano dalle relazioni a lungo termine per il prossimo futuro.

Poi abbiamo parlato di film; a entrambi piaceva la fantascienza, e Avatar e District Nine erano ancora abbastanza recenti da poterne discutere. Detestavo, fino ad oggi lo detesto, il primo - immagina una divinità planetaria che ignora le richieste di aiuto dei suoi figli ma viene in aiuto di qualche alieno, bianco, americano, salvatore - e amavo il secondo. Dylan amava Avatar per gli effetti speciali, ha detto che District Nine era "troppo grintoso", e abbiamo discusso un po' su questo.

"Guarda qui", ricordo di aver detto a un certo punto, sporgendomi in avanti, "District Nine, voglio dire Neill Blomkamp, ​​ha realizzato un intero film con meno del maledetto budget promozionale di Avatar, quindi..."

Si sporse in avanti nello stesso momento, e più per caso che per disegno i nostri volti si erano improvvisamente quasi toccati, ed era naturale baciarsi e basta. Le nostre labbra si incontrarono, le nostre lingue scivolarono l'una sull'altra. E poi le sue mani erano sulla mia parte superiore delle braccia, sollevandomi in piedi.

"Dimmi di andare ora", disse, "e me ne andrò. Se non mi dici di andare, portami nella tua camera da letto. Proprio adesso."

Lo guardai negli occhi e sentii la mia vagina riempirsi di un'improvvisa ondata di fluido lubrificante. "Non andare."

Non siamo andati in camera da letto, ci siamo mossi in una specie di danza spogliandoci a vicenda mentre andavamo. Io non indossavo molto, in ogni caso – a piedi nudi con un vestito blu con reggiseno e mutandine, se ricordo bene – ed ero nudo ben prima di lui. Quando entrammo nella camera da letto, i suoi pantaloni gli caddero alle caviglie e mi strinse forte in un abbraccio. Ho fatto scivolare le mani lungo la sua schiena, sotto la cintura dei suoi davanti a Y, e gli ho preso a coppa le natiche. Sempre abbracciandomi, ci spostò entrambi verso il letto, e quando sentii il bordo toccare la parte posteriore delle mie ginocchia, afferrai la biancheria intima e la tirai giù.

La cosa successiva che seppi fu che ero sdraiato sulla schiena sul letto, i piedi ancora sul pavimento e le gambe divaricate, mentre Dylan si chinava su di me. Le sue dita hanno tracciato il mio perineo e mi hanno solleticato lungo le labbra, evitando appena la mia fessura. Mi divincolai, disperata di sentirli dentro di me.

"Non ancora", sussurrò, e la sua testa si chinò per prendere il mio capezzolo nella sua bocca. I suoi denti lo mordicchiavano leggermente mentre le sue dita continuavano a spremere e solleticare le mie labbra. Gemetti e allungai la mano per afferrare il suo pene. Faceva caldo e pulsava nella mia mano. Lo strofinai e sollevai freneticamente i fianchi finché, con una sensazione di benedetto sollievo, sentii le sue dita scivolare nella mia fessura piangente. Il primo e poi il secondo dito si spinsero nella mia vagina e iniziarono a torcersi, la sua mano spingeva per incontrare i miei fianchi ansanti mentre le sue labbra mi succhiavano i capezzoli.

Il mio primo orgasmo ha colpito senza preavviso. Di solito lo sento arrivare, crescere, ma è esploso dal nulla così all'improvviso che ho urlato in un misto di shock ed estasi. Tutto il mio corpo si irrigidì e tremava come se fossi in preda a una scossa elettrica. Le pulsazioni di piacere si sono diffuse dalla mia vagina alla mia pancia, al seno e al viso, ai miei occhi finché non li ho strizzati per chiuderli, alla mia mente fino a quando sono quasi svenuto.

Anche prima che l'ondata di piacere fosse diminuita, ho sentito le sue dita scivolare fuori dalla mia vagina e mi aspettavo che il suo pene prendesse il loro posto. Invece, scivolò lungo il mio corpo e si inginocchiò sul pavimento tra le mie cosce divaricate. Le mie piccole labbra sono triangolari, come piccole ali, e le sue labbra si sono chiuse intorno a loro e hanno cominciato a tirarle. Gemetti e mi contorcevo di nuovo, il piacere già tornava.

Quando la punta della sua lingua ha toccato il mio clitoride ho pensato che sarei morto. Il respiro mi si mozzò nel petto, soffocai in un secondo grido, catturato da un altro orgasmo così forte che devo aver inarcato tutto il mio corpo sotto il collo e le spalle fuori dal letto. La sua lingua puntò ritmicamente il mio clitoride, e io tremai e venni e tremai e ansimai perché non potevo nemmeno piangere più.

Quando alla fine ha smesso di leccare, ho allungato la mano, l'ho preso per le spalle e l'ho tirato su su di me. "Hai intenzione di scoparmi ora?" Ho chiesto. "Mi scopi per favore, perché non credo di poter sopravvivere altrimenti?"

"Sì", sussurrò. "Oh sì." Inginocchiato sul letto tra le mie cosce, ha sollevato le mie gambe sopra le sue spalle.La sua testa palpitante del pene ha trovato la mia vagina, scivolosa con la sua saliva e la mia lubrificazione, e ha spinto dentro.

Sono passati anni e da allora ho fatto sesso centinaia di volte, ma non dimenticherò mai quel cazzo. Alzai lo sguardo su di lui, sulla sua testa rasata e sul pizzetto ritagliato incorniciati tra i miei piedi, le dita dei piedi che si stringevano per il piacere, le sue mani che mi afferravano gli stinchi, e tutto ciò a cui riuscivo a pensare era "Sto facendo sesso. Oh cielo, finalmente sto scopando di nuovo. In realtà mi sto facendo fottere in questo momento". A ogni spinta mi faceva cadere i seni avanti e indietro sul petto, e io misi leggermente le mani sui capezzoli in modo che li sfiorassero e mi mandassero shock di estasi.

Stava arrivando un altro orgasmo. Questo ha richiesto molto tempo per essere costruito, perché la nostra posizione non stava mettendo molta pressione diretta sul mio clitoride e perché ero già venuto così forte che ero un po' intontito, ma sentivo che stava arrivando. Anche Dylan si stava avvicinando al suo orgasmo. L'ho visto guardare in basso, guardare il suo pene spingersi dentro e fuori da me mentre accelerava i suoi colpi, e avrei voluto vederlo anch'io. Lo sentivo indurirsi e ispessirsi dentro di me, e se le mie gambe non fossero state sollevate sopra le sue spalle avrei sollevato i fianchi per incontrare le sue spinte.

Il mio orgasmo è arrivato un po' prima del suo. Si elettrizzava in spasmi intorno alla mia vagina, correva fino alla mia pancia e sentivo il mio perineo contorcersi mentre stringevo il suo pene dentro di me. Poi strinse forte gli occhi, gemette, e sentii il flusso umido e caldo della sua eiaculazione che mi schizzava dentro. Rimanemmo così per un po' prima che la sua erezione diminuisse, e lui si ritirò lentamente. Le mie gambe scivolarono dalle sue spalle, si sdraiò sopra di me, e mentre i miei seni erano schiacciati contro il suo petto, immaginai di poter sentire il suo cuore battere contro il mio capezzolo destro mentre le mie mani lo accarezzavano dalla parte posteriore della testa alle sue natiche . Ci siamo baciati a lungo.

"È passato molto tempo per te, vero?" Egli ha detto.

«Più a lungo di quanto pensassi», sussurrai di rimando.

"Beh", disse, "puoi averlo tutte le volte che vuoi o hai bisogno, d'ora in poi."

*********************************************

Dopo di che Dylan ed io abbiamo scopato quasi ogni fine settimana. Il sabato andavamo a fare un giro, a meno che non piovesse forte o troppo freddo, e poi tornavamo a casa mia o sua e scopavamo. (Stranamente, non abbiamo mai rivisitato quel posto dove mi aveva ammesso di aver portato le sue donne a fare sesso al chiaro di luna. Sono quasi contento che non l'abbia fatto perché non volevo davvero condividerlo con i ricordi di nessuno .)

La domenica, se non si fosse fermato per la notte, lo invitavo sempre a casa a pranzo. Mi svegliavo con, ancor prima di aprire gli occhi, la piacevole consapevolezza che lui sarebbe venuto e che avrei fatto sesso. Ho passato la mattinata a cucinare, in vestaglia senza niente sotto o semplicemente nuda, anticipando la sua chiamata per farmi sapere che stava arrivando. Se non ci fosse nessuno visibile dalla finestra o dallo spioncino della mia porta, gliela aprirei nuda. Ci saremmo baciati prima ancora che si chiudesse la porta dietro di sé, e io gli avrei tolto i vestiti proprio lì, appena dentro la porta. Quasi sempre scopavamo subito in soggiorno, senza bisogno di preliminari o preliminari. La maggior parte delle volte sarebbe stato sul tappeto, con lui in cima nella posizione del missionario. A volte lo spingevo sul divano, lo mettevo a cavalcioni e mi tuffavo su e giù sul suo pene mentre mi accarezzava le tette. Era sesso frenetico, come se stessimo recuperando disperatamente il tempo perduto, anche se avevamo scopato una settimana o anche solo la sera prima.

Poi mangiavamo, e dopo aver lavato i piatti andavamo nella mia camera da letto e facevamo di nuovo sesso, molto più lentamente, più teneramente, più a lungo. E poi di solito ci addormentavamo l'uno nelle braccia dell'altro per un po' e lui tornava a casa la sera.

Non c'era dubbio che andassimo a vivere insieme. Non eravamo innamorati; Non credo che abbiamo mai menzionato la l-word in relazione l'uno con l'altro. Era il sesso di cui avevamo bisogno, il sesso e la connessione umana.

Dopo qualche mese ho trovato un altro lavoro, quello prima di quello che ho adesso. Ero felice – ero estasiato – di lasciare la Cagna, anche se ciò avrebbe comportato un trasferimento. Ho anche organizzato una festicciola per festeggiare Dylan, ed è finita con noi che scopavamo tutta la notte.

"Non entrare mai più in quel tipo di solco", disse mentre giacevamo intrecciati insieme. "Il sesso è un bisogno umano e farne a meno non fa bene."

"Non lo farò", dissi. “Ma se non ho qualcuno con cui dormire in questo nuovo posto, posso venirti a trovare di tanto in tanto? Ti darò un sacco di avvertimenti, te lo prometto, così potrai toglierti di mezzo la tua attuale innamorata.»

Ha accettato prontamente, ma non è arrivato a questo. Nel mio nuovo posto avevo una collega che mi ha sedotto letteralmente nel mio quinto giorno di lavoro, e il sesso non mi è mancato di nuovo nei mesi che seguirono.

Ma questa è un'altra storia, per un altro giorno. Ammesso che tu voglia che te lo racconti.

Storie simili

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

253 I più visti

Likes 0

Sesso nel ristorante dello Sri Lanka

Suneetha si asciugò il sudore dalla fronte e appoggiò la matita sulla pad. Gli idioti seduti allo stand non riuscivano a decidersi, e lei stava diventando davvero impaziente. Ehm, disse il ragazzo. Non sono molto sicuro. Si è lasciato scappare l'ultima parola dalle sue labbra come se non sapesse decidere se dirlo o meno. Suneetha ha dovuto sforzarsi manualmente per evitare che il suo piede picchiettasse contro il pavimento di piastrelle dure. Si strofinò i palmi delle mani sul grembiule, come i 90 il caldo soffocante la metteva a disagio. L'aria condizionata era di nuovo su un battito di ciglia, e...

219 I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

874 I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

1.5K I più visti

Likes 0

Prima volta con il marito

Dove sei? disse la voce sexy all'altro capo della linea mentre guido. Torni a San Diego, vieni qui? ho chiesto indietro Non appena posso essere lì, lo farò. Okay tesoro, non vedo l'ora di stare da solo con te. Lo so bambola, non appena arrivo lì possiamo semplicemente goderci la reciproca compagnia. Il mio cuore batteva così veloce mentre sto conversando con mio marito (all'epoca era ancora solo il mio fidanzato). Stava per andare in macchina a San Deigo per passare la notte con me e io mi comportavo come una scolaretta infantile. Così vivace con eccitazione che trascorro del tempo...

1.1K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

599 I più visti

Likes 0

Kalynns Ass parte seconda_(1)

Mia madre era venuta dal suo viaggio. L'ho aiutata con le sue borse, mi raccontava tutto, quanto era stato divertente. Ero felice per lei, non sapevo come dirle che il signor Walker mi aveva preso il culo vergine. Volevo sapere che probabilmente non si sarebbe arrabbiata con me o con il signor Walker, ma mi sono trattenuto. Il telefono squillò, la mamma rispose: Ciao James, ci siamo divertiti come al solito. Si è calmata e ha risposto solo con sì e bene. Dopo circa quindici minuti ha chiuso il telefono ed è entrata in soggiorno. Guardandola ha detto Kalynn c'è qualcosa...

263 I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

170 I più visti

Likes 0

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

141 I più visti

Likes 0

SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO In alto nella vita Domenica 23 dicembre, Notte Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù...

133 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.