La riluttante lap dance di Alison

1KReport
La riluttante lap dance di Alison

Alison è entrata nella mia vita come parte di una cosa a tre con un'altra ragazza. Il trio è stato divertente, ma presto ci siamo separati. Abbiamo ricominciato a parlare qualche mese dopo, quando l'ho vista in uno strip-club in cui aveva appena iniziato a lavorare. Poco dopo, abbiamo avuto il nostro primo vero appuntamento. Un paio di drink veloci in un bar per immersioni e un pompino nel parcheggio è stato il massimo del romanticismo. Quando ha iniziato a venire a casa mia, sono stato il primo a farla squirtare quando raggiungeva l'orgasmo. Sono stato anche il primo a trattarla come voleva essere trattata.

Con un peso di circa 110 libbre. con il seno piccolo e i bei capelli castano scuro, Alison assomigliava un po' a una giovane Jodie Foster. La sua bocca carina includeva una piccola lingua rosa che ti sporgeva per vari motivi. Le gambe snelle e il ventre piatto di Alison erano ben tonificati, e aveva un incredibile divario tra le cosce che attirava l'attenzione.

Avevo circa venticinque anni ed ero considerato di bell'aspetto dai miei amici, conoscenti e, a volte, perfetti sconosciuti. In piedi 6 'anche 180 libbre, un lavoro di merda e capelli che non venivano tagliati da un anno, non ho avuto problemi a trovare un appuntamento. Si è scoperto che non stavo cercando un appuntamento, ma una ragazza disposta a seguirmi nel lato più oscuro delle mie fantasie.

Era un giovedì sera e lei lavorava in uno strip club. Non aveva la migliore reputazione, ma non era un'immersione. Si era coperta il corpo con un semplice abito sottoveste rosa corto con delle balze sul fondo. Le sottili spalline sottili lo rendevano facile da indossare, facile da togliere. Reggiseno, mutandine e tacchi bianchi completavano il suo completo da lavoro.

Tra un incontro e l'altro, mi fermavo a trovarla al club. Se avesse fatto abbastanza soldi per la notte, si sederebbe felicemente con me e uscirebbe, dandomi l'occasionale ballo gratis se fossimo abbastanza eccitati. Questo club ti permetteva di mettere le mani sui ballerini, ma non dovevi toccare le loro aree più private. Spettava in gran parte alle ragazze far rispettare, quindi il ballo che ottenevi poteva cambiare a seconda del ballerino.

Abbiamo preso un paio di drink e un posto in fondo al club. Alison si è seduta sulle mie ginocchia, raccontandomi con entusiasmo della sua giornata fino a quel momento. Il solo fatto di starle così vicino era sufficiente per farmi perdere la concentrazione sul resto del mondo. Di tanto in tanto doveva alzarsi per ballare sul palco o andare in giro per la stanza chiedendo ai clienti se volevano uno speciale “2 balli al prezzo di 1”. A parte questo, al club non sembrava importare cosa facevano le ragazze.

Era da un po' che non veniva da me, quindi ero sempre più di umore di minuto in minuto. Mentre parlava di questo o di quello, tutto quello a cui riuscivo a pensare era quello che volevo farle. Più parlavamo, più dovevo toccarla. Sentire la sua coscia nuda, o far scorrere la mia mano sulle sue spalle nude. Questo stava avendo un effetto su entrambi.

Eravamo al nostro terzo round quando lei ha chiesto: "Posso farti ballare per favore?". La sua voce assumeva sempre un tono più sottomesso quando voleva qualcosa di sessuale. Non abbiamo mai veramente parlato dei nostri ruoli Dom/Sub, sono venuti naturalmente a noi durante i nostri incontri sessuali.

I balli "privati" avvenivano tutti nel retro. C'era un lungo corridoio dietro il palco, con piccole stanze su entrambi i lati. Ogni cabina aveva una porta in modo che i buttafuori potessero vedere mentre facevano il loro giro. un ballo in modo che il club potesse riscuotere la quota alla fine della giornata. Li vedevi all'inizio di ogni canzone e basta. All'interno di ogni stanza c'era un piccolo divano di pelle nera. La caratteristica più importante era il video Telecamere. Ogni stanza ne aveva una puntata direttamente sul divano. Ciò che la maggior parte delle persone non sapeva era che molte di esse non funzionavano.

Ha scelto il suo stand preferito che aveva una telecamera rotta. Aveva anche il minor traffico pedonale verso la fine della sala. Mi è salita addosso e io l'ho tirata dentro, dandole un bacio profondo ma veloce. Mi mordicchiò l'orecchio e mi fece un po' di fusa, poi si tolse velocemente il vestito e il reggiseno, strofinando il suo corpo quasi nudo contro il mio. Lentamente mi sbottonò un po' la camicia e strofinò le tette contro i peli del mio petto. Afferrando una manciata dei suoi capelli, ho tirato la sua bocca sul mio capezzolo. Tenendola lì mentre lo leccava e lo baciava finché non ce la facevo più, spingendo la sua testa verso il mio cazzo ormai duro. Da tra le mie gambe, mi ha mordicchiato e strofinato i miei jeans per un po', rendendomi più duro e lei più bagnata, ma questa era solo una giocosa imitazione delle notti che avevamo passato insieme.

Sapendo che ora non avrei ottenuto alcuna liberazione dalla mia furiosa erezione, mi concentrai invece su di lei. La mia mano destra le avvolse il collo e la mia sinistra guidò i suoi fianchi in modo che fosse a cavalcioni della mia gamba. Tenendola in posizione verticale, ho premuto la gamba contro di lei e ho visto la sua figa che si dimenava contro di essa. Sapeva cosa fare da qui. Si muoveva avanti e indietro, afferrandomi il braccio destro mentre le stringevo il collo. La sua bocca era spalancata e il suo viso divenne rosso mentre la attiravo per un altro bacio. Mentre si avvicinava all'eiaculazione, le avvicinai la testa alla mia e le dissi cosa le avrei fatto a casa. Le ho promesso dolore e piacere e i suoi piagnucolii mi hanno detto che era pronta. Tenendo le sue labbra vicino al mio orecchio per sentirla gemere di piacere, il suo respiro accarezzarmi l'orecchio mentre ansimava: "Per favore, signore, lasciami venire per te!" Le ho dato la mia approvazione e lei si è lasciata andare mentre ondate di piacere la travolgevano, e ha cercato di soffocare le sue grida, trasformandole in piagnucolii.Ha finito la danza sdraiandosi contro di me, rilassata e felice.

Siamo tornati al tavolo e mi sentivo più arrapato e aggressivo che mai. Si è divertita, ma io non ho avuto sfogo. Le infilo la mano sotto il sedere mentre si siede accanto a me. Le mie dita le spostarono lentamente le mutandine. Volevo tenerla sullo stesso limite che mi sentivo. Farle sapere che non avevo finito.

-

Il gioco era iniziato qualche tempo prima perché di tanto in tanto si lamentava di quanto fosse difficile ballare. Ero sempre felice di provare a risolvere i suoi problemi. Mi guardavo intorno e sceglievo un ragazzo che pensavo le avrebbe dato dei soldi. È iniziato abbastanza innocentemente, ma dopo un paio di ragazzi, ho capito che mi piaceva il controllo che avevo sul suo corpo. È successo anche che ad Alison piacesse sentirsi dire cosa fare a volte. Chiunque scegliessi, andava subito da loro e chiedeva loro di ballare. È diventata una corsa che entrambi abbiamo apprezzato. La farei agitare parlando sporco e toccandola con le dita prima che chiedesse loro di ballare. Sussurrandole cose all'orecchio come "Scommetto che vorrebbe scoparti. Chiedigli di ballare", "Vai a strofinare la tua figa sulle ginocchia di quel ragazzo", "Vedi se vuole leccarti i capezzoli". Spingendola a dare balli più sporchi di quelli che avrebbe fatto da sola.

Poi è arrivato il giorno in cui l'ho spinto ancora oltre. I nostri balli di solito finivano con lei che aveva un orgasmo sul mio ginocchio. Era giunto il momento di condividere anche questo.

"Voglio che tu venga sul prossimo ragazzo per cui balli", le dissi. "Prendilo in giro come se stessi prendendo in giro me, e vienigli addosso.", dissi mentre ci sedevamo al nostro tavolo nel retro del club. Chiedendosi come avrebbe reagito.

“Se vi fa piacere, signore.”, disse con tono incerto.

È stato un po' snervante per me le prime volte che l'abbiamo fatto. Il mio cuore batteva all'impazzata, non sapendo cosa aspettarmi, o se sarebbe stata in grado di farlo, ma sembrava avere poca paura dopo la prima volta. Questa era solo un'altra cosa che le veniva detto di fare, e se era quello che volevo, l'avrebbe fatto. Ad ogni modo, sapeva che ai ragazzi sarebbe piaciuto, aveva ballato abbastanza per saperlo. Sapeva che le sarebbe piaciuto. Ora che volevo che lo facesse, era tutto ciò di cui aveva bisogno.

Sceglierei ogni tipo di ragazzo solo per vedere fino a che punto si sarebbe spinta. Non ha mai detto di no e non ha mai mancato di venire. Lo abbiamo fatto di tanto in tanto per alcuni mesi. Lei prendeva solo un drink e camminava verso di loro e li conduceva sul retro. Fino ad oggi, scommetto che questi ragazzi hanno ancora un bel ricordo di quella piccola spogliarellista sexy che ha strofinato la figa contro di loro finché non è venuta. La serendipità può creare dipendenza.

Alison ha sempre ballato durante le nostre partite. All'inizio non mi sono chiesto perché. Ho solo pensato di essere bravo a scegliere i ragazzi. Alla fine mi ha detto cosa avrebbe fatto per portarli sul divano. Era semplice come afferrare la mano del ragazzo e tenersela sul petto, spostandola lentamente verso la sua figa. Poi lo guardava negli occhi e faceva un'offerta. Di solito diceva qualcosa del tipo "Per favore, portami dietro, voglio sborrarti addosso". Era onesta. Non c'erano risatine o comportamenti stupidi. Ha fatto una dichiarazione di fatto e i ragazzi sembravano saperlo.

Alison usciva sempre dalla stanza sul retro con un sorrisetto sul volto. Molto orgogliosa di se stessa per aver fatto come le avevo chiesto, sapendo che sarei stata contenta del suo comportamento da troia. Per non parlare del fatto che ha avuto un orgasmo mentre veniva pagata per questo. Questo era il nostro gioco.

-

"Vedi quel ragazzo con la maglietta grigia seduto da solo?", le ho chiesto dopo che il DJ ha annunciato il prossimo speciale 2 per 1.

"Lui?" lei chiese. “Sì, l'ho già visto, ma non mi sono mai seduto con lui. Una delle ragazze mi ha detto che era un vero pervertito. aggiunse, guardandomi. Lentamente, ha capito perché stavo chiedendo "a lui". Ha detto: "indossa pantaloni della tuta e scommetto che non ha nemmeno la biancheria intima". disse in segno di protesta.

"Sì." Ho riso. “Questo renderà tutto più interessante. Chiedigli di ballare e sborragli sulla gamba come una brava ragazza. Sono sicuro che puoi gestire un vecchio lascivo” dico seccamente.

Potrei dire che stava lottando con questo, ma ha preso una decisione e ha buttato giù il suo drink. Stringendomi la mano mentre si alzava, lanciandomi un'ultima occhiata implorante. Ho solo annuito. Si fece strada verso di lui.

Ho scelto questo ragazzo perché sembrava che avrebbe apprezzato questa esperienza. Questo sarebbe il suo sogno erotico. Sono stati i pantaloni della tuta a convincermi davvero. Sapevo che odiava anche i ragazzi che le indossavano al club. Pochissime ragazze ballerebbero per questo tipo a meno che non fossero alla disperata ricerca di denaro. L'unica cosa peggiore era quando li tagliavano in pantaloncini in modo che i loro cazzi spuntassero dal fondo.

Lo ha riavuto abbastanza facilmente e non gli ha nemmeno fatto l'offerta, mi ha detto in seguito. Ha colto al volo l'occasione non appena lei si è avvicinata. Mentre camminavano nella parte posteriore, ho notato che Alison era più alta di lui nelle sue guarigioni e lui era molto, molto più largo.

Non sono usciti per molto tempo. Di solito finiva in due canzoni, ma la quarta aveva appena iniziato a suonare quando è uscita. Alison stava tornando al mio tavolo e non mi ha mostrato il suo solito sorriso. Ho chiesto se è andato tutto bene e lei ha detto che andava bene. Il ballo era normale all'inizio, con l'eccezione che lui era molto più muscoloso e il suo pene era sempre nel modo in cui lei si lamentava. Niente che non potesse gestire, ma abbastanza da infastidirla decisamente.

"Allora gli sei venuto addosso?" Ho chiesto. Andare dritto al punto.

"Oh sì, e sembrava che piacesse davvero anche a lui." rispose lei, con una sfumatura di rammarico nella voce.

Di solito non chiedevo molti dettagli dopo queste partite. Le chiedevo quali fossero le reazioni dei ragazzi e lei mi raccontava ogni dettaglio divertente. Per lo più, i ragazzi sono così scioccati da quello che è appena successo che non sanno cosa dire o come comportarsi. Ogni tanto trovavano il coraggio di chiederle il numero. Questo era diverso. C'era una storia qui.

"Come fai a dire che gli è piaciuto?" chiesi con un sorriso.

“Gli piaceva tutto! Non appena ci siamo seduti, l'ho visto strofinarsi. Quando è iniziata la canzone era a mezz'asta! esclamò mentre ridevo.

"Questo deve aver reso la lap dance parte del tuo lavoro un po' più difficile." Scherzavo.

Durante il ballo, di tanto in tanto lo rispolverava, ma non si sedeva sulle sue ginocchia come fa di solito con i clienti. Alison sapeva che avrebbe dovuto toccarlo un po', quindi si sdraiò di lato sul suo grembo con il culo che sporgeva in aria, e lasciò che la sua erezione si strofinasse contro il suo ventre per un po'. Le sue mani iniziarono a vagare un po' troppo sul suo sedere, così lei si alzò. Hanno giocato a questo gioco per la maggior parte della prima canzone.

Durante la seconda canzone, si è tolta il vestito e il reggiseno. Balla per lui solo con il suo perizoma e guarisce. Si inginocchiò tra le sue gambe con la faccia a pochi centimetri dal suo cazzo e gli lanciò il suo miglior sguardo innocente. Lei è una grande presa in giro. Quando mi fa questo al club, è esasperante! A casa finisce con il mio cazzo in bocca.

Ha iniziato a strisciare su di lui lentamente, facendo scorrere le sue tette a coppa B sul suo cazzo. Fu allora che notò quanto erano grandi le sue palle. Ha detto che si sentivano enormi. Ho chiesto quanto fosse grande il suo cazzo, sapendo che l'avrebbe già sentito bene. Ha detto che non poteva dirlo ma sapeva che era molto più ampio della media. Di nuovo lei menzionò le sue palle, sembrando interessata a loro.

"Perché non gli hai infilato la mano nei pantaloni e li hai toccati?" Scherzavo. "Sono sicuro che non gli dispiacerebbe."

"Sono curioso, ma non così curioso." lei disse.

Scivolò lungo il resto del corpo, strisciando sul suo stomaco finché non gli fece le fusa nell'orecchio. Il suo cazzo sfregava contro la parte anteriore delle sue mutandine mentre la teneva contro di sé, scopandola. Lo lasciò fare per alcuni secondi e andò avanti.

Era quasi la fine del secondo ballo e doveva fare come le era stato detto. Si arrampicò sul suo ginocchio sinistro di fronte a lui e iniziò a muoversi avanti e indietro, strofinando la clitoride contro di lui. Ha cercato di aiutarla tenendole le gambe, ma lei gli ha tolto le mani e gli ha detto di limitarsi a guardare. Chiudendo gli occhi e trovando il punto giusto, sentì la sua figa prendere il controllo, muoversi sempre più velocemente, iniziò a venire, proprio come faceva con gli altri ragazzi.

Quando finì e aprì gli occhi, notò che si stava strofinando il cazzo attraverso i pantaloni della tuta sottili e la sua bocca era spalancata. I suoi occhi erano fissi sulla sua figa. Poteva sentire il calore che ne usciva mentre si appoggiava allo schienale, lasciandogli dare una buona occhiata alle sue mutandine. Si sentiva bene e non le importava se voleva fissarla. Era una brava ragazza e fatta a mano come le era stato detto.

“Vedo che ti è piaciuto anche quello”, scherzò lei, cercando di alleggerire l'atmosfera mentre scendeva da lui, rimettendosi il vestito.

Si è molto emozionato, chiedendole se fosse davvero venuta. Gli ha detto che non finge.

Non ha mai dovuto fingere quando si masturbava. La sua figa aveva sempre voglia di grattarsi. A volte si masturbava in macchina, guidando lungo la strada, perché la sua figa non smetteva di implorare attenzioni. Quando e dove decide di venire, non c'è molto che possa fermarla.

Tutti i clienti su cui Alison viene, non offre un secondo ballo. Nemmeno lei con lui. Era molto insistente, ha detto, e dopo molte pressioni alla fine l'ha convinta a dargliene un'altra. Le ha dato i soldi e una mancia in anticipo. Alison poteva davvero aver bisogno di soldi extra, e ho pensato che visto che l'avevo rimandata qui con lui, non mi sarebbe dispiaciuto. Ha iniziato a pentirsene immediatamente.

Mentre ballava davanti a lui, il suo tono passò dall'adulazione a più volgare. Ha iniziato a parlare di quanto fosse stretta la sua figa e di quanto gli fosse piaciuto scoparla. Poteva dire che era ancora molto eccitato quando le chiese se preferiva essere scopata nel culo o nella figa. Si tolse di nuovo il vestito e il reggiseno e ogni volta che era vicino al suo cazzo, lui cercava di strofinarlo contro di lei. Era anche molto più energico, tirandola in grembo, separandole le ginocchia e toccandole i seni.

Ad un certo punto, era in piedi sul divano a cavalcioni su di lui, facendo oscillare i fianchi avanti e indietro davanti alla sua faccia, quando lui le infilò la faccia nella figa. Poteva sentire la sua lingua su di lei mentre si allontanava. Era un po' incazzata per questo, perché non era permesso nel club, ma ha chiamato il buttafuori.

"Voleva solo ripulirti dopo che gli sei venuto addosso." Scherzai e Alison mi guardò.

“Non sei arrabbiato?”, chiese un po' sorpresa.

"NO. Se fossi stato lì e ti avessi detto di lasciarti leccare, lo avresti fatto? Ho chiesto.

Ci ha pensato un po' e ha detto: "Sì".



"Bene. Adesso vai avanti.”, dissi, assicurandomi che sapesse chi ha preso le decisioni.

Verso la fine della canzone, la convinse a sedersi di nuovo sulle sue ginocchia, chiedendole se voleva cavalcarlo. Lei si arrampicò e lui le afferrò i fianchi e la tirò più vicino finché non si sedette sulla sua coscia piuttosto grande. Voleva una visuale migliore, le disse, ma ora lei era sdraiata su di lui e poteva far cadere il suo cazzo e le sue palle contro di lei. Poteva anche sentirlo afferrarle il culo tra le sue mani sudate, facendo scorrere le dita lungo la fessura del suo culo mentre la stava scopando a secco.

La canzone era quasi finita così si lasciò strofinare da lui, chiedendosi se le sarebbe venuto nei pantaloni. Stava solo cercando di finire questo ballo e tornare da me. Una volta che la canzone finì, chiese un altro ballo mentre lei si districava dalla sua presa. Gli disse rapidamente che doveva andare, ma sarebbe passata più tardi, non intendendo.

Ero così eccitato a questo punto, realizzando cosa era successo ad Alison. Il fatto che questo ragazzo stesse cercando di molestarla non l'ha quasi messa in crisi, e sono rimasto scioccato dal fatto che sia rimasta per un altro ballo. Ho capito che non le dava davvero fastidio. Non pensavo che l'avrebbe mai fatto da sola, ma Alison era ovviamente disposta ad andare oltre. Ho iniziato a pensare a un modo per usare questo pervertito.

Ho fatto scivolare la mano sotto il suo culo, facendo scivolare un paio di dita nella sua figa umida. Si rilassò un po' e si sporse in avanti sul tavolo, dandomi un accesso migliore. Proprio così, si stava arrapando di nuovo.

"La prossima volta che vieni da me, dovrò punirti per essere stata una tale sgualdrina, lo sai, vero?" Ho detto. Emise un lungo gemito.

La sola minaccia era sufficiente a farla rabbrividire per l'eccitazione. Era ancora un po' ubriaca e ora voleva con aria di sfida una vera scopata. "Si signore. Se ti fa piacere. fu la sua risposta. Sapeva di aver fatto bene e che ero felice con lei anche se dovevo punirla. Sapeva anche che l'avrei sia punita che scopata, non fermandomi finché non fosse stata una pozzanghera piagnucolosa sul pavimento.

È salita sul palco per alcune canzoni e ho visto il pervertito avvicinarsi alla ringhiera. Potevo vederlo dirle qualcosa mentre le infilava i soldi nelle mutandine. Quando è tornata al mio tavolo, l'ho fatta sedere sulle mie ginocchia, il mio cazzo stava già iniziando a indurirsi, sapendo cosa le avrei fatto fare dopo.

“Vedo che il tuo amico è ancora qui, cosa ti ha detto?”, chiesi.

"Oh, vuole che gli dia un ballo", disse con disprezzo.

Facendo scorrere la mia mano lungo l'interno coscia per un momento, le ho chiesto: "Sei pronta per la prossima partita?", cambiando il mio tono in più di un comando. "Torna indietro e balla di nuovo per lui, ma questa volta voglio che tu lo faccia venire per te." Ho detto. È stata presa alla sprovvista. Potevo vedere lo sguardo scioccato sul suo viso. Ho chiamato la cameriera e ho ordinato un altro paio di colpi, dandole il tempo di elaborare quello che ho detto.

"Sei sicuro?" chiese infine.

“Sì.”, dissi, lasciandolo sospeso in aria finché non aggiunsi, “e questa volta assicurati di mostrargli la tua piccola figa. sii felice che ti permetta di indossare le mutandine. Ho preso in considerazione l'idea di lasciarmeli.» Le ho detto. Prenderle le mutandine era qualcosa che avevo fatto in passato quando ero al club. Era rischioso ma divertente finché non saliva sul palco.

Ho cambiato argomento per un po' finché non sono arrivati ​​i nostri scatti e ci siamo seduti in silenzio. Li ho sentiti annunciare un altro speciale 2 per 1 e Alison sembrava terrorizzata. Doveva sapere com'era stato il suo ultimo ballo e sapeva che non sarebbe stato più facile. L'ho rassicurata che sarebbe andata bene e le ho suggerito di macinare su di lui fino a quando non è venuto nei suoi pantaloni. Facendolo sembrare facile, senza sapere se non lo sarebbe stato.

“Hai il mio permesso di essere una sgualdrina. Vai e usalo.”, dissi, mentre giravamo. Le ho dato una piccola spinta per mandarla via, di nuovo dal pervertito con un'erezione. Avrei potuto fare di meglio con la mia regia, e Alison non sapeva ancora cosa mi aspettassi da lei. Tutto questo era ancora nuovo per noi.

L'ho guardata mentre si dirigeva verso l'altro lato del club e l'ho visto alzarsi non appena lei si è avvicinata. Prendendolo per mano, lo condusse nella stanza sul retro.

Mi sono seduto e ho aspettato, il mio cuore batteva all'impazzata, chiedendomi cosa stesse succedendo. Di tanto in tanto non potevo fare a meno di strofinarmi il cazzo nei pantaloni, cercandola. Immaginando le cose che gli stava facendo, o che lui le stava facendo. Mi stava prendendo. I minuti sembravano ore, ma alla fine ho visto Alison uscire velocemente dal retro, a testa bassa, ed è andata direttamente nello spogliatoio. Quando è uscito, è andato direttamente verso l'uscita.

Dopo altri dieci minuti, finalmente si è avvicinata al mio tavolo. L'ho vista guardare il suo tavolo per vedere se era ancora lì, e ho notato che si era cambiata d'abito. Le ho offerto il mio grembo, ma lei si è seduta accanto a me e sembrava molto tesa. Con gli occhi bassi, potevo dire che era nervosa.

Ho considerato di chiederle se stava bene, ma invece mi sono sentito dire: "L'hai fatto venire?". L'ho tirata vicino a me, desiderosa di sentire.

“Sì.”, disse infine. Potevo sentirmi diventare più duro di secondo in secondo. Mettendole un braccio intorno alle spalle, le assicurai che qualunque cosa accadesse nella parte posteriore, lei era ancora con me ed era accesa. Immaginavo che si sarebbe approfittato di lei, ma fino a che punto non ne ero sicuro. Facendole sapere che se avesse fatto qualcosa che non approvavo, l'avrei fatta strisciare per casa mia su mani e ginocchia tutta la notte mentre veniva frustata. Ciò ha aiutato un po 'e un po' di tensione è scomparsa. Ero contento, anche se ancora non sapevo per cosa avevo accettato di frustarla.

Le ho messo una mano sul mento e l'ho girata verso di me. "Ora dimmi cosa è successo." Le ho detto.

L'ho incoraggiata a raccontarmi ogni dettaglio. Ha raccontato gran parte della storia quella notte e i giorni seguenti. Di tanto in tanto le facevo rievocare delle parti nel retro del club, solo per divertimento.

Era ansioso di riportarla sul divano e lei non aveva bisogno di dirgli niente. Ha detto che prima ancora che il ballo avesse dichiarato che si stava strofinando di nuovo. Durante la prima canzone, le stava dicendo quanto si era divertito nell'ultimo ballo, e gli piaceva davvero guardarla venire, e voleva che lo facesse di nuovo. Gli ha appena detto che era contenta che gli piacesse la sua danza e l'ha giocata. Continuò a parlare mentre lei iniziava a ballare e poi le disse di togliersi il vestito. Fece come le aveva chiesto. Ora con indosso solo le sue guarigioni, reggiseno e perizoma, ballava davanti a lui. Mettendogli le mani sulle ginocchia, si chinò. Abbassando la testa verso il suo cazzo, lasciando che i suoi capelli lo sfiorassero mentre le sue mani scivolavano sulle sue gambe verso il suo inguine. Lo sentì gemere ed era ottimista sul fatto che potesse essere più facile di quanto pensasse. Si fermò tra le sue gambe, avvicinandosi un po' mentre giocava con i lacci delle sue mutandine. Prendendolo in giro mentre si abbassava la parte superiore delle mutandine. Il materiale che copre solo la sua fessura. Muovendo i suoi fianchi avanti e indietro mentre lui si sporgeva in avanti. Ha abbassato la parte anteriore in modo che potesse vedere le labbra della sua figa senza peli.

"Come mi hai detto di fare.", disse in tono accusatorio.

Continuava a parlare di quanto fosse bello e di quanto volesse assaggiarla. Poteva sentire le sue mani scivolare lungo le sue gambe, tirandola più vicina, quindi gli mise una mano sulla testa, cercando di mantenere le distanze questa volta, dato che aveva già la lingua fuori. Allungò la mano e cominciò a tirarle giù ancora di più le mutandine, e le fece passare intorno alle sue cosce quando lei si rese conto che le avrebbe tolte completamente. Quando li ha afferrati, si è avvicinato e ha iniziato a leccarle la figa. Alison dovette divincolarsi da lui e tirarsi su le mutandine.

Normalmente quella sarebbe stata la fine del ballo. Mi ha detto un paio di volte che i ragazzi si erano spinti troppo oltre e lei glielo avrebbe permesso, ma ora non poteva.

Era piuttosto agitato ora che l'aveva assaggiata. Si voltò e gli fece unire le ginocchia, sedendosi sulle sue ginocchia. Poteva sentire la punta del suo cazzo che le penetrava nel culo.

"Ecco, piccola, lo vuoi.", disse, mentre scivolava sul divano, rendendo più facile per lei strofinarsi contro di esso. Poteva sentire ogni centimetro del suo cazzo mentre si strofinava la figa contro di esso. Lo ha fatto per molto tempo, sperando che sarebbe venuto presto, ma lui le ha solo massaggiato il culo e ha parlato di quanto fosse buono.

“Non potevo credere che lo stessi facendo. Ho già fatto lap dance ma mai così, sembrava quasi che lo stessi scopando. Lei disse.

L'ho guardata negli occhi e ho detto: “Lo stavi facendo perché te l'avevo detto. Piegati in avanti”, ordinai. Fece come le era stato detto. Con una rapida occhiata in giro, le ho fatto scivolare di nuovo la mano sotto il sedere, scostandole le mutandine, ho infilato tre dita in una figa molto bagnata e molto appiccicosa. Alison ha afferrato il tavolo mentre entravo in lei. Le diedi diverse spinte profonde mentre il suo corpo rispondeva. Tirai fuori le mie dita da lei lentamente.

Le ho asciugato i succhi densi sul vestito mentre lei guardava senza parole.

"Continua." Ho detto.

Ha strofinato su e giù il suo cazzo mentre lui le strofinava il culo e la schiena. Lui le slacciò il fermaglio del reggiseno, dicendole che avrebbe dovuto essere nuda mentre lo toglieva. Poi si sdraiò su di lui, sopra la sua pancia. Mettendo la testa accanto alla sua, ha detto che puzzava di sigarette e di un po' di odore corporeo mentre iniziava a sudare. Lasciò che lui la spingesse contro di lei, sbattendola di nuovo a secco.

Le sussurrò all'orecchio: "Riesci a sentire il mio cazzo?" mentre lo spingeva dentro di lei. Gli rivolse un grugnito affermativo sperando di avvicinarlo.

"E 'questo quello che vuoi?" chiese. “Ti scoperò così bene. Lo vuoi, vero?

Lui le teneva i fianchi e la spingeva violentemente sul suo cazzo, spingendole le mutandine tra le labbra. Lo lasciò macinare su di lei finché la canzone non finì, sedendosi brevemente e chiudendo le gambe, mentre il buttafuori passava.

Si sdraiò di nuovo su di lui e lui giocò con le sue tette per un po'. Ha iniziato a baciarle e leccarle il collo. Sussurrare cose nel suo orecchio. Le fece scivolare la mano tra le gambe e le spostò le mutandine, spingendo il suo cazzo coperto dai pantaloni della tuta contro la sua figa ora nuda.

"Non posso credere che tu gli abbia permesso di farlo." dissi, scioccato.

"Cosa?", Ha detto, sulla difensiva, "Mi hai detto di toglierlo." disse, suonando un po' triste. "Stavo solo cercando di fare come mi avevi chiesto e lui non sarebbe venuto."

“Lo so, e va bene“, dissi in fretta, “Hai fatto bene. Ti è piaciuto per niente? chiesi, cercando di farle sapere che non ero arrabbiato.

“Finora è stata la parte più facile del ballo. Ha fatto tutto il lavoro, io mi sono sdraiato lì. Quando ha strofinato il mio clitoride, mi è sembrato bello, ma non mi piaceva che il materiale dei suoi pantaloni mi sfregasse violentemente.”, disse semplicemente. “Vorrei solo che tu fossi lì con me. Se solo potessi vederti, mi sentirei molto meglio. lei disse.

“Vorrei esserci stato anch'io.”, le assicurai abbracciandola. "La prossima volta che faremo qualcosa del genere, io ci sarò." Questo l'ha rianimata e mi ha fatto sorridere.

Con ciò, ha continuato la sua storia. Si rese conto che non sarebbe venuto in questa posizione e non poteva semplicemente lasciarsi toccare con le gambe aperte rivolte verso il corridoio, quindi si girò sul divano e si appoggiò al braccio che gli teneva le gambe in grembo. Apparentemente ha colto questa opportunità e ha iniziato a toglierle le scarpe, spogliandola di più.

In passato si era lasciata massaggiare i piedi da molti ragazzi e si era sempre divertita. Alison ha cercato di convincerlo a scopare i suoi piedi, ma non sembrava interessato. Lei giaceva lì mentre lui le massaggiava i piedi ei polpacci. Muovendo lentamente le gambe verso la sua coscia.

"Quindi eri sulla schiena quasi completamente nudo, con le gambe divaricate mentre questo ragazzo ti massaggiava le gambe?" chiesi, assicurandomi di aver capito. Non mi sarei mai aspettato questo tipo di situazione quando le ho affidato questo compito.

"SÌ. Mi ha anche fatto tirare da parte le mutandine e toccarmi. lei disse. Sentii il mio cazzo muoversi di nuovo, desiderando disperatamente di infilarsi in quella fica.

"Ti ha toccato di nuovo?" chiesi incredulo.

“Un po', ma soprattutto mi ha guardato per un po', parlando” ha detto. “Quando ha messo la mano nei pantaloni ho dovuto alzarmi. Impossibile farsi beccare così!»

Stava diventando disperata, quindi si è infilata tra le sue gambe e ha cercato di convincerlo a scoparle le tette. Li spinse insieme con le mani e usò la punta delle dita per tenere il suo cazzo, ma si rese presto conto che non avrebbe funzionato. Stava chinandosi e toccandole il viso, cercando di convincerla a succhiargli il dito.

"Vuoi il mio sperma, vero, piccola." Disse, sorprendendola un po'.

"SÌ." ha ammesso. Sapendo che era inutile mentire, ma anche che non poteva dirgli perché.

"È quello che pensavo." disse con un sorriso. "Una volta che sei venuto sulla mia gamba, l'ho capito."

Le mosse le mani e si abbassò i pantaloni della tuta sotto le palle. Prima che se ne rendesse conto, la sua faccia era premuta contro il suo cazzo. Poteva sentire le sue enormi palle sulle sue labbra. L'odore di lui la sopraffece.

"Apri la bocca!" lui le ha detto. Adesso era più esigente. Aprì la bocca, guardandolo da sopra il suo cazzo. L'aveva presa per la nuca e gliel'aveva in bocca.

“Vuoi che venga? Succhialo ragazza. Egli ha detto.

Si liberò e si alzò, dicendogli che non poteva farlo e gli tirò su i pantaloni della tuta, coprendolo di nuovo. Ha iniziato a protestare.

Quando le ho chiesto cosa fosse successo dopo, si è presa un momento e ha detto qualcosa che non mi aspettavo: "Mi sono rimesso il vestito", ha detto piano. Non ha detto altro, costringendomi a chiederle perché.

"Così potrei togliermi le mutandine, come hai detto prima.", disse Alison con un filo di voce.

All'inizio ero confuso, ma poi mi sono ricordato di cosa stava parlando. L'avevo considerata una minaccia e non un suggerimento!

"Continua." dissi, cercando di comportarmi con calma. Nella mia mente, ho solo immaginato quel vestitino che copriva solo la sua figa nuda. Era quasi troppo. Ora era più nuda di quanto lo fosse stata prima nella mia mente.

In piedi di fronte a lui, si rimise il vestito, facendogli un sorriso, si tirò giù le mutandine sul pavimento, raccogliendole. Lei si mosse esitante verso la sua portata. La tirò dentro e le sue mani andarono immediatamente sotto il suo vestito, toccandola. Lei gemette mentre lui la penetrava con le sue dita grasse. Lasciandogli un ditalino per un po', sembrò dimenticarsi del pompino.

Ancora una volta strisciò sopra di lui, stavolta di fronte a lui, a cavalcioni sui suoi fianchi. Lasciò che le spalline del vestito le cadessero dalle spalle. Tirando fuori le braccia, la metà superiore del suo vestito le ricadde intorno alla vita, coprendoli entrambi. Cominciò a leccarle e succhiarle i capezzoli mentre lei strofinava la sua figa ora nuda contro la protuberanza nei suoi pantaloni della tuta.

Più si sfregava, più diventava cruda la sua figa e diceva che il suo clitoride stava diventando molto tenero. Alison lo spinse indietro sul sedile e gli disse che non poteva scoparselo, ma a lui sarebbe piaciuto, mentre lei afferrava l'elastico dei suoi pantaloni della tuta e li tirava giù. Si leccò la mano e strofinò la sua asta per alcuni secondi, facendolo bagnare.

Le sollevò la gonna in modo da poterla guardare mentre si muoveva un po' fino a quando la sua figa era sopra il suo cazzo, seduta sulla sua asta. Con la punta del suo cazzo che spunta dalle labbra della sua figa bagnata.

Il suo cazzo fu presto inzuppato del suo succo, facendo sentire meglio entrambi mentre lo cavalcava. Lo fece per un po' mentre lui gemeva entrandoci dentro. Alison non aveva intenzione di venire di nuovo, ma poteva sentire il proprio orgasmo crescere a prescindere.

"Vuoi il mio sperma?" Ha chiesto di nuovo.

“Sì, lo voglio.”, si sentì dire, strofinandosi contro di lui più velocemente. "Per favore, vieni per me." supplicò, sapendo che doveva compiacere anche me. Si tirò su la gonna, guardando il suo cazzo muoversi tra le sue labbra.

After that, she said, everything happened quickly. She put her hands on his belly and adjusted herself so his cock head was rubbing her clit and she started to cum, knowing he was not far behind, but he quickly pulled her forward. As she leaned forward she felt him enter her, filling her pussy, but she couldn't stop.

“Take it!”, he said, and then she could feel him pulsate inside her, pushing her further over the edge. She continued to fuck him as she came harder, unable to stop.

The next thing she remembered was the DJ making an announcement, and feeling him still inside her. She had collapsed on top of him, and could still feel his dick twitch as he was emptying the last of his cum. A moment later, people started walking by in the hallway, so she quickly sat up. Her skirt still covering everything below the waist, so that was a relief. She could feel his dick soften inside her and a moment later, when it pulled out of her, she could feel his cum running out. She pulled up the top of her dress, trying to act like everything was normal, but she was still light-headed.

He put his hand under her skirt, she thought he was putting himself away, but instead he started to finger her pussy. “That as a good one. You got enough cum inside you to last a week.” he laughed. She grabbed his arm and pulled it out from under her dress, it was covered. Reaching down, she did her best to discreetly pull up his sweatpants, getting her own hands drenched in the process.

“I'll give you another $20 if you clean me off with your mouth.” he said in a smug tone.

Alison ignored him and started to put her shoes back on, looking for panties that she had stashed in the couch cushions. His cum running down her legs as she did. By this time, the next song had started, so she was able to quickly put them back on. She tried not to pay any attention to him, desperate to get to the bathroom and clean herself up. She was in a panic now, getting more worried by the second. It had been too long. She had gone too far. What if someone had seen her.

Feeling ashamed of herself, Alison was unable to look at him. She had never thought she'd fuck a customer, especially one like him. He was still laying back on the couch with a big wet patch on his pants. No mistake about what had happened, she realized. She told him he should leave, pointing at it.

Humiliated, she put out her hand for the money. As he gave it to her, he offered to double it if she'd meet him at the hotel across the street next time. Making her feel even worse. When she didn't answer, he told her he'd see her next week. It didn't help when she saw the cum on his hand as he gave her the money.

When she got to the bathroom, she cleaned herself up, trying to figure out what to tell me. She considered lying but couldn't do that. She decided to tell me everything. She just hoped that I would punish her for what she did, she was willing to accept that.

She had fucked a guy without my permission and deserved to be punished, and punish her I would — I'd even let her pick out the whip, but not that night. I had something she needed to do for me first.

“Go back and change into that dress and leave your panties off. You're going to give me the next dance.”, I told her after she had finished her story.

Her eyes lit up and she smiled as she got up to go change.

Storie simili

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

Fidanzato Fidanzato 3

Mia madre mi ha chiamato e voleva parlarmi. Ero al lavoro quindi l'ho fatta fermare alla stazione. Alan, ha detto, abbiamo un problema. Che succede?, le ho chiesto, spaventata che potesse aver visto io e Malia abbracciarci in quel modo. Ma ha messo a tacere quella paura. Le tue sorelle Malia e Stephanie non vanno d'accordo. Ho paura che si uccideranno a vicenda, ha detto. Dobbiamo capire cosa possiamo fare affinché almeno possano essere civili l'uno con l'altro. Bene, ho detto, ci penserò su e vedrò cosa posso inventare. Devo lavorare per uno dei ragazzi qui quindi non sarò a casa...

676 I più visti

Likes 0

(2) divertimento in spiaggia per tutti

Mi piaceva portare mia moglie sulla spiaggia per nudisti, soprattutto a metà settimana, quando c'erano principalmente solo ragazzi, avevamo trovato un bel posto proprio tra le dune dove potevamo ancora vedere l'acqua, ma avevamo un po' di privacy, non ci volle molto i ragazzi sapevano che una bella donna era sulla spiaggia, e spesso venivano con noi, per vedere dove eravamo seduti, Prendevo sempre una grande coperta, la stendevo e giacevamo entrambi nudi, Joy con le gambe aperte affinché tutti potessero vederla, i ragazzi si prendevano il loro tempo mentre passavano, la maggior parte felice di stare in piedi e guardarla...

617 I più visti

Likes 1

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.1K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

1.9K I più visti

Likes 0

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

1.3K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.5K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.1K I più visti

Likes 1

La cagna di Rachel, capitolo 2: finire quello che ha iniziato

Caratteri Emma - 16 anni Altezza 5 piedi 4 Colore dei capelli biondo Colore degli occhi blu Taglia del seno 34B Rachele - 16 anni Altezza 5 piedi 4 Colore dei capelli biondo Colore degli occhi blu Taglia del seno 34B Emma si limitò a fissare sua sorella. Si voltò verso il suo guardaroba, aprì una delle ante e si guardò allo specchio. Si abbassò per cercare di staccare il tatuaggio. Si stava grattando leggermente ma non stava succedendo niente. Cos'è questo? chiese Emma frustrata. Quello è un tatuaggio. Perché non viene via?! Rachel sollevò la penna che aveva usato per...

1.5K I più visti

Likes 0

Sorveglianza

Sorveglianza. Sono Lana Kreskovi, una cadetta di stanza in una struttura per prigionieri di guerra nella Russia sovietica... la mia vita è questa fortezza, i miei desideri...? beh, dovrai continuare a leggere. Ti invito comunque a curiosare tra le pagine del mio diario...potresti trovare qualcosa che ti piacerà Nome: Kreskovi, Lana Età: 22 Luogo di nascita: Irkutsk, Russia Occhio: blu Capelli: castano scuro/nero Ht. 5'8 Peso 118 Sangue: (AB-) Stato: cadetto, 3 anni. Prigione militare di Zaninsk: Facoltà di sicurezza, membro 10 dicembre 1942 6:03 tutti i sistemi sono normali, tutti i monitor sono operativi... tutte le stanze sono sicure. *Sospiro...

533 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.