Eventi che portano alla nostra fase di "Sperimentazione".

761Report
Eventi che portano alla nostra fase di

Come la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori, eravamo in tanti a frequentarci spesso. Scherzavamo, ci davamo del filo da torcere, ci prendevamo in giro, cose normali da ragazzi. E come la maggior parte dei gruppi di ragazzi di quell'età, alcuni di noi avevano l'auto, e alcuni di noi dovevano prendere in prestito quella dei nostri genitori di tanto in tanto...

Era il fine settimana e avevamo deciso di andare in un luogo di ritrovo popolare, un lago a circa un'ora di macchina, che aveva scivoli e piattaforme da cui saltare, probabilmente meglio descritto come l'equivalente anni '80 di un parco acquatico. Per gli standard odierni non era molto, ma normalmente c'erano molte persone lì nei fine settimana estivi (e molte ragazze da guardare) ed era divertente.

Dopo esserci ammassati in macchina per tornare a casa dopo una lunga giornata in giro, siamo usciti ed è diventato subito chiaro che eravamo tutti stanchi. Ho iniziato ad addormentarmi, ma mi sono sentito male per il nostro autista, Frank. Gli ho chiesto e lui mi ha assicurato che sarebbe stato bravo per il viaggio di ritorno a casa e che avrebbe potuto andare avanti a dormire. Mi appoggiai allo schienale e mi preparai per il viaggio.

Non so quanto tempo ero stato fuori, ma quando mi svegliai notai che anche Ken, il mio compagno sul sedile posteriore, si era addormentato, e così facendo si era piegato su un fianco e stava usando il bracciolo al centro del sedile. il sedile posteriore come cuscino. Era fuori. Mi appoggiai alla porta, metà seduto e metà sdraiato, in diagonale dal mio lato del sedile. Ancora una volta mi sono sistemato e mi sono permesso di addormentarmi.

La volta successiva che mi sono mosso e mi sono svegliato, ho sentito qualcosa appoggiato sul mio busto. Abbassai lo sguardo e vidi che era il braccio di Ken. Mentre la sua mano si posava sul mio fianco, il suo polso era appoggiato direttamente sul mio cazzo. Ed essendo il ragazzo giovane e sessualmente inesperto che ero (che eravamo tutti a quel punto), era tutto ciò che serviva, e con solo quel po' di pressione potevo sentire che cominciavo a diventare duro... Ho guardato, e Ken sembrava addormentato. Non mi sono mosso, ho fatto del mio meglio per sembrare che continuassi a dormire, e ho provato a riportare giù il cazzo. Non funzionava. Dopo una giornata trascorsa a guardare a bocca aperta tutti i corpi sulla spiaggia, apparentemente era bastata solo una piccola pressione per farmi andare avanti, e potevo sentirmi irrigidirmi mentre giacevo lì.

Temendo di essere scoperto e preoccupato che i miei amici mi prendessero in giro perché ero gay (non era una bella cosa a quei tempi) ho cercato di adattarmi e di liberarmi dal suo braccio senza sembrare sveglio. Non buono. Allo stesso tempo, ho notato qualcos'altro... c'era qualcosa dentro di me a cui piaceva moltissimo avere qualcos'altro - qualcun altro - che mi toccava l'uccello. Anche se non volevo essere scoperto, non volevo nemmeno che finisse...

Avevo davvero sentimenti contrastanti dentro, ma ho deciso di provare a fare qualcosa al riguardo. Mi sono "svegliato" e mi sono seduto un po'. Infatti, Ken, nel sonno, ritirò il braccio. Non del tutto, ma almeno non si appoggiava più al mio uccello ormai completamente duro. Ho chiesto a Frank se fosse ancora bravo a guidare, cosa che ha detto di sì. Mi sono adattata, ho preso l'asciugamano e mi sono coperta, non tanto per stare al caldo quanto per nascondere la mia erezione attraverso il costume da bagno. Sono scivolato di nuovo nella mia posizione precedente per cercare di annuire. Fu allora che cominciai a sospettare che Ken potesse non essere addormentato come avevo sospettato in precedenza...

Mentre scivolavo indietro per mettermi comodo e tornare a dormire, il braccio di Ken simultaneamente scivolò di nuovo nella sua posizione precedente, con il suo polso che ancora una volta si stringeva direttamente sul mio uccello. Ed essendo completamente duro, ogni urto che colpivamo mi stimolava perché potevo sentirlo su di me. Non potevo assolutamente dormire, quindi ho finto. Rimasi lì, con la mente che correva mentre discutevo tra me su quanto fosse sbagliato e il puro piacere di cui stavo godendo...

Dopo solo pochi minuti ho notato che a volte, quando colpivamo un dosso, il braccio di Ken a volte sembrava quasi strofinarmi il cazzo duro. Con gli occhi appena aperti, in modo da sembrare addormentato, abbassai lo sguardo per valutare la situazione... quando lo feci, vidi Ken alzare leggermente lo sguardo, per vedere se ero sveglio. Ah ah! Era sveglio e sapeva cosa stava facendo! Non c'era nessun errore a riguardo. Ero abbastanza sicuro che non sapesse che ero sveglio, quindi ho continuato a fingere di dormire.

Continuammo così per diversi chilometri, sobbalzando sulla strada, io duro come una roccia, godendomi le sensazioni che ricevevo. Poi l'ho sentito inequivocabilmente... stava spingendo più forte di quanto avesse fatto in precedenza... così ho guardato in basso, e mentre lo facevo, ho visto che mi guardava... la maschera era finita. Sapeva anche che ero sveglio...

Ciò che fece dopo mi colse totalmente di sorpresa... si "adattò" nel sonno (almeno sembrerebbe così a chiunque guardasse) e così facendo, tirò indietro il braccio di qualche centimetro... e sotto l'asciugamano, mi ha subito afferrato il cazzo. Lo strinse leggermente. Avevo la sensazione che l'elettricità attraversasse il mio corpo...

Questo era qualcosa di totalmente nuovo per me. Certo, come ragazzi ci davamo del filo da torcere a vicenda, ogni tanto scherzavamo sul fatto che qualcuno fosse gay o qualcosa del genere, ma non lo prendevamo mai sul serio. Solo divertimento adolescenziale, giusto? Ma questo... porca miseria. Era sbagliato, ma così divertente...

Ken giaceva lì, sembrava dormire, ma la sua mano iniziò dolcemente ad esplorare il mio attrezzo rigido attraverso i pantaloncini... Ero sia in paradiso che all'inferno allo stesso tempo. Non sapevo cosa pensare, ma sapevo che mi stavo divertendo e non volevo che finisse. Adesso toccava a me...

Mi sono "adattato" nel sonno e ho girato i fianchi maggiormente verso Ken, per dargli un accesso migliore e anche per fargli sapere che mi stava piacendo quello che stava facendo. Si rese conto di quello che stavo facendo, e se quello che aveva fatto prima mi avesse sorpreso, stavo per rimanere totalmente scioccato...

Si 'aggiustò' ancora una volta nel sonno, e sotto la copertura dell'asciugamano, con la mano che era 'sotto' di lui, trovò l'apertura della gamba del mio costume da bagno. Lo tirò su e via e fece scivolare la mano dentro la mia tuta per afferrarmi il cazzo. Quando ha sentito la rete della mia tuta, ho potuto sentirlo mentre cercava di entrare, cosa che ha fatto rapidamente, e ha afferrato la mia asta. Lasciatemi solo dire questo... se prima sembrava elettricità, questo sembrava energia nucleare o qualcosa del genere...

Attraverso gli occhi appena aperti guardai avanti e mi resi conto che nessuno dei due sul sedile anteriore aveva la minima idea di cosa stesse succedendo tra me e Ken. Tra il sapere che erano all'oscuro e l'eccitazione che potevo sentire crescere rapidamente dentro di me , sono diventato leggermente più audace. Potevo sentire Ken esplorare lentamente il mio cazzo con la mano, e in cambio ho ruotato i fianchi, spingendo dolcemente e lentamente nella sua mano... Mi ero abbandonato alla situazione, totalmente abbandonato a qualsiasi senso di colpa o di sbagliato, puramente godendosi la lussuria della situazione, desiderando di più...

Fu a questo punto che apparentemente Ken pensò che sarebbe stato divertente aumentare il livello e spingersi oltre.

Ha tolto la mano dai miei pantaloncini, il che naturalmente mi ha fatto guardare per vedere cosa stesse succedendo. Mi stava guardando, assicurandosi che vedessi cosa stava facendo. Ha tirato fuori silenziosamente la mano da sotto l'asciugamano, mi ha guardato maliziosamente con un sorriso e si è leccato il pollice, ma bene... Ha infilato subito la mano nei miei pantaloncini, afferrando saldamente il mio cazzo ancora duro... ma questa volta , ha fatto scorrere il pollice lucido sul fondo della mia testa del cazzo, proprio dove incontra l'asta... Wow. Non avevo mai sperimentato nulla del genere... e mi è diventato chiaro che non era qualcosa che avrei potuto continuare a lungo... le sensazioni, il potente accumulo dentro di me, sembrava che provenisse dal nucleo di il mio essere....

Certo, a quel punto della mia vita, avevo giocato con me stesso probabilmente centinaia di volte. Ma questo era diverso. Questo è stato qualcun altro che me lo ha fatto. Ed era il mio amico Ken, che conoscevo da anni, e non avevo mai parlato di una cosa del genere... e mi sentivo come se stessi per esplodere...

Mi sono avvicinato e gli ho afferrato la mano attraverso il costume da bagno, stringendola per segnalargli che avrebbe dovuto fermarsi. Lo fece, guardandomi. Scossi la testa, anche se leggermente, indicando di no. Lo sentii tirargli la mano, indicando che si sarebbe ritirato. Ho lasciato andare la sua mano.

Quello che non ho notato è che la sua altra mano è rimasta esattamente dov'era, tenendo aperta la gamba del mio vestito...

Ritirò la mano, ma questa volta, mentre mi guardava timidamente, si leccò tutto il palmo, spalmando quanta più saliva poteva, e si infilò di nuovo nei miei pantaloncini, ma questa volta con entrambe le mani... con il suo ' Con la mano asciutta, afferrò saldamente la mia asta e con l'altra mi afferrò delicatamente la testa, lasciandola scivolare nel suo palmo... Dentro di me potevo sentire quella tensione... volevo che continuasse, ma non... e ora potevo sentire quella fitta familiare, sapendo che non sarebbe passato molto tempo prima che non potessi più sopportarla...

Ancora una volta gli presi la mano, esortandolo a fermarsi. Tirò fuori la mano ancora una volta, la leccò bene, e di nuovo me la fece scivolare nei pantaloncini esattamente dove prima, e continuò a far scorrere la mano sul mio cazzo, incitandomi... era diventato un gioco. Sapevamo entrambi che se l'avesse fatto ancora per molto, avrei perso il controllo e avrei sparato. Quindi lo fermavo, lui si fermava solo per un momento, e poi continuava a darmi questa sega lenta e scivolosa sotto l'asciugamano, leccandosi di nuovo il palmo ogni tanto...

All'improvviso ho sentito Frank e il mio cuore ha smesso di pensare che forse eravamo stati scoperti. Andava tutto bene e annunciò che ci stavamo avvicinando a casa mia, che probabilmente avrei voluto alzarmi e raccogliere le mie cose.

Ken e io ci separammo e ci sedemmo. Non eravamo stati scoperti. Quando sono sceso dall'auto mi sono assicurato di tenere l'asciugamano basso per nascondere la tenda nella tuta. Stavo cercando di pensare a qualcosa da dire, cercando una ragione per cui Ken dovesse uscire... ma mentre pensavo, tutti si sono salutati e, proprio così, si sono allontanati. Ora sapevo esattamente cosa si intendeva con il termine palline blu.

Entrai in casa e con mia gioia scoprii che i miei genitori erano usciti. Dopotutto era sabato sera. Corsi di sopra e mi infilai nella doccia, ancora duro per l'attività del pomeriggio. Non vedevo l'ora di scaricare tutta la tensione che provavo...

Mi sono insaponato, ho preso il mio attrezzo e ho iniziato a strattonare, permettendo alla mia mente di tornare al viaggio in macchina...

Non ci è voluto molto tempo e ho sentito quella sensazione familiare, il mio cazzo pulsare mentre si preparava per il decollo... mentre esplodevo nel mio palmo ho fantasticato che fosse Ken che mi massaggiava il cazzo, ancora su quel sedile posteriore... potevo sentire il jet dopo il jet, sparando più forte e più lontano che mai, alimentato dal pensiero tabù di farlo con il mio amico...

A quel punto sapevo che sarebbe successo qualcosa tra noi. Non sapevo quando e non sapevo come, ma sapevo che l'avrei realizzato.

E visto che il destino ha voluto, non avrei dovuto aspettare a lungo....

~~~~~~~~~~

Se vuoi saperne di più, fammelo sapere nei commenti e scriverò le nostre avventure successive.

Storie simili

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.3K I più visti

Likes 2

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

1.4K I più visti

Likes 0

SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO In alto nella vita Domenica 23 dicembre, Notte Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù...

1.4K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.5K I più visti

Likes 1

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.3K I più visti

Likes 1

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.3K I più visti

Likes 1

Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

Il mio vicino è un guardone e si chiama Tom. Sì, conosco molto cliché, ma il suo nome è davvero Tom. Ora sono stato timido riguardo al mio corpo, è sinuoso e sì, sono un po 'sovrappeso per il mio telaio 5ft6, il mio culo è arrotondato, i miei seni sono molto grandi e le mie cosce sono più grandi di quanto vorrei. Tuttavia, sono tutto io e quindi è così. La maggior parte dei giorni di sole mi piace passeggiare in giardino in topless (almeno) a volte completamente nudo, annusando i fiori e sedendomi per prendere il sole. Quindi, comunque...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1.1K I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.