Come lo sognavo parte 2 capitolo 26

445Report
Come lo sognavo parte 2 capitolo 26

NON POSSIEDO Naruto
Leggi e DIVERTITI
E ora la storia
Scritto da Drago degli Inferi
Rivisto da Evildart17/Darkcloud75
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
Come lo sognavo
Parte 2
Capitolo 26
“Naruto. . .NAruto . . . NARUTO”
Naruto aprì rapidamente gli occhi dopo aver sentito chiamare il suo nome. Fece il gesto di sedersi ma avvertì dolore attorno al fianco e proprio sotto il petto. Naruto si guardò intorno senza sapere dove fosse.
"Sembra che tu sia sveglio", ha detto una persona. Naruto notò che la voce apparteneva ad una donna seduta all'altro capo della stanza.
"Quello che è successo?" chiese Naruto mentre si sdraiava sul letto.
“Momo ti ha trovato durante un temporale nel bosco” disse la persona indicando il cane sdraiato accanto al letto.
Naruto guardò oltre il letto e vide il cane dormire.
"Eri quasi morto quando ti abbiamo trovato, avevi perforato i polmoni ed erano pieni di sangue, se non ce l'avessi ancora saresti morto" ha detto la persona.
"Spero di non averti causato alcun disturbo" chiese Naruto.
"No, va bene, mi piace aiutare le persone quando hanno bisogno di aiuto", ha detto Yuri.
"Come mi hai guarito?" chiese Naruto.
"Beh, fortunatamente l'unico motivo per cui il tuo infortunio era grave era perché i tuoi polmoni si stavano riempiendo di sangue, ma a parte questo tutto il resto poteva essere risolto facilmente", ha detto la persona.
“Sei stato tu a guarirmi?” chiese Naruto.
"No, e una donna anziana che conosce alcuni jutsu di guarigione di base ti ha guarito, dopo aver drenato il sangue dai tuoi polmoni", ha detto la persona.
"Bene, grazie per esserti preso cura di me", disse Naruto.
"Nessun problema . . . . . sei guarito abbastanza velocemente. . . ma penso che dovresti riposarti ancora un po’” disse la persona.
"IO . . . Non posso. . . Devo andare” disse Naruto mentre cercava di rialzarsi solo per sentire il dolore.
"Per favore . . . almeno per venti minuti” ha detto la persona.
"Devo andare ad aiutare alcune persone", ha detto.
"Quanto aiuto puoi essere se stai ancora soffrendo?" rispose.
"Va bene, ma solo venti minuti" disse Naruto mentre guardava la persona seduta a circa tre metri da lui, nell'oscurità.
La figura si alzò e camminò verso di lui, era una donna che sembrava essere sulla quarantina, poi si fermò: "Mi chiamo Yuri, piacere di conoscerti"
Naruto la fissò semplicemente: "Il mio nome è Naruto, Uzumaki Naruto"
Dopo essersi presentati, Yuri si aspettava che Naruto dicesse di più, ma non accadde nulla e il posto rimase in silenzio per un po'. Tutto ciò che Naruto poteva fare era guardarla.
"Qualcosa non va?" disse Yuri perché era da un po' che non diceva niente.
“Uh no, no, è proprio questo. . . . . uh ci siamo già incontrati perché sembri molto familiare” disse Naruto.
"Beh, non posso dire di averti visto perché beh, non posso vederti" disse Yuri indicando il panno che le copriva gli occhi.
“Oh giusto, scusa. . . . . . beh, comunque, dove siamo?" chiese Naruto.
“Beh, siamo a nord del paese dei fulmini. . . . . posso chiederti da dove vieni?" disse Yuri.
"Vengo da Konoha e sono venuto fin quassù per salvare le mie figlie" disse Naruto.
"Emi, Saya..." . dovrebbero andare bene con Kyuubi e Hachibi. . . Hinata dovrebbe essere al sicuro a casa. . . . . . . ma perché ho questa brutta sensazione che qualcosa non va?’ pensò.
Yuri si portò una mano alla testa e poi barcollò fino a sedersi.
"Stai bene?" chiese Naruto.
"All'improvviso mi è venuto un forte mal di testa, ma starò bene", ha detto Yuri.
"OK . . . . .sei originario di questo luogo o vieni da un altro luogo?” chiese.
Ancora una volta si portò la mano alla testa mentre sperimentava un altro mal di testa: “Io. . . . Non lo so . . . . . negli ultimi diciotto anni ho vissuto senza sapere chi sono. . . . . lei è l’unica cosa che ho” disse Yuri indicando momo.
“Quindi da diciotto anni vivi un’altra vita e non hai idea se hai qualche famiglia” disse Naruto.
"Giusto . . . . . Ho fatto del mio meglio per ricordare ma niente. . . . . . Non riesco a ricordare nulla”, ha detto.
"Mi dispiace, vorrei poterti aiutare", ha risposto.
“Mi sono sempre chiesta se avessi un marito e dei figli, una bambina o un maschio o entrambi” ha detto con tono triste.
"Ti sei mai chiesto come o perché ti è successo questo?" chiese Naruto.
"L'ho fatto, ma è inutile che non riesco a ricordare, tutto quello che succede è che più cerco di ricordare il peggio che questi mal di testa ottengono, quasi come se la mia testa non volesse che io pensi a questi problemi, al mio passato", ha detto, Yuri si chinò leggermente per accarezzare momo.
Quando Yuri si chinò per accarezzare Momo, Naruto vide qualcosa nella parte posteriore del suo collo che attirò la sua attenzione.
"Che cos'è?" chiese Naruto.
"Cos'è cosa?" chiese non sapendo di cosa stesse parlando.
“Quella cosa dietro al collo. . . . . posso vederlo", ha detto.
Si portò una mano alla nuca: “Non sapevo di avere qualcosa sul collo, nessuno me lo ha mai detto. . . . . . . . . Immagino che tu possa vederlo "
Si inginocchiò davanti al letto e si voltò tenendo i capelli di lato. Non appena Naruto vide di cosa si trattava rimase scioccato.
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
Le ragazze si fermarono improvvisamente al suono della voce di Kyuubi, poi guardarono Naruto. Nel momento in cui si fermarono, Naruto cominciò a trasformarsi in una lucertola gigante, la lucertola aprì la bocca e tirò fuori la lingua colpendo entrambe le ragazze e le inghiottì entrambe.
Nel momento in cui le ragazze furono inghiottite dalla lucertola, Kyuubi e Hachibi scomparvero entrambi tornando alle collane.
"EMI, SAYA" urlò Neji.
"È per sicurezza" disse Pein mentre atterrava sopra la lucertola gigante.
Tutti erano pronti a caricarlo ma quando cercarono di muoversi non ci riuscirono, guardarono tutti in basso per vedere cosa li tratteneva a terra.
"Sabbie mobili? COME CAZZO È ARRIVATO QUI?" - gridò Kiba.
“Stiamo affondando. . . e veloce” disse Shikamaru.
Jiraiya ha creato dei sigilli per un jutsu ma non è successo nulla.
"Che tipo di jutsu era che non faceva nemmeno nulla?" chiese Chouji.
"So che non è successo nulla, devono aver fatto qualcosa per impedirci di usare i jutsu" ha detto Jiraiya.
"Cazzo, non riesco a uscire, mi fa solo affondare di più", ha detto Kiba.
"Non sei l'unico" disse Neji.
"Merda, ragazzi, lo pensate?" chiese Jiraiya.
"Sì, non solo ci risucchia, ma sta anche iniziando a schiacciarci", ha detto Kakashi.
Tobi atterra accanto a Pein: “La presa è stata facile”
"È stato facile grazie al tuo sharingan", ha detto Pein.
"Se sono ancora vivi e qui allora significa che devono aver battuto Naruto, ma probabilmente non sanno che è ancora vivo, dubito che lo lascerebbero vivere se non fosse più loro utile" pensò Jiraiya.
"FUCKIN' SHIT" urlò Kiba dal dolore.
Erano già arrivati ​​alle spalle. Jiraiya e gli altri continuarono ad affondare nella sabbia e caddero in una piccola area compressa sotto terra senza alcuna apertura.
"Che CAZZO è questo?" urlò Kiba.
Lee e Gai hanno provato a prendere a pugni i muri ma non è successo nulla. L'altro ha provato a fare qualche jutsu ma neanche questo è successo.
"Come diavolo faremo a uscire di qui?" disse Shikamaru.
"Almeno non siamo più schiacciati dalla sabbia", ha detto Chouji.
“Forse no, ma guarda, lo spazio si sta avvicinando” disse Neji mentre indicava tutto il muro, si stavano avvicinando a poco a poco.
"FUCK" urlò Kiba.
"Oh, senza aperture diventa peggio e tutte le persone qui dentro finiranno presto l'aria", disse Shikamaru.
"Quindi o soffochiamo o veniamo schiacciati", ha detto Jiraiya.
"Dobbiamo uscire di qui", ha detto Kiba.
“Oh, è una buona idea, perché non ci abbiamo pensato? . . . ehi, perché non ti viene in mente un'idea per andartene? "disse Jiraiya sarcasticamente a Kiba.
Kiba non capisce il sarcasmo, "Avere idee è il dipartimento di Shikamaru"
"Guardateli, non hanno idea che sia un genjutsu, probabilmente pensano che si tratti di una serie di jutsu utilizzati" disse Tobi mentre guardava tutti quelli che stavano di fronte a lui.
"È stato molto più semplice di quanto pensassi" ha detto Pein.
“Sì, sembra che questa volta non ci divertiremo” rispose Tobi.
"Pensi di poterli tenere così anche dopo che ce ne saremo andati?" chiese Pein.
"Sì, ma una volta che il genjutsu si esaurirà, sai che potrei ucciderli proprio adesso", disse Tobi.
"Va bene, fallo" rispose Pein. Tobi si preparò ad agire.
Prima che Tobi facesse qualcosa, la lucertola gigante esplose facendola a pezzi mentre il chakra rosso e nero sgorgava dalla lucertola da molti punti.
“SÌ, ce l’abbiamo fatta. . . . . . è stato proprio come hanno detto kyuu e hachi” urlò Emi con entusiasmo.
"Te l'avevo detto" disse Saya.
"No, non l'hai fatto" rispose Emi girandosi per guardare Saya.
"Sì, l'ho fatto, ma non mi hai sentito", ha detto Saya mentre si girava per guardare Emi e poi le faceva la linguaccia; Emi ha reagito facendo la stessa cosa.
I due stavano accanto a grandi masse di chakra, ognuno aveva una figura diversa.
Quello accanto a Emi sembrava uno Sciacallo fatto di chakra rosso, e quello accanto a Saya sembrava una Tigre fatta di chakra nero. Le ragazze si voltarono e videro le altre due in piedi accanto alle altre pronte ad ucciderle.
“Lasciateli in pace, grandi stronzi” disse Emi.
Pein guardò le ragazze: "O cosa?"
"Questi due piccoli Twinkies non dovrebbero essere un problema" ha detto Tobi.
“Ricorda che non puoi ucciderli. . . . . basta sottometterli”, ha detto Pein.
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
Naruto continuò a guardarle il collo.
"Suo . . . è un sigillo”, ha detto.
"Una foca?"
"Sì . . . . . e quel sigillo. . . . assomiglia molto a quello che ho visto prima", ha detto.
"Cosa serve?" lei chiese.
"Non lo so . . . . . ma se è simile a quello che ho visto, potrei riuscire a rimuoverlo” disse Naruto.
"Le differenze tra loro sono grandi?" ha chiesto.
"Beh, questa foca somiglia molto alla foca dell'uccello in gabbia, ho studiato quella foca per molto tempo, ma non la penso così", disse Naruto.
"Quindi puoi rimuoverlo?" chiese Yuri.
"L'uccello foca in gabbia sì, questo non lo so ma potrei provare, sembra essere una variante diversa dell'uccello foca in gabbia" disse Naruto.
“Se puoi, per favore, prova. . . . questa potrebbe essere la causa dei miei problemi” ha detto Yuri.
"Va bene, ma resta fermo, potrebbe volerci un po'" disse Naruto.
Naruto mise una mano sui sigilli mentre vi modellava un po' di chakra, e poi con l'altra mano iniziò ad eseguire diversi sigilli con una sola mano.
Erano passati quindici minuti e Naruto aveva ancora problemi a fare qualsiasi cosa con il sigillo finché non iniziò finalmente a concentrarsi davvero sul sigillo. A poco a poco il sigillo cominciò a staccarsi, con una mossa rapida Naruto strappò il sigillo e una volta staccato il sigillo si disintegrò nel nulla.
Yuri lanciò un grido per la rimozione del sigillo. Naruto si alzò dal letto e si inginocchiò davanti a lei.
"Stai bene?" chiese Naruto, alzò la testa e Naruto poté vedere le lacrime che cominciavano a fuoriuscire da sotto il tessuto.
"IO . . . . . . Io – io sono. . .” era tutto ciò che riusciva a far uscire.
"Che cos'è?" chiese Naruto.
"IO . . Mi ricordo . . . Ricordo tutto” disse mentre piangeva.
Prese il panno che le copriva gli occhi e quando lo tolse, entrambi rimasero scioccati da ciò che stavano guardando. Lei lo guardò e lui la guardò negli occhi.
“Naruto Uzumaki. . . . . . Voi . . . sembri proprio il quarto Hokage", ha detto.
"Questo perché è mio padre" disse Naruto.
"Giusto . . . . Ricordo che aveva un figlio. . . . sei proprio uguale a lui. . . “
«Conoscevi mio padre?» chiese Naruto e tutto ciò che fece fu annuire.
“L’ultima volta che ti ho visto. . . . . . avevi solo cinque anni. . . sei cresciuto così tanto” ha detto.
"Mi dispiace, io . . . Non mi ricordo di te" disse Naruto.
"Va bene . . . . è passato molto tempo”, ha risposto.
"Voi . . . . sei di Konoha. . . .tuo . . . i tuoi occhi . . Sei uno Hyuga", disse Naruto.
"SÌ . . . . il mio nome è Hyuga Izumi”, ha detto.
"Bene, ora che ricordi tutto è ovvio che il sigillo era la ragione dei tuoi problemi, ma perché avevi il sigillo?" disse Naruto.
“Kiroshi. . . . . . Hyuga Kiroshi” disse Izumi.
"Chi è quello?" chiese Naruto.
"Un membro del consiglio Hyuga, mi ha messo il sigillo" ha detto Izumi.
“Kiroshi? Non ricordo che ci fosse qualcuno di nome Kiroshi nel consiglio Hyuga, ma perché avrebbe dovuto farlo? "disse Naruto.
"Perché ho scoperto i loro piani, i loro piani per rendere il clan Hyuga i sovrani di Konoha, una dinastia, e una volta fatto ciò si sarebbero sbarazzati del consiglio di Konoha" ha detto Izumi.
"Ma tu hai il sigillo da diciotto anni e non è successo nulla, peccato..."
Izumi continuò senza prestare attenzione a ciò che disse Naruto, "Quando il consiglio Hyuga scoprì che sapevo dei loro piani mi misero con la forza il sigillo sul collo", disse.
“Ma perché sul tuo collo e perché ti hanno messo un sigillo diverso” chiese Naruto.
"Questo sigillo è una versione modificata dell'uccello marino in gabbia che ha contribuito a sigillare i miei ricordi e i miei poteri, hanno messo il sigillo nella parte posteriore del mio collo dove si trova il punto debole del byakugan e questo è il motivo per cui ho perso così tanto l'uso degli occhi che non potevo usare il Byakugan” disse Izumi.
"Sei sicuro dei loro piani, perché ho vissuto a Konoha negli ultimi diciotto anni e non hanno fatto nulla" disse Naruto.
"Hanno detto che avrebbero modificato ulteriormente il sigillo in modo da poter controllare quelli che portano il marchio con il sigillo", ha detto Izumi.
"Possono davvero farlo?" chiese Naruto.
Gli occhi di Izumi erano spalancati quasi come se avesse appena ricordato qualcosa di molto importante. Izumi si alzò velocemente e corse verso la porta pronta a partire. Quando lo fece sentì un abbaiare mentre il cane si alzava e la seguiva.
"Aspettare . . . dove stai andando?" chiese Naruto.
"Alla mia famiglia . . . . . . Devo vederli. . . . Devo sapere cosa è successo loro. . . . . Vado a Konoha", disse mentre correva velocemente fuori dalla porta e se ne andava, correndo attraverso la foresta più velocemente che poteva con momo che la seguiva.
"Aspettare . . . stai andando nella mia stessa direzione. . . . Verrò con te” disse Naruto che se n'era andata da tempo, cercò di alzarsi solo per sentire lo stesso dolore di prima.
“I miei polmoni non si sono ancora ripresi. . . . ma non ho tempo. . . Dovrò semplicemente succhiarlo" disse Naruto alzandosi e correndo nella stessa direzione di Izumi.
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
Hiashi si stava dirigendo verso i cancelli del complesso Hyuga, non gli importava cosa gli avesse detto il consiglio che sarebbe andato ad aiutare la sua famiglia, quando disse agli altri che sarebbe andato nella sua stanza se ne andò per prepararsi. Hiashi ora indossava abiti da battaglia.
Prima di raggiungere i cancelli fu chiamato: “Hiashi. . . . . dove stai andando"
"Di nuovo tu . . . . Aiuterò la mia famiglia”, ha detto Hiashi.
"Ho pensato -"
“Sono il capo del clan Hyuga, non dirmi cosa fare, aiuterò la mia famiglia qualunque cosa accada” disse Hiashi arrabbiato.
“E se ti uccidessero? . . . . e se tutta la tua famiglia venisse uccisa, chi guiderà il clan?" chiese lo Hyuga.
"Non mi interessa cosa mi succede, aiuterò la mia famiglia anche se questo mi uccidesse" disse Hiashi, l'altro Hyuga si limitò a sorridere.
"Beh, immagino che farsi uccidere allora e farsi uccidere adesso non farebbe alcuna differenza"
"Che cosa?" disse Hiashi, nel momento in cui disse di aver sentito due dolori acuti attraversargli il petto, guardò in basso e vide l'estremità di due spade uscire dal suo petto, poi si voltò e vide l'altro Hyuga che gli aveva parlato del rapimento .
"Che diavolo significa tutto questo?" disse Hiashi sputando sangue.
"Hiashi, non avevamo pianificato che le cose andassero in questo modo, avevamo pianificato di lasciarti finire il tuo regno come capo del clan, ma se sei così ansioso di morire allora non ha senso aspettare"
"Sei tu . . . . siete voi dietro la decisione del consiglio di dare il potere al clan Hyuga” ha detto Hiashi.
"Sì, e dopo che questi cambiamenti saranno apportati, il clan Hyuga non solo sarà il più grande nella storia di Konoha, ma il più grande di tutto il paese"
"Voi. . . non lo farai. . .suc. . riuscire” Hiashi poteva solo tossire le parole con il sangue.
“Hiashi. . . . Penso che sia ora che tu muoia. . . . . e non preoccuparti, vedrai presto la tua famiglia visto che anche loro moriranno” disse lo Hyuga di fronte a lui.
Lo Hyuga dietro di lui tirò fuori un kunai e senza esitazione fece scivolare la gola di Hiashi. Lo Hyuga lasciò andare le spade e con questo Hiashi cadde a terra sopra la pozza di sangue.
“Trova un idiota a cui attribuire questa cosa. . . . . . . e puliscilo” disse l'altro mentre si allontanava.
"Giusto" disse l'altro mentre faceva quello che gli era stato detto.
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
Entrambe le ragazze stavano di fronte a Tobi e Pein.
Saya puntò rapidamente il braccio verso di loro e urlò un ordine, "Drenaggio del chakra di Cerebus", senza esitazione la tigre attaccò Tobi e Saya la seguì.
«Cerebo... . . . lo chiamò quasi come quello di Hachi, il Pensiero di Cerbero Emi, poi si voltò e guardò quello in piedi accanto a lei "Come dovrei chiamare il mio"
Tobi raccolse il chakra nella sua mano e quando Cerebus lo raggiunse ne fece scorrere la mano al centro dividendolo in due. Le due metà sono scivolate oltre Tobi, con Cerebus fuori dalla traiettoria. Saya era proprio dietro di noi, pronta ad attaccare, lei ha lanciato rapidamente un pugno a Tobi ma lo ha attraversato.
Saya atterrò vicino alle due metà di Cerebus, che ora si stavano riunendo. "Che cosa è successo, come ho potuto attraversarlo?" pensò Saya mentre si alzava, guardò Emi, vide Pein caricarla e lei non stava nemmeno prestando attenzione.
"EMI ATTENZIONE" Saya urlò a Emi.
Emi ha reagito all'urlo di Saya e voltandosi ha visto Pein già iniziare il suo attacco, nell'ultimo momento prima che l'attacco sferrasse, Emi ha reagito.
"ANUBIS SHIELD" urlò Emi, il pugno di Pein fu fermato da un muro di chakra rosso.
Emi poteva vedere il volto di Pein attraverso il muro del chakra, lo vide sorridere e si voltò solo per essere schiantata contro il muro del chakra da un pugno di un altro Pein che stava dietro di lei.
"Ahhhh" urlò Emi.
"Dovresti sapere che non hai alcuna possibilità, ragazzina", disse Pein.
"DRAGON DESTROYER JUTSU" Pein si voltò mentre i suoi occhi si posavano sulle ragazze che aveva appena preso a pugni. Teneva le mani in un sigillo di drago mentre un fulmine fuoriusciva attraverso il sigillo.
“ANUBIS RESTRAIN” la Emi sul pavimento scomparve a fumare.
"Un clone" disse Pein che fu rapidamente riqualificato dal chakra che si estendeva fuori dal muro, e con ogni secondo che passava il fulmine si avvicinava sempre di più e nel processo la luce prendeva la forma di un drago pronto a colpire.
Emi tremava per la forza: "Dai, posso farlo, devo colpirgli il cuore". . . . . . . . IO . . . Non posso, è troppo forte' Emi fu spinta indietro dalla forza del jutsu mentre il jutsu deviava dal suo bersaglio.
"AAHh" Emi è stata sbattuta contro un albero.
Il jutsu colpì Pein ma non nel punto in cui era mirato. Il fulmine gli ha attraversato il fianco.
"EMI" Saya si precipitò al fianco di Emi.
"Stai bene?" lei chiese.
"Sì, penso di sì", rispose Emi alzandosi.
"Sai che non dovresti usare quel jutsu, non puoi ancora controllarlo", ha detto Saya.
Si sono preparati e poi hanno eseguito un jutsu insieme. "Shadow clone jutsu" immediatamente ci furono più di cento cloni di ciascuno.
Tobi guardò tutti i cloni, con il suo sharingan attivato sapeva esattamente dove si trovavano quelli veri. In un batter d'occhio ogni clone è scomparso.
"Dove-dove sono andati tutti?" disse Emi.
Sia Emi che Saya erano in piedi sul ramo di un albero.
“Non lo so” rispose Saya.
"Saya muoviti velocemente" disse Emi mentre i missili incendiari si dirigevano verso di loro.
Non appena le ragazze si sono allontanate, sono state colpite duramente da dietro facendole schiantare a terra. Quando le ragazze si alzarono, sia Anubis che Cerebus si dissolsero e ritornarono mentre il loro chakra ora ruotava attorno alle collane. Quindi ciascuna collana scagliava una grande sfera di chakra compresso verso Tobi e Pein.
Sia Tobi che Pein sono riusciti a bloccare gli attacchi ma sono rimasti comunque feriti. Una delle braccia di Tobi era ormai inutilizzabile, mentre la ferita di Pein sul fianco era peggiorata a causa di quell’attacco.
Emi e Saya guardarono le loro collane quando videro che i chakra cominciavano a fuoriuscire, i chakra cominciavano a prendere forma, ma queste forme non erano più le stesse di prima, non erano Cerebus e Anubi, quando i due furono completamente formati le ragazze sorridono Con gioia.
"Kyuu!" urlò Emi.
"Hachi!" urlò Saya.
"Voi due riposatevi, da qui in poi ci penseremo noi" disse Hachibi alle ragazze.
"Allora quale vuoi?" chiese Hachibi a Kyuubi.
"Prenderò quello" disse Kyuubi guardando Pein.
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

UN.
- Spero davvero che tutti voi ragazzi rivediate.
Quindi ORA è il momento di 2 Rivedi tutto ciò che vuoi dire che chiunque può rivedere.

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

487 I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.