Gli Uominibestia e il Cavaliere Oscuro

1.3KReport
Gli Uominibestia e il Cavaliere Oscuro

Corse attraverso la valle, il cuore che batteva all'impazzata mentre la paura scuoteva tutto il suo essere. Sapeva che non avrebbe dovuto essere lì, eppure il suo bisogno di vederlo annebbiava ogni senso della ragione. Qui è dove cacciava di notte, l'uomo a cui aveva pensato fin dalla prima notte in cui i loro occhi si erano incontrati nel villaggio. Era l'Elvaan con l'Armatura d'Ombra. Era un uomo alto con gli occhi scuri. Quegli occhi... sembravano bruciarle fino all'anima. Mentre correva si disse, se solo fosse riuscita ad arrivare alla fine del sentiero, lui sarebbe stato lì.

Non riusciva a spiegare come lo sapeva. Forse era l'intuizione del mago. Il Taru che l'aveva addestrata le aveva detto che non avrebbe mai dovuto usare i suoi doni per guadagno personale. Che porterebbe solo al pericolo. Non deve mai lasciare che il desiderio o le emozioni la portino fuori strada. Potrebbe essere questo il pericolo di cui l'aveva avvertita? Per un momento pensò alla pergamena del teletrasporto che lui le aveva preparato in caso di momenti come questi. No, deve trovare l'Elvaan. Il bisogno sorse ancora una volta e offuscò ogni senso della ragione. Si mosse più veloce nella notte. Deve trovare il suo Cavaliere Oscuro.

All'improvviso si sentì cadere. Dannazione! Perché non ha visto quel ramo? Sentì mani ruvide sollevarla da terra. Oh no! Gli Uominibestia! Non riusciva a ricordare come l'avessero rintracciata, o anche quando. Fu un po' di tempo tra l'avamposto e la fine della valle che notò per la prima volta che la seguivano. Se solo fosse riuscita ad andare un po' più avanti, sapeva che sarebbe stata al sicuro, perché lui avrebbe visto gli Uominibestia. Ora sentiva delle voci, quel suono profondo e gutturale che emettevano gli Uominibestia da quelle parti quando parlavano.

"Dovremmo portarla dal maestro; vorrebbe assaggiare lui stesso questo".

"A tempo debito, è passato così tanto tempo da quando una Mithra ha vagato da queste parti. Che male ci sarebbe a godercela per noi stessi solo per un po'"?

C'erano voci tutt'intorno a lei, alcune iniziarono ad applaudire e altre iniziarono a protestare leggermente. Stavano litigando avanti e indietro e lei sentì il suo cuore accelerare più velocemente. Sarà questa la fine? Aveva sentito parlare di ciò che gli Uominibestia facevano alle donne quando venivano catturate nel loro territorio. Alcune donne sono riuscite a tornare, ma erano pochissime. Le storie che raccontavano erano scioccanti! Sembrava che cercassero soprattutto le donne Mithra, anche se a causa dell'acuto senso del Mithra, non capitava molto spesso che una fosse catturata facilmente. Se solo non avesse pensato a lui, non si sarebbe trovata in questa situazione.

Nel frattempo, gli Uominibestia erano così occupati a discutere tra loro che non si accorsero del movimento nell'ombra finché non fu troppo tardi. Una figura alta e scura urlò nella notte e un lampo lampeggiò tutt'intorno a lei. Brandiva una Falce e il suo movimento era più veloce di qualsiasi cosa avesse mai visto prima. In pochi secondi gli Uominibestia giacevano tutt'intorno a lei. Alcuni erano morti, altri lo sarebbero stati tra non molto. La figura si inginocchiò davanti a ciascuno e strappò loro le collane dal collo. Questi erano i suoi trofei da riportare alle Guardie cittadine. Il respiro le si fermò in gola mentre lui alzava lo sguardo dall'ultimo cadavere. I loro occhi si incontrarono e il suo cuore perse un battito. È lui! Ma come faceva a saperlo? Erano ancora molto lontani dai suoi soliti giri di caccia. Potrebbe essere una coincidenza? In qualche modo sapeva che non lo era.

Lei ansimò quando le sue dita sfiorarono le sue per la prima volta mentre lentamente le toglieva i legacci dai polsi uno per uno, facendo molta attenzione a non causarle alcun dolore. I suoi occhi non la lasciarono mai mentre la prendeva delicatamente in braccio e cominciava a tornare indietro in direzione del villaggio. Per un po' camminò in silenzio e l'unico suono che lei poteva sentire era il ritmo regolare del suo cuore contro il suo orecchio. Non passò molto tempo prima che iniziasse ad addormentarsi, solo per svegliarsi qualche tempo dopo. Quando ha aperto gli occhi ha capito subito che non stavano più camminando verso il villaggio. Sapeva che avrebbe dovuto avere paura, ma in qualche modo era sicura che quest'uomo non intendesse cattive intenzioni. Più avanti, in lontananza, vide un'alta torre scura. In qualsiasi altra circostanza avrebbe avuto paura di avvicinarsi a un luogo così buio e appartato; tuttavia non provava paura tra le sue braccia.

Come se leggesse i suoi pensieri, la guardò negli occhi e con voce dolce e gentile le parlò per la prima volta.

"Mia signora, so che è molto lontano da casa, ma gli Uominibestia ti cercheranno all'alba. Non capita spesso che trovino un Mithra, specialmente uno adorabile come te. Non saranno contenti di perderti . Puoi restare nella mia torre quanto vuoi. Ti manderò a dire domattina che sei in un posto sicuro."

"Mio signore... come hai... come hai saputo cercarmi?"

"Cosa ti rende così sicuro che io sapessi che eri nei guai? Non so nemmeno come ti chiami".

Distolse lo sguardo da lei. Cosa nascondeva?

"Quegli Uominibestia si sono appena imbattuti nella mia buca di pesca preferita. E fortunatamente per te l'hanno fatto, altrimenti saresti incatenato da qualche parte nelle profondità delle caverne di Giddeus a quest'ora."

Prima che potesse rispondere vide un'ombra in alto e lanciò un urlo di terrore mentre gli gettava le braccia al collo e gli affondava la testa nel petto. Cominciò a ridere mentre la metteva in piedi.

"Rilassati, My Lady; è solo Mikan, il mio Wyvern".

Sorpresa e un po' imbarazzata, osservò la creatura più bella che avesse mai visto atterrare ai suoi piedi e strofinare la testa contro la sua gamba. Si abbassò e grattò Mikan tra le orecchie, poi prese qualcosa dalla tasca e lo offrì alla Viverna.

"I bastoncini di pesce, sono i suoi preferiti. Ecco, gliene vuoi dare uno?"

Affascinata dalla vista di Mikan, annuì con la testa mentre prendeva il dolcetto dallo sconosciuto e lo dava alla Viverna, che accettò con entusiasmo la sua offerta.

"Pensavo che i Wyvern si fossero tutti estinti. Comunque ne hai trovato uno così giovane?"

"Ero alla ricerca della Regina di San D'Oria, quando mi sono imbattuto in un uomo nel tempio dove mi sono fermato a rendere omaggio alla Dea Altana. Mi ha supplicato di trovargli un uovo di drago ed era convinto che potessi trovarne uno nel Labirinto di Shakrami. Infatti, ne ho trovato uno e gliel'ho restituito non appena la mia cavalcatura mi avrebbe portato. Mentre stavo attraversando le Montagne Meriphataud, mi sono imbattuto in un vero Dragoon. molto tempo per scoprire che l'uomo che desiderava così tanto questo uovo aveva cattive intenzioni. Sembra che avesse trovato un modo per far schiudere l'uovo e lo spirito del Wyvern lo abbia consumato. Il suo amico mi ha supplicato di trovarlo e curarlo da questo disturbo; tuttavia, quando sono arrivato da lui, era troppo tardi. Non avevo altra scelta che sconfiggerlo. Con il suo ultimo respiro ha implorato il mio perdono e quello di Mikan. L'ha lasciata alle mie cure e ho promesso di cercare dopo di lei. Da allora è stata con me; la mia leale compagna e amica."

Fu ripresa dallo sguardo d'amore nei suoi occhi mentre guardava la Viverna che ora era raggomitolata ai suoi piedi. Era un uomo così misterioso sia per la magia che per la capacità di controllare una viverna. Se non l'avesse visto con i suoi occhi, non avrebbe mai creduto che potesse essere vero.

Le fece cenno di seguirlo e lentamente si diressero verso la torre. Mentre le teneva aperta la porta, i loro occhi si incontrarono ancora una volta e lei sentì la stessa connessione di quel primo giorno al villaggio quando lo vide in piedi vicino al molo. Ancora una volta era come se le avesse letto nel pensiero.

"Eri così splendida con quel vestito, non riuscivo a toglierti gli occhi di dosso." Spaventata, si voltò e fece qualche passo indietro.

"Kaitha... io..."

"Come... No... Non è possibile. Come potrebbe essere? In nome di Altana come fai a sapere il mio nome? A cosa sto pensando? Non è possibile che tu sappia così tanto sull'Oscurità arti ed essere ancora in grado di leggere le menti meglio della maggior parte dei Maghi Bianchi del nostro villaggio!"

"Kaitha, io non leggo nel pensiero. Solo la tua mente è aperta a me, e non ho la più pallida idea del perché. Dal momento in cui ti ho vista al porto. Ho conosciuto ogni tua emozione. Ho percepito la tua paura quando quegli Uominibestia ti inseguivo. Ho anche sentito il desiderio in te. È il tuo desiderio che mi ha attirato a te ora ".

Si fermò per un momento e le prese dolcemente la mano e se la posò sul petto, sopra il cuore.

"Chiudi gli occhi e lascia che il tuo cuore ti guidi. Ascolta e ti rivelerà tanto di me quanto il mio ha con te."

Lei iniziò a protestare e lui le mise un dito sulle labbra. Chiuse gli occhi e ascoltò, anche se non sapeva cosa stesse ascoltando. Poi ha sentito qualcosa. È iniziato come un ronzio e gradualmente è diventato più chiaro.

"Armisaele",

Lei ritirò la mano per la paura per un momento e poi la sua paura si trasformò in curiosità e gliela rimise sul petto. Sapeva che Armisael doveva essere il suo nome. Come facesse a saperlo era ancora un mistero per lei. Poi provò qualcosa, un'emozione che sebbene simile, non era la sua. Provava compassione e desiderio. Mentre si concentrava sulle emozioni che la attraversavano come un tuono, si rese conto che queste emozioni erano per lei. Lo guardò negli occhi e sorrise calorosamente. La circondò con le braccia e la strinse a sé. Senza staccare gli occhi dai suoi, le sollevò il mento e le baciò dolcemente le labbra. Un'esplosione venne da qualche parte nel profondo di lei e lei aprì leggermente la bocca e lasciò che la sua lingua scivolasse nella sua bocca.

Era stata baciata solo da un uomo, e questo non assomigliava a niente che avesse mai provato con nessuno. Questo era morbido e gentile, ma allo stesso tempo esigente di più. Lei aveva bisogno di lui e lui aveva bisogno di lei. Sentì il suo corpo rilassarsi mentre lui la prendeva in braccio, continuando a baciarla appassionatamente, e la portava su per le scale e in una stanza scarsamente illuminata. Sapeva che quello era il suo alloggio molto prima di vedere il letto di bronzo nell'angolo. La adagiò dolcemente sul letto, senza mai interrompere il loro bacio, mentre le cullava la testa tra le dita e appoggiava il suo corpo sopra il suo.

Fu il primo a rompere il bacio. Guardandola negli occhi iniziò a far scorrere il dito indice lungo la linea della mascella e lungo il collo.

"Sei così bello."

Le disse mentre iniziava a baciare dove le sue dita si erano interrotte. Quando le raggiunse il collo, fece scorrere la lingua lungo le zone sensibili e cominciò a mordicchiarle le orecchie. Ne baciò prima uno e poi l'altro. Non era mai stata con un uomo prima e le sensazioni che le stava dando erano tutte strane e nuove. Sentì un'umidità iniziare tra le sue gambe mentre il suo stomaco cominciava ad agitarsi selvaggiamente. Un gemito le sfuggì dalle labbra mentre lui cominciava a toglierle i separatori e la sua bocca prese avidamente prima un capezzolo e poi l'altro. Gli passò le dita tra i capelli amorevolmente mentre lui le esplorava i seni uno dopo l'altro, prima mordicchiandoli, poi leccandoli dolcemente, stuzzicando ogni capezzolo, assaporando ogni curva mentre lei gemeva sommessamente e ansimava in estasi.

Dopo un po' la sua lingua cominciò a muoversi verso il basso. Le separò le gambe e cominciò a strofinarle dolcemente tra le cosce, sentendo la sua umidità attraverso il perizoma. Sapeva cosa voleva e fece oscillare i fianchi all'indietro mentre lui iniziava a toglierle lentamente il perizoma. Lei arrossì quando lui mormorò:

"Così bello,"

Con amore prese il corpo nudo di Mithran davanti a lui. La baciò dolcemente di nuovo e mentre lei iniziava a esplorare la sua bocca, le sue dita trovarono il suo sesso e iniziarono lentamente a strofinare contro il suo clitoride. Ansimò nella sua bocca e fece oscillare i fianchi in avanti in risposta a questa nuova stimolazione che non aveva mai sperimentato da nessun altro oltre a se stessa. Lentamente spinse un dito dentro di lei, fermandosi quando sentì il suo corpo irrigidirsi.

"Non ho mai..."

"Lo so tesoro, sarò gentile, lo prometto."

Cominciò a rilassarsi e lui la baciò dolcemente, rassicurandola con dolci sussurri e promettendole di prenderla facilmente.

Si staccò dal bacio e le prese delicatamente il capezzolo destro in bocca e iniziò a far scorrere la lingua in circolo attorno ad esso. Poteva sentire la sua umidità e mentre lei cedeva al piacere, il suo corpo iniziò a rilassarsi. Era in grado di muovere il dito dentro e fuori dal suo sesso. Cominciò a sollevare i fianchi per incontrarlo mentre lui inseriva un secondo dito e iniziava la sua prima di molte tecniche per renderla pronta per lui. Ora stava muovendo selvaggiamente i fianchi e lui sapeva che era pronta per il passo successivo. Staccò la bocca dal suo capezzolo e fece scorrere la lingua lungo il suo stomaco e giù fino al suo sesso. Cominciò a far scorrere la lingua su e giù e da un lato all'altro attorno al suo clitoride e non passò molto tempo prima che sentisse il suo corpo tendersi e iniziare a tremare. Stava iniziando il suo primo orgasmo della notte ei suoi gemiti si trasformarono presto in grida di puro piacere. Mai prima d'ora aveva desiderato una donna come voleva questa. Ma sapeva che non era ancora il momento. Non poteva affrettare la cosa, doveva essere speciale o avrebbe potuto perderla per sempre.

Baciò di nuovo fino alle sue labbra e con le sue due dita ancora dentro di lei, iniziò a baciarla di nuovo mentre la portava all'orgasmo completo. Quando seppe che ne aveva abbastanza, tolse le dita e iniziò ad accarezzarle leggermente i seni mentre fissava i suoi occhi ora vitrei e vitrei.

Rimasero insieme in silenzio mentre lui la baciava e la accarezzava dolcemente. Non riusciva a credere a quanto fosse bello il suo corpo e non ne aveva mai abbastanza di lei. Timidamente gli spinse sul petto e lui sapeva cosa voleva senza nemmeno bisogno che glielo dicesse. Lui si girò e la tirò dolcemente a sé. Cominciò a baciarlo, prima le palpebre, poi la punta del naso, le labbra, e poi la lingua gli trovò il collo. Rabbrividì di piacere quando lei iniziò a rimuovere lentamente la sua corazza. Lui l'aiutò mentre lei gli faceva scivolare la maglietta sopra la testa e poi cominciava timidamente a piantargli dei baci sul petto. Presto divenne più sicura di sé e iniziò a stuzzicarla scherzosamente, leccando e mordendo ogni capezzolo. Il suo respiro caldo e la sua lingua bagnata erano meravigliosi contro la sua pelle. In poco tempo raggiunse la parte superiore dei suoi pantaloni e gli lanciò uno sguardo interrogativo. Incerta, ma curiosa e sapeva che stava cercando approvazione.

"Ne hai mai visto uno?"

Lei scosse la testa e lui pensò che sarebbe andato oltre il limite proprio lì.

"Vai avanti e togliteli se vuoi."

Non c'era bisogno che glielo dicessero due volte. Lei gli sbottonò i pantaloni e lui l'aiutò a sfilarseli. Lo sguardo sul suo viso diceva più di mille parole. I suoi occhi si spalancarono e lui poté vedere la lussuria bruciare nel profondo di lei. Senza dire una parola prese il suo membro tra le mani e iniziò ad accarezzarlo dolcemente con la punta delle dita. La sua pelle era così morbida e il suo tocco così leggero che non ebbe nemmeno bisogno di ricordarle di essere gentile con esso.

All'improvviso fece qualcosa che li colse entrambi di sorpresa. Si chinò e senza dire una parola fece scorrere la lingua lungo la punta della sua virilità. Doveva usare ogni potere dentro di lui per non esplodere lì per lì. Fece oscillare dolcemente i fianchi in avanti mentre lei lo prendeva lentamente in bocca; a poco a poco cominciò a prenderlo tutto. I suoi occhi bruciarono nei suoi e, ancora una volta, sapeva cosa stava pensando. Le passò le dita tra i capelli e le guidò dolcemente la testa su e giù lentamente. Pensò, altra lingua, e subito lei cominciò a far rotolare la lingua intorno alla punta, e poi all'asta. Presto iniziò a prendere il ritmo e non passò molto tempo prima che lui dovesse fermarla prima di perdere tutto l'autocontrollo. Quando si avvicinò, lo guardò negli occhi e lui vide che era pronta per lui. Il desiderio era così forte ora che sapeva che era ora di prenderla una volta per tutte.

Delicatamente la girò e si mise tra le sue gambe.

"Sei pronto amore mio?"

Lei sorrise e annuì con la testa di sì.

"Dimmi se fa male e mi fermerò per un momento."

Lei lo guardò negli occhi e mentalmente gli disse che aveva capito. Questo era troppo per lui. Questa comunicazione tra loro, questa connessione, lui aveva bisogno di lei, la voleva. Doveva averla e non c'era più tempo per aspettare. Mise la punta del suo membro proprio all'interno del suo sesso e lo tenne lì per un momento. Quando lei non sussultò, iniziò lentamente a muovere i fianchi in avanti. Sentì il suo corpo irrigidirsi e si fermò di nuovo. Le schiuse le labbra con la lingua e cominciò a baciarla. Quando sentì il suo corpo rilassarsi iniziò lentamente il suo viaggio. Questo andò avanti per un po' finché finalmente lui fu completamente dentro di lei. Poteva vedere dallo sguardo nei suoi occhi che soffriva un po', ma lei lo incoraggiò a continuare. Dopo alcuni colpi dentro e fuori, l'aspetto del dolore era sparito e sostituito dal puro desiderio. I suoi gemiti divennero più forti ei suoi fianchi iniziarono a oscillare avanti e indietro con un ritmo che corrispondeva al suo. Erano tutt'uno con l'altro e le loro emozioni erano profonde. Non aveva mai provato tanto amore e tanto desiderio per nessuno. Poteva sentire le loro anime diventare una cosa sola e sapeva che non sarebbe durato ancora a lungo. Come se lo avesse percepito, fece oscillare i fianchi più forte e iniziò a urlare il suo nome mentre il suo climax finale raggiungeva l'apice. Sentirla tremare mentre le pareti del suo sesso si contraevano attorno alla sua virilità era troppo per lui da controllare. Esplose con una furia che mandò entrambi oltre il limite. Lo strinse forte mentre ripeteva il suo nome più e più volte. Poi la prese tra le braccia e la baciò dolcemente.

"Quanto tempo starai con me e Mikan?" le chiese.

"Quanto tempo vuoi che resti?"

"Per sempre,"

Rispose mentre lei si rannicchiava contro di lui.

Quella notte, mentre Kaitha dormiva tra le sue braccia, Armisael guardò in fondo al letto dove la Viverna dormiva rannicchiata.

"Grazie Mikan,"

Lui ha sussurrato.

"Per averci dato il dono dello spirito. L'hai scelta bene, amico mio." E si è addormentato.

Storie simili

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.3K I più visti

Likes 2

SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO In alto nella vita Domenica 23 dicembre, Notte Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù...

1.4K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.5K I più visti

Likes 1

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.3K I più visti

Likes 1

Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

Il mio vicino è un guardone e si chiama Tom. Sì, conosco molto cliché, ma il suo nome è davvero Tom. Ora sono stato timido riguardo al mio corpo, è sinuoso e sì, sono un po 'sovrappeso per il mio telaio 5ft6, il mio culo è arrotondato, i miei seni sono molto grandi e le mie cosce sono più grandi di quanto vorrei. Tuttavia, sono tutto io e quindi è così. La maggior parte dei giorni di sole mi piace passeggiare in giardino in topless (almeno) a volte completamente nudo, annusando i fiori e sedendomi per prendere il sole. Quindi, comunque...

1.4K I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

1.1K I più visti

Likes 0

L'uomo della mia vita

Sono sicuramente un uomo gay e arrapato. Lo so da quando ero bambino. Quando lo ero, non sapevo davvero cosa volevo, a parte voler fare sesso. E in realtà, non volevo nemmeno quello. Ho sempre immaginato di succhiare il pene di un ragazzo. E la prima volta che l'ho fatto, sono venuto nei pantaloni. Quando ha infilato il suo cazzo nella mia gola, ho sentito un po' di precum schizzare sul retro di esso, e il mio cazzo è quasi venuto in quel momento! Quando il suo sperma caldo mi è scivolato giù per la gola, come ho detto, sono venuto...

1.1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

886 I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

857 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.