Rapimento_(2)

1.4KReport
Rapimento_(2)

Mia si è svegliata all'improvviso. Guardò l'orologio. Era spento. "Senza energia." lei ha pensato. La luce entrava dalle persiane della finestra, ma sembrava ancora che fosse notte fonda. Si alzò per andare alla finestra. Non appena si tolse le coperte, i brividi le percorsero il corpo. Era una fredda notte di novembre, e siccome il riscaldamento non era acceso, faceva freddo. Anche il fatto che indossasse solo una camicia da notte e le mutandine non aiutava. Incrociò le braccia mentre si avvicinava alla finestra. Aprì un po' le persiane e la luce era accecante, come se qualcuno stesse puntando un riflettore proprio nella sua stanza. "Fantastico", pensò. "Cosa diavolo stanno facendo i vicini?" Si avvicinò e afferrò i pantaloni del pigiama dal pavimento. Stava per andare a svegliare i suoi genitori ma decise di guardare ancora una volta fuori dalla finestra.

Questa volta ha aperto completamente le persiane. La luce era intensa. Si riparò gli occhi dal bagliore accecante. All'improvviso, la luce divenne di un colore bluastro. Non era così brillante, quindi si scoprì gli occhi, ma la accecò comunque. Ma ha iniziato a sentirsi strana. La luce la stava ipnotizzando; sentiva un forte bisogno di andare alla luce. Il suo corpo era stranamente caldo e le braccia e le gambe iniziarono a formicolare. Era spaventata a morte, ma non distolse lo sguardo; si sentiva come se fosse letteralmente un cervo catturato dai fari.

Cominciò a sentirsi più leggera e, prima che se ne rendesse conto, iniziò a sollevarsi da terra. A questo punto ha cercato di urlare, ma non è successo niente. Urlò più forte che poté, ma non uscì alcun suono. Trafitta dalla luce, cercò di voltarsi ma non ci riuscì. Mentre levitava lì, il suo corpo si irrigidì e lasciò cadere il pigiama. Poi iniziò ad avanzare verso la finestra. Inorridita, cercò di urlare di nuovo ma ancora non uscì alcun suono. Aveva paura di colpire la finestra, ma quando l'ha raggiunta, l'ha attraversata. Sembrava di camminare tra le ragnatele.

Ora fuori, fluttuando fuori dalla finestra del suo secondo piano, era ancora più terrorizzata. Per una frazione di secondo, fu imbarazzata dal fatto che i suoi vicini la vedessero in mutandine, ma non ci pensò molto a lungo. Mia era ora a 20 piedi da terra e si stava alzando velocemente. La luce stava diventando sempre più brillante e, man mano che si avvicinava, iniziò a perdere i sensi. Prima che arrivasse fino alla fonte della luce misteriosa, svenne.

Quando si è svegliata, le luci le brillavano di nuovo in faccia. Ma questa volta i suoi occhi si adattarono alla luce e riuscì a vedere. Era in una piccola stanza, sdraiata sulla schiena sopra un tavolo al centro. Le sue gambe erano divaricate ei suoi piedi e le sue mani erano legati al tavolo. La stanza era rotonda con un soffitto a cupola. Le pareti e il soffitto erano di metallo nero lucido con luci verdi e rosse che lampeggiavano qua e là. Sembrava un computer touch screen ad alta tecnologia sul muro e una luce brillante sulla parte superiore della cupola. A parte quello e il tavolo, non c'era nient'altro nella stanza; non riusciva a trovare una porta. Provò di nuovo a gridare aiuto, e questa volta emise un grido da far fracassare le orecchie. Passarono alcuni minuti. Niente.

Mia iniziò a pensare. Si è svegliata con la corrente che mancava. Una luce intensa la tirò fuori dalla sua comoda camera da letto e attraverso la sua finestra. Ora era intrappolata in una stanza dall'aspetto high-tech. Essendo una ragazza di 17 anni, aveva visto un sacco di film dell'orrore e si rese presto conto di essere stata rapita dagli alieni. All'inizio Mia non riusciva a crederci. Doveva sognare; questo non potrebbe mai realmente accadere. Ma sembrava troppo reale per essere un sogno. "Qualcuno mi sta prendendo in giro", pensò. Ma sembrava troppo reale per essere un trucco, e quello che accadde dopo le dimostrò che si trattava di un vero affare.

All'improvviso, alla sua sinistra, il muro si aprì e lei capì che quella era la porta. Poi, la sua peggiore paura si è avverata. Ciò che è entrato dalla porta era a dir poco un mostro. Aveva gambe e braccia, come un essere umano, ma la sua mano aveva 3 dita con artigli da due pollici e i suoi piedi avevano 4 artigli ricurvi. Tutto il suo corpo era una pelle liscia, lucida, grigio scuro che sembrava carnosa ma muscolosa. I suoi piccoli occhi erano gialli, aveva una grande bocca con denti aguzzi e seghettati e senza naso. Aveva una coda lunga 5 piedi e 5 tentacoli, due su ciascun lato sotto le braccia e sull'inguine, dove sarebbe stato un pene umano. Su tutti e cinque i tentacoli c'era un buco all'estremità, che li faceva assomigliare alla proboscide di un elefante, grande solo quanto il braccio di qualcuno. A più di un metro di altezza, l'alieno si fermò sopra di lei e sibilò.

Mia ha urlato. Era spaventata a morte. Mentre urlava, l'alieno coprì i suoi fori per le orecchie (che si trovavano vicino a dove si trova un essere umano, anche se più avanti) con i suoi tentacoli e le ringhiò ad alta voce. Ha urlato così forte che era stordita. L'alieno allungò uno dei suoi tentacoli verso il suo viso e la spruzzò con un gas blu. Quando lo inspirò, il suo grido divenne sempre più acuto finché non si spense e non riuscì più a urlare. Cercò di dire qualcosa ma non ci riuscì, il gas le aveva tolto la voce. L'alieno si scoprì le orecchie e si avvicinò al tavolo.

Con i suoi artigli, le strappò la camicia e la gettò a terra. Guardò le sue tette di dimensioni modeste per un secondo e poi le strofinò ciascuna con un tentacolo. Mia era inorridita, ma iniziò a gemere silenziosamente e i suoi capezzoli si indurirono. I tentacoli iniziarono a secernere un liquido verde pallido che le ricopriva i seni. Questo le fece pizzicare il seno. Quindi i tentacoli del mostro si sono attaccati a ciascun capezzolo come una ventosa. Hanno iniziato a spremere e succhiare ogni capezzolo. Presto si rese conto che l'alieno la stava mungendo! La roba che le aveva spruzzato sui seni le stava facendo produrre il latte, e ora lo stava succhiando con i suoi tentacoli.

Continuava a cercare di urlare, ma era inutile. Aveva così tanta paura che tutto il suo corpo tremava e si sentiva come se stesse per vomitare. Mentre l'alieno la mungeva, usò i suoi artigli per strapparle le mutandine. Ora era completamente nuda e la sua figa rasata era esposta e vulnerabile. Lo sfregamento e il succhiamento delle sue tette, per quanto la facessero inorridire, l'avevano eccitata, quindi era bella e bagnata. Con il tentacolo che era dove sarebbe stato un pene, le strofinò la fica bagnata. Si chiuse e cercò di urlare di nuovo, senza successo. Lo sfregamento cessò e lei abbassò lo sguardo. Dal buco nel tentacolo uscì un'asta viscida e rossa che poteva essere solo il cazzo dell'alieno. Era viscido e sodo, ma carnoso e flessibile. La punta era sottile ma crebbe fino a diventare grande quanto una lattina di soda, ed era lunga trenta centimetri. Il cazzo viscido si dimenò e poi si seppellì nella sua figa. Rabbrividì tutta mentre il cazzo alieno si contorceva e scivolava più in profondità dentro di lei. Non era vergine, quindi non era così doloroso, ma man mano che entrava e diventava sempre più grande, la allungava. Se non fosse stata portata su una nave aliena e violentata contro la sua volontà, si sarebbe divertita moltissimo.

La sua figa era stretta contro il cazzo viscido mentre scivolava più a fondo. Quando è entrato di circa dieci pollici, ha smesso di scivolare più in profondità. Lo sentiva dimenarsi dentro di lei. Era una sensazione strana ma intensamente piacevole. Presto il cazzo alieno iniziò a pulsare, come se stesse cercando di pompare qualcosa dentro di lei. Divenne terrorizzata ma la sensazione del cazzo pulsante dentro di lei fece sì che la sua figa iniziasse a stringersi attorno ad esso. Si irrigidì e ebbe un forte orgasmo. Era così intenso che urlò finché il suo viso non divenne blu, ma ovviamente non ne uscì alcun suono. La melma che ricopriva il suo cazzo iniziò a far formicolare la sua figa convulsa, e iniziò a raggiungere l'orgasmo senza sosta. Smise di urlare e cercò di respirare, sopraffatta dai suoi ripetuti orgasmi. Mentre il cazzo pulsava, sentì un liquido caldo che iniziava a riempirle la figa. La sua pancia iniziò ad estendersi mentre il suo grembo veniva pompato pieno di liquido. Mia era così esausta dai suoi orgasmi che iniziò a svenire. Prima di svenire, si ricordò che la sua pancia era così grande che sembrava fosse incinta. Poi tutto è diventato nero.

Dopo che Mia è svenuta, l'alieno ha finito di pompare il suo sperma nel suo grembo. Una volta che il suo cazzo ha smesso di pulsare, ha secreto più melma per facilitarne la rimozione. Dopo che il suo grosso cazzo alieno fu libero, portò uno dei suoi tentacoli e le spruzzò la figa con una nebbia sottile. Questo lo ha fatto restringere e sigillare. Il suo seme era ora sigillato saldamente nella sua figa. Soddisfatto, l'alieno lasciò la stanza.

Quando Mia si è svegliata, era di nuovo nella sua stanza. Era sdraiata con le lenzuola sotto di lei. Era completamente nuda. Intorpidita ed esausta, non era in grado di muoversi. La prima cosa che realizzò fu che non era più incinta. Tuttavia, si rese presto conto che c'era un piccolo alieno che le succhiava i capezzoli per il latte.

Storie simili

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.5K I più visti

Likes 0

LESSI Capitoli 7-14

LEXI (Capitolo 7-14) CAPITOLO 7 Siamo finiti in un ristorante italiano preferito nel quartiere in cui a Spence piaceva andare. Era piuttosto affollato e l'unico posto libero era una cabina d'angolo. Abbiamo seguito l'addetto alla reception allo stand e Lexi è entrata per prima e Carmen ha detto. Stan, perché non entri tu il prossimo e riempi la parte centrale tra me e Lexi. Certo ho accettato. Ci sistemammo mentre sia Carmen che Lexi sedevano piuttosto vicine a me. Allora, cosa ne pensi di portare noi ragazze ad un appuntamento? chiese allegramente Lexi. Sì, sei in buone mani Stan mentre Carmen...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

1K I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

762 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

2K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.4K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.