Una lunga notte_(1)

1.4KReport
Una lunga notte_(1)

Merda. Merda merda merda MERDA.

Todd mormorò sottovoce mentre lottava contro il sacco della spazzatura troppo imbottito
attraverso la stretta apertura dell'ascensore. Con una goffa spinta del gomito
premette il pulsante "B" e si appoggiò alla parete di fondo, espirando
lentamente. Fottuta giornata della spazzatura. Andiamo giù per i tubi, io e la borsa piena di
rifiutare. Rifiutare. Mi rifiuto! pensò, e mantenne quel pensiero con
divertito mentre precipitava giù per la gola del suo edificio nell'oscurità
viscere sottostanti. Spostò il peso sotto il suo fardello e ci provò
respirare attraverso la sua bocca.

Clunk clunk clunk. Atterraggio. L'Aquila è atterrata. Todd ha tagliato il
Porta esterna del livello B aperta con il piede, sperando che i topi fossero stati spaventati
dai rumori dell'ascensore che si avvicina. In realtà non aveva mai *visto*
eventuali topi, ma sapeva che erano lì, in attesa in attesa in attesa di un
ha esteso con noncuranza Converse All-Star per entrare nel raggio d'azione. Niente è saltato
fuori a lui, e Todd ha incuneato la porta aperta con il piede mentre schiacciava il
busta di plastica nera fuori dall'ascensore. Senza muovere il sinistro piantato
piede Todd lanciò il sacco della spazzatura verso i cassonetti in attesa e saltò
di nuovo all'indietro nell'ascensore. Non ha controllato se la borsa aveva
effettivamente entrato o no. Lascia che la porta si chiuda? Rimani bloccato nel
Dungeon mentre la signora Baby Carriage su 5 ha rubato l'ascensore da sotto
lui? Non c'è modo. "Buffy l'ammazzavampiri" della scorsa notte ha mostrato cosa potrebbe fare
succede ai ragazzi delle scuole superiori negli scantinati. Lurker. Vampiri. Gran brutto
topi giganti. Lascia che il Super prenda la fottuta borsa. Ragazzo inquietante comunque. Merda!

Clunkklunk. Di nuovo fino a 3. Di nuovo a casa di nuovo a casa jiggety jig. Giù il
corridoio oltre i Fogey, l'Architetto, gli Yuppies, fino al 3F. Casa.
Evviva.

Skreeeeeek apre e poi fa rimbalzare la porta dietro il muro BONK.
"Todd? Sei tu?" NO! IO SONO IL SIGNORE TERRIBILE! INCHINA DAVANTI A ME
AWWWWRRRRRRGGGGGHWAAA! "Sì, mamma, sono io." "Hai smontato il
spazzatura, tesoro?" PAURA MI, PICCOLO MORTALE! "Sì, mamma." "Ti sei ricordato
togliere quel filtro per il caffè da Mister Coffee come ho chiesto?" Merda.
Continua a camminare. Non ho sentito, non ho sentito, non ho...

"Oh, TODD! A volte mi rendi così... è così DIFFICILE fare quello che ti chiedo
una volta ogni tanto? Ti chiediamo DAVVERO così tanto che non puoi semplicemente fare
una piccola cosa nel modo in cui ti chiedo?" "Scusa, mamma." Grande mamma-esque
sospiro teatrale, con la promessa di molto altro ancora. Veloce - nel
Batcaverna, Batman! Forma di gazzella! Forma di un cubetto di ghiaccio! "Todd? TODD?
Sei...» SLAM. Hah! Nel Sanctum Sanctorum, dove niente lo farà
penetra nelle mie mistiche barriere! Todd ha acceso un po' di Pearl Jam e ha cliccato
il telecomando per accendere Cartoon Network. Finalmente libero, finalmente libero.
E allora?

Una fottuta estate. Todd si lasciò cadere sul letto, il clicker ancora dentro
mano. "Top Cat"? Noioso. La radiosveglia segnava le 7:32. Clic. Bianco e nero
film. Clic. Ruota della fortuna. Clic. Commerciale cibo per gatti. Clic.
"Macinare MTV". 7:34. Quella pubblicità dell'auto "duh-dah-dah-dahhh". Clic.
Intrattenimento stasera. Clic. Qualcosa. Clic. Qualcos'altro.
Clic. Clic. Clic.

Merda. Tutto faceva schifo. Non c'era altro modo di vederlo. Todd
fissava in lontananza, gli occhi non del tutto concentrati sul poster di Spawn
di fronte al suo letto ("Perché devi appendere quella cosa orribile al muro
comunque...?" Mike stava facendo la cosa del consigliere in quel campo, andato fino a
Settembre. Jer aveva un lavoro. E Stiff... Stiff aveva la sua ragazza.

Tripla merda. Merda alla dodicesima fottuta potenza.

Todd chiuse gli occhi.

Ma dove cazzo se la è cavata Stephen con Marsha Nichols? Perchè
*tutti* vanno d'accordo con qualcuno tranne Todd? Marissa. Nicola. Bet. Merda!
"Grazie *tanto* per essere lì, Todd." "Sei solo il massimo
ragazzo fantastico, Todd." "Todd, sei il *migliore* amico che io abbia *mai* avuto.
Posso dirti *tutto*." Merda, pensò Todd. Sarò il Migliore
Amico
per sempre, tutta la mia vita. E non riuscirò mai, mai, mai a toccarmi
le tette di una ragazza.

Bastardo arrapato. Anche solo pensare alle tette ti eccita, vero?
Todd giaceva sulla schiena, gli occhi ancora chiusi, vagamente consapevole che i Pearl Jam
il nastro era finito e il pulsante del nastro era scattato. Tette, pensò, e lui
sentì un movimento sotto i suoi jeans. Beth ne aveva persino parlato con loro
Joanie di fronte a lui, come se non fosse nemmeno lì. "Credimi, grandi
non sono sempre così grandi" disse. "Voglio dire, a volte mi fa male la schiena e
Non posso indossare maglioni, e i ragazzi, sono sempre così..." E
entrambi si erano improvvisamente ricordati che era lì e lo avevano guardato attentamente.
Stava cercando, naturalmente. Stupefatto. Cos'altro avrebbe fatto? Esso
non sarebbe mai riuscito a toccarli.

Le tette di Beth. Todd ci pensava, li immaginava scoperti, fantasticava
su come fossero i suoi capezzoli, li sognava. Il seno di Beth.
Bet. I suoi occhi socchiusi. La sua testa si inclinò all'indietro. "Mmmmm. Ohhhh,
Todd... toccami... lì...» Todd si abbassò e si infilò sotto il letto,
frugando nella merda laggiù finché le sue dita non toccarono qualcosa
piatto e liscio. Dopo un po' di tentativi, lo afferrò e tirò
finché non lo tenne davanti ai suoi occhi. VARIAZIONI ATTICO,
in lettere rosse stilizzate.

Todd sfogliò le pagine della piccola rivista quadrata, cercando il
giusto qualcosa mentre la sua mano destra si sbottonava e apriva la cerniera dei suoi jeans.
"...E poi mi sono appoggiato allo schienale, i miei capelli biondo miele dietro di me, il mio perfetto 38DD
tette luccicanti di lozione e sperma..." Nah. "...Sì, sì, fottimi nel
culo con la tua colossale asta rigida..." No. "...La mia ragazza ha urlato come
il grosso cazzo nero del giocatore di basket l'ha impalata..." Todd sospirò, e
rimise le Variazioni sotto il letto. A malincuore, ha bloccato il suo
mano sotto la cintura dei suoi slip da fantino e si toccò la punta delle dita
alla superficie morbida ed elastica del suo cazzo floscio. Forse qualcos'altro.

Todd scese dal letto e si mise in ginocchio, i suoi jeans
scivolando lungo i suoi fianchi magri mentre lo faceva. Dov'era? Quasi bugiardo
prono, allungò la mano destra il più lontano possibile, sfiorando
via involucri e fazzoletti di caramelle accartocciati. Aspetta... era così? La sua mano
afferrò la copertina consumata di un libro tascabile, incastrato tra il suo letto e il letto
parete. Todd tirò
una volta; tirò di nuovo, più forte, e il libro si liberò, la sua mano continuava a battere
la parte inferiore del suo letto. "Ow! Cazzo..." esclamò, ma tirò
il braccio verso di lui e guardò il libro. IL MIO GIARDINO SEGRETO, di Nancy
Venerdì. Ricordava di averlo comprato da Barnes & Noble, nascondendolo nel mezzo
due libri di fantascienza che non era veramente interessato a leggere. Il suo
il viso era fiammeggiante, le sue orecchie formicolavano e stava pregando la ragazza
il registro non se ne accorgerebbe o - Gesù - lo agiterebbe e griderebbe "Io
ho bisogno di un controllo dei prezzi sul SEX BOOK!" a squarciagola. Non l'ha fatto
dire qualsiasi cosa. Lo ha appena chiamato, dicendo automaticamente "la ricevuta è arrivata
la borsa", e poi guardò oltre lui. "Avanti!" Le sue mani tremavano un po'
la strada di casa sull'autobus, e quando arrivò nella sua stanza arrivò praticamente
prima ancora di aprire il libro.

Angiò. Forse Anjou era la risposta. Amava la storia di Anjou. Tutti i
i ragazzi che conosceva adoravano la storia di Anjou. Probabilmente tutti i ragazzi di tutto il mondo adoravano
la storia dell'Angiò. La ragazza belga di tredici anni, e suo cugino... cosa
si chiamava? Gabriella? No, quella era la pimpante lesbica di "Xena,
Principessa Guerriera." Ma quella storia, con le due ragazze e il grosso cane,
Anjou, e il modo in cui ha scopato le loro piccole cunnie, e loro gemevano "Oh,
cherie..." "Oh, Anjou..." Inutile. Todd non riusciva a trovare quella dannata storia.
E non stava nemmeno diventando duro. Fanculo. Gettò il libro dall'altra parte
camera. Rimbalzò contro la parete più lontana con un tonfo e cadde a terra
sul pavimento. Qualche fottuta vacanza estiva. Merda!

Accidenti. Era già buio. La radiosveglia adesso segnava le 8:52. Grande.
Un altro giorno andato a puttane, sprecato come ogni altro giorno del passato
mese. Un altro giorno passato a guardare la TV, evitando i suoi genitori, borbottando
se stesso nei monologhi dei fumetti. Un certo Signore del Terrore. Piccoli mortali il mio culo.
Sono il mortale più punitivo che sia mai esistito, pensò cupamente Todd. Non poteva
persino alzare l'energia per masturbarsi stasera, e quella era l'unica cosa che lui
aveva passato l'estate ad esercitarsi. Todd Farber, maestro dell'uomo con una mano sola
Jack-Off, Dread Lord of the Monkey Spankers. È stato incredibile quanti
le volte che l'aveva fatto, considerando che aveva solo il libro Nancy Friday, due
numeri di Variations e il PLAYBOY di aprile con Jenny McCarthy. Quindi
ancora una volta, Jenny da sola era stata buona per un intero gruppo di orgasmi, quelli veloci
tipo. Todd non sapeva quanti, ma erano tanti.

Todd sospirò e si rimise in piedi barcollando per prendere in braccio Nancy Friday
pavimento. Non c'era modo che potesse lasciare *quello* lì allo scoperto, non con
Mamma detective che ficca il naso tutto il tempo. Sbuffò. "La mamma di Todd,
Soldato Dick." Ancora a metà sbuffando, Todd si trascinò in avanti per prendere il libro,
i suoi jeans ora giù intorno alle caviglie. Si sentiva come un pinguino o
qualcosa. Quack quack waddle waddle, quack quack waddle waddle. "Scorso
basta, tutto fuori!" mormorò. "Fantasie sessuali, adolescenti arrapati,
masturbazione! Per favore, fai attenzione ai pantaloni che si chiudono!" Si appoggiò a una mano
sul muro per tenersi in equilibrio mentre si chinava goffamente per afferrare il libro.
Mentre si chinava, la testa di Todd passò vicino al muro. All'improvviso lui
smise di muoversi e si bloccò sul posto. Cos'era quel suono? L'aveva sentito
attraverso il muro o qualcosa del genere. Todd voltò di nuovo la testa verso il bianco
muro di gesso, e vi appoggiò l'orecchio come meglio poteva.

Era come uno scricchiolio, un cigolio ritmico. Todd schiacciò la testa come
piatto come poteva contro la superficie asciutta. Che cos 'era questo? Aveva immaginato
esso? Come un rumore acuto. Come una voce. Eccolo di nuovo... a
gemito. O più come un gemito. Gli occhi di Todd si spalancarono. Porca merda! Il
yuppies! Ma non riusciva davvero a sentire: aveva bisogno di qualcosa. Che cosa
era quello che facevano sempre gli Hardy Boys? Un bicchiere*! Aveva bisogno di un bicchiere per
attaccare contro il muro, per sentire cosa stava succedendo nel prossimo
appartamento. Todd si guardò intorno freneticamente, desiderando che gli yuppies restassero
andando avanti fino a quando non riuscì a trovare - un miracolo! Quel bicchiere dei New Jersey Nets ha vinto
alla Grande Avventura era ancora nella sua stanza! Todd ha cercato di raggiungerlo e
mancò di poco l'atterraggio sul suo culo mentre i jeans intorno alle sue caviglie inciampavano
lui su. Senza preoccuparsi di ripararli, Todd è riuscito a saltare sullo scaffale
e prendi il bicchiere, poi trascinati verso il muro. Per favore, per favore, per favore
non fermatevi, pensò loro, per favore! Con movimenti cauti... non l'ha fatto
voglio che sentano il CLUNK quando ha messo il bicchiere contro il
muro - Todd ha messo il bicchiere dove era stato il suo orecchio e ha attaccato l'orecchio sul
base. Accidenti, era come ascoltare una conchiglia sulla spiaggia. Tutto lui
poteva sentire era una specie di rumore impetuoso, e deboli suoni che non lo erano
davvero chiaro. Fanculo! E quando diavolo aveva avuto un'erezione, comunque?

Todd abbassò l'elastico in vita delle sue mutande fino a fargli venire l'erezione
balzò fuori dall'alto. Quasi distrattamente cominciò a pomparsi,
ma la sua concentrazione era interamente focalizzata sul suo orecchio destro al muro,
mentre si sforzava di captare qualsiasi suono proveniente dall'appartamento accanto.
"Andiamo," mormorò, "andiamo!" Chiuse gli occhi e si staccò
tutto tranne il punto fresco contro il suo orecchio. Dopo un momento, poteva
sentire di nuovo il debole cigolio, un po' più veloce ora. E il gemito... era
anche quello torna?

Todd si accarezzò con la mano, stringendola più forte mentre tirava la sua
albero, su e giù, dalle sue palle alla parte inferiore della sua cresta. Lui
immaginavo la scena della porta accanto, il cazzo che stava aumentando di velocità e
intensità mentre il cigolio del letto diventava più forte e più veloce.

Todd era così eccitato che si stava dimenticando di respirare.

"Aaaah!" Todd poteva sentire chiaramente la donna. Adesso era abbastanza rumorosa
poteva sentirla senza premere l'orecchio contro il muro. Superare di poco.
Superare di poco. Superare di poco. La mano di Todd si stava strofinando velocemente ora, su e giù,
tirando il suo cazzo. Poteva sentire gemiti, una litania di piccoli rantoli. "Ah.
Ah. Oh. Ehm. Ah. Oh. Ah. Ah." Con gli occhi chiusi Todd
poteva vedere la scena nella sua mente. L'uomo che si muoveva sopra di lei, spingendosi dentro
lei con un ritmo sicuro e senza fretta. La donna, sdraiata sotto di lui su di lei
indietro, salutando ogni affondo entrante con un sussulto appassionato. "Ah ah.
Ah. Uhm. Uhm. Uhhh."

Todd si mosse il pene il più deliberatamente possibile, con l'altra mano leggermente
tenendo e accarezzando le sue palle. Poi sentì la donna gemere
ad alta voce - "Oh, SÌ!" - e un profondo grugnito che doveva provenire dall'uomo, e
Todd sentì una forte stretta sotto le sue dita, un climax improvviso
costruendo mentre veniva quasi di corsa. Rapidamente smise di muovere la mano
e lo strinse sopra la sua erezione, desiderando di non venire.
Aspetta aspetta! lo implorò, aspettali! Sentì tremori: stringere,
stringi, stringi... e poi la pressione si ritirò abbastanza da farlo capire
potrebbe resistere. Con grande cura massaggiò leggermente la sua asta con la sua
punta delle dita per tenersi vicino all'orlo. Con un senso di meraviglia lui
notò che non era mai stato così duro prima, o almeno non lo era
ricorda di essere mai stato così duro Dev'essere così che vuol dire "duro come la roccia", lui
pensiero. E poi ha ascoltato di nuovo.

I gemiti della donna ora duravano più a lungo. Erano ancora più rumorosi di
prima e gutturale, crudo e urgente. "Sì sì sì!" lei pianse. "Fanculo
me!" Todd sentì l'uomo grugnire di nuovo in risposta, e mentre il letto cigolava
divenne più veloce Todd pensò di poter persino sentire i loro corpi che si schiaffeggiavano
l'un l'altro. "Oh, sì--FOTTIMI--con-il-tuo-cazzo-duro-OH-OH-Ohhhhhh" lei
la voce ricca vibrava, tremava mentre lui la colpiva. Gesù, questo era
fottutamente incredibile! "Ti--TI PIACE--scoparmi--inggg--mee?" ha detto, e
Todd poteva sentire l'uomo gemere forte. "Oh sì... Tar... ti sto fottendo...!"
All'improvviso gridò forte: "AAAAAH" e anche la donna gridò.
"Oh, Marc--sto per--" e urlò dal profondo della sua gola, e il
anche l'uomo stava lasciando andare, e Todd sentiva un formicolio nei fianchi e nel sedere
e le sue palle e soprattutto il suo cazzo, e mentre sentiva la donna urlare lui
espirò con uno sbuffo e lasciò che il formicolio si trasformasse in una corsa e poi sentì
qualcosa si contrasse alla base del suo cazzo e poi c'era anche il formicolio
molto e si appoggiò all'indietro con la faccia inclinata verso l'alto e la pressione cedette
e stava spremendo schizzando sparando nella sua mano e lo sperma era
colava dalla sua mano serrata e trasudava giù, e le sue palpebre
si aprì svolazzando e riprese a respirare normalmente.

Todd rimase lì in silenzio per un momento, aspettando come una statua nel caso loro
lo aveva sentito. Ma tutto taceva dietro il muro, e così anche lui
cautamente si fece strada verso la scatola di fazzoletti sul pavimento accanto alla sua
letto. Afferrandone una manciata, Todd iniziò a ripulirsi.

Wow, pensò. Gli yuppie. Oh.

Quella era la prima volta che era stato così vicino al sesso reale.

BUSSARE. TOC TOC!

"Todd? Toddie Caro?"

MERDA!

Todd si infilò l'umido grumo di fazzoletti nelle mutande e le tirò
alzandosi, afferrando la parte superiore dei suoi jeans un secondo dopo.

La maniglia della porta stava girando!

MERDA!!!!!!!!!!!!!

Si voltò per voltare le spalle alla porta e armeggiò con il pulsante... no
tempo per la fottuta cerniera--chiudichiudichiudi PER FAVORE chiudi--

La porta si aprì con un cigolio di cardini.

"Todd, tesoro?"

Todd cercò di rispondere, ma dalla sua gola non usciva nulla.
"Uhm-hemmm? Sì, mamma?"

"Cosa hai fatto qui al buio?"

CLIC.

OW! Merda! Accecante, abbagliante, luminoso candore--

"Ow, mamma!!! Un ragazzo non può avere un po' di privacy una volta ogni tanto? Esco
in un attimo!"

"Beh, ex-CUSE me, Vostra Altezza, ma c'è qualcosa che ho bisogno che tu faccia
fare--"

"Sarò lì tra un secondo, mamma!!!"

"Va bene, ma sbrigati!"

SBATTERE.

Todd riaprì gli occhi, cautamente. Oh, porca miseria. Era così tanto
peggio di quanto avesse pensato. C'erano dei fazzoletti che gli spuntavano dalla patta.
Nancy Friday giaceva ancora nella tenda accanto a lui sul pavimento. L'angolo di
Le variazioni spuntavano da sotto il letto. La sua mano era ancora bagnata.
E poteva sentire l'odore del suo sesso nella stanza. Probabilmente potrebbe farlo anche lei. Oddio.
Questo è stato un fottuto incubo. Questo era il suo *peggiore* fottuto incubo.

Todd fissò il muro per un momento, incolpando gli invisibili demoni del sesso
dall'altra parte - che ora probabilmente dormiva pacificamente - per tutto il
guai in cui si trovava sicuramente. Come diavolo avrebbe mai spiegato tutto questo?
Cosa dovresti *dovresti* dire quando tua madre entra e ti becca?
L'unica cosa peggiore sarebbe stata se fosse entrata DURANTE...

DEVO prendere un fottuto lucchetto, pensò Todd. Come se fosse davvero importante ora,
comunque.

Todd ha fatto un ultimo po' di pulizia, asciugatura, zippatura e...
ripostiglio di libri. Poi aprì lentamente la porta ed emerse dalla sua
camera.

"Bene, era ora!" disse sua madre esasperata. "Todd...?"

"Ummmm. Sì, mamma?"

"Todd, voglio che tu vada a prendere la grande busta marrone sul tavolino in fondo al
salotto. Era nella nostra cassetta della posta per sbaglio, e voglio che tu la lasci cadere
fuori dalla porta accanto."

"Ma..."

"Niente 'ma', giovanotto! Adesso prendi quel pacco e portamelo subito
subito prima di finire in grossi guai!"

"Ma... mamma... e se fossero... uhhh..."

"Per aver gridato: non sono nemmeno le nove e trenta! Non potrebbero *probabilmente* esserlo
ancora a letto!"

Sì, potrebbero, pensò Todd. Oh sì, POTREBBERO.

La resistenza è stata inutile. Todd andò in soggiorno, prese il
busta e lasciò l'appartamento. Rimase fuori per qualche minuto,
cercando di farsi coraggio. Merda. Doveva bussare e darglielo.
La mamma non era dell'umore giusto per sentire scuse, non dopo Mister Coffee. Egli stette
fuori dalla loro porta, ascoltando con tutte le sue forze. Nessun suono. Nessuna scelta,
o. Ha bussato con le nocche, due volte. E poi ha aspettato.

Forse non avrebbero risposto. Forse stavano dormendo. Forse--

E poi ha sentito uno strascico dietro la porta, e il corridoio ha fatto clic su quello
significava che era stato premuto un interruttore. Una voce assonnata: "Chi è?"

La voce era spessa, ma dolce. Solo pochi istanti prima l'aveva sentito
gemere "Oh, fottimi!" e poi urlare. Era la *sua* voce.

Todd aprì la bocca, ma non ne uscì nulla. Ha provato di nuovo. "Ehm, lo è
Todd... Todd Farber. Dalla porta accanto?"

La porta di legno marrone davanti a lui si spalancò con un rumore impercettibile.
"Allora cosa posso fare per te, Todd-Todd Farber?"

Stava lì davanti a lui, appoggiata allo stipite della porta. Lei era solo una
poco più basso di lui, vestito con un "Ciao
T-shirt Kitty" che non nascondeva completamente i suoi seni pieni e finiva
in parte lungo le cosce, le gambe lunghe, pallide e lisce incrociate nude
caviglie, i folti capelli castani arruffati e arruffati. C'era una specie di
profumo intorno a lei, un'aura che lo faceva formicolare dappertutto. Si sentiva
sopraffatta, spazzata via da tutto ciò che gli stava proiettando. Il suo
a bocca aperta, Todd la fissò.

Lei lo guardò direttamente con il divertimento che danzava nei suoi occhi scuri.
Con voce bassa e sensuale disse "posso aiutarti, Todd?"

L'incantesimo si spezzò e Todd ne uscì di scatto, le guance in fiamme.
"Ummm...questo è arrivato...uhhhh...credo sia per te." Ha teso il
busta, e lei la prese e la guardò. Un ciuffo di capelli randagio
penzolava sulla sua fronte e lei ci soffiò automaticamente. Lo sguardo di Todd
bloccato sul labbro inferiore rosa umido che soffiava. Poteva sentire
lui stesso sta diventando duro di nuovo.

La donna lo guardò di nuovo in faccia, un sorriso malvagio che si allargava
la sua bocca. "Mi dispiace, Todd. Penso che ci sia stato un errore."
Gli occhi di Todd si spalancarono ed emise un verso strano. "Sembro
Minnie Itskowitz a te?" Todd sbatté le palpebre, due volte. Lei sorrise. Todd
pensava di aver sentito diverse centinaia di cellule cerebrali sciogliersi sotto il wattaggio di quello
Sorridi. «Non sono Minnie» disse. "Gli Itskowitz sono due porte più in basso,
dall'ascensore. Come dice sulla busta: Appartamento 3A?"

Come c'era scritto sulla busta. Non aveva nemmeno guardato l'indirizzo sul
Busta. Stava per morire. Rannicchiati e muori, proprio qui sul posto.
Prima mamma, ora lei. Questa doveva essere la notte più mortificante della sua vita.

Con lo stesso sorriso da gatto mangiatore di canarini sul viso, porse il marrone
busta a Todd, che ci armeggiò e per poco non la fece cadere. Suo
il sorriso si allargò e poi, per una frazione di secondo, sembrò quasi lei
dispiaciuto per lui. Misericordiosamente, disse: "Tornerò dentro
adesso. Buona notte, Todd Farber." "Ummm... quasi... notte," lui
rispose, e la porta si chiuse e lei se ne andò.

Todd rimase lì per un lungo momento, fissando la porta chiusa. Poi lui
emise un profondo sospiro e si allontanò. È ora di consegnare la posta al
Fogey, pensò.

Che notte!

*****************

"Di cosa stai ridendo? E chi era quello alla porta?"

"Era Todd Farber, il ragazzo della porta accanto. Sai, quello che suona
Pearl Jam tutto il tempo? Ha portato una lettera, solo che non era per noi.
Non aveva nemmeno guardato l'indirizzo".

"Allora cosa c'è di così divertente in questo? Quindi è un adolescente stupido!"

"È solo che... era così *a disagio*! Era lì, proprio
fissarmi--"

«Con quel vestito non gli hai dato molta scelta! Quanti anni ha... sedici?
Il ragazzo è praticamente un'erezione ambulante e poi rispondi alla porta
una maglietta, subito dopo aver finito di fare l'amore..."

"Mmmmmm. Ed era anche delizioso fare l'amore. Ma il povero ragazzo lo era
*così* uno sciocco. Voglio dire, è rimasto lì ad arrossire e balbettare contro di me,
e la sua camicia era per metà dentro e per metà fuori, e la parte superiore delle sue mutande lo era
sbirciando fuori dai suoi jeans, e c'era come un pezzo di tessuto o
qualcosa che spunta dalla cerniera e..."

"E cosa?"

"Oh, non pensi che possa averci *sentito*, vero? Noi *eravamo* carini
ad alta voce... di cosa diavolo stai ridendo?"

"Heh! OVVIAMENTE ci ha sentito! Possiamo sentirlo ogni volta che canta insieme
con quella canzone, quella canzone "Can't Find A Better". Nessuna meraviglia che lo fosse
arrossire! Scommetto che l'hai spaventato a morte!"

"Oh. OH!!! Pensi che fosse..."

"Ci scommetterei la fattoria. E se poteva sentire tutto, scommetto che lo era davvero
buon per lui. Peccato che non sia abbastanza grande per una sigaretta dopo.
Ehi... ora stai arrossendo!"

"Beh...um...deve avere un periodo refrattario piuttosto breve. Perché quando lui
mi stava fissando, pensavo di aver notato che stava diventando... ehm...

::::

"Ma guarda! Immagino che non sia l'unico con un breve refrattario
periodo. Ma cosa succede se ci sente di nuovo...?"

"Allora è la sua serata fortunata, immagino. Vieni."

"Mmmmmmmmm."

"MMMMMMMM!"

"Oh si!"


~~~~~~~~~~~~~~~~~ FINE ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

832 I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Sarah, cosa hai fatto con il mais?

Questo è un primo tentativo, quindi qualsiasi critica costruttiva è più che benvenuta, anche qualsiasi lode sarebbe gradita. Se qualcuno ha idee per nuove storie, sentiti libero di lasciare le tue idee. Ho alcune idee che potrebbero utilizzare gli stessi personaggi nella sua storia. Godere. Sarah e Matthew Jones vivevano in una piccola villetta a schiera da qualche parte in una piccola città nel sud dell'Inghilterra, vivevano con la loro madre Elizabeth, ma lei non c'era mai. Aveva raggiunto una posizione elevata nella sua azienda e il suo lavoro significava che viaggiava molto tempo. Questo è stato un peccato ma necessario...

1.2K I più visti

Likes 0

Facendo bagnare di nuovo Amy! Di Blueheatt __Amy era brava nel suo lavoro e io ho fatto il mio lavoro, ma i trucchi non si sono mai fermati. Chiamava: “James chiama estendere. 102” La chiamavo e lei mi abbaiava ordini. (le piaceva fare il capo con me, anche se non era il mio capo) “JAMES, la mia sedia ha un cigolio, alzati qui e riparala. CLIC. Ci andrei quando ne ho la possibilità, senza fretta. Prendevo il mio piccolo kit di attrezzi e mi comportavo come se stessi facendo qualcosa. Quando arrivavo lì, la sua assistente mi annunciava di entrare e...

839 I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

774 I più visti

Likes 0

Mamma scomparsa

Si prega di valutare e commentare Jolene camminò lungo la strada tranquilla, grata di poter trascorrere un po' di tempo tranquillo da sola. La giornata sarebbe stata calda ma la mattina era fresca con un cielo azzurro brillante. Era grata di avere una strada così tranquilla per camminare da casa sua. Aveva già visto un falco sopra la sua testa e degli scoiattoli che correvano nel bosco e il fruscio delle foglie di creature sconosciute. Le piacevano queste vivaci passeggiate mattutine. Era il momento di schiarirsi le idee, di riflettere, di pianificare. Jolene fece una svolta e vide un furgone bianco...

579 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.