Jack nel cast

1.1KReport
Jack nel cast

Jack nel cast


La luce che bussava alla porta indusse Jack Benson a fare un respiro profondo, stringere i denti e infine gridare. "Sì, chi c'è?"

Da dietro la porta chiusa della camera da letto giunse la voce bassa di Kathy Collett: «Jack, sono Kathy. Posso entrare?"

Sospirando forte Jack rispose “Ah sì, immagino. Vieni dentro Kathy.

"Ti ho portato un regalo per San Valentino." Cominciò mentre spalancava la porta ed entrava nella stanza portando una scatola incartata, un mazzo di fiori e un biglietto. Quando i suoi occhi si fermarono alla vista di Jack sul letto d'ospedale, esclamò “Oh Gesù, guardati! Un intero corpo ha fuso Jack? Chiuse la porta dietro di sé con il piede, si precipitò sul lato del letto e posò gli oggetti su un tavolino con le ruote.

Jack voleva girare la testa per guardare Kathy, ma il gesso gli è andato intorno al collo e gli ha coperto la nuca, quindi non poteva. In effetti, il gesso era così completo, le uniche aree scoperte erano il viso di Jack, il suo pene e le natiche in modo che potesse urinare e defecare, le dita delle mani e dei piedi. Al momento, un asciugamano copriva le sue parti intime.

"Sì, dovrai perdonarmi per non essermi alzato." Jack ha scherzato con un pizzico di sarcasmo.

Avvicinandosi a dove Jack poteva vederla, Kathy chiese “Cosa diavolo è successo? Voglio dire, ho sentito che hai avuto una brutta caduta dal fianco della montagna ed eri piuttosto incasinato e tutto il resto, ma non me l'aspettavo. Come sei caduto e cosa è successo? Le lacrime si stavano accumulando agli angoli dei suoi occhi e minacciavano di riversarsi sul suo viso paffuto mentre guardava in totale incredulità.

“Oh merda Kathy. Sai, ci sono già passato così tante volte e non sono davvero dell'umore giusto per ripassare tutto di nuovo. sbottò Jack arrabbiato. Poi, vedendo lo sguardo ferito negli occhi di Kathy, ha addolcito la sua voce e ha detto "Senti, io uh, apprezzo molto che tu sia venuto fin qui per farmi visita e tutto il resto, ma immagino di non essere la migliore compagnia ora lo sai. Mi dispiace davvero, ma sono un po 'imbarazzato per l'intera faccenda. Probabilmente dovresti andartene prima che dica qualcos'altro di cui mi pentirò.

Jack e Kathy si conoscevano da circa tre anni e Jack era ben consapevole di quanto lei fosse sensibile. Tutto aveva a che fare con il peso di Kathy, che lottava costantemente per tenere sotto controllo. Ora era ciò che alcuni chiamerebbero "piacevolmente paffuta", ma ai suoi occhi era grassa e brutta, e nessuno, incluso Jack, poteva convincerla del contrario. In realtà, Jack pensava che Kathy avesse un viso molto carino, e le sue curve femminili non fossero per niente poco attraenti, era solo che lui era innamorato di un'altra, una che purtroppo era già presa.

"Va bene Jack, non sono offeso e non ti lascio neanche io." Kathy rassicurato. «Ho ricevuto un messaggio da Walt che diceva che eri stato beccato abbastanza bene, ma non avevo idea che fosse così brutto. Volevo solo farti sapere però, non preoccuparti per l'ufficio. Tra me, Walt e Mathews, ci occuperemo noi del carico extra mentre tu guarisci. Ti concentri solo per migliorare, e se torni... quando torni, il tuo lavoro ti aspetterà ancora. Gestiremo le cose in tua assenza "

"Grazie Kathy, lo apprezzo." disse Jack, la sua voce si addolcì mentre si rendeva conto che lei aveva davvero buone intenzioni.

Guardandola da vicino per la prima volta da quando si è presentata, Jack ha notato quanto fosse carina. Indossava un vestito con fiori rosa, rossi e bianchi dappertutto e la sua ampia scollatura era in mostra. Per niente quello che era abituato a vederla indossare in ufficio. "Sei molto carina con quel vestito Kathy."

“Oh grazie Jack. È il mio vestito per San Valentino.

“Sì, San Valentino, immagino di aver dimenticato tutto. Non è che io abbia qualcuno con cui festeggiarlo comunque.

“Lo so,” iniziò Kathy, “penso che siano le lunghe ore in cui lavori Jack. Non c'è tempo per una relazione. Fece una pausa per un secondo prima di aggiungere come ripensamento. "Anche se saresti un ragazzo fantastico."

Quell'ultimo commento fece sorridere e arrossire un po' Jack. “Grazie Caty. È molto gentile da parte tua."

Ci fu un lungo momento di imbarazzante silenzio prima che Kathy sospirasse forte e chiedesse
“Soffri molto?”

“Sto prendendo degli antidolorifici piuttosto buoni, ma sono passate alcune ore, quindi mi sento un po' a disagio. Il fatto è che gli antidolorifici mi fanno confondere il cervello, quindi accolgo quasi con favore il dolore, ma non troppo dolore.

“Senti Jack, se davvero vuoi che me ne vada così puoi restare sdraiato qui a fissare il soffitto, crogiolandoti nell'autocommiserazione, allora me ne andrò. Ma sono venuta qui oggi perché voglio passare del tempo con te. Voglio aiutarti con tutto ciò di cui hai bisogno. Sono qui per te Jack. Cosa ti piacerebbe?"

“Ho un'infermiera dal vivo che si occupa di tutto, Kath, ma se vuoi restare qui per un po', dipende da te. È solo che non credo che oggi sarò una buona compagnia, sai.

“Oh Jack, mi sento così male per te. Sembri così... depresso in questo momento. Kathy ha detto con una faccia triste.

“Depresso eh? Accidenti, non riesco a immaginare perché sarei depresso. Voglio dire, non tutti vogliono essere ingessati per tutto il corpo per due o tre mesi della loro vita? Voglio dire merda Kathy, non posso nutrirmi, non posso grattarmi, ho bisogno di aiuto per cagare e pisciare. Merda, non riesco nemmeno a masturbarmi. Cosa diavolo pensi che dovrei essere fottutamente depresso per Kathy? Ancora una volta, Jack stava lasciando che le sue emozioni avessero la meglio su di lui.

"Mi dispiace tanto Jack." Kathy ha detto. «Ma posso aiutarti a fare quello che vuoi. Vuoi qualcosa da mangiare o da bere? Devi usare il bagno? Posso fare qualsiasi cosa. Mise la mano sul gesso sopra la sua coscia.

"Sto bene Kathy, grazie per l'offerta, ma sto bene."

Ci fu una pausa mentre Kathy fece un respiro profondo e fece scivolare con attenzione la mano più in alto sul gesso finché le sue dita non trovarono il taglio per il suo pene. Un foro di otto pollici di diametro lo ha lasciato completamente esposto in modo che potesse urinare ed essere pulito se necessario. Mentre il dito di Kathy scivolava sotto l'asciugamano che lo teneva coperto, gli occhi di Jack si spalancarono.

“Sei assolutamente sicuro, Jack? Sei sicuro che non ci sia... niente che vuoi da me?" disse Kathy con un sopracciglio alzato, le sue dita si fermarono a pochi centimetri dal suo pene.

"Kathy, che diavolo stai facendo?" chiese Jack.

"Sono qui per aiutarti Jack." Kathy rispose e avvolse le dita attorno al suo cazzo. Si è spostata in modo che il suo viso fosse proprio sopra il suo e ha detto con uno sguardo imbronciato sul viso: "Vuoi che ti aiuti, vero Jack?"

Jack non riusciva a credere che Kathy stesse facendo questo. Questo era così fuori dal suo carattere. "Gesù, dici sul serio?" chiese incredulo.

“È il giorno di San Valentino Jack. Nessuno dovrebbe trascorrere San Valentino da solo e depresso. Posso aiutarti a sentirti meglio e nessuno deve mai scoprire che l'abbiamo fatto. Rilassati e lascia che mi prenda cura di te. disse Kathy mentre iniziava a scendere verso l'asciugamano che copriva la sua mano e il suo cazzo.

La mano che lo accarezzava spingeva il flusso sanguigno nel pene di Jack, facendolo iniziare a gonfiarsi, anche se non era ancora sicuro di tutta questa faccenda. «Ma se entra l'infermiera? Merda Kathy, questo è pazzesco. Non dovresti farlo.

“Oh... vuoi che fermi Jack? Non credo che questo ragazzone voglia che mi fermi. Dopotutto, sta rapidamente attirando l'attenzione. Hai intenzione di rinunciare a un pompino di San Valentino? Kathy sorrise e con la mano libera scostò l'asciugamano, rivelando un pene circonciso di sette pollici dalla forma perfetta. "Oh, hai un cazzo così bello, grosso e succoso."

"Kathy!" sbottò forte Jack, poi abbassò la voce in un sussurro urgente. "Questo non è giusto. Sono il tuo capo per l'amor di Dio. Disse, ma per qualche motivo non sembrava troppo convincente.

“Non mi licenzierai, vero Jack? chiese Kathy, abbassando il viso più vicino al suo cazzo. “Non prima di prendere questo bel cazzo in profondità nella mia bocca e succhiare tutto il suo sperma. Sei Jack?" Tirò fuori la lingua e toccò la punta fino alla sommità del suo pene, che si riempì all'istante fino quasi a scoppiare di sangue. La punta della sua lingua cercò il suo buco della pipì e lei lo mosse avanti e indietro, come se cercasse di spingere la lingua dentro.

Jack gemette alla sensazione e cercò di abbassare lo sguardo su quello che stava facendo, ma non riusciva a vedere oltre la macchia bianca sul suo petto. “Questo non è da te Kathy. Perché stai facendo questo?"

"Se vuoi che fermi Jack, tutto quello che devi fare è dirmi di smetterla." disse Kathy, poi arricciò le labbra e soffiò aria fresca sulla punta bagnata, facendolo rabbrividire. Dopo un momento di quiete, abbassò le labbra ancora arricciate e gli diede un bacio grande, morbido e umido sulla sommità del suo pene. "Vuoi che fermi Jack?"

Ancora chiedendosi cosa fosse successo a quella donna normalmente casta, Jack si sforzò di rispondere. Non era affatto come la donna che conosceva in ufficio. In effetti, la donna con cui aveva lavorato tutti i giorni negli ultimi tre anni era così riservata che la semplice menzione di qualsiasi cosa legata al sesso l'avrebbe fatta arrossire profondamente. Non ha mai discusso della sua vita privata, anche quando le veniva chiesto, diceva alla persona che non discuteva di questioni private al lavoro. Era così strano e imbarazzante, ma era così bello.

Quando Jack non rispose, Kathy strinse la presa attorno al suo cazzo, stringendo fino a quando la testa divenne rossa brillante e lucida, e una minuscola goccia di precum si formò sulla fessura. “Hai un cazzo così adorabile, Jack. Ho sempre voluto vederlo, tenerlo in mano, assaggiarlo. Ha parlato con una voce roca che era estremamente sexy, quindi ha rimesso le labbra sulla punta e ha bevuto la goccia di precum.

"Ughh!" Jack gemette per le incredibili sensazioni che Kathy stava provocando. Le preoccupazioni che aveva per l'arrivo dell'infermiera erano sparite, sostituite dal bisogno di gratificazione sessuale. Non importava più che fosse Kathy, la donna grassoccia con cui lavorava in ufficio, che aveva spesso considerato gelida perché era così tesa riguardo alle cose. Non era tesa adesso.

Improvvisamente, Kathy lasciò andare il suo pene e si alzò dicendo: “Sai, mi sto arrapando terribilmente quaggiù. Non ti dispiace se mi spoglio, vero? Senza aspettare una risposta, si sganciò le spalline del vestito dalle spalle e si sfilò l'indumento lungo il corpo finché non cadde a terra. Ora indossava solo reggiseno e mutandine, i suoi seni delle dimensioni di un melone apparentemente minacciavano di spuntare dalla parte superiore del reggiseno. Si chinò in avanti, mostrando la sua ampia scollatura a Jack, che si ritrovò incapace di distogliere lo sguardo.

Al lavoro, Kathy non aveva mai indossato niente che fosse minimamente rivelatore. Ora, Jack stava fissando il paio di seni dall'aspetto più incredibile che avesse mai visto dal vivo, e non riusciva ancora a vederli tutti.

"Ti piacciono Jack?"

Jack annuì quel poco che poteva senza nemmeno rendersene conto, con l'acquolina in bocca e le dita che muovevano quel poco che potevano all'interno dell'involucro duro del gesso.

Allungandosi dietro la schiena, Kathy si slacciò il reggiseno e lo lasciò cadere, ma prima che cadesse completamente, si passò il braccio destro sul petto, tenendo nascosti i capezzoli. Jack pensava di aver intravisto l'areola, ma non poteva esserne certo. Il suo cazzo si stava sforzando e ondeggiava nella brezza, voleva attenzioni, aveva bisogno di attenzioni.

"Vuoi sentirli Jack?"

"Sì" disse la voce sussurrata di Jack. Voleva seppellire il viso nei suoi gloriosi globi.

Kathy si alzò in modo da trovarsi proprio accanto al viso di Jack e abbassò lentamente il braccio, rivelando per la prima volta tutto il suo petto. Erano magnifici, pensò Jack. I più grandi che avesse mai visto di persona. I suoi capezzoli erano enormi, sporgevano quasi un pollice intero dai suoi seni bulbosi, con areole che circondavano ciascuno, delle dimensioni di una moneta da mezzo dollaro.

Jack rimase ipnotizzato dalla vista e la guardò mentre si chinava e metteva uno dei suoi capezzoli nella sua bocca aperta. Come un bambino affamato, Jack si attaccò al suo capezzolo e iniziò a succhiare. Fece roteare delicatamente la lingua attorno alla protuberanza, facendo gemere profondamente Kathy in gola e spingendo più carne del suo seno nella bocca affamata di Jack.

Mentre Jack era impegnato a succhiare via il capezzolo gonfio di Kathy, le mani di Kathy erano impegnate a strofinare il suo bisognoso clitoride attraverso il materiale delle sue mutandine. Le ci era voluto un enorme coraggio per farlo, e lo stress a cui era stata sottoposta dal momento in cui era entrata nella stanza era servito ad aumentare la sua eccitazione, rendendola più eccitata di quanto potesse mai ricordare di essere stata.

Per quanto fosse bello farsi succhiare e mordicchiare i capezzoli, Kathy sapeva che non si sarebbe accontentata solo di giocare con i capezzoli. Si alzò, il suo seno fece un *pop* rumore mentre la suzione si interrompeva dalla bocca di Jack. L'aria era fresca sul suo capezzolo umido.

"Jack tesoro, ti dispiace se gioco con la mia figa mentre succhio il tuo grosso, meraviglioso cazzo?" Kathy ha chiesto. Stava parlando con la voce più sexy che Jack avesse mai sentito.

“Ah... merda no. Io ah non mi dispiace Kath. borbottò Jack.

“Bene, perché sono così fottutamente eccitato. Voglio venire tanto quanto te.

Afferrò di nuovo il suo membro gonfio con la mano paffuta, mentre l'altra mano stava ancora spingendo la stoffa della sua biancheria intima nella fessura della sua figa. L'area inguinale era già bagnata dai suoi succhi di figa che perdevano.

Riportando la faccia sul pene di Jack, Kathy lo appoggiò in avanti, poi mise il naso proprio nel suo pelo pubico. L'odore di un uomo "laggiù" era sempre una grande eccitazione per Kathy, e questo non era diverso. Lei inalò il suo aroma virile, l'odore che mandava scosse elettriche formicolanti alla spina dorsale direttamente nella sua figa super carica.

"Mmmmmmmm" gemette mentre espirava, le palpebre si abbassavano e il seno si gonfiava. La sua lingua scivolò nella sua massa di capelli ruvidi e leccò dalla base della sua asta fino alla testa a forma di elmo. Torna alla base ancora una volta, la sua lingua si appiattisce sulla sua asta mentre lecca lentamente fino alla testa. Tre volte, quattro volte, cinque volte ripeté l'azione, fermandosi solo per togliersi un pelo randagio che le si era attaccato momentaneamente alla lingua.

Quanto a Jack, sicuramente si stava godendo l'attenzione, ma desiderava potersi muovere. Voleva sentire il corpo di Kathy. Voleva sentire le sue curve femminili che sapeva essere così morbide ed elastiche. Voleva prendere il controllo della situazione come era abituato, ma non era nella posizione per farlo, quindi avrebbe dovuto lasciarle fare quello che voleva.

Kathy ha giocato con lo strumento palpitante di Jack per diversi minuti. Aveva interrotto le lunghe e lente leccate dalla base alla punta, e ora stava solo muovendo la lingua attorno al suo frenulo, quella piccola fascia elastica di tessuto appena sotto il glande. Poteva dire dai suoi grugniti e gemiti che stava avendo un effetto su di lui. Dopo alcuni minuti, scivolò su e avvolse saldamente i suoi grandi seni attorno al suo attrezzo imbevuto di sputo e li fece scivolare su e giù diverse volte, suscitando diversi gemiti di piacere da Jack.

La pressione stava crescendo all'interno dello scroto di Jack, mentre le sue palle piene si stavano preparando a depositare il loro seme. "Oh fanculo Kathy, mi farai venire." Gemette. Il suo corpo voleva spingere, aveva bisogno di spingere, ma non c'era modo di muoversi. Era alla sua mercé e Kathy se la stava prendendo comoda.

Sentendo che si stava avvicinando all'orgasmo, Kathy si alzò e rilasciò il suo cazzo. Fece scivolare le dita attorno al bordo delle sue mutandine e immerse due dita profondamente nella sua figa, facendole inzuppare con i suoi succhi. Poi tirò fuori la mano, mise le dita sul naso di Jack e gli pulì il suo dolce profumo di figa sul labbro superiore.

"Ecco, ora puoi annusare la mia eccitazione." Lei tubava con lui.

“Per favore...” gemette Jack “...aiutami a venire Kathy. Ho bisogno di venire così tanto. Il profumo denso della sua fica calda era inebriante e accresceva il suo desiderio e il bisogno di sborrare.

"Vuoi che ti finisca Jack?" chiese con un sorriso malizioso.

"Oh Dio, sì... Per favore, Kathy."

“Va bene, ma solo se mi prometti una cosa, Jack. Solo se prometti di spararmi la tua dolce crema in bocca ogni singolo giorno mentre sei in questo cast. Lo farai per me Jack?

Jack era fuori di sé dal bisogno, e annuì e quasi gridò "Oh cazzo sì, finiscimi per favore."

“Va bene Jack. Ora succhierò tutto lo sperma caldo e appiccicoso dalle tue palle. Siete pronti?"

“Merda Kathy, cazzo fallo per favore. Fretta"

Kathy ridacchiò e disse: "Ecco che arriva Jack". Con un unico movimento, inghiottì i primi quattro pollici del cazzo di Jack nella sua bocca. Le sue labbra e la sua lingua morbide e umide si chiusero attorno al suo membro palpitante e lei succhiò, mentre la sua lingua faceva schioccare la parte inferiore.

"Ohhh cazzo!" Jack ansimò quando sentì il calore improvviso dalla sua bocca che succhiava. Era squisito, e sapeva che ci sarebbero voluti solo pochi istanti prima che rinunciasse al suo seme.

Kathy non era una principiante nel succhiare il cazzo e ha usato tutto il suo talento per portare al suo capo il piacere più soddisfacente. Gli prese le palle con una mano mentre l'altra afferrava la base del suo cazzo di sette pollici. Con la bocca sigillata attorno alla sua asta, iniziò ad alzarsi e abbassarsi, la sua mano rimaneva proprio con la sua bocca, dandogli la sensazione di una gola profonda. Gli ha massaggiato delicatamente le palle e gli ha solleticato il punto appena sotto il suo sacco e accanto al suo buco del culo.

“Oh merda Kathy, sono così vicino. Oh cazzo, sto per venire! Jack gridò. Si era dimenticato dell'infermiera residente che era da qualche parte in casa in quel preciso momento, probabilmente a preparare qualcosa da mangiare, dato che era quasi ora di cena.

Usando la bocca come un aspirapolvere morbido e vellutato, Kathy raddoppiò i suoi sforzi, emettendo suoni "mmmfff" a ogni ripresa. Sentì il suo cazzo crescere fino a proporzioni ancora più enormi, allargando le labbra più di quanto pensasse possibile.

Ancora balbettando e grugnendo come un pazzo, Jack poteva sentire l'inizio del suo orgasmo. Aveva raggiunto l'apice. Quel punto di non ritorno in cui, anche se ogni stimolazione cessasse immediatamente, il pene continuerebbe a vomitare il suo contenuto. "Ahhh sto venendo, oh cazzo..." urlò quando sentì i primi spasmi dell'orgasmo.

Kathy indietreggiò un po', quando sentì il cazzo nella sua bocca iniziare a sussultare e un secondo dopo, il primo getto di sperma caldo uscì dalla punta, spruzzandole la parte posteriore della gola. Deglutì velocemente quando un altro getto si unì al primo. La crema densa che le scivolava giù per la gola le scaldava la gola. Il gusto non era piacevole, ma Kathy apprezzava abbastanza la sensazione di potere e l'erotismo dell'atto da sopportare il cattivo gusto.

Seguirono diversi piccoli schizzi di sperma e Kathy continuò a succhiare fino all'ultima goccia. Alla fine, quando il cazzo di Jack smise di pulsare e gocciolare il suo seme, Kathy staccò la bocca con un forte "pop", lasciando la testa rosso vivo che luccicava dalla sua saliva.

"Mmmm che era così caldo!" esclamò Kathy. "Ti è piaciuto Jack?"

"Oh cazzo sì." Ansimò debolmente.

"Bene, perché tornerò per farlo di nuovo domani." Disse mentre tornava su per guardarlo negli occhi.

"Gesù Kathy, cosa ti è preso?"

“Beh, ti desidero da molto tempo, Jack. Sei semplicemente troppo cieco per vederlo. Quando ti ho visto sdraiato qui tutto sigillato in questo gesso, ed essendo il giorno di San Valentino e tutto il resto, ho capito che questa potrebbe essere la mia unica possibilità. Jack, potresti non innamorarti mai di me. Diavolo, non mi aspetto che ti innamori di me. Ma sono innamorato di te ormai da anni, e se posso fare qualcosa per migliorare il tuo tempo in questo stupido cast, allora lo farò, e se questo significa tornare qui ogni giorno e dare ti fa piacere, allora è quello che farò.

Jack rifletté su ciò che gli era stato appena detto, poi disse dolcemente "Wow Kathy, io... non ne avevo idea."

"Bene, ora lo fai." Kathy ha detto una questione di fatto. "Quindi, adesso vado, così posso andare a prendermi cura di me stesso, se capisci cosa intendo."

Jack sapeva esattamente cosa intendeva. “Sì, so cosa intendi. Se potessi aiutarti, lo saprei.

“Allora fammi una promessa, che quando starai meglio, mi mostrerai qualcosa di simile a quello che ti ho appena mostrato. Forse anche di più.”

“Mi piacerebbe Kathy. Mi piacerebbe molto.

Kathy fece un sorriso caloroso, poi si chinò e baciò teneramente il suo capo sulle labbra. "Ci vediamo domani Jack." Disse, mentre raccoglieva il vestito e il reggiseno scartati.

In piedi accanto al letto, Kathy si tolse le mutandine bagnate. Non aveva sborrato, ma erano ancora molto bagnati dai suoi succhi lubrificanti e l'odore era intenso. Si vestì in fretta mentre il suo capo ancora stordito la guardava.

Alla fine, quando è stata rimessa insieme, ha detto "Un'altra cosa Jack". e sollevò le mutande sporche. "Ecco qualcosa che ti aiuterà a distogliere la mente dal dolore, almeno per un po'."

Mentre Jack guardava, Kathy mise l'inguine delle sue mutandine sul naso e sulla bocca di Jack, e le lasciò lì. "Ciao adesso, e buon San Valentino." Disse e uscì di nuovo.

"Ehi... ehi, non puoi lasciarmi così." sbottò Jack, ma Kathy uscì e chiuse la porta senza voltarsi indietro. "Merda!" borbottò quando l'odore muschiato della sua fica sopraffece i suoi sensi. Quando l'infermiera è entrata per controllarlo una decina di minuti dopo, lo ha trovato con il cazzo completamente gonfio e la faccia ancora nascosta sotto le mutandine fradicie.

Fine.

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

488 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.