SLut9 pt 22

1.1KReport
SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO
"In alto nella vita"

Domenica 23 dicembre, Notte

Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù Dave, Em e Molly a pulire la stanza di famiglia, dove avrebbe dovuto svolgersi la maggior parte della festa. Successivamente sono stati raggiunti dalla stessa Jenn e dai suoi due assistenti, Olivia e Hayley.

Jennifer si è scusata una volta che la camera familiare era presentabile per salire e controllare la camera da letto di Megan. Quando è tornata e ha annunciato che non era stato fatto quasi nulla, Hayley ha detto che sarebbe salita e avrebbe aiutato sua cugina a motivarsi. Fu durante questa pausa di attività che Olivia si avvicinò a Dave, gli si sedette in grembo, gli diede un bacio veloce e gli sussurrò all'orecchio.

"Posso giocare di nuovo, maestro?" Poi gli rivolse un sorriso diabolico degno della stessa Emily.

"Non mi dispiace, ma ti consiglierei di chiedere alla padrona," le disse Dave.

"Certo."

Gli diede un altro bacio veloce e andò in lavanderia, dove Jenn stava tirando fuori i vestiti dall'asciugatrice. Olivia l'ha aiutata a piegare tutti i vestiti mentre parlavano.

Olivia ha chiesto se a Jenn sarebbe dispiaciuto se giocasse ancora un po' ora che la casa era pulita e avevano preparato quanto più cibo possibile.

"Che cosa hai intenzione di fare?" chiese Jennifer.

"Questa serata è stata istruttiva per Molly. Le ho mostrato com'è la vita di una vera sottomessa. Ti assicuro che è stato un corso intensivo e sono stato piuttosto gentile con lei. Forse l'ho fatto solo stasera, ma io Penso che dia a Molly un'idea di come sarebbe essere nei miei panni, diciamo?"

Jennifer annuì comprensiva.

"Allora cosa le hai fatto?"

"Te lo dirò se prometti di non arrabbiarti con me, David o Molly e potresti non ripetere quello che ti dico a Molly. Sarebbe umiliata se scoprisse che l'ho detto a qualcuno, specialmente a te."

"Va bene. Finché non la metti nei guai."

"Non lo farei mai. Il maestro mi ha tenuto d'occhio per assicurarsi che non andassi troppo lontano con la mia dimostrazione. Quanto a quello che ho fatto..."

Olivia ha continuato spiegando cosa era successo tra lei, Dave e Molly da quando erano usciti di casa per tornare nell'appartamento di Dave a prendere il portatile di Olivia. Non è entrata nei dettagli, quel tanto che basta per darle il quadro generale.

"Allora cosa le farai dopo?"

"Dipende da chi è disposto a giocare con me?"

Jenn si bloccò quando Olivia le fece un sorriso.

"Vuoi che giochi con te e Molly?"

"Sì, padrona," disse Olivia, chinando la testa.

"Cosa dovrei fare?"

"Non ho piani precisi, padrona. Forse sarebbe meglio se mi dicessi cosa eri disposta e cosa no."

"Oh Dio!" Disse Jennifer, scuotendo la testa. Raccolse il cesto della biancheria, ora pieno di vestiti puliti e piegati. "Perché ho la sensazione che questi cinque giorni manderanno me ed entrambe le mie figlie in consulenza per il resto della nostra vita?"

Olivia ridacchiò. "Questo significa che mi aiuterai?"

"Certo," disse Jenn, scuotendo la testa mentre i due lasciavano la lavanderia. "Perché no? Cosa vuoi che faccia?"

"Prima," disse Olivia tenendo la spalla di Jenn e fermandola appena fuori dalla lavanderia. "Metti giù il cesto. Tu sei la padrona. Hai uno schiavo che eseguirà ogni tuo ordine."

"Presumo," disse Jenn da sopra la spalla. "Che non parli di te?"

Olivia sorrise. "Apprezzerei molto, padrona, se usassi invece Molly."

Jenn annuì e poi, in modo vistoso, posò il cesto ai suoi piedi.

"Molly," chiamò Jenn.

Molly era seduta sul divano accanto a Emily, che era seduta accanto a Dave. Molly si sedette in avanti e guardò sua madre.

"Sì, mamma?"

"Vieni qui." Jenn fece cenno a Molly di avvicinarsi.

Jenn diede un'altra occhiata a Olivia mentre aspettava che Molly attraversasse la stanza. Olivia si limitò a sorridere e le fece un cenno del capo.

"Di cosa avevi bisogno, mamma?" chiese Molly quando si fermò dall'altra parte del cesto della biancheria.

Jennifer chiuse gli occhi, fece un respiro profondo e poi si voltò verso Molly. Aprì gli occhi e Molly sussultò. Poteva vedere che qualcosa era cambiato.

"Prima di tutto, non sono tua madre. Non stasera. Stasera, sono la tua amante."

L'addestramento di Molly era partito bene. I suoi occhi saettarono da sua madre a Olivia, che alzò un sopracciglio verso Molly come per chiedere: "Hai intenzione di obbedire?"

Le estremità della bocca di Molly si alzarono appena un po', non abbastanza per essere un sorriso, solo l'inizio di uno. Poi si rivolse a sua madre.

"Padrona, sì, padrona," rispose Molly, chinando la testa e mettendo le braccia dietro la schiena.

"Eccellente. La prima cosa che devi fare è prendere questo cesto della biancheria e seguirmi."

Molly quasi rispose, ma si ricordò del suo addestramento e, invece, si chinò e raccolse il cesto della biancheria. Jennifer ha iniziato a salire i gradini. Molly la seguiva tre passi indietro. Olivia ha tirato indietro, dando a Dave un pollice in su mentre scompariva su per i gradini.

Dave lanciò un'occhiata all'unica altra persona rimasta nella stanza, Emily, che era seduta accanto a lui e stava guardando lo spettacolo.

"Cosa pensi che le faranno?"

"Con quei due, non c'è modo di saperlo."

Emily si guardò intorno.

"Siamo tutti soli, lo sai. Penso che sia la prima volta che siamo davvero soli da giorni."

Dave ci ha pensato e si è reso conto che aveva ragione. Erano stati soli negli ultimi due giorni, ma era sempre stato un momento veloce qua e là, mai un vero momento di qualità.

"Credo che tu abbia ragione," disse Dave con un cenno del capo.

"Allora cosa ne facciamo?"

Dave si voltò lentamente a guardare Emily. Conosceva quel sorriso sul suo viso.

"Ho la sensazione che non otterrò davvero un voto qui, vero?"

Emily scosse la testa, si tolse la maglietta che indossava e si fermò di fronte a Dave. Una gamba alla volta, si inginocchiò sul suo grembo e avvolse le braccia intorno al collo di suo padre.

"Ti rendi conto che non mi hai nemmeno baciato, a parte piccoli baci paterni, dalla notte in cui mi sono drogato con lo SLuT9?"

Dave non aveva bisogno di pensarci. Aveva volutamente evitato il contatto intimo con Emily da quel pomeriggio della settimana prima.

"Mi stai evitando, vero, papà?"

Dave fece un respiro profondo e si rese conto che era troppo a suo agio con questa situazione. Le sue mani erano già sul suo sedere, strofinando. Dave costrinse di nuovo le mani lungo i fianchi e guardò Emily negli occhi.

"Onestamente, Em, sì, ho evitato proprio per questo motivo."

"Questo significa che è stata una volta sola?" chiese, sedendosi il sedere sulle cosce.

"Em, non sarebbe dovuto succedere la prima volta."

"Probabilmente hai ragione, ma è successo e non possiamo tornare indietro. La mia domanda per te, papà, è, dato che l'abbiamo già fatto una volta, ha importanza se lo facciamo di nuovo? E ancora? E ancora ?"

Fu in quel momento che suonò il campanello. Dave spinse Emily via da lui e si alzò velocemente dal divano prima che lei potesse intrappolarlo.

"Penso che sia meglio che lo prenda."

"Stai evitando l'argomento, papà. Ti raggiungerà."

Dave si fermò in fondo ai gradini che portavano al livello principale e si voltò verso sua figlia.

"Sì. A quel punto, però, forse avrò capito cosa fare e cosa dire. Resta qui e vestiti."

Dave si voltò e salì i gradini. Come si aspettava, nessun altro si stava dirigendo verso la porta. Molly, Jenn e Olivia erano di sopra, Emily era di sotto e lui non era sicuro di dove fosse Megan. Il campanello aveva suonato di nuovo mentre saliva le scale e suonò di nuovo mentre si dirigeva verso la porta. Guardò fuori dalla piccola finestra della porta e rimase scioccato.

Dave ha aperto la porta.

"Cosa stai facendo qui?"

“Ho provato a chiamare il tuo cellulare.

"Perché sei qui?"

"Ho bisogno di parlarti, da solo."

Dave chiuse gli occhi e scosse la testa.

"Ogni singola volta che una donna me lo dice, finisco in un mucchio di merda sempre più grande."

"Hai intenzione di lasciarmi qui fuori o mi inviterai a entrare?"

Dave uscì dalla porta e le fece cenno di entrare. Rebbecca entrò in casa e si guardò intorno.

"C'è un posto dove possiamo parlare? Da soli? Penso che sarebbe meglio se le ragazze non sapessero che sono qui."

Dave chiuse la porta e fece il giro di Rebecca.

"Perché non vuoi che le ragazze sappiano che sei qui?"

"Sarà chiaro, David. C'è un posto?"

"Sì, dai."

Dave si voltò e condusse Rebecca in biblioteca. Chiuse e chiuse a chiave la porta dietro di lei. Dave si spostò sulla sedia dietro la scrivania e si sedette mentre Rebbecca si sedette sul vecchio divano di pelle nera.

"Va bene, quindi cosa vuoi?"

"Sai che Paul è candidato al Senato dello Stato?"

Dave annuì.

"Ieri, un signore dell'ufficio del Governatore è venuto a incontrare Paul. Il Governatore annuncerà che sosterrà Paul nella corsa."

"Beh, direi che questo significa che probabilmente Paul vincerà le elezioni."

Rebecca annuì. "Con l'influenza del Governatore nello stato e la sua popolarità così alta, aggiungerà un sacco di soldi alle casse di Paul. Tuttavia, ci sono alcuni problemi che il Governatore vuole ripulire prima che ciò accada".

"Problemi? Che tipo di problemi?"

"Sai che il Governatore è molto conservatore?"

"Presumo che sia per questo che si è candidato come repubblicano e non come democratico".

"Il Governatore non crede nel divorzio, nell'aborto o nella convivenza. La prima cosa che insiste che facciamo è venire nella capitale e sposarci".

"Nella capitale?"

"Il governatore stesso si è offerto di sposarci."

"Può farlo? Non sapevo che fosse in potere di un Governatore."

"Prima di entrare in politica, il governatore Wilde era un ministro ordinato".

"Non lo sapevo."

"Forse è perché non ti sei mai preso la briga di sapere niente su di lui. Non lo fai mai. Voti per puro istinto. L'hai sempre fatto."

"Non l'ho votato perché è uno stronzo. Che sia ministro o meno non è mai entrato nell'equazione".

"Come vuoi. Quindi Paul e io andremo nella capitale il giorno dopo Natale per farci sposare dal Governatore."

"Così veloce?"

"Così in fretta. Ciò significa che le ragazze dovranno restare con te ancora per un po'. E, se le cose andranno come previsto, potremmo non tornare qui... beh, almeno non fino alla fine delle elezioni."

"Mancano quasi undici mesi, Rebecca."

"Lo so. Ma Paul sta facendo campagna elettorale in tutto lo stato e non sarebbe giusto che mi lasciasse indietro."

"Lasci il tuo lavoro?"

"Per poter stare insieme io e Paul, devo farlo. Se viene eletto significa trasferirsi nella capitale".

"Non ci avevo pensato. Quindi cosa succede se e quando vince le elezioni? Verrai a prendere le ragazze e le porterai con te?"

"David, le ragazze sono già fuori controllo. Emily ha la bocca un po' intelligente..." Rebbecca vide la rabbia negli occhi di Dave e decise di non finire la dichiarazione. "Sembra che tu abbia un controllo su di loro migliore di me e questo è uno dei problemi che il governatore vuole risolvere".

"Cosa? Le nostre figlie?"

"No, David, il nostro accordo per l'affidamento. Sarebbe... sconveniente per la moglie di un senatore dello stato essere coinvolta in un'enorme battaglia per l'affidamento e considerando quanto ti sei spinto solo per visitare le ragazze, immagino che una battaglia legale sia nel nostro futuro se provo a portare le ragazze attraverso lo stato".

"Probabilmente hai ragione. Quindi cosa hai intenzione di fare?"

Rebecca fece un respiro e lo rilasciò lentamente.

"Sono disposto a darti la piena custodia delle ragazze, con visite ovviamente, a una condizione."

"Che è?"

"Quando questo verrà fuori, e uscirà, e la stampa verrà a parlare con te, devi fare una dichiarazione positiva. Digli semplicemente che questa è la città natale della ragazza. Qui è dove sono nate e cresciute e tu, io e Paul abbiamo deciso di comune accordo che sarebbe stato meglio se le ragazze fossero rimaste qui con te mentre eravamo fuori a fare campagna elettorale e poi, una volta che Paul avesse vinto, probabilmente avremmo comprato una casa nella capitale, Emily avrebbe chiuso con gli alti scuola e, si spera, al college. Ad Hayley rimarrà solo un anno o giù di lì. Non varrebbe davvero la pena tirarli fuori dalla loro scuola, lontano da tutti i loro amici solo per trasferirli nella capitale, non quando il loro amore mio padre è ancora qui e può prendersi cura di loro".

"Quindi do una buona dichiarazione alla stampa quando viene fuori che hai due figlie che non sono affidate alle tue cure, e io ottengo la custodia fisica?"

"Sì."

"Fatto!" disse Dave senza esitazione. "Quando ricevo i documenti?"

"Quando ricevo i video?"

"Bec, non appena i documenti di custodia saranno firmati, distruggerò io stesso il DVD."

"Non so se mi fido di te."

"Bec, non ho bisogno né voglio nient'altro da te. Ho realizzato il video perché avevo bisogno di una leva da usare contro di te per vedere i miei figli. Se avrò la custodia, non sarà più un problema. Se avrò le ragazze , non ci sono litigi per il mantenimento dei figli. Non ho né bisogno né voglio i tuoi soldi. Una volta sposati, niente più alimenti. A quel punto, abbiamo davvero finito l'uno con l'altro e non vedo l'ora che arrivi quel giorno.

Rebecca annuì.

"C'è niente altro?"

"No, non credo. Penso che sia tutto", disse Rebecca e si alzò. "Addio, Davide."

Dave seguì Rebecca fino alla porta.

"Dovresti avere in mano i nuovi documenti di custodia pochi giorni dopo Natale. Paul ha già un buon avvocato che ci sta lavorando."

"Non appena li avrò, li farò esaminare dal mio avvocato e, se sono a posto, li firmerò e gli farò archiviare il prima possibile."

"Grazie."

Rebecca si voltò e si diresse lungo il marciapiede e Dave chiuse la porta.

"WHOOPIE!" gridò Dave mentre saltava letteralmente su e giù per l'eccitazione.

Pochi istanti dopo, Emily salì dal soggiorno. Jenn, Hayley e Megan sono scese di corsa le scale dalle camere da letto.

"Cos'era quello, David?" chiese Jen.

"Papà, che succede?" chiese Emily un attimo dopo.

Dave ha fatto una giga proprio lì nel corridoio.

"Jennifer, quell'offerta è ancora valida per restare qui?"

"Certo, David. Perché?"

"Ci stiamo trasferendo. Io, Olivia e," disse, facendo una pausa drammatica, "le ragazze."

"Cosa significa?" chiese Hayley.

"Significa," disse Dave avvicinandosi e baciando sua figlia sulla fronte, "tua madre era appena qui. Non voleva vederti. Lei e Paul stanno andando nella capitale per farsi sposare dal governatore e sono non tornerò fino a dopo le elezioni. Spero che voi due vogliate davvero restare con me. Perché ora siete bloccati!"

"Non dobbiamo tornare indietro? Mai?" chiese Emily.

"Em, per quanto voi due siate vicini all'essere adulti, penso sia un presupposto sicuro, non dovrete mai più andare a vivere con vostra madre."

Entrambe le ragazze si lanciarono su Dave che avvolse un braccio intorno a entrambe e le strinse forte.

"Vinciamo!" Egli ha detto.

Storie simili

Circostanze diverse

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota/e dell'autore: Onestamente, questa storia è stata parzialmente ispirata da un'altra storia di AbsolxHuman che ho trovato qui. Come dice il riassunto, questa storia contiene bestialità, quindi se non ti piace, è probabilmente meglio che tu trovi un'altra serie da perseguire, poiché la maggior parte degli incontri sessuali coinvolgerà Pokemon e il protagonista, anche se potrebbe esserci un pochi umani spruzzarono qua e là per cambiare le cose. Cambierò il codice per riflettere ulteriori modifiche nei capitoli successivi. Se...

2.9K I più visti

Likes 0

Una lunga notte_(1)

Merda. Merda merda merda MERDA. Todd mormorò sottovoce mentre lottava contro il sacco della spazzatura troppo imbottito attraverso la stretta apertura dell'ascensore. Con una goffa spinta del gomito premette il pulsante B e si appoggiò alla parete di fondo, espirando lentamente. Fottuta giornata della spazzatura. Andiamo giù per i tubi, io e la borsa piena di rifiutare. Rifiutare. Mi rifiuto! pensò, e mantenne quel pensiero con divertito mentre precipitava giù per la gola del suo edificio nell'oscurità viscere sottostanti. Spostò il peso sotto il suo fardello e ci provò respirare attraverso la sua bocca. Clunk clunk clunk. Atterraggio. L'Aquila è atterrata...

1.1K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.1K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

961 I più visti

Likes 0

Aiden 5

America per il weekend di 5 giorni. Guardo Aiden attraversare la nostra stanza. Grace è sdraiata sul letto a guardare le Olimpiadi. David gioca con il suo telefono. Jett salta sul letto. Colin si sdraia accanto a Grace, abbracciandola. I miei occhi cadono su Aiden che mi guarda. Lo fisso di rimando. Si spazzola i capelli di lato e guarda dall'altra parte. Mi siedo con le coperte addosso. Digito sul mio computer. I miei occhi sbirciano di nuovo oltre il bordo. Questa volta Aiden è sdraiato sul pavimento e mi mostra i suoi addominali. Faccio finta di non accorgermene. Sa che...

1.1K I più visti

Likes 0

Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito. Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio. Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro...

854 I più visti

Likes 0

Vero stronzo

Mi è sempre piaciuto guardare mia moglie scopare con altri uomini e donne, oltre a condividere con gli altri. Di tanto in tanto lo portiamo al punto di un cornuto davvero umiliante. Non è qualcosa che facciamo sempre, ma può essere davvero divertente. Questa è una di quelle volte. Ogni sabato andavamo a casa dell'amante di mia moglie, John. Di solito trascorrevano insieme il mercoledì sera, quindi spesso avevano un piano per il sabato, quando tutti e tre avremmo potuto giocare. Non ho mai saputo cosa potessero avere in serbo loro due: entrambi hanno un'immaginazione malvagia e lui ha una collezione...

842 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

583 I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

562 I più visti

Likes 0

Barare con Ell

Ad un certo punto in un passato non troppo lontano, ero troppo impegnato con il lavoro e la famiglia per avere qualsiasi tipo di vita sociale. Ho 32 anni, sono sposato con una moglie noiosa e ho tre figli. Come un uomo potrebbe immaginare, questo mi ha lasciato frustrato sapendo di avere tutti questi strani e strani feticci, ma non avevo nient'altro che un coniuge morto in camera da letto su cui provarli. Volevo sentirmi vivo! Entra negli appuntamenti online. Funziona, in teoria, per metterti in contatto con qualcuno che potrebbe avere una situazione simile o una moltitudine di altri motivi...

642 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.