Venerdì_(1)

1.2KReport
Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa.
Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale.
---
Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un bar, un volto familiare l'ha accolta.
“Ciao Sara! È molto tempo che non ci si vede!"
"Ehi Lisa, ricordi il mio solito?"
"Ovviamente!" lei rispose girandosi per versare: “Cosa ti porta qui dopo così tanto tempo? Avevo iniziato a pensare che non ti piacessi.
"OH. No, ho solo lavorato più nel tempo del solito.
"Sì? Come sta andando il lavoro? La scuola è quello che è, lo sai.
"Giusto. Il lavoro mi tiene ancora sulle spine. In realtà ho incontrato un ragazzo carino lì piuttosto per caso.
Lisa fece scivolare il bicchiere, inarcando le sopracciglia, “Oooh? Hai attirato la sua attenzione?"
«Forse...» Sara alzò lo sguardo a sinistra.
«Non gli hai nemmeno parlato. Hai fatto?" disse Lisa in tono piatto.
"Potrebbe aver fatto... più di..."
"Che cosa?! Mi stai dicendo che hai appena aggredito il tizio? Che cosa siete? Me?"
Le ragazze risero un minuto, accettando l'assurdità.
“Era gentile! E non credo che se lo aspettasse. Almeno non ha provato niente di strano.
“Aw, ti stai perdendo. Sono tornato con un ragazzo l'altra sera che potrebbe prendere un passo strano.
"Per favore." Sara ha detto: "questo è cosa, il tuo quinto questa settimana?"
“In effetti, è stato un po 'asciutto. Anche se, ora che è stato allevato, potrebbe non lasciare che rimanga all'asciutto.
“Grazie per quello… cosa dovrei fare però? Non so se posso semplicemente presentarmi ed essere accolto.
"Se era così ansioso prima che tu potessi presentarti completamente vestito ed essere accolto. Dico, fallo." Lisa sorrise e fece a Sara un occhiolino rassicurante.
---
Mi ero rassegnato a un'altra notte da solo, un bicchiere di whisky e alcuni film che non avevo ancora visto quando un colpo mi ha costretto a scrollarmi di dosso l'alcol.
Ho aperto la porta e quei bellissimi occhi azzurri mi hanno fissato.
"Ho... sto interrompendo?"
La ragazza sicura di sé con cui avevo passato la notte si comportava in modo quasi schivo.
«No, Sara, stavo solo alzando i piedi. Perché sei... volevi entrare?" Non sapevo cosa chiedere.
Entrò, voltandosi verso di me mentre chiudevo la porta e avvolgendomi le braccia intorno al collo.
Le sue labbra si chiusero e non potei fare a meno di essere attratto di nuovo. Solo stamattina mi chiedevo se sarei stato di nuovo qui e immaginavo che avrei solo pensato a quella sensazione che mi spingeva ad andare avanti. L'ho tirata dentro di me, grata per la possibilità di sentire la sua bocca di nuovo chiusa contro la mia.
Mi strattonò conducendomi all'indietro verso la camera da letto e il letto ancora disfatto. Ho ceduto lasciandomi cadere in quegli occhi. La sua camicia si è slacciata tra le mie mani; le sue mani che armeggiano con la mia cintura. Una ciocca di capelli sciolti spazzolata via. Era indietreggiata verso il letto e mi stava tirando giù quando risuonò un altro bussare alla mia porta.
"Ignoralo, lascia che pensino che non siamo qui."
Il colpo si ripeté, più forte.
"Non credo che lo compreranno."
Più forte, più persistente.
"Tieni quel pensiero" dissi, abbastanza irritato da quasi perdere l'apprezzamento che cresceva nei miei boxer.
Sono inciampato verso la porta e l'ho aperta completamente preparato a rimproverare la persona dall'altra parte solo per essere affrontato da una bellissima testa rossa. Le sue labbra trovarono le mie prima che potessi dire qualcosa e un bacio profondo instillò la lussuria repressa.
"Ti manco?"
"Ehi, tu... uh, questo è... non mi aspettavo..." Sono così morto.
Lisa premette di nuovo le sue labbra contro le mie, quasi dimenticavo di aver lasciato qualcun altro in camera da letto.
"LISA?"
Cosa ha appena detto?
“Sara?”
Cosa ha appena detto?
"Cosa stai facendo qui?" entrambe le ragazze si chiesero; il tipo di allestimento che ci si aspetta da una sitcom.
“Te l'avevo detto, stavo per andare a trovare il ragazzo che ho incontrato al lavoro e rimediare all'imbarazzo. Perché non hai detto che questo era il ragazzo che hai incontrato?
"Pensavo stessimo parlando di ragazzi diversi!"
Faccio un passo indietro e penso di coprirmi l'inguine. "Uh, signore, potete entrare in Lisa e avere questa conversazione dove i miei vicini non ..."
Lisa si voltò e sbatté a metà la porta. Sara si voltò e mi guardò con aria accusatoria.
“Perché non mi hai detto che avevi qualcun altro? Io... io non pensavo che... non intendessi provare a...»
“Non ho nessun altro. Non sapevo cosa pensare dell'altra sera o, francamente, della scorsa notte. Le cose in un certo senso sono andate dove volevano e io sono andato d'accordo perché volevo. Non è la mia battuta migliore, ma fuori di essa e un po' spaventata di perdere entrambi i conigli...
"Ma, ma, sono tornata prima e..." Sara sembrava ferita, come se avesse voluto qualcos'altro prima.
Lisa intervenne “e io? Non ero abbastanza?
“Più di quanto chiunque come me meritasse, ma ho detto che non sapevo cosa pensare e ci sono andato. Sono stato un po' fuori di..."
Lisa mi fermò, prendendo Sara per il polso e trascinandola da parte. Si voltò, mettendosi la mano a coppa intorno alla bocca e all'orecchio di Sara in modo che non potessi sentire.
Non riuscivo a capire molto, le parole "dito" e "multiplo" potrebbero essere saltate fuori, "compromesso" è stato inserito. Stavo iniziando a formulare una domanda quando Sara si è voltata e si è precipitata ad abbracciarmi.
"Dove eravamo rimasti?" mi chiese baciandomi prima di lasciarmi parlare.
“Il... ma, cosa...”
Lisa era accanto a noi, una mano su di me un'altra su Sara. Si è avvicinata e mi ha baciato prima di baciare Sara altrettanto appassionatamente.
"L'hai mai fatto prima?"
"Io no."
Lisa sorrise e spinse me e Sara verso il letto. "Sara è arrivata prima qui, immagino sia giusto che prima la facciamo sentire bene." ha tirato su Sara e l'ha tenuta per i fianchi da dietro entrambi sorridendo e guardandomi. Quegli occhi, quel sorriso. Le mani di Lisa andarono a lavorare sulla parte superiore di Sara, sollevandola mentre portava le sue labbra intorno e la baciava.
Rimasi in piedi per un momento lasciando che l'immagine affondasse, poi mi avvicinai per baciare il collo di Sara. Le mie mani si sono fatte strada fino ai suoi pantaloni che ho finito di allentare e l'ho aiutata a uscire. Lisa ha portato Sara a sdraiarsi sul letto e si è spogliata rapidamente lanciandomi le sue mutandine ora bagnate.
Vado a sdraiarmi in mezzo a loro. Giusto, indossi ancora i pantaloni, quelli stanno venendo via adesso. Lisa è tornata a baciare Sara, la mano di Lisa che tiene e accarezza i seni di Sara. Le gambe di Sara si aprono, cerca se stessa quando le fermo la mano, chinandomi e baciandole lo stomaco, lungo il fianco e poi facendo scorrere la lingua sulla sua clitoride e poi muovendola avanti e indietro. Lei geme e vedo la sua mano tornare verso il petto di Lisa in cambio.
Le ragazze si stanno baciando più forte, il corpo di Lisa si avvicina, puntellandosi per una migliore angolazione. Faccio scorrere una mano libera verso l'alto e accarezzo l'interno della gamba di Lisa, lei si muove un po' e lascia che le mie dita scivolino dentro, il pollice che fa dei cerchi sulla sua clitoride. Entrambe le ragazze gemono e sento Sara stringersi intorno alla mia lingua e Lisa intorno alle mie dita.
"Dita o lingua?" chiede Lisa guardando Sara negli occhi.
"Non lo so, devo provare entrambi un paio di volte." Sara geme guardandomi.
Colgo il suggerimento, dando a Sara un'ultima lunga leccata ea Lisa qualche altro cerchio. Faccio rotolare Lisa sulla schiena e metto la testa tra le sue gambe, la lingua che scorre velocemente. Sara si siede e bacia i seni di Lisa, le mie dita si fanno strada verso la figa di Sara e lei geme.
"Dita, decisamente dita."
Lisa ride leggermente "bene, penso che preferisco godermi la sua bocca."
"Non ho voce in capitolo?"
"NO." entrambe le ragazze contemporaneamente seguite da risate spensierate e Lisa che mi guardava dicendo "farai meglio ad andare avanti, mi stavo avvicinando di nuovo".
Sorrido, la mia lingua torna a lavorare su di lei, le mie dita si arricciano dentro Sara che rotola di nuovo sulla schiena, afferrandosi i seni.
Lisa si stringe di nuovo su di me, i suoi gemiti si mescolano alle imprecazioni sommesse di Sara. Mi guarda e poi mi fa cenno di salire sul letto. Acconsento, strisciando in mezzo a loro, baciandoli uno alla volta.
"Mi piace il sapore che hai su di lui." disse Sara, facendo un altro tentativo per un bacio. La bacio profondamente, lasciando che la sua lingua cerchi la mia.
"Vuoi assaggiarlo direttamente alla fonte?" disse Lisa, alzandosi in ginocchio.
Sara allungò una mano per i fianchi di Lisa, tirandola su e baciandola all'interno delle gambe di Lisa finché Lisa non si abbassò sulla bocca in attesa di Sara. Lisa gemette e si abbassò per allargare le gambe di Sara. Mi metto tra le gambe di Sara, facendo scivolare la testa del mio cazzo su e giù per le sue labbra un paio di volte prima di affondare dentro di lei. Gemette forte, attutita dalla fica di Lisa che le copriva la bocca. Lisa sorrise il suo sorriso allungandosi per baciarmi mentre continuava a tenere le gambe di Sara sollevate e divaricate.
Ho lavorato a un buon ritmo, attento a non sgroppare troppo forte per evitare che Sara mordesse o perdesse il suo posto sul clitoride di Lisa. Lisa stava baciando tutto ciò che poteva raggiungere, ha iniziato a pizzicare i capezzoli di Sara e ha fatto scivolare una mano per strofinare anche il clitoride di Sara. Sara gemeva, ogni gemito echeggiato da Lisa. Stavo iniziando a farmi prendere un po' troppa velocità quando Lisa si è staccata dalla faccia di Sara e ha tirato fuori il mio cazzo da lei.
"Mmmm, mi piaceva" disse Sara, sconsolata a Lisa.
Lisa non stava prestando attenzione, si era chinata e aveva preso il mio cazzo in bocca. Ha dato alcune lunghe leccate prima di lasciarsi andare e rispondere.
"Hai un buon sapore anche con lui."
"Oh, rimettilo dentro e lasciami!"
Usa le gambe per tirarmi di nuovo dentro di lei, lasciandomi entrare in profondità e qualche spinta prima di saltare giù e girarmi sul letto. Si sdraiò sulla schiena, il collo teso. Sara alza una mano e piega il mio io rigido verso il basso e nella sua bocca. Lei geme un po' e Lisa si sdraia un po' sopra di lei, baciandole il collo mentre lentamente comincio a entrare e uscire dalla gola di Sara. Lisa sta toccando Sara e la fa gemere attorno al mio cazzo. Mi tiro fuori e Lisa mi prende di nuovo in bocca.
"Sono d'accordo, ha un buon sapore"
Sara lecca ciò che Lisa non ha in bocca. Lisa indietreggia un po' ei due si baciano con la punta del mio cazzo in mezzo. Gemo, è la cosa dannatamente più sexy che abbia mai visto. Sara tira giù Lisa e la spinge sulla schiena sul letto, poi striscia sopra. Lisa e Sara continuano a baciarsi, le tette premute insieme. Sara usa le gambe per allargare le fighe di Lisa, entrambe le fighe gocciolanti spalancate e girate verso di me.
Non mi prendo molto tempo per ammirare il panorama prima di infilare il mio cazzo dentro Lisa, i suoi gemiti accolti da altri da Sara. Bacio la schiena di Sara mentre Lisa afferra il sedere di Sara e lo allarga ulteriormente. Continuo a spingere dentro Lisa, la sento stringersi e un nuovo livello di gemiti annuncia un altro climax. Ci vuole tutta la mia energia per tirarmi fuori e spingermi dentro Sara, i suoi gemiti diventano più forti man mano che divento più veloce.
Anche la figa di Sara si stringe attorno a me e lei geme, quasi urlando mentre trema sopra Lisa. Mi sto avvicinando ma mi tiro fuori di nuovo e mi tuffo di nuovo dentro Lisa. Lisa significa mentre ha spostato una mano verso il basso e ha trovato il clitoride di Sara e l'altra mano ha un dito fuori che circonda il piccolo buco del culo stretto di Sara. Sara sembra divertirsi troppo per protestare e presto Lisa si tocca il culo. Lisa sta venendo di nuovo e tocca Sara più forte infilandole un dito pieno nel culo mentre strofina furiosamente il clitoride di Sara.
"Ti piace quel dito?"
"SÌ"
"Vuoi qualcosa di più grande?" chiese Lisa.
"Suppongo."
Lisa mi ferma. Dannazione, quasi finito. E questa volta mette Sara sulla schiena. Sara allarga le gambe, Lisa prende di nuovo il mio cazzo in bocca, lo bagna tutto poi si china e lecca il buco stretto di Sara prima di farmi entrare. Sara geme e mi fa venire a baciarla. Cerco di mantenerlo lento. Mi sta davvero stringendo addosso, Lisa ha una bocca attorno a un capezzolo e io bacio di nuovo Sara.
Sto davvero cercando di rallentare, ma Sara inizia a spingere dentro di me. "Puoi andare più veloce" dice e Lisa ride, "te l'avevo detto che ti sarebbe piaciuto." Lisa mi fa girare la faccia e mi bacia. "Sborra dentro di lei, le piacerebbe."
Accelero un po', Sara geme di più e anche Lisa infila le dita nella fessura di Sara. Mi avvicino, il suo corpo preme contro di me, il culo stretto attorno a me. non posso resistere. Qualche altra spinta e spingo in profondità nel dolce culo di Sara mentre mi sento stringere e riversarmi dentro di lei. Geme mentre Lisa la aiuta a riportarla oltre il limite.
Io cado e Lisa si china e lecca il mio sperma che gocciola dal culo di Sara.
"Hm, cosa dobbiamo fare con te?" chiedo a Lisa mentre finisce Sara che continua a gemere e ad accarezzarsi un seno.
"Potresti infilarmelo nel culo dopo?" lei dice. Mi avvicino e le do un morso al culo. "Mi piacerebbe, ma sembra che voi due mi abbiate tolto un bel po'." il giorno mi raggiunge tutto in una volta, immagino si fosse nascosto.
Mi sdraio e tiro Sara alla mia sinistra mentre Lisa striscia alla mia destra, baciando Sara e me prima che si riposi. Li avvicino entrambi, allungando una mano verso il basso su entrambi per afferrare il sedere di ciascuna ragazza. Sara mi bacia la guancia. Sento entrambi i loro respiri stabilizzarsi e trasformarsi in leggeri sonnellini prima che anch'io mi addormenti.

Storie simili

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

1.9K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.5K I più visti

Likes 0

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.1K I più visti

Likes 1

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

1.1K I più visti

Likes 0

Fidanzato Fidanzato 3

Mia madre mi ha chiamato e voleva parlarmi. Ero al lavoro quindi l'ho fatta fermare alla stazione. Alan, ha detto, abbiamo un problema. Che succede?, le ho chiesto, spaventata che potesse aver visto io e Malia abbracciarci in quel modo. Ma ha messo a tacere quella paura. Le tue sorelle Malia e Stephanie non vanno d'accordo. Ho paura che si uccideranno a vicenda, ha detto. Dobbiamo capire cosa possiamo fare affinché almeno possano essere civili l'uno con l'altro. Bene, ho detto, ci penserò su e vedrò cosa posso inventare. Devo lavorare per uno dei ragazzi qui quindi non sarò a casa...

676 I più visti

Likes 0

(2) divertimento in spiaggia per tutti

Mi piaceva portare mia moglie sulla spiaggia per nudisti, soprattutto a metà settimana, quando c'erano principalmente solo ragazzi, avevamo trovato un bel posto proprio tra le dune dove potevamo ancora vedere l'acqua, ma avevamo un po' di privacy, non ci volle molto i ragazzi sapevano che una bella donna era sulla spiaggia, e spesso venivano con noi, per vedere dove eravamo seduti, Prendevo sempre una grande coperta, la stendevo e giacevamo entrambi nudi, Joy con le gambe aperte affinché tutti potessero vederla, i ragazzi si prendevano il loro tempo mentre passavano, la maggior parte felice di stare in piedi e guardarla...

617 I più visti

Likes 1

Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro. Parte 2 - Il livello successivo Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra...

2.7K I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.