Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

1.3KReport
Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo


Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare.
Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di esseri umani e ascoltare le storie delle vittime mi rendeva duro. E poi mio padre è morto. Era un uomo piuttosto ricco, suppongo. Aveva una bella e grande villa in Florida che mi ha donato nel suo testamento. Era piuttosto grande con un ampio seminterrato.
Anche se trasferirmi dalla mia New York alla Florida è stato piuttosto difficile, ho imparato ad adattarmi. Ho preso la mia licenza di pilota e ho comprato un aereo privato. Sono stato autorizzato dagli agenti di frontiera degli Stati Uniti affermando di essere un'agenzia di traslochi internazionale solo per poter attraversare il confine. Ho mentito e ho detto loro che ero un US Navy Seal riprovato. Ho anche detto loro che ho fatto tutte le mie autorizzazioni. Se trovassi qualcosa di sospetto prima del mio volo (come droghe o altre cose illegali), segnalerei il cliente agli agenti di frontiera degli Stati Uniti. E credevano a ogni parola. Tuttavia ho dovuto dire loro da dove stavo volando e dove e quando. E io ero completamente d'accordo con quello.
Ho finto di essere l'agenzia internazionale di traslochi per alcuni mesi, guadagnando circa $ 6.000 a settimana a seconda di quanto trasportavo. Quei soldi hanno contribuito a ripagare il resto della villa. Durante quel periodo, riuscii a farmi degli amici in Messico che volevano entrare in affari con me così formammo un'alleanza. Mi hanno aiutato a tirare fuori l'agenzia internazionale di traslochi per qualche altra settimana prima che finalmente lasciassimo.
Li ho aiutati a immigrare illegalmente in Florida con me. Mi hanno aiutato a creare il posto perfetto.


Aspettare …. Sto andando troppo avanti rispetto a me stesso. Gratta tutto quello che hai appena letto e torniamo ai miei anni del liceo…..

Sono cresciuto in Florida per tutto il tempo che potevo ricordare. Ricordo di essere andato sulle spiagge di sabbia bianca del Golfo e di aver trascorso del tempo a Disney World. Ma poco dopo il mio nono compleanno, mia madre iniziò ad ammalarsi gravemente perché era una drogata. Alla mia giovane età, non apprezzavo quello che faceva mia madre, sapevo sempre quali droghe prendeva perché non avrebbe mai potuto superare in astuzia suo figlio. Dopo circa due anni di andirivieni dall'ospedale, alla fine è morta, serenamente.
Penso che la morte di mia madre abbia davvero spinto mio padre verso le sue azioni malvagie. Ha iniziato a odiare le donne, specialmente le giovani donne. Mi picchiava fino a farmi perdere i sensi e mi diceva quanto sono inutile. Non mi sono mai piaciute le percosse, ma l'ho presa da uomo perché è quello che mi ha detto di fare. Ricordo che una mattina mi sono svegliato e mi è stato detto che non sarei più andato alla scuola pubblica perché ero troppo intelligente. Avevo 12 anni e già frequentavo la prima media, due classi in più del normale.
Ha iniziato a lavorare più spesso nel seminterrato della sua villa. Mi ha detto che non avrei mai dovuto andare laggiù perché quello era "Il lavoro segreto di papà" che mi avrebbe mostrato quando fossi più grande. Mi disse che avrebbe avuto un regalo speciale per me quando sarei potuta andare laggiù. Non pensava che io sapessi cosa stesse facendo laggiù. Ma l'ho fatto. Potevo sentire le continue urla, e detti diversi e il suono di una pistola che sparava e si ricaricava.
Quando avevo 13 anni, mio ​​padre pensava che fossi maturo per gestire quello che c'era nel suo seminterrato segreto, anche se sapevo già cosa stava succedendo. Mi ha portato al piano di sotto e mi ha mostrato in giro. Ed è allora che ho scoperto esattamente cosa stava succedendo. Lì, su un tavolo di legno, c'era una ragazza che ho riconosciuto della mia scuola. Una piccola stronza se me lo chiedi. E a quel punto, mi ha detto di violentarla. Ero totalmente contrario all'idea, ma ha minacciato di uccidermi se non l'avessi fatto. Così ho violentato la ragazza, pompando il mio primo carico di sperma nella sua piccola figa.
Dopo averla violentata circa sei volte tra me e mio padre, l'ha slegata e l'ha portata in macchina. Mi ha detto di entrare e che ci saremmo sbarazzati di lei. Ho seguito, ottenendo questo massimo massimo. Andammo al porto a circa 20 miglia di distanza. Mio padre prese in braccio la ragazza e la portò su una vecchia barca abbandonata. Non ha funzionato bene, ma ha funzionato abbastanza bene da portarci a circa 50 miglia nell'oceano. La parte peggiore era che eravamo in acque infestate da squali.
Ha adagiato la ragazza inerte sul letto della barca, riusciva a malapena a muoversi. Ha tirato fuori una pistola e le ha sparato solo alcuni colpi in testa, non ha emesso il suono normale della pistola. Era silenzioso. Poi ha tirato fuori un coltello e le ha tagliato la gola. Mi ha consegnato il coltello insanguinato. Mi ha detto di pugnalarla più volte in tutto il corpo in modo da far uscire più sangue. Quindi ho obbedito. E poi mio padre ha ricoperto il suo corpo di viscere di pesce, gettandola poi in acqua. Abbiamo guardato per 20 minuti e aspettato fino a quando quattro squali sono spuntati intorno al corpo delle ragazze. Ognuno ha afferrato una parte del corpo della ragazza e praticamente ha giocato con lei al tiro alla fune fino a quando non è stata fatta a pezzi, mangiata e ingoiata. Mi ha detto che è così che violenti, uccidi e ti sbarazzi di una ragazza.
Quindi mio padre ha continuato a fare questo suo piccolo affare fino a quando non è stato catturato dopo che avevo 16 anni. Non mi hanno arrestato per niente, anzi, pensavano che avrei avuto bisogno di consulenza. Quindi ho fatto finta di averlo fatto perché non volevo andare in prigione. Ma io mi ero già diplomato al liceo, non potevano mandarmi in una casa famiglia se mi fossi laureato legalmente. O almeno non l'hanno fatto se potevano. Mi sono iscritto al college a New York per diventare un dottore. Ho soggiornato nel campus in un dormitorio che condividevo con un mio amico "gay". Bei tempi, bei tempi.
Quindi, dopo essermi laureato con 4 anni di anticipo, ho saputo che mio padre sarebbe stato giustiziato tramite un trattamento d'urto. I suoi avvocati mi hanno ceduto la villa, che immagino i federali non abbiano mai trovato. Mi ha riportato alla mente vecchi ricordi. Alcuni buoni e alcuni cattivi. Ma per me, quei ricordi sono stati scambiati. I brutti ricordi erano in realtà i miei bei ricordi, e i bei ricordi erano in realtà i miei brutti ricordi.

Ora possiamo saltare al presente. Subito dopo aver ereditato la villa ……………………

"Sì, zia Hilda, starò benissimo" le ho detto al telefono "No, non credo che riporterà alla mente vecchi ricordi."
Mia zia Hilda era una tale verruca preoccupata. Quando ha saputo del mio trasferimento da New York in Florida, era molto preoccupata che avrebbe portato quei vecchi, terribili ricordi della mia infanzia.
“Ascolta, ora devo andare zia Hilda” dissi “Il mio volo parte tra un'ora. Ci sentiamo più tardi, va bene?"
Ho riattaccato mia zia e ho preso il mio bagaglio. Un volo di due ore dalla grande città di New York al piccolo villaggio sulla spiaggia di Sancun in Florida. Non c'erano molte persone a Sancun, ma era a soli 20 minuti di macchina da Miami, un posto importante per i turisti, per le vacanze di primavera e per le persone che vivevano lì. Naturalmente, se volessi, potrei guidare per cinque ore fino a Panama City oa Orlando. Ma chi voleva guidare così a lungo? Nessuno.
Dopo aver superato i controlli di sicurezza e essermi imbarcato sul mio volo, ho salutato il trambusto di New York e ho salutato le tranquille strade di Sancun. C'erano forse 6.000 persone che vivevano in questa piccola città. Molte case erano proprio sulla spiaggia.
Sancun aveva il proprio negozio di alimentari locale chiamato Mark's, un garage per riparare le auto e alcuni fast-food. Avevano anche questa vecchia tavola calda di proprietà di Betsy Ross, che non è imparentata con la Betsy Ross nei libri di storia, che chiamò la sua tavola calda "The All-American Diner". Era una signora gentile, sulla sessantina, e il cibo andava bene, immagino. Avevano tutti i normali "fixin" come li chiamava Betsy.
Se guidassi per circa 10 miglia a sud, a circa metà strada da Miami, troverai John Boone, sua moglie GiGi e la loro figlia di 16 anni, Penny. Erano una semplice famiglia che viveva in una fattoria, allevava cavalli e pecore Appaloosa e giurava di non avere mai contatti con il "mondo esterno", ovvero Miami. Ora Penny, oh ragazzo, così tante parole per descrivere Penny. Era bellissima con i suoi capelli biondi che portava sempre di lato quando si prendeva cura dei cavalli. Era circa 5'1 e forse 100 libbre.


L'ingresso alla villa di mio padre era protetto da un grande cancello argentato e da un recinto elettrico che circondava tutta la proprietà. Era abbastanza alto da impedire alle persone di arrampicarsi, ma non abbastanza alto da destare sospetti. Una stradina sterrata conduceva alla villa in pietra di mio padre. Sul retro c'era un fienile con un'area recintata per il cavallo. Probabilmente avrei preso un cavallo più tardi.
Quando hai aperto la grande porta di legno, la prima stanza che hai visto è stata l'atrio. Un lampadario d'argento pendeva a pochi metri dal soffitto. Le scale di mogano conducevano al secondo piano. Un armadio era sotto le scale, con un pannello segreto nel seminterrato. Se giri a sinistra, hai una piccola sala riunioni. Alla tua destra c'è la sala da pranzo. Ora scendiamo nel seminterrato perché questa è la parte che vuoi davvero conoscere, non è vero?
L'intero seminterrato è stato lapidato. C'era un lungo corridoio con quattro celle di prigione, due per lato. Ognuno era contro il muro e aveva delle catene sul muro per tenere ferme le ragazze. Scendi qualche gradino e sarai nella mia camera di tortura principale. Dotato di un lettino king-size/ostetrico/ginnico con cinghie in pelle per tenere giù le ragazze. Delle corde pendevano dal soffitto per permettermi di allungare le ragazze in diverse posizioni. Su una parete c'era una collezione di sex toys. Dai dildo ai vibratori a molte cose. E sull'altra parete c'era un mucchio di fruste, pagaie e roba del genere. Avevo anche un armadio pieno di altre cose come il tatuaggio e le forniture mediche.

"C'è qualcuno qui?" Ho urlato.
Ero alla Boone Farm, nella speranza di comprare uno stallone Appaloosa. Le macchine erano sparite, il che è piuttosto raro, ma speravo che ci fosse qualcuno a casa.
"Ciao?" Ho urlato.
Mi sono diretto verso la stalla quando ho sentito la voce di Penny. Sono entrato e l'ho vista in pantaloncini attillati e un top tagliato. Aveva i capelli raccolti in trecce e stava versando acqua in uno dei secchi del cavallo.
"Centesimo?"
Lei sobbalzò, sembrando scioccata. "Sig. Tommaso?"
"Sto cercando i tuoi genitori, sono a casa?" ho chiesto.
"N-no, non torneranno a casa per un'altra ora o giù di lì", ha detto Penny.
Mi avvicinai a lei. "Hai dei bei stalloni qui."
Penny accarezzò il cavallo maschio sul fianco. “Sì, questo è il vecchio Bruto. Sono cresciuto intorno a lui. Ha prodotto dei buoni puledri.
«Quindi è un allevatore?» chiesi.
"Sì, signore, lo è" disse Penny. Si frugò nella tasca posteriore e afferrò il telefono. "Mi scusi, devo prendere questo."
È scomparsa fuori dalla stalla e ho visto il suo culo dimenarsi. Mi sono avvicinato alle porte della stalla per sentirla parlare.
"No Alisha, non posso venire in questo momento", ha detto "Un vicino è qui. È un po' ombroso ma è piuttosto carino. NO! Ha 21 anni, Alisha, riprenditi! Shh, non voglio che nessuno lo sappia. Comunque, ci sentiamo più tardi.
L'ho guardata mentre tornava nella stalla, il culo che si dimenava e le tette che ondeggiavano avanti e indietro. Non ho potuto fare a meno di fissarlo.
«Allora, dov'eravamo?», chiese Penny.
Le afferrai il braccio e glielo girai. "Ssh Penny, va tutto bene."
"Per favore, lasciami andare" gridò "Fa male!"
Ho sentito la ghiaia scalciare. Con una salda presa su Penny, guardai i suoi genitori percorrere il vialetto con il loro pick-up rosso. John scese dal pick-up e si diresse verso la stalla. Ho gettato Penny in una stalla e ho preso una pistola stordente dalla tasca. Mi accovacciai in una stalla e aspettai che John passasse. Quando lo ha fatto, mi sono alzato rapidamente e l'ho stordito finché non è caduto a terra.
"Papà!" urlò Penny.
Saltò in piedi e corse da suo padre. L'ho afferrata per un braccio e l'ho trascinata verso casa.
"Per favore, smettila, per favore!" implorò.
Continuai comunque a trascinarla fino a casa finché non vidi sua madre. Ho lasciato Penny a terra e sono entrata. Mi sono tranquillamente messo alle spalle di Gigi e l'ho stordita finché non è caduta a terra. Ho preso due sedie da cucina. Legai Gigi a una sedia della cucina e le infilai in bocca uno strofinaccio. Sono tornato in cortile e ho beccato Penny che cercava di scappare. L'ho stordita rapidamente finché anche lei è caduta a terra. Sarebbe rimasta paralizzata solo per pochi minuti, quindi ho dovuto muovermi velocemente per far entrare suo padre in casa e legarlo a una sedia e poi farla entrare in modo che i suoi genitori potessero godersi lo spettacolo.
In modo rapido e ordinato, l'ho fatto. Quando i suoi genitori si sono ripresi, stavano borbottando attraverso i loro bavagli. Avevo il piede sullo stomaco di Penny e lei stava urlando un sanguinoso omicidio.
“Ragazzi, siete venuti a godervi lo spettacolo, vero?” chiesi ridendo “Vostra figlia è così innocente. Sapevi che stava facendo dei pompini ai tuoi stalloni per esibirsi meglio? Una così piccola sgualdrina. Sarà il mio cumbucket e voi ragazzi guarderete.
Ho tolto i vestiti di Penny e ho rivelato la sua figa rasata. Leccai sopra la sua figa e gemetti.
"Hai un sapore così dolce, piccola" dissi.
"Io-io non sono il tuo bambino", ha detto.
Le ho schiaffeggiato il viso. “La quantità di dolore che sentirai ora non sarà nemmeno vicina a quella che sentirai dopo. Sei vergine?"
Lei annuì e io risi un po'.
"Vediamo, cosa possiamo usare?" Ho riflettuto.
Ho cercato in cucina ciò di cui avevo bisogno e l'ho trovato. Tornai da Penny. Le ho mostrato l'oggetto.
"Immagina questo come un pre-test fino alla pura tortura successiva."
Ho spinto l'oggetto nella sua piccola figa, facendo scoppiare la sua ciliegia. Ha urlato in agonia quando ho quasi colpito il suo grembo con questo oggetto da cucina.
"Come ci si sente?", ho chiesto.
"P-P-Per favore, tiralo fuori!" urlò.
Mi rivolsi ai genitori che scuotevano violentemente la testa.
“Ti stai godendo questo spettacolo, vero? Immagina cosa sperimenterà più tardi! "Ho detto, ridendo."
Ho spinto l'oggetto dentro e fuori dalla sua figa fino a quando non riusciva più a respirare. Tuttavia, non aveva sperimentato un orgasmo. Ho immaginato che fosse una di quelle donne capaci di spegnere il proprio corpo se venivano stuprate. Tirai fuori l'oggetto e lo gettai da parte.
"Va bene puttana, la tortura di oggi è finita" dissi. L'ho presa per un braccio e ho avvolto il mio braccio attorno al suo corpo nudo. Ho tirato fuori una pistola e l'ho puntata contro i suoi genitori. "Sei pronto per questo?"
“Per favore, non ucciderli! Farò qualsiasi cosa! Lo giuro!», urlò.
Ho sparato due colpi a ciascun genitore. La mia pistola non era registrata, quindi l'ho ripulita e l'ho scaricata.
“Se avevi intenzione di fare qualcosa, avresti dovuto farlo subito e lì” dissi “Ma non l'hai fatto così li ho uccisi. E ora sei il mio cumbucket e mi godrò finché non mi sbarazzerò di te.
Ho preso Penny in spalla e l'ho portata al mio camion. L'ho gettata sul lato del passeggero e sono salito al posto di guida. Le palpai una delle tette mentre mi dirigevo verso la mia villa.
"Ci divertiremo così tanto, Penny" dissi.

Storie simili

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

649 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

582 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.4K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.