Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

1KReport
Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo


Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare.
Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di esseri umani e ascoltare le storie delle vittime mi rendeva duro. E poi mio padre è morto. Era un uomo piuttosto ricco, suppongo. Aveva una bella e grande villa in Florida che mi ha donato nel suo testamento. Era piuttosto grande con un ampio seminterrato.
Anche se trasferirmi dalla mia New York alla Florida è stato piuttosto difficile, ho imparato ad adattarmi. Ho preso la mia licenza di pilota e ho comprato un aereo privato. Sono stato autorizzato dagli agenti di frontiera degli Stati Uniti affermando di essere un'agenzia di traslochi internazionale solo per poter attraversare il confine. Ho mentito e ho detto loro che ero un US Navy Seal riprovato. Ho anche detto loro che ho fatto tutte le mie autorizzazioni. Se trovassi qualcosa di sospetto prima del mio volo (come droghe o altre cose illegali), segnalerei il cliente agli agenti di frontiera degli Stati Uniti. E credevano a ogni parola. Tuttavia ho dovuto dire loro da dove stavo volando e dove e quando. E io ero completamente d'accordo con quello.
Ho finto di essere l'agenzia internazionale di traslochi per alcuni mesi, guadagnando circa $ 6.000 a settimana a seconda di quanto trasportavo. Quei soldi hanno contribuito a ripagare il resto della villa. Durante quel periodo, riuscii a farmi degli amici in Messico che volevano entrare in affari con me così formammo un'alleanza. Mi hanno aiutato a tirare fuori l'agenzia internazionale di traslochi per qualche altra settimana prima che finalmente lasciassimo.
Li ho aiutati a immigrare illegalmente in Florida con me. Mi hanno aiutato a creare il posto perfetto.


Aspettare …. Sto andando troppo avanti rispetto a me stesso. Gratta tutto quello che hai appena letto e torniamo ai miei anni del liceo…..

Sono cresciuto in Florida per tutto il tempo che potevo ricordare. Ricordo di essere andato sulle spiagge di sabbia bianca del Golfo e di aver trascorso del tempo a Disney World. Ma poco dopo il mio nono compleanno, mia madre iniziò ad ammalarsi gravemente perché era una drogata. Alla mia giovane età, non apprezzavo quello che faceva mia madre, sapevo sempre quali droghe prendeva perché non avrebbe mai potuto superare in astuzia suo figlio. Dopo circa due anni di andirivieni dall'ospedale, alla fine è morta, serenamente.
Penso che la morte di mia madre abbia davvero spinto mio padre verso le sue azioni malvagie. Ha iniziato a odiare le donne, specialmente le giovani donne. Mi picchiava fino a farmi perdere i sensi e mi diceva quanto sono inutile. Non mi sono mai piaciute le percosse, ma l'ho presa da uomo perché è quello che mi ha detto di fare. Ricordo che una mattina mi sono svegliato e mi è stato detto che non sarei più andato alla scuola pubblica perché ero troppo intelligente. Avevo 12 anni e già frequentavo la prima media, due classi in più del normale.
Ha iniziato a lavorare più spesso nel seminterrato della sua villa. Mi ha detto che non avrei mai dovuto andare laggiù perché quello era "Il lavoro segreto di papà" che mi avrebbe mostrato quando fossi più grande. Mi disse che avrebbe avuto un regalo speciale per me quando sarei potuta andare laggiù. Non pensava che io sapessi cosa stesse facendo laggiù. Ma l'ho fatto. Potevo sentire le continue urla, e detti diversi e il suono di una pistola che sparava e si ricaricava.
Quando avevo 13 anni, mio ​​padre pensava che fossi maturo per gestire quello che c'era nel suo seminterrato segreto, anche se sapevo già cosa stava succedendo. Mi ha portato al piano di sotto e mi ha mostrato in giro. Ed è allora che ho scoperto esattamente cosa stava succedendo. Lì, su un tavolo di legno, c'era una ragazza che ho riconosciuto della mia scuola. Una piccola stronza se me lo chiedi. E a quel punto, mi ha detto di violentarla. Ero totalmente contrario all'idea, ma ha minacciato di uccidermi se non l'avessi fatto. Così ho violentato la ragazza, pompando il mio primo carico di sperma nella sua piccola figa.
Dopo averla violentata circa sei volte tra me e mio padre, l'ha slegata e l'ha portata in macchina. Mi ha detto di entrare e che ci saremmo sbarazzati di lei. Ho seguito, ottenendo questo massimo massimo. Andammo al porto a circa 20 miglia di distanza. Mio padre prese in braccio la ragazza e la portò su una vecchia barca abbandonata. Non ha funzionato bene, ma ha funzionato abbastanza bene da portarci a circa 50 miglia nell'oceano. La parte peggiore era che eravamo in acque infestate da squali.
Ha adagiato la ragazza inerte sul letto della barca, riusciva a malapena a muoversi. Ha tirato fuori una pistola e le ha sparato solo alcuni colpi in testa, non ha emesso il suono normale della pistola. Era silenzioso. Poi ha tirato fuori un coltello e le ha tagliato la gola. Mi ha consegnato il coltello insanguinato. Mi ha detto di pugnalarla più volte in tutto il corpo in modo da far uscire più sangue. Quindi ho obbedito. E poi mio padre ha ricoperto il suo corpo di viscere di pesce, gettandola poi in acqua. Abbiamo guardato per 20 minuti e aspettato fino a quando quattro squali sono spuntati intorno al corpo delle ragazze. Ognuno ha afferrato una parte del corpo della ragazza e praticamente ha giocato con lei al tiro alla fune fino a quando non è stata fatta a pezzi, mangiata e ingoiata. Mi ha detto che è così che violenti, uccidi e ti sbarazzi di una ragazza.
Quindi mio padre ha continuato a fare questo suo piccolo affare fino a quando non è stato catturato dopo che avevo 16 anni. Non mi hanno arrestato per niente, anzi, pensavano che avrei avuto bisogno di consulenza. Quindi ho fatto finta di averlo fatto perché non volevo andare in prigione. Ma io mi ero già diplomato al liceo, non potevano mandarmi in una casa famiglia se mi fossi laureato legalmente. O almeno non l'hanno fatto se potevano. Mi sono iscritto al college a New York per diventare un dottore. Ho soggiornato nel campus in un dormitorio che condividevo con un mio amico "gay". Bei tempi, bei tempi.
Quindi, dopo essermi laureato con 4 anni di anticipo, ho saputo che mio padre sarebbe stato giustiziato tramite un trattamento d'urto. I suoi avvocati mi hanno ceduto la villa, che immagino i federali non abbiano mai trovato. Mi ha riportato alla mente vecchi ricordi. Alcuni buoni e alcuni cattivi. Ma per me, quei ricordi sono stati scambiati. I brutti ricordi erano in realtà i miei bei ricordi, e i bei ricordi erano in realtà i miei brutti ricordi.

Ora possiamo saltare al presente. Subito dopo aver ereditato la villa ……………………

"Sì, zia Hilda, starò benissimo" le ho detto al telefono "No, non credo che riporterà alla mente vecchi ricordi."
Mia zia Hilda era una tale verruca preoccupata. Quando ha saputo del mio trasferimento da New York in Florida, era molto preoccupata che avrebbe portato quei vecchi, terribili ricordi della mia infanzia.
“Ascolta, ora devo andare zia Hilda” dissi “Il mio volo parte tra un'ora. Ci sentiamo più tardi, va bene?"
Ho riattaccato mia zia e ho preso il mio bagaglio. Un volo di due ore dalla grande città di New York al piccolo villaggio sulla spiaggia di Sancun in Florida. Non c'erano molte persone a Sancun, ma era a soli 20 minuti di macchina da Miami, un posto importante per i turisti, per le vacanze di primavera e per le persone che vivevano lì. Naturalmente, se volessi, potrei guidare per cinque ore fino a Panama City oa Orlando. Ma chi voleva guidare così a lungo? Nessuno.
Dopo aver superato i controlli di sicurezza e essermi imbarcato sul mio volo, ho salutato il trambusto di New York e ho salutato le tranquille strade di Sancun. C'erano forse 6.000 persone che vivevano in questa piccola città. Molte case erano proprio sulla spiaggia.
Sancun aveva il proprio negozio di alimentari locale chiamato Mark's, un garage per riparare le auto e alcuni fast-food. Avevano anche questa vecchia tavola calda di proprietà di Betsy Ross, che non è imparentata con la Betsy Ross nei libri di storia, che chiamò la sua tavola calda "The All-American Diner". Era una signora gentile, sulla sessantina, e il cibo andava bene, immagino. Avevano tutti i normali "fixin" come li chiamava Betsy.
Se guidassi per circa 10 miglia a sud, a circa metà strada da Miami, troverai John Boone, sua moglie GiGi e la loro figlia di 16 anni, Penny. Erano una semplice famiglia che viveva in una fattoria, allevava cavalli e pecore Appaloosa e giurava di non avere mai contatti con il "mondo esterno", ovvero Miami. Ora Penny, oh ragazzo, così tante parole per descrivere Penny. Era bellissima con i suoi capelli biondi che portava sempre di lato quando si prendeva cura dei cavalli. Era circa 5'1 e forse 100 libbre.


L'ingresso alla villa di mio padre era protetto da un grande cancello argentato e da un recinto elettrico che circondava tutta la proprietà. Era abbastanza alto da impedire alle persone di arrampicarsi, ma non abbastanza alto da destare sospetti. Una stradina sterrata conduceva alla villa in pietra di mio padre. Sul retro c'era un fienile con un'area recintata per il cavallo. Probabilmente avrei preso un cavallo più tardi.
Quando hai aperto la grande porta di legno, la prima stanza che hai visto è stata l'atrio. Un lampadario d'argento pendeva a pochi metri dal soffitto. Le scale di mogano conducevano al secondo piano. Un armadio era sotto le scale, con un pannello segreto nel seminterrato. Se giri a sinistra, hai una piccola sala riunioni. Alla tua destra c'è la sala da pranzo. Ora scendiamo nel seminterrato perché questa è la parte che vuoi davvero conoscere, non è vero?
L'intero seminterrato è stato lapidato. C'era un lungo corridoio con quattro celle di prigione, due per lato. Ognuno era contro il muro e aveva delle catene sul muro per tenere ferme le ragazze. Scendi qualche gradino e sarai nella mia camera di tortura principale. Dotato di un lettino king-size/ostetrico/ginnico con cinghie in pelle per tenere giù le ragazze. Delle corde pendevano dal soffitto per permettermi di allungare le ragazze in diverse posizioni. Su una parete c'era una collezione di sex toys. Dai dildo ai vibratori a molte cose. E sull'altra parete c'era un mucchio di fruste, pagaie e roba del genere. Avevo anche un armadio pieno di altre cose come il tatuaggio e le forniture mediche.

"C'è qualcuno qui?" Ho urlato.
Ero alla Boone Farm, nella speranza di comprare uno stallone Appaloosa. Le macchine erano sparite, il che è piuttosto raro, ma speravo che ci fosse qualcuno a casa.
"Ciao?" Ho urlato.
Mi sono diretto verso la stalla quando ho sentito la voce di Penny. Sono entrato e l'ho vista in pantaloncini attillati e un top tagliato. Aveva i capelli raccolti in trecce e stava versando acqua in uno dei secchi del cavallo.
"Centesimo?"
Lei sobbalzò, sembrando scioccata. "Sig. Tommaso?"
"Sto cercando i tuoi genitori, sono a casa?" ho chiesto.
"N-no, non torneranno a casa per un'altra ora o giù di lì", ha detto Penny.
Mi avvicinai a lei. "Hai dei bei stalloni qui."
Penny accarezzò il cavallo maschio sul fianco. “Sì, questo è il vecchio Bruto. Sono cresciuto intorno a lui. Ha prodotto dei buoni puledri.
«Quindi è un allevatore?» chiesi.
"Sì, signore, lo è" disse Penny. Si frugò nella tasca posteriore e afferrò il telefono. "Mi scusi, devo prendere questo."
È scomparsa fuori dalla stalla e ho visto il suo culo dimenarsi. Mi sono avvicinato alle porte della stalla per sentirla parlare.
"No Alisha, non posso venire in questo momento", ha detto "Un vicino è qui. È un po' ombroso ma è piuttosto carino. NO! Ha 21 anni, Alisha, riprenditi! Shh, non voglio che nessuno lo sappia. Comunque, ci sentiamo più tardi.
L'ho guardata mentre tornava nella stalla, il culo che si dimenava e le tette che ondeggiavano avanti e indietro. Non ho potuto fare a meno di fissarlo.
«Allora, dov'eravamo?», chiese Penny.
Le afferrai il braccio e glielo girai. "Ssh Penny, va tutto bene."
"Per favore, lasciami andare" gridò "Fa male!"
Ho sentito la ghiaia scalciare. Con una salda presa su Penny, guardai i suoi genitori percorrere il vialetto con il loro pick-up rosso. John scese dal pick-up e si diresse verso la stalla. Ho gettato Penny in una stalla e ho preso una pistola stordente dalla tasca. Mi accovacciai in una stalla e aspettai che John passasse. Quando lo ha fatto, mi sono alzato rapidamente e l'ho stordito finché non è caduto a terra.
"Papà!" urlò Penny.
Saltò in piedi e corse da suo padre. L'ho afferrata per un braccio e l'ho trascinata verso casa.
"Per favore, smettila, per favore!" implorò.
Continuai comunque a trascinarla fino a casa finché non vidi sua madre. Ho lasciato Penny a terra e sono entrata. Mi sono tranquillamente messo alle spalle di Gigi e l'ho stordita finché non è caduta a terra. Ho preso due sedie da cucina. Legai Gigi a una sedia della cucina e le infilai in bocca uno strofinaccio. Sono tornato in cortile e ho beccato Penny che cercava di scappare. L'ho stordita rapidamente finché anche lei è caduta a terra. Sarebbe rimasta paralizzata solo per pochi minuti, quindi ho dovuto muovermi velocemente per far entrare suo padre in casa e legarlo a una sedia e poi farla entrare in modo che i suoi genitori potessero godersi lo spettacolo.
In modo rapido e ordinato, l'ho fatto. Quando i suoi genitori si sono ripresi, stavano borbottando attraverso i loro bavagli. Avevo il piede sullo stomaco di Penny e lei stava urlando un sanguinoso omicidio.
“Ragazzi, siete venuti a godervi lo spettacolo, vero?” chiesi ridendo “Vostra figlia è così innocente. Sapevi che stava facendo dei pompini ai tuoi stalloni per esibirsi meglio? Una così piccola sgualdrina. Sarà il mio cumbucket e voi ragazzi guarderete.
Ho tolto i vestiti di Penny e ho rivelato la sua figa rasata. Leccai sopra la sua figa e gemetti.
"Hai un sapore così dolce, piccola" dissi.
"Io-io non sono il tuo bambino", ha detto.
Le ho schiaffeggiato il viso. “La quantità di dolore che sentirai ora non sarà nemmeno vicina a quella che sentirai dopo. Sei vergine?"
Lei annuì e io risi un po'.
"Vediamo, cosa possiamo usare?" Ho riflettuto.
Ho cercato in cucina ciò di cui avevo bisogno e l'ho trovato. Tornai da Penny. Le ho mostrato l'oggetto.
"Immagina questo come un pre-test fino alla pura tortura successiva."
Ho spinto l'oggetto nella sua piccola figa, facendo scoppiare la sua ciliegia. Ha urlato in agonia quando ho quasi colpito il suo grembo con questo oggetto da cucina.
"Come ci si sente?", ho chiesto.
"P-P-Per favore, tiralo fuori!" urlò.
Mi rivolsi ai genitori che scuotevano violentemente la testa.
“Ti stai godendo questo spettacolo, vero? Immagina cosa sperimenterà più tardi! "Ho detto, ridendo."
Ho spinto l'oggetto dentro e fuori dalla sua figa fino a quando non riusciva più a respirare. Tuttavia, non aveva sperimentato un orgasmo. Ho immaginato che fosse una di quelle donne capaci di spegnere il proprio corpo se venivano stuprate. Tirai fuori l'oggetto e lo gettai da parte.
"Va bene puttana, la tortura di oggi è finita" dissi. L'ho presa per un braccio e ho avvolto il mio braccio attorno al suo corpo nudo. Ho tirato fuori una pistola e l'ho puntata contro i suoi genitori. "Sei pronto per questo?"
“Per favore, non ucciderli! Farò qualsiasi cosa! Lo giuro!», urlò.
Ho sparato due colpi a ciascun genitore. La mia pistola non era registrata, quindi l'ho ripulita e l'ho scaricata.
“Se avevi intenzione di fare qualcosa, avresti dovuto farlo subito e lì” dissi “Ma non l'hai fatto così li ho uccisi. E ora sei il mio cumbucket e mi godrò finché non mi sbarazzerò di te.
Ho preso Penny in spalla e l'ho portata al mio camion. L'ho gettata sul lato del passeggero e sono salito al posto di guida. Le palpai una delle tette mentre mi dirigevo verso la mia villa.
"Ci divertiremo così tanto, Penny" dissi.

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.