Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

1.3KReport
Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie!

A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa.

Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto.

Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia, quindi se fai clic su di essa e poi leggi l'intera dannata cosa, ehi, hai fatto clic su di essa! Ti ha interessato abbastanza dal titolo per fare clic su di esso, quindi, in un certo senso, resto su questo punto.

Invece di inveire in modo negativo, se hai un'idea migliore per una (storia simile o compatibile) degna che io la scriva, fammelo sapere.
_____________________________________________________________________________________

In realtà mi piacerebbe sentire altri scrittori. Sono un autore pubblicato ma mi piace l'anonimato di XNXX dove posso scrivere storie più brevi, meno coinvolte e più malate e contorte di qualsiasi cosa scrivo per una visione pubblica nota.

Quindi, ancora una volta, per favore non lasciare commenti negativi, vota solo negativo e sii felice. Le critiche costruttive (guarda prima o potresti pentirtene!) sono accettabili, ma la tua opinione negativa obliqua NON è costruttiva, tienilo a mente!



Questo non è un forum, vai sui forum per inveire. Tutti i commenti che non riguardano direttamente la storia e che ritengo offensivi verranno rimossi o disattiverò tutti i commenti. Avevo sperato che questa sarebbe stata la comunità "accettante" che dovrebbe essere, con tutte le altre storie qui che sono 100 volte peggiori/grafiche/malate di qualsiasi cosa di cui sto scrivendo (che tra l'altro sono tutte FICTION, indipendentemente da i tag...quindi se sei uno di quelli che è tutto agitato (in modo negativo e negativo) e vuoi inveire contro le mie storie, um, odio far scoppiare la tua bolla di odio, ma non puoi odiare ciò che non lo è vero!!! Wow!! Che ne dici di un cliffhanger!!!

Fino alla prossima volta…

Bisessuale Jeff.









Ecco un esempio della mia scrittura "normale", comunque tu voglia classificare QUELLO! Questo è un estratto da un romanzo ancora inedito, nelle opere che sto scrivendo. Se qualcuno viene da me a una firma autografa e mi sussurra di firmare il libro per "XNXX", quello sarà il nostro piccolo segnale e TU riceverai una copia autografata gratuita del libro da cui proviene questo estratto!


Divertiti....



********************questa è una delle mie prime modifiche originali, la storia è leggermente diversa ma non posso inserire qui la storia ESATTA e poi pubblicarla in un secondo momento , quindi sono state apportate alcune piccole modifiche*****************





Jack camminava spesso su e giù per la spiaggia, per lo più tenendosi per sé, ma a volte si impegnava in una conversazione con i passanti o con il bagnino seduto appollaiato sul loro stand. Si divertiva a vederli allenarsi in primavera per i compiti di bagnino. Ogni anno i potenziali bagnini dovevano provare per la squadra, proprio come in qualsiasi sport organizzato. Ogni anno c'erano le stesse vecchie facce familiari che provavano, ma ogni tanto emergeva una nuova faccia nel gruppo che cercava di conquistare un posto piuttosto ambito nella squadra.

Non ha parlato molto, ma Jack ha ascoltato molto. A volte ascoltava conversazioni familiari, due amanti sdraiati su una coperta che si scambiavano complimenti tra un bacio e l'altro.

Quando il tramonto e la folla si disperdevano e tornavano a casa o in albergo o dovunque si posassero la notte, Jack andava a fare una passeggiata, poi tornava a casa e scriveva. Era stato uno scrittore di discreto successo e un editorialista diventato editore e aveva iniziato e smesso di scrivere il romanzo perfetto diverse volte. Aveva bisogno del conforto e del silenzio della notte per scavare davvero e trovare il suo ritmo nella scrittura.

Affrontava racconti e libri brevi con relativa facilità, ma era l'inafferrabile romanzo a figura intera che sembrava sfuggirgli come un ladro inseguito dalle autorità. Si chiese, era lui il ladro o le autorità? A volte si sentiva entrambi, la sua scrittura sembrava come se stesse correndo, ma stava correndo verso qualcosa o lontano da esso? Altre volte si sentiva molto inseguito, inseguendo la sua scrittura in trattini esasperanti, cercando di annotare ogni pensiero nella sua mente prima che gli sfuggisse.

-------------------------(il prossimo estratto non è in linea con quanto sopra, quindi potrebbe non scorrere altrettanto bene-------- ------



Gli odori sulla spiaggia erano a dir poco grandiosi. La freschezza dell'aria dell'oceano e il profumo della crema solare permeavano l'aria ogni giorno. A volte, quando c'era il vento giusto, da una delle case sulla spiaggia si sentiva il debole odore di una griglia a carbone. Era una sinfonia di aromi, che andavano e venivano, cambiando con il soffio della brezza.

Ogni giorno era uguale per Jack. Le ore diurne trascorse in spiaggia o passeggiando da soli sul lungomare passando per i vari negozi e alberghi che si affollavano lungo il viale principale. Quando si cammina qui, è stata una sensazione completamente diversa, soprattutto gli odori. Il profumo meraviglioso delle bistecche in cottura o dei frutti di mare preparati o l'odore della pasta fritta fresca offerta in vendita sul lungomare lungo un miglio erano alcuni degli aromi più piacevoli intorno. Nei fine settimana, quando sempre più persone affollavano la spiaggia e i bar e i ristoranti locali, l'odore assumeva un odore meno gradevole e più pungente di cibo buttato via, birra che indugiava nelle bottiglie di birra e la sporcizia generale delle strade dopo migliaia e migliaia di persone era venuta per fare il pieno.

Nei fine settimana la sala da ballo aveva musica dal vivo e balli, così come occasionalmente un noto artista veniva in città e metteva in scena uno spettacolo. Il palco dell'orchestra all'aperto aveva musica dal vivo, per lo più vecchietti che si rivolgevano alla folla geriatrica che cercava intrattenimento serale durante l'estate.

Tutte queste cose hanno fatto esplodere i sensi di Jack giorno dopo giorno. Per la maggior parte gli piacevano, ma avevano sicuramente l'aria di essere stagionali, di durare solo poco tempo, quindi a volte sembravano opprimenti. Come se gli stessi odori stessero cercando di entrare il più possibile prima che il tepore estivo svanisse.

Ogni notte, dopo aver passeggiato sul lungomare, Jack tornava al suo piccolo cottage e scriveva. Ogni notte iniziava sedendosi e fissando il suo laptop, uno sguardo vuoto sul viso, incerto su cosa scrivere. Faceva solo un respiro profondo e scriveva quella importantissima prima frase della giornata. Una volta che l'ha scritto, è arrivato il paragrafo e poi il capitolo. Sapeva di poterlo scrivere, e sapeva che l'avrebbe fatto, era solo la piccola fitta di angoscia che ogni scrittore affrontava quando si sedeva per scrivere.

Jack scriveva spesso fino alle tre o alle quattro del mattino. La quiete della notte si prestava alla produttività per lui e gli piaceva; alzarsi quando la maggior parte degli altri dormiva. Nemmeno lui ha dormito tutto il giorno, come se qualcuno pensasse a lui. Il più delle volte si alzava alle otto, anche quando andava a dormire alle quattro del mattino. Il sonno non era qualcosa che gli veniva comunque molto facilmente, quindi ha capito perché agitarsi se non sarebbe successo. Dormiva quando era stanco, a volte faceva un sonnellino durante la parte calda e pigra della giornata.

Quando era sulla spiaggia e si stendeva, dormiva di rado, anche quando sembrava che lo facesse. Stava ascoltando, i suoni dell'oceano, le persone e persino i gabbiani che si libravano in alto, cercando cibo dai turisti che gli davano volentieri croste di pane o da quei turisti che erano così sbadati da lasciare il loro cibo incustodito per più di un momento o due.

Quando Jack assisteva a un turista occasionalmente "scaricato" da un gabbiano, rifletteva su quanto fosse fortunato dopo tutti questi anni passati seduto sulla spiaggia a non essere mai stato cagato addosso da un gabbiano. Sembrava avere un accordo con loro, li avrebbe lasciati in pace e loro lo avrebbero lasciato in pace; tranne che in realtà non li ha lasciati soli, non proprio. Una volta alla settimana circa, la sera, quando il sole stava tramontando, scendeva in spiaggia dopo che la maggior parte dei turisti se n'era andata per la giornata e metteva loro del pane avanzato o del mangime per uccelli. È stata un'azione curiosa poiché Jack non amava particolarmente gli uccelli. Alcuni di loro erano molto carini, i loro corpi bianchi con le punte delle ali grigie o nere che si stagliavano contro il cielo blu. Altri avevano un aspetto piuttosto povero, macchie grigie e un aspetto piuttosto sgradevole. Supponeva che quelli fossero la feccia della comunità dei gabbiani.

Così andò avanti, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana fino alla fine della stagione estiva. Jack andava in spiaggia, si sedeva sulla sua sedia e guardava e ascoltava la folla. Camminava sul lungomare e ammirava i diversi panorami e suoni che offriva la sera, dopo il tramonto.

A volte si fermava in uno degli abbeveratoi locali per uno spuntino veloce se aveva fame o, il più delle volte, per un drink o due. Guardava qualunque cosa accadesse in televisione in quel momento; il più delle volte si trattava di un evento sportivo di un tipo o dell'altro. Accendeva una conversazione leggera con quelli a portata d'orecchio e talvolta si imbatteva in qualcuno della persuasione più dolce che lo immaginava e si verificava un po 'di flirt.

Amava le belle ragazze ma non gli piaceva l'idea di avere una relazione con loro. Sembrava troppo dispendioso in termini di tempo e drenante. La maggior parte delle persone che conosceva nelle relazioni o che erano sposate sembravano un po' senza vita, anche se erano felici. Sembrava che ci fosse sempre qualcosa a cui dovevi rinunciare o cedere e Jack non voleva niente di tutto ciò. Inoltre, era già stato lì e non gli andava bene, proprio come a volte le ragazze non gli andavano bene, ma non gli importava, si era goduto quello che gli piaceva e non aveva rimpianti. Era solo contento di non avere figli di cui preoccuparsi o che potessero preoccuparsi per lui.

Jack tornava a casa verso le undici circa di sera e si sedeva in veranda a rilassarsi un po' prima di cominciare a scrivere. Questo gli ha dato un po' di tempo per ritrovare la calma se avesse bevuto un po' e non avrebbe influito negativamente sulla sua scrittura. Non che pensasse che potesse essere migliore o peggiore con l'alcol, ma non si sapeva mai.

Quando l'estate è finita quest'anno, Jack pensava di aver quasi finito di scrivere la sua storia e quando le foglie sono passate dal verde alle sfumature dell'oro, del rosso e delle combinazioni intermedie, era pronto per inviare il suo manoscritto al suo agente. Era atteso da tempo, lo sapeva, erano tre mesi che schivava chiamate e messaggi del suo agente, ma la perfezione richiedeva tempo, come diceva spesso.

Jack ha scaricato il suo manoscritto su una chiavetta zip, l'ha gettato in una busta postale e l'ha portato all'ufficio postale locale per inviarlo al suo agente. Dalle sue azioni si sarebbe pensato che stesse semplicemente inviando una fattura o una lettera o qualcosa di banale, non un manoscritto che aveva impiegato così tanto tempo a scrivere.



------------------------un altro ex.----------------------- ------------------


Mentre leggeva il giornale, non poté fare a meno di ascoltare parte della conversazione intorno a lui. Una signora corpulenta seduta su una coperta più vicina a lui stava parlando con un'altra donna. I due si sedettero e frugarono in un sacchetto di patatine e sorseggiarono bottiglie d'acqua mentre parlavano. In mezzo c'era un libro, un romanzo, scritto da uno scrittore non molto famoso con un nome piuttosto famoso.

Jack sbirciò lentamente al di sopra del foglio, che frusciava dolcemente nella brezza. Il suo sguardo scese sul libro sulla coperta mentre le due donne continuavano a parlare.

"È un libro così bello Rita, devi leggerlo quando avrò finito", disse la donna a sinistra. "Giuro che è come se stesse scrivendo delle nostre vite o qualcosa del genere."

Jack sorrise e si appoggiò allo schienale della sedia, sollevando il giornale e dando un'occhiata al resto dell'elenco dei best seller della sezione letteraria. Ha letto dal numero uno, sperando di trovare il suo libro tra i primi dieci, ma non lo era; il suo cuore sprofondò per un momento. Continuò l'elenco e lì in bianco e nero c'era, al numero undici, "Life On The Beach". Riuscì a sorridere timidamente e chiuse il giornale. Lo riaprì, guardò il posto del suo romanzo al numero undici e sorrise di nuovo. Si allungò, si calò il cappello sul viso e si riposò al sole. Il calore della sabbia gli copriva i piedi mentre li faceva scorrere in profondità nella sabbia....



Aw, ed era così vicino alla fine! Ora non saprai cosa succede, e molte cose sono tralasciate e sto ancora scrivendo. Quindi vedi, scrivo altro che merda malata, quindi spero che ti piacciano entrambi....


Bisessuale Jeff.

Storie simili

Sperma medicina 4

Capitolo 4 Si prega di leggere i primi 3 capitoli Kellie fece del suo meglio per sembrare sconvolta mentre Kristin si precipitava alla porta principale dalla sua macchina. Kellie aprì la porta d'ingresso prima che Kristin avesse la possibilità di bussare. “Oh mio dio Kellie? Che cosa sta accadendo?! Hai chiamato i servizi di emergenza??”, disse frettolosamente Kristin mentre entrava in casa. Kellie notò che i suoi capelli erano ancora bagnati dalla doccia. Ha anche notato che era truccata, il che non era da lei a quest'ora della notte. Non ancora! Potremmo averne bisogno se non riusciamo a risolvere il problema...

1.4K I più visti

Likes 0

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.1K I più visti

Likes 1

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito. Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio. Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro...

1.1K I più visti

Likes 0

Intrufolarsi negli spogliatoi

Ho scritto questa storia per il mio amico, che è menzionato ovviamente. È finzione e poiché io stesso non sono uno scrittore, non è di grande qualità dal punto di vista di uno scrittore. Spero che la storia stessa sia piacevole per tutti coloro che la leggono. -----*****---------- Seduto sugli spalti, a guardarti mentre giochi. Continuo a fissare il tuo culetto stretto in quei pantaloncini di spandex e la mia bocca, e l'inguine inizia a lacrimare. Mi sforzo così tanto di non toccarmi di fronte a tutte queste persone, sapendo cosa ti farò dopo. Continuo ad accavallare e divaricare le gambe...

983 I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

964 I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.