Lucio

1KReport
Lucio

Sono una mamma single di soli 31 anni. Ho avuto mio figlio quando ero giovane, rendendolo ora un uomo di 18 anni. Essendo single, i tempi erano duri per noi, ho dovuto fare due lavori principalmente per sostenerci anche nelle peggiori condizioni. Vivevamo di stipendio in stipendio finché un fatidico giorno ho ricevuto una lettera dall'avvocato della mia prozia. La mia prozia purtroppo era morta nel sonno solo una settimana prima. Venivo contattato per riscuotere un'eredità che mia zia aveva accantonato per me. Sono rimasto sbalordito dall'importo che ora era legalmente mio. È stato sufficiente per mandare Chris a scuola e per farmi rilassare senza dovermi preoccupare delle finanze. Insieme al denaro, Chris e io avevamo diritto anche a una casa di buone dimensioni che lei aveva costruito da zero quando era giovane. Erano a pochi stati di distanza, ma Chris era entusiasta di trasferirsi e non troppo turbato dal dover lasciare i suoi amici e la sua vita alle spalle.

Abbiamo fatto le valigie velocemente, per tutto il tempo estasiati e scherzando tra di noi. Sentivamo che il nostro momento era finalmente arrivato. Non sarà più necessario fare due lavori o trasferirsi da un appartamento economico a un appartamento ancora più economico. Finalmente la nostra vita può iniziare. Abbiamo preso il treno poiché non possedevamo un'auto, ero pronto ad acquistarne una quando ci fossimo sistemati e avessimo avuto il nostro nuovo indirizzo. Il viaggio è stato veloce e lungo allo stesso tempo. Per quanto fossi ansioso di vedere la nostra nuova casa, mi stavo anche godendo il tempo tra madre e figlio di cui raramente avevamo la possibilità di goderci. Alla fine la nostra fermata è arrivata, 12 ore dopo esserci lasciati alle spalle la nostra vecchia vita. Abbiamo chiamato un taxi e siamo stati portati via nell'incantevole campagna aperta. La mia prozia ovviamente apprezzava il suo isolamento. La sua casa era immersa in una pittoresca area boschiva con vicini su entrambi i lati, a solo un quarto di miglio di distanza su entrambi i lati. Mi andava bene, mi è piaciuto comunque.

Entrambi abbiamo preso le valigie, ho dato la mancia al tassista e siamo entrati nella bella casa che una volta era stata delle mie prozie. La casa era stupenda. Un soggiorno ampio e spazioso che conduce a una cucina moderna con una sorprendente quantità di luce solare. La mia camera da letto era al primo piano, un'enorme camera da letto principale grande più della metà del nostro ultimo appartamento. Mio figlio voleva due delle tre stanze al piano superiore. Uno per dormire e uno per l'attrezzatura della sua band. Dopo anni di povertà, ero ansioso di potergli dare così tanto adesso. Abbiamo iniziato con entusiasmo a disfare le valigie, anche se eravamo esausti. Volevamo finalmente iniziare la nostra nuova vita, il prima possibile.

Mentre stavo sistemando la cucina e sistemando i piatti, ho sentito un cane abbaiare proprio fuori dal patio che si affacciava sulla cucina. All'inizio avevo iniziato, ma ho aperto la porta sul retro e ho sbirciato fuori. Là sedevano le mie prozie Great Dane, sedute pazientemente pronte per essere lasciate entrare. "Oh no! Povero ragazzo, qualcuno ti ha dato da mangiare?" gli chiesi, accarezzandogli la testa. L'alano l'ho visto in foto durante le mie comunicazioni avute via posta con la mia prozia. Controllando i miei calcoli, direi che doveva avere circa 5 anni ormai e, si spera, ha smesso di crescere. Era un enorme cane grigio e nero, circa 180 libbre di muscoli magri e forti e circa 6 piedi in piedi sulle zampe posteriori. La prozia ha detto che si sentiva al sicuro con lui, essendo sola a casa sua. Non la biasimevo, era una grande sicurezza. Ho dato da mangiare al danese (che ho deciso di chiamare Lucius) e ho continuato a fare i lavori domestici.

Una volta finito, Matt e io ci ritirammo in soggiorno e ci lasciammo cadere sul divano. Fortunatamente siamo riusciti a conservare tutto ciò che la casa possedeva al momento della morte della zia. Questo è stato positivo poiché avevamo tutti i mobili di cui avremmo potuto aver bisogno. Abbiamo guardato alcuni film e fatto qualche risata, poi abbiamo deciso di ritirarci nei nostri letti per una buona notte di sonno. Saluto mio figlio e mi dirigo verso la mia bella e spaziosa camera da letto. Essendo vecchia, la zia non aveva il raffreddamento centralizzato, solo un ventilatore. Mi stava bene, ma con tutto il lavoro extra che ho fatto oggi ho deciso di togliermi il vestito e strisciare a letto completamente nuda. Le fresche lenzuola fredde sembravano un paradiso contro i miei muscoli stanchi.

Mi sono svegliato all'improvviso con uno strano suono. Ho provato a schiarire la mia mente annebbiata e a capire cosa mi ha risvegliato. Mi sono seduto e mi sono guardato intorno ma non sono riuscito a vedere nulla nell'oscurità. All'improvviso, ho sentito qualcosa toccare le mie parti intime. Ho urlato e sono saltata giù dal letto, accendendo la luce, con il cuore che mi batteva forte nel petto. Fortunatamente, era solo Lucius. Ho riso di me stessa, ho dato una pacca sulla testa a Lucius, ho spento la luce e sono tornata a letto. Lucio mi ha seguito. Saltò in piedi e fece atterrare tutti i 180 libbre del suo corpo sopra la mia piccola e sottile struttura nuda. Ho urlato di sorpresa e dolore. "Cosa stai facendo, stupido cane, scendi!" Ho provato a dimenarmi per spaventarlo ma non rispondeva. Alla luce della luna potevo vedere i suoi grandi occhi neri che mi fissavano. Ho smesso di lottare e l'ho guardato. Dopo alcuni istanti di sguardo vitreo, abbassò la testa verso il mio seno esposto e annusò. Il mio cuore ha ripreso a battere forte, volevo sapere cosa c'era che non andava in questo strano cane. L'ho capito abbastanza presto. La sua lingua uscì dalla bocca con lunghi colpi bagnati che si spalmarono sul mio seno nudo. Tremavo e urlavo per lo shock di essere toccato così intimamente da un animale. Dimenai la metà inferiore del mio corpo, tentando di liberarmi dal suo peso, ma lui era irremovibile. La sua lingua accarezzò i miei capezzoli induriti, inviando onde d'urto in tutto il mio corpo. La sua lingua viaggiò verso entrambi i seni, senza perdere un centimetro delle mie vivaci tette grandi quanto un limone.

Ho stretto i denti e ho accettato la mia molestia. Ho provato a bloccare il suono della sua lingua bagnata che schiaffeggiava e si insaponava sul mio seno ansimante. Ogni movimento della sua lingua mi faceva tremare il seno e mandava piccole onde di elettricità in tutto il mio sistema. Appena iniziato, era finito. Si leccò le labbra e alzò di nuovo la testa, guardandomi con i suoi calmi occhi neri. Ho tirato un sospiro di sollievo e ho rilassato il mio corpo teso. Questo attacco era finalmente finito, o almeno così pensavo. L'enorme cane si voltò finché i suoi quarti posteriori non mi affrontarono e si sedette, piantando la sua virilità proprio sul mio collo. Ho provato a urlare forte ma il peso della bestia mi ha impedito di urlare. Sentii la sua testa che allargava le mie cosce nude. Anche con i muscoli forti delle cosce di una donna, non potevo impedire alla sua testa di sfondare nella mia regione più intima. Alla fine la sua testa trovò il segno e accettò la sua conquista come un piacere. La sua lingua conobbe avidamente ogni angolo della mia vagina. È scivolato tra ogni piega e labbro che avevo coprendo la mia risorsa più amata. Gemetti rabbiosamente sotto la bestia stupratrice, tentando ancora di sopraffarlo. I miei sforzi furono decisamente vani.

Lucius continuava ad aggredire la mia delicata vagina con la sua lingua ruvida, invadendo ogni angolo e ogni fessura che avevo tra le gambe. Sentii la carne spessa della sua lingua scivolare lungo l'arco tra le mie natiche e graffiarsi lungo il retto. Volevo vomitare per la rabbia e la frustrazione. Non potevo credere di essere stato molestato la prima notte della mia nuova vita. La sua lingua si era finalmente liberata dalle pieghe protettive delle mie labbra e aveva trovato un modo per entrare nella mia vagina. Lo sentii entrare in me, muovendo la sua lingua invadente dentro e fuori, dentro e fuori, leccando i miei succhi femminili, bramando ciò che non era suo. La sua velocità aumentò dentro di me, riempiendomi a un ritmo ancora più veloce, dentro e fuori, dentro e fuori, mentre sfregava la sua lingua irregolare contro il mio piccolo clitoride rosa. Il mio corpo si surriscaldava e le mie gambe si afflosciavano. Un cane mi ha aggredito sessualmente, ho pensato con rabbia. Ho iniziato a tremare per la forza assoluta dell'attacco sessuale sulla mia vagina. La bile mi salì in gola, tremavo di eccitazione sessuale, rabbia e paura. Lucius continuava a forzare tutta la lunghezza della sua lingua in profondità nel mio canale, spingendo fino in fondo, e poi spingendo ancora un po'. La mia vagina si sentiva piena al massimo con la sua enorme lingua carnosa, sentivo le pareti dentro di me allungarsi fino a riempirsi, lottando con la forza con cui veniva penetrata. Le lacrime iniziarono a scendere silenziosamente dal mio viso.

Come per decisione, Lucius si alzò all'improvviso, sollevando tutto il suo peso dal mio piccolo corpo nudo. Ho tirato un sospiro di sollievo, finalmente sono riuscita a respirare. Chiusi rapidamente le gambe, sentendo la saliva e i miei stessi succhi attaccarmi le cosce. Però ho fatto una smorfia. Ma Lucius non aveva ancora finito con me. Si voltò, ancora una volta, finché non si trovò di nuovo di fronte a me. Gli lanciai lo sguardo più sporco che riuscii a raccogliere e coprii i miei seni ancora fradici con le braccia. Non sembrava turbato dalla mia reazione aggressiva e mise le sue zampe posteriori tra le mie ginocchia. Con le sue potenti zampe posteriori mi ha allargato le ginocchia. Gridai sorpreso e scioccato dalla sua forza. Con una spinta violenta, mi aveva spalancato le ginocchia, esponendo ancora una volta la mia vagina bagnata e gocciolante alla stanza illuminata dalla luna. Le sue zampe anteriori erano appoggiate accanto a me, sostenendo il suo busto mentre abbassava delicatamente le zampe posteriori più vicino al letto. In quel momento tremavo e singhiozzavo, le lacrime scorrevano lungo le mie guance sul letto. Tenevo le mani sui capezzoli, era l'unica cosa che potevo fare in quel momento per preservare la mia dignità.

Mi fissò di nuovo profondamente negli occhi, quasi un freddo cinismo gli passò sul viso mentre piantava la sua erezione alla fonte della mia femminilità. Non riuscivo a capire cosa ci fosse di sbagliato in questo cane, tutto ciò che faceva sembrava così meticoloso e ponderato. Aspettavo il mio inevitabile stupro con il fiato sospeso. Il suo enorme corpo muscoloso era in bilico tra le mie ginocchia tremanti, premendo su di esse, spalancandomi per il suo accesso. La sua carne rossa e pulsante toccava l'ingresso del mio canale gonfio, spingendosi oltre le mie labbra entrava senza curarsi delle ripercussioni. L'ho sentito scivolare dentro, allungando le mie pareti, facendosi strada dentro come se avesse diritto di essere spinto dentro di me. I miei occhi bruciavano di nuovo di rabbia mentre pensavo a come questo cane mi stava dominando sessualmente nel mio letto. Aggredendomi e allevandomi a casa mia.

Mi sono rilassato e ho accettato la mia scopata. L'ho accettato solo per poter sopravvivere. Ho lasciato cadere le braccia lungo i fianchi, ho lasciato che i miei seni si muovessero avanti e indietro per il puro vigore e la forza che il cane stava perpetrando sulla mia carne. Il suo cazzo ha allungato le mie viscere fino al limite con ogni spinta invasiva nel profondo del mio corpo. Rimasi sdraiato lì, fissando il soffitto mentre l'enorme alano mi violentava. È un cazzo che ha scavato in profondità, separando le mie pareti, spingendosi più in profondità per un migliore accesso alla mia cervice. Ogni colpo dei suoi fianchi, ogni propulsione equilibrata del suo bastone da riproduzione mi spingevano sempre più nella depressione e nello shock.

Ho immaginato quanto sarebbe apparsa orribile la scena a qualcuno se avesse varcato la porta. Vedrebbero una donna bianca sulla schiena con le gambe divaricate con un cane in mezzo a loro. Avrebbero visto il gallo del cane colpire con forza il grembo bagnato della donna, i suoi testicoli colpire con forza contro il suo stretto retto marrone ad ogni spinta ardente dei suoi fianchi.

Ho iniziato a sentire un dolore nel profondo della pancia. Il cane mi sta violentando da circa un'ora, sbattendo il suo enorme bastoncino di carne nel mio canale del parto, scontrandosi con la mia cervice. Sapevo che non avrei potuto sopportare questo brutale stupro ancora per molto. Ho ricominciato a piangere, tenendomi gli occhi e singhiozzando mentre il cane continuava senza emozioni a violare la parte più sacra del mio corpo. Ogni tanto abbassava la testa verso i miei seni e ne prendeva delicatamente uno intero in bocca. All'inizio ero nervoso ma lui era gentile. Tenne la tettarella tra i denti aguzzi e usò la lingua per circondare il mio capezzolo duro e appuntito. Era decisamente strano per un cane, ma era meglio che staccarmi parti del corpo.

Alla fine, dopo due ore dolorose di stupro con un cane il cui pene era due volte più grande della mia vagina, ho sentito una sensazione crescente nel profondo di me. Il cane si stava annodando e mi stava allungando oltre il mio limite. Persino il parto non è stato così doloroso. Lacrime per lo shock e il dolore assoluto sgorgarono dai miei occhi. L'alano rimase lì, immobile, finché il suo seme non fu completamente depositato nel mio grembo. Ho chiuso le serrande e singhiozzato, ruttando per aver ingoiato troppa aria. Non riuscivo a togliermi dalla testa il ricordo di essere stata brutalmente violentata per ore. Rimasi sdraiato lì, con le gambe divaricate, il sangue sulle lenzuola, aspettando che il cane ritirasse finalmente la sua appendice indesiderata dal mio corpo. Quando fu pronto, tirò fuori il suo cazzo ora morbido con un risucchio disgustoso e un pop. Senza più alcun interesse per me, scivolò silenziosamente fuori dalla mia stanza, lasciandomi lì a piangere sul cuscino.

La totale stanchezza dovuta allo stupro mi ha fatto svenire e ho dormito fino a mezzogiorno del giorno successivo. Mi sono svegliato all'improvviso, ricordando l'attacco della notte prima. Mi sono alzato a sedere all'improvviso e ho visto il disordine ancora nel mio letto. Feci una smorfia vedendo quanto fosse brutto. Sangue essiccato e sperma essiccato ricoprivano il mio letto in macchie e pozzanghere. Mi misi in fretta la vestaglia e raccolsi le lenzuola da lavare.

Stavo davanti alla lavatrice, riflettendo su come sbarazzarmi del cane. Non posso semplicemente spingerlo fuori, vero? Dovrei semplicemente chiamare la protezione animali. Era stato deciso che avrei chiamato la protezione animali e avrei fatto allontanare il cane in modo permanente. Ciò che mi ha fatto ieri sera è stato traumatizzante e imperdonabile. Abbassai di colpo la lavatrice, l'accesi e andai in cucina. Presi il cellulare dal tavolo della cucina e mi sedetti su uno degli sgabelli. Comincio a cercare su Google un numero per il controllo degli animali. Prima ancora che potessi raggiungere il primo sito web suggerito, ho sentito un ringhio basso davanti a me. I miei occhi scattarono verso l'alto, incontrando i freddi occhi neri di Lucius. Si avvicinò lentamente a me, senza mai lasciare i miei occhi. Per paura, saltai in piedi, impigliando accidentalmente la mia vestaglia in un cassetto vicino, strappandomela dal corpo nudo. Rimasi lì, terrorizzato, nudo ed esposto ancora una volta a questo demone di un cane. Ha ripreso a camminare verso di me, lentamente, fissandomi con i suoi occhi gelidi. Ho provato a fare un passo indietro ma ha emesso un ringhio profondo e minaccioso dal profondo del suo ventre. Ho urlato dalla paura e sono rimasto immobile come una roccia. Si è avvicinato, il suo corpo era in una minacciosa posizione di dominio, i suoi occhi erano fissi nei miei, senza tirarsi indietro, senza avere alcuna paura di me. Questo cane mi ucciderà, ho pensato, spaventato a morte. Quando fu a pochi centimetri da me, si fermò e iniziò ad annusare la mia zona bikini. Oh no... oh, non di nuovo questo, per favore no... non posso sopportare un altro stupro del genere... mi spezzerà...
Il suo grosso naso si inserì tra le mie cosce e mi aprì le gambe. Ho soffocato un grido e ho chiuso gli occhi mentre permettevo ancora una volta l'accesso a questo animale brutale. Ho stretto i pugni e scosso furiosamente la testa mentre il cane ricominciava a leccare i miei succhi femminili con forti suoni singhiozzanti. Tenevo gli occhi chiusi ermeticamente mentre il cane invadeva di nuovo la mia vagina con la sua lunga lingua calda.

"Mamma?"

Il mio cuore è quasi esploso quando ho sentito mio figlio chiamarmi. Ho alzato la testa di scatto e l'ho visto in soggiorno, che mi osservava, nudo dalla testa ai piedi, mentre venivo divorato dal nostro enorme alano. Non sapevo cosa dire. Rimasi lì semplicemente perché l'unica cosa che riempiva il silenzio era il forte suono stridente della carne bagnata sulla carne bagnata.

“Matt... Matt, devi aiutarmi... questo cane continua a violentarmi! Non mi lascia andare", ho tentato di mostrargli il livello di barbarie del cane facendo un passo indietro. Lucio non ha fatto nulla. Rimase lì, ansimante con la bocca aperta e un grande sorriso.

"Tesoro... devi ascoltarmi... questo cane mi ha violentato ieri notte per due ore!"

Matt si limitò a fissarlo, cercando di comprendere tutto ciò che aveva appena visto. Non disse nulla per qualche lungo istante, poi corse nella sua stanza e sbatté la porta. Sospirai e provai a seguirlo ma Lucius aveva altri piani per me. Non appena ho camminato vicino al cane, ho fatto lo sgambetto e sono inciampato di faccia, atterrando sulla faccia, sul seno e sullo stomaco. Ho urlato di dolore e ho cercato di rialzarmi, ma Lucius mi ha ringhiato in modo aggressivo all'orecchio. Mi sono bloccato e ho girato il viso verso il cane. Aveva i denti serrati e lui era in attacco, fissandomi ancora una volta. Deglutii e rimasi a quattro zampe. Non sapevo cosa fare. Sono stato intrappolato da questo cane. Mi avrebbe ucciso se non mi fossi sottomesso alla sua volontà demoniaca. Cosa farò se Matt non mi crede??

Sono rimasto lì, in cucina, indeciso sul da farsi. Quando all'improvviso, la necessità di usare il bagno mi colpì le viscere. Strisciai a quattro zampe fino al bagno, con Lucius che mi osservava. Prima che potessi raggiungere il bagno Lucius mi aveva tagliato la strada, bloccandomi il percorso verso il bagno. Ringhiò di nuovo, mostrando i suoi enormi denti. Ho subito fatto marcia indietro e sono tornato in cucina. Lucius lo seguì e si avvicinò alla porta scorrevole in vetro e abbaiò. Voleva uscire? Mi sono avvicinato e ho aperto la porta. Lucius rimase fermo e mi guardò. Voleva...NO. NON avrei usato il bagno FUORI! Questo è andato abbastanza LONTANO! Ho tentato di alzarmi ma Lucius era proprio lì, stringendo il mio minuscolo polso con i suoi canini affilati come rasoi. Quello che stava facendo era un avvertimento, ma potevo dire che era serio. Mi sottomisi silenziosamente e strisciai fuori, completamente nudo, con Lucius che mi seguiva.

Il tempo era bello ma non ero sicuro di poter rivivere le mie viscere fuori. Rimasi lì lì per un momento finché Lucius non iniziò ad abbaiarmi contro. È come se lo sapesse. Questo cane mi ha terrorizzato nel profondo. Ho strisciato intorno al cortile recintato finché non ho trovato dei cespugli che bloccheranno parte della mia vergogna. Rimasi a quattro zampe, ma accovacciai il sedere nell'erba. L'erba alta mi solleticava le labbra pendenti e il retto. Dopo alcuni istanti in cui mi sono abituato a una leggera brezza che colpisce i miei buchi esposti e tesi, sono riuscito a defecare nell'erba. Ora, come potevo pulirmi? Ho pensato. Come se la mia coda Lucius fosse proprio lì, ad annusare i miei rifiuti e poi girarsi per annusare il mio ano. Mi sono irrigidito, non ansioso di scoprire cosa sarebbe successo dopo. Ancora una volta, come se fosse stato pianificato, Lucius iniziò a ripulire i resti dei miei rifiuti dalla fessura e dal retto. La sua lingua enorme copriva ogni centimetro che riusciva a raggiungere, raccogliendo ogni frammento di feci che riusciva a trovare intorno al mio buco di merda raggrinzito. La sua lingua leccò ogni parte esposta del mio sedere, e anche se scivolò, ingoiò la carne della lingua nel profondo delle mie viscere. Ho gridato di sorpresa quando mi ha spinto tutto nel profondo. Dovevo sembrare una sporca troia, nuda nel mio cortile mentre veniva scopata con la lingua dal mio cane.

"Mamma, che CAZZO stai facendo?" urlò Matt dal patio.

Ho girato la testa e ho visto Matt caricarsi verso di me mentre Lucius inserirà la sua lingua in modo aggressivo nel mio buco di merda allungato. “Matt, Matt, mi sta facendo fare questo! Per favore credimi!" Ho implorato e supplicato mentre il mio buco del culo veniva allungato e invaso dalla lingua grande quanto un'anguilla di questo cane. Matt si avvicinò e mi afferrò la mano, costringendomi ad alzarmi in piedi. Lucius non ha impedito di violentarmi con la lingua. Ha seguito noi e il mio culo verso il patio.

"Mamma, so che sei come una pazza per tutti questi traslochi e cambiamenti di vita, ma questo è PAZZESCO!"

Mi sono coperta le tette con le braccia e ho scosso la testa. Lucius continuò la sua ricerca per ripulire i miei orifizi da dietro di me mentre stavo lì. La bava gocciolava nel patio da tra le mie gambe con forti schiaffi. Il telefono cominciò a squillare dall'interno e Matt alzò la mano prima che potessi parlare. "Torno subito mamma, non puoi vestirti o qualcosa del genere?" Chiuse la porta scorrevole e andò a prendere il telefono.

Un basso ringhio gutturale proveniva da dietro di me. Mi sono voltato lentamente per vedere il mio stupratore che mi bloccava, ovviamente sconvolto dal fatto che fossi in piedi. Mi inginocchiai lentamente per impedirgli di attaccarmi. Ma lo fece comunque. Lui si alzò, mi afferrò i capelli con i denti e cominciò a trascinarmi, a faccia in giù, attraverso il cortile. Ho urlato di dolore e orrore, pensando che questo cane mi avrebbe ucciso. Agitai le gambe nude, tentando di stabilizzarmi. Mi lasciò cadere a faccia in giù a soli 50 piedi dal patio. Mi ha afferrato il polso e mi ha fatto sdraiare, a faccia in su, verso il sole. Senza esitazione Lucius ha forzato l'accesso all'interno del mio canale del parto. Ho provato a gridare, gli ho artigliato e schiaffeggiato la faccia mentre il suo colossale cazzo di cane si insinuava nella mia figa gonfia. Le mie gambe tremavano selvaggiamente per la pura forza del potere con cui il cane mi stava violentando. Quasi non riuscivo a parlare per la velocità con cui il mio corpo rimbalzava sulla punta del furioso cazzo rosso di questo cane.

"Mamma, che diavolo?" Ho guardato mio figlio che osservava la mia figa mentre veniva usata da questa bestia di cane. I suoi occhi indugiarono sul cazzo rabbioso che sbatteva nel mio buco fradicio e bagnato. Ho provato ad allungare le braccia verso di lui per chiedere aiuto. "Per favore... per favore figliolo, aiutami... questo cane non smetterà di violentarmi, penso che mi ucciderà!" Ho singhiozzato, cercando di mostrare a mio figlio che stavo venendo violato, che non mi piaceva. Ma Matt non mi credeva. Se n'è andato infuriato, lasciandomi lì a continuare il mio brutale stupro in pieno giorno.

Mi sentivo così sconfitto, mentre questo cane continuava a riempire il mio orifizio femminile fino al limite. Rimasi sdraiato lì, fissando in silenzio il cielo azzurro mentre la mia testa e il mio seno dondolavano al ritmo dei colpi energici del mio cane nelle mie calde profondità. Non potevo accettare l’idea di essere completamente dominato da un cane, fisicamente e sessualmente. Sapere che questo cane poteva allevarmi con la violenza che voleva in qualsiasi momento mi terrorizzava. Dovevo trovare una via d'uscita da questo pasticcio, non posso essere un sex toy per un cane psicotico.

Il sole era tramontato più o meno nel periodo in cui la pulsante erezione di Lucius aveva eruttato un'enorme quantità di sperma dentro di me. Ha pompato dentro di me il liquido viscido per diversi minuti dopo una brutale sessione di stupro. La mia figa era dolorante e irritata e non potevo muovermi correttamente poiché mi sentivo come se avessi ricevuto un pugno più volte sull'addome. Mi sono seduto, stordito e sfocato e mi sono ritrovato a dover urinare. Sapevo che dovevo andare adesso, altrimenti Lucius avrebbe potuto non lasciarmi più tardi... ascoltami, sto permettendo a questo cane di gestire la mia vita! Per evitare uno scontro violento o un altro attacco di stupro, ho alzato una gamba e mi sono concentrato su un flusso decente. Un liquido trasparente e giallastro schizzò fuori dalle mie labbra umide e schizzò sull'erba. Lucius osservava attentamente. Mentre le ultime gocce cadevano dal mio buco, Lucius si mise al lavoro leccando e pulendo ogni centimetro del buco che aveva barbaramente dominato e violentato per ore. Mi sentivo male guardandolo usare il mio corpo come se mi possedesse. Devo stare al gioco se voglio sopravvivere a tutto questo.

Storie simili

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.5K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito. Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio. Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro...

1.1K I più visti

Likes 0

LESSI Capitoli 7-14

LEXI (Capitolo 7-14) CAPITOLO 7 Siamo finiti in un ristorante italiano preferito nel quartiere in cui a Spence piaceva andare. Era piuttosto affollato e l'unico posto libero era una cabina d'angolo. Abbiamo seguito l'addetto alla reception allo stand e Lexi è entrata per prima e Carmen ha detto. Stan, perché non entri tu il prossimo e riempi la parte centrale tra me e Lexi. Certo ho accettato. Ci sistemammo mentre sia Carmen che Lexi sedevano piuttosto vicine a me. Allora, cosa ne pensi di portare noi ragazze ad un appuntamento? chiese allegramente Lexi. Sì, sei in buone mani Stan mentre Carmen...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

1K I più visti

Likes 0

Santo Gallo Ch.02

Il giorno del Janazah (funerale) era arrivato, e come un brutto cliché anche la pioggia. La pioggia aveva reso molto più difficili i rituali di sepoltura; la tomba aperta rischiava di essere sopraffatta dall'acqua. Alla fine tutti i rituali e le formalità di sepoltura furono risolti. Tutti lasciarono lentamente il cimitero, ma Javed rimase indietro per un po'. Mi dispiace tanto papà, davvero. Mi hai dato tanto e come ti ho ripagato, io... disse Javed, faticando a finire la frase. Non poteva dirlo ad alta voce; non poteva dire di aver ripagato suo padre facendogli succhiare il cazzo dalla moglie. Non...

870 I più visti

Likes 0

Tracy, mia cognata, mi mostra la strada

Sono innamorato di Tracy, la sorella di mia moglie, sin dalla prima volta che l'ho incontrata. Era il 1989, un anno prima che io e mia moglie ci sposassimo. Eravamo solo amici e lei voleva che l'accompagnassi nella sua città natale nel Midwest per frequentare il diploma di scuola superiore di suo fratello. Tracy e l'altra sua sorella sono venute a prenderci all'aeroporto. Ho notato Tracy, allora al college, una bellezza bionda del Midwest, e sono stato immediatamente attratto da lei. Siamo stati accompagnati a casa dei loro genitori e abbiamo pranzato. Durante il fine settimana ho conosciuto tutta la famiglia...

801 I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

762 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.