Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

1KReport
Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male a letto, però, almeno nelle (finora) limitate esperienze che avevo avuto con lei. La ragazza si è comportata come se avesse passato una vita a lavorare nel porno, imparando i modi esagerati del settore in cui le donne avrebbero dovuto agire per compiacere il loro uomo. Mi è venuto in mente che sicuramente non aveva lavorato nel porno per tutta la vita e che doveva avere una vita sessuale abbastanza attiva, anche per un'adolescente. Una fitta di gelosia mi prese lo stomaco. Mi sono reso conto che ero invidioso di un ragazzo delle superiori, il ragazzo adolescente di Rachel, Ryan, un uomo che non avevo mai nemmeno incontrato. Invidioso. E arrabbiato. Arrabbiato perché sapevo che, da liceale inesperto, non poteva davvero apprezzare l'ideale sessuale che era la sua ragazza.

Ri-guardarla mentre si portava a un fragoroso orgasmo che aveva lasciato il mio letto fradicio era abbastanza per impedire alla mia lussuria di traboccare. Appena. Rimase sobbollire ad un livello alto, non importa quante volte mi sono fermato a guardare le sue splendide labbra rosa avvolte attorno al mio cazzo, i suoi capelli che si raccoglievano sulle mie cosce mentre muoveva vigorosamente la testa su e giù nel mio grembo. Naturalmente, il mio stato di eccitazione quasi perpetuo rendeva difficile impedire alle mie dita di comporre il suo numero, ma al momento ero schiavo di sentimenti che erano, incredibilmente, persino più forti della mia lussuria. Vale a dire, paura, senso di colpa, imbarazzo e quello che sapevo non era altro che una semplice cotta, ma, essendo stato solo così a lungo, mi sentivo molto di più.

Realisticamente, quello che avevo fatto era facilmente spiegabile. Forse si era già dimenticata del tutto. Cavalcando la coda di due potenti orgasmi, eravamo crollati sul letto in un comodo mucchio di carne nuda. Forse, se non avessi inavvertitamente drappeggiato il mio braccio intorno alla sua spalla, il momento sarebbe rimasto del tutto insignificante. Tuttavia, mentre sapevo che avrei potuto facilmente spiegare a Rachel un errore temporaneo di giudizio, avrei avuto molto più difficoltà a convincermi. Nei momenti tranquilli della notte, non stavo sognando di scopare l'adolescente minxy; Ricordavo l'odore del suo profumo e la sensazione morbida e setosa dei suoi capelli contro il mio petto. Dopo essersi appisolata, continuava a farmi visita, mentre una donna infelice ci osservava con occhi color nocciola pieni di lacrime. A volte la vedevo, che mi fissava con evidente dolore; altre volte ho sentito solo i suoi singhiozzi silenziosi.

Fortunatamente, sono stato salvato dal rivivere l'evidente dolore della bruna dal segnale acustico del mio telefono. Ho ricevuto un messaggio da Rachel. Sfortunatamente, non avevo ancora deciso cosa fare di lei, cosa dirle.

- Sono passato a casa tua, ti ho visto riavere il tuo camion

-L'ho fatto.

-E? Qual è il mio totale?

-$ 1250. Se vuoi essere tecnico $ 1262,38, ma penso che possiamo arrotondarlo per difetto.

- Sarai a casa oggi a mezzogiorno? Ho qualcosa per te

- Vieni quando sei pronto.

Non ha risposto, lasciandomi invece a chiedermi esattamente cosa mi stesse portando. Sembrava molto probabile un ordine restrittivo, o anche un mandato d'arresto (e un agente di polizia di accompagnamento). Ciò che faceva ancora più paura, ancor più dell'idea di essere arrestata per stupro, era l'idea che potesse presentarsi con un assegno per l'intero importo, concludendo il loro affare in modo meno consequenziale, ma ugualmente definitivo.

*****

Il camion di Rachel è entrato nel mio vialetto tra le 10 e mezzogiorno. Per quanto fossi ansioso di vederla, il suo arrivo anticipato aveva un'aria di presentimento. Vedendola uscire dal suo camion, ho aperto la porta d'ingresso, aspettandola. Mi ha sfiorato, baciandomi la guancia mentre passava, con un enorme sorriso sul viso. Si sedette sul mio divano, una cartellina manila stretta in grembo. Sembrava praticamente vibrare per l'attesa, ma io ero concentrato su quella cartella. Rachel mi osservò attentamente, sventolando la cartella davanti a sé. Se fossi stato in grado di distogliere lo sguardo da esso, avrei potuto notare quanto fosse diventato ampio il suo sorriso, come sembrava quasi... malvagio.

Si strinse la cartella al petto, abbassandola abbastanza da far pendere in modo allettante la sua ampia scollatura sopra di essa. Vestito con una camicetta pericolosamente scollata, non riuscivo ancora a distogliere lo sguardo dalla pericolosa cartella che aveva in grembo. Notando che controllava la mia attenzione senza nemmeno usare i suoi seni perfettamente formati, fece le fusa: "Probabilmente vuoi cosa c'è in questa cartella, vero?"

Mordendo sul bordo, i suoi occhi fissi nei miei, ha continuato: "Più di quanto vuoi cosa c'è qui dentro?" Si passò l'altra mano sull'inguine, strofinandosi la figa attraverso i jeans. Abbassai la testa, chiudendo gli occhi e respirando profondamente attraverso il naso, cercando di controllare il mix di emozioni che mi frullavano nel cervello. Mettendo la cartella in grembo, si tirò giù la parte anteriore della camicetta, esponendo la parte superiore del reggiseno di pizzo. Alla fine è riuscita a distogliere lo sguardo da qualsiasi documento che aveva in grembo, ma non poteva attirare completamente la mia attenzione. "Forse dovremmo aspettarlo, cosa ne pensi?"

"No. Che cos'è?"

"Sei sicuro? Vuoi cosa c'è qui dentro?" chiese, raccogliendo la cartella e agitandola davanti al viso. "Più di quello che c'è qui dentro?" Sbottonandosi i jeans, infilò la mano nelle mutandine.

Sospirai. Se era il mio mandato d'arresto, probabilmente era meglio non aggiungerlo a qualsiasi altra cosa lei stesse offrendo prima. "Che cos'è?"

Mi sorrise, tenendo la cartella sopra. Guardandola negli occhi, ho visto per la prima volta la malevolenza sul suo viso. Mi fissò intensamente negli occhi mentre mi porgeva la cartella. Mi sentivo pesante nelle mani, come se tutto ciò che conteneva fosse stato inciso nel piombo. Ho aperto la cartella, sentendomi come se mi stesse pulsando tra le mani, come se avesse il suo battito cardiaco. Tuttavia, non potevo distogliere lo sguardo dai suoi penetranti occhi azzurri. Sembrava eccitata all'idea che lo vedessi come lo ero stata ad averla a casa mia, e qualunque cosa potesse farla sentire così mi spaventava. Alla fine, quando sembrava che il mio sguardo fosse perennemente risucchiato nel buco nero che tenevo tra le mie stesse mani, quando sembrava che il sorriso di Rachel stesse rischiando di dividere in due il suo viso se si fosse allargato ulteriormente, ho guardato in basso quello che avevo tenuto.

La cartella conteneva un unico pezzo di carta fotografica lucida da 8,5 pollici per 11 pollici. Stampato su quel foglio c'era il volto di una bellissima bruna, i suoi occhi nocciola brillavano magnificamente sotto il velo del suo abito da sposa. "Ambra. Leigh. Holcum." Si fermava tra ogni parola, lasciandole sospese nell'aria tra di noi. Potevo sentire lo sguardo di Rachel che mi annoiava dal divano, proprio come faceva mia moglie dalla foto tra le mie mani. “Oh,” chiese, fintamente innocente. "La conosci?"

Scacciai le lacrime che si formavano nei miei occhi, rompendo finalmente i miei occhi dagli occhi nocciola luminosi e lucenti di Amber a quelli azzurri calcolatori di Rachel. “Mi chiedo cosa penserebbe,” iniziò Rachel,” se sapesse cosa sta combinando suo marito. Pensi che approverebbe il fatto che tu costringa una ragazza adolescente a essere la tua schiava sessuale personale? O forse lei lo sa, è così?

"No."

"Forse è fottuta quanto te."

"Guardalo."

“Lei ti aiuta? Trova ragazze vulnerabili per te che puoi sfruttare?"

“Non parlare di lei. È una brava persona,” sbottò.

Sentendo che era arrivata a me, Rachel insistette con il suo attacco. “Oh... quindi è per questo che se n'è andata, allora? Hai scoperto cosa sei veramente?"

Chiusi gli occhi, respirando profondamente. "Non potrebbe sopportare la vergogna di qualcuno che ha scoperto che tipo di uomo aveva sposato, eh?" Un altro respiro profondo. Le mie mani tremavano, la cartella svolazzava selvaggiamente davanti a me mentre lottavo per calmarmi. "Non posso dire di incolpare-"

“Rachel,” riuscii con un senso di calma soprannaturale. Questo è bastato per farla tacere. La mia voce rimase regolare, smentendo la mia rabbia palpabile. Bastava uno sguardo al suo viso per capire che l'aveva notato anche lei. Guardò con paura tra me e la porta d'ingresso, il suo sorriso sfacciato e arrogante ora scomparso. «Dimmi, Rachel. Come pensavi che sarebbe andata a finire? Verresti qui, mi lanci una foto di mia moglie e... cosa? Mi sento in colpa? Gioca alle mie emozioni? Convincimi che dovevo fare un lavoro migliore per essere l'uomo che ha accettato di sposare, vero?"

La sua paura si trasformò in rabbia e le lacrime iniziarono a rigarle il viso, sorprendendomi. "Ho detto che avrei fatto quello che devo fare per pagare il tuo camion, ma non ho mai..." si strozzò, un singhiozzo che le dilaniava il corpo. “Non ho mai accettato di coinvolgere Ryan. Mi hai fatto... mi hai fatto parlare di lui... mi hai fatto paragonare voi due mentre voi... mi avete imposto. Ma hai anche persone tue a cui tieni. Non pensare che non li troverò".

I nostri occhi si incontrarono, i miei occhi pieni di rabbia incontrarono i suoi occhi pieni di lacrime e dolorosi. L'ho guardata da capo a piedi. Come avevo pensato che fosse attraente? Questa non era la stessa canotta / pantaloncini corti che indossava cheerleader che mi aveva distratto così poco più di una settimana fa. Sembrava che solo pochi giorni fa, e diversi anni fa allo stesso tempo, avessi guardato con stupore (e un po' di orgoglio per lei) mentre la sua gola si gonfiava attorno al mio cazzo. Avevo voglia di farlo di nuovo, ma non per piacere sessuale. Volevo vederla soffocare. Non volevo altro che avvolgere la mia mano attorno al suo collo snello, tenendo il mio cazzo fino in fondo alla sua gola. Volevo schiaffeggiarla in faccia mentre guardavo la vita defluire dai suoi occhi.

Aveva un corpo fantastico, ma era diventato qualcosa di offensivo per me. Volevo afferrarle e ferirle i seni, sculacciarle il culo sodo finché non diventava rosso e lei non riusciva a sedersi. L'unico piacere che potevo immaginare di derivare da lei adesso era quello di provocarle dolore, rompendola in un groviglio di lacrime e lividi. Volevo sentirla piangere e implorare una pietà che sapevo che non sarei stato in grado di concederle in questo momento.

"La differenza, Rachel, è che NON HAI ALCUN POTERE QUI." Avevo perso i miei modi calmi e raccolti (se non altro) e ora stavo urlando contro di lei mentre si rannicchiava ulteriormente contro il divano. Fece per correre verso la porta, ma l'ho presa per un braccio, gettandola di nuovo a terra. La sua schiena ha colpito il lato del divano ed è atterrata dolorosamente a terra, scappando via da me. "COME TI PERDI PORTARE MIA MOGLIE IN QUESTO?"

Allontanandosi da me da granchio, colpì il muro e si raggomitolò in posizione fetale. Le presi la parte superiore delle braccia, tirandola in piedi davanti a me. Teneva la testa bassa, incapace di incontrare i miei occhi. L'ho scossa, il suo corpo che si agitava come una bambola di pezza tra le mie mani. Non voleva ancora incontrare il mio sguardo, quindi l'ho sbattuta con la schiena contro il muro, poi una seconda e una terza volta. Furiosa per il fatto che non volesse guardarmi, le presi la gola, costringendola con la schiena al muro, i suoi occhi finalmente sui miei. “Per favore,” singhiozzò. "Non intendevo così, voglio solo che finisca".

"Continua."

La confusione si diffuse sul suo viso, fermando momentaneamente le sue lacrime. "Continuare cosa?" Era un disastro. Aveva il viso gonfio per il pianto, i capelli arruffati, i vestiti arruffati.

"Finisci la storia".

“Co-quale storia? Io non- "

"Dimmi cos'altro hai imparato." Silenzio. "DIMMI."

"No niente. Volevo solo che mi lasciassi in pace".

"Bene allora. Visto che non hai finito i compiti, parlerò. Vuoi sapere perché mia moglie mi ha lasciato? Fai?"

Scosse la testa selvaggiamente, mentre le lacrime sgorgavano mentre sentiva la rabbia ribollire nella mia voce. “No, voglio solo andare a casa. Voglio che tutto questo finisca".

“Questo finirà una volta che sarò soddisfatto del tuo debito. Non prima." Singhiozzò di nuovo, abbassando la testa mentre si tirava debolmente la mano intorno al collo. "Ma prima, che ne dici di un po' di storia?" Ho tirato su una ciocca dei suoi capelli biondi, tirandola via dal muro e afferrandole la nuca. Usando la mia presa simile a una morsa per guidarla, l'ho condotta sulle scale del mio seminterrato.

Vedere i gradini la gettò in un vero e proprio panico. Cercò di reggersi contro la tromba delle scale, piangendo e urlando in modo incoerente. "PER FAVORE! NO, NON, MI DISPIACE! PER FAVORE, FARÒ TUTTO QUELLO CHE VUOI, MA NON UCCIDEMI."

"Ucciderti?" Per quanto fossi arrabbiato, non ci avevo mai pensato. Non mi era nemmeno passato per la mente che sarebbe stata una sua preoccupazione. "Non ho intenzione di ucciderti."

Non sembrava confortata. "Che cosa hai intenzione di fare?"

"Stiamo andando in un piccolo tour", le ho detto, costringendola a scendere il primo gradino. “Pensavo volessi vederlo. Era la stanza preferita di mia moglie in casa". Alla menzione di mia moglie, il suo panico è aumentato di nuovo. Riuscì a liberarsi dalla mia presa ma, voltandosi per correre su per i gradini, incontrò la solida parete del mio petto. L'ho afferrata rudemente, scuotendola finché non mi ha guardato. “Puoi anche scendere quelle scale,” le feci un passo verso di lei, costringendola a fare marcia indietro, con il tallone del piede sinistro che pendeva dal gradino più alto. "Oppure posso buttarti giù."

“Oh mio dio,” singhiozzò. Pensavo che avrebbe lottato di più, ma, con un'occhiata in lacrime al mio viso di pietra, arrancava lentamente giù per le scale.

«Hai tirato fuori Amber. Andiamo a conoscerla". La scala terminava in un ampio e rifinito seminterrato. In un angolo c'era un bar, vicino a un tavolo da poker. Sulla parete di fondo c'era una TV a grande schermo con diversi divani seduti di fronte. Un biliardino stava raccogliendo polvere vicino alle scale. Oltre il bar e la TV, un corridoio conduceva al bagno al piano di sotto e a una porta che non aprivo da un anno e mezzo. Con una mano ferma contro la sua schiena, la condussi verso quella porta. In altre circostanze sarebbe sembrata la carezza di un amante, tranne che io ero furioso e lei tremava di paura. "Vuoi sapere cosa avrebbe pensato mia moglie del nostro piccolo accordo?" Tenendole forte il gomito per impedirle di risalire le scale, le feci un passo intorno e aprii la porta.

Entrò nella stanza ben illuminata, le mani che si coprivano la bocca mentre ne esaminava il contenuto. Gran parte delle cose le sarebbero sconosciute, almeno nel nome, ma sarebbe stata in grado di indovinare le intenzioni dietro la maggior parte di esse. Indicando un supporto di legno nell'angolo, "Quella è una gogna". Ho passato la mano sul legno levigato prima di andare avanti. “Questo, come sicuramente avrai intuito, si chiama semplicemente cavallo. Sembra abbastanza innocuo. Non è."

Rachel non mi guardava più mostrare la mia collezione di mobili bondage. I suoi occhi erano fissi su quella che sembrava una sezione di una rete metallica nera che adornava il muro. Da questo recinto pendevano diversi attrezzi dall'aspetto nefasto: pinze per capezzoli, pagaie, bastoni, fustigatori, manette, fruste, una selezione di dildo di varie dimensioni. Mi avvicinai al punto in cui erano appesi, osservando i suoi occhi spalancati e pieni di panico. Scegliendo un fustigatore di cuoio, l'ho fatto oscillare casualmente al mio fianco, aspettando che lei mi notasse. I suoi occhi si posarono rapidamente sui miei, cadendo invece sul dispositivo che tenevo in mano. "Oh no. Oh dio no. Per favore."

"Togliti i vestiti, Rachel."

"Sono davvero dispiaciuto." Stava piangendo adesso. "Per favore, non questo."

"Togliti i vestiti, Rachel." La sua testa guizzò verso la porta, anche se un rapido calcolo le diceva che non sarebbe arrivata prima che fossi su di lei. Le ho fatto oscillare il fustigatore, colpendola sul fianco, le code avvolte intorno a lei per sferzarle contro il culo. Gridò, strofinandosi il pungiglione dal fianco con una mano. Ho oscillato all'altra sua anca. Cercò di contrattaccare schivando, le punte di pelle invece le sbattevano contro lo stomaco. Sollevò la camicia, senza spogliarsi, osservando semplicemente il danno arrecato alla sua tenera carne. L'ho fatto cadere con forza contro la parte superiore del suo seno, facendola cadere a terra.

Alla fine, dalle sue ginocchia, mi guardò e si tolse lentamente la maglietta. In piedi su gambe traballanti, fece scivolare i pantaloncini lungo le gambe, lasciando che si raccogliessero alle caviglie. Stava davanti a me tremante, cercando invano di coprirsi con le braccia. Non si mosse, se non per voltarsi e seguirmi con lo sguardo mentre chiudevo la porta. E' stato installato con un catenaccio, ed ho inserito una chiave che, pur non essendo in questa stanza da un po' di tempo, è rimasta sempre addosso alla mia persona. Dopo averle negato ogni illusione di fuga, ho indirizzato la sua attenzione verso un dispositivo sul lato opposto della porta. «Quella, Rachel, è una croce di Sant'Andrea. Uno dei preferiti di mia moglie. Passavo ore qui dentro.

Si accasciò sul pavimento, singhiozzando, ancora vestita con il reggiseno e le mutandine. Chiaramente terrorizzata, non ha comunque opposto resistenza quando ho sollevato un braccio, fissandole un polsino di pelle attorno al polso. Allo stesso modo, mi ha permesso di metterne uno sull'altro polso. Mentre afferravo una caviglia, tirandola via dalla pallina stretta in cui aveva cercato di infilarsi, guaì, cercando di allontanarsi da me. Le tenni stretta la gamba e presto si fermò. Ho provato a sollevarla in piedi, ma non riusciva a reggersi in piedi, quindi l'ho trascinata per una gamba verso la base della croce di legno. Ha iniziato a combattere non appena ho fissato il primo polsino alla caviglia, lottando per mantenere l'altra gamba libera, ma non poteva competere con me. Adesso avevo le gambe assicurate alla croce, in modo che, se avessi potuto rimetterla in piedi, sarebbe stata premuta a faccia in giù verso le assi di legno.

Ho provato a tirarla in piedi, ma, per una ragazza di non più di 105 libbre, ha fatto un lavoro straordinario trasformando tutto in un peso morto, resistendo a qualsiasi mio tentativo di trovare una presa migliore e tirarla su. Alla fine, l'ho lasciata cadere, lasciando che il suo corpo sbattesse contro il pavimento duro. Da un grande armadietto di metallo accanto ai miei giocattoli a impatto, ho recuperato un altro dispositivo. Rachel ha avuto appena il tempo di identificarlo e iniziare a urlare prima che io premettessi il taser sul suo fianco, attivandolo. Mi è piaciuto guardare il suo spasmo, i suoi seni che rimbalzavano nel reggiseno fragile, il suo viso contorto, prima di rilasciare il grilletto. Ora conforme, Rachel era molto più facile da sollevare e sono stato in grado di fissare facilmente entrambe le braccia in cima alla Croce di Sant'Andrea. Allungando una mano, sono stato in grado di regolare nuovamente i polsini delle caviglie in modo che ora fosse appoggiata alla croce, il peso sostenuto dai polsi, i piedi a pochi centimetri da terra. Ho preso una benda da uno scaffale e, soddisfatto che fosse a posto, mi sono seduto in mezzo alla stanza per guardare. «Non c'è bisogno di recitare davanti alle telecamere oggi, Rachel. Voglio che urli, piangi, implori, qualunque cosa pensi ti farà uscire di qui più velocemente.

Non ci volle molto prima che Rachel ricominciasse a farsi prendere dal panico. Ha provato a calciare con i piedi, ma è riuscita solo a sbattere le dita dei piedi contro il legno. Successivamente ha testato la parte superiore del corpo, trovando le braccia legate in modo simile. Il dolore alle sue spalle pose fine rapidamente a quelle lotte. Fu allora che iniziarono le urla. Per la maggior parte, era incomprensibile, a parte una litania di "Aiuto" e "Per favore". Ho lasciato che questo si estinguesse prima di alzarmi dalla sedia, avendo cura di sfregare le gambe contro il pavimento, ricordandole che ero ancora qui. Ho esaminato lentamente il mio muro di giocattoli, ho preso una cintura di pelle, l'ho fatta oscillare in aria e poi l'ho riposizionata. Considerai una solida pagaia di quercia, sollevandola con cura prima di sbatterla con decisione contro il mio palmo aperto. Bruciò, e la pelle arrossì immediatamente, ma il suono ebbe l'effetto desiderato: Rachel si fermò. Fermato tutto. Smise di piangere, smise di lottare, tratteneva persino il respiro per cercare di catturare ogni minuto suono che emettevo.

Ho sostituito la pagaia, selezionando invece un sottile bastone di rattan. Ho testato la sua flessione tra le mie mani, producendo un suono sibilante mentre l'ho fatto oscillare in aria diverse volte. Rachel urlò mentre la colpivo con il bastone, conficcandole la punta nella guancia del culo, ancora coperta da un paio di mutandine rosa neon. Ho disegnato il bastone sulla sua parte bassa della schiena, osservandola rabbrividire mentre si faceva strada attraverso di lei. L'ho picchiettato leggermente contro la chiusura del suo reggiseno prima di far scivolare la punta del bastone tra l'indumento e il suo corpo, facendolo scorrere sotto il tessuto contro il lato del suo petto.

"Devi ascoltare meglio, Rachel."

“L'ho fatto, ho fatto tutto quello che mi hai chiesto. Cosa vuole da me?"

"Se avessi ascoltato, indosseresti ancora questi?" Le ho dato un veloce schiaffo con il bastone contro il suo culo.

"Per favore, slegami e te li tolgo, lo giuro."

“Oh, non c'è bisogno. Lo farò da solo". Afferrandole le mutandine con entrambe le mani, le strappai violentemente dal suo corpo. Sussultò mentre il tessuto si incuneava tra le sue labbra sensibili, scavando nella pelle. Dopo averle strappate dal suo corpo, sono stato piacevolmente sorpreso di trovare una piccola macchia umida in mezzo a loro. “Questo ti eccita, Rachel? Penso di sì". Il fermaglio del reggiseno era sulla schiena, proprio di fronte a me, ma invece di slacciarlo semplicemente, ho tirato fuori un coltello dalla tasca, tagliando le cinghie delle sue spalle. Avvicinandomi a lei, le dilaniai brutalmente un seno mentre facevo scivolare il coltello tra le due coppe, il piatto della lama contro la sua pelle nuda le faceva rabbrividire. "Stai molto attenta", l'avvertii, allontanando la lama da lei, il reggiseno che lo accompagnava. "Non vorresti che io..." Il coltello scivolò attraverso il materiale e cadde a terra, "scivolando".

"Ora", un altro schiaffo sul culo, questo molto più feroce. Sussultò contro i suoi legami, urlando. Una volta che si è calmata, ho continuato. "Dato che sembra che tu mi abbia capito tutto, dimmi perché mia moglie non è qui."

"Oh, per favore, non lo so, non picchiarmi di nuovo."

"Nessuna idea? Molto bene allora." Il colpo successivo la colpì sulla parte superiore delle cosce, disegnando un profondo livido rosso sulla carne liscia. "E adesso?" Nient'altro che pianti e singhiozzi isterici, quindi l'ho colpita di nuovo, proprio attraverso il culo. “RISPONDI ALLA DOMANDA, RACHEL.”

"IDONTKNOWIDONTKNOWIDONKNOW".

"Indovina."

"Uhhh." Stava perdendo tempo, quindi le ho dato un'altra frustata sulle spalle. "VOLEVA DEI BAMBINI."

"Che cos 'era questo?"

“Lei voleva dei bambini e tu no. Ecco perché se n'è andata, perché non è qui.

Mi sono seduto udibilmente sulla sedia dietro di lei. «Questa è davvero un'ottima risposta, Rachel. Perché dici così?"

"Era solo un'ipotesi." Ho ammirato il mio lavoro mentre il suo pianto si placava. Aveva due lividi rosso vivo che le attraversavano le natiche, un altro sulle cosce e uno, non così luminoso o gonfio, sulla parte superiore della schiena. "Questo significa che mi lascerai andare?"

"Ti libererò da lì." Mi alzai dalla sedia e, tirando indietro il braccio, abbassai il bastone più forte che potevo contro il suo culo. Urlò, sussultando contro i suoi vincoli. Le sue spalle sarebbero diventate molto doloranti ormai, soprattutto per il modo in cui stava lottando, ma il bastone era la minaccia immediata e stava facendo tutto il possibile per evitarlo. "Ma solo una volta che mi dai la risposta corretta." Rachel stava ancora piangendo pesantemente, ma una volta che le sue urla si sono fermate, ho continuato. “Ti darò una frustata per ogni risposta sbagliata. Due ogni volta che penso che stai temporeggiando. Meglio iniziare a pensare, Rachel. Perché se n'è andata?"

"I tuoi orari di lavoro non erano compatibili?" SCHIAFFO. "Problemi di denaro?" SCHIAFFO. Una pausa. SCHIAFFO. SCHIAFFO. "Ti ha tradito?" SCHIAFFO. "OH MIO DIO, PER FAVORE FERMATI!" SCHIAFFO. SCHIAFFO. "PERCHÉ SEI UN FIGLIO DI CAGNA ABUSIVO E NON POTREBBE PRENDERE NIENTE DI PIÙ!" Un'altra pausa, questa volta da parte mia.

“IO – SLAP – WAS – SLAP – A – SLAP – BUONO – SLAP – MARITO.” Ho continuato a colpirla con il bastone, attraverso la sua schiena, il suo culo, le sue cosce, stavo oscillando quasi alla cieca. Una vocina dietro la mia testa disse che non avrei dovuto farlo mentre ero arrabbiato, ma quella voce era sopraffatta dalle urla di rabbia che risuonavano attraverso il resto del mio cervello.

"MISERICORDIA. PER FAVORE, abbi pietà. MERCCCCCCYYYYYYY.”

Questo è stato finalmente abbastanza per fermare la mia furiosa agitazione. Rachel stava piangendo adesso, ma ciò che mi ha sorpreso sono state le lacrime che ho sentito sgorgare nei miei stessi occhi. Ho fatto cadere il bastone a terra. "Vuoi pietà?" Le accarezzai le chiappe sul sedere, le presi una guancia e la strinsi, suscitando in lei grida più dolorose. "Entri in casa mia, mi ficchi in faccia una foto della mia defunta moglie e poi chiedi pietà". La rabbia stava ribollendo di nuovo e ho rastrellato le mie unghie lungo la sua schiena, raschiando diverse linee gonfie e sviluppando lividi.

"PER FAVORE. NON LO SAPEVO. NON L'HO FATTO. NON L'AVREI FATTO SE L'avessi fatto, DEVI CREDERE A ME".

Con le mie dita, ho tracciato molti dei lividi sul suo culo sodo e rotondo. Lei trasalì ma non fece alcun movimento per allontanarsi dalle mie dita strascicate. Li ho lasciati scivolare tra la fessura delle sue natiche, sentendola stringersi mentre sfioravano la sua apertura increspata. Lentamente, le accarezzai la coscia su e giù prima di raggiungere le sue gambe. Rachel tremava come se fosse rimasta scioccata e io mi sedetti di peso sulla mia sedia, abbastanza sicura di quello che avevo provato. Rachel era bagnata, le gocciolava lungo la gamba.

"Voglio che tu mi dica qualcosa Rachel."

"Che cosa? Dimmi solo cosa vuoi sentire, lo dirò.

“Non è così che funziona. Voglio che tu sia onesto. Questo ti eccita? Ti è piaciuto oggi, anche solo un po'?"

“TU CAZZO MALATO, no, non mi è piaciuto. Pensi che mi piacerebbe essere legato, violentato e picchiato da un ragazzo inquietante vecchio come mio padre?"

Sono rimasto seduto. Mi porto la mano al viso, respirando il suo profumo dalle mie dita. No, non mi sbagliavo. La mente di Rachel potrebbe non essersi goduta finora la sessione di oggi, ma una parte del suo corpo sì. Non forte come una risposta come Amber quando era stata nella posizione di Rachel; era letteralmente sgorgata mentre le sforzavo il corpo per il dolore. In piedi, ho iniziato a sganciare le legature dalle sue caviglie, lasciando i polsini in posizione ma sganciandoli dalla croce. Le sussurrai all'orecchio mentre allungavo la mano per slacciarle i polsi: "Ti rilascerò, ma non ti credo. Hai ancora un altro compito prima di finire oggi.

Tirandola giù dalla croce, non le diedi il tempo di scrollarsi di dosso il disagio mentre le ammanettavo velocemente le braccia dietro la schiena. Le ho fatto scivolare un'imbracatura di pelle sulle gambe e l'ho stretto intorno alla sua vita e alle sue cosce prima di spingerla in ginocchio e collegare insieme i due polsini della caviglia. Rachel ha testato la sua nuova mobilità, così com'era, cercando di allontanarsi goffamente da me in ginocchio. La sua frenetica lotta per allontanarsi da me finì bruscamente quando mi notò in piedi davanti al mio muro di giocattoli. Potevo dire, anche senza guardare, che avevo tutta la sua attenzione mentre passavo la mano sui vari strumenti di tortura appesi al muro. Ho appoggiato la mano su alcuni di loro, lasciandola guardare e preoccuparsi, ma avevo già deciso la nostra prossima partita. Ho selezionato solo tre oggetti: un paio di clip a coccodrillo, un vibratore piuttosto bulboso e il telecomando che lo accompagna.

Mettendo le clip e il telecomando in tasca, ho cercato di fissare il vibratore contro il suo clitoride usando l'imbracatura della coscia. Non sorprende che abbia lottato contro questo, cercando di allontanarsi da me mentre teneva le gambe ben chiuse. Uno schiaffo violento sul lato del viso ha interrotto la sua resistenza mentre allargava le gambe e mi permetteva di regolare le cinghie intorno alla sua vita e alle cosce, assicurandomi che il vibratore rimanesse al suo posto. Le mie mani erano lisce dai suoi succhi quando ebbi finito, e le infilai due dita in bocca per farla assaggiare su di me. Li ha morsicati. Abbastanza duro da ferire, ma non abbastanza da rompere la pelle. "Non hai ancora imparato, vero, Rachel?"

Tirando fuori le clip a coccodrillo dalla mia tasca, ho anche girato una manopola sul telecomando, attivando il suo vibratore a un livello basso. Mi inginocchiai per succhiare uno dei suoi capezzoli nella mia bocca, facendo rotolare l'altro in un piccolo bocciolo duro. Senza preavviso, ho posizionato saldamente la clip a coccodrillo contro un capezzolo e, dopo un ultimo movimento della lingua, ho tagliato anche l'altro capezzolo. Gridò mentre i denti affilati di metallo mordevano la sua carne sensibile. Recuperando un piccolo stelo nodoso, mi fermai a pochi metri di fronte a lei, i suoi occhi fissi nei miei. "Ti piace lo zenzero, Rachel?" Si limitò a fissarmi torvo mentre riducevo la radice su un'estremità a una spina del diametro di circa un pollice. Ha cercato di inginocchiarsi mentre le camminavo dietro, ma non era abbastanza veloce. L'ho spinta a terra e, senza che le sue mani frenassero la caduta, è atterrata dolorosamente direttamente sul seno e sul viso. Ho premuto un pulsante sul telecomando, fornendo un piccolo ma potente shock alla sua area più sensibile e, mentre era concentrata sul dolore che emanava dalla sua figa, ho inserito la radice di zenzero nel suo bocciolo di rosa increspato. L'ho tirata indietro sulle ginocchia prima di sedermi sulla sedia di fronte a lei, aumentando l'intensità della vibrazione.

"Mi sarebbe piaciuto farlo senza lo zenzero, Rachel." A questo punto, sarebbe stata leggermente a disagio per l'intrusione in quello che ero sicuro fosse il suo buco del culo vergine, ma il bruciore sarebbe stato abbastanza lieve che potrebbe non aver ancora notato. "Invece, dobbiamo farlo nel modo più duro". Col tempo, il dolore ai capezzoli, il bruciore al culo e l'assistenza del vibratore dovrebbero essere sufficienti per sopraffarla, per ora, lo sguardo sul suo viso era chiaro quale sensazione fosse più dominante nella sua mente.

I suoi occhi iniziarono a roteare indietro e il suo corpo arrossì di sudore. “D-do c-w-cosa? Ohhhhh. Gemeva, a lungo e ad alta voce, e io aumentai di nuovo la vibrazione.

"Sai, è passato molto tempo da quando un'adolescente sexy ingoiava il mio sperma." Ho aspettato, per vedere se avrebbe abboccato, fare una battuta sulla mia età. Lei no. Stava a malapena prestando attenzione, concentrandosi invece sul suo imminente orgasmo. “Una volta che lo fai, vai a casa. Puoi farlo, Rachel? Cercò di rispondere, non riuscì a trovare le parole e invece annuì. Ho visto il suo corpo iniziare a tremare e, appena prima che il suo orgasmo si abbattesse su di lei, ha abbassato la vibrazione al livello più basso mentre le erogava un potente shock. Lei pianse. Non saprei dire se per frustrazione o dolore. “Ma, rendiamo le cose interessanti. Per ogni minuto che ci vorrà, aggiungeremo un po' di peso a quei morsetti attaccati a quelle tue adorabili tette".

Rachel si stava trascinando verso di me quando ha notato per la prima volta la sensazione di bruciore nel culo. A questo punto, dovrebbe essere abbastanza forte e la sua espressione facciale mi ha assicurato che stava avendo l'effetto desiderato. Si strofinò la pelle dalle ginocchia cercando di ridurre la distanza tra noi e si tuffò contro il mio inguine ancora vestito. Non stava perdendo tempo, afferrando con la bocca il bottone dei miei jeans, sganciandolo al terzo tentativo. Costretto o meno, è stata una sensazione potente guardare questa giovane donna sexy che cercava avidamente di spogliarmi con la bocca, tirandomi la cerniera. Una volta che mi ha allentato abbastanza i pantaloni, mi sono alzato, rimuovendoli insieme ai miei boxer. "Purtroppo, Rachel, ci hai messo un minuto." I pulled a container of weighted balls and attached one to either nipple clamp.

Afterwards, she buried my cock deep in her mouth in one try. It may have been intentional, or, without her hands to control her depth, it might’ve been gravity as she pitched forward to take me in. Either way, I enjoyed the feel of her warm tongue against my shaft, her throat squeezing around the head of my cock. Using the remote, I changed the settings to ramp up the vibration in waves while delivering electric shocks at random intervals. By this point she was struggling to breathe and was attempting to rock her mouth backwards off my engorged member. She couldn’t find the leverage, instead effectively face-fucking herself as she slid back down my cock after every attempt. It was enough to almost have me shooting my load down her throat but remembering her attempt at using my wife against me, I was able to will my orgasm back down. I pulled her back enough for her to take a single gasp for air before gripping her head and thrusting myself back in her mouth. Rachel looked at me in surprise, clearly not expecting such a violent assault. Then her eyes crossed as another electric current ripped through her pussy, setting her nerves on fire.

I continued pistoning in and out of her mouth, her mouth making delightful squelching sounds against me. I paused, ostensibly to let her breathe, before adding another weighted ball to each nipple. “Two minutes, Rachel.” Once again, I thrust myself deep in her mouth, only this time she met my thrust with one of her own, shoving her face forward to take all of me in, working her tongue feverishly against me. Gripping her hair, I began face-fucking her in earnest, her breasts swinging wildly with the extra weight on them. Now, either desperate to cum or to make the pain stop, she let me have my way with her. I could feel her relax her jaw in what must’ve been a rather difficult task with the sensory onslaught she was already facing. I stopped thrusting, still half buried in her mouth, but she kept slamming her face down into my pelvis, deepthroating me with ease.

She cried when I withdrew from her mouth again. I did, as well, just preventing my orgasm. “Please, come fuck my face. I’ll swallow it all, PLEASE.”

“Rules are rules, Rachel.” I placed another pair of weights on her and she was back on me as soon as I had stood back up. I couldn’t remember ever having a woman suck me like this, and it was a mere thirty seconds before she brought me to orgasm. I pulled out of her mouth, shooting my cum on the floor in a thick, milky-white puddle.

“NOOOOO, THAT’S NOT FAIR.” She looked at me, pleading for release. I looked from her to where the remnants of my orgasm sat pooling on the floor. She grimaced, her face contorting with rage and hatred as she caught my meaning. "No. Assolutamente no. No. THAT’S DISGUSTING.”

“Have it your way.” I flicked another button on the remote, killing the vibration and instead delivering powerful shocks to her in one second intervals. By the third, she had rolled over onto her side, trying to get at my cum without landing directly on her now incredibly sore nipples. By the fifth, she was lapping at the floor like a dog, oblivious to the pain in from her breasts and ass, scraping her tongue across the floor to suck up every drop. Satisfied, I turned off the vibrator. “Very good, slut. Now, which would you like removed first: the ginger or the clamps.

“THE GINGER. PLEASE, IT BURNS.” I pulled the root roughly from her ass, and she turned to me, presenting her swollen, purple nipples. I removed these as well, enjoying the look of relief on her face, knowing what was to come. Certainly enough, within seconds her engorged nipples filled with blood and her nerve endings felt like they were on fire. Rachel screamed, rolling on the ground in agony.

A plan began forming in my mind, whispering ethereally through my brain, just grazing the reach of conscious awareness before flitting off again. I tried to chase the line of thought but ended up merely watching the struggling teen on my basement floor. Watching, and reminiscing.

*****

Sometime later, having left Rachel alone to dress herself and leave, I stood watching her taillights as they turned out of my driveway, following them until they disappeared down the road. Then I got in my truck, heading in the opposite direction once I reached the road. Relaxing as I traveled the familiar country roads, I thought about the next steps. I still wasn’t entirely sure where those steps were headed, but they seemed right and I was trusting my instincts on this one.

I would need a few things first. It was about an hour before closing time when I pulled into the parking lot. The electronics shop seemed pretty dead right now if the lot held any indication. Strolling through the store, I grabbed a cheap flash drive before finding an employee to help me with my next purchase.

Her nametag indicated I was talking to Rebecca. She had a pixie-ish face, framed by bright auburn hair, that I couldn’t decide if I found attractive or not, but her body didn’t need any pondering. The little bit of extra weight she held on her seemed well distributed between her chest and hips, exaggerated to the point of appearing almost caricaturist. “How can I help you today?” She beamed at me and, upon smiling, I decided that yes, I did find her attractive.

“I’m looking for a new phone. Really, just an upgrade over my current model. I reckon it’s time. This one’s slowing down, and I could probably use the extra storage space,” I told her, waving my current cell phone in front of her.

“Okay, if you’ll follow me.” As she led, I watched her ass sway in front of me, careful this time to return my eyes to a level gaze when she reached the sales counter. “Alright, so this model here has more storage, as well as a faster processing speed. Really, you only need that if you’re playing a lot of games or using a lot of memory-intensive apps on your phone.” She glanced at me; Scuoto la mia testa. Giggling softly, she continued, “That’s what I figured. I would probably recommend this one.” She handed me a small pamphlet containing the phone’s specifications, explaining the various new features as I read. “Slower processing speed than the higher-end model, but should be sufficient for most day-to-day use. The camera’s improved, you now get much better pictures with it, brighter colors, more clarity. If you look here-“

“I’ll take it.” Seeing the look of bemused surprise on her face, I explained, “Sorry, I didn’t mean to cut you off. I’ve done a little research before coming in, and for all I actually use my phone for, this one will more than suffice.”

“Well, okay then. Follow me and we can get this set up for you.”

“You know, if you wanted to practice your sales pitch, I’ll let you finish. I didn’t mean to be so rude.”

She laughed, a full-throated chuckle. “If you don’t need it, I don’t really feel like going through it, if that’s alright. It gets a bit monotonous when you have to do it several times a day.” Nodding agreeably, I laughed with her. She took a seat, offering one on the other side of the counter to me. “Activation usually only takes a couple minutes, and then we’ll have you out of here.” Rebecca typed things into the computer in front of her, occasionally digging through the phone’s included paperwork for a serial number or registration code. I studied her while she worked. She had a woman’s body, but she was clearly still a teen. I suspected that, rough as high school could be, she had suffered some abuse over her extra weight. Similarly, I suspected that any man that got past second base with her found her body quite delightful.

“If you’d like, I can copy all your data from your old phone to your new. It doesn’t take long.” I declined her offer, even as a shiver of excitement ran through me at the thought of the sexy young saleswoman accidentally coming across some of the pictures on my phone. I wondered if Rebecca would recognize the young woman in those pictures. After all, they looked like they would be about the same age.

“I’m sorry to distract you, you can keep working. I was just wondering if you know my niece, Rachel Peck? Sorry, you just look familiar is all, thought I might’ve seen you hanging around her once.”

Her eyes lit up as she broke into a wide smile. “Know her? She’s been my best friend for like forever.” Her smile faltered, “I’m sorry, though, I don’t remember seeing you around. I’m terrible with faces.”

“Oh, that’s quite alright, I maybe haven’t been the best uncle always. Just tell her I said ‘hi’ next time you see her.”

Rebecca glanced around the store conspiratorially. “I’m not really supposed to do this, but for Rachel’s family, I think I could probably give you my employee discount.”

“Are you sure? That’s really sweet of you.”

"Certo. You just have to promise to make sure you go visit her soon. I know how important her family is to her.”

“Before the week is through, Rebecca.” She smiled, rang up my purchase, and I left the store about 15 minutes before closing time. A quick stop at home, and then I thought I would go and see RJ, now that he’s finally back home.

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

469 I più visti

Likes 0

Prendendola - Parte 2

Prendendola - Parte 2 - Colazione Ti svegli con l'acqua fredda che ti soffia addosso. Ti sta lavando via. Dio, puzzi come una puttana seccata. Ti tira fuori i dildo dalla figa e dal culo, poi infila il tubo a tutto volume in uno e poi nell'altro. Quando ha finito ti mette delle manette ai polsi e alle caviglie, tagliandoti fuori dalla gabbia. Ti incatena le mani dietro la schiena e un colletto e un guinzaglio intorno al collo. È ora di fare un po' di esercizio, puttana inutile. Ti conduce di sopra e fuori dalla porta sul retro. Il...

370 I più visti

Likes 0

Kalynns Ass parte seconda_(1)

Mia madre era venuta dal suo viaggio. L'ho aiutata con le sue borse, mi raccontava tutto, quanto era stato divertente. Ero felice per lei, non sapevo come dirle che il signor Walker mi aveva preso il culo vergine. Volevo sapere che probabilmente non si sarebbe arrabbiata con me o con il signor Walker, ma mi sono trattenuto. Il telefono squillò, la mamma rispose: Ciao James, ci siamo divertiti come al solito. Si è calmata e ha risposto solo con sì e bene. Dopo circa quindici minuti ha chiuso il telefono ed è entrata in soggiorno. Guardandola ha detto Kalynn c'è qualcosa...

106 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

1.5K I più visti

Likes 0

Storia della casa sull'albero

Conosci l'espressione boyie girl? Una di quelle ragazze che sono buone amiche di tutti i ragazzi. Non certo che sia sexy o qualcosa del genere, ma solo ovviamente fa tutte le cose che i ragazzi si divertono a fare. Giocano a ventosa, basket, baseball e tutte quelle cose kinna. Le ragazze Boyie hanno spesso molti fratelli maggiori. Simpatici fratelli a cui piace giocare con la sorella e ma non vogliono tutte quelle stronzate di Barbie e My Little Pony. Per questo cresce con lo sport ei videogiochi. Amelia era una ragazza così. Ha un albero di fratelli maggiori che, a pensarci...

1.3K I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

115 I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

98 I più visti

Likes 0

Sesso nel ristorante dello Sri Lanka

Suneetha si asciugò il sudore dalla fronte e appoggiò la matita sulla pad. Gli idioti seduti allo stand non riuscivano a decidersi, e lei stava diventando davvero impaziente. Ehm, disse il ragazzo. Non sono molto sicuro. Si è lasciato scappare l'ultima parola dalle sue labbra come se non sapesse decidere se dirlo o meno. Suneetha ha dovuto sforzarsi manualmente per evitare che il suo piede picchiettasse contro il pavimento di piastrelle dure. Si strofinò i palmi delle mani sul grembiule, come i 90 il caldo soffocante la metteva a disagio. L'aria condizionata era di nuovo su un battito di ciglia, e...

59 I più visti

Likes 0

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

1.5K I più visti

Likes 0

Circostanze diverse

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota/e dell'autore: Onestamente, questa storia è stata parzialmente ispirata da un'altra storia di AbsolxHuman che ho trovato qui. Come dice il riassunto, questa storia contiene bestialità, quindi se non ti piace, è probabilmente meglio che tu trovi un'altra serie da perseguire, poiché la maggior parte degli incontri sessuali coinvolgerà Pokemon e il protagonista, anche se potrebbe esserci un pochi umani spruzzarono qua e là per cambiare le cose. Cambierò il codice per riflettere ulteriori modifiche nei capitoli successivi. Se...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.