Amore trafficato cap. 10

539Report
Amore trafficato cap. 10

Capitolo dieci: Il cliente gentile

Angel si girò per guardare la sveglia sul comodino. Erano le dieci del mattino. Aveva dormito solo sette ore, ma si sentiva abbastanza riposata. Si mise a sedere con un gemito, il suo corpo scricchiolò e si spezzò. Si guardò intorno nella stanza.

Le pareti erano piuttosto spoglie. Sulla parete opposta al letto, accanto alla porta della camera da letto, c'era una cassettiera. Le porte a fisarmonica dell'armadio sulla parete sinistra erano chiuse. C'era una finestra proprio sopra la spalla sinistra di Angel mentre sedeva con la schiena dritta sul letto. C'era un comodino su entrambi i lati del letto. La parete destra era spoglia. In un angolo c'era un cesto della biancheria con dei vestiti piegati.

Angel rimase in silenzio mentre osservava ciò che la circondava. Lei spostò le gambe oltre il bordo del letto, alzandosi con un sospiro. Dov'erano le sue scarpe? La sua borsa?

Angel attraversò la stanza fino alla porta, aprendola per sbirciare fuori. Sentì la TV in soggiorno e lo sfrigolio dalla cucina.

Lentamente, Angel scivolò attraverso la porta e camminò lungo il corridoio. Fece un passo leggero, facendo poco o nessun rumore. Sbirciò dietro l'angolo, in cucina.

Dante era in piedi accanto al fornello, con una padella coperta su un fornello, che sfrigolava ed emetteva lievi scoppiettii. Lui alzò lo sguardo verso di lei, quasi sorprendendola con il suo movimento rapido. Il mozzicone di una sigaretta in bocca, mentre ricambiava il suo sguardo curioso.

"Siediti," mormorò, indicando con la testa il tavolo alla sinistra di Angel.

Angel non guardò lui, ma la sigaretta che si muoveva mentre parlava, la punta accesa che avvampava di una tonalità rossa mentre inalava. Lei obbedì in silenzio, non per sottomissione, ma per abitudine. Il suo corpo era ancora dolorosamente stanco ed era grata di avere una scusa per sedersi.

C'era ancora più sfrigolio ai fornelli. Si sedette al piccolo tavolo della cucina, dandogli le spalle. Quando le posò un piatto davanti, lei quasi sussultò per la sorpresa. Angel guardò il piatto. Le uova strapazzate gialle e le strisce di pancetta bruno-rossastre la invitavano a mangiare, ma non era sicura di farlo.

"Caffè o succo di frutta?" Dante borbottò attorno alla sigaretta.

"Acqua," rispose Angel quasi troppo piano per essere sentito.

Dante mise un bicchiere d'acqua accanto al suo piatto prima di sedersi perpendicolare a lei con il suo piatto di cibo e una tazza di caffè. Allungò la mano sul tavolo, infilò un dito in un posacenere di vetro e lo trascinò verso di sé. Appoggiò il mozzicone della sigaretta sul vassoio prima di prendere una forchetta e infilzare le uova.

Angel lo guardò con la coda dell'occhio. Sentì immediatamente il calore salire nelle sue guance.

Dante era a torso nudo. Angel lo aveva già visto a torso nudo, ma era in una stanza di motel fatiscente, poco illuminata, quasi buia. Non aveva notato molto allora. Non aveva notato il suo petto muscoloso, il suo stomaco tonico, le spalle larghe, la pelle abbronzata e la sottile linea di peli che correva dall'ombelico fino all'orlo dei pantaloni.

Lei alzò lo sguardo verso il suo viso e sapeva che le sue guance dovevano essere arrossate. La stava guardando, guardalo! L'imbarazzo la percorse, e sperò che non si notasse troppo sul suo viso e sulle sue guance arrossate. Abbassò rapidamente lo sguardo sul suo cibo. Le uova la chiamavano ancora a mangiare. Angel lanciò una rapida occhiata a Dante. La stava ancora guardando, con l'ombra di un sorriso divertito sul volto.

"Mangia", ordinò gentilmente.

Angel prese la forchetta e cominciò a infilare le uova.

+-+-+

Dopo colazione, Angel si era tuffato nella doccia.

Dante aveva lasciato l'appartamento dopo che lei si era addormentata la notte precedente e aveva comprato alcuni articoli da toeletta femminili. Li aveva sistemati sul lavandino del bagno. Angel, ora avvolta in un asciugamano, con i capelli bagnati che le colavano lungo la schiena, guardò gli articoli da toeletta. Una piccola spazzola per capelli, uno spazzolino da denti e un dentifricio, una bottiglia di lozione da viaggio e un'altra di shampoo, un rasoio da barba usa e getta, un bastoncino di deodorante e una piccola scatola di assorbenti. Era il tipico pacchetto di assistenza che il vicino rifugio per donne a volte distribuiva alle ragazze che lavoravano per strada a tarda notte.

Angel scosse la testa, riportandosi alla realtà. Era un bravo ragazzo. La maggior parte dei ragazzi che la pagavano non le compravano cose, tanto meno articoli da toeletta e non le permettevano di usare la doccia. Finì in bagno, usando gli articoli da toilette e mettendo la scatola degli assorbenti nella borsa.

Si infilò il reggiseno e il perizoma prima di tirarsi su i pantaloncini e una semplice maglietta nera e attillata sopra la testa. Si passò la spazzola tra i capelli e appese l'asciugamano al gancio dietro la porta.

Quando aprì la porta del bagno, Dante era lì, con una mano tesa come se stesse per aprire lui stesso la porta. Le sorrise e la condusse fuori dal bagno e di nuovo in cucina.

Le mise le mani sui fianchi, sollevandola delicatamente e appoggiandola sul tavolo. Cercò il bottone dei suoi pantaloncini, ma si fermò quando notò che Angel era teso. "Fammi controllare la tua quota."

Ancora tesa, lasciò che lui le slacciasse i pantaloncini e li abbassasse e togliesse. Dante le afferrò il bordo del perizoma e lo tirò da parte, studiando il taglio lungo l'interno della gamba di Angel. Il rossore era sbiadito, le croste, ancora presenti, non sembravano più così fragili da aprirsi al minimo movimento. Con estrema delicatezza, Dante fece scorrere il pollice lungo la linea della crosta. Si avvicinò, ancora più dolcemente; ha piantato un bacio sulla ferita che guariva.

Angel rabbrividì, sentendo il suo respiro scorrere sulla pelle tenera della sua zona pubica. Dante le aveva dato un altro bacio gentile prima di allontanarsi da lei e aiutarla a rimettersi i pantaloncini.

"Dai, mettiti le scarpe."

Angel guardò Dante mentre scivolava giù dal tavolo, i suoi occhi stretti e scettici.

"Ti porto fuori, andiamo", rispose al suo silenzioso scetticismo.

Si sedette su una delle sedie della cucina per infilarsi gli stivali.

+-+-+

Il vestito nero era semplicemente lì. Il rivestimento in pizzo sul corpetto si stropicciò mentre giaceva lì. Il tessuto morbido del resto del vestito copriva a malapena la sua parte posteriore curva, e Angel lisciò le pieghe del materiale per vedere se sarebbe cresciuto ancora. Le maniche in pizzo trasparente, le spalline che fissavano un girocollo in tessuto nero, l'intero vestito era bellissimo, nonostante le sue suggestioni provocatorie.

Angel si limitò a fissarlo. Come avrebbe potuto convincere Rich che il vestito non era altro che un regalo? Odiava quando i clienti compravano le sue cose. Doveva sempre capire come nascondere le cose o spiegarle. Avrebbe dovuto trovare una soluzione entro l'indomani sera.
Angel scosse la testa per scacciare i pensieri e scivolò attraverso il corridoio verso il bagno. Voleva farsi di nuovo la doccia. Adorava fare la doccia. Angel non aveva sempre l'opportunità di farsi la doccia. Nessuna ragazza nella vita di solito lo faceva. Erano tutti troppo impegnati a lavorare per pagare i proprietari. C'erano molte volte in cui Angel era fortunato a farsi la doccia una volta al mese. Era un pensiero grossolano, che la maggior parte dei clienti non avrebbe mai preso in considerazione, ma era un dato di fatto.

Angel si spogliò e aprì l'acqua. Oltrepassò il bordo della vasca e finì nell'acqua della doccia che scorreva. Chiuse gli occhi e appoggiò la testa all'indietro, lasciando che l'acqua le scorresse giù per la gola, lungo il petto e le piovigginasse lungo il resto del corpo.
Un leggero sospiro le sfuggì dalle labbra mentre si voltava, appoggiando la testa all'indietro nell'acqua che cadeva. Lo sentì scivolare e insinuarsi tra le ciocche dei suoi capelli, trovare la sua pelle sotto tutto e gocciolare lungo la schiena, lungo le gambe, fino al pavimento della vasca sottostante. Con gli occhi ancora chiusi, dondolò il suo peso all'indietro, lasciando che l'acqua le colpisse il viso, inondandole le orbite e le narici. Alcune gocce le uscirono dalle labbra e le arrivarono alla gola. Lentamente aprì la bocca, l'acqua calda si riversò a riempirle le guance, la gravità la trascinava giù in gola. Spinse indietro l'acqua dalla bocca, stando lentamente dritta, poi abbassando la testa in avanti. L'acqua si insinuava tra i suoi capelli, a volte afferrandoli e cercando di trascinarli sul fondo della vasca. Aprì gli occhi e guardò l'acqua cadere dalle punte dei suoi capelli prima di chiuderli di nuovo per sentirla.

Con riluttanza, prese una saponetta e strofinò delicatamente la superficie del suo corpo, prima di prendere la bottiglietta di shampoo e massaggiare il liquido denso sul cuoio capelluto. Quando ebbe finito, tornò nell'acqua corrente, lasciando che abbellisse la sua pelle e gocciolasse verso il suo inevitabile destino di caduta libera attraverso lo scarico e chissà dove...

Angel non era sicuro di quanto tempo fosse rimasta nell'acqua, ma sapeva che probabilmente era stato più lungo di quanto sembrasse. Emise un altro sospiro mentre chiudeva l'acqua e si metteva un asciugamano intorno al corpo. Lei fece un passo indietro oltre il bordo della vasca e si posò sul morbido tappeto. Si asciugò rapidamente con l'asciugamano, desiderando tornare nei suoi vestiti il ​​più presto possibile. I suoi vestiti erano confortanti, nonostante quanto pochi a volte ce ne fossero.

“Merda,” brontolò, rendendosi conto di aver lasciato i suoi vestiti puliti nella borsa, in soggiorno. Si avvolse rapidamente l'asciugamano intorno al corpo e si asciugò i piedi sul tappeto del bagno. Non voleva lasciare una traccia bagnata nell'appartamento.

Angel aprì la porta del bagno. Un brivido freddo le corse lungo la schiena mentre l'aria fresca del corridoio la colpiva. Sentì delle voci nel soggiorno. Dante starà guardando la TV. Silenziosamente, scivolò lungo il corridoio. Non voleva disturbare Dante, e fargli vedere quanto fosse stata sciocca a lasciare i suoi vestiti in soggiorno. Vide la sua borsa, accanto alla porta d'ingresso. Decisa a stare zitta, ma ansiosa di prendere la borsa, non se ne accorse...

Un lieve schiarirsi la gola fermò Angel sul suo cammino. Si voltò, come un cervo alla luce dei fari, verso un uomo che non aveva mai visto prima, guardandola dall'estremità del divano. Dante, che le dava le spalle, si voltò in tempo per vedere la sua espressione scioccata e quasi mortificata.

Storie simili

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.5K I più visti

Likes 0

LESSI Capitoli 7-14

LEXI (Capitolo 7-14) CAPITOLO 7 Siamo finiti in un ristorante italiano preferito nel quartiere in cui a Spence piaceva andare. Era piuttosto affollato e l'unico posto libero era una cabina d'angolo. Abbiamo seguito l'addetto alla reception allo stand e Lexi è entrata per prima e Carmen ha detto. Stan, perché non entri tu il prossimo e riempi la parte centrale tra me e Lexi. Certo ho accettato. Ci sistemammo mentre sia Carmen che Lexi sedevano piuttosto vicine a me. Allora, cosa ne pensi di portare noi ragazze ad un appuntamento? chiese allegramente Lexi. Sì, sei in buone mani Stan mentre Carmen...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

1K I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

762 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

2K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.4K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.