Un consiglio da ricordare

85Report
Un consiglio da ricordare

"Sal, prendi il tavolo 12", ho sentito dire dalla padrona di casa.

A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei.

I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu.

Anche se, sono ancora andato da lei. "Ciao come stai stasera?"

Posò il menu e mi guardò. "Sto bene, Salvatore."

"Puoi chiamarmi 'Sal' se vuoi," la informai, vibrando. «Non fissare i suoi seni, non guardarli negli occhi. Se pensa che potrei controllarli, potrebbe farmi licenziare. Basta guardare verso il suo viso', ho pensato prima di una pausa. "Merda, mi sta dando un'occhiata."

"Stai bene, Sal?"

"Sì, è stata solo una lunga notte, e tra circa mezz'ora scappo."

"E io sono abbastanza fortunato da essere il tuo ultimo cliente? Non è un cattivo affare," disse, appoggiandosi allo schienale. "Ci vuole un ragazzo di classe per fingere almeno di non essere molto attratto dai suoi clienti, specialmente quando hanno le tette davanti e al centro."

I miei occhi si sono spalancati e ho distolto lo sguardo per qualche secondo. "Suppongo."

"Non preoccuparti, non ti sbatterò per averli guardati. Come minimo, ti do questo: io sono Jadia", mi ha detto, prima di allungare la mano.

L'ho preso casualmente e le ho stretto la mano per alcuni secondi. Ero sicuro che mi sentisse tremare senza sosta, ma mi ha appena sorriso.

Dopo un attimo, tolsi la mano. "Cosa posso portarti, Jadia?"

"Solo un hamburger con patatine, per favore, e una birra", ha risposto, porgendomi il menu. "So che sembra strano uscire in un bel ristorante in un vestito sexy per prendere il cibo che puoi trovare in un bar, ma tendo a fare di tutto per ottenere alcune cose che voglio. In questo caso: un bel cameriere ."

"Ci sta provando con me?" pensai, afferrando il menu. "Grazie."

"Prego."

Non lo sapevo, ma me ne sono andato con calma e ho messo il suo ordine.

Dopo averlo messo dentro, ho girato lentamente la testa verso di lei. 'Non sono sicuro di cosa fare di lei, ma ha il mio motore acceso. Mi sta salutando in modo sexy, quindi sta venendo da me? Non ho nemmeno un altro tavolo per distrarmi da lei. Wow, è stupenda: un bel viso, capelli castani lisci, quei seni che sembrano coppe e anche l'intera persona che ha.'

Le presi una birra e gliela portai. "Come sei lontano?" chiesi, porgendoglielo.

"Bene, grazie. Come stai, Sal?" chiese, aprendolo.

"Fantastico, Jadia," ho risposto, mettendo le mani sulla sedia di fronte a lei. "Spero solo di incontrare presto anche la donna dei miei sogni. Non si sa mai quando potrebbe venire".

"Vero, e tu non hai figli?" rifletté prima di prendere un drink.

"Giusto, e tu?"

"No, ma sono aperto a qualcuno che mi metta un panino nel forno a volte. È abbastanza difficile distinguere i ragazzi con cui mi piacerebbe creare una famiglia e quelli con cui probabilmente starei meglio a letto una volta . Sei sorpreso di questo corpo che nessuno sia stato interessato ad arrivare così lontano con me?"

"No, per niente, potrebbe semplicemente essere che sei troppo donna per un uomo. Sei abbagliante se non ti dispiace che te lo dica."

"Oh," disse sorridendo. "Niente affatto, Sal. Puoi farmi i complimenti quanto vuoi. Il tuo fascino potrebbe farti guadagnare una grossa mancia."

Mi sono morso il labbro inferiore. "Grazie; ora vado a controllare il tuo cibo," la informai prima di tornare in cucina.

Entrai dritta in bagno e sbirciai nello specchio. "Wow, sembra che Jadia sia qualcos'altro," sussurrai, respirando pesantemente e mettendo la mano sul mio cavallo. "Dannazione, donna, se non ci stai provando con me, allora stai causando un estremo effetto collaterale involontario: mi stai accendendo e spegni anche l'interruttore."

È entrato un cliente, quindi mi sono lavato le mani e ho guardato un po' negli occhi. Ho solo stretto la cerniera del labbro e ho giocato bene per il momento, ma poi sono tornato fuori dalla porta. Tornai indietro verso il suo tavolo e lei mi fece un cenno con la mano.

Ho risposto con la mano, ma non sono ancora tornato da lei. Voltai la testa e andai in cucina. Abbastanza stranamente, ho visto il suo cibo pronto per essere afferrato. Feci un respiro profondo e svolsi i miei doveri di cameriere.

Un attimo dopo, mi ritrovai di nuovo al suo tavolo. «Ecco qua, Jadia», dissi, posando il piatto. "Spero che sia di tuo gradimento."

"Sono sicura che lo sarà," disse, guardandomi e tastandomi il braccio. "Solo perché me l'hai consegnato. Sono sicuro che hai spruzzato un po' di 'Sal magic' in più per me, vero? Non vorrei lasciare una piccola mancia perché non potresti farlo per me ."

Ho ingoiato una volta. "No, l'ho fatto per te."

Prese l'hamburger e ne prese un boccone con gli occhi chiusi. L'ho guardata mangiare e la mia mascella è quasi caduta.

"Whoa, forse ne hai messo un po' troppo qui," mi disse, sbirciandomi. "Anche se ti perdonerò."

"Bene, ti controllo tra qualche minuto."

"Per favore fallo, adoro la compagnia di un uomo sexy e sexy come te, Sal."

Tremai un po' e me ne andai di nuovo. Mi diressi verso un angolo e mi misi le mani sul viso. Non riuscivo a capire esattamente cosa stesse succedendo, ma cercavo solo di non attirare l'attenzione.

"Se non lo sapessi meglio, penserei che qualcuno mi stia prendendo in giro. Questa ragazza mi sta ingannando o cosa? Mi vuole o potrebbe fregarmi? So di essere stato un bravo cameriere , ma la giuria è ancora fuori dal "WTF" per questa ragazza. Mi ha sorriso con lussuria, e ha anche stabilito un contatto fisico con me. "

Rimasi lontano per qualche minuto, ma la tenni nella mia mente. Se non stava succedendo nulla, o qualcosa del genere, dovevo controllarla di nuovo.

Tornai indietro e posai di nuovo le mani sulla sedia di fronte a lei. "Com'era l'hamburger?"

"Fantastico, Sal," rispose, asciugandosi la bocca. "Chi dice che una donna sexy mangia lentamente?"

"Nessuno, immagino. Gradirebbe l'assegno o desidererebbe un dolce?"

"No, sto bene, solo l'assegno, per favore," rispose, posando le sue mani sulle mie.

Non sono riuscito a muovermi o a dire nulla per alcuni secondi mentre i nostri occhi si univano e lei sorrideva, ma poi ho annuito e con calma sono tornato indietro.

Mi voltai di nuovo e andai alla cassa. "Wow, sono senza parole. Mi darà una grossa mancia, o mi chiederà di uscire? Non posso chiederle di uscire, ma sembra che stia gettando le basi per qualcosa che va giù", ho spiegato prima di tirato fuori lo scontrino. "Penso che lo scoprirò a breve. Ha sicuramente flirtato, quindi tutto è possibile."

Con nonchalance ho fatto il viaggio di ritorno da lei e l'ho lasciato. Anche se era pronta con la sua carta di credito, quindi l'ho appena presa da lei. Tornai subito indietro e la telefonai con il cuore che batteva forte. Un attimo dopo, tornai di nuovo da lei.

L'ho fissato con una penna. "Beh, spero di rivederti qui, Jadia."

"Sono sicuro che lo farai, Sal," disse, prendendo la penna.

Me ne sono andato di nuovo per darle un po' di privacy. Non avevo ancora un altro tavolo a cui andare, ma ho solo aspettato di nuovo che i miei nervi si calmassero. Anche se quella non era un'opzione perché sapevo che il momento della verità stava arrivando.

Un minuto dopo, ho guardato il suo tavolo. "Oh, se n'è andata adesso."

Tornai al tavolo e presi l'assegno. "Ma stai scherzando?" Gemetti, lasciando indietro la testa. "Ha inserito una 'X' proprio attraverso la linea della punta. Che diavolo, amico?" Ho riso piano.

Sospirai di nuovo e lo posai sul tavolo. Non ho detto o mosso per un momento e ho cercato di superare l'evento.

Anche se, dopo quel minuto, ho rivisto l'assegno. "Ha scritto qualcosa sul retro?" Ho riflettuto, raccogliendolo e girandolo. "'Ci vediamo nel bagno delle signore.'?" Ho chiesto prima di una lacuna. "È vero? Chi diavolo lo scriverebbe?"

Mi sono guardato intorno, ma non l'ho vista. Ho provato a pensare a tutto di nuovo, ma le mie mani sono arrivate entrambe sulla mia canna. L'ho sentito per alcuni secondi e ho anche sorriso ampiamente. Ho scelto di indagare solo per curiosità. Mi diressi pigramente al bagno delle donne, ma mi assicurai di controllare prima il perimetro.

Deglutii quando vidi che la costa era libera, ma mi trovai ancora al limite. Non importa quale fosse il premio, sapevo che ci sarebbe stato un rischio. Ho stretto i pugni e già sentivo gocce di sudore rigarmi la fronte.

Ho appena sbirciato l'insegna del bagno delle donne per un momento nella stessa posizione. "Beh, si vive una volta sola, vero?" Ho teorizzato prima di aprire lentamente la porta.

Entrai e lasciai che la porta si chiudesse. «Non vedo nessuno, ma è un bagno un po' grande, ma Jadia potrebbe nascondersi in uno dei box? Dovrei andare a cercarla? Le importa anche se vengo licenziato?' pensai, rimanendo quasi congelato tranne che per la testa.

Mi morsi il labbro inferiore e per un attimo respirai pesantemente. Non sapevo cosa fare, ma la mia erezione non è mai andata via. Poi con calma mi chinai sulle ginocchia e guardai verso la platea.

"Non vedo piedi sul pavimento," sussurrai, esaminando tutte le estremità inferiori delle porte. "Questa ragazza deve avermi fottuto."

Pochi secondi dopo, mi sono rialzato e sono andato ai lavandini. Ho abbassato la testa e ho cominciato a lavarmi le mani. Mentre lo facevo, mi sentivo di nuovo tremare, ma quella volta solo per un motivo diverso. Sentivo il sudore che mi scorreva lungo la testa e anche i nervi erano a pezzi.

"Merda," piagnucolai, andando al distributore di asciugamani di carta. "Sembrava che Jadia fosse presa da me, ma mi ha mandato in questa caccia all'oca selvatica? Non è solo un pezzo di merda?" Ho cagnato, asciugandomi le mani.

Non ho ricevuto risposta e poi ho buttato la carta assorbente nella spazzatura. "Beh, almeno nessun'altra donna è venuta qui", dissi, prima di tornare alla porta.

Mi aggrappai alla maniglia e tentai di aprire la porta. "Che diavolo?" Mi sono agitato, tirandolo su. "La porta è chiusa a chiave, chi diavolo l'ha chiusa a chiave? Sono l'unico qui dentro", dissi prima di un varco. "C'è qualcuno?" domandai, voltando la testa verso la platea.

"Solo io," annunciò Jadia, camminando con calma verso di me.

"Jadia, cosa sta succedendo qui?" mi chiesi, alzando una mano. "Cosa c'era con la nota?" chiesi, mostrandoglielo.

"Questo," rispose, avvolgendomi le braccia e premendo le sue labbra sulle mie.

'Santo cielo, mi sta baciando', ho pensato prima di mettere le mani sul suo sedere.

Anche se poi le sue labbra si separarono dalle mie. "Non ho detto che mi sentivi il culo, Salvatore," mi informò, dandomi un'occhiata e prendendo lo scontrino.

"Mi dispiace, credo di non conoscere le regole, e questa è la mia risposta naturale quando una donna limona con me. Non mi era mai successo prima."

Mi baciò di nuovo e sorrise. "C'è solo una regola," mi fece sapere, dirigendosi verso la porta mentre si metteva lo scontrino in tasca. "Non facciamoci prendere", propose, aprendo la porta. "Non vogliamo che sia così ovvio, Sal; il tuo capo potrebbe entrare qui", ha sottolineato, venendo da me. "Ora, torniamo a quell'ultima bancarella," offrì, tendendo la mano.

L'ho preso e lei ci ha portato entrambi a quella destinazione. Non sapevo cosa aspettarmi, ma le mie speranze salirono alle stelle quando lei si mostrò e baciò anche me. Era più che sexy e sapeva di avere esattamente dove aveva me.

Entrò per seconda, chiuse la porta, la chiuse a chiave e si voltò verso di me. "Non sono una sgualdrina, so dare la mancia a un cameriere che ha fatto un ottimo lavoro", ha chiarito, mettendo le mani sul mio cavallo. "È molto più che prendere un ordine e consegnare il cibo", ha spiegato prima che il suo tono rallentasse. "Devi creare un legame con il cliente, cosa che hai fatto chiaramente, Salvatore," mi ricordò, slacciandomi i pantaloni.

Sono caduti giù e il mio cazzo è saltato fuori.

"Questo è lodevole", ha affermato prima di afferrarlo alla cieca. "Non lo vedo come una seduzione, perché penso che il seduttore debba conoscere in anticipo la persona che sta seducendo, e non ti ho mai incontrato prima di stasera. Potrei sbagliarmi però; non sono perfetto. Sono solo una ragazza sexy che è disposta a dare una buona mancia al suo cameriere", sussurrò, accarezzandolo. "Spero davvero che accetterai."

Non sono riuscito a parlare per un momento, ma ho tenuto gli occhi sui suoi. Neanche Jadia ha detto una parola, ma ha portato le sue labbra sulla mia guancia e sul mio collo alcune volte. Poi ho alzato un po' la testa e ho sentito il brivido che mi attraversava il corpo.

L'ho solo sentita compiacermi con le sue mani e le sue labbra morbide per un momento mentre non potevo più guardarla. Sapevo che il potenziale per quello che poteva succedere era illimitato, ma continuavo a temere che potessimo essere scoperti.

"Vai avanti, toccami di nuovo il sedere e potresti notare che non indosso le mutandine. Cedi alla tentazione e scopri dove va a finire questa tana di coniglio sessuale, Sal. Non saresti qui se non lo facessi voglio sapere."

Ho sentito il mio cazzo diventare ancora più duro e lei ha messo insieme i pezzi per me per rendere questa esperienza ancora più sexy. Ho messo delicatamente le mani sul suo sedere e mi sono aiutata ad afferrare anche le sue natiche.

"Santo cielo, quelle sono guance morbide, anche attraverso il tuo vestito."

"Lo so, immagina come si sente il mio sedere nudo."

"Dannazione, mi stai tentando di spogliarti adesso, Jadia?"

Si appoggiò lentamente all'indietro e ridacchiò. "Nemmeno io indosso il reggiseno," confessò, lasciando andare il mio schlong. "Vai avanti, toglimi questo vestito rosa orticabile. Guarda il corpo che hai fantasticato di vedere da quando mi hai messo gli occhi addosso. Non provare nemmeno a negarlo, Salvatore; posso vedere quali sono i tuoi sogni sessuali, anche se hanno appena iniziato ad esistere. Questo è iniziato proprio quando hai guardato per la prima volta il mio rack, giusto?"

"Sì."

"Allora spogliami," mi ordinò, alzando le braccia. "E preparati per la migliore mancia che riceverai."

Non ho perso tempo e gliel'ho tolto di dosso. Poi nessuno ha detto una parola per un momento mentre facevo il giro della metà anteriore del suo corpo nudo. Ha appena messo le mani sui fianchi e mi ha permesso di assorbire l'immagine del suo corpo nudo nel mio cervello.

L'ho lasciato cadere e lei con calma ha chiuso il divario tra di noi. "Sei pronto per la mancia ora, Sal?"

"Sì, lo sono, Jadia. Niente potrebbe essere sopravvalutato da una donna affascinante come te. Penso che il tuo seno sia perfetto, taglia, colore dei capezzoli e posizione anche."

"Buona risposta, di conseguenza, il mio colore preferito è il rosa", ha detto, sorridendo.

Mi accarezzò la guancia, mi mise le mani sul petto e con calma si abbassò sulle ginocchia lasciando che si facessero strada verso il mio uccello.

Lasciò che entrambe le mani si posassero sulla base della mia canna e mi sbirciò. "Solo non sborrarmi in bocca, non ci conosciamo così bene", mi ha avvertito prima di lasciarlo in bocca.

"Oh, merda, so già che questo è il miglior consiglio di sempre, Jadia," gemetti, piegando la testa all'indietro e coprendomi il viso con entrambe le mani.

Ho subito iniziato a strofinarlo mentre sentivo le sue labbra che spingevano sul mio johnson molto lentamente. Non avevo idea che sarebbe successo davvero, ma tuttavia ho sentito il piacere accadere pochi metri più in basso. Poi ho lasciato cadere le mani lungo i fianchi e anche loro si sono trasformate in pugni chiusi.

'Voglio guardarla e guardarla mentre recita questo atto osceno, ma penso che potrei sparare troppo presto. Cazzo, questa ragazza deve essere pazza.'

Le sue spinte rimasero lente per il primo minuto, ma siccome non riuscii a sbirciare di rimando, la sentii iniziare ad accelerarle casualmente nei successivi due minuti. Ne ha sentito gli effetti diretti mentre tutta la mia figura tremava un po'.

Anche se, ha tenuto le mani proprio alla base del mio legno e si è divertita senza sosta. Anche i miei piedi hanno iniziato a battere sul pavimento piastrellato e anche la mia bocca si è aperta il più possibile. Sono riuscito a non sbavare però.

'Pazzo e sexy, che combinazione letale. Non so nemmeno dove potrebbero andare le cose dopo questo. Ho visto Jadia come una donna un po' innocente, ma ancora malvagia con intenzioni nascoste, e avevo ragione. Ha detto che non aveva intenzione di sedurmi, ma non so cosa credere. Le sue labbra sono così fenomenali sul mio schlong che penso che potrebbe cadere. Mi sento come se avessi vinto alla lotteria.'

Dopo qualche minuto, la sentii afferrare la mia maglietta e tirarla su. Mi sono assicurato di guardarla di nuovo e di darle un po' di attenzione. Ci siamo incontrati di nuovo negli occhi, il che ha aumentato la nostra ritrovata intimità e lei ha fatto uscire il mio uccello.

Nessuna parola è caduta da nessuno di noi, e ci siamo scambiati un sorrisetto mentre lei strofinava il mio johnson per alcuni secondi. Poco dopo, la lingua di Jadia è uscita e ha iniziato a leccarmi le palle e il cazzo. Ho preso il respiro più profondo che potevo e ho applicato la difesa più significativa che potevo.

"Cazzo sì, Jadia, se lo fai per un perfetto sconosciuto, mi piacerebbe vedere cosa fai per un amante."

"Trattami bene, e potresti scoprirlo," mi offrì prima di riprendere in bocca il mio cazzo.

"Lo spero, Jadia," gemetti, mettendole le mani sulla testa. "Hai un bel paio di labbra e anche una personalità sexy. Stavi flirtando con me, vero?"

Lei annuì e si spinse persino indietro fino in fondo.

"E puoi anche fare un deepthroat? Wow, sei una ragazza fantastica," esclamai, accarezzandole la testa.

Di nuovo, mi guardò dritto negli occhi e lasciò che le sue labbra parlassero, ma ovviamente non con le parole. Ha fatto muovere le sue labbra morbide il più lentamente possibile e la mia pelle ha strisciato. Il piacere ha affrontato la paura, ma ho solo aspettato il punto inevitabile in cui il piacere ha vinto.

«Merda, c'è qualcuno qui dentro», sussurrai, spalancando gli occhi e alzando le mani.

Questo non è riuscito a spaventarla, ha continuato a emozionarmi e a guardarmi direttamente negli occhi.

"Sei follemente sexy, Jadia", dissi.

Poi abbassò la testa e chiuse gli occhi. Per tutto il tempo, sapevamo che c'era un'altra donna in bagno che faceva qualcosa. A ogni spinta che passava dalle sue labbra, mi sentivo avvicinarmi un po' al limite.

Mi sentivo come se stessi attraversando qualcosa di doloroso in cui gli effetti non mi permettevano di concentrarmi su nient'altro. Non potevo essere sicuro per quanto tempo potevo andare avanti, perché in questo caso era l'opposto del dolore, come un piacere così grande, che faceva male.

Sentivo il mio carico crescere sempre più velocemente di momento in momento, quindi sapevo che il lieto fine sarebbe arrivato presto, ma non potevo ancora essere sicuro di dove volesse che il mio seme si schiantasse in quel momento. Ho anche sbirciato verso le fessure della stalla, ma potevo vedere solo il muro.

Entrambi abbiamo ancora sentito dei passi e poi anche il lavandino che scorreva. Potevo solo sperare che la donna se ne andasse presto. Anche con i suoi occhi non più sui miei, è riuscita comunque a mantenere vivo e vegeto l'affetto sexy.

Con le sue labbra che ancora scivolavano sul mio cazzo a velocità media, sembrava un gioco per lei così poteva vincere facilmente. Il "perché?" d'altra parte è rimasto nella mia mente per tutto il mio pompino, se ci siamo guardati negli occhi o no.

"Oh," gemetti, sbirciandola di rimando. "sembra che se ne sia andata."

Ha immediatamente iniziato a emettere i suoi suoni slurping che provenivano solo da una donna che succhiava un cazzo.

"Cazzo sì, Jadia, ora ci sei molto vicino. Continua a succhiarlo per un altro minuto e ti darò il mio succo bianco. Lo consegnerò su qualsiasi superficie desideri."

Ha fatto uscire di nuovo con calma il mio membro. "Su queste tette giganti sarebbe sexy", ha sottolineato, sollevandole. "Non credi?"

"Sì."

Lo prese nella mano destra. "Bene," dichiarò, strofinandosi la testa sul capezzolo sinistro. "Mi piaci, Sal. Potrei essere di parte a causa del tuo cazzo, ma come ho affermato in precedenza, non sono perfetto."

Gemetti e rimasi in silenzio per venti secondi mentre respiravo pesantemente. "Sei più che abbastanza per me."

"Anche tu sei di parte, ma grazie. Sappi solo questo: lo lascio fare solo ai ragazzi che mi piacciono", mi ha avvisato prima di riprendere in bocca il mio schlong.

Lasciò che le sue labbra scivolassero immediatamente fino alla schiena, così da potermi ingoiare ancora una volta. Poi, all'improvviso, tutto il mio corpo si è mosso come una di quelle grandi pubblicità di auto usate gonfiabili di plastica.

Anche se sapevo che il mio tempo stava diminuendo, ho comunque lottato come un inferno per non venire. Non aveva fissato alcun termine per il futuro, quindi dovevo presumere che questo non sarebbe successo mai più. Anche se sapevamo entrambi, non importa quanto mi sfidassi a non sparare, era una battaglia inutile.

"Merda, Jadia, sei impeccabile," l'ho elogiata, sferragliando incessantemente e mettendo le mani ai lati della testa.

Ha tirato fuori il mio schlong ancora una volta e l'ha preso nella mano destra. "Allora distribuisci quel seme su questi seni superbi, Salvatore," mi ordinò, accarezzandolo.

I miei stessi movimenti sono andati avanti per qualche secondo in più prima di dover liberare il mio sperma direttamente sulle sue brocche. Non ho nemmeno guardato il mio uccello; Ho continuato a guardare il suo bel viso anche dopo aver sentito il mio cazzo rilasciare il mio primo colpo.

"Oh, sì," gemetti, stringendo di nuovo i pugni e chiudendo gli occhi a metà.

Mi contorcevo a ogni colpo che passava, ma niente mi avrebbe fatto separare completamente gli occhi da lei. Ho sentito il mio uccello rilasciare sei diversi colpi del mio seme mentre la sentivo muoverlo nel corso di circa trenta secondi.

Tutto il mio corpo ha sentito la gratificazione, quindi tutto sembrava essere influenzato, dalla mia testa ai miei piedi. Anche quando ho finito di venire, anche lei non ha smesso di strofinarmi il cazzo. Sembrava in missione: compiacermi. Dopo un momento, si alzò con me.

Mi ha baciato una volta. "Com'è stato per una mancia, Sal?" si chiese, continuando a strofinare il mio legno.

"Fantastico. Posso rivederti?"

"Ecco, forse come cliente, ma se vuoi portarmi a letto, ho bisogno che mi porti ad un appuntamento in un altro ristorante."

"Posso farlo," sussurrai, posizionando le mie mani di nuovo sul suo sedere. "E sei completamente sicuro di non averlo pianificato in anticipo?"

"Sì, ma sono attratto dalle altre brune però, quindi forse i tuoi capelli hanno avuto un ruolo, o forse è stato perché eri dolce con me. Te ne frega davvero un cazzo perché ti ho fatto un pompino?"

"Sì, un po', considerando che non è mai successo prima."

"Beh, hai il fascino, quindi lasciamo stare", ha detto prima di accarezzarmi la guancia e afferrare il suo vestito.

Se lo rimise mentre mi tiravo su i boxer e i pantaloni.

Poi ha tirato fuori una penna dal mio grembiule e quella ricevuta dalla tasca. "Chiamami, Salvatore", suggerì, scrivendoci sopra.

"Non hai nemmeno intenzione di pulirti il ​​petto?" chiesi, prendendolo da lei.

"No," rispose lei, voltandosi e aprendo la porta. "Non farmi aspettare troppo a lungo per la tua chiamata; mi fai venire la curiosità di sentire quell'uccello nella mia figa", disse, aprendo la porta.

"Non lo farò, Jadia."

"Bene," disse mentre entrambi uscivano dalla stalla. "Ora vattene dal bagno delle signore."

"Posso avere un altro bacio?"

Lei sorrise e richiuse il divario.

Posò le sue mani sulle mie cosce e le sue labbra sulle mie per alcuni secondi. "Ora vattene prima che lo dica al tuo capo."

"Piacere di conoscerti, Jadia," dissi prima di precipitarmi fuori.

Ho comunque fatto in modo che nessuno mi vedesse uscire; poi sono andato alla reception.

"Sal, che ci fai ancora qui, la tua maglietta è finita venti minuti fa? E perché sei così sudato?" chiese la padrona di casa.

Non riuscivo a pronunciare una parola e mi mordevo il labbro inferiore. Poi ho visto Jadia camminare con disinvoltura verso la porta, mi ha sorriso e mi ha salutato con la mano.

"Ciao, c'è qualcuno lì dentro, sono io, Mary, la padrona di casa, ricordi?"

Dopo che Jadia fu scomparsa, ho sbirciato Mary. "Non credo che sarò qui domani, chiedi a qualcuno di fare il mio turno."

"Bene."

Poi sono corso dietro a Jadia e l'ho raggiunta mentre arrivava alla sua macchina. "Che ne dici di domani sera, alla steakhouse laggiù?"

Lo guardò per qualche secondo. "Per me va bene, conserva il tuo seme per me e porta anche dei preservativi", mi consigliò, aprendo la porta ed entrando.

"Fatto, Jadia."

"Bene, Salvatore, chiamami quando vuoi venirmi a prendere" rispose prima di chiudere la porta. "Ci vediamo domani sera allora," ha detto prima di mandarmi un bacio, avviare la macchina e partire.

L'ho vista allontanarsi. "E pensare che ho pensato di prendermi la notte libera."

Storie simili

Trovare il piacere prima delle femmine

Uscii nel fienile per recuperare alcuni attrezzi e mentre stavo per entrare in bottega udii un sommesso gemito provenire dal fienile. All'inizio ho pensato che potesse essere uno dei tanti animali che vagano liberamente per la fattoria. Entrai nel negozio e sentii di nuovo il gemito. Questa volta non sembrava che nessuno degli animali che conoscevo fosse nella fattoria. Allora, incuriosito, mi avvicinai e salii su una delle scalette che portavano al fienile. Quando la mia testa si è affacciata nel soppalco, mi sono guardata intorno e non ho visto nulla. Ho continuato su per la scala e sono entrato nel...

1 I più visti

Likes 0

Il Ristorante_(3)

Il ristorante il mio nome segna e questi sono alcuni dei miei exploit sul lavoro. Im nero 5-7 un pò paffuto ma muscoloso allo stesso tempo. ho muscoli duri sotto un piccolo strato di grasso anche se lavoro sempre sul mio stomaco che è solo leggermente ingabbiato dalla birra. era sabato mattina ed ero di nuovo in ritardo 2 di lavoro, sono entrato nel parcheggio e sono entrato al lavoro. Non che a nessuno importi mai quando mi presento, purché mi presenti. A destra del pipistrello mi sono imbattuto in jeans awwh merda questo fa schifo Jenal è indiana e ha...

96 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

115 I più visti

Likes 0

Nell'armadio

Nascosto nell'armadio- La mia famiglia è composta da mia madre, mio ​​padre e mio fratello. Mio fratello ha solo 2 anni meno di me e siamo quasi simili. Mi chiamo Marcus e quest'estate verranno i miei 2 cugini Shay e Aniya. Shay ha la mia età e Aniya ha 4 anni in meno. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che li ho visti, quindi sarebbe stato emozionante. Pesco pulendo la mia stanza e mi preparo perché mio fratello trasferisca le sue cose in modo che le ragazze possano prendere la sua stanza per l'estate. A mezzanotte erano già arrivati...

65 I più visti

Likes 0

Claudia Incarnata...Parte I

Il potere etereo insegue le anime al mare, il mare le sputa sulla soglia della terra, la terra alla luce del sole splendente e il sole le scaglia nell'etere vorticoso. - Empedocle di Akragas (V secolo a.C.) La prima cosa che hai notato di Claudia è che era bellissima. La sua era una bellezza raffinata e sofisticata e nel suo cuore c'era un'innata terrosità e un'aspra indipendenza che sicuramente provenivano dai suoi antenati siciliani. I suoi occhi castano scuro e i lunghi capelli neri fluenti brillavano nella chiara luce del mattino. Un sorriso giocava sulle sue labbra carnose, labbra tinte di...

16 I più visti

Likes 0

Notte incredibile

Notte incredibile Qual è stata la tua notte o il tuo giorno di sesso più incredibile? Cosa lo ha reso così fantastico? Questo è mio, quattro anni fa. Quando ho comprato il mio duplex nei sobborghi di Minneapolis, significava che sarei rimasto qui per un po' e ne ero davvero felice. Una giovane coppia sposata poco più che ventenne stava affittando l'altra parte del duplex. Avevo appena compiuto trentadue anni e mi sentivo già una generazione avanti a loro. Ho organizzato una piccola festa per conoscere i vicini e si sono presentate una ventina di persone. La maggior parte aveva figli...

161 I più visti

Likes 0

Ho chiesto a nostro figlio di scopare sua madre

Carrie ed io siamo sposati da 35 anni e ci amiamo profondamente. Ci siamo sposati quando avevo 19 anni e lei aveva solo 18 anni ed era incinta. Abbiamo fatto sesso solo una mezza dozzina di volte prima che lei rimanesse incinta, eravamo sposati, ma la prima notte di nozze, per circa 12 ore, le ho riempito la fica con 12 carichi del mio sperma. Era pronta quanto me. Per i tre mesi successivi l'ho scopata quasi ogni notte e l'ho convinta a succhiarmi il cazzo un paio di volte. Non le è piaciuto e non le è piaciuto molto le...

57 I più visti

Likes 0

Mia madre_(0)

Tutto è iniziato nel 1968 quando sono tornato a casa dalla marina. come ti ho detto prima io aveva scopato mia sorella sul divano mentre tutti dormivano. qualche anno dopo mi sono sposato. non era il massimo, ma lo ha fatto in un pizzico. abbiamo avuto questo apt. downtown e io ero il manager di questo piccolo posto. aveva solo 12 app. ma era casa. mia madre è venuta a stare con noi perché aveva perso il suo appartamento. le abbiamo dato il nascondiglio nel stanza di fronte. la maggior parte delle sere erano proprio come tutte le notti, una piccola...

78 I più visti

Likes 0

Futa Naked In School 11 - Futa Bully's Naughty Week 3: Le passioni Futa di Shelena crescono

Futa Naked In School – La settimana impertinente di Futa Bully Capitolo tre: Le passioni Futa di Shelena crescono Per mionome3000 Copyright 2019 Settimana di Shelena Lowell, giovedì Guantare Chan... Non riuscivo a togliermi dalla testa la futa nerd. È stata lei a rimanere nei miei pensieri dopo la mia gangbang all'A/V Club. Quello era stato un pomeriggio selvaggio. Non solo l'hanno filmato, ma l'hanno trasmesso in streaming in diretta su Internet sull'account Twitch del college. Presto sarebbe stato modificato e caricato su YouTube con link per consentire alle persone di acquistare i DVD della prima gangbang di un futa-bully. E...

62 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

69 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.