Povera Lucia

304Report
Povera Lucia

Lucy aveva solo sette anni. L'avevo scelta quasi immediatamente, era la ragazza più carina con il maggior potenziale possibile. Con i suoi lunghi riccioli castani e i suoi grandi occhi verde muschio, anche lei sembrava perfetta. Non solo era bellissima, ma aveva il corpo più piccolo e fragile che avessi mai visto in un bambino, rendendo l'esperienza più elettrizzante.
Stavo accompagnando mio figlio Jake a scuola. Era nella stessa classe di Lucy e quando gli ho chiesto di lei, ha detto che era tranquilla ma era davvero dolce. Avevo la sensazione che Jake avesse una cotta per Lucy, ma questo non mi ha fermato.
Ero nel cortile tra gli altri genitori, aspettando Jake. Ho visto Jake emergere dalle pesanti porte di legno della scuola e correre verso di me. Ho visto anche Lucy, seduta su una panchina vicino alla casa dei Wendy, ovviamente in attesa di sua madre. Ho visto l'occasione perfetta.
"Jake," dissi, riuscendo a distogliere lo sguardo da Lucy. "Starai con tua madre stasera. Ho molto lavoro da fare per la mia grande presentazione di domani, okay?"
Abbassò lo sguardo, evidentemente sconvolto. "Va bene," mormorò. Gli ho messo una mano sulla spalla e l'ho accompagnato alla macchina. Mi sono seduto al posto di guida e l'ho portato il più velocemente possibile a casa di sua madre. Quando sono arrivato alla porta ho detto "Mi dispiace, Jane. Va bene se resta qui stasera? Ho molto lavoro da fare".
Era chiaramente incazzata. Sospirò: "Entra, Jake. È meglio che non accada di nuovo, Robert. Non avrebbero dovuto avere l'affidamento diviso, sapevo che avresti fatto questo tutto il tempo."
Mi sono scusata e ho detto a Jake che l'avrei accompagnato a scuola domattina. Mi ha abbracciato e sono tornato in macchina, non volevo perdere un secondo. Me ne andai, mentre i pensieri sporchi di Lucy mi ronzavano nel cervello.
Quando sono arrivato al parco giochi, era vuoto a parte Lucy, ancora vicino alla Wendy House. Sono rimasto scioccato dal fatto che un insegnante non fosse stato preoccupato. Tuttavia, scesi dalla macchina e mi avvicinai a lei. Quando sono arrivato a lei, mi sono accovacciato al suo livello. "Ehi, va tutto bene?"
Lei mi guardò con i suoi occhi bagnati di lacrime. "Mio papà non è venuto a prendermi... è sempre in ritardo!" Disse tra nuovi singhiozzi.
Le ho massaggiato dolcemente il braccio. "Aw, tesoro. Va bene..." dissi, in tono confortante. "Ehi, perché non mi dici dove vivi e ti accompagno io, eh?"
Mi guardò esitante. "No, va bene... sono sicuro che papà arriverà presto..."
Non avevo intenzione di arrendermi così facilmente. Questa potrebbe essere la mia unica possibilità. "Ti dico una cosa, possiamo fermarci al negozio di dolciumi mentre torniamo..."
I suoi occhi si illuminarono. Ha funzionato a meraviglia, proprio come sospettavo. "...Okay," sbuffò. Si alzò e mi prese la mano mentre la riportavo alla mia macchina. Salì sul sedile posteriore e quando si fu seduta, chiusi astutamente le porte. Ho iniziato a uscire e lei mi ha detto dove viveva. Non era troppo lontano dalla mia strada.
Quando Lucy ha visto che passavo davanti alla sua strada, ha iniziato a farsi prendere dal panico. Ho detto in tono rassicurante "Shh, tesoro... va tutto bene. Il tuo papà mi ha detto che mi avrebbe aspettato a casa mia." Sembrava incerta, ma alla fine l'ha comprato. Entrai nel vialetto e scesi dall'auto. Andai alla sua porta e le presi la mano mentre salivamo i gradini d'ingresso. Ho aperto la porta e siamo entrati.
"Puoi toglierti il ​​cappotto se vuoi, il tuo papà ci metterà circa mezz'ora ad arrivare." Mentre stava aprendo la cerniera del cappotto, la cerniera si è bloccata. L'ho aiutata a toglierlo e, quando finalmente si è mosso, gliel'ho fatto scivolare dalle spalle. Ho visto il suo piccolo petto sotto la maglietta bianca. Le ho massaggiato la schiena e le ho detto che poteva andare di sopra nella mia stanza e che le avrei portato alcuni giocattoli di Jake con cui giocare mentre aspettava. Lei ha annuito e ho guardato il suo culetto stretto salire le scale. Mi sono avvicinato proprio dietro di lei e quando siamo entrati nella mia camera da letto ho chiuso a chiave la porta. Mi ha chiesto cosa stavo facendo e le ho detto che andava bene, era per proteggermi dai cattivi. Le ho detto di sedersi sul mio letto e mi sono seduto accanto a lei, massaggiandole la schiena. La mia mano scese lentamente sul suo fondoschiena. Lei si fece piccola.
"Papà ha detto che lì nessuno può toccarmi." Le ho detto che suo padre si riferiva a chiunque tranne me. Lei non ci ha creduto e ha cercato di scappare. La sciocca Lucia. L'ho presa e l'ho gettata sul letto. Ha iniziato a piangere. Le ho detto di stare zitta e le ho dato uno schiaffo in faccia, facendola urlare. L'ho afferrata per il collo e l'ho vista diventare rossa, mentre l'altra mano le strappava freneticamente i vestiti. Ho strappato la cucitura dei suoi jeans blu e le ho strappato la maglietta bianca. Tutto ciò che restava erano le sue minuscole mutandine blu, che si staccarono facilmente. L'ho fissata per un minuto, il mio cazzo si è improvvisamente indurito alla vista della sua figa stretta e pelata. Le lasciai andare il collo e le agitai i capezzoli, stringendoli e pizzicandoli. Lei gridò di dolore, mentre la mia erezione diventava sempre più dura.
"Shh, va bene tesoro... non preoccuparti... shh." L'ho zittita. L'ho baciata sulle sue tette piccole e sulla sua pancia fino ad arrivare alla sua figa. Non era bagnata, ma l'ho leccata comunque. Ha smesso di singhiozzare, ma mi ha implorato di smettere. Le ho detto "No" e ho continuato a leccare. Ha iniziato a gemere, poi si è resa conto di quello che stava facendo e ha provato a gridare. Le ho preso le mutandine e l'ho imbavagliata prima di continuare a leccarla. Potevo sentirla gemere attraverso le mutandine.
"Sì, è vero, tesoro. Non ti fa sentire bene, piccola troia?" Le ho dato una pacca sulla coscia, facendola sussultare. Lei annuì ancora. "Sì... adesso mi succhierai il cazzo... sai cos'è un cazzo, tesoro?" Scosse la testa. "Ti farò vedere..." Tirai fuori il cazzo e cominciai a strofinare l'asta. Le ho tolto le mutandine dalla bocca e ho infilato dentro il mio cazzo, facendola soffocare e farfugliare.
"NO!" ha provato a urlare soffocando, ma l'ho spinta ancora di più. Le ho detto di leccarne la parte superiore e lei lo ha fatto, non volendo che la colpissi di nuovo. Sentivo che stavo per venire, quindi l'ho spinta via. L'ho presa per le ascelle e l'ho gettata a terra, togliendole il fiato dai polmoni. La faccio sdraiare sulla schiena e metto la punta del mio cazzo nella sua piccola figa stretta. Mi sono sdraiato sopra di lei, quasi schiacciandola. Ho spinto dentro il mio cazzo, facendola urlare di agonia. Le ho coperto la bocca con la mano e l'ho speronata, il sangue mi colava sul cazzo. Non mi sarei mai aspettato così tanto sangue. "Oh, sì... sì, tesoro. Ti colpirò... cazzo, sì!" Ho gridato sopra le sue urla. L'eccitazione di scopare una figa così stretta mi ha fatto venir voglia di venirle dentro. Ho iniziato ad accelerare il ritmo, finché il mio sperma non è esploso dentro di lei. Mi sono tirato fuori da lei e mi sono lasciato cadere accanto a lei. Mi alzai sul gomito e la guardai singhiozzare.
"Andiamo", dissi, prendendola in braccio. L'ho portata nella stanza di Jake e le ho preso dei vestiti da indossare. Quando si fu vestita la portai di sotto e le infilai il cappotto, senza preoccuparmi di pulirle il sangue dalla figa. Le ho consegnato la sua borsa da scuola e l'ho portata fuori dalla porta. La presi in braccio e mi avvolsi le gambe intorno alla vita mentre camminavamo verso la macchina. La sdraiai sul sedile posteriore e mi allontanai verso la parte cattiva della città. Mi sono fermato in un vicolo pieno di graffiti e l'ho lasciata cadere nel vicolo. Ha iniziato a piangere di nuovo, chiedendomi perché la stavo lasciando. "Non mi servirai più di te" alzai le spalle, prima di tornare a casa per ripulire il disastro.

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.2K I più visti

Likes 1

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.