LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

1.1KReport
LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato davvero di non fissarla, ma quei suoi piccoli capezzoli duri da cancellare risaltavano contro il materiale bianco della sua camicia come un invito. Ancora una volta il capitano rigido è cresciuto.

Una volta che abbiamo lasciato le strade principali e siamo tornati nel mio quartiere, lo stile di guida di Lissa è cambiato radicalmente. Con questo piccolo sorriso di traverso e un battito di ciglia, ha scalato due marce e l'ha messa a terra, con il risultato che le gomme hanno emesso un forte stridio mentre siamo stati immediatamente lanciati in avanti. Costantemente il tachimetro ha superato la parte superiore dell'indicatore fino a quando non è iniziato dall'altra parte in aree che non ho mai osato. Il quartiere iniziò a scorrere a un ritmo sempre crescente mentre superavamo facilmente le 120 miglia all'ora. Con un rapido movimento Lissa raggiunse la consolle centrale e premette il pulsante per l'apertura del cancello. Alla velocità con cui stavamo avanzando, se i pesanti cancelli di ferro non si fossero aperti, lo schianto sarebbe stato orrendo.

Ho guardato Lissa che era concentrata esclusivamente sulla strada. L'espressione sul suo viso non dava la minima indicazione che fosse minimamente preoccupata. Quanto a me, il mio culo era chiuso così forte che avrei potuto cagare un diamante se mi avessi dato un pezzo di carbone. "Non pensi che stiamo andando un po' veloci?!" chiesi mentre tornavo a guardare fuori dalla finestra i cancelli di ferro che si avvicinavano rapidamente.

"Stiamo bene", rispose Lissa mentre stringeva la presa sul volante e premeva l'acceleratore fino in fondo.

Ho quasi chiuso gli occhi quando abbiamo attraversato i cancelli a più di 140 miglia all'ora. Onestamente non so come ce l'abbiamo fatta, considerando che i cancelli non erano completamente aperti. Era proprio come quando eravamo andati al centro commerciale. Non poteva esserci più di un millimetro di spazio su entrambi i lati quando passammo attraverso la stretta apertura. Non appena abbiamo superato il cancello, Lissa ha iniziato a scendere spostandosi e frenando pesantemente mentre facevamo le ultime curve fino alla casa. Con un leggero slittamento delle gomme l'auto si fermò bruscamente proprio davanti alla porta d'ingresso.

«Missione compiuta», disse Lissa scherzando mentre spegneva il motore e tirava il freno di emergenza.

L'auto stava facendo questi piccoli ping e scoppi mentre il motore caldo e la trasmissione cominciavano a raffreddarsi. "Santo cielo!" esclamai mentre sedevo praticamente immobile, ancora incerto su cosa fosse appena successo. "È stato incredibile", ho continuato mentre giravo la testa a sinistra per guardare il mio bellissimo autista biondo. Fu proprio in quel momento che vidi Lissa rimettere a posto lo specchietto del guidatore. Qualche volta durante l'intero episodio l'aveva arrotolata con la mano vicino alla portiera della macchina in modo che potessimo liberare i cancelli. Mentre scendeva dall'auto non riuscivo a capire se il mio cuore stesse correndo per il vialetto fino a casa, o dalla vista del suo culo stretto e coperto di jeans. In entrambi i casi, Lissa cominciava a piacermi molto.

Per la maggior parte della metà della giornata e la maggior parte del pomeriggio non ho visto troppo Lissa anche se la casa era un turbinio di attività. Lissa si era messa all'ultimo momento per organizzare insieme la mia festa di compleanno. Quando l'ho vista stava camminando da un posto all'altro della casa con il cellulare in mano. Con il telefono all'orecchio stava ordinando qualcosa o dando indicazioni e tempi come questo erano stati pianificati fin dall'inizio. Quando mi ha visto, quel suo splendido sorriso mi ha sciolto le viscere come burro caldo sopra una pila di frittelle fumanti.

Verso le 4 abbiamo entrambi girato lo stesso angolo della casa da direzioni opposte e ci siamo incrociati. L'arresto improvviso ci ha colti entrambi alla sprovvista, con il risultato che la sua mano libera si è avvolta saldamente intorno alla mia vita mentre io istintivamente l'ho avvolta tra le mie braccia per impedirle di cadere. In quell'istante... ci siamo bloccati sul posto. Nessuno dei due correva il rischio di cadere, eppure entrambi tenevano saldamente l'altro tra le braccia. Immediatamente Lissa continuò con le ultime istruzioni, senza tentare di staccarsi da me mentre parlava. La sua presa cambiò da una fermezza difensiva a qualcosa di più simile a un morbido abbraccio mentre appoggiava il suo corpo accanto al mio. Anche la presa della sua mano è cambiata da una presa improvvisa a qualcosa di solido a cullare delicatamente la mia vita.

"Ok", ha detto in conclusione poco prima di riagganciare il telefono. “Questo dovrebbe bastare. I ristoratori saranno qui alle 6:30 insieme a tutto il resto ", ha detto mentre mi guardava negli occhi mentre si infilava il cellulare nella tasca posteriore dei pantaloni.

"Grazie per averlo fatto", dissi mentre facevo un passo coraggioso e le davo una piccola stretta.

Un ampio sorriso apparve sul suo viso quando sentì l'ulteriore pressione delle mie braccia. Con passi sempre così piccoli si è avvicinata a me mentre la sua mano che un tempo brandiva il telefono si è unita all'altro braccio intorno alla mia vita. Immediatamente ho potuto sentire il caldo calore del suo inguine contro la mia coscia quando il suo piede destro ha preso posizione tra i miei piedi mentre il suo piede sinistro ha fatto chiudere le sue gambe attorno alla mia gamba destra.

“Beh,” disse mentre si stringeva a me, “tu compi 18 anni solo una volta. Inoltre ", ha detto mentre questo piccolo sorriso malvagio le appariva sul viso," sarà divertente.

Non mi ero mai sentito così a mio agio con nessuno in vita mia. Anche in questa situazione con le mie braccia intorno a questa giovane donna e lei che mi abbracciava, a cui non ero stato nemmeno lontanamente vicino, mi sentivo a mio agio. Mentre guardavo i suoi luminosi occhi verde smeraldo, mi sono perso nel momento. Senza nemmeno pensarci mi chinai e la baciai sulle labbra. Non è stato niente di spettacolare, solo una bella pressione costante per mostrare il mio apprezzamento, ma comunque un bacio. Mentre mi alzavo, vidi i suoi occhi aprirsi lentamente, seguiti da un sorriso sempre più ampio. Immediatamente il mio cuore iniziò a martellarmi nel petto. Questa era la prima volta che baciavo una ragazza vera e non ci avevo nemmeno pensato! È appena successo!

"Mmmm", mormorò dolcemente mentre guardava da un occhio all'altro prima di esaminare il resto del mio ensemble. "Non ti ho preso per un tale donnaiolo."

Ero perso. Senza nemmeno pensarci mi ero avventurato in un territorio a cui non avevo pensato o pianificato, eppure eccomi qui con questa splendida ragazza tra le mie braccia che mi guardava come se fossi il re dell'universo! "Beh... uh..." balbettai mentre lasciavo la presa su di lei e facevo un piccolo passo indietro. "Mi dispiace", sono riuscito a malapena a uscire mentre un'enorme ondata di paura mi ha attraversato. "Io... ehm... non volevo farlo."

"Oh sì, l'hai fatto", rispose molto dolcemente mentre faceva un passo verso di me per colmare il divario tra noi. "Non aver paura, David", continuò mentre mi afferrava delicatamente la mano e se la tirava verso la pancia. Mi guardò dritto negli occhi prima di parlare di nuovo. "È stato molto bello. Inoltre, ti sembro sconvolto?

No, non l'ha fatto. In effetti, semmai, sembrava che la sua velocità al minimo fosse appena aumentata. Ero ancora perplesso mentre guardavo a casaccio dal suo viso alle sue tette fino al pavimento. Non sapevo dove avrebbero dovuto essere i miei occhi o cosa avrebbe dovuto fare il resto di me. Tranne un posto. Capitano Legno. La rigidità che stavo sfoggiando ora stava tendendo la cerniera dei miei pantaloni come se l'aria stesse diventando una merce perduta. Di tutti i luoghi in cui reagire doveva essere lui. E con la sua mossa successiva, la situazione nei miei pantaloni è peggiorata molto. Lissa si limitò a guardarmi in faccia con calma mentre portava lentamente la mia mano ora tremante tra i suoi seni e se la posava esattamente sul petto.

«Vedi», disse mentre si mordeva l'angolo del labbro, «non c'è niente di cui aver paura. Sono solo io."

"Lo so", risposi mentre uno strano tipo di calma cominciava a travolgermi. "Non ho mai baciato nessuno prima d'ora." La mia ammissione di essere una "principiante" ha fermato Lissa di colpo. Non sono sicuro di cosa stesse cercando di capire, ma potrei dire che stava pensando agli ultimi secondi in modo piuttosto dettagliato. Mentre pensava, questo bel sorriso sottile abbelliva lentamente la bellezza impeccabile del suo viso.

"Vieni qui", disse mentre allungò la mano sinistra e la posò delicatamente sulla mia nuca, "Voglio dirti una cosa", disse mentre mi tirava delicatamente il collo, esortandomi ad abbassarmi al suo livello.

La mia inesperienza ha davvero preso i riflettori mentre mi chinavo, aspettandomi che mi dicesse qualcosa in tranquilla confidenza. Quello che è successo dopo ha riscritto la mia storia per sempre. Con la più sottile delle mosse sono stato accolto da un bacio a bocca aperta molto appassionato. La presa di Lissa sul retro del mio collo mi ha impedito di alzare la testa da lei, non che volessi, ma era una rassicurazione che era decisamente qualcosa apposta. La morbidezza delle sue labbra unita alla sua lingua che cercava di farsi strada nella mia bocca mi spinse solo a ricambiare e ricambiare il bacio. Tutto quello che posso dire è come ci si sente da parte mia. Scintille sono esplose dal cielo in tutte le direzioni mentre le gettavo le braccia al collo e le baciavo la schiena con 18 anni di passione e desiderio.

Solo un leggero piagnucolio provenne da Lissa quando le avvolsi entrambe le braccia attorno al busto e rafforzai la presa, tenendola contro di me in un abbraccio stretto. Quando la sua mano libera si unì all'altra dietro il mio collo, la strinsi contro di me e mi alzai in piedi, sollevandola dal pavimento. Era pesante, o almeno così pensavo. Ma poi di nuovo non sono nemmeno un atleta sportivo. Ma mi ha sorpreso un po' quanto fosse pesante. Ma quando ci ho pensato più tardi, essendo obiettiva, sembrava solida come una roccia. Quindi era logico che una ragazza fisicamente attiva come lei fosse pesante e tesa. Tutto quello che sapevo davvero in quel momento era che ero in una seria chiusura labiale con questa splendida ragazza e lei non stava protestando minimamente.

Quando fui completamente in piedi, Lissa sollevò le gambe e me le avvolse intorno alla vita, bloccando le caviglie dietro la mia schiena. Questo mi ha tolto un po' di sforzo dalle braccia, il che è stato un bene. Stavo cominciando a lottare solo un po' con il suo peso. Deve averlo notato perché si staccò dal nostro bacio e mi guardò dritto negli occhi. "David, ho un regalo speciale per te", disse mentre i suoi occhi si spostavano avanti e indietro dal guardare direttamente uno dei miei occhi prima di spostarsi per guardare direttamente nell'altro. Il cuore mi batteva forte contro il petto mentre guardavo indietro nelle tranquille pozze color smeraldo del suo sguardo. "Ma qui nel corridoio non è dove voglio che tu lo tenga."

Potrei essere nuovo in questo, ma non avevo bisogno di un invito inciso o di segnali di fumo per dirmi cosa fare dopo. Il Capitano Wood mi copriva già le spalle. Abbassando entrambe le mani nella mossa più audace che abbia mai fatto in vita mia, ho preso una buona presa sul suo culo prima di voltarmi e dirigermi verso la mia camera da letto. "Ti piacerà questo", disse piano mentre masticava giocosamente il mio lobo dell'orecchio destro. Per una volta ero completamente d'accordo con lei.

Entrando nella mia camera da letto era come se tutto fosse automatico. Mi sono avvicinato al mio letto e mi sono fermato con le ginocchia appena appoggiate al materasso. Immediatamente Lissa abbassò entrambi i suoi piedi coperti di calzini da dietro la mia schiena e si alzò. Con l'aggiunta del letto ora era tutta una testa più alta di me, mettendo la mia faccia direttamente tra i suoi seni. Non appena le sue mani si sono posate sulla mia nuca mi sono tuffata, baciandola tra i suoi seni sul tessuto bianco della sua maglietta. Non ho mai notato i suoi movimenti fino a quando la camicia bianca non è scomparsa all'improvviso mentre se la tirava su sopra la testa solo per scartarla di lato. Immediatamente i miei occhi si riempirono della vista di quei due seni vivaci con i capezzoli induriti che erano rimasti nascosti per tutto il giorno.

Hai mai visto come due magneti reagiscono tra loro su una superficie liscia? Il movimento potrebbe essere un po' lento all'inizio, ma man mano che si avvicinano accelerano drammaticamente fino a quando non si scontrano. Questo è l'unico modo in cui posso descrivere come le mie mani hanno reagito agli splendidi globi foderati di abbronzatura direttamente davanti al mio viso. Essendo sodo e caldo cominciai subito a stringerli dolcemente mentre la mia bocca andava da un capezzolo all'altro, succhiando e leccando come un bambino affamato. Solo il più morbido dei mormorii risuonava da Lissa mentre il mio primo sogno di una vita stava diventando realtà. Quando finalmente parlò fu pura musica.

"Mmmm sì David", tubò mentre le sue dita passavano avanti e indietro tra i miei capelli, "È così bello."

Mi sentivo così bene ea mio agio mentre succhiavo i seni di Lissa. È difficile da descrivere ma sembrava la cosa naturale da fare, quasi una necessità. Il nervosismo e la paura che avevo prima quando l'avevo baciata per la prima volta non erano più nemmeno un ricordo. Rimase dentro di me solo la spinta a sentirla e sperimentarla. E i miei sospetti su di lei erano fondati. Mentre muovevo le mani sulla sua pancia potevo sentire i suoi addominali sodi e la tensione del suo corpo. Sicuramente era fisicamente in forma.

Lissa si limitò a canticchiare dolcemente mentre io baciavo il suo addome per fermarmi brevemente all'ombelico. Le sue dita mi sfioravano continuamente i capelli finché le mie mani non si fermarono sui globi stretti del suo sedere. Fu solo allora che lasciò la presa gentile sulla mia nuca. Spingendosi indietro da me solo un po' le ha dato l'opportunità di allungarsi tra di noi e slacciarsi i jeans. Questo da solo avrebbe dovuto mandare il mio battito cardiaco alle stelle, ma il suo dolce ronzio rimaneva un promemoria costante che mi voleva dov'ero e che le mie azioni erano sulla buona strada.

Un leggero strattone qui, e due rapidi passi là e ora Lissa era davanti a me con indosso solo un perizoma rosa. Sembrava assolutamente favolosa! Con la piccola distanza tra di noi ho colto l'occasione per vederla dalla testa ai piedi. Se mai ci fosse stato il culmine esatto di tutti i miei sogni bagnati messi insieme in una volta, lei era proprio di fronte a me sul MIO letto! In quell'istante mi bloccai sul posto.

"David", la sua voce gentile mi fece cenno di guardarla in faccia. "Vuoi unirti a me?" Non appena disse questo si voltò e si avvicinò alla testata del mio letto. Con il piede destro ha tirato indietro le coperte in modo da potersi sedere proprio dove avevo dormito per tante notti solitarie. "Ecco", disse mentre si sdraiava sulla schiena e agganciava le due cinghie del perizoma con i pollici. Con una mossa rapida fece scivolare giù il minuscolo indumento e lo gettò da parte. "Lascia che ti apra il tuo regalo." Non appena l'aveva detto, le sue gambe si spalancarono per esporre la sua figa stretta con la più piccola delle piste di atterraggio proprio sopra di essa.

Hai mai visto un mago dire "Ala-ka-zam" e un coniglio apparire improvvisamente dal nulla? I miei vestiti non sarebbero potuti scomparire e più velocemente che se mi avesse ficcato la sua bacchetta magica su per il culo con la potenza impostata al massimo! Lissa non ha nemmeno avuto la possibilità di mettersi completamente a suo agio prima che io fossi sopra di lei con tutti gli 8 pollici del mio cazzo sepolti dentro di lei. "Ah sì", tubò mentre iniziavo un ritmo costante, "ecco fatto." Con fermezza mi sono avvicinato a Lissa quasi senza riguardo per lei. Si sentiva così fantastica. D'altra parte, non ero mai stato dentro una ragazza prima, quindi non avevo davvero niente con cui confrontarla. Tutto quello che sapevo è che era fantastico scivolare nel suo corpo.

Lissa era semplicemente sdraiata sulla schiena, con le mani che le afferravano la parte posteriore delle ginocchia mentre mi guardava con questo strano tipo di sorriso sul viso. È stato fantastico perché qualunque cosa facessi, spinte profonde e dure, o superficiali e gentili, lei mi guardava continuamente con questo sguardo soddisfatto di soddisfazione che mi spingeva e mi incoraggiava a scoparla più forte.

"Ti piace lì dentro, vero?" domandò con questo sorrisetto timido.

Mentre facevo del mio meglio per raggiungere le sue tonsille attraverso la figa, la guardai. "Cosa ti dà quell'idea?" Riuscivo a malapena ad ansimare mentre la martellavo come un fottuto giocattolo che avevo acquistato online.

"Beh," iniziò quando la sentii stringermi con la sua figa, "considerando quanto sei dentro di me... devo sentirmi bene."

"Stai scherzando?" Ansimai mentre tornavo ai colpi più lunghi e profondi che potevo gestire senza tirarmi fuori da lei. "Sei fantastico!"

"Ti dirò una cosa", disse mentre cambiava posizione in modo da poter allargare le gambe il più possibile tirando la parte posteriore delle ginocchia con entrambe le mani, "Voglio che tu sia altrettanto a tuo agio dentro di me come sei intorno a me. Quindi,... che ne dici di fottermi fino a quando vuoi? E quando sei pronto, spara il tuo carico dentro di me. Quando ha detto questo ha sorriso davvero grande e ha mosso il culo avanti e indietro invitandomi a fare esattamente quello che aveva appena detto.

Puoi dire sovraccarico di sistema?! Penso di aver gestito altri cinque o sei colpi prima di sbattere il mio inguine contro di lei e far esplodere gli ultimi 6 anni di ormoni il ​​più in alto possibile dentro di lei. Non appena ha sentito il mio cazzo gonfiarsi, le sue mani mi hanno immediatamente afferrato per il culo e mi hanno tirato dentro di lei con una forza che non pensavo possedesse e anche una che non mi sarei mai aspettato. Inarcai la schiena e affondai le dita nel materasso proprio vicino alla sua vita mentre il mio corpo si irrigidiva durante il mio rilascio.

"Oh sì... Eccolo!" sibilò a denti stretti mentre il mio cazzo faceva esplodere ripetutamente il mio sperma nelle sue profondità, "Sborra dentro di me piccola!"

Mio Dio è stata fantastica! Ho sussultato in modo incontrollabile diverse volte mentre il mio cazzo spingeva il mio deposito dentro di lei. Lissa si limitò a canticchiare molto piano e mi tenne fermo finché ogni spasimo non fu passato. Quando le sue mani rilasciarono lentamente la pressione sul mio sedere, sentii le sue caviglie posarsi dolcemente sulla parte posteriore delle mie gambe. Non mi teneva fermo, ma piuttosto mi ricordava che non avevo davvero bisogno di andare da nessuna parte. Ho lasciato cadere la faccia sul cuscino proprio accanto al suo orecchio destro e ho iniziato a respirare affannosamente. Mi aveva davvero tolto molto.

Mentre chiudevo le braccia lungo i suoi fianchi, sentii la sua mano posarsi sulla mia nuca. Le sue dita iniziarono a scorrere dolcemente tra i miei capelli mentre la sua mano sinistra si posava al centro della mia schiena. "Buon compleanno David", mi disse piano all'orecchio mentre mi abbracciava molto dolcemente contro i suoi seni nudi.

“Grazie,” ansimai mentre giravo un po' il viso in modo da poterle mordere scherzosamente la spalla.

"Immagino che il tuo piccolo problema sia stato risolto ora, vero?" affermò mentre la sua mano sinistra scendeva per afferrare una mano piena della mia guancia destra.

"Cosa intendi?" chiesi mentre mi sollevavo sui gomiti per poterla guardare dritto in faccia.

"Con i tuoi amici." affermò con un grande sorriso. "Ora puoi presentarmi come la tua ragazza."

DIAVOLO SI! Il sogno di tutti i sogni aveva appena pronunciato le parole magiche. Senza nemmeno pensarci ho iniziato a pomparmi dentro e fuori di nuovo da lei. Non so se sia stata la gioia di sentire quelle parole o che fosse la mia prima volta, tutto quello che sapevo è che la mia erezione era ancora dura come l'acciaio e la mia nuova ragazza non aveva intenzione di alzarsi o spingermi via.

Abbiamo scopato in ogni posizione a cui potessi pensare per l'ora successiva senza mai permettere al mio cazzo di ritirarsi da lei. Ad ogni nuova posizione le venivo profondamente dentro, prosciugando un po' di più le mie palle e allungando ogni volta la mia resistenza. Al mio quinto orgasmo ero al limite. Mi stavo stancando perché ci sono voluti quasi quindici minuti di un lavoro davvero faticoso perché arrivasse il mio ultimo orgasmo. Lissa sembrava prendere tutto con calma. In realtà sono rimasto sorpreso dal fatto che il suo cavallo non fosse solo un pasticcio sciatto a questo punto. Al contrario, era ferma e bagnata come quando abbiamo iniziato.

Non appena il mio cazzo ha smesso di contrarsi dopo il numero cinque, sono rotolato via da lei e mi sono sdraiato al suo fianco. "Dio mio!" Rimasi senza fiato quando il letto e il cuscino minacciarono di farmi addormentare immediatamente.

"Ne hai avuto abbastanza?" chiese Lissa sollevandosi su un gomito per guardarmi.

Potevo solo sorridere mentre la guardavo negli occhi per la prima volta prima che il mio sguardo si spostasse verso il soffitto. "È stato assolutamente incredibile." commentai mentre lei disegnava piccoli cerchi intorno al mio capezzolo destro con il dito. "Penso di aver bisogno di una pausa."

"Posso capirlo", rispose lei mentre appiattiva la mano e la posava direttamente sul centro del mio petto. "Questo è stato sicuramente il migliore che abbia mai avuto."

Non potevo fare a meno di sentirmi completamente a mio agio con lei. Tutto in lei diceva che era giusto e che doveva esserlo. Con un'ultima occhiata fissa al suo volto sorridente, chiusi gli occhi e mi addormentai. Non potrei essere più felice.

Un'ora dopo fui bruscamente svegliato dalla sveglia. Lissa non si vedeva da nessuna parte ma aveva lasciato un biglietto sul mio petto. La bella scrittura corsiva lo diceva abbastanza semplicemente: “Il catering sarà qui alle 6:30 e i tuoi amici dovrebbero iniziare ad arrivare alle 7. Pulisci e vestiti. Ho preparato qualcosa per te sul nostro comò. Sarò in giro. Era firmato con una faccina sorridente all'interno di un cuore. Mi sentivo come un milione di dollari. Ho una ragazza e ho scopato il giorno del mio diciottesimo compleanno. Quanto meglio potrebbe andare?!

Dopo una doccia veloce sono andato al mio cassettone per vedere cosa aveva "preparato" per me. Con mia sorpresa era la mia maglietta da gioco preferita e i blue jeans. Come diavolo faceva a sapere che questa era la mia cosa preferita di tutti i tempi da indossare quando stavo salvando il pianeta? In realtà non mi importava molto perché mi sarei sentito molto a mio agio, potevo solo sentirlo. E stasera stavo per prendere a calci in culo!

Mentre entravo nella tana per assicurarmi di avere tutto ciò di cui avevo bisogno, arrivò il primo dei ristoratori. Sono rimasto davvero scioccato quando hanno iniziato a trasportare e assemblare il nuovo televisore a schermo piatto Samsung da 170 pollici insieme a un incredibile sistema audio surround. Non riuscivo a credere a quanto fosse imponente questa cosa quando un'intera squadra di tecnici ha iniziato a far passare fili e cavi mentre i pannelli piatti venivano collegati. La mia squadra cagherà quando vedrà questo!

Circa a metà dell'assemblaggio è arrivato un altro team di tecnici e ha iniziato a collegare una workstation multimediale raffreddata a liquido 18X-Core con tutti gli accessori necessari affinché tutto il mio equipaggio potesse giocare contemporaneamente. Questa sarebbe stata la serata di gioco di tutte le notti! Tutto il mio equipaggio avrebbe giocato contemporaneamente invece che in squadre. Mentre mi fermavo a guardare la tana trasformarsi nel luogo di gioco più fantastico di sempre, il citofono della casa squillò.

"David", ho sentito la voce di Lissa arrivare mentre mi avvicinavo al pannello per premere il pulsante. "Ci vediamo davanti alla porta, per favore?" continuò prima che potessi fare qualsiasi cosa.

"Sto arrivando." Almeno adesso sapevo dov'era. La mia casa è di ventimila piedi quadrati con diverse ali. Avere il citofono è quasi una necessità quando si cerca di trovare qualcuno tra le 22 stanze. Funziona al meglio per una corsa al frigorifero quando il mio equipaggio è finito. Chi perde il sorteggio deve correre. Il resto di noi aspetterà che siano in cucina prima di mettersi al citofono per caricarli praticamente di tutto nell'armadio degli snack. È cattivo con loro ma divertente per il resto di noi.

In tutta la casa c'erano diversi gruppi di ristoratori con vari lavori. La cucina e la sala da pranzo sembrano essere le zone a più alta concentrazione di persone. E gli odori del cibo mi facevano brontolare lo stomaco. Non solo ci sarebbero stati dei giochi seri, ma i pasti sarebbero stati fuori scala.

Quando ho girato l'angolo per il vestibolo i miei occhi sono stati trattati da una visione assoluta di bellezza. Lissa era vestita con un abito nero corto con spalline sottili che le salivano sulle spalle e una linea dell'orlo che era ben al di sopra della metà delle sue cosce. Indossava anche la calzamaglia nera che avevo visto nella borsa al centro commerciale insieme a lucide scarpe col tacco alto. La mia mascella doveva essere spalancata quando l'ho vista perché lei ha subito ridacchiato per l'espressione che stavo sfoggiando. Dandosi una rapida occhiata, si stirò il vestito sulla pancia con le mani prima di riportare lo sguardo sul mio viso. L'altra cosa che ho notato è che invece di avere i capelli raccolti in una grande coda di cavallo dietro la testa, li portava sciolti, così le scorrevano liberamente sulle spalle e lungo la schiena. Mio dio…………era stupenda.

"Wow" dissi mentre mi avvicinavo a lei mentre bevevo la sua bellezza. "Stai benissimo!"

"Grazie", rispose tranquillamente con un sorriso molto piacevole sul viso mentre faceva un passo per allargare i piedi. "È tutto per te. Ti piace?"

Che razza di domanda era?! Ecco cosa è successo al Capitano Wood nei miei pantaloni non appena ho messo gli occhi su di lei. TOGLIERE! Immediata rigidità. E non solo un teaser, sto parlando di un pieno di acciaio al titanio duro. I leoni affamati che girano intorno a un agnello catturato non avrebbero l'acquolina in bocca come la mia in quel momento. Non avevo assolutamente parole in quel momento e rimasi lì come un idiota a fissarla.

"Ehi," disse mentre si allungava rapidamente per afferrare la mia mano. “Sono solo io…….. ricordi?” disse mentre sollevava di nuovo la mia mano e se la metteva sulla parte piatta del petto, direttamente tra i suoi seni.

Cosa mi era successo?! Mi sentivo come se stessi per esplodere mentre mi sentivo così calmo e sicuro intorno a lei. Volevo scoparla così forte che non sarebbe mai più riuscita a riunire le gambe, ma volevo anche cullarla accanto a me. Tutti questi sentimenti mi hanno martellato mentre stavo lì come un cervo catturato dai fari. Ero completamente spacciato. Mentre il mio cervello si affannava a trovare una specie di risposta, suonò il campanello. "Salvato dal campanello" pensai tra me mentre Lissa si girava velocemente per aprire la porta d'ingresso principale della casa. Che la festa abbia inizio!

Quando la porta si aprì, tutto il mio equipaggio era lì. Stavano tutti chiacchierando avanti e indietro mentre alcuni di loro guardavano i vari veicoli di catering sparsi in vari punti davanti alla casa. Non appena la porta si aprì e Lissa fece un passo avanti, si zittirono tutti immediatamente. «Buonasera a tutti», disse Lissa mentre spingeva completamente le due pesanti porte. "Benvenuto."

Potevo capire la reazione dei ragazzi della mia troupe al primo vedere Lissa. Lei è assolutamente meravigliosa. Ma ciò che mi ha sorpreso sono stati gli sguardi di Karen, Sarah e Maria. Anche loro sono rimasti sorpresi dalla bellezza di Lissa. Era giunto il momento per l'uomo del momento di prendere la prima linea. "YO!" dissi mentre saltavo sulla scena direttamente accanto a Lissa. Immediatamente tutti si rilassarono e i sorrisi apparvero sui loro volti.

"Buon compleanno fratello", ha detto Rock mentre si alzava per primo dal gruppo per darmi una stretta di mano e un tocco sulle nocche. "Amico, che succede con il catering?"

"È stata un'idea di Lissa", dissi mentre gli facevo una piccola botta sul petto.

"Freddo." Poi si voltò verso Lissa. "Ciao Lissa", disse mentre mi oltrepassava e tendeva la mano verso di lei.

"Ehi Mark", rispose lei mentre gli dava una rapida stretta di mano seguita da un pezzo di roccia. "Dirigetevi verso la tana o la cucina, arriveremo tra poco."

"Amico", disse Ax mentre si avvicinava. "Buon compleanno come tutti i formali e merda." disse mentre mi stringeva la mano prima di voltarsi verso Lissa.

"Entra e basta in casa", dissi mentre lo spingevo di lato.

"Yo Lissa", disse Ax mentre si avvicinava a lei e la scrutava dalla testa ai piedi. "Wow, abbigliamento gustoso."

"Grazie Tony", rispose Lissa mentre gli scambiava circa cinque diverse strette di mano in rapida successione. "Vai a trovare Rock, arriviamo tra un minuto."

Karen (alias Grinder) si è fatta avanti. È uno dei motivi principali per cui mi sono appassionato ai giochi in primo luogo. Essendo stato amico di lei sin dalla prima elementare, non la consideravo una ragazza. Era solo un'amica che è stata costruita in modo leggermente diverso, ma con lo stesso tipo di guida di me. I suoi capelli castani e la corporatura semi-snella erano facilmente nascosti nei suoi jeans larghi e nelle camicie larghe di metallo pesante. Quando aveva i capelli tirati indietro con un berretto da baseball, poteva facilmente passare per un tizio all'osservatore casuale. Stasera, è stata fedele alla forma indossando una maglietta dei Metallica, jeans larghi larghi e un cappellino da baseball al contrario. Era la stessa vecchia Grinder che ho sempre conosciuto.

"Yo Grinder", dissi mentre alzavo la mano aperta per un ¾ alto cinque. "Cosa succede?"

"Amico", rispose mentre si metteva tra me e Lissa e batteva il palmo contro il mio. “Sono nella zona di uccisione completa stasera reggiseno. Allora, cos'è il fiocco di neve? disse mentre osservava Lissa dalla testa ai piedi.

"Karen", dissi mentre mi giravo per presentarla formalmente a Lissa, "Questa è la mia ragazza, Lissa C." Le parole suonarono strane uscendo dalla mia bocca mentre la presentavo a Lissa.

"Fidanzata?" fece eco mentre osservava Lissa dalla testa ai piedi. "Mi sembra più una trappola per uomini". disse mentre si avvicinava alla mia destra per affrontare Lissa frontalmente.

"Non una trappola per uomini", rispose Lissa mentre guardava Grinder dalla testa ai piedi. "Più simile a una baia di sicurezza", ha risposto mentre allungava la mano e afferrava delicatamente la mano di Karen.

"Cove of safety eh", ribatté Karen mentre faceva del suo meglio per sembrare dura. "Lo proteggerai dai pericoli?"

"Se necessario", rispose Lissa, dando un'altra occhiata a Karen dalla testa ai piedi. "In realtà è più come un rifugio sicuro in cui riposare se ne ha bisogno." rispose Lissa mentre si alzava in piedi e rafforzava la sua posizione restando ferma.

Karen non era pronta per quel tipo di risposta e rimase bloccata per un momento prima di rispondere. "Fantastico", disse mentre allungava la mano e stringeva la mano di Lissa. "Ha bisogno di qualcuno come te da molto tempo."

Lissa si limitò a sorridere mentre ricambiava la stretta di mano. "Vai in cucina, arriviamo tra un minuto."

E così è andata con il resto del mio equipaggio. Successivamente Lissa ha incontrato Wedge (Sara), seguita da Flack (Eric), Storm (Maria) e Blaster (Kevin). Tutti avevano la loro opinione su Lissa. Ma a suo merito Lissa è rimasta sempre così calma e raccolta quando ha avuto la sua prima interazione con ciascuno di loro. È stato fantastico perché Grinder e Axe erano probabilmente i due con cui era più difficile andare d'accordo tra tutti loro. Lissa li ha salutati e spinti da parte come bestiame che va al macello. Era strano il modo in cui li gestiva. Ero solo grato che fosse con me e non contro di me.

Mentre Blaster si dirigeva lungo il corridoio verso la cucina, Lissa si prese l'attimo per sussurrarmi qualcosa all'orecchio che mi scosse fin nel profondo. “Just so you know,” she said just before she closed both of the entry doors and locked them. “I’m not wearing any panties.” And with that said she casually gave me a kiss on the lips before she turned and headed up the hallway after my friends like she did not have a care in the world. Can you say raging hard on?

Everyone grabbed something to eat out of the kitchen before heading for the den. Immediately the air was filled with ‘Oooh’s and Wow’s’ as everyone first laid their eyes on the massive gaming center on the far side of the room.

“Dude this is sick!” Flack sang out as he plopped down on the couch that faced the massive TV screen.

“Move over dip shit,” I said as I took my usual position right in the middle of the couch.

Immediately we were followed by the rest of the crew who were jabbering back and forth about everything. The drinks and plates immediately piled up on the coffee table as everyone grabbed a hand set and headset for the upcoming battle. As everyone began to get comfortable Lissa walked out in front of the big screen and cleared her throat. Almost immediately silence filled the room.

“Hey you guys,” she started out as she scoped my crew from left to right. “Thank you all for coming.” Everyone had their eyes glued to her as she spoke and I could understand why. The black stockings encasing her legs showed just the slightest bit of the lacy black garter from the edge of her high hemmed skirt. Her look was absolutely stunning. Better than any of the pictures in my adult magazine. “Happy birthday David.” she said out loud and she began to clap her hands. Immediately cheers and applause rang out from my crew. When the pats on the back and the jokes about being old subsided Lissa continued. “To help celebrate David’s birthday his dad has sent this new game for you guys to try out. It’s called Operation Moonlight. It’s a variant to the Halo series you guys are so familiar with, but it has a more realistic feel and better graphics.”

“Dude this is awesome!” a few of my crew stated along with a “Hell yea!” from Storm and “No fucking way” from Rock.

“And if you guys don’t mind a newbie,” Lissa stated as she pressed the button on the remote she had in her hand to start up the game, “I’d like to join you.”

All I can say is that the graphics were just as Lissa had described, crisp and sharp. After just a few minutes of picking out our players and arming up, the battling began. We broke out of an APC (Armored Personnel Carrier) at the edge of a large shipping container staging area and headed right into the shit. Immediately gunfire from our front and left began hitting the containers, sending all of us scrambling for cover. What was really cool was as we separated, the screen would divide up, allowing each of us an individual screen for isolated combat while the remainder stayed with the large group. Combat chatter immediately broke out between us as weapons began firing and explosions resonated throughout the whole den.

For almost 20 minutes the 9 of us blasted our way across the large shipping container area before Grinder caught an RPG and virtually vaporized on the spot. “Damn it!” she hollered as she dropped her hands to her lap in disgust.

“Dude that was wicked!” Flack laughed out as he gave Karen a nudge in the ribs with his elbow. “You turned into spray!”

“Ha, ha, ha,” she retorted as she tossed her controller and head set on the table. “Aren’t you just fucking funny.” With that said she got up and headed out of the room toward the kitchen.

It was not more than a second later that Lissa stepped on a land mine, causing her player to completely disappear. “Oh man,” she said as she quickly set her controller and head set down. “So much for the newbie,” she stated as she quietly exited the room in the same direction as Grinder, leaving the rest of us to battle it out to the end.

In the kitchen, Lissa walked in just as Karen stood up from having her head in the refrigerator. As soon as Karen saw the unsuspecting co-occupant of the area she immediately moved her right hand behind herself in an attempt to conceal the contents of her hand. Noting this Lissa just casually strode into the area and took up a position that would keep not only the refrigerator, but Karen in full view as well.

“That kinda sucked about the game,” Lissa opened as she scoped Karen from head to toe.

“Oh yea,” Karen replied as she took a step away from the fridge in a pirouette that kept her right hand concealed. “And just what would you know about it?”

Lissa paused for a moment as she watched the young girl maneuver around the end of the island so she would be concealed from the waist down. “I know that it must be tough for you competing against those guys anytime you open up a gaming session together.”

The observation seemed to diffuse Karen a bit, making her more accepting to a civil conversation rather than one projected from a defensive stand. “You have no idea,” she scoffed as she scoped Lissa from head to toe very thoroughly. Even Karen was taken by the striking beauty of the blonde girl in the short black dress.

“Oh, I can imagine,” Lissa stated as she slowly began walking toward the now disarmed girl on the opposite side of the counter. “Battling it out with a bunch of guys amped up on testosterone is a daunting task for anyone, let alone a girl.” Lissa’s words penetrated through the outer charade of defense Karen had projected and struck at the very core of the young girl as she continued to slowly close the gap between them. “Having to be tough and ruthless yet denying the very creature necessities afforded by the close proximity of aroused males must be extremely frustrating.”

Karen was almost to the point of non-verbalization as she looked into the emerald green pools of the slowly approaching vixen in front of her. “It’s really not too bad once you get used to it,” she stated calmly as her heart began to thump hard in her chest. “There are things you can do to get past it.”

By this time Lissa had traversed her way across the kitchen and was now to the point of rounding the end of the island Karen was using as a shield. As more of the girl came into view Lissa was able to see what she was holding in her right hand. It was a small cucumber about four and a half inches long. Not wanting to put the girl on the defensive again Lissa calmly approached while maintaining eye contact with her. “Oh I can imagine there are many things someone could ‘do’ to cope with the feelings,” Lissa said as she stepped right up to the younger girl who was now virtually frozen in place with her mouth hanging open. “But is it ever as good as the real thing?”

As soon as she said this Lissa leaned forward and kissed Karen with a matching open mouth kiss, causing the girl to almost buckle at her knees and drop to the floor. Without breaking the contact of their mouths Lissa pressed her body against Karen’s’ while her arms slowly encircled her. Only the slightest whimper came from Karen as her eyes immediately closed and she gave in to the pleasurable approach from her host. Pressing herself into the warm embrace, she felt her own breasts flatten out against the soft pressure of Lissa’s breasts. Immediately her pussy went from zero to inferno. It was only when Karen felt Lissa’s hand softly encasing her right breast that she pulled her mouth away.

“What about David?” she queried as Lissa began to gently squeeze her breast. Her breath was beginning to quicken and her temperature was steadily rising as Lissa continued with her gentle approach. “Isn’t he your boyfriend?”

“Do you want him to join us?” Lissa retorted as her right hand came up between Karen’s legs to rest firmly against the small furnace hidden between them. “I could go and get him,” she continued coyly, “but then we couldn’t have our fun.”

Karen gasped at the additional stimulus as Lissa’s fingers began to dig at the material of her jeans. She had never before had an encounter like this with another girl, but the whole situation seemed so natural and necessary. She made no attempt to slow Lissa’s advances, even when she felt Lissa’s hand come up to the waist band of her jeans before diving back down inside both her jeans and panties to cup her now soaking wet sex. “Oh yes,” she was barely able to whisper out as the gentle touch from Lissa’s fingertips caressed the hardened nub of her clit.

Lissa pressed her own crotch against the thigh of Karen as she pressed two fingers up into Karen’s sex. Easily sinking in to the second knuckle Lissa commented as she began stroking steadily at her G-spot. “My goodness, aren’t we wet?!”

Karen gasped and pressed her mouth against Lissa’s as she clutched to the firm young blond that was so expertly manipulating her. “Oh my God!” she gasped out as she pulled her mouth away and rested her forehead against Lissa’s shoulder. "Non fermarti".

“Spread your feet apart,” Lissa stated as she adjusted the angle of her arm so she could reach deep inside her new play toy.

As if on automatic Karen spread her feet apart and even squatted down a little, causing her pussy to open wide to the invasion of fingers from the pretty blonde. Instantly Lissa’s fingers turned into a musical instrument playing the G-spot key of Karen. Bending her wrist so she could reach deep into the young girl, Lissa massaged the pleasure center inside Karen with surgical precision. Almost immediately Karen began cumming on Lissa’s fingers, coating them with a thick layer of cream.

“Why do they call you Grinder,” Lissa asked as she playfully chewed on the right earlobe of her orgasming subject.

“Sometimes,” Karen attempted to answer as one long and continuous orgasm held her in a state of suspended arousal, “when we’re……… in heavy combat……..I grind……….on the arm of the couch.” Her orgasm was so intense she was almost gasping for air as she spoke.

“I see,” Lissa replied as she increased the pressure on Karen’s breast while inserting another finger up her pussy. “And the cucumber?”

“I usually have one……inside me………while we play.” Karen quickly replied. She was almost to the point of collapse as she confessed her deepest secret to the stranger who was so expertly pleasuring her.

“Give it to me.” Lissa stated as she increased the intensity of manipulation of the panting girls clit. Karen blankly raised her right hand to Lissa to display the dark green vegetable. “I mean in your pants please.”

Karen was almost frantic to get her hand into her own jeans. It only took a moment for the exchange before Lissa pushed the cucumber deep into her new found friend. “There you go,” Lissa said before she withdrew her hand from Karen’s jeans. Bringing her cum soaked fingers up to her mouth Lissa quickly licked all of them clean. “David has good taste in friends.” Lissa stated as she took a step back from the gasping girl.

For just a moment Karen gazed at Lissa, not sure if what had just happened between them had actually happened. But in a bold move that surprised herself Karen quickly hugged Lissa to her and kissed her on the lips very passionately. As they parted Karen opened her eyes to look at a smiling Lissa. “Thank you,” was all she said.

A few seconds later the kitchen was filled with the whole crew. Everyone was jabbering back and forth about the graphics and the ‘realism’ of the game as plates were filled with chips and eats of all kinds. Karen and Lissa exchanged one last glance before being swept into the excitement of the crew. As David walked over to Lissa he was met with that million dollar smile he had grown so fond of during the day.

“Hey beautiful,” he said as he put his arms around his new ‘girlfriend’ and gave her a squeeze. “Are you having a good time?”

Lissa looked at him and flashed her white teeth before responding. “Baby,” she said as she clamped both of her hands on to his ass and pulled his groin in hard against her crotch. “I am having a ball!”

The End Ch2

Storie simili

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

Fidanzato Fidanzato 3

Mia madre mi ha chiamato e voleva parlarmi. Ero al lavoro quindi l'ho fatta fermare alla stazione. Alan, ha detto, abbiamo un problema. Che succede?, le ho chiesto, spaventata che potesse aver visto io e Malia abbracciarci in quel modo. Ma ha messo a tacere quella paura. Le tue sorelle Malia e Stephanie non vanno d'accordo. Ho paura che si uccideranno a vicenda, ha detto. Dobbiamo capire cosa possiamo fare affinché almeno possano essere civili l'uno con l'altro. Bene, ho detto, ci penserò su e vedrò cosa posso inventare. Devo lavorare per uno dei ragazzi qui quindi non sarò a casa...

676 I più visti

Likes 0

(2) divertimento in spiaggia per tutti

Mi piaceva portare mia moglie sulla spiaggia per nudisti, soprattutto a metà settimana, quando c'erano principalmente solo ragazzi, avevamo trovato un bel posto proprio tra le dune dove potevamo ancora vedere l'acqua, ma avevamo un po' di privacy, non ci volle molto i ragazzi sapevano che una bella donna era sulla spiaggia, e spesso venivano con noi, per vedere dove eravamo seduti, Prendevo sempre una grande coperta, la stendevo e giacevamo entrambi nudi, Joy con le gambe aperte affinché tutti potessero vederla, i ragazzi si prendevano il loro tempo mentre passavano, la maggior parte felice di stare in piedi e guardarla...

617 I più visti

Likes 1

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.1K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

1.9K I più visti

Likes 0

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

1.3K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.5K I più visti

Likes 0

La cagna di Rachel, capitolo 2: finire quello che ha iniziato

Caratteri Emma - 16 anni Altezza 5 piedi 4 Colore dei capelli biondo Colore degli occhi blu Taglia del seno 34B Rachele - 16 anni Altezza 5 piedi 4 Colore dei capelli biondo Colore degli occhi blu Taglia del seno 34B Emma si limitò a fissare sua sorella. Si voltò verso il suo guardaroba, aprì una delle ante e si guardò allo specchio. Si abbassò per cercare di staccare il tatuaggio. Si stava grattando leggermente ma non stava succedendo niente. Cos'è questo? chiese Emma frustrata. Quello è un tatuaggio. Perché non viene via?! Rachel sollevò la penna che aveva usato per...

1.5K I più visti

Likes 0

Sorveglianza

Sorveglianza. Sono Lana Kreskovi, una cadetta di stanza in una struttura per prigionieri di guerra nella Russia sovietica... la mia vita è questa fortezza, i miei desideri...? beh, dovrai continuare a leggere. Ti invito comunque a curiosare tra le pagine del mio diario...potresti trovare qualcosa che ti piacerà Nome: Kreskovi, Lana Età: 22 Luogo di nascita: Irkutsk, Russia Occhio: blu Capelli: castano scuro/nero Ht. 5'8 Peso 118 Sangue: (AB-) Stato: cadetto, 3 anni. Prigione militare di Zaninsk: Facoltà di sicurezza, membro 10 dicembre 1942 6:03 tutti i sistemi sono normali, tutti i monitor sono operativi... tutte le stanze sono sicure. *Sospiro...

533 I più visti

Likes 0

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

2.7K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.