Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

2KReport
Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

"Eccoci..." gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio.
Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. "Tempo di scarto per tornare a casa." In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto passava un vagone a vapore che trasportava uno o due cittadini dell'anello superiore.
Mentre camminavo, mi resi conto di quello che suonava come un violino a pochi isolati di distanza, vicino alla torre dell'orologio. Mi diressi verso il rumore finché non vidi la piccola folla radunata dietro l'angolo di una strada.
Lasciando che Scrap proseguisse verso la torre dell'orologio, mi fermai ad ascoltare la musica del violino. Era una canzone veloce e vivace, che sollevava l'anima. "Chi sapeva che sapeva suonare il violino?" "C'è qualcosa che non può fare?" La gente sussurrava. Mi sono fatto strada delicatamente oltre le persone che cercavano di vedere da dove provenisse la musica. Alla fine, sono rimasto scioccato.
Le sue dita magre danzavano sulle corde, il legno dipinto di blu luccicava leggermente alla luce del sole al tramonto. Aveva il cappello abbassato sul viso e sembrava ondeggiare dolcemente mentre giocava. La catena del suo orologio da taschino tintinnava leggermente mentre si muoveva. Il Clockmaster era un uomo veramente dotato.
“Maestro dell'Orologio…” sussurrai, mantenendo la mia facciata di leale apprendista. Vedendomi, un sorriso timido apparve sulle sue labbra e improvvisamente smise di suonare. Mettendo il violino blu e l'archetto abbinato nella custodia aperta, improvvisamente dal nulla tirò fuori una rosa, presentandola a me.
Alcune donne strillarono e io lo fissai sbalordito per un momento prima di prenderlo delicatamente. L'ho annusato. Il suo profumo mi ha riportato ai giorni nel giardino di mia madre, tra i suoi tanti fiori e cespugli.
"Un regalo per il mio fedele studente." L'Orologio strascicò con una voce innaturalmente profonda. "Attento alle spine". Annuii leggermente, ancora preso alla sprovvista dal gesto sorprendentemente romantico. L'Orologiaio si chinò, richiuse la custodia e la chiuse con cura. Si alzò dritto e disse: "Vieni ora. Dobbiamo tornare a casa". Annuii, seguendolo.
Non appena la porta della Torre dell'Orologio si chiuse dietro di noi, lasciò cadere la finzione. "Infine. È bello essere a casa!” Disse normalmente, gettando da parte il cappello rivelando onde dolcemente nere e brillanti occhi verdi. "Quando diavolo hai imparato a suonare il violino?!" chiesi incredulo mentre metteva la valigetta vicino alla porta. "E quando ne hai preso uno?" “So come da quando ero bambino. Per quanto riguarda l'acquisto, è stato buttato nel negozio di musica locale. Potete crederci?" Disse sorridendo come un bambino.
Sospirai e scossi la testa. "Sky, a volte mi stupisci." "Questo è il punto, Kara." In risposta l'ho abbracciato. "Come vanno le cose in fabbrica?" “Tutto è in magazzino, organizzato per tipologia e dimensione. Lo scarto non ha fatto molto però. Penso che potrebbe aver bisogno di una messa a punto più tardi". Sky annuì. È andato ad abbracciarmi, ma quando l'ha fatto ho sentito qualcosa nella mia schiena. “Ow ow ow ow owww…” sussultai, mettendo una mano sulla parte bassa della mia spina dorsale e piegandomi in avanti.
"Che cos'è?" "Io... oww..." cercai di raddrizzarmi ma sentii i dolori che mi colpivano le gambe e i piedi. "Kara stai bene?" "La mia schiena... penso di averci fatto qualcosa..." ho piagnucolato. Sky mi ha messo una mano sulla spalla chinandosi per guardarmi negli occhi "Riesci a scendere le scale?" "Non so…."
In risposta, Sky mi ha delicatamente sollevato, portandomi giù per le scale nella mia stanza. In qualche modo è riuscito ad aprire la porta mentre mi teneva ancora. “Ecco qua…” Mi depose gentilmente sul letto. Gemevo per il dolore mentre mi raddrizzavo e Sky accese le lampade, inondando di luce la mia stanza nel seminterrato. "Stavi sollevando con le gambe o la schiena?" Mi morsi il labbro sapendo che sarebbe stato infastidito. "La mia schiena. Devi ricordare che sono paffuto, è difficile per me accovacciarmi in quel modo.
"Sciocco.." "sì, ma io sono il tuo scemo." sussurrai ricambiando un sorriso nonostante il dolore. L'Orologio si sedette cautamente sul bordo del letto. Esitò, poi disse: "Vorresti che ti massaggiassi la schiena?" Ho annuito. "Ma... se lo faccio dovrò farti togliere il corsetto e la maglietta."
"Stai scherzando... non credo di poter Sky..." ho piagnucolato. "Allora ti aiuterò." Le sue dita si spostarono sui fermagli d'acciaio del mio corsetto, sciogliendoli delicatamente uno per uno. Non appena è stata aperta, ha iniziato a fare lo stesso con la mia maglietta. Mi sono morso il labbro ma non l'ha aperto come ha fatto con il corsetto. "Distoglierò gli occhi..." "Dopo tutto quello che ti abbiamo fatto..." "Ti rispetto ancora, piccola puttana." disse scherzosamente, quasi scherzosamente. Non ho interrotto il contatto visivo per un momento prima di annuire. Girando la testa, chiuse gli occhi mentre mi sedevo lentamente sussultando mentre mi toglievo la parte superiore, gettandola e il corsetto di lato.
"Rotola a pancia in giù" Non guardò mentre parlava. Feci come mi era stato detto, appoggiando le braccia su entrambi i lati. "Hai delle pomate o lozioni?" “Sul mio comò nella scatola di legno…” risposi con la mia voce attutita dai cuscini. Chiusi gli occhi, cercando di rilassare i muscoli della schiena. Improvvisamente, ho sentito l'odore della lavanda e ho sentito la lozione fredda sulla mia schiena. Sussultai piano, e sentii le sue mani premere sopra la piccola pozza di lozione gemevo mentre le sue mani scivolavano facilmente sulla mia schiena,
"Ti senti bene?" “Incredibile…” piagnucolai mentre le sue dita premevano delicatamente sulla mia spina dorsale. Muovendomi i capelli con il dorso della mano, ha impastato con forza i muscoli delle mie spalle, facendomi gemere forte di piacere. Le sue mani scivolarono di nuovo verso il basso e i suoi pollici si spinsero nella parte bassa della mia schiena. Mi sono sciolta sotto le sue mani.
"Adorabile.." mormorai mentre si allontanavano, ora sfiorandomi delicatamente il lato delle costole. Notai le sue dita scivolare dolcemente sempre più in basso finché la punta delle dita non sfiorava delicatamente i lati del mio seno. Espiravo di beatitudine. Lo sentii chinarsi su di me finché la sua bocca non fu vicino al mio orecchio.
"Ti piace quello?" Sussurrò abbassando le mani per prendermi a coppa. Ho mosso la testa al minimo cenno del capo. "Sei sicuro?" Sussurrò, il suo pollice e l'indice pizzicando delicatamente e facendo rotolare leggermente il mio capezzolo. “Sì signore…” mormorai. Ormai avevo imparato a rispondere e a comportarmi.
“Brava ragazza…” sussurrò mordicchiandomi leggermente l'orecchio. Ho riso e le sue mani hanno rilasciato i miei seni e lentamente sono scivolati indietro lungo la mia schiena. Hanno raggiunto la cima dei miei pantaloni, si sono fermati un momento, poi sono andati più in città, dentro di loro/..
Gemetti piano, le sue mani che mi tiravano i pantaloni. "Puoi toglierti questi?" lui ha sussurrato. Annuii, sedendomi. Riuscii a strapparli via e gettarli da parte, ora solo in mutande. "Brava ragazza…. Sei stato bravo ultimamente, vero…” Mi morsi il labbro incerto se fosse una trappola o meno, ma poi ho deciso che era sicuro e ho annuito.
"Sì, signore, sono stato..." "Forse meriti una ricompensa..." Mi morsi il labbro non sapendo cosa dire. Improvvisamente mi ha afferrato i fianchi e mi ha fatto cadere sulla schiena. Lo fissai con il fiato sospeso senza sapere cosa stesse succedendo. Chinandosi, mi baciò dolcemente, dolcemente. Sospirai chiudendo gli occhi, avvolgendo le braccia intorno al suo collo. Si chinò un po' di più, premendo contro di me.
La mia mano si alzò, scorrendo tra i suoi capelli mentre iniziava a succhiarmi delicatamente il labbro inferiore. piagnucolai, girando la testa per spezzare il bacio ancora incerto sul fatto che dovessi godermela. "Quale vuoi che sia la tua ricompensa?" sussurrò, ora baciandomi il collo e la mascella. "Non so, signore..." piagnucolai.
"Dove vuoi il mio marchio?" Mi mordo il labbro e feci un cenno verso la parte superiore del seno. Si chinò baciando e mordicchiando finché non apparve un piccolo cerchio rosso. "Là…. Se qualcuno lo vede, saprà che sei mio.
"Lo sanno già signore..." sorrise baciandomi di nuovo, la nostra lingua si mescolò. gemetti alzando i fianchi per premere contro di lui. Potevo sentire la sua lunghezza crescere attraverso i pantaloni. «Ho qualcosa per te, mia cara puttana...» sospirò infilandosi in tasca. "Te lo ricordi, vero?" tirò fuori un piccolo cilindro di ottone con la punta arrotondata e un filo, che si collegava a un piccolo telecomando. “Un altro regalo per il mio fedele apprendista..” sussurrò.
Mi morsi il labbro non sapendo cosa mi avrebbe fatto. Improvvisamente ha girato un po' il telecomando e l'ho sentito iniziare a vibrare "Cosa diavolo?" Prima che potessi dire altro, me l'ha fatto scivolare tra le gambe e dentro di me.
"Oh Dio…." gemetti piegando i fianchi per un piacere selvaggio. Era proprio come prima, la sensazione intensa. Mentre muovevo i miei fianchi, l'Orologiaio premette il pollice sul mio clitoride strofinando forte e veloce. "Per favore padrone... per favore... fammi venire..." piagnucolai con i denti scavando nel mio labbro inferiore. Non rispose, un sorriso malvagio sulle labbra. “Attenta, troia mia.,.... Non disobbedire... non sfidare... O verrai punito senza pietà…” Annuii annuendo debolmente trattenendo disperatamente il mio orgasmo.
Chinandosi Sky sussurrò "Ora... cum!" Ho quasi urlato mentre lasciavo che le onde del piacere prendessero il sopravvento, venendo così forte che il giocattolo che Sky ha fatto scivolare fuori sul letto. Mentre il mio corpo si afflosciava ansimando, sorrisi debolmente ammiccando allo sguardo desideroso di Sky. "Brava ragazza…." è arrivata la risposta.
"La mia piccola troia vuole qualcos'altro?" Aprii le gambe annuendo, ma restando in silenzio. "Oh, lei vuole, vero?" spense il giocattolo vibrante, appoggiandolo sul mio comodino. Alzandosi in piedi si mise le mani sui fianchi aspettandomi. Immediatamente ero in ginocchio sul letto, le mie mani che lottavano per slacciargli cintura e pantaloni. Le nostre labbra si incontrarono freneticamente, e non appena i suoi pantaloni furono slacciati, ero supino sul letto, tirandomi addosso il mio padrone.
Mi ha preso in giro leggermente con la punta, non proprio entrando ma non entrando in me. "Prego Signore…. Smettila di prendermi in giro e riempimi…” sussurrai. Una spinta dentro di me fu la mia risposta, e le mie dita affondarono nelle lenzuola. "Oh... Oh.. Oh..." sussurrai ad ogni sua spinta. Gemette piano, senza interrompere il contatto visivo con me.
Improvvisamente, la testa si è premuta nel mio punto g e ho potuto fermare il grido soffocato e schizzare. Sky the Clockmaster non si è fermato a punire la sua troia, scegliendo invece di muoversi più velocemente e più forte. Le mie braccia sollevarono le mie mani appoggiate sulle sue spalle, le mie unghie che affondavano nelle sue spalle attraverso la sua maglietta.
I suoi occhi si chiusero e il suo carico caldo esplose dentro di me, gocciolando fuori di me e sulle lenzuola. Sky crollò, tutto il suo peso su di me, ansimando, cercando di riprendere fiato. Lentamente, le sue braccia si avvolsero intorno al mio corpo e io sospirai di sollievo; Sapevo ora che non dovevo temere di essere punito almeno in quel momento.
Non disse nulla, girandomi su un fianco, rannicchiandosi contro di me da dietro, il suo corpo mi accarezzava. “Vedi mia cara? Dovresti ascoltare più spesso…” “Forse lo farò…” sospirai, appoggiandomi alla schiena “Mi piace comportarmi male…”. SLAAP! Urlai mentre il Mastro Orologia mi sculacciava. “Farai come ti è stato detto quando ti è stato detto…” Mi fece le fusa nell'orecchio mordicchiandolo scherzosamente. Sorrido appoggiandolo con la schiena a lui. "Si signore…"
“Ora mia cara... Penso che dovrei lasciarti adesso. Si è alzato in piedi ma gli ho preso la mano. “Per favore Sky... resta con me...” Esitò “Dovrei davvero lasciarti vestire e--” “Per favore... Per me…. Come hai detto, sono stata una brava ragazza. Sorridendo si sdraiò di nuovo, le sue braccia intorno alla mia vita. "Bene…. Bene…” è stato come se ci fossimo addormentati.

Storie simili

Caldissimo giocatore di basket

Sono un allenatore di basket in un piccolo collage nel sud. Alleno una ragazza, ne ho venti, cinque per classe. sono di tutte le taglie, alti e bassi, ma non troppo bassi. Tutti sono ben costruiti. Petto delle dimensioni di un gragefruit. Alcuni dei culi più belli che tu abbia mai visto. Quindi un giorno sono nel mio ufficio e Annie entra nel mio ufficio. Indossa uno di quei top corti che le arrivano appena sopra il seno. È obesa che non indossava un reggiseno. Indossa un paio di pantaloncini che sono di cotone e sono così attillati che puoi vedere...

859 I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

867 I più visti

Likes 0

La riluttante lap dance di Alison

Alison è entrata nella mia vita come parte di una cosa a tre con un'altra ragazza. Il trio è stato divertente, ma presto ci siamo separati. Abbiamo ricominciato a parlare qualche mese dopo, quando l'ho vista in uno strip-club in cui aveva appena iniziato a lavorare. Poco dopo, abbiamo avuto il nostro primo vero appuntamento. Un paio di drink veloci in un bar per immersioni e un pompino nel parcheggio è stato il massimo del romanticismo. Quando ha iniziato a venire a casa mia, sono stato il primo a farla squirtare quando raggiungeva l'orgasmo. Sono stato anche il primo a trattarla...

910 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

698 I più visti

Likes 0

Eventi che portano alla nostra fase di

Come la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori, eravamo in tanti a frequentarci spesso. Scherzavamo, ci davamo del filo da torcere, ci prendevamo in giro, cose normali da ragazzi. E come la maggior parte dei gruppi di ragazzi di quell'età, alcuni di noi avevano l'auto, e alcuni di noi dovevano prendere in prestito quella dei nostri genitori di tanto in tanto... Era il fine settimana e avevamo deciso di andare in un luogo di ritrovo popolare, un lago a circa un'ora di macchina, che aveva scivoli e piattaforme da cui saltare, probabilmente meglio descritto come l'equivalente anni '80 di un...

563 I più visti

Likes 0

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

2K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

951 I più visti

Likes 0

Daniel Wolf (rieditato) Parte 5

Daniel Wolf Capitolo 8 Parte 5 Tutti i partecipanti hanno più di 18 anni Capitolo 8 Parte V Era stata una lunga giornata, era stato tutto ciò che potevamo fare per non far cadere tutto e semplicemente cadere sul pavimento e scopare come i cani di città. Ma ci eravamo astenuti poiché non volevamo davvero che gli anziani della città morissero di imbarazzo. Ma ora, mentre la porta si chiudeva tra loro e noi, i vestiti iniziarono a volare. All'inizio sembrava che i vestiti che volavano appartenessero a Marlu. Daniel era quasi congelato nel tempo mentre guardava Marlu spogliarsi. Man mano...

837 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

670 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

645 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.