Figa su l'albero

1.3KReport
Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un "grazie" o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso quando arrivò la chiamata che il gatto di una signora era su un albero, rifiutandosi di scendere. È stato l'indirizzo che mi ha sorpreso. Lavoro in una stazione molto visibile che è circondata da case multimilionarie di proprietà di alcune delle persone più ricche dell'industria cinematografica. A differenza del resto del pubblico, queste persone richiedevano un trattamento speciale. Un gatto bloccato su un albero era considerato un'emergenza.

Quando siamo arrivati ​​a casa, sono saltato dal camion e sono andato a parlare con le donne sconvolte in piedi nel suo prato davanti. È stata una delle attrici più famose del grande schermo. L'avevo vista di recente al cinema, interpretare un personaggio femminile sconvolto. Ha recitato bene la parte. Era vestita con un bikini giallo brillante che copriva a malapena il suo corpo voluttuoso. Si poteva dire che fosse stata sottoposta a numerosi interventi chirurgici, nascondendo questo e quello. Il prodotto finale era perfetto. Non c'era modo che il suo seno potesse essere reale, ma non mi importava quando il mio pene iniziò a rispondere. Alzai lo sguardo e vidi il gatto a pelo corto più bianco, sul ramo più alto dell'albero. Il gatto era in agguato per la vita, miagolando per la sua paura. Le donne continuavano a calmare il gatto, assicurandolo che c'era aiuto. Mi ha guardato con i suoi grandi occhi azzurri, "abbatterai la mia tigre, vero.." L'ho informata di sì, eravamo lì per abbattere "Tigre", in sicurezza. Ho detto ai ragazzi di prendere una delle scale dal camion. Mentre tenevano la scala, sono salito in cima. Ho raggiunto "Tiger" e sono stato ricompensato con tre graffi giallastri sulla guancia. Ho giurato a bassa voce, mentre allungavo di nuovo la mano e afferravo il gatto per la collottola. Con cautela portai di nuovo "Tiger", facendo attenzione a non sentire più il suo dispiacere. Ho consegnato il fagotto di pelliccia spaventata al suo proprietario, che ha espresso la sua più sincera gratitudine. Tenendo il fagotto, come se fosse di vetro, l'attrice entrò in casa sua. I ragazzi hanno fatto crollare la scala e l'abbiamo caricata di nuovo sul camion.

Avendo bisogno della sua firma sui miei documenti, bussai cautamente alla sua porta. Ha risposto alla porta, ancora vestita con il suo piccolo bikini giallo. Quando ha firmato i miei documenti, ha espresso nuovamente la sua gratitudine. Mi ha invitato più tardi per un piccolo "ritrovo", dandomi il suo numero e l'ora. Le ho detto che avrei provato a farcela. Ha detto che avrebbe mandato un'auto più tardi a prendermi. Quando sono tornato alla stazione, non ero sorpreso che avesse chiamato. Aveva parlato con il mio capo, e di nuovo aveva espresso la sua gratitudine. Sono andato in bagno, accedendo al danno alla mia guancia. Non avendo altri lavori quella sera, decisi di partecipare a questo suo piccolo incontro. Mi sono vestita casualmente con un paio di jeans e una camicia di cotone bianca abbottonata. Alle 19 in punto una limousine si fermò alla stazione. L'autista scese e aprì la portiera del passeggero. È scesa con grazia dalla macchina. Indossava un vestito nero corto e attillato che le aderiva come una seconda pelle. Ha chiesto se poteva usare il bagno prima di partire. Le ho mostrato dov'era il bagno e lei mi ha chiesto di seguirla dentro. Ho pensato che avesse bisogno di aiuto per sistemarsi il vestito o qualcosa del genere. Non appena chiuse a chiave la porta, si inginocchiò davanti a me. Mi ha aperto la zip dei pantaloni, tirando fuori il mio cazzo morbido. "Sapevo che sarebbe stato bello e grande", mormorò mentre si metteva la mia lancia in bocca e iniziava a succhiare. Era una ventosa esperta, e ha fatto scorrere la sua lingua sul mio albero e sotto le tenere pieghe della carne sulla mia punta. Mi aggrappai allo stipite della porta mentre gemevo di piacere. Non potevo credere alla mia fortuna. Questa bella attrice famosa mi stava succhiando la canna, proprio qui alla stazione. Ha mosso la sua lingua su e giù per la mia asta mentre continuava a succhiarmi la punta. Passai le dita tra i suoi lunghi capelli, prendendole il viso tra i palmi delle mie mani. Mentre guardavo in basso, ho notato che non indossava alcun reggiseno sotto il suo vestito nero attillato.

Le ho fatto scivolare le mani sul davanti accarezzandole le tette perfette. Ho spremuto i capezzoli finché non sono diventati duri. Lei gemette di piacere mentre continuava a succhiarmi il cazzo. Inarcai il corpo sentendo crescere l'orgasmo. Ho spinto la sua testa verso il basso, spingendo il mio cazzo più a fondo nella sua bocca, mentre le sparavo il mio carico in gola. Ha ingoiato tutto, succhiando la mia mancia desiderando di più. Ha tirato fuori il mio morbido cazzo scaduto dalla sua bocca e si è leccata allegramente le labbra. "Hai ancora voglia di fare un po' di festa?" ha interrogato. Se la festa avesse significato scoparla... ci sarei stato in qualsiasi momento. Uscimmo dal bagno e salimmo sulla limousine in attesa. Mentre l'autista guidava verso casa sua, mi accarezzava il pene attraverso i jeans. Ero così eccitato, volevo di più. Ho spostato la mia mano sotto la sua gonna corta, sentendo tra le sue gambe. Indossava un piccolo perizoma che era umido per la sua anticipazione. Ho fatto scivolare la mia mano sotto il suo perizoma, sentendo la sua fessura calda e bagnata. Si avvicinò a me, permettendomi di far scorrere le mie dita nella sua calda figa bagnata.

Mentre il suo autista entrava nel vialetto, mi ha tolto la mano dalle mutandine. "Ci sarà un sacco di tempo per questo, signor Fireman!" Ero in uno stato di attesa. Ero curioso di sapere se ci fossero o meno altri partecipanti a questo suo piccolo raduno, perché non ho visto altre macchine. Quando entrammo in casa sua, si tolse il tubino nero. Era in piedi davanti a me con i tacchi alti neri e il suo perizoma. Mi sono meravigliato di quanto fosse perfetto il suo corpo. I suoi seni erano sodi e perfetti. I suoi fianchi erano stretti e la sua pancia piatta, mostrando muscoli sodi. "Sei pronto per mostrare la mia gratitudine?", ha chiesto. Si avvicinò a un armadietto e ci versò da bere. Me ne porse uno, girandosi nel suo soggiorno. Il suo caminetto era stato precedentemente acceso e davanti ad esso era stato steso uno spesso tappeto di visone. Quando raggiunse il caminetto, si voltò ad aspettarmi. Rimase di fronte a me solo per un momento, poi si inginocchiò assumendo una posizione familiare. Mi ha sbottonato e aperto la cerniera dei jeans, tirandoli giù fino alle caviglie. Ha raggiunto e ha iniziato ad accarezzare il mio cazzo fino alla durezza. Di nuovo, lo mise in bocca e iniziò a succhiare. Mi sbottonai la camicia e la gettai sul divano. Ho spostato le mie mani tra i suoi capelli, avvicinando il suo viso al mio cavallo. Ho spinto il mio cazzo in profondità nella sua bocca.

Smise di succhiare e si voltò. Ho spostato il mio cazzo nella fessura del suo culo. Ho inumidito una delle mie dita e l'ho inserita nel suo intero, assicurandomi che fosse pronta per la cosa vera. Si è rifiutata di togliersi il perizoma, spiegando che amava quando il materiale cavalcava tra le sue gambe mentre veniva scopata. Ho tirato su il materiale, assicurandomi che la sua figa sentisse l'attrito mentre spingevo il mio cazzo in profondità nel suo culo. Si dimenò di piacere, facendo sì che il mio cazzo la cavalcasse in profondità. Si aggrappava al mantello del camino, mentre io pestavo la mia carne dentro di lei. Il suo culo era così stretto e così bagnato che in pochi istanti ho sparato il mio secondo carico. Si voltò e mi guardò con piacere. Mi sentivo tra le sue gambe, facendo scivolare le mie dita lungo il suo clitoride umido. Senza togliersi i tacchi, si distese sul visone, invitandomi ad unirmi a lei. Allarga le gambe, facendo scivolare le proprie mani lungo il clitoride. Ha iniziato a giocare con la sua figa rosa mentre la guardavo. Ho messo la mano intorno alla mia asta e ho iniziato a masturbarmi, godendomi la sua esibizione. Si portò una mano al seno e iniziò a giocare con la sua tetta ora eccitata. Mentre continuavo a giocare con il mio cazzo, ho fatto scivolare la sua punta tra le labbra della sua figa stuzzicandola. Sorrise, portando le dita alla bocca assaporando i suoi dolci succhi. Si avvicinò al suo bicchiere di liquore e ne versò un po' sulla sua fica. Mi chinai, mettendo la testa tra le sue gambe e succhiai i succhi combinati. Volevo infilare il mio cazzo nella sua figa e cavalcarla forte e profonda.

Percependo la mia ansia, mi afferrò i capelli, tirando la mia testa verso la sua. Mi succhiò la lingua, assaporando i suoi succhi che erano rimasti nella mia bocca. Ho afferrato le sue tette mentre spingevo spietatamente il mio cazzo duro in profondità nel suo buco accogliente. Inarcò la schiena, accogliendo ogni mia spinta. Ho macinato il mio cazzo dentro di lei, volendo sentire la punta penetrare attraverso la sua pancia. Di nuovo, gemette di piacere, affondando le dita nella mia schiena. Le ho afferrato brutalmente la testa, avvicinando la sua bocca alla mia, mentre mi giravo, posizionandola sopra il mio cazzo. Si è tenuta stretta e mi ha portato a casa. Ci siamo tenuti stretti l'uno all'altro mentre entrambi esplodevamo nell'orgasmo. Quella sera è una che ricorderò per sempre, fino alla morte. Era un mostro sessuale, non si accontentava mai. L'ho scopata tutta la notte. Quando me ne sono andato la mattina dopo, sentendo il suo ultimo suono di gratitudine nelle mie orecchie, ho provato a ricordare quante volte sono venuto. Non ho problemi a tirare fuori le fighe dagli alberi... purché possa godere della gratitudine del proprietario....

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

1.1K I più visti

Likes 0

Claudia Incarnata...Parte I

Il potere etereo insegue le anime al mare, il mare le sputa sulla soglia della terra, la terra alla luce del sole splendente e il sole le scaglia nell'etere vorticoso. - Empedocle di Akragas (V secolo a.C.) La prima cosa che hai notato di Claudia è che era bellissima. La sua era una bellezza raffinata e sofisticata e nel suo cuore c'era un'innata terrosità e un'aspra indipendenza che sicuramente provenivano dai suoi antenati siciliani. I suoi occhi castano scuro e i lunghi capelli neri fluenti brillavano nella chiara luce del mattino. Un sorriso giocava sulle sue labbra carnose, labbra tinte di...

1.4K I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

995 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

1.2K I più visti

Likes 0

Dylan Pt. 2 - Scherzare al cinema

Inutile dire che quella notte non ho dormito bene. Mi girai e mi girai cercando di dare un senso a quello che era appena successo fino alle 5 o alle 6 del mattino. Gli uccellini cinguettavano e il sole cominciava a splendere attraverso la mia finestra quando finalmente riuscii ad addormentarmi. Quando mi sono svegliato più tardi quel pomeriggio, ero sdraiato lì stordito? La notte sembrava già così lontana. Era solo un sogno? È stata una cosa da una notte? Avevo paura di vedere Dylan alla luce del giorno, mi sentivo come se avessi bisogno della sicurezza della notte o sarebbe...

1.6K I più visti

Likes 0

Fucking the Pooch o Al's Vacation

Mentre ero seduto nella taverna a bere birra e sparare cazzate con Al, il proprietario di questo bel locale, stavamo parlando del suo problema. Sembra che la sorella di Al, Naomi, abbia vissuto in Romania e voglia che Al la visiti. L'unico problema è che Al ha paura di viaggiare da solo e vuole che qualcuno viaggi con lui. È qui che entro. Al, non posso credere che un ragazzo come te abbia paura di viaggiare da solo? Ho riso di lui. Semplicemente non mi piace andare in un posto dove le persone parlano un'altra lingua si lamentò Al. “Ma ho...

1.2K I più visti

Likes 1

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

1.1K I più visti

Likes 1

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1.2K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

982 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

831 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.