Chi vuoi baciare

2.8KReport
Chi vuoi baciare

Avevo circa 13 anni quando è successo, ero un bambino molto arrapato, ma per ora per qualche ragione non lo capisco più. L'ho inventato un po' : P




"Non vedo l'ora di baciare un ragazzo!" disse Carolina mentre sfogliava la sua rivista Tiger Beat.

"Non voglio baciare Devin, il ragazzo della mia classe di matematica. Lo conosci vero?" ha detto mentre mi guardava.

"uh uh." ho mormorato. Ero troppo impegnato a pensare al ragazzo che avrei voluto baciare per dire qualcos'altro. Non volevo dirglielo, ma pensavo che suo fratello di 16 anni fosse molto incantevole. Quasi tutte le sere di questo mese ero andato a letto e avevo fantasticato sulle sue labbra imbronciate, che sfioravano lentamente ogni centimetro del mio corpo. Alla fine farei una battuta d'arresto e chiamo il suo nome. Ho visto persone in qualche soap opera farlo. "Oh, Kyle," gemevo, come se fosse proprio lì ad ascoltarmi mentre lo incoraggiavo.

Carolina si alzò e gettò la rivista sul letto. Si avvicinò allo specchio che era appeso sopra il suo comò. "Sono carina... vero?" lei si voltò e mi guardò.

"Sì," dissi in fretta così che non mi chiedesse a cosa stavo pensando.

"Ucciderei per avere quelle tette, avrai tutta l'attenzione."
Carolina sorrise.

Era piuttosto alta per essere una tredicenne, circa 5'5. Aveva i capelli ricci castano scuro che le arrivavano fino al centro della schiena. Era abbastanza magra, ma aveva davvero delle curve. Molte ragazze della nostra classe la odiavano a causa del suo corpo. A nessuno piaceva confrontare i loro corpi prepuberi con i suoi, ci sentivamo tutti inadeguati intorno a Carolina.

"Che ragazzo vuoi baciare?" ha detto mentre saltellava verso di me.

"Beh," balbettai per le parole. "È un ragazzo più grande... non importa... non importa."

Carolina ribatté "Che aspetto ha?"

Cominciai ad arrossire quando cominciai a descriverle il fratello di Carolina. Dentro di me speravo che lei sapesse di chi stavo parlando, ho pensato che forse poteva aiutarmi a baciarlo. Ma allo stesso tempo non volevo che lo sapesse, per ovvie ragioni.

"Beh, ha grandi occhi verdi e ciglia lunghe e graziose. Um... le labbra più belle di sempre... quella sotto è così imbronciata... i capelli castani che gli arrivano alle orecchie..."

Carolina mi ha strappato dal mio sogno ad occhi aperti con un sibilo "Vuoi mio fratello... non farlo....ammettilo!"

Era affascinata da questa nuova scoperta.

Dopo circa 30 secondi in cui ero imbarazzato e guardavo il pavimento, alla fine ho balbettato qualcosa fuori "sì... lo faccio... non essere arrabbiato, non c'è modo che mi prenda comunque".

"So per certo che gli piacciono le ragazze più giovani, quindi non escludere ancora nulla. Voglio dire che anche tu sei carina, hai dei bei capelli lunghi biondi e occhi azzurri scintillanti... voglio dire che hai un bel viso, sii caldo quando sarai più grande." ha detto di fatto.

"Ho paura di baciare un ragazzo, non so come farlo... ho paura di sbagliare e di fare qualcosa di stupido." dissi sconsolato.

Proprio in quel momento a Carolina sembrava che una lampadina si fosse accesa nella sua testa. "Facciamo pratica l'uno sull'altro!"

Non ero affatto timido, quindi dopo averci pensato un po' ci ho provato. Ci siamo seduti uno di fronte all'altro in stile indiano sul suo letto. Si sporse in avanti dopo un po' di silenzio nervoso. Rimasi immobile, mentre sentivo il suo respiro caldo avvicinarsi alle mie labbra. Chiusi gli occhi con forza e presto sentii il suo labbro inferiore sfiorare il mio labbro superiore. Quando ha aperto leggermente la bocca, ha avvolto entrambe le sue labbra intorno alla mia, poi ha cominciato a succhiarlo dolcemente e poi l'ha rilasciato. Abbiamo stretto le nostre labbra intrecciandole insieme come se fossero pezzi di un puzzle. Le nostre labbra hanno ballato insieme per almeno 3 minuti prima di rompersi.
"Ohhh!" Carolina squittì"
"è stato così bello, proviamolo con la lingua!"
Annuii e mi avvicinai.

Abbiamo aperto le nostre bocche e le nostre lingue si sono incontrate nel mezzo, mi sono concentrato sul premere la mia contro la sua lentamente e dolcemente. Era caldo umido e spugnoso. Durante il bacio potevo sentire qualcosa che accadeva nella mia figa. Era la stessa sensazione che ho avuto quando ho pensato a Kevin. La sensazione mi ha fatto venire voglia di toccarmi. Era un ronzio caldo, pesante, formicolante che mi attraversava la fica mentre baciavo Carolina.

Senza saperlo emisi un piccolo gemito che fece fermare Carolina.

"Qual è il problema? Ti stai eccitando?" lei ridacchiò.

"Penso di sì, è così male?" ho chiesto?

"No, per niente dovremmo provare più cose...sai così sappiamo cosa fare quando saremo più grandi." ha annunciato.

"Fai finta di essere un ragazzo... cosa faresti... mostramelo." ha istruito seduto in posizione eretta sul letto.

Le ho tirato la maglietta mentre lei annuiva con accettazione. Ho dovuto inginocchiarsi per farglielo passare sopra la testa, ma alla fine il premio ne è valsa la pena.

Aveva un reggiseno nero, cosa inaudita nella nostra scuola. Sussultai quando vidi la sua scollatura riversarsi sul reggiseno stretto.

"Devo prenderne uno nuovo, è troppo stretto!" aggiunse rapidamente.

Ero davvero preso adesso. La mia figa era così calda che non vedevo l'ora di vedere il mio primo paio di tette. Mi ha aiutato a slacciare il reggiseno e mi sono seduto lì in soggezione in attesa dei suoi grandi seni a coppa B. Sembravano rimbalzare mentre si toglieva il reggiseno, e poi mi agitava il petto. Hanno oscillato mentre si muoveva, mi hanno fatto cenno di prenderli. Il suo capezzolo rosa chiaro è stato il primo posto che ho toccato. L'ho pizzicato dolcemente e l'ho guardato sgonfiarsi e diventare duro.

Ho preso a coppa la sua tetta destra e sono quasi arrivato proprio lì. Era così morbido e succoso. Ho massaggiato la sua tetta destra per un po' di più e poi ho afferrato l'altra. Sono diventato così eccitato mentre la palpavo, avevo una tetta in ogni mano. La mia lingua sfrecciò per il suo capezzolo duro, l'ho leccato lentamente intorno, ho anche provato a mordicchiarlo. Carolina iniziò a gemere, dolcemente mentre i suoi occhi ruotavano indietro nella sua testa.

"Toglimi i pantaloni" ordinò.

I miei occhi si sono spalancati mentre le slacciavo il bottone in alto e tiravo giù la cerniera. Si alzò velocemente e li portò via per il resto della strada, poi saltò di nuovo sul letto. Potevo vedere il suo ciuffo di peli pubici scuri che spuntavano da un lato della sua biancheria intima dal cuore rosa. Ero così calda che mi faceva male la figa, ma le ho tolto le mutande e ho messo la mano sul suo monticello.
"Mi piace strofinare tutto in questo modo... quando faccio un masterbate". dissi mentre la mia mano si muoveva dolcemente su e giù per lei.
Il suo micio era così caldo, e sembrava gocciolare una sorta di roba.
"Mettici sopra la lingua!" lei ha chiesto.
Mi sono abbassato e ho diviso i capelli, poi ho preso un labbro in ogni mano e l'ho allargata.
Leccai delicatamente qualcosa che sembrava un bottone e la sentii gemere più forte. C'erano così tante pieghe da esplorare che ho pensato mentre succhiavo delicatamente la sua protuberanza. Leccai i lati del suo bottone, molto lentamente prima di leccare la sua fessura come un cane assetato. Ho infilato la lingua in ogni fessura. Ho provato anche molte tecniche. Ho tenuto la mia lingua rigida mentre la percorrevo lentamente su per la sua fessura, e ancora più lentamente indietro. Girai lentamente la lingua mentre salivo e scendevo di nuovo. Ho dato un colpetto con la lingua al suo morbido clitoride gommoso fino a quando non ha strillato per l'eccitazione.
"Infila il dito dentro!!" lei ha urlato.

Ho cercato l'area in cui inserire il mio dito. Non l'avevo mai fatto a me stesso, quindi ero piuttosto nervoso.
Ho rovistato un po' finché il mio dito non è scivolato in un buco stretto e molle. Era così caldo e umido nel suo micio. Ho cominciato a muovere il dito dentro e fuori molto lentamente, ero titubante perché non ero sicuro di quanto potesse sopportare. Mi afferrò la mano, spingendo il mio dito più a fondo dentro di lei.
"Lo faccio sempre, posso sopportarlo." ha detto mentre si prendeva una pausa dai gemiti.
Ho cominciato a muovere il mio dito dentro di lei, accarezzo ogni lato delle sue pareti interne con la punta del mio dito. Con il mio dito dentro di lei, mi sono chinato e ho messo la lingua sulla sua giovane figa bagnata. Febbriosamente, ho spostato la lingua da un lato all'altro sul suo clitoride, mentre il mio dito scivolava dentro e fuori dal suo buco. Cominciò a ululare quando la sua fica iniziò a gocciolare pesantemente. I suoi succhi chiari gocciolavano lungo il mio dito. Proprio in quel momento la sua porta si aprì e subito saltammo giù a vicenda. "Kyle!" abbiamo urlato all'unisono.

"Santo cielo," balbettò Kyle mentre chiudeva rapidamente la porta dietro di sé.


Seconda parte dopo... se ti piace.

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

487 I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.