Dopotutto York non è una brutta città

766Report
Dopotutto York non è una brutta città

A/N: L'area in cui è ambientata questa storia è immaginaria. Questo lavoro è una finzione e non è avvenuto nella vita reale. Eventuali somiglianze con altre storie sono puramente casuali.

~

Ricordo ancora la sensazione di essere nuovo a scuola. Fresco di Londra e dovrebbe frequentare un collegio a York. E se mio padre venisse da York? Non mi interessa.

Comunque, questo è successo nel 2006, e avevo sedici anni. Compio diciotto anni tra tre settimane nel momento in cui scrivo questo. Il mio nome è James William Blackburn. Indovina quante persone mi hanno preso in giro dicendo che mi chiamavo James Bond quando conoscevano le mie iniziali? Esatto, troppi.

Ora non dovrei annoiarvi tutti con queste chiacchiere monotone e andare avanti con la storia.

Come ho scritto prima, fui mandato in questo collegio a York, costretto a trasferirmi da Londra. Odio quel posto, ma mi sentivo ancora un po' giù mentre salivo sull'auto che mi avrebbe portato lì. I miei averi furono – a seconda dei casi – spediti in treno insieme al cameriere di mio padre. Sì, so che mio padre è un po' vecchio stile, ma ehi, non lo biasimo. Alla nostra famiglia è stato fatto il lavaggio del cervello per questo... ormai da molti anni. Un paio di secoli o giù di lì, eh?

Non mi interessa molto – certo, siamo più ricchi di... Vediamo – quasi la maggior parte delle persone a Londra – e anche se non sono di gran lunga Daniel Radcliffe, divento ricco indossando un paio di occhiali e agitando in aria un bastone appuntito, non sono povero neanche io.

Faccio fatica a restare in pista, vero?

Dove ero io?

Sì, sono arrivato a York circa due settimane prima dell'inizio della scuola, così ho potuto esplorare un po' la città.

Il cameriere di mio padre, Bertram, avrebbe dovuto restare lì fino all'inizio della scuola, e mia madre gli aveva severamente ordinato di non lasciarmi andare in nessun posto che potesse mettermi in cattiva compagnia, e non mi era assolutamente permesso di vedere nessuna ragazza.

Potrebbe sembrare strano: un cameriere dovrebbe occuparsi del figlio del suo datore di lavoro, ma mio padre non è proprio come dovrebbe essere, e mia madre? Lo faremo, è impegnata a fare in modo che a mio padre non vengano idee stupide. Sono entrambi un po' eccentrici, ma ehi, non li biasimo, così come lo erano i miei nonni.

Dopo solo un paio di giorni, mi sono stancato di avere Bertram che mi seguiva ovunque andassi, quindi ho deciso di restare in casa finché non fossi riuscito a trovare un modo per "sfuggirgli".

Poi una mattina, verso le 9 o qualcosa del genere, uscì per prendere qualcosa in un negozio vicino. Mi sono alzato, mi sono vestito e ho lasciato un biglietto dicendo che ero andato a fare una passeggiata. Ho anche "dimenticato" di portare il cellulare. Quanto è conveniente, vero?

All'inizio ho semplicemente girovagato, controllando i negozi e vedendo se potevo trovare una nuova maglietta, e ne ho trovata una con un cartone animato di James Bond e il testo "Shaken, not stirred", sotto. Ho pagato e quando stavo per andarmene ho visto questa bella ragazza bionda con una maglietta attillata e una gonna che le arrivava appena sotto le natiche. Non è interessante?

Era piuttosto bassa – ho stimato che la sua altezza fosse intorno al 5'5” o giù di lì, e di corporatura snella, che non era molto paragonata ai miei 6'2” e al mio corpo abbastanza grande. Dopotutto ero un pugile.

Nonostante le mie presunte "buone maniere", non potevo fare a meno di seguirla con lo sguardo mentre andava in giro, alla ricerca di qualcosa da comprare.

Ora, come nota a margine, mi avevano inviato le foto di tutte le classi, e la scuola andava dai 13 ai 18 anni. La sera prima avevo studiato le foto ed ero abbastanza sicuro che questa bellezza fosse una delle le bellezze che avevo visto nelle foto.

Ridacchiando piano tra me e me, mi avvicinai a lei con nonchalance.

«Cosa... Abby?» dissi, imitando Hugh Laurie nei panni di Bertie Wooster.

"Ehm, chi sei?" chiese, voltandosi verso di me. "E come fai a sapere il mio nome?"

Le ho fatto un rapido sorriso.

«Mi chiamo Bond. James Bond", dissi, questa volta imitando nientemeno che Sean Connery. Poi, in tono più leggero e divertente, ho aggiunto; «Quasi, comunque. James Blackburn. Credo che saremo nella stessa classe per i prossimi tre anni”.

"Oh, tu sei il nuovo ragazzo di cui il signor Payard ci ha parlato prima della fine dell'ultimo tempo, vero?" chiese Abby.

"Nessuna idea. Non l'ho mai incontrato e non ho ancora sviluppato caratteristiche psichiche. Le persone della mia famiglia non lo capiscono finché non raggiungono almeno i sessantacinque anni, e a quel punto sono troppo dementi per ricordare perché si chinano per afferrare ciò che hanno lasciato cadere.

Questo più o meno ha rotto il muro tra noi e lei ha iniziato a ridere.

"Allora", chiese, "cosa farai oggi?"

"Nessuna idea. Di solito ho un cameriere che mi sorveglia tutto il tempo, quindi non ho tempo per me stessa. Credo che farò una passeggiata un po' prima di ritornare in albergo per il tè. Non c'è molto da fare quando hai un cinquantottenne che ti gira attorno.»
«Immagino che tu abbia ragione. Non potremmo andare a prendere qualcosa da bere? Ho una sete da morire."

"Sicuro. Tu apri la strada", le ho detto.

Un po' più tardi, ci siamo seduti in un bar. Lei ha bevuto della normale Coca Cola mentre io avevo la Pepsi, ed essendo il gentiluomo che presumibilmente sono, ho pagato tutto.

Abbiamo parlato soprattutto di musica e di scuola, ma dopo un po' mi ha chiesto se avrei lasciato Londra.

“Muoversi... Sì, giusto. Sono stato mandato qui senza alcuna voce in capitolo, solo perché mio padre vuole che frequenti la sua vecchia scuola. Secondo me è una stupida tradizione» dissi.

Mi ha chiesto dei miei amici a Londra e presto ci siamo imbattuti in se avessi una ragazza. Ho spiegato che avevo rotto con la mia ex ragazza poco dopo aver saputo che mi sarei trasferito a York.

“E da allora sono stato per conto mio. Certo, ci sono stati uno o due baci, ma niente di reale. E ora sono qui", dissi.

"Sì. Adesso sei qui", rispose Abby.

"E tu? Hai un ragazzo?"

“Stai cercando di portarmi a letto così presto? Ci siamo appena conosciuti”, disse con uno scintillio negli occhi. Apparentemente Abby non era un angelo innocente, nonostante il viso carino, il naso e la bocca piccoli.

"Perché no? Ti piacerebbe, mi piacerebbe”, risposi con un breve sorriso.

"Oh si? Sembri abbastanza sicuro.

"Qualcuno deve pur farlo, eh?"

"Quindi... ti va di dimostrarlo?" la sua voce era un sussurro adesso.

Ridacchiai piano.

«Che cosa hai in mente, Abby?» Ho chiesto.

"Niente. Niente di niente", disse, ammiccando. "Andiamo a casa mia e continuiamo questa conversazione, va bene?"

Ho annuito. Conoscevo Abby da appena tre ore e lei voleva già che andassi a letto con lei? York non era così male come pensavo.
La sua casa era piuttosto grande: una casa a due piani bianca e giallo pallido, con il tetto rosso. C'era un garage, ma non c'erano automobili, quindi sospettavo che i suoi genitori fossero al lavoro. Avevo ragione.

"Mamma e papà stanno lavorando e mio fratello dorme da un amico, quindi la casa è tutta vuota per almeno sei ore", sorrise Abby.

«Credo che il tempo sarebbe sufficiente, sì.» Mi sono tolto la giacca e le scarpe, seguendola nel loro soggiorno, dove lei si è seduta sul divano, facendomi cenno di unirmi a lei.

"Cos'era quella storia che cercavo già di portarti a letto?" chiesi, ridacchiando mentre lei si rannicchiava più vicino a me.

"Non lo so. Sei tu che vuoi portarmi a letto, non il contrario”, rispose Abby, sorridendo.

Ho iniziato a massaggiarle delicatamente il collo e le spalle mentre si sdraiava sul divano, con la schiena appoggiata al mio petto. Di tanto in tanto, aggiungevo un leggero bacio sul lato del collo che le faceva uscire un leggero sussulto dalle labbra. Probabilmente la cosa mi stava eccitando quasi quanto aveva eccitato Abby.

Stavo per infilarle una mano nella maglietta quando il suo telefono squillò, e lei dovette alzarsi, e potevo sentire chiaramente quello che stava dicendo dal corridoio.

«Sono Abby. Ciao mamma... Un viaggio d'affari? Dove? Sì, starò da Linda o qualcosa del genere."

Quando Abby tornò in soggiorno, stava sorridendo.

“I miei genitori sono stati mandati in viaggio d'affari, quindi non torneranno a casa fino a lunedì, e mio fratello resterà a casa di un suo amico fino a domenica, quindi avrò la casa tutta per me. Dimmi: non vorresti tenermi compagnia per stasera?"

"Non sembra poi così male, vero?" Ho ridacchiato. "Passerò in albergo e più tardi prenderò un po' di roba."

"Ora, dove eravamo rimasti?" chiese Abby, alzandosi di nuovo sul divano e appoggiandomi la testa in grembo.

Ho cominciato ad accarezzarle i capelli, sperando che non sentisse troppo la mia erezione. Non troppo sorprendentemente, lo fece, e questo la fece sorridere di nuovo.
Era carina quando sorrideva, devo ammetterlo.

"Dico", disse, alzandosi in posizione seduta in modo da potermi affrontare. "Penso che piaccia a qualcuno."

«Ebbene sì, lo penso, Abby.»

Abby si rannicchiò di nuovo vicino a me, baciandomi dolcemente, al che io risposi prendendo la sua lingua in bocca, giocando con essa con la mia. Le mie braccia vagavano intorno alla sua vita mentre ci separavamo per respirare.

Ci siamo baciati di nuovo mentre lasciavo scivolare una mano sulle sue natiche, a cui ho dato un leggero pizzicotto prima di farle scivolare sul davanti, fermandomi appena sotto il seno destro.

Erano piuttosto grandi per una persona della sua taglia, ma non grandi rispetto alla maggior parte delle donne. Con attenzione le posai una mano sul seno mentre baciavo la pelle pallida del suo collo, aspettando la sua approvazione prima di continuare. Dopotutto ero un gentiluomo.

Lei gemette nella mia bocca, cosa che interpretai come un segno che voleva che continuassi, cosa che feci volentieri. Le ho accarezzato il seno attraverso la maglietta e il reggiseno per un po', prima che lei si sporgesse dolcemente in avanti, dicendo a bassa voce:
"Che ne dici della mia stanza?"

Lei si alzò e io la seguii su per le scale. Nel corridoio fuori dalla sua stanza c'erano un paio di dipinti costosi e una copia della Gioconda. Apparentemente, i genitori di Abby erano molto simili a sua madre: amanti dell'arte.

Mi ha spinto delicatamente sul suo letto prima di procedere allo spogliarello davanti a me. Ben presto indossò solo mutandine di pizzo nero e un reggiseno di pizzo nero, entrambi con bordi viola.

Ero ancora seduto sul bordo del suo letto e osservavo il suo bel corpo. Come ho già detto, era snella e non sembrava pesare molto mentre si sedeva sulle mie ginocchia, con le sue natiche che mi massaggiavano l'erezione attraverso i pantaloni.

Le slacciai facilmente il reggiseno, lasciando che il suo seno vivace fluisse liberamente. I suoi capezzoli erano rosa e sembravano molto invitanti. La prendevo in giro, baciandole i capezzoli e talvolta ne davo una leccata abile, facendola rabbrividire di piacere e anticipazione.

Avevo le palle come se stessero per scoppiare, ma non volevo affrettare nulla, quindi dopo averle baciato su e giù la pancia due volte, le ho abbassato le mutandine, rivelando il suo 'tesoro'. I miei baci continuavano, ma evitavo le zone che le davano più piacere, come il clitoride.
Diventava sempre più frustrata col passare dei minuti, quindi quando ho infilato la lingua dentro di lei, è venuta quasi subito.

Invece, mi sono concentrato sul suo clitoride, e presto l'ho fatta gemere piuttosto... forte? Quando finalmente le permisi di venire, pensai quasi che fosse svenuta, ma ora avevo un disperato bisogno di allentare la pressione nelle mie palle.

«Abby?» Ho detto. "Penso che tu mi sia debitore."

"Mhm", concordò. "Sicuramente."

Mi sono spogliata per bene: prima i calzini, poi la maglietta, poi i pantaloni e infine i boxer. Ora, dire che sono piccolo è mentire, e come ti hanno detto le tue mamme, mentire è male.

Modificai la mia posizione sul suo letto mentre lei prendeva posto con la bocca tra le mie gambe. Ha fatto scorrere abilmente la lingua su e giù per la mia asta e l'ha presa in bocca. La vista e la sensazione di lei che mi veniva addosso era troppo, e le venni in bocca. Sorprendentemente, ha ingoiato tutto.

Avevo la sensazione che questo non sarebbe stato un brutto fine settimana.

Storie simili

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.3K I più visti

Likes 2

SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO In alto nella vita Domenica 23 dicembre, Notte Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù...

1.4K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.5K I più visti

Likes 1

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.3K I più visti

Likes 1

Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

Il mio vicino è un guardone e si chiama Tom. Sì, conosco molto cliché, ma il suo nome è davvero Tom. Ora sono stato timido riguardo al mio corpo, è sinuoso e sì, sono un po 'sovrappeso per il mio telaio 5ft6, il mio culo è arrotondato, i miei seni sono molto grandi e le mie cosce sono più grandi di quanto vorrei. Tuttavia, sono tutto io e quindi è così. La maggior parte dei giorni di sole mi piace passeggiare in giardino in topless (almeno) a volte completamente nudo, annusando i fiori e sedendomi per prendere il sole. Quindi, comunque...

1.4K I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

1.1K I più visti

Likes 0

L'uomo della mia vita

Sono sicuramente un uomo gay e arrapato. Lo so da quando ero bambino. Quando lo ero, non sapevo davvero cosa volevo, a parte voler fare sesso. E in realtà, non volevo nemmeno quello. Ho sempre immaginato di succhiare il pene di un ragazzo. E la prima volta che l'ho fatto, sono venuto nei pantaloni. Quando ha infilato il suo cazzo nella mia gola, ho sentito un po' di precum schizzare sul retro di esso, e il mio cazzo è quasi venuto in quel momento! Quando il suo sperma caldo mi è scivolato giù per la gola, come ho detto, sono venuto...

1.1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

886 I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

857 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.