La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

1.1KReport
La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

*c'è una prima parte in questo e ancora una volta la grammatica non è perfetta*



Il pensiero della torcia del capezzolo mi ha fatto eccitare, ma non oso dirlo a Mr.B. Mi ha afferrato il braccio e mi ha detto di sbottonarmi la parte superiore e di togliermelo insieme al reggiseno e di mettermi la mano sopra la testa, quando ci ho messo troppo tempo ha sospirato scuotendo la testa e mi ha dato altri schiaffi sul culo. Ho accelerato per non turbarlo più.

Ha preso la mia tripla D e i miei grandi capezzoli sorridendo tra sé come se avesse vinto il jackpot. Ho ricevuto sorrisi anche dagli altri ragazzi. Mi chiedevo se qualcuno ci avrebbe creduto se glielo avessi detto e una volta che ho capito che nessuno mi avrebbe creduto, ho pensato che fosse meglio essere sottomesso nel miglior modo possibile.

Ha fatto un passo verso di me tenendo una piccola scatola di oggetti che temevo persino di guardare. Tirò fuori due morsetti per capezzoli che avevano piccoli denti su di loro. Oh, come ho pregato tra me e me che non fossero taglienti. Si leccò le labbra e mi pizzicò i capezzoli rendendoli duri prima di applicare le pinze. La mia pelle bruciava dal dolore e diventava di un rosso vivo e chiusi gli occhi come se in qualche modo ciò potesse aiutarmi.

Batté le mani davanti a me, "Tieni quegli occhi aperti! E tieni i seni in fuori! Voglio che siano sempre in evidenza o sarai di nuovo piegata sulle mie ginocchia, mi senti Lilly?" Chiese,

Annuii spingendoli indietro e cercando di trattenere il dolore. Ho guardato in basso e ho visto che ogni uomo nella stanza aveva un rigonfiamento. Non potevo fare a meno di sentirmi un po' orgoglioso di me stesso. Il signor B prese alcuni pesi dalla sua scatola e li aggiunse alla catena dei morsetti che li univa. Poi ha afferrato una frusta e ha iniziato a frustare.

FRUSTA FRUSTA FRUSTA "Pregami di averne ancora Lilly! Sii una brava ragazza." FRUSTA FRUSTA FRUSTA.

Le lacrime iniziarono a riempirmi gli occhi, ma onestamente volevo di più. "Per favore signore di più, bagnati."

Ha sorriso e ho ricevuto più di 100 frustate in più, ma poi il dolore è diventato grave e ho abbassato le mani per fermare la frusta. Non gli piacque e fece cenno ai ragazzi di alzarsi. Ha consegnato la frusta a uno mentre uno doveva tenermi indietro le braccia. Il terzo mi ha preso un bastone per il culo e la parte posteriore delle gambe.

È andato avanti per un po' e mi sono chiesta se le piccole cose che ho fatto lo meritassero davvero. Il signor B sembrava sapere cosa stavo pensando mentre si avvicinava alla mia faccia, "Guarda Lilly, devi imparare il tuo posto e ho scoperto che con le giovani donne dalla testa di toro come te hai bisogno di una punizione adeguata almeno tre volte alla settimana per fare così. Quindi verrai qui con questi ragazzi e io tre volte alla settimana finché non ritengo opportuno prenderlo? E non preoccuparti, il mio animale domestico a volte sarà anche per un regalo.

Mi ha raggiunto tra le gambe, poi mi ha pizzicato le labbra della fica e ha fatto scorrere un dito su e giù per la mia fessura. Ho tremato di piacere e mi sono rilassato. Poi ha trovato il mio clitoride e mi ha massaggiato il nocciolo più e più volte dicendomi che non dovevo mai venire senza permesso. Trattenni gemendo e appoggiandomi al ragazzo che mi teneva per le braccia. Il signor B mi ha afferrato per il collo e mi ha adagiato sulla sua scrivania con un ragazzo su ciascun lato che mi teneva le gambe divaricate e il terzo era quello di tirare la catena ogni pochi secondi.

Ha preso un bastoncino di legno lungo e sottile e ha strofinato il mio clitoride più e più volte facendolo diventare rosa e gonfio di nuovo. Poi lo sollevò e mi schiaffeggiò la figa. Ho urlato e lui ha scosso la testa e mi ha tolto la gonna infilandomi una parte in bocca e sbattendo il bastone verso il basso sei volte di seguito. Chiusi gli occhi lasciando cadere qualche lacrima emozionata.

Poi sono arrivate le mollette da bucato, ne ha messe 3 su ciascuna delle labbra della mia figa facendole uscire a ventaglio, lasciando fuori il mio clitoride. Ha preso un vibratore, l'ha acceso alla massima velocità e me l'ha mostrato. I miei occhi si spalancarono mentre si prendeva il suo tempo scendendo lungo la mia coscia. Sorrise strofinandolo intorno al mio clitoride facendo attenzione a non colpirlo. Ho sgroppato un paio di volte sperando di farcela con il mio clitoride pulsante, ma lui si è allontanato ancora di più così ho continuato a piagnucolare.

L'ha tirato giù nel mio buco del culo, ha fatto il giro e ha giocato con la sua entrata. Mi mordicchiai la gonna e lo guardai mentre indossava un guanto di lattice bianco come lo indossano i dottori. Poi ha versato del lubrificante lì e ha iniziato a infilarci dentro un dito. Non ero sicuro se mi piacesse o no, ma non importava perché sarebbe successo qualunque cosa accada. Alla fine l'ha capito fino in fondo e poi ha iniziato a lavorare in due. E poi prima che me ne rendessi conto ne aveva tre e stava estraendo un tappo anale dalla sua scatola con un gioiello rosa all'estremità. Allora venne al mio orecchio e cominciò a sussurrare.

"L'ho preso per abbinarsi a quel bel fiocco rosa che ti piace indossare."

Il mio cuore è saltato, quindi aveva pianificato tutto quello che pensavo. Ha iniziato a lavorarci dentro e anche se mi aveva allungato un po' mi faceva ancora male.

"Eccolo. E sembra molto buono." Sorrise dandogli un colpetto giocoso e togliendosi il guanto.

Si alzò e iniziò a calarsi i pantaloni dal corpo atletico. Essere un insegnante e un allenatore di calcio ha dato i suoi frutti. Ho rabbrividito quando ho visto il suo cazzo da 8 pollici che doveva essere largo 3 pollici. E sapevo che voleva la mia verginità.

"Mi godrò questa Lilly. Forse no, ma sarebbe egoista negarmi il piacere e negartene davvero per dopo. Se combatti contro di me, ti farà ancora più male e non lascerai questa lezione finché non avrò scopato la tua piccola figa stretta e carina."

Poi è venuto su di me e ha strofinato la sua testa di cazzo sul mio clitoride. Ha strappato via le mollette dei vestiti e ha sputato sulla mia entrata della figa mentre la strofinava ancora un po'. Alla fine fece scivolare dentro la testa dopo qualche spinta e si fermò a stringere i denti prima di sbattere giù prendendo la mia femminilità per il suo piacere. Ho preso il dolore come un campione sapendo che faceva parte di questo, non importa chi l'ha fatto.

Il suo cazzo mi ha riempito e allungato fino a quando ho pensato che mi avrebbe spinto a metà! Gemevo e coed e respiravo pesantemente mentre i suoi passi diventavano più lunghi e più veloci. Ho provato a trattenermi dal venire ma non ho potuto farne a meno e l'ho lasciato andare. Una volta venuto, mi tirò in piedi e mi porse i miei vestiti.

"Ci vediamo tra 2 giorni Lilly. . .e non pensare che ti perdonerò facilmente se vieni senza permesso. Che ci fosse o meno una gonna in bocca..."

Storie simili

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

Il gigolò del re

Il gigolò del re (Un'avventura medievale) Sono sempre stato un po' appassionato di epoca medievale. Non sono affatto quello che chiameresti un appassionato di storia, mi piace la moda primitiva, in particolare le scollature e i seni gonfi e il comportamento barbaro, ma soprattutto gli intermezzi romantici che sono collegati a così tanti eroi e leggende. Su scala ridotta, sono sempre stato, diciamo, divertito più che interessato all'idea del viaggio nel tempo e del teletrasporto fin dalla tenera età da quando ho iniziato a leggere Le cronache di Narnia, ma immagino che ogni bambino lo sia in una certa misura. Forse...

1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

952 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

945 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

919 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.