Viaggio a Washington

437Report
Viaggio a Washington

Mi sono alzato dal letto per andare in bagno. quando sono tornato e ho tirato indietro il lenzuolo, lei era sdraiata su un fianco con le gambe aperte... e ho visto le spesse labbra pelose pendere tra le sue cosce sottili.

non era la prima volta che la vedevo fare sesso, ma questo era più di quanto potessi sopportare quel giorno. sembrava che mi avesse preso in giro per tutta la sera, andando alla doccia dopo essersi spogliata davanti a me. sedeva e guardava la tv nel motel con la vestaglia abbastanza aperta da poter vedere tutte le sue tette e il grosso rigonfiamento della sua figa.

potrebbe essere stata la birra... beh, so che è stata la birra a farmi alzare a suon di brividi, ma tutto si è tradotto nel fatto che sono andato sotto le coperte e ho messo la bocca su quelle spesse labbra invitanti... ...si strinse, all'inizio non era sicura di cosa stesse succedendo, poi fece un profondo sospiro mentre le sue gambe si spalancavano. Ho trovato rapidamente il suo clitoride, era difficile non notarlo poiché ha iniziato a gonfiarsi, e mentre lo succhiavo il suo corpo ha iniziato a tremare e una leggera spinta dei suoi fianchi si è trasformata in un brivido spastico mentre si irrigidiva e ansimava per respirare.

stava raggiungendo l'orgasmo e io le tenevo strette le cosce... leccando e succhiando delicatamente il suo sesso gonfio mentre la crema usciva dalla sua vagina... quando ho sentito che si rilassava di nuovo, ho cominciato a succhiarla di nuovo. in pochi secondi cominciò a tremare di nuovo... il suo clitoride era così grosso e rigido che sembrava un piccolo cazzo, la punta sporgeva dal cappuccio... gliene leccai il fondo mentre veniva. quando ho provato a succhiarla di nuovo, mi ha spinto via la testa ansimando e sussurrandomi che era troppo sensibile... ringraziandomi con effusione mentre mi sdraiavo sul mio lato del letto. dopo qualche minuto si è spostata sotto le lenzuola e ha trovato la mia erezione furiosa... l'ho sentita sussurrare oh mio Dio... lo ha preso tra le mani tremanti e ha cercato di infilarselo in bocca... .poi sussurrò di nuovo oh mio Dio. cominciò a leccare la punta spessa e potevo sentirla strofinarsela su tutto il viso,,,, il suo respiro era disperato mentre alternava tra tirare il prepuzio e succhiare la punta stillante... le sue mani trovavano il mio scroto stretto mentre lei ho cercato goffamente di trovare un modo per farmi un pompino. alla fine disse, è troppo... è troppo, mio ​​Dio, non ho mai visto niente del genere prima in vita mia!... usa solo le mani, ho detto, tira semplicemente la pelle su e giù.

ho messo la mia mano tra le sue gambe e lei le ha spalancate, iniziando a tirarmi con un certo ritmo......proprio così ho sussurrato, il mio busto cominciava a combaciare con i suoi strattoni....era bagnata fradicia, e lei stava premendo forte il suo sesso nella mia mano mentre mi accarezzava.... le sue mani erano ormai scivolose per il pre-sperma, e io mi sono teso... ho iniziato a eiaculare e l'ho sentita mentre sentivo il suo corpo sollevarsi, anche lei stava venendo... oh mio Dio oh mio Dio, diceva più e più volte mentre teneva il mio cazzo che sussultava ed era in eruzione. l'ho toccata e lei è venuta di nuovo. ci addormentammo entrambi, sazi.

quando mi sono svegliato, ho sentito la doccia... il lenzuolo mi era rimasto attaccato e l'ho tolto, perché avevo un disperato bisogno del bagno. entrai e lasciai andare un ruscello che un cavallo avrebbe invidiato. ha chiuso la doccia a metà del flusso e non riuscivo a fermarmi... è uscita e ha iniziato ad asciugarsi. il mio flusso ha rallentato fino a diventare un gocciolamento, ho scrollato di dosso le gocce e ho raggiunto la maniglia dello sciacquone. quando è successo, mi ha chiesto?...mi sono girata e lei aveva una strana espressione in faccia mentre muoveva gli occhi al mio pene nudo. quando è successo quello che ho chiesto? non stava cercando di nascondere nulla, quell'enorme e denso triangolo di pelliccia marrone scuro che mi fissava, e anche lei mi vedeva guardarla. voglio dire, l'ho già visto prima, ma mio Dio... pensavo che solo gli uomini neri avessero organi del genere. Ho riso e ho detto che immaginavo che ci dovesse essere un negro nella nostra linea di sangue da qualche parte, e sono uscito dalla porta del bagno, sapendo che se fossi rimasto ancora un po', sarebbe iniziato.

Mi sono messo i pantaloni e stavo cercando la maglietta quando è uscita dal bagno....ancora molto nuda. indossò le mutandine di nylon bianche, con l'ombra dello spesso triangolo che brillava sotto, e poi il reggiseno. come ti senti per quello che è successo ieri sera, mi ha chiesto?.....mi sono messa la maglietta e ho detto che avevo bevuto troppe birre, e mi sono scusata se mi ero offesa.....lei si è fermata, e mentre lei scuoteva la testa come se cercasse di dire che andava tutto bene, le dissi che dopo la sua esibizione non riuscivo a distinguere tra lei e qualsiasi altra donna... tutto quello che avevo visto ieri sera quando avevo tirato indietro le lenzuola era una donna sexy.

si è seduta sul divano del motel, ancora solo in lingerie, e mi ha chiesto se me ne pentivo. ho scosso la testa, dicendo che mi dispiace solo che siamo nella situazione in cui ci troviamo.... lei ha incontrato i miei occhi e le ho detto che sapeva che ero sempre stato interessato a lei in quel modo... lo hai sempre saputo, altrimenti non avresti continuato a tentarmi. Stavo avendo un'altra erezione e la vidi deglutire mentre guardava la forma del mio pene che si ispessiva sotto i jeans attillati.

quando,...si schiarì la gola e ci riprovò.....quando è successo, il suo sguardo era ancora sul mio inguine, il suo viso era arrossato adesso, quando ha cominciato a crescere così tanto?....non lo so voglio dire adesso, voglio dire, ora posso vederlo sotto i tuoi pantaloni.... lei arrossì e balbettò, cercando di distogliere lo sguardo... quando è diventato così grande, intendo? pensi davvero che sia così grande che ho chiesto? le sue mani cominciarono a tremare, e si alzò dicendo che non era stata con così tanti uomini, ma non avrebbe mai immaginato che un uomo potesse avere un pene così grande...e come hai imparato a farlo con la tua bocca?...l'ho guardata e lei è arrossita e si è voltata. intendi che ti lecco addosso?.....lei ha annuito, dicendo che pensava solo che le lesbiche facessero così...aggiungendo, e Dio, so perché a loro piace.....non ho mai provato niente del genere in la mia vita!

tutte le ragazze con cui sono stato se lo aspettavano, quindi sono sorpreso che tu non l'abbia fatto... era la tua prima volta? annuì, continuando a guardare fuori dalla finestra... era la mia prima volta per un sacco di cose... la quantità di sperma che eri fuori era incredibile... la dimensione dei tuoi organi sessuali... ...non posso credere di essermi perso tutto questo in tutta la mia vita....

il mio cazzo colava, duro come una roccia mentre guardavo la sua silouette vicino alla finestra di vetro... in controluce... lo scandaloso spazio tra le sue cosce che cedeva alle labbra carnose... gli slip scivolosi di nylon bianco che reggevano loro. mi sono spostato dietro di lei e le ho sussurrato che lo farò per te ogni volta che lo vorrai... le ho preso la mano destra e le ho fatto sentire la lunghezza del mio sesso. non possiamo farlo, lo sai che non possiamo, sussurrò mentre la sua mano cominciava a tremare, sentendomi senza alcun suggerimento. l'abbiamo già detto. fallo di nuovo, sussurrò disperatamente... per favore fallo di nuovo.

le sue ginocchia cedettero e la portai a letto, senza nemmeno provare a toglierle le mutandine... leccandola attraverso l'ampio cavallo di nylon, sentendo le pieghe gonfie del suo sesso, lei finalmente scostò il tessuto mentre la succhiavo clitoride gonfio fino a un orgasmo febbrile. mi sono abbassato i jeans liberando il cazzo sbavante dicendo che so che non possiamo, ma voglio sentirlo sul mio cazzo... le sue gambe erano larghe e aveva il tessuto delle mutandine così teso di lato che ho pensato che l'apertura della gamba si spaccava...tremava violentemente mentre mettevo il mio cazzo tra le labbra spesse e lo facevo scivolare su e giù...sotto il suo clitoride eretto, bagnando la tenera parte inferiore del mio cazzo con i suoi fluidi...sensazione la punta rigida del suo clitoride sulla mia zona più sensibile... sono arrivato a torrenti, gli schizzi di sperma che le dipingevano la cassa toracica ansante... il suo reggiseno, i suoi capelli, le lenzuola oltre, persino il tappeto davanti al condizionatore d'aria...la sua mano lo stava afferrando, cercando di spingerlo giù, e io continuavo a tirarmi indietro. scivolai sul pavimento cercando di riprendermi dall'orgasmo più massiccio che avessi mai avuto... le sue gambe drappeggiate oltre il bordo del letto... le fugaci gocce del mio sperma scorrevano lentamente lungo i polpacci bianchi e sottili che stavano ancora sussultando.

facemmo la doccia insieme, senza incrociare lo sguardo dell'altro, e uscimmo a pranzo. non ci siamo detti molto quel pomeriggio.... credo soprattutto perché ogni volta che ne ho avuto l'occasione, e ce n'erano alcune, avevo le mani sotto la sua gonna e sentivo le labbra spesse e sensuali che avevo tanto desiderato la mia vita... questo è stato tanto un risveglio della nostra attrazione quanto una vacanza... e tutto ciò che serviva era...

andammo in un ristorante vicino al motel e, con mio sgomento, lei ordinò del vino durante il pasto... ed era stordita dopo il primo bicchiere. ne ha ordinato un altro e gli sguardi che mi ha rivolto mi hanno fatto capire cosa c'era in serbo per stasera......non volevo che fosse così facile......lo volevo, ma non così.

sulla via del ritorno nella stanza ho visto un ragazzo di colore in piedi accanto alla cabina telefonica vicino all'atrio del motel. Ci ho fatto entrare nella stanza e le ho detto che sarei andato dall'altra parte della strada a prendere una birra e che sarei tornato subito. si affrettò verso il bagno dicendo che doveva fare pipì, alzandosi la gonna... mentre correva si vedevano tutti i pezzi del suo culo magro ricoperti di nylon bianco.

tornai verso la parte anteriore del motel e lui era ancora lì. è venuto da me come sapevo che avrebbe fatto, chiedendomi qualche spicciolo. gli ho detto che avrei avuto 20 dollari se mi avesse fatto un favore. i suoi occhi si spalancarono mentre ascoltava, io gli dicevo che avevo la moglie del mio capo qui per una riunione, e lei si avvicinava a me come una matta... e se l'avessi fatto sapevo che avrebbe significato il mio lavoro. ha detto che intendi la chic con cui ti ho visto passeggiare un minuto fa? ho annuito e lui ha detto... amico, ti darei $ 20 per un minuto con quello. Gli ho dato i 20 dollari e la chiave della stanza, e ho attraversato la strada per prendere l'alcol.

Sapevo che la finestra era aperta sul retro della stanza, quindi mi sono avvicinata mentre sorseggiavo una birra... ero abbastanza sicuro di sapere cosa sarebbe successo. quando ho guardato dentro lei era in ginocchio e succhiava l'adolescente nero così violentemente che gli tremavano le gambe... e lui l'ha portata a letto e l'ha scopata come una stupida con i suoi vestiti ancora addosso... e intendo anche le sue mutandine!.. li aveva messi da parte e le aveva messo dentro tutta quella carne nera e magra. lui la tirò giù dal letto e gliela fece succhiare prima di andarsene... e lei lo fece come una puttana, succhiando avidamente tutto il suo seme, mentre lui le diceva che voleva il suo culo. si strappò la gonna e lasciò cadere le mutandine... sdraiata sul letto con le guance spalancate con le mani. tornò alla sua figa. lei gli aveva offerto anche quello, ma lui ha visto la stessa cosa che non riuscivo a togliermi dalla testa... le ha scopato di nuovo la figa, sparando per la terza volta in meno di mezz'ora.

l'ho visto frugare nella sua borsa mentre lei giaceva lì... sapevo di avere i soldi e la plastica mentre lo guardavo andarsene. forse 5 pollici, ma alla fine aveva avuto il suo uomo nero. bevvi altre birre e la guardai infilarsi sotto le coperte e andare a dormire.

Sono entrato dopo mezzanotte e mi sono spogliato nudo... non si è mai mossa mentre scivolavo sotto le coperte, sapendo che il cazzo che pensava possedessero gli uomini di colore, era turgido tra le mie cosce.

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

487 I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.