Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

257Report
Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore.

La prima e la seconda storia di Tiffanie portano a casa il fatto che tutte le mamme nel mio universo letterario amano il cazzo nero MA c'è un cazzo che amano molto, molto di più. Questa storia parla di Tiffanie che non scappa più dal suo tabù e dal desiderio perverso per suo figlio.

Questa storia inizia subito dopo la fine della sua prima. Niente più uomini di colore per lei, dopo aver ammesso il suo vero desiderio – suo figlio – si è concentrata esclusivamente su di lui.

Tiffanie è stata introdotta nella parte 4 di The Challenge.  Inoltre, una specie di cameo in questa storia richiama le storie di The Challenge, un certo resort tropicale in cui i membri della famiglia si sono avvicinati.





Ex compagni di gioco pt. 09:  Il vero desiderio di Tiffany



Capitolo 1

“Ti ho visto Diane. Ho visto te ed Elliot sul mio ponte posteriore a fare sesso", ha detto Tiffanie alla sorella maggiore al telefono. Era in piedi alla finestra della sua camera da letto, nuda, a guardare suo figlio che calciava un pallone da calcio in giardino. Le persiane erano completamente aperte, a Tiffanie non importava se Tom si girava e vedeva la sua clessidra in piedi lì, a guardarlo.

"Tu, uh, l'hai fatto?" disse Diane, scendendo da Dan, il cazzo di suo nipote, nella sua nuova casa enorme a Charleston, nella Carolina del Sud. Sorrise a sua sorella Stephanie che era seduta su una sedia vicino al letto mentre si faceva mangiare la figa da suo nipote, il figlio di Diane, Elliot.

"L'ho fatto", rispose Tiffanie, guardando Tom. «Un anno e otto mesi fa. Tu e lui eravate qui. Quella notte ho sentito dei rumori forti e sono andato a vedere di cosa si trattava: tuo figlio, che ti teneva su per le gambe, ti appoggiavi alla ringhiera mentre lui ti scopava.

Diane si fermò davanti a una delle sei porte della camera da letto. Stava ascoltando i suoni smorzati del fare l'amore che stavano facendo sua sorella minore Julianne e il figlio Greg. Erano abbastanza nuovi in ​​casa, non erano ancora del tutto a loro agio nel condividere l'un l'altro e nel partecipare alle sessioni di sesso di gruppo che si tenevano. Diane sapeva che era solo questione di tempo: Julianne aveva fatto grandi progressi un paio di settimane fa non indossando più vestiti al chiuso. Il figlio di Julianne, Greg, si è presto sciolto un paio di giorni dopo, unendosi al nuovo stile di vita nudo di sua madre e di tutti gli altri.

"Tiffanie, mi dispiace, avremmo dovuto essere più silenziose", disse Diane, dirigendosi verso l'enorme cucina.

"No. So di Bob. So che è tuo e mio padre. So che le altre sono le nostre sorellastre. Andavo a letto con lui quando lavoravo con lui e dopo aver visto te ed Elliot, ho ricominciato a dormire con lui per diversi mesi. Sai perché?"

"Come mai?"

“Quindi potrebbe cancellare il ricordo di aver visto te e tuo figlio farlo. Ma si è ritorto contro", ha detto Tiffanie.

«Ti ha detto che era nostro padre», pensò Diane.

"Sì. Quindi sai cosa ho fatto dopo? Quale sarà la mia prossima linea d'azione per cancellare i ricordi di aver assistito e di aver partecipato all'incesto?"

"Che cosa?"

“Cazzo nero. Ho perso il conto di quanti negri ho scopato e succhiato per nascondere qualcosa, per seppellire qualcosa. Vuoi sapere cos'era?" chiese Tiffanie, aggiustandosi un capezzolo, guardando suo figlio.

"Cosa, tesoro?"

“Volevo nascondere quanto mi eccitasse. Vedere te ed Elliot, apprendere che sono andato a letto con mio padre, quanto fosse incredibilmente caldo e tabù tutto ciò. Ho provato a sostituire un feticcio con un altro, ma non importa quanti cazzi neri sono stati infilati in ogni singolo buco del mio corpo nell'ultimo anno, non sarebbe e non potrei sbarazzarmi di quell'ardente desiderio per quell'unico cazzo speciale. Un cazzo che voglio in me più del più grande cazzo nero del mondo.

«Tom», disse Diane.

"Sì. Non posso più nascondere il mio desiderio per questo, per lui, più. Non posso scappare da esso. Farò l'amore con lui", ha detto Tiffanie.

"Fallo. Fallo e vieni a vivere qui con me. Julianne e suo figlio si sono trasferiti qui un paio di mesi fa. Puoi farlo anche tu. Ferma tutto, metti in vendita la casa e trasferisciti da noi. Tom si diplomerà al liceo questo mese, portalo a letto, mostragli quanto lo ami e poi trasferisciti con noi", ha detto Diane.

Tiffany sospirò. “Potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi. Non siamo più così vicini. Non ho passato molto tempo di qualità con lui. Sento che sarebbe strano".

“Ignora quella sensazione. Se si sente a disagio, lo supererà. Portalo da qualche parte. Solo tu e lui. Fallo tuo. Non ti resisterà per sempre", consigliò Diane.

"Penso di sapere esattamente la cosa", ha detto Tiffanie. Hanno terminato la loro chiamata, seguita da altre chiamate di Tiffanie a un agente di viaggio. Stava portando suo figlio in un posto dove erano stati prima, un posto dove uno degli amanti neri di Tiffanie li accompagnava, un posto dove trascorreva la maggior parte del suo tempo cavalcando il suo cazzo invece di passare del tempo con suo figlio. Stava per sistemare le cose. Avrebbe passato tutto il suo tempo a prestare attenzione a Tom questa volta. Sarebbe stata nella vasca idromassaggio, a letto, sotto la doccia, in spiaggia con Tom, non con nessun altro.

La prima settimana di giugno era quando sarebbero partiti. Sarebbe esattamente lo stesso resort, camera, tutto. Tiffanie guardò Tom dalla sua finestra calciare la palla avanti e indietro in cortile. Fissandolo, mentre si strofinava lentamente il clitoride, aveva alcune settimane per prepararsi. Avrebbe cambiato tutto con suo figlio.







capitolo 2

Aspettò fino all'arrivo di Tom prima di indossare una vestaglia nera di seta. La prima decisione di Tiffanie nel suo percorso per sedurre Tom è stata quella di indossare meno vestiti, sempre. Nessuna biancheria intima, vestitini attillati, vestaglie, pantaloncini minuscoli e canotte avrebbero fatto parte del suo nuovo abbigliamento.

Tom era seduto su una poltrona e stava navigando sul canale, quando Tiffanie entrò nel soggiorno, avvicinandosi immediatamente a lui.

“Tom, dobbiamo parlare,” disse, mettendosi in ginocchio davanti a lui, attenta a assicurarsi che la sua scollatura fosse esposta il più possibile senza rivelare completamente i suoi seni.

"Ok, cos'è?" chiese Tom, distogliendo lo sguardo da lei.

Tiffanie gli prese il telecomando, lanciandolo sul divano vicino. Si è riposizionata in modo che i suoi grandi seni riposassero sulle cosce di Tom. Poteva dire che si sentiva a disagio, ma non le importava.

"Voglio scusarmi con te."

"Per quello?" chiese.

“Lo scorso anno, tutto. Io e te ci siamo separati. È colpa mia. Questo cambierà a partire da ora. Per il tuo regalo di laurea, ti porto in viaggio nello stesso identico posto in cui sono andato a novembre. Saremo solo io e te. Sto rifacendo quella vacanza e passerò tutto il mio tempo con te", ha detto Tiffanie.

“Oh, beh, va bene. Non dobbiamo".

"No. Noi siamo. Mi sento orribile per l'ultima volta che ci siamo andati,” Tiffanie fece una pausa; la sua seconda decisione sul suo percorso per sedurre Tom è stata quella di cambiare il modo in cui gli parlava. Ha pensato a come procedere, optando per un'apertura totale e onesta.

Fece scorrere lentamente le mani su e giù per le sue cosce. "Ero impegnata a fare sesso, tanto sesso, con l'amica che è venuta con noi", ha detto Tiffanie, mordendosi il labbro inferiore. Gli occhi di Tom si spalancarono e si irrigidì, non sentendo mai sua madre parlare in questo modo.

“Eri in spiaggia da solo e io me lo stavo mettendo nella vasca idromassaggio. Stavi pranzando da solo e io venivo mangiata fuori – se capisci cosa intendo”, sorrise a Tom scioccato.

Tiffanie si alzò per sussurrargli all'orecchio: "Significa che stavo bevendo il mio pu..."

“So cosa significa mamma,” la interruppe Tom, spingendola via. "Troppe informazioni."

“Beh, comunque, questa volta sarà diverso. Passeremo tutto il tempo insieme. Me e te. Come ti sembra?" lei chiese.

Tom non voleva guardarla in faccia, lanciò un'occhiata alla sua scollatura, "Uhm, potresti voler controllare te stesso lì."

Tiffany guardò in basso. Parte del seno destro, compresa la maggior parte del capezzolo, era esposta. Immaginò che la sua vestaglia si fosse slacciata quando si chinò per sussurrare a Tom. "Oh. Eh,” Tiffanie scrollò le spalle. "Allora cosa ne dici?"

"Vuoi aggiustare la tua vestaglia?" chiese nervosamente Tom.

“Ugh Tom, non essere sciocco. Sono solo io. Legheremo così tanto nelle prossime settimane. Potresti vederli tutti i giorni!” disse Tiffanie, tirandosi indietro velocemente la vestaglia, scoprendo i seni.

"Mamma!" Tom distolse lo sguardo.

Tiffanie gli afferrò il viso per incontrare i suoi occhi, i suoi grandi seni esposti appoggiati sul basso addome di Tom. "Tom, una vacanza da rifare per il tuo regalo di laurea, vero?"

Tom deglutì, tremante, fissandola negli occhi. Lui annuì lentamente con la testa.

"Bene", Tiffanie sorrise, chiuse gli occhi e baciò la bocca chiusa di Tom. Rimase in piedi, gli occhi di lui fissi nei suoi, senza sistemarsi la vestaglia.

Si allontanò, dietro Tom, verso le scale. Si tolse l'accappatoio, guardandosi sopra la spalla. «Comincio la cena tra un'ora. Se hai bisogno di me prima, sarò nella mia stanza a masturbarmi. Basta bussare prima. Oppure no. Lo fanno tutti!”

Tom rimase immobile per i successivi cinque minuti, con la bocca aperta, ancora sotto shock. “Che diavolo,” riuscì a sussurrare prima di alzarsi per andarsene.

Proprio mentre metteva la mano sulla porta d'ingresso per uscire, sentì sua madre venire - ad alta voce - nella sua camera da letto. "No, no, devo andarmene!" Tom si precipitò fuori di casa per andare in giro per un po'.

Se fosse rimasto a casa altri cinque minuti, l'avrebbe sentita gridare il suo nome, implorandolo di andare più forte, più a fondo dentro di lei.

Tiffanie tirò fuori il dildo dal suo corpo, leccandolo e succhiandolo per bene. Il suo unico vero desiderio, Tom, sarebbe stato tutto suo in un attimo.






capitolo 3

La cena è stata un'agonia per Tom. Tiffanie indossava la stessa tunica nera, niente sotto, giocava a fare i piedi tutto il tempo con lui, continuando a parlare del loro viaggio.

“Oh c'è anche una spiaggia per nudisti nelle vicinanze. È carino. Sentiti libero di unirti a me se vuoi,” suggerì Tiffanie, prendendo alcuni bocconi finali del suo pasto.

“No grazie,” rispose velocemente Tom.

Tiffanie sorrise, portando i piatti di lei e di Tom in cucina. “Ok, uomo di casa, siediti sul tuo trono. La tua donna, io, ti darà da mangiare il dessert.

"Che cosa?"

"Siediti sulla poltrona", Tiffanie alzò gli occhi al cielo, tirando fuori la torta di mele dal frigorifero. Prese un cucchiaio e si diresse verso Tom.

Si tirò su la corta veste nera e si sedette in grembo, la maggior parte del suo culo nudo sulla sua coscia. “Mamma,” Tom trasalì.

"Shhh, sto dando da mangiare al mio uomo", ha detto Tiffanie, portando un cucchiaio di torta alla bocca.

"Non sono il tuo uomo", disse Tom.

"Mangialo e basta", sbottò. Tom obbedì, aprendo la bocca a sua madre per infilarci la torta.

“Mmmm,” gemette. "Buona?"

"Sì."

“Prendine un altro. Ti piace la torta?"

“Mmhmm,” disse Tom, masticando il boccone.

Tiffanie gli baciò un lato della testa dopo avergli dato un altro morso, guardandolo mangiare. "Sei davvero bravo a mangiare la torta, Tom."

"Ehm, grazie?"

"Scommetto che a molte ragazze della scuola mancherai", ha aggiunto Tiffanie.

"Cosa intendi?" disse Tom dopo aver ingoiato un altro po'.

«Bene, Tom», disse Tiffanie, prendendogli il cucchiaio e posando la torta sul tavolo. "Pie è un eufemismo per", sorrise, sporgendosi ancora una volta per sussurrargli all'orecchio. "Figa".

"Oh cavolo, mamma", gemette Tom. "Cosa ti è preso?"

“Ehi, rilassati, rilassati. Siamo solo stupidi qui".

“No, sei sciocco. Scendi da me,” disse Tom, cercando di alzarsi in piedi, cercando di spingere sua madre fuori dal suo grembo.

"Facile! Bene, bene, vai,” disse Tiffanie, lasciandolo andare.

“Grazie per la cena. È stato bello", ha detto Tom per educato obbligo.

"Prego," sospirò Tiffanie. "Ti preparerò la cena molto più spesso."

Tom si è diretto nella sua stanza per giocare ai videogiochi. Tiffanie sentiva di andare troppo veloce. Più tardi quella notte sua sorella maggiore Stephanie acconsentì. Erano al telefono tra loro, Stephanie provava abiti sexy per il suo appuntamento con suo nipote, Greg, mentre la madre di Greg, Julianne, ha fatto lo stesso per il suo appuntamento con il figlio di Stephanie, Dan. È stato un passo avanti per tutti che si sentivano a proprio agio l'uno con l'altro, un passo più vicino alle orge familiari e familiari.

“Mi tirerei un po' indietro. L'hai steso abbastanza spesso, a quanto pare. Non vuoi spaventarlo", suggerì Stephanie. “Forse scusati per essere stato troppo forte, poi nelle prossime settimane continua a flirtare, ma in modo più innocente. Probabilmente si sentirà ancora a disagio, ma non abbastanza da spaventarlo completamente".

"Allora in vacanza posso fare un salto di qualità?" chiese Tiffany.

"Sicuro. Solo stai attento. Ho messo Dan MOLTO a disagio quando l'ho sedotto. Sono andato troppo oltre, troppo in fretta credo. Se fossi rimasto solo per diversi giorni con lui, avrei potuto rallentare un po' le cose".

"Ho 10 giorni con Tom", ha detto Tiffanie.

“Bene, è molto buono. Ogni giorno alza un po' la posta. Fino ad allora, però, scusati e poi mantieni le cose semplici. Rannicchiarsi sul divano, andare al cinema oa cena; parla con lui come farebbero gli amici. Queste sono cose che avrei voluto fare in un certo senso".

"Come ti sei sentito finalmente dopo che è stato fatto?" chiese Tiffany.

«Al settimo cielo. È stato breve e dolce. Dan non è durato a lungo, ma non mi importava. È il mio tesoro", ha risposto Stephanie. "Il sesso con lui è meglio del sesso con tutti i neri..."

"Cazzi nel mondo?" Tiffany ridacchiò.

"Sì!" disse Stephanie, d'accordo con Tiffanie e anche sull'abito che aveva scelto. Cambiò tono, sussurrando al telefono. “E adoro il cazzo nero. Lo faccio davvero. Ma niente è paragonabile a Dan. Diamine, dopo il mio appuntamento con Greg stasera, lo porto a letto e non ho dubbi sul fatto che QUEL sesso sarà altrettanto buono se non QUASI buono come lo è con Dan.

Le due sorelle ridacchiarono: "Spero di scoprire che hai ragione", disse Tiffanie. "Ugh, mi hai fatto eccitare così tanto adesso."

“La masturbazione è tua amica. Ricordo di essere sborrata sul mio giocattolo, pensando a Dan prima di fare l'amore, e non ho mai avuto un orgasmo così forte in vita mia. Più di quanto non abbia mai avuto con un ragazzo di colore ed è stata solo masturbazione!

"Stefania! Sei troppo", ha detto Tiffanie. Calmandosi un po', con gli occhi al suolo, "Immagino che tu sappia che siamo sorellastre, vero?"

“Sì, ma non è un grosso problema. Non cambia nulla. Siamo ancora sorelle", ha detto Stephanie.

"Lo so. Immagino che tu abbia ragione,” disse Tiffanie, alzandosi, togliendosi la vestaglia.

"Dovrei andare. Ricorda di andare piano", ha detto Stephanie. Hanno terminato la loro chiamata. Tiffanie si è diretta alla doccia e Stephanie ha incontrato il suo appuntamento sulla porta d'ingresso.

La schiena di Stephanie era contro la schiena di sua sorella Julianne. Ogni donna stava pomiciando con il rispettivo figlio. Hanno rotto il bacio nello stesso momento e all'unisono hanno detto: "Divertiti con tua zia stasera".

Tutti e quattro scoppiarono in una risata.






capitolo 4

Prendendo a cuore il consiglio di Stephanie, Tiffanie lo ha attenuato un po'. Invece di flirtare con Tom e metterlo a disagio, ha deciso di parlare di più con lui, andare a fare cose con lui e in pratica costruire un'amicizia con lui.

Indossava ancora pochissimi vestiti in casa. Tiffanie si sedeva di fronte a Tom a cena, indossando la vestaglia, i capezzoli eretti contro la seta, strofinando leggermente il piede contro il suo, ma senza esagerare.

Si è scusata per essere stata troppo forte, dicendo che a volte si eccita davvero e ha problemi a controllarsi, specialmente con uomini attraenti, insinuando Tom.

Tom per la maggior parte era imbarazzato con lei, essendo gentile solo perché era la cosa giusta da fare. La cosa principale nella sua mente era finire gli esami finali e capire come dire a sua madre che era stato accettato al college dall'altra parte del paese, a Los Angeles, vicino a suo padre. I suoi genitori non andavano affatto d'accordo, ma dal momento che sua madre è stata a malapena presente nell'ultimo anno circa, Tom ha trovato difficile parlarle di queste cose. Sapeva che non sarebbe stata contenta.

"Non vedi l'ora del nostro viaggio?" chiese Tiffanie a suo figlio mentre riponeva i piatti con lui.

“Sì, immagino,” Tom scrollò le spalle.

"Ci divertiremo moltissimo", disse, impedendo a Tom di mettere via un piatto, abbracciandolo forte. “So di averlo già detto di recente, ma mi dispiace davvero di non essere stato molto in giro nell'ultimo anno. Stavo attraversando molte turbolenze e ho semplicemente mantenuto le distanze invece di affrontarle".

“Tumulto? Tipo cosa?" chiese Tom.

“Vieni, siediti sul divano con me,” Tiffanie gli afferrò la mano, facendogli strada. Tom si sedette, Tiffanie tirò su la gonna che indossava, rivelando un po' del suo culo, e la fece sedere, all'insaputa di Tom, la figa nuda in grembo, a cavallo di lui.

“Mamma,” sospirò Tom.

"Rilassati, va bene", Tiffanie gli trattenne il viso, baciandogli le guance prima di continuare. Non voleva dirgli che Diane ed Elliot facevano sesso sul ponte posteriore, non voleva dirgli quanto l'avesse eccitata vederlo, non voleva dirgli in cosa era affondata ordine dimentica cosa ha visto e come si è sentita.

"Ricordi Bob?" chiese Tiffany dopo una breve pausa.

"Sì, quel ragazzo con cui passeresti i fine settimana."

"Destra. Ebbene, si è rivelato essere una persona completamente diversa. Ho avuto un momento difficile affrontarlo. Sono scappato quando avrei dovuto correre da te.

"Perché io?"

Tiffanie non rispose, sorridendo a suo figlio, facendogli scorrere le dita tra i capelli. Lo abbracciò forte, tirandolo contro il suo petto.

“Ugh,” Tom si dimenò.

“Scusa,” disse Tiffanie. "Il mio seno è abbastanza grande, vero?"

“Uhm,” deglutì Tom, i suoi occhi che sbattevano rapidamente le palpebre. "Sì."

“Ti è piaciuto così tanto succhiarli. Ti hanno nutrito molto bene tanto, tanto tempo fa», accarezzò Tiffanie.

“Andiamo, cavolo,” si lamentò Tom, allontanando il viso dalla sua mano.

“Scusa,” disse di nuovo, scendendo da suo figlio, tirandolo su. “Finisci i piatti. Sarò nella mia camera da letto. Sentiti libero di unirti a me. Possiamo guardare un film, se vuoi".

Tom si strinse nelle spalle, non proprio in vena di unirsi a lei. Non l'ha fatto. Andò nella sua stanza a studiare per l'ultimo esame. La laurea sarebbe il fine settimana successivo. Tiffanie, ancora una volta nuda, si è accoccolata sotto le coperte, addormentandosi prima della fine del film.

*********

"Che ne dici di farlo ingelosire?" suggerì Stephanie al telefono, togliendosi brevemente il cazzo di Dan dalla bocca.

"Non lo so. Come?" Tiffany ha risposto. Era di nuovo nuda, a guardare Tom giocare a calcio.

“Beh, magari flirta con uno dei suoi piccoli amici. Hai detto che dopo la laurea c'era un cuoco fuori, vero? Bene, se Tom ti vede flirtare con altri ragazzi della sua età, forse diventerà geloso; forse ti vorrà per sé dopo averti visto in quella luce. Chissà?" ha aggiunto Stefania.

“Non credo che funzionerà. Non posso dirti quante volte ho fatto sesso ad alto volume nell'ultimo anno nella mia camera da letto, sperando che in fondo Tom mi spiasse o entrasse in noi. Niente ha funzionato. O ha lasciato la casa o si è messo le cuffie e si è nascosto nella sua stanza", ha detto Tiffanie.

“Beh, non essere così ovvio con esso. C'è una piscina lì?" chiese Stefania.

"Credo di si. È in fondo alla strada presso la piscina del quartiere. Hanno un cuoco fuori ogni anno per tutti i laureati che vivono qui".

Stephanie ha tirato fuori di nuovo il cazzo di Dan dalla bocca, "Indossa un bel bikini. Con un corpo come il tuo attirerai l'attenzione di tutti. Basta stare in acqua".

"Vedrò cosa posso fare. Non ho incontrato nessuno degli amici di Tom, quindi chissà.

Alcuni giorni dopo, sabato sera, tutti stavano fissando Tiffanie mentre lei e Tom entravano nell'area della piscina, sedendosi sugli asciugamani.

Il suo bikini verde acqua non era troppo rivelatore, sembrava troppo da troia, era abbastanza normale. Le sue curve, il seno, la pancia, le gambe, il sedere non hanno impedito a tutti di dare un'occhiata al 41enne. Aveva ancora un corpo incredibile dopo l'ultima posa su Playboy nei suoi 20 anni.

Tiffanie ha ignorato tutti tranne Tom. Praticamente lo seguiva in giro. Con riluttanza la presentò a tutti i suoi amici. Tiffanie ha giocato bene, è stata amichevole, sorridendo ampiamente.

Nessuna delle altre madri le avrebbe parlato; i padri erano troppo spaventati. Ma gli amici di Tom, adolescenti, le si sono avvicinati facilmente mentre si appoggiava al muro della piscina in quattro piedi d'acqua.

Non ha flirtato con loro. Non li ha toccati affatto. Parlava e rideva con loro. Alcuni erano timidi, altri estroversi, ma Tiffanie poteva dirlo, tutti la volevano.

Lei e Tom si sono incontrati negli occhi diverse volte. Era dall'altra parte della piscina a chiacchierare con un amico e la sua ragazza. Alla fine ha beccato Tom a guardarla, a guardare i ragazzi intorno a lei. Gli fece un dolce saluto, sperando che questo suggerimento stesse avendo una sorta di effetto su di lui.

Lo ha fatto. Più tardi quella notte, Tom era nel suo letto, a guardare un film con lei. Non parlava molto, ma bussò alla sua porta, entrò, dicendole che pensava che sarebbe uscito un po'. Tiffanie non aveva idea se fosse geloso o volesse passare del tempo con lei quella notte per compensare il fatto di non poterlo fare in piscina.

"Abbraccio?" chiese Tiffanie, un grande asciugamano ancora avvolto intorno al suo corpo dopo la doccia.

“Certo, immagino,” Tom scrollò di nuovo le spalle, allungando il braccio verso sua madre. Tiffanie non ha guardato il film, invece si è sdraiata contro Tom, respirando il suo profumo, godendosi il suo calore.

Quando il film finì, gli chiese di stare con lei per la notte. Ha rifiutato. "Per favore?" lei chiese.

“No. Forse domani,” disse Tom.

"Ok. Sono orgoglioso di te, comunque. Molto, molto orgoglioso di te. Stavi frequentando tutte quelle classi avanzate e ora hai finito! disse Tiffanie, abbracciandolo e baciandolo sulle labbra, cogliendolo di sorpresa.

"Sì. Grazie,” disse Tom, continuando a nasconderle le informazioni sulla sua accettazione al college di sci di fondo.

"Ricorda domani sera", disse Tiffanie, sorridendo mentre suo figlio lasciava la sua stanza, chiudendo la porta.

"Ok. Domani notte."

Slacciò l'asciugamano, lasciandolo cadere in piedi, in piedi nuda: "Bene. Ti aspetterò", sussurrò.






Capitolo 5

"Io dormo nuda", ha detto Tiffanie a Tom la notte successiva non appena è entrato nella sua stanza, chiudendo la porta.

"Che cosa?" disse indietreggiando.

“No,” disse Tiffanie, inchiodandolo alla porta, impedendogli di scappare. “Non te ne vai. Voglio passare più tempo possibile con te. Se ti senti a disagio con la mia nudità, puoi spogliarti o dormire fuori dalle coperte.

«Va bene», disse Tom. "Fammi sapere quando sei nel letto e ti sei coperto."

"Sei al sicuro", disse Tiffanie, sdraiata su un fianco, appoggiata su un gomito. “Sei sicuro di non voler perdere quel pigiama? È abbastanza comodo sentirsi la pelle nuda contro le lenzuola.

"No grazie", rispose rapidamente Tom, sperando che lo lasciasse cadere. Tiffanie ridacchiò, avvicinandosi a Tom. Si tirò una coperta sulle gambe.

"Reggimi?" chiese sua madre. Tom alzò gli occhi al cielo. “Rilassati, la mia pelle non toccherà la tua. Sono sotto le coperte, ricordi?"

Tom sospirò: “Va bene. Bene."

Spense la lampada vicino al letto, parte del suo seno venne scoperta dal suo allungamento. Tom non se ne accorse.

Con le braccia e la parte superiore della schiena scoperte, si rannicchiò contro Tom. Tirando il suo viso verso il suo, baciandogli le labbra, gli disse buonanotte. "Sei l'unico uomo per me. Me ne rendo conto ora. Buona Notte."

Tom, confuso dalla sua affermazione, ha semplicemente risposto con una sua "buonanotte". Tiffanie giaceva tra le sue braccia, completamente sveglia, fingendo di essere sotto le coperte e nuda con lei dopo una sessione di sesso bollente.

La sua figa bagnata le dava coraggio, aspettò che Tom si addormentasse. Tiffanie si alzò a sedere, il lenzuolo che si staccava dal suo corpo, rivelando i suoi seni. Guardò suo figlio addormentato, sorridendo in modo seducente.

Nella stanza poco illuminata, tirò indietro la sua coperta, attenta a non disturbarlo. "Solo un'occhiata. Questo è tutto,” sussurrò.

Con il cuore in gola, trattenne il respiro, tirando lentamente e delicatamente i pantaloni del pigiama e i boxer. Tiffany si fermò, avendo un'idea. Saltò giù dal letto, si mise i capelli lunghi fino alle spalle in una coda di cavallo, trovò un flash sul comodino e tornò sul letto.

"Là. Diamo un'occhiata a te", sorrise. Appoggiata sul gomito, in bilico sulla parte centrale di Tom, gli tirò giù i pantaloni del pigiama e la biancheria intima ancora una volta.

"Oh piccola, oh piccola", sussurrò, con la bocca tremante, la torcia che illuminava il ciuffo di peli pubici e il pene flaccido di Tom.

Tiffanie abbassò la testa, inalando il suo profumo, "Wow", sussurrò.

Voleva divorarlo, dargli vita, succhiarlo. “Ti terrò dentro di me. Ho intenzione di bere da te", disse al suo cazzo addormentato.

Spegnendo la luce del flash, si avvicinò a Tom. «Mi prenderò cura di te, Tom», gli sussurrò all'orecchio. "Mmmm", gemette, "ti scoperò così bene."

Tiffanie dovette allontanarsi dalla stanza. Saltò di nuovo giù dal letto, si precipitò lungo il corridoio e uscì sul ponte posteriore nell'aria calda e umida della notte. "Questo è dove è iniziato", ha detto. "Qui è dove ho visto una madre e un figlio insieme".

Si stava strofinando lentamente il clitoride, passeggiando per il ponte, la luna piena le forniva tutta la luce di cui aveva bisogno. “Tom. Sì."

“Prendimi,” disse di nuovo, appoggiandosi allo schienale della ringhiera, proprio come fece sua sorella maggiore Diane quella notte fatidica.

"Sì!" faceva finta che Tom fosse lì, tenendole le gambe, sbattendo il suo cazzo dentro di lei più forte che poteva. Tiffanie accelerò il ritmo, strofinandosi furiosamente il clitoride. "Sì! Sì!"

"Più forte!" Immaginò suo figlio che stringeva i denti, sudando, proprio come lei.

"Sì! Sì! Nooooooo!” Tiffanie cadde oltre la ringhiera, atterrando con un tonfo, sei piedi più in basso sull'erba bagnata. È scoppiata a ridere dopo aver scoperto che non c'erano ferite. Non aveva finito però.

Non importava se i vicini l'hanno sentita o vista, ha continuato a masturbarsi nel suo cortile. Rotolandosi per terra, fingendo che Tom fosse con lei, arrivò in mezzo al cortile. Adesso era a quattro zampe, si allungava oltre lo stomaco, si massaggiava il clitoride, si intingeva le dita nella fica e si massaggiava ancora un po'. Nella sua mente Tom era dietro di lei; possedendola.

Come un lupo che ulula alla luna, Tiffanie urlò nella notte, mentre l'orgasmo più potente che avesse mai avuto il sopravvento su di lei. Non importava se avesse svegliato i vicini o Tom, crollò a terra, respirando affannosamente.

Quando si calmò, rise di se stessa, scavalcò con una certa difficoltà la ringhiera del ponte, piantando il piede sul pavimento del ponte e tirandosi su e giù. Entrò scoprendo che Tom stava ancora dormendo.

Dopo una doccia per ripulire la terra e l'erba, rimase in piedi, nuda sulla soglia del bagno, la luce dietro di lei che modellava il suo corpo, a guardare Tom dormire, sorridendo diabolicamente. Si chiese se questo tabù e questo desiderio perverso fosse genetico. Forse era per questo che tutte le sue sorelle dormivano con i loro figli. Non lo sapeva e non le importava. Tutto quello che sapeva lo stava abbracciando pienamente, il suo vero desiderio, e molto presto avrebbe oltrepassato quel limite con Tom.




Capitolo 6

Tiffanie si è seduta accanto a Tom durante il viaggio in aereo per le Bahamas. Gli tenne la mano, ripensando all'ultima volta che erano su un aereo. Era novembre ed era la stessa destinazione. Tiffanie era in bagno a farsi scopare dall'amica che si era portata dietro. Questa volta, però, era seduta accanto a suo figlio, gli teneva la mano e pensava a tutte le cose meravigliose e belle che voleva fargli. Avrebbe sistemato le cose.

Hanno guidato un bus navetta dall'aeroporto al resort. Tiffanie si raggomitolò tra le braccia di Tom, ignorando l'espressione infastidita sul suo viso. L'ultima volta che erano lì, Tiffanie era rannicchiata nel braccio della sua amica, stringendo e tirando la sua erezione attraverso i pantaloncini, sperando che suo figlio guardasse e lo vedesse; guarda che sua madre non era una malata incestuosa come le sue zie.

Ma ora lo era. Tiffanie ha abbracciato pienamente i suoi impulsi tabù, non scappando più da loro – da Tom. Avvicinò il suo viso al suo, baciandogli le labbra.

Tom si staccò: "Mamma, cavolo".

Tiffanie sorrise, asciugandosi le labbra con il pollice: "Ti amo".

Tom si guardò intorno all'autobus, facendo un cenno a sua madre: "Ti amo anche io".

Tiffanie non riuscì a cancellare il sorriso dalla sua faccia. Era così timido. Tutto ciò sarebbe cambiato entro la fine del viaggio.

Si è verificato un problema con l'ottenimento della stessa villa dell'ultima volta. Il responsabile della reception che li ha registrati ha informato Tiffanie del loro errore.

"Va bene. Questo è un nuovo viaggio, quindi una nuova stanza va bene", ha detto.

L'impiegato guardò Tiffanie e Tom: "È tuo figlio?"

"Sì."

"Penso di avere la stanza perfetta per voi due", sorrise l'impiegato, strizzando l'occhio a Tiffanie prima di stampare le loro scartoffie.

*********

"Oh wow, è fantastico, Tom!" Tiffanie posò la borsa sul letto e andò in bagno. La doccia era enorme. Il suo primo pensiero fu che avrebbe potuto facilmente far entrare lei e Tom lì dentro.

“Guarda qui! Oh mio Dio…”  Tiffanie guardò nel piccolo cortile, notando la vasca idromassaggio. Tom era in piedi accanto a lei, guardandosi intorno.

"Forse più tardi stasera, posso farmi consegnare del vino, possiamo entrare", Tiffanie si voltò e fece il solletico a suo figlio, "possiamo divertirci!"

Tom sussultò: "Sì, certo". Si strinse nelle spalle.

Tiffanie tornò alla sua borsa, lasciando Tom a guardarsi intorno. "Mi sto mettendo il bikini e poi andremo in spiaggia".

Pochi istanti dopo, Tiffanie esce dal bagno indossando un bikini nuovo di zecca. Era un minuscolo bikini nero con perizoma, che lasciava poco all'immaginazione.

"Beh, ti piace?" Chiese a suo figlio, ridendo mentre distoglieva lo sguardo imbarazzato. Si avvicinò a lui, afferrandogli le mani e posandole sulla sua vita.

"Pensi che sia sexy?" lei chiese.

“Mamma, io...”

“Ehi, va bene. Come donna, pensi che io sia sexy?"

Tom sospirò e scrollò le spalle.

“Ehi, guardami,” Tiffanie avvicinò il suo viso al suo viso sorridente. Sorrise, guardando la sua scollatura. "Pensi che io sia sexy?"

«Io, suppongo», balbettò Tom.

“Bene,” Tiffanie afferrò la sua borsa. “Ti suggerisco di rilassarti e di non pensarmi come una madre, ma un'amica, una donna con cui sei in vacanza. Una vacanza necessaria per riconnetterci entrambi, questa volta da adulti".

Tiffanie fece l'occhiolino al diciottenne, facendogli cenno di seguirla. Chiudono a chiave la porta e si dirigono verso la spiaggia, con Tiffanie che tiene la mano di Tom.

*********

Erano inseparabili, con grande gioia di Tiffanie. A differenza dell'ultima volta, a novembre, hanno passato la giornata insieme. Non parlavano molto. I pensieri di fare l'amore con Tom, di darsi a lui, le riempivano la mente, ma rimase calma e tranquilla, godendosi il sole, la sabbia e suo figlio.

Lo trascinò nell'acqua, si mise a cavalcioni su di lui, lo tenne stretto e lo guardò negli occhi, dandogli occasionalmente baci sulla guancia e sulle labbra. Stava assaporando ogni momento.

Tom non protestò troppo, Tiffanie si chiese se in fondo non gli dispiacesse il suo seno grande, appena coperto da un bikini, che schiacciava contro il suo petto.

Quella sera andarono a cena. Indossava un bel prendisole, niente biancheria intima. C'era una candela in mezzo al tavolo; gli teneva la mano, sedendosi di fronte a lui.

Qualche istante dopo, ballando lentamente con alcune delle coppie più anziane del resort, "Hai notato qualcosa nella nostra stanza?"

"Che cosa?"

«Ha solo un letto. Ti va bene?" chiese Tiffany.

"Sì, credo. Sicuro."

"Ti andrà bene se dormo nuda?"

“Uh, beh...”

"Tom?" gli mise le mani sul viso, "non devi sentirti a disagio con me".

“Lo so, è solo un po' strano. Dormirò di nuovo fuori dalle coperte".

“Ok,” sorrise, accettando ancora una volta quel compromesso.

Tornato nella stanza, Tom emerse dal bagno in pigiama. Tiffanie started undressing, glancing at Tom while she did, seeing him avert his eyes, too bashful to look.

Just like the other night, Tom held her covered nude body against his.  After a long day of travel, Tiffanie was too tired to wait for Tom to go to sleep.  As she drifted off, she thought back to the previous trip.  She climaxing over and over again the first night, while Tom was outside or across the villa, his room shut.  This time, she was doing things the right way.  She was in his bed, in his arms, right where she belonged.






Capitolo 7

"Che cosa? What is it?” Tom asked his mother the next day after breakfast. They were in a nearby pool; she was once again, straddling him staring at his face, quiet.

"Niente. Just admiring the view.”

“You’re funny,” Tom said.

“You look a little like my father,” Tiffanie said, referring to her biological father, Bob.

"Veramente? I never saw that resemblance.”

“When he was younger, yes,” Tiffanie thought back to the day she learned of Bob’s true identity, seeing pictures of the college age Bob with his mother, Tiffanie’s mother.

“I love you,” Tiffanie said once again.

“Mom, are you sure you ok?  I mean I know you want to make up for not being around much in the past year or so, but you just seem so different now.”

“I’m more than ok, Tom.  I’m perfect.  I feel great, I feel like everything is working out wonderfully.”

Tom thought about telling her about college. She thought he’d be attending a nearby community college for a couple years, getting his core classes out of the way, and then transferring to a four year school to finish. Seeing her happy face looking at him made him hesitate once more.

“Things are going to be changing for us,” Tiffanie said.  “They will be changing for the better.  I can’t go into it just yet, but on this trip, you’ll know what I mean by the time we leave. Please just go with it, let me change our relationship for the better.”

"Di cosa stai parlando?"

“You’ll see, just go with it.  I promise you everything will be perfect.”

The rest of the day was more of the same – quiet closeness between mother and son, Tom gradually loosening up a bit, not flinching when she kissed him.  Sometimes he’d rest his hands on her waist while she gave him a longer-than-normal kiss on the lips.

That evening was another romantic meal, followed by a walk under the stars, with Tiffanie’s hand holding Tom’s arm.

*********

Tom awoke the next morning hard as a rock – more so than normal.  He felt a warm, soft body resting against his.  His hand glided up a bare back, feeling the silk skin.  He moaned, feeling a heavy mass against his side – two large breasts.

His eyes shot open upon realizing the body belonged to his mother.

“Hi,” she said, smiling at him.  “Sorry, I got hot under the covers.  I figured this blanket you were using would be better.  But then I got chilly, so I snuggled up to you.  Now I’m just right.”

“Uh, ok,” Tom said.

Tiffanie rose up, kissing his cheek, her tits dragging across his chest.  Tom looked away, not seeing his mother crawl out of bed.  He kept his eyes closed, hearing fabric of her bikini thong slide against her legs.  He quickly opened and shut his eyes.  In that split second he saw his mother, back to him, looking for the bikini top.  He could see the sides of her breasts from behind.

“Get dressed.  Let’s go,” Tiffanie said, pulling the blanket away from Tom.  Moaning inwardly when she saw his tented pajama bottoms.

“Looks like someone else is ready to go,” Tiffanie smiled, glancing at his bulge, sitting next to Tom on the bed.  She ran her hand over his chest.

“Mom, I’m sorry, I – ”

“Got excited from holding a naked woman in your arms?” Tiffanie asked.  Tom’s eyes darted from side-to-side, thoroughly embarrassed.

“Aww, it’s ok,” Tiffanie said, throwing her leg over Tom, climbing on him, straddling him.  He looked on in shock when his mother lowered her crotch on top of his.

"Vedere? No big deal,” She said, fighting a burning desire to rip his pajama pants off and shove his cock inside her hungry pussy. “Actually, it kinda is a big deal.”

Tom’s face turned red, picking up on his mother innuendo. "Ehm."

“Come on, let’s get going,” Tiffanie said, climbing off her son, giving his tenting pajamas a look and a smile.

The rest of the day was noticeably more uncomfortable for Tom.  Tiffanie thought nothing of it, spending all her time with her true desire – her son and enjoying every hug, kiss, and caress she gave him.

That night she went to bed, undressing once more, climbing on the bed under the same blanket Tom was under.  He didn’t protest this time.

“You going to fondle me in my sleep?” Tiffanie joked.

"Che cosa? No, no way,” Tom said.

“You can if you want to,” Tiffanie said, lying in his arms.  “I wouldn’t mind being woken up by a man running his hands all over my naked body.”

Tom shook his head, closing his eyes, feeling more uncomfortable.

“I love being held like this,” his mother said, placing his hand on her waist.

A moment passed, Tom was incredibly tense. “Tom?” Tiffanie asked rising up on her elbow. “Are you a virgin?”

"Mamma!"

“Sweetie, don’t be shy.  You can tell me anything.”

"Uffa".

"Bene?"

He hesitated more.  “I had a girlfriend but it never got to that point.”

“Sex?”

"Sì. OK? Is that what you wanted to know?”

“What did you two do?”

“We kissed some and, well,” Tom paused.

Tiffanie kissed at his cheek, jaw, neck, whispering in his ear, “Did she suck your dick?”

“Ah geez,” Tom said, attempting to sit up, to leave, but his naked mother pinned him down.

“No, no, you’re not going anywhere,” She said, straddling him, Tom looking away from her tits.  “Did she?”

Tom nodded his head, yes.

Tiffanie leaned down, her breasts coming to rest on his chest, “Was it good?”

Tom shook his head, no.

"E perchè no?" She whispered, peppering his face with slow sensual kisses.

“Teeth,” Tom spit out.

“Ah yes.  Her teeth raked across your cock. Probably didn’t feel good,” Tiffanie was continuously kissing at his cheeks and neck now.  “I had that problem too when I first started pleasuring men with my mouth.  I learned a few tricks to help with it.”

Tom gulped again, his breathing heavy, he wanted to run, but was too scared to grab her naked body and throw her off him.

“Now that I’ve mastered it, a penis easily goes into my mouth, no teeth raking across the shaft,” Tiffanie paused a moment, kissing his lips slowly.  “I love the feeling of doing it.”

She was looking directly in Tom’s eyes now, “I love it when a man ejaculates in my mouth.  I love the taste of semen, sloshing it around in my mouth before I swallow it.”

She kissed his lips once more, “Every last drop.”

Tom panicked, “Ok get off me.  Get off me!”

“Tom?”

"Per favore! Just move,” Tom said, sitting up, his mother sliding off him on to the mattress. He rushed out the door, saying over his shoulder, “Going for a walk.”

Tiffanie smiled, getting off the bed, walking to the hot tub in the back court yard area.

 “We’re going to the nude beach tomorrow Tom,” she said aloud, letting the jets of the tub, massage her body, while she rubbed her clit.

Two hours later, Tom returned, finding his mother in the bed on her side facing away from him.  He pulled the blanket over him, rolled over, and tried to go to sleep.






Capitolo 8


Tom woke the next morning finding his mother already dressed, not in a bikini, but in a thin, spaghetti-strapped tank top, her large, full breasts busting at the seams to get out, and tiny, white shorts.

“Hurry!  We have to make the ferry on time,” Tiffanie pulling Tom out of the bed.

“Ferry?”

"Sì!" She said, pulling his t-shirt up over his head, running her hands over his body before pulling at his pajama pants.

“Whoa, whoa, I can remove these,” Tom said, heading to the bathroom to change in to a new shirt and swim trunks.

They had a quick breakfast, Tom trying to forget about last night, his questions about where they were headed in the ferry unanswered by his mother.

The ferry was actually a small boat, large enough for about ten people, all sitting in rows of benches.  Tom saw they were headed for an island not far off the coast.  Apparently it was owned by the resort and this boat shuttled people back and forth from it all day.

When they arrived Tiffanie stood, waiting to get off.  Wake from a passing boat hit their boat causing Tiffanie to stumble.  She raised her hands to stop her fall.  One hand went Tom’s thigh, the other, to his crotch.

Tiffanie held it there, pressing down on his crotch for a few seconds, “Oops, sorry.”

Tom blushed, saying nothing, hoping it was an accident.

Holding hands, exploring the island, they walked by the pool area, small restaurant, and made their way to one of the small beaches. They were alone.  Tiffanie saw a small coconut tree in the distance.

“Hold me up; I want to get a coconut as a souvenir.  I hope I can get it past customs,“ She told her son.

Instead of getting a stick or even bumping into the tree, she insisted she straddle Tom, and he hold her up so she could reach the coconut. He finally agreed, Tiffanie sneakily tore her thin spaghetti strap and jumped on Tom.

He held her up as high as he could, “My butt,” Tiffanie said.

"Eh?"

“Hold me up by my butt.  I can get higher that way,” she instructed.  Tom agreed, sighing when his mother’s chest was against his head, practically in his face.

Tiffanie rested one hand on Tom’s shoulder, the other reaching high above her.  She stretched and struggled to reach the coconut, and then it happened, just as she hoped.  The upward reaching of her arm, coupled with the broken strap of her tank top, caused a massive tit to spill out.

“Almost got it!”

“Uh mom,” Tom said, witnessing her breast make its way out of her shirt.  “Mom?”

“Just a sec, almost there!”

“Uh,” Tom said, moving his head back and forth, attempting to avoid the bare breast in his face.

“Be still!” his mother said.

"Fretta!" Tom called to her.

Her boob was now smashed against the side of Tom’s head, the erect nipple next to his eye. He remained still, but couldn’t help but glance at it.  Then he turned his head and looked directly at it, the round nub within sucking distance.  His mouth instinctually opened; his hot breath against her skin.

Tiffanie held the coconut and watched her son stare at her bare breast.  For half a minute he stared at it, frozen with fear, but also admiring its beauty.

“Tom.  You can put me down now.  I have the coconut,” his mother calmly said.  Tom, shaken from his trance, lowered his mother, her nipple gliding against his nose, then top and bottom lips.

“Thank you, sweetie,” Tiffanie smiled at him.

Tom was flustered, nodding his head, looking around, avoiding eye contact.

“Look,” Tiffanie said, glancing behind Tom.  He turned around saw an older couple, nude, walking along the beach.

“Will you get naked with me?  It’s a nude beach,” Tiffanie asked.

“I, um, well,” Tom struggled to get out.

Tiffanie giggled, pulling Tom in for a hug. “It’s ok, we don’t have to.” She backed away, holding the coconut up to her bare breast. "Aspetto. They’re about the same size,” she giggled again.

Tom just nodded uncomfortably.

“Will you tie my strap?  It broke,” she said, turning around.  Tom obliged, tying it in a simple knot for her.

They walked around awhile, holding hands, Tom not knowing what to say.  She led him to a nice spot under some palm trees.  He sat against one.

“Rub my neck and shoulders?” his mother asked, taking a seat in front of him.

"Sicuro."

Tiffanie made Tom stretch out his legs and leaned against his body.  “There you go.  Have at it.”

He was barely massaging her at first, too afraid and too shocked to really work her tissue.  “Harder,” Tiffanie said, leaning her full weight against him.

Tom looked forward, to the crashing waves doing his best to avoid looking at her cleavage.  His mother moaned, her hands resting on his thighs at her sides.  “Yes,” she said, squeezing his thigh muscles while he rubbed her trapezius muscle and neck.  Then Tom glanced down.

He saw her heaving chest, her breasts slowly rising and falling with her labored breathing. One of those breasts was in his face earlier, the nipple dragged across it.  “No, no, no, please don’t,” Tom silently begged his growing erection to calm down.

The way she was rubbing his thighs, the way her breasts moved with her heavy breathing, the way she moaned when he massaged her neck – Tom couldn’t will the erection away no matter what now.

A few moments later, Tom found himself breathing heavily too.  The worst part is that he was instinctually flexing his butt, causing him to ever so lightly thrust upward into his mother’s lower back.

“Mmmm,” Tiffanie moaned again, her head lying against Tom’s shoulder.  “Lower.”

"Hmm?" chiese Tom.

She grabbed his hands, bringing them around toward her chest, suggesting he massage her pectoral muscles.  Tom did so, but struggled since her pectorals were covered by tit flesh. Rubbing the part where her breasts began, he continued.

Tiffanie was moaning more and more now. She was also, just as subtly as Tom, meeting his upward thrusts with downward ones of her own. She felt his cock against her lower back, pretending it was going inside her, there on the secluded beach. Era così bagnata. “Lower,” she told her son again.

He couldn’t disobey his mother.  His hands slid lower down her chest, kneading and squeezing more of her breast flesh now.  “Yes,” he told himself, the brain in his penis taking control.

His hands were in her top now, squeezing her tits from behind.  They were massive handfuls, so large, soft.

Tiffanie’s left hand slid further up his thigh, “Yes, Tom,” she moaned.  She rose up just enough to get her hand behind her, resting it on Tom’s crotch.

She was squeezing his erection, just like Tom was squeezing her breasts.  Then it happened, Tom lost control, after a minute or so.  His body became rigid, his breathing erratic.  He was ejaculating.  His mother never once stopped her bulge squeezing, loving every second of bringing him an orgasm.

He settled down a moment later, going still, bringing his hands out of her top.  She turned her head to kiss his lips, but he pulled away, ashamed, embarrassed what he had let himself do to her.  The fact that she loved it, encouraged it, and made him cum, was confusing for him.

Tom stood, his mother rising with him.  He walked toward the dock on the other side of the island, waiting for the boat to arrive a few minutes later.  Tiffanie followed him, realizing her son was changing.  Tom was at the point where he tasted a small sample.  He would either say no, never being inappropriate with her again, or he’d say yes and keep going, keep pushing things, keep exploring these desires his mother has had for awhile now.

Tiffanie, walking a few feet behind Tom, brought her hand to her nose, smelling it.  It was damp from his semen seeping through the fabric of his swim trunks.  She licked at it, hoping to taste any sperm that may be on her hand.

Tom sat on the other side of the boat, away from her.  Tiffanie watched him, a sly smile on her face.  It was only a matter of time before her wildest, incestuous fantasies would become real.






Capitolo 9

Tom immediately took a shower upon entering their room.  Tiffanie assumed it was a cold one.  She did something next that could’ve turned out to be a huge mistake.  She took a risk and removed her clothes and went to the back courtyard area, turned on the Jacuzzi and waited for Tom to get out of the shower.

Tom took forever to finish his shower.  When she heard it cut off from the small, open window, she called out to him.  “Tom, I’m out here.  Come see me.”

“Tom?” she called out once more. Moments later, he appeared, looking down, fully clothed. “Join me? Per favore?"

“No,” he said.

Tiffanie traversed the tub, rose out of it, naked and approached her son. "Per favore?"

"No."

“Aww, come on.  We’ll have fun,” she smiled, reaching for his hand.  “Get out of those clothes and join me.”

Tom jerked it away shaking his head.  “Mom, I’m not going to a community college for two years.  I’ve been accepted to UCLA.  I’m moving to California in August.  I’ll be living with dad and his new family.”

Tiffanie was stunned silent, her heart racing. She watched Tom walk away from her heading back inside.  The only thing she could muster was to whisper “no.”  She ran after her son, rage mixed with determination in her eyes.

She grabbed him by the arm pulling him inside and slammed the door shut. "No!" she yelled, pushing Tom onto the bed.

"Mamma!"

She mounted him. Quickly climbing on him, she held him down, grabbing his face, bringing it to her mouth for a kiss. “You aren’t moving out there. You aren’t leaving me. Mi capisci?"

“Mom!  Get off!”

"No. I’ve wanted this for so long,” She said in between kisses, Tom doing his best to avoid them. “Ever since I saw your Aunt Diane and Cousin Elliot fucking on the back deck.”

“Wait, wait!?!”

"Giusto. They were going at it like wild animals. Do you know how hot it was? Do you know what it did to me to see that?” Tiffanie was frantically kissing and licking Tom’s face.

“Ahh,” He tried to escape, but couldn’t and deep down, didn’t want to.

“Do you know how many men I slept with to try to forget what I saw and much it turned me on? Eh? Nothing worked nothing!” She was pulling at his t-shirt, tearing it at the seam.

“It’s, it’s not right!” Tom said, wincing in pain from his t-shirt’s collar slicing into the back of his neck.  Tiffanie tore it off him, resuming her kisses.

“Non mi interessa. I want you and I need you. I’m taking you,” his mother said, kissing his mouth one more time, her tongue slinking out, licking him.

"No!" He tried to resist.

Tiffanie stopped, sat up; staring at her son’s terrified face.  Her own face was expressionless.  After a brief pause, she said, quietly, calmly, “Suck my tits.”

Tom blinked rapidly, hesitating.  Both large orbs were staring back at him.  He slowly nodded his head, looked to his mother’s stone face, thinking back to the beach earlier in the day.

He devoured her tits, grabbing them hard, his mouth closing over a nipple, sucking at it as if he were starving.  “That’s it, Tom, that’s it” Tiffanie whimpered, holding his head in place. “Go with this.  Just let it happen!”

Tom was rock hard now, switching from one breast to another, covering the nipple and part of the meat with saliva.

Tiffanie pushed him back onto the mattress. Not taking her eyes off him, she tugged and pulled at his shorts, nearly tearing his boxer shorts off.  She ignored his hard-on, the need to feel him inside her, cumming and spewing his seed overcame her.

Climbing back on her son, she grabbed his cock by the base, hurriedly guiding it in her. “Mom,” Tom whimpered once more.

“Let it happen,” She said, before impaling herself on his dick.

They both moaned simultaneously.  His cock was in all the way.  It wasn’t the biggest she’d had, she wasn’t stretched out or as full as with others, but she didn’t care – it was the one cock she desired most.

Inches above his face, Tiffanie stared into his eyes, slowly moving her hips up and down, “I love you.”

“I love you too,” Tom answered, barely able to contain himself at how good his cock felt with her sliding up and down on it.

“I want you to fill me with your cum.  Ok baby?”

“I, I, can do that,” Tom said, feeling his body go rigid again.

Several more loving, slow pussy glides up and down Tom’s shaft and he couldn’t hold it anymore.  “Mom, it’s, it’s happening.”

“Yes,” she cried.  “Give it to me, everything!”

Up and down on his cock she rose and fell, stopping at the bottom when Tom’s eyes rolled into the back of his head. "Sì! Puoi farlo! Give me everything!” his mother said, feeling his cock spurt its warm, gooey gift into her pussy.

“Yesss, yesss,” Tom hissed, hands grabbing Tiffanie’s waist as he finished cumming inside her.

He went still, done, having had sex for the first time.  Tiffanie smiled, resting her head on his shoulder, still on top of him, his semen oozing out of her as his cock shrank.

"L'ho fatto. I did it,” She kept saying to herself over and over. Tears started welling in her eyes. “I love you,” she said aloud.

Tom paused, catching his breath, his hands sliding up and down his mother’s back. "Anch'io ti amo."








Capitolo 10

An employee of the resort adjusted his erection outside Tiffanie and Tom’s villa.  It was a few days after they first made love; they had one day left on their trip.  The front desk had received a noise complaint about the two lovers.  The employee had visited this villa for the exact same reason several times before.

“Hi,” Tiffanie said, opening the door, completely naked.  The employee wasn’t shocked.

"Salve signora. We’ve received a noise complaint about this room. Can you and, I’m assuming your son,” he said, looking around Tiffanie to the bed, seeing Tom sleeping, “keep it down some?”

Tiffanie laughed and nodded, “We’ll try.”

“Do you have plans tonight?  Perhaps he won’t mind if you and I go to dinner?” the employee asked, recalling a few past sexual adventures with the women that have stayed in this room. He smiled, unzipping his pants, pulling out his erect cock.

"Oh. That is certainly a nice one. I’m sure it’d go good with these,” She said, grabbing her breasts. “But it’s our last night here, so I’ll spend it with my son.”

"Ottimo. Have a safe trip home,” the employee said, Tiffanie closing the door. Not every resident of that room would have fun with him.

A few moments later, she was bouncing up and down on Tom’s cock, cumming on it yet again.  Ever since they became one, they only left to room to get food.  They spent most of their time fucking.  They were both raw, sore, and didn’t care.

They bathed together, exploring each other’s bodies.  “Mom, mom!” Tom cried out, his cock pumping semen directly into her throat as the shower steam enveloped them.

Tiffanie loved sucking his cock, getting it hard after a break, and then cleaning it of his semen and her juices after sex.

“No teeth,” She smiled, standing up, kissing his cheek. “I’m going to be sucking your dick every morning.  I think that’d be a wonderful breakfast.”

She showed him every position she knew of. He didn’t last long, but little by little, he’d last longer.  Just after midnight that night, Tiffanie was on all fours, Tom behind her, dripping sweat on to her back, cumming at the same time.

The next day, they managed to sneak into the bathroom on the plane for a quickie.  They got home, kissing and undressing on the way to Tiffanie’s bedroom.  “Fuck me,” she ordered him.

"Sì! Sì! Oh Tom!” she cried out as she came, Tom collapsed on top of her.

“I’m not going to California.  I’m not going out there,” he said, trying to catch his breath.

"Lo so. I knew once you had my pussy, your pussy, you’d change your mind,” Tiffanie grabbed his face kissing him hard. “We’re moving to Charleston. We’re moving in with your aunts. They are all like this – like us.”

“That’s great news,” Tom said.

“Uh huh, all of us together, cumming and cumming all day and night,” Tiffanie grabbed a breast, offering it to Tom.  “Suck it.”

*********

A few nights later, a hot, humid summer night, near 1 am, Tiffanie and Tom were on her deck fucking.  She was lying back on the wooden rail, Tom holding her by her legs, pumping into her.  Her arms stretched out to the side, holding herself up.

“Harder!” she ordered her son.  “Fuck me harder!”

Tom grit his teeth, slamming into her pussy as hard as he could, hoping to bring about another orgasm.

"Sì! Sì! Noooooooo!” Tiffanie  and Tom fell over the railing, landing with a thud, six feet below on the wet grass. They erupted into laughter after discovering no injuries. They weren’t done though.

They tackled each other, after brushing off some grass, going at it like rabid animals mating.

“You belong to me!” his mother said, tackling him.  “This dick is mine!”

Tom nodded, falling to the ground, taking her with him.  He guided his cock in her and continued on, rolling around, fucking in the moonlit backyard, not caring if they woke the neighbors.

The rolled around until they got to the fence. Tom, having learned a lot in the past couple weeks from his mother, stood, pulled her up, turned her around, and entered from behind.

He pulled her back to him by her hair, kissing and licking her neck, “And you’re mine,” he said.

“Always.”

After slamming into her so hard the wooden fence was rocking back and forth.  Tom picked his woman up, took her inside and bathed her.

He sat down in the shower, Tiffanie sitting on top of him, mouths entwined, hungrily sucking face.

At that very same moment in Charleston, South Carolina, Diane was sitting on her son, Elliot, offering her tits to him.  In the room next to theirs, Stephanie was squealing with delight as her son, Dan was eating her pussy.  Down the hall Julianne was on her back, legs wrapped tightly around her son, Greg, as he slowly made love to her, staring into each others face, saying without words how much they loved each other.

Back at Tiffanie’s soon-to-be former home, Tom was hard again.

“Ah! Shit!” she sat on him in the shower, Tom sucking her tits, covering them with hickeys. She arched her back, looking upward, closing her eyes, Tom taking her breast meat out of his mouth with a loud popping sound, while the water cascaded down on them. She looked into his eyes, smiling weakly, tired from lack of sleep.

“Aren’t you glad you gave in? Sono."

“I am too, mom,” Tom answered, they kissed until the water turned cold, exited the shower and fucked until they couldn’t stay awake any longer.

A few days later the house was full of boxes in preparation for their move.  Mom and son, naked as usual, took a break from packing.

“You sure you’re ok about taking a year off, before looking for a college closer to Char

Storie simili

Claudia Incarnata...Parte I

Il potere etereo insegue le anime al mare, il mare le sputa sulla soglia della terra, la terra alla luce del sole splendente e il sole le scaglia nell'etere vorticoso. - Empedocle di Akragas (V secolo a.C.) La prima cosa che hai notato di Claudia è che era bellissima. La sua era una bellezza raffinata e sofisticata e nel suo cuore c'era un'innata terrosità e un'aspra indipendenza che sicuramente provenivano dai suoi antenati siciliani. I suoi occhi castano scuro e i lunghi capelli neri fluenti brillavano nella chiara luce del mattino. Un sorriso giocava sulle sue labbra carnose, labbra tinte di...

690 I più visti

Likes 0

Chi vuoi baciare

Avevo circa 13 anni quando è successo, ero un bambino molto arrapato, ma per ora per qualche ragione non lo capisco più. L'ho inventato un po' : P Non vedo l'ora di baciare un ragazzo! disse Carolina mentre sfogliava la sua rivista Tiger Beat. Non voglio baciare Devin, il ragazzo della mia classe di matematica. Lo conosci vero? ha detto mentre mi guardava. uh uh. ho mormorato. Ero troppo impegnato a pensare al ragazzo che avrei voluto baciare per dire qualcos'altro. Non volevo dirglielo, ma pensavo che suo fratello di 16 anni fosse molto incantevole. Quasi tutte le sere di questo...

645 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota/e dell'autore: Onestamente, questa storia è stata parzialmente ispirata da un'altra storia di AbsolxHuman che ho trovato qui. Come dice il riassunto, questa storia contiene bestialità, quindi se non ti piace, è probabilmente meglio che tu trovi un'altra serie da perseguire, poiché la maggior parte degli incontri sessuali coinvolgerà Pokemon e il protagonista, anche se potrebbe esserci un pochi umani spruzzarono qua e là per cambiare le cose. Cambierò il codice per riflettere ulteriori modifiche nei capitoli successivi. Se...

675 I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

616 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

706 I più visti

Likes 0

Innocente ragazza asiatica si è trasformata in una schiava Capitolo 3

“Indossa una gonna domenica. Niente reggiseno o mutandine. Sophia lesse il breve messaggio e sospirò. Era stata essenzialmente costretta a rinunciare a tutto il resto della sua vita solo per far piacere al Maestro Liam. Invece di andare al club culinario giovedì durante il pranzo, ha passato il tempo a succhiargli le palle nella Tesla. Invece di andare a prendere Boba con le sue amiche domenica, avrebbe perso la verginità con un anziano che aveva incontrato solo due settimane prima. Sophia era terrorizzata dal dolore di perdere la sua verginità. Ha letto online di quanto sia stata dolorosa la rottura dell'imene...

627 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

497 I più visti

Likes 0

Storia della casa sull'albero

Conosci l'espressione boyie girl? Una di quelle ragazze che sono buone amiche di tutti i ragazzi. Non certo che sia sexy o qualcosa del genere, ma solo ovviamente fa tutte le cose che i ragazzi si divertono a fare. Giocano a ventosa, basket, baseball e tutte quelle cose kinna. Le ragazze Boyie hanno spesso molti fratelli maggiori. Simpatici fratelli a cui piace giocare con la sorella e ma non vogliono tutte quelle stronzate di Barbie e My Little Pony. Per questo cresce con lo sport ei videogiochi. Amelia era una ragazza così. Ha un albero di fratelli maggiori che, a pensarci...

491 I più visti

Likes 0

Game Over

Game Over. Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento. La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore...

258 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

804 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.