Il mio viaggio in autobus

1.3KReport
Il mio viaggio in autobus

Il mio viaggio in autobus

Quando sono salito sull'autobus, era pieno zeppo, con molte persone in piedi nei corridoi. Questo viaggio sarebbe stato lungo.

Ho guardato i passeggeri intorno all'autobus e poi ho visto lei. L'avevo già vista, ma solo di sfuggita. I suoi capelli castano topo le arrivavano alle spalle, un vestito estivo sottile e abbottonato con un bel seno piccolo, gambe grandi e un culo da morire. Ho deciso che avrei provato a godermi questo viaggio. Mi feci strada tra i passeggeri finché non fui proprio dietro di lei.

Il solo guardarle il culo mi rendeva duro, quindi mi sono avvicinato. La spinta dell'autobus fece urtare il mio inguine contro il suo sedere, ma lei non si voltò mai indietro. Le ho avvicinato la mano al sedere e di nuovo il sobbalzo dell'autobus l'ha fatto sfiorare contro le sue curve, ma l'ho tenuto lì. La sentivo un po' tesa, eppure non si voltava mai, così le accarezzai le guance, facendo scorrere le dita su e giù per la fessura del suo culo, attraverso il tessuto leggero.

Raggiungo l'orlo del suo vestito facendo scorrere le dita sulle sue cosce nude, infilando le dita tra le sue gambe. Li allargò leggermente mentre spingeva indietro il sedere, permettendomi di sentire la morbidezza delle sue cosce interne. Comincio a muovere la mano, sentendo la morbidezza setosa delle sue gambe, con appena un accenno di tremore. Mi muovo lentamente più in alto finché non sento la valle dove le sue gambe si incontrano. Un morbido incrocio caldo rivestito in tessuto di pizzo; il mio arrivo è accolto da un gemito udibile.

Esploro i suoi contorni, accarezzando in avanti, sentendo le creste delle sue labbra calde attraverso le sue mutandine e poi di nuovo sulle curve delle sue natiche.

Lei allarga leggermente le gambe permettendomi un maggiore accesso, e io ne approfitto muovendo la mano in avanti per prenderle a coppa la figa, è calda e umida nel palmo della mia mano, mentre intrappolo la sua clitoride tra due dita con le nocche che stringono forte , questo la fece spingere ancora di più e piegarsi leggermente, questo mi disse che voleva di più; le mie dita iniziano a massaggiare il tumulo appena sopra la sua figa, mentre lo faccio, posso sentire i suoi fianchi che iniziano a roteare sulla mia mano. Sposto le dita verso il basso seguendo la cresta delle labbra della sua figa sentendole aprirsi, poi a lato delle sue mutandine, faccio scivolare le dita dentro accarezzando le sue labbra umide, aperte e tremanti, su, giù, su, giù.

Il suo respiro diventa più profondo e veloce, ma non smetto di muovere la mia mano. Le metto giù le mutandine sui fianchi finché non cadono a terra, mi chino per raccoglierle, mentre lei collabora sfilandosi.

Dopo aver inalato l'odore dolce e sexy delle sue mutandine, me le metto in tasca per apprezzarle in seguito. In questo momento, avevo in mente cose più grandi, principalmente le mie

cazzo, che ora pulsava per uscire dai miei pantaloni. Mi avvicino molto dietro di lei aprendo la zip, rilasciando il mio membro duro che ora pulsa. Le ho sollevato l'orlo del vestito sopra il culo, così ho potuto strofinare il mio cazzo duro tra le sue guance; poi appoggio la mia mano sulla sua schiena incoraggiandola a piegarsi leggermente, cosa che fa mentre allarga il culo e poi si appoggia alle maniglie del sedile di fronte a lei.

Allungo la mano e guido il mio cazzo verso la sua figa bagnata e scivolosa, strofinandolo avanti e indietro lungo le sue labbra. Sento il suo corpo tremare e metto la testa del mio cazzo all'ingresso della sua figa e la lascio lì.

Non avevo intenzione di spingerla dentro, anche se lei si rilassa all'indietro, avvolgendo il mio cazzo nella sua umidità, poi quando è profondo come pensava che sarebbe andato, si solleva un po' in modo che il mio cazzo stia spingendo contro le pareti del suo canale bagnato fradicio, poi inizia a muoversi avanti e indietro impalandosi sul mio picchetto rigido, pensando tra me e me, 'sporca fottuta puttana, lasciando che ti scopi su un autobus affollato.'

Mi allungo per aiutarla a stabilizzare i movimenti e le metto a coppa le sue fantastiche tette. Sento i suoi capezzoli duri e bagnati, li sento premere contro il suo vestito e vogliono essere rilasciati proprio come lo era il mio cazzo. Schiaccio agilmente un paio di bottoni sul suo vestito, permettendomi di apprezzarli meglio. Le tiro giù le coppe del reggiseno, così posso giocare con i suoi capezzoli e pizzicarli, pizzicandoli forte. Uso le sue tette per tirare il suo corpo più forte sul mio cazzo e spingo i miei fianchi per penetrarla più a fondo. Posso sentirla gemere più forte, urlare quando il mio cazzo sembra andare più in profondità che mai. La spingo e la tiro sempre più forte, sul mio cazzo rovente, sentendo il suo corpo che inizia a tendersi mentre i suoi gemiti diventano sempre più forti fino a quando lei rabbrividisce, stringendo la sua figa stretta intorno al mio cazzo facendolo ingorgare con il mio sperma, emette un gemito onnipotente e tutto il suo corpo trema in spasmi. Il mio cazzo spara quello che sembra galloni di sperma dentro di lei. Riesco a sentire i nostri succhi misti scorrere sul mio cazzo e giù per le sue gambe.

Eravamo così affascinati dalle nostre azioni che non ci siamo accorti che gli altri passeggeri che ci circondavano sull'autobus ci guardavano, anzi uno o due ragazzi avevano i loro cazzi in mano, masturbandosi. L'uomo che le era seduto di fronte si era voltato, mettendole la bocca sui capezzoli, stava succhiando profondamente. Potevo sentirla piagnucolare, 'fuckkkk yessssssss.' Ho tirato fuori il mio cazzo da lei e l'ho nascosto, sistemando nuovamente la parte posteriore del suo vestito corto, che le copriva appena il culo, mentre lei tirava fuori il capezzolo dalla bocca del ragazzo con uno schiocco, cercando di ritrovare la calma.

Mi sposto sul retro dell'autobus e dopo un paio di minuti lei mi raggiunge, seduta di fronte. Allarga le gambe mostrandomi la sua fica bagnata piena di sperma ei suoi morbidi riccioli pubici, guardo mentre tutto il mio sperma gocciola fuori da lei. Vedo le sue dita giocare con la sua clitoride facendo sì che il mio cazzo ricominci ad allungarsi. Lei lo vede e sorride dicendo: 'non molti uomini possono farmi venire come hai appena fatto tu, saltando aria fresca. Noto quanto sta diventando duro il suo clitoride, mentre fa capolino dal cappuccio. È come se stesse dicendo "sbircia un fischio, eccomi qui".

Uno degli altri passeggeri le sta accanto, chinandosi all'orecchio le sussurra: 'Ho bisogno di sborrare, così mi succhierai il cazzo cagna, e berrai tutto quello che ti do.'

Lei apre la bocca e lo inghiotte intero; Riesco a vedere il suo cazzo saltellare su e giù nella sua gola. Lei è impegnata a masturbarsi la clitoride, la sua fica pulsa mentre il mio sperma gocciola fuori da lei, poi sento un basso ringhio, mentre l'uomo le spara il suo carico in gola, nutrendola.

La guardo negli occhi, sorridendo mentre guardo la scena, dicendo "piacere mio". Presumo tu ne voglia di più, sei una stronza affamata di cazzi?'

"Sì, lo sono, per favore, ho bisogno di essere usata e scopata, ma un uomo non può mai tenere il passo e usarmi perché ho bisogno di essere scopata e usata", dice sorridendo mentre si mette le dita piene di sperma in bocca succhiando e leccandoli puliti. "A quale fermata scendi?" Proprio in quel momento l'autobus si ferma permettendo alle persone di scendere, 'Io sono il prossimo, perché?'

'Oh giusto, sono io quella dopo', mentre lo diceva, si abbassava il top mostrandomi le tette, ho notato che i suoi capezzoli perdevano mentre li stringeva forte, uno sguardo sognante nei suoi occhi. Mi ha visto guardare mentre mi lecco le labbra, sorridendo ha detto, il mio ragazzo voleva che iniziassi ad allattare per lui, ma poi mi ha lasciato per qualcun altro, ora sono sempre arrapato come un cazzo, anche il mio clitoride sta diventando più grande, guarda, ' allargando le gambe tirando indietro il cappuccio mostrandomi la sua clitoride mentre inizia a masturbarsi. "Ora dovrò lasciarli asciugare di nuovo", un duro cipiglio le attraversò il volto.

"Perché," le ho chiesto. "Hai tiralatte?"

"Sì, lo so, perché me lo chiedi?"

"Beh, potresti sempre pompare il tuo latte, per i neonati, le cui madri non possono produrne, e darlo all'ospedale di maternità." Proprio in quel momento mi sono alzato per scendere dall'autobus e mentre lo facevo, lei si è alzata ed è scesa con me. 'Questa non è la tua fermata' dissi guardandola.

"Lo so," disse semplicemente, "ci crederesti che abito alla prossima strada, a che numero abiti?", chiese.

Gliel'ho detto e lei è rimasta a bocca aperta, quindi sei tu l'uomo con la staccionata alta, vero?'

"Sì, lo sono, tendo ad apprezzare la mia privacy."

"Allora, capisco", disse ancora sorridendo, "potrei dover prendere una scala e dare un'occhiata per vedere cosa potresti nascondere, non riesco nemmeno a vedere bene il tuo giardino dalla finestra della mia camera da letto", disse.

"E perché vorresti vedere nel mio giardino, non sai mai cosa potrei fare, inoltre potresti rimanere scioccato e offenderti."

«Perché dovrei offendermi, soprattutto dopo il modo in cui mi hai appena fottuto sull'autobus, e quell'altro uomo che mi ha fottuto la faccia, ne dubito fortemente. Ma ho notato una porta che è sempre chiusa, forse potresti aprirla e invitarmi prima o poi».

Rimasi a guardarla per un momento, i pensieri si formulavano nella mia mente, chiedendomi se si sarebbe offesa. "Vuoi entrare per un caffè o qualcos'altro?" chiesi, guardandola negli occhi.

"Devo fornire il latte," disse sorridendo, facendo di nuovo oscillare il mio cazzo nei pantaloni.

Siamo entrati e ho chiuso a chiave la porta dietro di lei. Mi sono tolto il cappotto e l'ho appeso nell'armadio, poi mi sono tolto le scarpe e le calze, lei è rimasta a guardarmi, dicendo 'vuoi che mi tolga anche le scarpe?' Ho annuito con la testa, 'sì, lo voglio.' Fece come le avevo chiesto, tenendo le scarpe in mano. Potevo leggere nei suoi occhi uno sguardo interrogativo. Dissi semplicemente: "mentre sei a casa mia, farai come ti dico e mi obbedirai in ogni momento, se non puoi farlo, allora vattene ora". Si è semplicemente chinata mettendo le sue scarpe accanto alle mie, mostrandomi il culo, il clitoride sporgente e la figa che perdeva mentre si chinava, "e come ti chiamo?"

"Mi chiamo Paul, e probabilmente penserai che sono un vecchio sporco, ma posso dirti che potrei andare d'accordo, ma so come accontentare una donna", mentre diceva questo, stava entrando in cucina togliendosi la cintura mentre lo faceva, sentendolo abbassare la zip dei pantaloni.

Ho annuito con la testa, a questo punto si era completamente spogliato nudo, ed era in piedi di fronte a me in attesa di qualsiasi reazione, l'unica reazione che ha avuto è stato l'indurimento dei miei capezzoli, mentre li strizzavo.

"Spogliati ora così posso allattarti." L'ho guardata mentre si toglieva il top, mostrando le tette, lasciando cadere la gonna a terra, poi si è avvicinata a me, mentre era in piedi di fronte a me, le ho preso i capezzoli tra le dita e i pollici torcendo, pizzicando, tirando, e strizzandole forte vedendo una sostanza bianco lattea fuoriuscire da lei, sentendola gemere di piacere.

Piegai la bocca prendendo un capezzolo tra le labbra, mordendolo e succhiandolo forte, passando da un capezzolo all'altro, bevendo quanto lei dava. Solo forse potrei trasformarla nella nostra vera sottomessa.

Ho sollevato la bocca dai suoi capezzoli, quando ho guardato in basso, l'ho vista masturbarsi di nuovo il suo clitoride indurito, i suoi succhi che scorrevano lungo le sue cosce interne, "molto bello, molto gustoso e vedo che sei ancora gocciolante, e il tuo clitoride è molto visibile? Smettila di giocare con la tua fica e metti le braccia lungo i fianchi e allarga le gambe più che puoi, mostramelo. Vuoi che ti scopi di nuovo, vero?'

Lei mi guardò annuendo con la testa, i suoi occhi si spalancarono per quello che le avevo appena detto, poi piagnucolò 'sì per favore, fottimi, usami come la tua fottuta banca di sperma, sarò una puttana per te' le sue dita si strinsero e tirarono sui suoi capezzoli.

'Cosa ti ho appena detto di fare cagna?' La mia mano mi masturbava lentamente il cazzo, che era già di nuovo duro, guardando i suoi succhi gocciolare lungo le sue cosce interne, mescolati con il mio sperma.

'Ian e Tom dovrebbero tornare a breve, poi vedremo quanto sei brava puttana.' Le mie dita pompano la sua fica bagnata fradicia, mentre solletico il suo punto 'G'. Non poteva fare a meno di gocciolare succhi sul pavimento, gemendo, mentre tiravo fuori le dita, gliele spingevo in bocca, 'puliscile ora puttana.' Aprì la bocca succhiandomi e leccandomi le dita pulite, guardandomi negli occhi, sorridendo.

«Sai come presentarti e obbedire senza esitazione? In caso contrario, te lo mostrerò.' Lei scosse la testa. "Bene, vieni e mettiti di fronte a me, unisci le mani dietro la schiena, le gambe divaricate." Ridacchiando, fece come le avevo chiesto. "Non importa quello che faccio, non muoverti, a meno che non ti sposti io, e non ti è permesso parlare senza il mio permesso, o venire, se lo fai, ti frusterò, capisci?"

"Sì, non devo muovermi a meno che tu non mi sposti, e non mi è permesso di alzarmi senza il tuo permesso, e non mi è permesso di venire, ti chiamo signore, padrone o papà?"

"Brava ragazza, ora spalle indietro e stai dritta, occhi bassi e non alzare lo sguardo a meno che non te lo dica io," mi ha spinto leggermente indietro le spalle, questo ha fatto risaltare di più le mie tette. Poi ha divaricato ulteriormente le mie gambe con il piede, le sue dita accarezzavano i miei peli pubici. «Adorabile, il tuo pube è delicato e morbido al tatto, sembri una donna in tutto e per tutto, e non una ragazzina. Vai a sdraiarti sul tavolo per me, tieni i lacci ai lati, i piedi all'altezza dei fianchi all'estremità, le gambe spalancate e aspetta che io venga da te». Aspettò che gli obbedissi, ma mi vide esitare mentre alzavo lo sguardo su di lui. 'Cosa ti ho appena detto di fare troia? ora fallo e tieni gli occhi bassi, non guardarmi se non ti dico che puoi, e non dire una parola se non ti permetto di capire troia?

Annuii rapidamente guardando il pavimento mentre mi dirigevo verso l'estremità del tavolo, trascinando il sedere dove pensavo volesse che fossi, le mie dita avvolte attorno ai cappi vicino al centro. Con i piedi vicino ai fianchi, le gambe spalancate, mi sentivo come se fossi rimasto sdraiato lì per un'eternità quando l'ho sentito frugare in giro, ma erano passati solo pochi minuti. Ho sentito il suo tocco sulle mie caviglie, allargando il piede sinistro fino alla fine e bloccando la caviglia in un cappio, allacciandolo stretto ma non troppo stretto per fermare la circolazione, quindi facendo lo stesso con l'altro piede. Ormai ero completamente immobile, il mio respiro diventava più acuto e profondo, potevo sentire la mia figa bagnarsi, i miei succhi gocciolare sul mio sedere. I miei capezzoli stavano diventando di un colore più profondo man mano che perdevo. L'ho sentito mettere qualcosa sul tavolo al mio fianco, ma non riuscivo a vedere cosa fosse.

«Bene, mia cara, sembri la perfezione assoluta, pronta per essere succhiata, scopata e usata da chiunque io dica. Adesso guardami e dimmi cosa vuoi!'

L'ho guardato mentre il mio corpo desiderava essere usato di nuovo da lui, 'basta infilare il tuo fottuto cazzo nella mia fica e picchiarmi, ho bisogno di venire.' L'espressione sul suo viso mi ha sorpreso quando ho sentito uno schiaffo pungente sulla mia fica, facendomi urlare. 'Per che cos'era quello?' Gli ho chiesto.

'Per uno, ti ho chiesto cosa volevi, per due, mi hai detto cosa fare, per tre, il modo in cui mi hai parlato, per quattro, mi hai mancato di rispetto. Ora proveremo di nuovo quella troia; Dimmi cosa vuoi?' Ancora una volta, ha dato alla mia figa uno schiaffo secco, facendo formicolare il mio clitoride.

Guardandolo ho sbuffato: "Voglio che tu mi scopi e mi usi duramente".

'Maestro.'

"Scusa, perché devo chiamarti maestro, ti chiami Paul?"

'Perché? Perché lo dico io, finché sarai a casa mia mi obbedirai, oppure te ne andrai. Non permetterò che tu manchi di rispetto a me oa mio fratello, oa chiunque invito a casa mia, capito?' Schiaffeggiando di nuovo la mia fica. Sapeva che sarei rimasto perché poteva vedere la mia figa pulsare ei miei capezzoli sembravano brillare, il mio respiro diventare più acuto. Con le mani appoggiate sui fianchi aspettò la mia risposta. "Ora proviamo ancora, e quando mi parli, tenga gli occhi bassi."

Deglutendo, sapevo che intendeva quello che aveva detto, quindi abbassando gli occhi ho sussurrato, per favore

'padrone, voglio che tu mi scopi, mi usi e succhi il mio latte.' Potevo sentire i miei succhi iniziare a fluire, i miei capezzoli indurirsi mentre le mie tette si riempivano di latte, stavo diventando disperato, e sapevo di esserlo, e anche lui sapeva quanto stavo diventando disperato.

'Così va meglio troia, ora, stabiliremo alcune regole di base', le sue dita

accarezzando il mio corpo. «Se ti dico di presentarti, starai come ti ho mostrato, sarai sempre nudo. Se ti dico di far piacere a qualcuno, comunque, ovunque te lo dicano, indosserai collare e guinzaglio e sarai la puttana che sei, ci siamo capiti? D'ora in poi mi chiamerai sempre maestro». Mentre lo diceva, le sue dita mi tiravano i capezzoli lasciando che il mio latte mi gocciolasse sulle tette, l'altra mano giocava con la mia figa, mentre il suo pollice sfiorava e mi masturbava la clitoride. Il suo cazzo era duro e perdeva precum. Si è messo in mezzo alle mie gambe, il suo cazzo duro mi ha sfiorato la clitoride fino al culo e poi di nuovo indietro. Fare questo mi faceva impazzire, cercavo di gonfiare le cosce, volevo sentirlo dentro di me. Il suo sorriso mi ha detto; Lui sapeva esattamente cosa stava facendo. "Vuoi di nuovo il cazzo, vero?"

Ho annuito con la testa proprio mentre si infilava in profondità nella mia fica, 'non osare muoverti, o ti legherò e se sei una brava cagna, potrei permetterti di venire.' Mi strinse forte i fianchi, spingendosi profondamente dentro di me, piegando la bocca per succhiare con forza i miei capezzoli; il mio clitoride che sfregava contro il suo pube, poteva sentire i miei gemiti e le mie suppliche sussurrate. Ho cercato di non muovermi. Poteva sentire la mia figa stringersi, sapendo che stavo costruendo un altro orgasmo più grande.

'Trattieni troia, non osare venire finché non ti darò il permesso di farlo.'

Poteva vedermi lottare, cercando di controllarmi mentre picchiava forte e veloce nella mia figa bagnata. 'Preparati per essere riempito di nuovo, qui viene.' L'ho riempita così tanto che gocciolava fuori da lei e giù per il culo. Ho tenuto il mio cazzo dentro la sua fica mentre giocavo con il suo culo, premendo un dito nel suo piccolo culo stretto. Potevo sentirla irrigidirsi, stringersi contro l'invasione. 'Rilassati, ma ti prendo il culo, dimmi, sei mai stato fottuto nel culo?' Attraverso il suo sbuffare e ansimare, scosse la testa. 'No' sussurrò appena.

'Ahh, abbiamo una vergine anale, anche se eri molto stretto,' spingendo delicatamente il mio dito dentro e fuori dal suo buco stretto e raggrinzito. "Vedo che dovremo addestrarti a essere il nostro obbediente sottomesso." Potevo sentire la sua fica stringersi attorno al mio cazzo in fiamme, attirandomi ancora di più dentro di lei. Le mie palle si strinsero mentre la punta della mia asta si gonfiava, poi esplosero in profondità nella sua fica. Continuavo a spingerla in profondità mentre le dicevo: "Non osare ancora venire, cazzo", mentre stringevo, pizzicavo e tiravo con forza i suoi capezzoli bagnati. Potevo vedere che desiderava disperatamente venire, mi sono tirato fuori da lei guardando la sua fica che pulsava e gocciolava con i nostri succhi misti che si raccoglievano intorno al suo culo vergine mentre pulsava come se bevesse tutto il nostro sperma.



'Cazzo, sei una stronza sgualdrina, vero?'

'Sì maestro, potrei essere fottuto tutto il giorno e tutti i giorni e volere ancora di più, da quando ho iniziato ad allattare. Devo solo respirare sui miei capezzoli, figuriamoci toccarli e manda segnali direttamente al mio clitoride e alla mia fica,' mi ha guardato mentre il mio cazzo iniziava a sgonfiarsi un po'. 'Posso farti una domanda per favore maestro,'

'Sì potete.'

"Mi allatterai e guarderai mentre il mio clitoride cresce finché non è abbastanza grande da farmi una sega, facendomi venire e venire e venire, per favore padrone." La supplica nei suoi occhi era innegabile. Mi avvicinai a lei, chinando la testa cominciai a succhiare e più succhiavo più ne volevo.

In pochi minuti il ​​suo clitoride doveva essere stato di ben due o tre pollici se non di più, poi stava venendo. Le avevo detto che non le era permesso venire di nuovo finché non le avessi dato il permesso. Continuai a succhiare, finché non ebbi più o meno prosciugato una delle sue tette, i suoi capezzoli erano duri e orgogliosi, imploranti di essere usati. Potevo sentire il suo corpo tremare mentre lottava con il bisogno di venire di nuovo. Mi aggrappai all'altro suo capezzolo e cominciai a drenare quello, i suoi fianchi sgroppavano e tremavano. Sapevo che voleva venire così tanto.

Andai di nuovo in piedi tra le sue cosce aperte, le mie dita penetrarono di nuovo nel suo buco raggrinzito e mentre lo facevano, lei spinse forte, facendo sì che le mie dita la penetrassero più a fondo. 'Sborra per me puttana', ho ordinato, 'e mostrami i tuoi buchi rosa.' Quando ho detto questo, è venuta di nuovo, la sua fica pulsava mentre si apriva e si chiudeva, mentre continuavo a fotterle il culo con le dita.

Quando si fu un po' calmata, la feci sedere all'estremità del tavolo, dicendole di non muoversi, mentre andavo a prenderle da bere e da mangiare. Guardandola ho chiesto, 'come ti senti adesso?'

'Ancora fottutamente eccitato.'

Le sue gambe erano ancora divaricate, quindi le ho schiaffeggiato la fica e il clitoride, "Niente parolacce mentre mangiamo". Le ho mostrato la ciotola in cui avevo messo il suo cibo, lei mi stava guardando mentre lo mettevo sul tavolo vicino a lei. Nell'altra mano avevo un collare e un guinzaglio, 'vuoi ancora essere il nostro totale sottomesso, se è così, devi indossare questo collare e guinzaglio.'

Lo guardò poi di nuovo verso di me, poi sollevò i capelli permettendomi di metterle il collare intorno al collo. Poi le ho detto di mettersi in ginocchio sul pavimento, 'vieni puttana, è ora di mangiare.' Mise la ciotola del cibo sul pavimento accanto a un'altra ciotola che conteneva dell'acqua. Ho notato tre coperti. Mi vide guardare con un'espressione interrogativa sul viso. "Ti stai chiedendo perché il tuo cibo è sul pavimento, vero?" Annuii con la testa in risposta. «Sei la nostra puttana, la mia, ei miei fratelli, e finché non ci abitueremo l'un l'altro e non avremo fottuto tutti i tuoi buchi, mangerai per terra al mio fianco.

Ti fotteremo tutti i buchi, ti succhieremo le tette e ti useremo per il nostro piacere. Mentre diceva questo, ha fissato il mio guinzaglio a un gancio in cima alla sua sedia. C'era abbastanza guinzaglio che mi permetteva di stare in piedi. Le mie mani andarono automaticamente ai miei capezzoli mentre li accarezzavo lentamente. Vedendo ciò, disse con tono aspro: «Presentati. Questo l'ho fatto, le dita intrecciate dietro la mia testa, le gambe aperte, potevo sentire il suo sperma fuoriuscire. 'Buona cagna, ora metti due dita di ogni mano sulle labbra della tua figa e aprimi per me, questo farà scoppiare di più la tua clitoride.'

Mentre tenevo aperte le labbra della mia fica, il mio clitoride è saltato fuori di più, abbiamo sentito la porta d'ingresso aprirsi e chiudersi. Lo guardai chiedendomi chi potesse essere. "Non preoccuparti, è mio fratello che torna dalla passeggiata, resta come sei, non muoverti." Le voci e le risate si fecero più vicine, proprio in quel momento entrarono due uomini, fermandosi di colpo alla vista che stavano vedendo.

Ian ha detto, da dove viene Paul?'

"Dietro la staccionata sul retro", puntando il dito dietro di lui. «Si è trasferita non molto tempo fa e si è chiesta perché la recinzione sul retro fosse così alta. Siamo tornati a casa sullo stesso autobus dopo che ho lasciato l'auto per la manutenzione,' ridacchiò, notando che erano entrambi duri con i cazzi in mano. "Glielo diciamo o glielo facciamo vedere," chiese sorridendo a suo fratello.

'Allora, tesoro, cosa dobbiamo fare con te?

Non hai un fidanzato?

Quanti anni hai?'

Come vorresti che tre vecchi ti fottessero fino a farti diventare la nostra puttana?

Le domande sono arrivate fitte e veloci, rispondendo meglio che potevo.

'No, non ho un ragazzo ora, ma mi ha fatto allattare, quindi ora sto producendo latte, poi me ne sono andato lasciandomi per qualcuno con le tette più grandi;' quando lo disse, avrebbe voluto stringere e tirare i capezzoli per mostrarli mentre il latte schizzava da loro, ma non poteva.

Ho ventitré anni. A proposito di essere la tua puttana, sono sempre stata con un solo uomo alla volta, dovresti aiutarmi e insegnarmi la strada giusta, la tua.'

La stavano tutti guardando mentre ascoltavano le sue risposte, poi Ian ha detto: "Guarda come sta scoppiando il suo clitoride, mi piacerebbe metterci la bocca intorno", proprio mentre Jim ha iniziato a pompare delicatamente i suoi capezzoli duri e sporgenti guardando il latte sparare. 'Fuck me,' ha abbassato la bocca e ha iniziato a succhiarmi, Ian mi ha afferrato la clitoride tra il pollice e l'indice, questo mi ha fatto allargare le gambe per lui, nessuno dei due riusciva a distogliere lo sguardo da me.

'Fuck me, Jim, posso sentire la sua clitoride crescere e indurirsi', uno sguardo di pura lussuria gli attraversa il viso.

"Prima mangiamo, poi possiamo giocare tutti," disse Paul. Mise due ciotole vicino alla sua sedia, 'in ginocchio troia e mangia il tuo cibo, ne avrai bisogno.' Mi sono inginocchiato sulle mani e sulle ginocchia; le mie mani cercano sul tavolo delle posate.

«No, no, mangerai come le puttane, con la bocca, il culo all'aria; e voglio vedere la tua ciotola vuota, capisci?'

Ho annuito con la testa, "sì padrone", tuffandomi nella ciotola, succhiando e bevendo il cibo, ero affamato.

Mentre sedevano a mangiare il loro pranzo, Jim ha detto: 'dovremmo portare fuori la sedia speciale?'

'Oh, che buona idea', ha risposto Ian, 'ma pensi che sarebbe in grado di prenderlo?'

Paul la guardò inginocchiato vicino alle sue gambe, poteva vedere le sue tette che cominciavano a riempirsi

di nuovo, le tirò i capezzoli allungati facendola alzare, 'allarga le gambe e apri la fica', mentre lo faceva, non poté fare a meno di sbavare. "Hai bisogno di pisciare?" le chiese. Lei lo guardò annuendo con la testa, poi diede un'occhiata alla ciotola sotto il tavolo. "Prendi la ciotola e portamela."

Strisciò sotto il tavolo e recuperò la ciotola, poi gliela porse. Le disse di sollevarle una gamba, poi le mise la ciotola sotto, "ora piscia e mostraci la tua pioggia dorata".

Per quanto ci provassi, ho faticato a fare pipì, con tre uomini che mi guardavano. 'Hai bisogno di aiuto? Te l'avevo detto prima che se avevi bisogno di pisciare avresti pisciato in questa ciotola, vero?' Ho annuito con la testa, sussurrando "sì maestro". 'Ian va ad aprire il rubinetto che dovrebbe aiutarla', Ian ha aperto il rubinetto al massimo, e quando ho sentito il flusso dell'acqua ho fatto pipì, emettendo un sospiro di sollievo mentre lo facevo, gocce di sperma che cadevano fuori mentre facevo pipì . Le mie dita trovarono i miei capezzoli, li strinsi e li tirai forte. Facendo questo mi sono schiaffeggiato le tette.

'Ahia.'

'Cosa ti ho detto quando sei entrato per la prima volta in casa mia, il tuo corpo ora appartiene a noi, e decideremo se ti è permesso giocare con te stesso, non con te.' Abbassando gli occhi sul pavimento, 'alza di nuovo la gamba', mentre lo faceva sapeva che stava dribblando, la sua clitoride in mostra, voleva venire di nuovo, le sue tette perdevano, la sua clitoride diventava dura come qualsiasi cazzo, lei poteva' Non aiutarlo.

"Vuoi venire di nuovo, vero?" disse Paolo sorridendo. "E sai che se lo fai verrai frustato perché non ti è stato permesso di venire, vero?"

Chiuse gli occhi scuotendo la testa, abbassando le braccia lungo i fianchi, mentre il latte colava dai suoi capezzoli, i succhi gocciolavano dall'estremità della sua clitoride.

"Per favore, padrone, ho bisogno di essere munto e sono così fottutamente arrapato", piagnucolai.

"Sì, possiamo vederti fare", disse Paul sorridendo. Mi tenne per la vita mentre mi piegava all'estremità del tavolo, aprendo un cassetto prese del lubrificante, spremendone una buona quantità sul cazzo e sulle dita, spingendomi il lubrificante su per il culo, assicurandosi che fossi ben lubrificato, forbiciando le dita mentre entrava e usciva da me. Teneva il suo cazzo mentre lo metteva all'ingresso e spingeva delicatamente dentro; quando mi sono irrigidito, si è fermato, permettendomi di abituarmi alla sua taglia, poi ha continuato lentamente a spingere delicatamente un po' più dentro, 'rilassati troia, ho piena intenzione di prendere la tua ciliegia anale.'

Mi sentivo così piena e un po' a disagio, ma ho cercato di rilassarmi, 'umph', hanno sentito, qualcuno ha trovato la mia clitoride e ha iniziato a masturbarmi, spingendo un dito nella mia fica allo stesso tempo. Dopo alcuni minuti, ho sentito il mio sfintere aprirsi per lui e più si apriva più lui si spingeva dentro finché le sue palle non colpivano il mio buco. Chiunque fosse che mi fotteva il buco con le dita, teneva le palle di Paul massaggiandole delicatamente.

'Ahhhh fuckkk, Jim, se continui a farlo e io le sparo il mio sperma in profondità nel culo. Sega forte la sua clitoride per me, voglio vederla disfarsi', più suonava più mi rilassavo, più forte Paul mi fotteva il culo. Ormai stavo incontrando le sue spinte e lui mi tirò su, dicendo ai suoi fratelli di tenermi larghe le gambe. Mi hanno tenuto più largo di quanto non fossi mai stato prima, ma ora potevano arrivare alle mie tette; entrambi si attaccarono ai miei capezzoli e iniziarono a succhiare forte. Potevo vedere entrambi i loro cazzi palpitare e perdere precum su di me. Potevo sentirmi costruire verso un altro orgasmo, tremante supplicai, 'per favore, maestri, posso venire?'

«Sì, puoi» sentii dire da Paul. Nel giro di un minuto circa stavo venendo come mai prima d'ora, urlando mentre lo facevo, poi pregandolo di continuare a fottermi il culo. Ian, il cui cazzo era leggermente più grande di quello di Jim, stava di fronte a me, spingendo il suo cazzo in profondità nella mia fica, non ero mai stato doppiamente penetrato, ma seriamente, adesso lo ero, e lo adoravo. Non ci volle molto prima che Paul mi sparasse un altro carico in profondità, Ian mi fotteva come se non ci fosse un domani.

Quando Paul si è tirato fuori, Jim ha preso il suo posto infilandomi il cazzo fino in fondo nel culo.

Paul si è avvicinato per affrontarmi, "succhiami troia pulita". Ho girato leggermente la testa da un lato e ho preso il suo cazzo in fondo alla bocca, succhiandogli il cazzo pulito come se fosse un ciuccio, mentre lo facevo, ho sentito l'ennesimo orgasmo raggiunto, 'cazzo, cazzo, cazzokkkkk, sisssssss.' Sia Jim che Ian sono venuti nello stesso momento, riempiendomi fino all'orlo, così tanto che mi stava uscendo.

Quando si sono tirati fuori da me, entrambi i miei buchi erano spalancati, ho notato che Paul aveva un film, "tienila sollevata e larga, così posso filmare i suoi buchi spalancati e le tette che perdono, meglio ancora succhiarla forte, e lei lo farà cum di nuovo per noi. Entrambi si attaccarono di nuovo, succhiando forte; mentre mi tenevano larghe le gambe, la ciotola era posizionata sotto di me mentre la mia fica e il mio culo pulsavano, volevo di più, no, avevo bisogno di più cazzo.

'Ahhhhhhh, diavolo sto venendo di nuovo, e quando sono venuto questa volta, ho squirtato. Quando Paul ha finito di filmarmi, mi hanno fatto sedere su una sedia, una che non avevo notato prima, a cui mancava il centro.

'Jeeeese, è stato fottutamente fantastico', ho ansimato mentre Jim e Ian stavano ancora scolando il mio latte. Paul si avvicinò e mi tirò verso il bordo della sedia mettendo ogni gamba sopra i braccioli, i miei buchi ancora larghi e spalancati, perché chiunque fosse venuto, potesse vedere.

Jim e Ian scomparvero attraverso la porta della cucina, riportando una sedia che aveva delle cuciture al centro. L'hanno controllato, poi Paul mi ha sollevato dalla sedia su cui ero seduto e mi ha messo sulla sedia che era stata portata dentro. , mi ha aperto la figa e il culo. Poi ho sentito due dildo riempire entrambi i buchi, 'ohhhhhh fuckkkkkk,' ho potuto sentire la vibrazione pompare su e giù, dentro e fuori, riempiendomi così tanto; le mie dita caddero sul mio clitoride sporgente. Potevo vederlo diventare più grande e alla fine stava assumendo un colore più profondo. Stavo costruendo di nuovo un altro orgasmo, guardai Paul: stava sorridendo mentre annuiva con la testa.

'Sì, ​​proprio come pensavamo fratelli, funziona molto bene, il suo clitoride può essere succhiato così come i suoi capezzoli e guarda quanto sono duri i suoi capezzoli e quanto sta diventando grande il suo clitoride, ora sembra più un cazzo, più giochiamo con lei, potremmo farla scopare uno di noi, vedere come fa!'

Ian e Jim sono rimasti molto colpiti mentre guardavano, entrambi tirando, stringendo e succhiando i miei capezzoli, questo mi stava mandando in overdrive, ero così eccitato. Avevo bisogno di essere fottuto il più possibile, avevo bisogno di un cazzo e avevo bisogno di venire, in cosa mi stavano trasformando, le mie dita che mi masturbavano il clitoride?

Paul inclinò la mia testa di lato sfiorando il suo cazzo contro le mie labbra, mentre Ian e Jim avvolgevano le mie dita attorno ai loro cazzi, le loro bocche trovarono di nuovo i miei capezzoli, succhiando forte. Più succhiavano, più latte facevo e più dovevo farmi scopare.

"Adesso ci hai avuti tutti," mi spinse il cazzo in fondo alla gola, tenendomi la testa in un certo modo, così da potermelo spingere giù per la gola; questo mi ha fatto vomitare mentre la saliva mi gocciolava dalla bocca. 'Buona cagna del cazzo, ti riempirò di nutrimento. Puoi venire tutte le volte che vuoi, mentre sei seduto sulla sedia,' disse, guardandomi profondamente negli occhi, che brillavano di eccitazione. Vide i miei occhi spalancarsi, sapendo che stavo per esplodere di nuovo. Ho provato ad allargare le gambe, ma i braccioli della sedia mi hanno fermato. Ian and Jim saw this, and both lifted my legs till they were resting on the arms of the chair. When they did this the vibrating dildos went so deep I was totally overcome and my orgasm hit like never before, making me squirt so much, I thought I was peeing.

'AAAhhhhhhh, yessssssss,' I tried to say; but having a mouthful of a ten-inch cock down my throat, everything came out garbled.

Paul watched everything as I felt him swell, as he fucked my throat hard and deep, feeling him spurt rope after rope of his cream down my throat. Another orgasm hit me, making me buck my hips with the pleasure I was getting.

Ian was looking at Jim, 'let's get her off this chair I need to fill her ass and cum

deep inside her.' Jim grinned at Ian nodding his head. The vibration was stopped, and they lifted my wilting body off, watching as my gaping holes dripped with my juices.

They walked with me in their arms, legs splayed wide open, as Paul continued to fuck my face and lay me on my side on the table.

'Just look at her cunt and butt, shall we fill her holes, Paul?'

Paul smiled nodding his head both aiming their hard throbbing cocks to the entrance of my wet holes. One hard thrust and they were both deeply filling my caverns.

Paul lifted his camera and continued filming, making sure he got all three holes used. I am going to cum in your mouth again, but you mustn't swallow. I want you to show me all my cum in your mouth as I film it,' arching an eyebrow at me.

'Ahh, fuck yes, here it cums, bitch. He thrust hard filling my mouth with his white cream, pulling out slowly when he had finished, telling me to keep my mouth open and show him.

When he had finished filming my mouthful of cum, he went to where Ian and Jim were still pounding away at me, a smile on his face as he continued filming.

He didn't stop till they had both filled me full of cum and I was cumming for the umpteenth time but never had I felt as happy as I did right now.

When Ian and Jim pulled out, Paul let some cum drip out into the bowl, then filled both holes again, my ass with a butt plug with a tail attached, my dripping cunt was filled with a dildo telling me, they wanted both my holes always open.

'Yes master,' I simply replied as my eyes closed. The last I heard was, 'let her sleep awhile as she will need all her energy when the other masters come round later.'

When I woke a couple of hours later, Paul helped me sit up, then lifted me onto a chair, as a plate full of food was put in front of me, it wasn't until I saw the food did I realise just how hungry and thirsty I was. It didn't take me long to finish my food and I thoroughly enjoyed it. Although I was in desperate need to pee and poop saying, 'please masters, I need to pee.'

They looked at each other, telling me to hold on for a few more minutes, as they were expecting company soon. I vaguely remembered them saying this as I drifted off into dreamland again, dreaming of being fucked by many men. When I woke again, I remembered someone saying they were having some masters

round, I asked him did they want me to go, while they entertained their friends.



'Oh no, we want you to stay; we're having a few of our Dom friends visit, and you will entertain us all and you will fuck someone with that clit of yours. Why do you think your cunt and ass are filled? Do you need anything before they arrive?'

'My tits hurt some, can two of you suckle me,' I asked, looking at all three of them. 'And don't you think I need to shower, get some of your spunk off me?'

'No, no we want you as you are, dirty, horny, and a sex-driven bitch, which reminds me, open your legs and show us your clit, there's our good horny bitch.'

I opened my legs for them, placing a finger and thumb on one of my nipples pumping hard, making milk ooze out. Swiping the milk onto my fingers I sucked them clean, and my other hand wrapped around my clit as I started to wank myself. 'Ahh fuck,' my hips bucking upwards.

'You need some exercise before they arrive, come on,' Ian lifted my leash off a hook fastening it onto my collar, as he placed some small knee pads on my knees. 'You will crawl out and round the garden, do you need to shit, if so your butt plug will have to be removed and you will be taken to the top of the garden where you will have a crap, your ass will be hosed clean then fucked and filled with spunk again.'

'Yes master, I need to poop.' I kept my eyes lowered as I answered, blushing furiously at the thought of someone watching me have a crap.

'Ok, spread your butt cheeks.' Ian pulled my butt plug out, then made me crawl up to the end of the garden, the air was cooling which made my nipples harden, which in turn made me moan, the tingling filling my whole body. He left me while I did what I had to do and after about ten minutes, he came back, telling me to turn round and hold my ass cheeks open as he hosed my ass clean. When he was satisfied, he fucked me hard, it didn't take long for him to fill me again, pulling out, he got some lube out and another butt plug and lubed both my butt and the plug, then gently pushed it in, and I knew instantly the plug was a lot bigger than the last one. As we were going back in Ian said to me, 'you are really going to enjoy tonight, our dom friends are very excited at seeing how your clit grows when you are suckled, Paul sent them the film he did, so you're in for a fucking good time.' I didn't get a chance to answer him, as by then we were going back into the kitchen.

When I got to the middle of the room, Paul told me to present myself; so, I got into the position Paul had shown me earlier.

There were half a dozen middle-aged men or older, sitting around laughing and joking. All of them were naked and they were stroking their cocks.

'Gentlemen, may I introduce our bitch slut to you, as you can see she is lactating, and when suckled you will see her clit grow. As I told you all before, I took her anal cherry this morning and the three of us have fucked all her holes.'

He looked at me and then told me to lay on the table, hands behind my knees and my knees up to my tits. This I did this knowing they could all see me wide open and ready for them, they were all naked, cocks in hands. 'Let me show you,' Paul lowered his head and began suckling hard, as Jim attached himself to my other nipple again suckling hard, the harder they suckled the more my clit grew. Ian flicked my clit, licking his lips as he is rimming my ass with his tongue.

I could see that they were all wanking, precum dripping off all their cocks, my fingers finding my clit, I wrapped them around it and started to wank myself, they were all mesmerised, then the elder of them all spoke. 'You know gentlemen if her clit gets much bigger she would be able to fuck one of our bitches, she must be getting to around five inches, and fuck I so want to see that happen and fuck her ass, has she been double penetrated in both holes yet master Paul?

'No, not yet I thought I would save that privilege for tonight, but I must say, if someone fucks her clit with his mouth, I don't know what the outcome will be, shall we find out gentlemen? I could see smiles all around, as Paul had his film in hand ready for things to start.

The eldest of them all started pumping my butt plug in and out, as a younger one wrapped his mouth down on my clit, another two were suckling my milk, making me thrust my hips up causing my clit to go to the back of his mouth. The way he looked at me as his head bobbed up and down, my now very hard, sensitives nub. I felt the plug being pulled out, and immediately being filled with a very large hard cock filling my ass.

I felt my clit twitch, 'suck harder,' I heard someone say, 'I think she's going to cum.' They not only suckled harder but pulled harder too, making me hump the man's mouth I was actually mouth fucking him. I could feel a sensation I had never felt before, I felt my clit spurting, the younger man swallowed the first mouthful, then pulled off and finished wanking me, as I continued spurting a white creamy liquid from my clit.

'Fuck me, just look at this, and she tastes great too. Anymore where she came from master Paul, this one is a keeper.'

Another was lining up, lightly brushing his cock to my soaking wet cunt lips, then thrust to the hilt, the elder man shot his cum deep in my ass as the other one kept fucking my cunt. I had hands and cocks all over me, I was in heaven.

When they had fucked all my holes, they held me open. 'Just look how big her holes are,' Paul said. 'Shall we initiate her into our club now,' he said grinning.

They placed me on my side, hoisting one of my legs high, four men aiming at both my holes. Two penetrated my ass getting into a rhythm, stuffing me so full, that it felt like they were going to split me in two. After a few minutes, I heard myself mewling, then two more pushed their hard cocks deep into my cunt, making me scream out loud.

The master with the biggest cock filled my mouth, holding my throat so he could slide in easily, watching as it slid down my throat. When they had finished spurting, they pulled out, allowing two more to fill and fuck my ass and cunt. When they had all had their turn, they all sat around, their cocks limp, wet and sticky.

They lifted me off the table telling me to suck and lick them all clean and thank them for using me, but they had not finished with me yet. When I had sucked them all clean and thanked them, they fastened me to a cross spread eagled, my legs wide open as all their cum was dripping out of me. I was mewling, wanting more, as I was still cumming and my body was still tingling. I felt my legs spread wide as the bowl was placed underneath me, 'now push all our cum out bitch,' I heard Jim say. When I had emptied myself, I looked at Paul, 'Master,' I said looking at him, 'please, I need more fucking.' I could see everyone; their cocks were hardening again.

Master Paul grabbed my hair yanking it back so I had to look at him, 'who said you could speak?'

I looked at him not knowing what to say.

'Well,' he asked again.

My eye hit the floor, 'No one master, I spoke out of turn, please forgive me.'

'You will be punished for your disobedience.'

I heard the doorbell ring, 'Ah,' said the eldest man, going straight to the door to let whoever it was in. When they entered the kitchen, I noticed another four men and a woman, the woman was also naked on her hands and knees with a collar and leash on. She knelt before him presenting herself saying, 'master I am here for your pleasure, what would you have me do to pleasure you?'

'Yes, my fuck doll you are, now go and show your appreciation to the other doms.'

She did no more than crawl on her hands and knees round to each dom and sucked all their cocks, 'good evening sir,' was all she said.

She kept glancing at me, as I was fastened to the cross and saw her licking her lips. When she had finished, she went and knelt in front of her master again, head on the floor, her ass in the air as she spread her cheeks open to him and didn't move.

Can you see this young bitch, fuck doll?'

'Yes, master.'

'Well, she is about to be punished for her disobedience, but if it is ok with master Paul, I want you to go and kiss her clit/cock;’ he looked over to Paul, who nodded his head allowing him to go ahead. Paul walked over to her master whispering in his ear. Her master nodded his head also, a broad grin spreading his face, then told his sub as he caressed her nether regions, who was still knelt by him, ‘you will go over to her and when you have kissed her clit/cock you will fuck her in your ass until you cum, then come back to me and show yourself. You can do whatever you wish to her, but don't harm her, if you do you will also get severely whipped. Now go over to her and introduce yourself, then come back to your master.'

Paul came and stood by me pulling on both my nipples, ‘when she pleasures herself and fucks you, you will not cum, do you hear me,’ he said looking in my eyes. ‘This is your punishment for speaking without permission, if you do cum, you will stay fastened to the cross and be denied all enjoyment for one hour, do you understand me bitch?’ ‘Yes master, I am to allow fuck doll to fuck me, and I am not permitted to cum.’ As she was saying this they lowered to cross so she was laying down, this would allow fuck doll to sit on her and take her pleasure from master Paul’s bitch.

He then stepped to the side allowing fuck doll to continue with her instructions.

All the doms were by now in a large circle, watching her crawl over to me. Two of her fingers opened my mouth as she kissed me deeply, her fingers caressing my nipples, circling round and round, pinching, pulling, and squeezing hard. Smiling at her, her mouth went to my tit's pulling my engorged nipples into her mouth, as her fingers found my clit. Moans could be heard, when she pulled off my leaking tits, her eyes wandered down to my clit as she licked her lips. She knelt before me, then dove straight in, her head bobbing up and down as her fist found my cunt, fisting me. Again, she pulled off, 'good evening bitch, you are going to fuck my ass now, my master demands it.' She looked at my clit/cock spitting on it, then lowered her butt and began fucking her. After about ten minutes that same feeling was caressing her body again just as she felt fuck doll

pulling her in, shouting ‘fuck your clit/cock, I’m cumming master, I’m cumming.

She lifted herself off me and crawled back to her master's feet, licking his boots.

Their new bitch was watching as the other woman's cunt was on full show to me, I could see it moistening and I could see juices from me leaking out of her ass. She turned around showing her master the evidence.

'Well fuck doll, tell us how you feel?'

'I feel good master because it pleases my master that I am your obedient fuck doll. The milk she is producing is a real turn on master, and as I suckled on her I felt her clit twitching and hardening' she made sure her eyes were lowered as she spoke.

'Do you think you would like to start milking for me fuck doll?'

'Oh, if it would please my master, yes,' her fingers went to her nipples pinching and pulling on them hard as she spoke to him.

Paul could see the frustration on bitches face but was pleased with her obeying him. ‘Tell me bitch, did you enjoy fucking fuck doll’s ass?’

‘I found it strange master, knowing I can pleasure another person with my clit while I am getting pleasured.’

‘And did you cum my bitch?’

‘No master I did not cum, as I do not want my master to punish anymore, only give you pleasure.’

‘Very good answer my bitch, now you are part of our circle, and I think you as everyone else will enjoy your services, under my and my brother’s guidance.’

‘Yes master, I am pleased to be able to serve you all, and whoever you may ask of me.’ I couldn’t help but squirm in front of him as my hips jerked forward.

‘I think you need to need to be suckled again, don’t you?’

‘Yes please master, please will you fuck me with your beautiful big cock master?’

‘Do you want me in your mouth, cunt, or ass?’

‘Oh, my ass please master, you have shown me a pleasure I never knew I had, and I will be your true bitch.’

Smiling at her, I thought she had done very well, considering it was her first day in my kind of world. He had been with many women, but never one who was always craving sex as much as she did. He lifted her off the cross and laid her on the table, noticing her tits were leaking, she would have to be suckled as well.

‘Yes my bitch, my cock is throbbing to fill your ass again, and master Ian will fuck your cunt, as master Jim sucks your clit/cock. Do you want your mouth filling too?’

‘I will obey whatever my master desires.’

She lifted her legs high and wide, but she wasn’t in the position they needed her. Placing her on her side again, fastening one leg high, Paul and Ian aimed their cocks at both her holes. Two others were already latched onto her nipples suckling deeply, as she was openly wanking them both. Jim sucked her clit deep into his mouth just as Paul and Ian thrust deep into her; this made her buck her hips. A very large man tilted her head at his cock, gently pushing in to the hilt and he could feel her throat squeezing his cock. She was in paradise. All the other doms were wanking over her body, and when they had all finished she was covered from head to hips in spunk, and she had cum numerous times. Her eyes were now closing, she felt drained. Her last whispered words to him were.

‘Please master will you keep me as your bitch?’

‘Yes, bitch you are now ours, for there will be more play when we take you to our private club.’ He lifted me into his arms and carried me through the gate at the bottom of the garden.

He took me up to my bedroom, gently laying me on the bed covering me as he said, 'sleep well bitch, and if you want more the gate will be open for you to come through. If you do come, you must be naked,' whether he said anything else I don't remember as I drifted off into slumberland, never feeling as content as I did at that moment, knowing I had at last found my masters.

Did she go back, and if so was she taken to their private club?

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

488 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.