Storia della casa sull'albero

685Report
Storia della casa sull'albero

Conosci l'espressione boyie girl? Una di quelle ragazze che sono buone amiche di tutti i ragazzi. Non certo che sia sexy o qualcosa del genere, ma solo "ovviamente fa tutte le cose che i ragazzi si divertono a fare". Giocano a ventosa, basket, baseball e tutte quelle cose kinna. Le ragazze Boyie hanno spesso molti fratelli maggiori. Simpatici fratelli a cui piace giocare con la sorella e ma non vogliono tutte quelle stronzate di Barbie e "My Little Pony". Per questo cresce con lo sport ei videogiochi.
Amelia era una ragazza così. Ha un albero di fratelli maggiori che, a pensarci bene, era kinna caldo. Tutte le ragazze della nostra classe l'hanno pregata di dare loro dei numeri di telefono, ma lei non l'ha mai fatto. Di tanto in tanto me ne offriva un po', ovviamente non ero solo una delle ragazze della classe. Ero la sua migliore amica. Era una buona amica di molti ragazzi. Ma lei, dio sa perché, continuava a tenermi stretto. Anche se non avevo davvero i suoi interessi. Ero la ragazzina "rosa". Ero solo bambini e devo ammettere che ero un po' viziato. Sono cresciuto con Barbie e "My Little Pony". Rabbrividisco solo per i duri. Quando ripenso a una delle mie bambole spaventose facce senza vita io... si limitano a brontolare. Non importa. Dove sto? Eh si, Amelia. Quando l'ho medicata per la prima volta, avevo sei anni e lei sette. Non ricordo davvero il primo giorno in cui ci siamo ammalati. Ma questa è comunque un'altra storia. Quando questa storia inizia, siamo entrambi quattordici. L'avevo appena girato (due settimane fa) e Amelia avrebbe compiuto quindici anni tra circa un mese.
Amelia aveva una forte muscolatura e aveva i capelli castani fino a quando non li ha colorati di viola. Era piuttosto corto, lungo 3 pollici. Le sue tette erano grandi. Come in b-cub big (dopotutto aveva solo quattordici anni e allora era b-cub di una taglia piuttosto carina). Era alta circa 1,80 metri e pesava circa 60 chilogrammi che erano muscoli primari. In effetti era così bella che alcuni dei ragazzi con cui aveva avuto buoni amici stavano iniziando a provarci con lei. Quando è successo, si è assicurata che lei e qualunque ragazzo fosse in una squadra diversa quando giocavano a calcio nella ricreazione e lo affrontavano così duramente che non poteva camminare per settimane.
Ma c'ero anche io. Ero come ho detto una "ragazza rosa". Stavo cercando di seguire la moda nel miglior modo possibile. Avevo lunghi capelli biondi naturali e occhi azzurri. Ero un po' più piccola di Amelia; 1,65 metri e 50 kg. Ero di bell'aspetto, me ne rendo conto ora. Ma avevo dei complessi. Le mie tette erano così piccole. Intendo come se qualcuno avesse messo delle noci sotto la mia pelle. Da allora sono cresciuti, ma questo cambia il modo in cui mi sentivo allora. Penso che sia tutto ciò che c'è da dire. Oh si. A proposito, mi chiamo Jane.

E qui inizia la storia:
*
Era notte fonda, un sabato d'estate, quando sentii l'Amelia bussare alla finestra. Ho alzato lo sguardo dal mio libro (New Science Theories, se qualcuno è interessato) e l'ho vista fuori. Aveva un sorriso sulle labbra come sempre e mi guardava in attesa. Mi sono alzato, sono andato alla finestra e ho aperto. Amelia è strisciata dentro con un leggero "grazie".
«Potresti usare la porta d'ingresso, sai», dissi quando lei entrò. Indossava una maglietta attillata senza reggiseno sotto e jeans ancora più attillati della maglietta.
"Nah", ha risposto, "ci vuole troppo tempo".
Era vero. La sua casa era dietro la nostra. Se strisciava dentro dalla finestra doveva semplicemente saltare una recinzione e arrampicarsi su per la scala che era stata posizionata fuori dalla finestra per lo stesso scopo. Se doveva varcare la porta d'ingresso doveva fare il giro della casa e oltrepassare un'altra staccionata.
Ho solo sorriso come risposta.
"Allora, che cosa hai anche tu stasera?" mi ha chiesto dopo che si è messa a suo agio sul mio letto.
"Non lo so. Niente suppongo. A meno che tu non abbia qualcosa di più interessante da fare?
"Hmmm", non ci ha pensato davvero, ma ha fatto finta che sembrava che non avesse già un piano. "Potremmo fare sesso".
"Che cosa? Sesso?"
Non avevamo mai veramente parlato di quella roba kinna.
"Sì", sorrise. "Non guardarmi come se fossi matto."
“Ma... cosa vuoi dire? Con chi? E dove? E quando? E…"
"Oh sparato!" lei avvistò. “Non impazzire. Lo stavo solo suggerendo".
Siamo rimasti un po' in silenzio. Ma poi Amelia l'ha rotto (e non sarebbe stata l'unica cosa che avrebbe rotto questa notte).
"Cosa intendi con chi?" Sembrava arrabbiata.
“Certo che non so con chi sarebbe,” dissi cautamente per non farla arrabbiare ancora di più.
"Io ovviamente", disse come se l'avessi già intuito e si alzò dal letto.
Ero terribilmente confuso. "Ma... tu non sei lesbica... vero?"
"Beh, è ​​quello che voglio scoprire, ragazza." Si avvicinò a me, dove mi sedetti sulla sedia dell'ufficio vicino alla scrivania, e mi si sedette in grembo con le gambe su ciascun lato e di fronte a me.
"Non è vero?" mi chiese mentre mi guardava negli occhi. A proposito, i suoi occhi erano marroni.
Affondai qualcosa e risposi: “Io... non lo so. Non sono mai stato duro su questo.
"Forse dovresti allora", ha detto mentre si stringeva contro il mio corpo in un modo molto sensuale. Non sapevo se era ovvio che le piacesse, ovviamente voleva farmi fare qualcosa o ovviamente voleva parodiare una lesbica. Ma non importava davvero, penso che oggi mi sono trasformato in un omosessuale. Le sue grandi tette sotto la maglietta che era quasi abbastanza sudata da sembrare a terra e le sue gambe forti e lunghe tenute strette dai jeans che si muovevano avanti e indietro e ogni volta un po' più vicino alla mia stampella.
Ma poco prima di avvicinarsi abbastanza da toccarmi la pancia con il panno di jeans blu mi è saltata addosso e ha detto: "Ma se non ti interessa..." Si avvicinò alla finestra e poco prima di strisciare fuori girò la testa e disse: "Ci vediamo a scuola".
Mi sono seduto per molto tempo dopo. Forse un'ora. Forse di più. Poi alla fine mi sono fermato, sono andato all'armadio e mi sono cambiato le mutandine bagnate. Allora non sapevo come si bagnassero. Non mi sono ricordato di fare pipì. Ma... cos'altro potrebbe essere?

Non ho dormito molto quella notte. Continuavo a pensare ad Amelia. E così ho fatto anche io per tutta la domenica. Quando arrivò lunedì, avevo deciso che avrei accettato la sua offerta se anche lei avesse voluto. Se no... non so cosa avrei fatto. Ma non importa. Ho avuto un breve lunedì. Quattro classi. Ma solo l'ultimo di loro era con Amelia. Ricordo che durante il tragitto mi sono seduto sull'autobus. Mi sono reso conto di quante belle ragazze ci siano. Ci sono molti articoli. L'avevo sempre saputo. Ma non ero quel 'sei bella e io non sono più' innamorato. Ora era più come "sei bellissima e ho così tanta voglia di scoparti".

Non sono riuscito a trovare Amelia per tutto il giorno. Non fino all'ultima ora. Sono arrivato quasi di corsa in classe. Non c'era ancora. Dannazione. Ma c'era ancora tempo. Le persone dell'ultima lezione non erano ancora uscite.
Ci sono voluti quattro lunghi minuti perché tutti si sedessero. Ma niente Amelia. Alla fine ho smesso di sperare. Era malata o qualcosa del genere. Semplicemente non era qui. Ma nello stesso momento è entrata in classe. Cinque minuti di ritardo. Lo era spesso quando aveva giocato a pollone nella ricreazione. Il professor Drumpry, il nostro insegnante di storia, ha borbottato qualcosa sul fatto che Amelia fosse rimasta dopo la lezione e poi ha continuato la lezione. Amelia si sedette al suo solito posto, proprio accanto a me alla nostra scrivania per due persone.
Ho aspettato altri cinque minuti. Ho sentito che dovresti parlare bene quando incontri qualcuno. Ciò ti farebbe sembrare disperato o anche peggio; a buon mercato. Poi alla fine mi sono chinato e le ho sussurrato all'orecchio: "Amy?"
Girò leggermente la testa e mi guardò mentre si assicurava che Drumpry non li guardasse.
"Sì?" sussurrò di rimando.
"Può..." la mia voce mi ha deluso nel punto in cui era più necessario.
Amelia guardò incuriosita med. "Sì?"
"Posso ancora accettare la tua offerta?"
Sorrise leggermente. "Hmm... Fammi pensare."
Ancora una volta fece solo finta di pensare. Aveva già la risposta. Potevo ottenere ciò che voleva e gliel'ho dato: "Per favore".
Sorrise di nuovo. "Casa mia o tua?"
Ero così felice che avrei potuto urlare. Ma mi tengo stretto. Poi un nuovo problema mi ha colpito. I miei genitori non erano così contenti degli omosessuali. Dove dovrebbe essere?
"Io... non lo so."
Sorrise di nuovo come se avesse tutto sotto controllo.
“La casa sull'albero nel mio giardino. Sette in punto. Fatto?"
Ci ho pensato. Non stavo facendo niente quella notte.
"Sto bene."
Sorrise di nuovo. "Fresco. Ora fai attenzione”.
E così ho fatto. Almeno mi sono comportato così. Per tutto il resto della classe ho solo dubitato di come sarei stato con lei. In effetti, ci tengo duro per tutto il resto della giornata. Dovevo andare prima di Amelia. Doveva restare dopo la lezione.
Tornai a casa dopo la scuola e corsi in camera mia. Avevo appena scoperto che non sapevo nulla di piacere alle ragazze. Ho aperto il mio computer e ho trovato una pagina chiamata xnxx quando ho cercato "lesbian" su Google. Passo mezz'ora lì e poi mi sono sentito pronto. Stanotte sarebbe la notte.

Bene... il sesso non inizierà subito, ma credo che anche i segaioli più incalliti abbiano bisogno solo di un po' di preliminari. Quindi ecco che arriva:
**
Avevo aspettato per un'ora seduto sul mio letto in attesa che il chiocciare compisse sette anni. E ora lo era. O almeno molto vicino. Dieci minuti alle sei. Poi non potevo più aspettare. Ero strisciato oltre la recinzione con la mia gonna corta e una maglietta attillata e scollata. Non indossavo un reggiseno (non che ne avessi bisogno comunque) né mutandine. Mi ha solleticato la pancia. Ho potuto scaricare l'adrenalina e vedere la foto di Amelia in piedi nuda sul pavimento della casa sull'albero. (XXXX aggiungi qualcosa) Con il cuore che batteva forte e veloce iniziai a strisciare su per la scala. Passo dopo passo. Lentamente. Il mio conteggio era in fiamme. Volevo stringere le gambe ma non potevo farlo se volevo gattonare. Ho fatto un altro passo. Ero troppo caldo. Ci ho messo un secondo e ho stretto le gambe. Poi ho sentito la sua voce dall'alto: "Vieni o cosa?"
Alzai lo sguardo e vidi il suo bel viso che mi guardava con i capelli viola intorno alla testa come una criniera.
"Sto arrivando", ho risposto e ho ricominciato a gattonare. Alzai la mano e strisciai nella casa di legno. Era un po' più piccolo di quanto me lo ricordassi. Ma Amelia aveva davvero usato lo spazio in un modo molto raffinato. Aveva portato coperte e stuoie in metà della casa e dei cuscini e una strana scatola di legno nell'altro lato. Mi sono infilato sopra le coperte e mi sono seduto su un cuscino (per lei era impossibile alzarsi in piedi nella stanzetta).
“Ciao,” disse Amelia quando mi sedetti sul cuscino. "Vuoi bere una birra?"
“Ehm…” tutta la mia lussuria era svanita ed era rimasta solo la paura. "O... ok."
Aprì la scatola e mi porse una birra ghiacciata. Ne prese anche una lei stessa e le aprì entrambe.
Indossava un paio di jeans attillati (come sempre) e una maglietta ampia che era così austera che sembrava che un puma ci avesse giocato con il cestino. C'erano grandi buchi in esso che spingevano la sua pelle bruna e latina nuda. Era visibile che nemmeno lei indossava un reggiseno.
"Non ti piace l'orso?" Amelia ruppe il silenzio.
Mi sono reso conto di non aver toccato la mia birra. Non mi piaceva molto la birra ma... quando ti viene offerta non puoi proprio rifiutare, vero?
Ho preso un sorso veloce di birra. Terribilmente. Ancora peggio del normale. Ma comunque ne ho bevuto un altro sorso.
Poi ci siamo seduti ancora un po' in silenzio...
"Vuoi toccarmi le tette?"
Ho cercato. Aveva già lasciato cadere la maglietta per terra e poi mi ha mostrato le sue tette. La lussuria è tornata. Più grande di prima. Si è avvicinata a me. E anch'io lei. Tiene in mano la tetta sinistra e mi sorrise timidamente. Timidamente? Amelia non era mai stata timida prima d'ora. Ho alzato la mia mano tremante e l'ho messa sulla sua tetta. Oh dio, che abbattimento. Era così morbido e tenero. Poteva vedere il sangue pomparmi alla testa e farmi diventare rosso pomodoro. Proprio come lo era già Amelia. Mi sono avvicinato. Lentamente. Molto lentamente chino la testa finché non sono stato appena sopra la tetta che ho appena sentito. Era così adorabile. L'ho baciato. Potevo sentire dai suoi gemiti che ad Amelia piaceva. Molto. Mi accarezzò i capelli con le sue belle dita lunghe e forti. Le baciai di nuovo la tetta, questa volta leccandola un po'. La mia figa era in fiamme. Le ho alzato leggermente la tetta e poi le ho baciato il capezzolo. L'ho fatto di nuovo. E di nuovo. Potrei sentirmi sempre più bagnato.
«Ti voglio, Jane», disse. "Ti voglio così tanto."
Ho cominciato a succhiarla, ora duro come la pietra, capezzolo. Ci giocavo con la lingua mentre le mie mani vigorose cominciavano a cercare il bottone dei suoi jeans. Anche le mani di Amelia non erano pigre. Trovarono rapidamente la mia gonna e me la tirarono giù fino alle ginocchia. Alla fine ho trovato il bottone e l'ho slacciato e la cerniera.
“Jane, aspetta. Spogliamoci”.

Mi sarebbe piaciuto vederla nuda. Ma ero impegnato a succhiarle il capezzolo per rispondere. Ha aspettato un secondo e ha costretto la mia testa ad allontanarsi. I suoi occhi marroni erano pieni di eccitazione.
Ho strappato velocemente la gonna e la maglietta. Amelia intanto ha avuto qualche problema in più. Era difficile ottenere i jeans attillati di quando non riusciva a stare in piedi. Ho ridacchiato e lei mi ha sorriso e ha detto: "Neanche tu puoi farlo, quindi sparati!"
Anche quando siamo nel bel mezzo del sesso potremmo parlare come sempre. Siamo ancora più amici che amanti.
Alla fine li prese e si sdraiò accanto a me.
"Cosa vuoi fare?" lei chiese.
"Non lo so", risposi onestamente. Di solito era Amelia a decidere. Dall'altra parte non era normale. Dopo un po' le dissi lentamente e con attenzione di non insultarla: "Io... potrei... potrei leccarti... se vuoi".
Lei sorrise. Forse 'ovviamente non doveva decidere. Forse 'ovviamente questa era l'idea di quella notte.
Aprì i collant e tenne le gambe divaricate con le mani. Sorrisi e strisciai giù così mi sdraiai con la testa sopra la sua stampella. Era quasi come guardare dall'alto in basso la carne cruda. Ma mentre avevo quei duri disgustosi, mi eccitavo sempre di più. Alla fine ho avuto il coraggio di darle un colpetto sulle labbra. Ridacchiò e disse: “Smettila. Fa il solletico."
Ridacchiavo anch'io. Mi ha dato il coraggio di fare un passo avanti; Le ho messo il dito indice dentro. Lei gemette e lentamente abbassai la testa e mentre mi avvicinavo sempre di più. Ho trovato il suo clitoride (l'ho visto su quella pagina porno e poi l'ho trovato su me stesso per allenarmi per la notte) con gli occhi e quando la mia testa si è abbassata mi ha tirato fuori la punta della lingua e ha iniziato a leccarlo. Prima solo un colpo lento. Lei gemette forte e io continuai. Prima lentamente. Poi sempre più veloce. Ha lasciato andare le gambe e si è aggrappata alla mia testa invece per l'eccitazione mentre gemeva come una pazza mentre iniziava a contorcersi mentre il piacere aumentava. Mi ha forzato la testa in modo che quasi non riuscissi a respirare, ma non importava. Ho portato piacere alla ragazza che amerei mai. Sì. L'ho amata. L'ho appena scoperto mentre le leccavo il clitoride. L'ho amata. Come nessun altro. Cominciò a gemere ancora più forte. E si contorceva come se stesse soffrendo atrocemente.
“Vaffanculo JANE! LECCAMI!” continuava a urlare con una voce così bassa in modo che nessuno la sentisse.
E Dio saprà che l'ho scopata. L'ho leccata e l'ho toccata con l'indice e il medio della mia mano destra mentre giocavo con lei come usando la mia mano sinistra.
“Vaffanculo! FOTTIMI! CAZZO…” Improvvisamente un forte urlo di piacere la ruppe e all'istante capii perché. Un'ondata di succo trasparente simile a una crema uscì da lei come uno tsunami. Mi è schizzato su tutte le dita (avevo (purtroppo) tolto la mano per la sorpresa) e le lenzuola mentre l'urlo di Amelia si è spento ed è stato sostituito da un respiro lento e sfinito. Ho cominciato a leccare il succo. Meraviglioso. Ma nel bel mezzo del mio piacere di "ripulire", Amelia ha preso un grafico duro nella mia testa e mi ha trascinato su in modo che potessi guardarla negli occhi.
"Fallo di nuovo", ordinò.
Volevo farmi leccare anch'io. Ma c'era qualcosa di spaventoso nella sua voce.
“Fallo di nuovo, cagna, o ti uccido. Voglio di più."
Ho pensato che fosse impazzita. Non mi aveva mai parlato in quel modo. E sembrava arrabbiata come non mai.
"Non far finire il piacere", ha detto con una voce molto zoppa che mi ha fatto decidere immediatamente.
“O- certo che no. Lo farò di nuovo se vuoi anche tu”.
Se ho deciso che era strano quello che mi aveva appena detto, ho trovato l'imminente ancora più strano: mi ha disegnato di nuovo la testa, mi ha costretto a scendere sulla sua testa e mi ha baciato forte e amorevolmente.
Mi ha tenuto stretta in un minuto o più. Molto probabilmente di più. Quando alla fine mi ha rilasciato, la mia mente era convinta che un bacio del genere valesse abbastanza per pagare migliaia di leccate.
Ma non era così che doveva essere 'ovviamente quando mi ha lasciato andare ha detto con una voce che era sinceramente dispiaciuta: "Mi dispiace caro. Sono così egoista. Lascia che ti faccia adesso.
“È... va bene. Vorrei rifarti di nuovo.
“Oh spazzatura. Il tuo conteggio è probabilmente tanto infuocato quanto il mio. Forse anche di più".
È stato allora che ho notato che la mia figa era calda da morire. Bruciava per ottenere sollievo.
"Ora sali in groppa". Era strisciata giù per la merce riposta che le avevo fatto appena prima. Potrei anche farla cadere, ora fredda, sborrare sulle lenzuola. Le ho obbedito e mi sono arrampicato sulla schiena.
"E apriti", disse e allargò le gambe.
Sono arrossito. Non so perché non arrossissi già, ma so che quando Amelia ha fatto il conto con un solo dito (mi faceva davvero il solletico) arrossivo ancora di più.
"Per favore." La mia figa stava bruciando. "Fammi venire."
Alzò lo sguardo su di me con un sorriso sul suo sorriso sul viso. "Non c'è bisogno di chiedere hun'." Poi abbassò di nuovo la testa. E questa volta fino all'unico punto in cui si trattava: il mio clitoride.
mi sono lamentato. Si sentiva bene. Ci ha giocato. Magari con un dito. Forse anche con il naso.
Poi è arrivata la cosa che avevo aspettato: ha cominciato a leccarmi. Ha accelerato più velocemente di quanto avessi fatto io. O almeno penso che fosse più veloce. Mi sono lamentato e ho potuto cadere lacrime che mi scorrevano lungo le guance. Lacrime di piacere era l'unica spiegazione. Sono diventato rapidamente troppo per me. Ho iniziato a girare e aggrapparmi a tutto ciò su cui potevo mettere le mani, strega in questo caso era un'asse allentata e una bottiglia di birra. Potevo sentire l'orgasmo avvicinarsi sempre di più mentre mi mordo i denti insieme per non urlare.
Era così vicino che potevo contare il numero di leccate rimaste per Amelia prima del mio arrivo. 5... 4... 3... 2... 1... Ho urlato a squarciagola mentre l'onda di marea che avevo visto provenire dal conteggio di Amelia è sgorgata da me stessa.
“YYEEEEEEEEeeeeeeesssss…”
Potevo sentire il mio urlo svanire come se fosse una canzone in un film, ma non potevo evitarlo. Lascio andare la bottiglia e la tavola. Per prima cosa ho notato che la mia schiena si stava piegando e la mia pancia molto sopra la mia testa. Se rilassato e caduto a terra. Amelia ridacchiò. La guardai. Stava sorridendo da un orecchio all'altro e aveva un po' del mio sperma sulla sua guancia.
«Scusa per il disordine» dissi, ancora ansimando.
“Questa volta non c'è stato nessun pasticcio. L'ho leccato tutto mentre veniva".
Sorrisi, più felice che mai.
"Vieni qui e sdraiati con me."
Si sdraia accanto a me su un fianco, guardandomi.
Mi sono anche rotolato di lato e l'ho guardata negli occhi.
"Ti amo Amy."
All'improvviso il suo viso divenne completamente scuro, come se avessi appena rotto l'umore.
"Jane..." rispose, "Ho un ragazzo".
Il mio mondo è crollato intorno a me. Un fidanzato? Ma come? E perché?
"Ma come? E perché?" ho ripetuto. Forte questa volta.
“Beh... Quando te l'ho chiesto per la prima volta... era per scoprire se sei una lesbica... mi sono sempre innamorato di te. Ma quando hai rifiutato, mi sono rivolto all'altra offerta che avevo. Quello che mi ha spinto a chiedertelo. Un ragazzo di nome Bobby. Me lo aveva chiesto. Ma ero ancora innamorato di te. Quindi ho dovuto controllare se avevo una possibilità con te. Visto che mi hai detto di no... gli ho detto di sì. Beh... è più o meno questo.
La fissai per un minuto o più.
"Ma perché?" Ho chiesto "Perché l'hai accettato quando te l'ho chiesto di nuovo".
"Io... volevo ancora stare con te."
Ho messo un braccio sul suo ventre morbido di seta per calmarmi.
“Sarebbe crudele scaricarlo 'corso di me. Comunque ho rifiutato in primo luogo. Ma non ci accetterebbe? Ci sono molti ragazzi a cui piacciono... le ragazze come noi,” mi chiesi ad alta voce.
“Non questo ragazzo... è cattolico. Sono soli. Odia... le persone come noi,” disse con voce triste e lacrime che le scorrevano lungo le guance.
Non l'avevo mai vista piangere. Ho baciato via le lacrime dalle sue guance e poi ho detto: "Non potremmo semplicemente incontrarci di nascosto? Come questo?"
Si è illuminata. "Ovviamente! Ma non credi che lo capiranno?
Le ho fatto un sorriso. “Perché dovrebbero. Abbiamo sempre bin per getter. Penseranno solo che la casa sull'albero sia il nostro nuovo nascondiglio segreto dove facciamo cose da ragazze.
"La strega è, dopo tutto, la verità", sorrise di rimando.
Abbiamo riso un sacco. E dopo abbiamo fatto sesso.

Abbiamo fatto sesso di tanto in tanto da quel momento in poi. Bobby non se ne accorse. Né Amelia né i miei genitori (a cui non piacciono molto le lesbiche. Significa i miei genitori. Non Amelia. A loro non importava davvero). Amelia ha fatto sesso con Bobby una volta. Ha detto che non c'era niente di cui parlare. "Non molto bene. Stai molto meglio", come ha detto. Ha anche detto che la ginnastica a letto era l'unico sport in cui potevo essere un vero maestro. Si aggiusta molto per me quando è uscito dalla sua bocca.

Storie simili

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

622 I più visti

Likes 1

Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro. Parte 2 - Il livello successivo Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra...

601 I più visti

Likes 0

Notte incredibile

Notte incredibile Qual è stata la tua notte o il tuo giorno di sesso più incredibile? Cosa lo ha reso così fantastico? Questo è mio, quattro anni fa. Quando ho comprato il mio duplex nei sobborghi di Minneapolis, significava che sarei rimasto qui per un po' e ne ero davvero felice. Una giovane coppia sposata poco più che ventenne stava affittando l'altra parte del duplex. Avevo appena compiuto trentadue anni e mi sentivo già una generazione avanti a loro. Ho organizzato una piccola festa per conoscere i vicini e si sono presentate una ventina di persone. La maggior parte aveva figli...

1K I più visti

Likes 0

Innocente ragazza asiatica si è trasformata in una schiava Capitolo 3

“Indossa una gonna domenica. Niente reggiseno o mutandine. Sophia lesse il breve messaggio e sospirò. Era stata essenzialmente costretta a rinunciare a tutto il resto della sua vita solo per far piacere al Maestro Liam. Invece di andare al club culinario giovedì durante il pranzo, ha passato il tempo a succhiargli le palle nella Tesla. Invece di andare a prendere Boba con le sue amiche domenica, avrebbe perso la verginità con un anziano che aveva incontrato solo due settimane prima. Sophia era terrorizzata dal dolore di perdere la sua verginità. Ha letto online di quanto sia stata dolorosa la rottura dell'imene...

827 I più visti

Likes 0

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

637 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

512 I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

794 I più visti

Likes 0

Chi vuoi baciare

Avevo circa 13 anni quando è successo, ero un bambino molto arrapato, ma per ora per qualche ragione non lo capisco più. L'ho inventato un po' : P Non vedo l'ora di baciare un ragazzo! disse Carolina mentre sfogliava la sua rivista Tiger Beat. Non voglio baciare Devin, il ragazzo della mia classe di matematica. Lo conosci vero? ha detto mentre mi guardava. uh uh. ho mormorato. Ero troppo impegnato a pensare al ragazzo che avrei voluto baciare per dire qualcos'altro. Non volevo dirglielo, ma pensavo che suo fratello di 16 anni fosse molto incantevole. Quasi tutte le sere di questo...

843 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

688 I più visti

Likes 0

Fucking the Pooch o Al's Vacation

Mentre ero seduto nella taverna a bere birra e sparare cazzate con Al, il proprietario di questo bel locale, stavamo parlando del suo problema. Sembra che la sorella di Al, Naomi, abbia vissuto in Romania e voglia che Al la visiti. L'unico problema è che Al ha paura di viaggiare da solo e vuole che qualcuno viaggi con lui. È qui che entro. Al, non posso credere che un ragazzo come te abbia paura di viaggiare da solo? Ho riso di lui. Semplicemente non mi piace andare in un posto dove le persone parlano un'altra lingua si lamentò Al. “Ma ho...

672 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.