Chiamami Giovanna

782Report
Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna

È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi "la guerra" significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche – per lo più dovevano ancora arrivare ma una, almeno, aveva già fatto la sua comparsa, se di apparenza si trattava davvero.

La mia famiglia viveva in una fattoria lontana dalle comodità della civiltà: niente negozi, niente elettricità, niente autobus e, per noi, nemmeno un'auto. Dopo i lavori agricoli al mattino, andavo in bicicletta fino al villaggio più vicino sulle colline, spesso perso nella pioggia e nella nebbia, e lì prendevo un autobus – non uno scuolabus ma un autobus di tutti i giorni con il suo seguito di lavoratori, altri studenti e vari membri del comunità, alla città mercato. La nostra fattoria aveva un vicino con il più vicino a circa mezzo miglio di distanza in un altro gruppo di tre. Le case ora sono affittate per i visitatori e sono più pulite e ordinate di quanto non fossero allora, ma solo rivederle riporta alla mente ricordi.

Una delle case a mezzo miglio di distanza era una signora non sposata dell'età di mio padre, sulla quarantina. Joanna Smythe, decisamente con una “y” al centro, una “e” alla fine e pronunciata “Sm-eye-the”, come era solita informare chi avesse pensato di rivolgersi a lei con il più plebeo “Smith” . Viveva da sola nella sua piccola fattoria che aveva chiaramente visto giorni migliori. Nessuna grande bellezza per l'aspetto, ma il lavoro nella sua fattoria l'aveva resa forte, abbronzata e attiva, ma aveva un grande senso dell'umorismo con una battuta pronta per molte occasioni e poteva aggiungere vita a qualsiasi conversazione. Ero attratto dalla sua vitalità e vivacità nonostante la differenza di età. Oltre a ciò, semplicemente non si comportava come la sua età: abbastanza irresponsabile da dormire fino a tardi la mattina, stare alzata fino a tardi la sera (potremmo vedere le sue luci da casa nostra), pronta a saltare sul suo cavallo e andare a fare un giro quando lei mi piaceva e andare in spiaggia in estate. Qualcosa di un hippy rurale degli anni Cinquanta prima che quel termine fosse mai stato usato. Ha seguito la caccia locale in autunno e in inverno, apparendo straordinariamente attraente con i suoi pantaloni alla cavallerizza marrone chiaro, il maglione, gli stivali da equitazione lucidi e la giacca scura e con i suoi capelli scuri corti e ondulati che spuntavano da sotto il berretto. Il frustino che portava e si batteva contro le gambe le conferiva un'aria autoritaria, che doveva avere il suo fascino su qualche appetito subliminale da parte mia.

L'estate precedente, quando avevo quattordici anni, mi aveva insegnato a cavalcare il suo cavallo e mi aveva portato in spiaggia con lei in diverse occasioni. Anche nell'abbigliamento da spiaggia piuttosto nascosto dell'epoca, potevo vedere che il suo corpo era ben modellato e i suoi seni sembravano, come farebbero a qualsiasi adolescente pesantemente nella pubertà, molto attraenti, ben arrotondati, monticelli dall'aspetto morbido appiattiti dal tessuto spesso del suo costume da bagno. Quando si sdraiava sull'asciugamano, a faccia in giù, ad asciugarsi dopo che eravamo andati a fare una nuotata, si tirava le spalline del costume da bagno sulle spalle per prendere un po' di sole e poi abbassava la parte superiore del costume per esporre la schiena ancora un po' finché non riuscii a vedere i bordi dei suoi seni che cominciavano dolcemente ad apparire. Ma ciò che mi ha davvero eccitato è stata la collottola sotto le sue ascelle, una crescita ricca e rigogliosa di capelli scuri e ricci che pensavo fosse terrosa, sexy e così eccitante. In effetti, non ho mai perso il mio fascino per le ascelle pelose. Passavo anni a chiedermi com'era il suo cespuglio laggiù e desideravo solo dargli un'occhiata. Questo ha sempre avuto il risultato atteso su di me e ho avuto difficoltà a nascondere la grossa protuberanza davanti ai miei pantaloncini da bagno, ma fortunatamente, di solito eravamo soli su questa piccola spiaggia alla fine di una strada agricola giù dalle scogliere e il mio asciugamano mi ha aiutato quando dovevamo partire. Stavo sempre attenta a nascondere la mia eccitazione poiché non avevo idea di come l'avrebbe presa e non volevo che si offendesse o, peggio ancora, si lamentasse con i miei genitori, provocando un'addolorata ramanzina da parte di mia madre o, più prevedibilmente, uno furioso di indignazione da parte di mio padre. Forse, tuttavia, non avrei dovuto preoccuparmi….

Di solito andavo a prendere i giornali e le riviste per la famiglia e per la signorina Smythe dal negozio del villaggio mentre tornavo da scuola la sera, ma durante le vacanze scolastiche (vacanze), una volta alla settimana il giovedì o il venerdì. Un giorno di primavera, quando avevo appena compiuto quindici anni, durante le vacanze di Pentecoste (fine primavera), una giornata piacevolmente calda, ero andato in bicicletta al villaggio nel primo pomeriggio per ritirare i giornali e mi ero fermato prima da Miss Smythe prima di andato a casa. La porta era aperta, come al solito e sono entrato e l'ho chiamata; poco dopo arrivò in anticamera a piedi nudi, indossando la sua solita camicia casual e jeans per prendere la sua rivista patinata, l'Illustrated London News. Mi disse che ci sarebbe stato un articolo interessante che stava aspettando di vedere. Spesso guardavamo insieme questa rivista quando gliela portavo poiché forniva un supporto pittorico a notizie che avevamo sentito solo alla radio. Lo aprì e sfogliò le pagine con l'articolo e poi lo tenne leggermente al suo fianco in modo che potessi leggere sopra la sua spalla. Si era fatta avanti mentre trovava la pagina giusta e così, io mi sono mosso in avanti per venire alla sua sinistra ma, allo stesso tempo, si è spostata all'indietro e ne è risultata una collisione. Istintivamente le ho messo una mano sulla vita per tenermi in equilibrio ma poi l'ho tolta subito, facendo un passo indietro e scusandomi allo stesso tempo. Lei, imperturbabile, rispose con leggerezza: “Va tutto bene. Non c'è bisogno di scusarsi, pensavo saresti diventato gentile e amichevole, ma non è stata una tale fortuna. Dai, è passato molto tempo dall'ultima volta che ho avuto un giovane affascinante che mi mettesse un braccio intorno, torna indietro se non è troppo orribile per rendermi felice per un po'”. Beh, certo, un occhiolino è buono come un cenno del capo e questo è andato oltre un cenno, anche se fino a che punto è andato, non ne avevo idea, ma cercando di essere sempre il gentiluomo educato, ho risposto che non era affatto orribile e lo avrei fatto piace renderla felice in questo modo. Così mi sono avvicinato di nuovo a lei e lei è tornata contro di me e ha appoggiato saldamente il suo lato sinistro contro di me in modo che la mia zona inguinale fosse premuta contro la curva seducente del suo sedere. Le misi un braccio intorno alla vita e le diedi una stretta che fu ricompensata da un sorriso mentre si girava verso di me. Ulteriore incoraggiamento, ho pensato, sembra promettente...

Il calore e la vicinanza del suo corpo produssero presto in me il riflesso atteso, sentii il mio cazzo sollevarsi, indurirsi e ingrandirsi e presto lo sentii premere contro di lei. Questo ha presentato una sorta di dilemma nella mia mente giovanile, non sapendo fino a che punto fosse disposta a estendere la nostra amicizia. Ho pensato che sarebbe stato meglio giocare sul sicuro e fare un passo indietro, dato che non avevo assolutamente idea se volesse un cazzo duro - il mio - scavare nel suo sedere o in qualsiasi altro posto per quella materia. Mi scostai un po' da lei in modo che il mio cazzo non le premesse più contro, ma senza muoversi lei disse dolcemente: “No, non andare. Stammi vicino, è così bello. E con ciò si premette di nuovo contro di me in modo che il mio cazzo entrasse di nuovo in stretto contatto con la sua natica. E per essere sicura delle cose, ha spinto avanti e indietro contro di me per enfatizzare il contatto. A quel punto mi è venuta l'idea che tra noi andasse tutto bene e così, così incoraggiato, ho lasciato cadere la mia mano dalla sua vita sul gluteo che era libero e ho sussurrato: “Sì, hai ragione, è così bello ” e ancora una volta ho ricevuto uno di quei mezzi sorrisi incoraggianti mentre si girava verso di me.

A questo punto, non ero sicuro di come o dove procedere. Il normale decoro indicava che dovevo prima baciarla e poi passare ai suoi seni, ma il suo viso era ancora di traverso su di me e così le diedi una leggera carezza sulla guancia con le labbra mentre alzavo la mano libera, quella non occupata con il suo derriere su un fianco mentre lei - adorabile signora! – le sollevò il braccio in modo che potessi esplorare i contorni del suo seno, anche se il reggiseno pesante sotto impediva qualsiasi contatto ravvicinato. Avendo così osservato il normale ordine delle cose, ho lasciato cadere la mano superiore sulla sua pancia e ho spostato ancora l'altra intorno al suo culo, spostandola su e giù al centro sopra il punto in cui la sua fessura del culo correva sotto e quando sono arrivato la parte superiore delle sue gambe, ha strascicato i piedi divaricati sul pavimento in modo che potessi mettere la mia mano tra le sue gambe. Bene, ora, il mio cazzo era grosso e duro e mi spingeva; Glielo premetti ancora una volta sul sedere e lei diede una contropressione molto decisa. Ovviamente quel giorno l'avrei preso e così ho fatto scorrere la mano lungo la parte anteriore dei suoi jeans e tra le sue gambe aperte prima di far scattare il bottone a pressione sul lato in cima alla cerniera (aveva dei jeans da donna con una cerniera laterale) e poi tirando giù la cerniera e facendo scivolare dentro la mia mano indagatrice. Le mutandine di cotone liscio la coprivano in qualche modo, il tipo "ragionevole" e non riuscivo a infilare la mano nella gamba, quindi mi sono spostata fino alla sua vita e poi l'ho fatta scorrere sul davanti, sopra le sue mutandine finché non ho sentito la macchia ruvida di peli pubici sotto il cotone sottile. Per tutto questo tempo aveva apparentemente finto di leggere la sua rivista, ma finché il viaggio di esplorazione poteva continuare, ero felice ed elettrizzato; Ho deciso di non fare niente, niente, per disturbare questo stato di cose.

Mancava un'ultima mossa, pensai, e infilai la mia mano sotto l'elastico in vita delle sue mutandine e la spostai lentamente sulla pelle liscia della sua pancia finché non sentii i capelli crespi e ricci del suo cespuglio. Emise un sussulto, lasciò cadere la rivista e si voltò e mi abbracciò mentre toglievo la mano dalle sue mutandine e poi la rimettevo nella parte posteriore dove godevo della sensazione delle sue adorabili natiche curve e dell'eccitante scollatura tra di loro. Tra di noi, i suoi jeans sono caduti e lei se li è scrollati di dosso mentre io le abbassavo le mutandine e le accarezzavo il cespuglio, facendo scorrere la mano tra le gambe, esplorando le labbra e sentendo l'umidità della sua femminilità. Mentre aprivo la zip dei miei jeans e li scuotevo freneticamente con le mutande, lei si è sbarazzata delle mutandine e ci siamo mossi insieme mentre si abbassava e tirava il mio cazzo duro, duro e caldo tra le sue gambe e nella sua figa. Ero, ovviamente, la mia prima volta ed è stato così emozionante, così meraviglioso, sono sorpreso ora di non essere arrivato sul posto. Era bagnata e calda e le sue labbra erano deliziosamente morbide mentre strofinavo il mio cazzo tra di loro e lei emetteva rumori caldi nel mio orecchio. Poi, all'improvviso, si è sollevata per un istante sulle punte dei piedi e, abbassandosi per afferrare il mio membro, mi ha collegato; Ho sentito il mio cazzo scivolare tra le sue succose labbra umide nel suo buco caldo e umido e ho capito senza pensare a cosa era successo, lo stavo ricevendo per la prima volta. Iniziò a strofinarsi su di me, avanti e indietro con un movimento su e giù mentre mi spingevo dentro di lei e mi aggrappavo al suo culo che si agitava selvaggiamente mentre gemevamo e grugnivamo all'unisono animale ad ogni spinta verso l'interno. Troppo presto, troppo presto, è successo; Ho sentito l'orgasmo salire lungo l'asta del mio cazzo e il mio seme esplodere dall'estremità nel suo buco succoso in grandi spasmi piacevoli meglio, molto meglio di qualsiasi altro che fossi mai stato in grado di produrre da solo. Si aggrappò a me mentre mi svuotavo dentro di lei e poi lentamente mi baciò con fermezza e desiderio. Rimanemmo in quella posizione per un po' finché lei disse, in tono pratico: “Stai uscendo e io sto gocciolando sul pavimento. Faremmo meglio ad andare a pulire.»

In bagno si è voltata verso di me, vestita dalla vita in su, nuda di sotto con il suo cespuglio un bel triangolo folto e peloso in fondo alla pancia, e mi ha chiesto con un mezzo sorriso: “Bene, come è stato per te? Mi è piaciuto". Non è stata richiesta alcuna risposta e lei ha bagnato una salvietta nel lavandino e si è girata e ha pulito il mio cazzo prima di girarsi verso il suo cespuglio bagnato di succhi sia da lei che da me. Dopo un po' di riflessione ha continuato piuttosto seriamente, guardandomi dritto negli occhi: "Una donna ne ha bisogno, ha bisogno di un brivido, ha bisogno di un uomo che la tenga, ha bisogno di un bel cazzo duro e caldo nel suo buco, ha bisogno di sperma nel suo corpo, è una sorta di nutrimento e soffro di fame ormai da parecchi anni, ma non preoccuparti, non rimarrò incinta adesso. Dovremo tenerlo segreto ovviamente, ma mi piacerebbe farlo di nuovo - e beh, ancora e ancora, se sei d'accordo. Oh, e quando siamo insieme da soli, faresti meglio a chiamarmi Joanna; Non credo che la signorina Smythe azzecchi il colpo quando il tuo cazzo mi entra dentro. Vieni quando puoi, appena puoi, sarò qui per te. Vediamo cosa possiamo fare la prossima volta”. Poi ha sorriso con il sorriso più amorevole che avessi mai visto, si è chinata in avanti, mi ha baciato leggermente e ha dato un'ultima stretta al mio cazzo morbido e svuotato. L'inizio di una relazione d'amore.....

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.2K I più visti

Likes 1

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.