Zia Alison: Parte 1

1KReport
Zia Alison: Parte 1

Era la mattina del 21 dicembre come Chad Nichols e la sua famiglia
preparato per l'arrivo di sua zia, Alison. Alison era di suo padre
sorella che Chad non vedeva da dodici anni, quando aveva solo sei anni
vecchio. Anche se era sua zia, aveva solo otto anni in più
lui. Quando era un bambino, lei lo trattava più come suo figlio che come un semplice...
nipote.

Alison non vedeva suo fratello e la sua famiglia da molti anni, da allora
lei ei suoi genitori si sono trasferiti dall'altra parte del paese in Oregon. Questo Natale
anche se era molto speciale. Il padre di Alison, il nonno di Chad, era morto
via durante l'estate e questo l'aveva prosciugata emotivamente. L'unica
la medicina che pensava avrebbe aiutato sarebbe stata una visita alla famiglia che aveva
mancato così tanto. Era passato un mese da questa visita di Natale
pianificato e sia lei che la famiglia erano entusiasti della visita ... tranne
per il Ciad.

Chad, come accennato, non vedeva sua zia da quando aveva sei anni e ne aveva molto
vaghi ricordi di lei. Diavolo, non aveva mai visto una sua foto.
Mentre la sua curiosità era lì, quello era l'unico sentimento che provava per lei.

Michelle, la madre di Chad, e Brian, suo padre, erano partiti per l'aeroporto
per prendere Alison e lasciare che il figlio finisse di pulire la casa prima
essi ritornarono. Era come un tipico adolescente e faceva il minimo indispensabile
quando si trattava di lavoro. Una rapida spolverata e un breve passaggio dell'aspirapolvere
il pulitore era considerato sufficiente per lui. Era solo felice di avere la casa per
stesso per alcune ore. Terminata la sua "pulizia", ​​si fece strada
di sopra per passare il tempo facendo quello che farebbe qualsiasi adolescente
quando aveva la casa tutta per sé. Dopo aver "passato il tempo", ha pulito
si è alzato, è tornato giù per le scale e ha iniziato a guardare una partita di basket
gioco.

Due ore dopo, ha sentito sbattere le portiere di tre macchine fuori e lo sapeva
la sua famiglia era tornata. Guardò verso la porta mentre i suoi genitori camminavano
dentro, seguito da sua zia. Quando la vide passare, la sua mascella quasi colpì
il terreno.

Dietro i suoi genitori c'era una donna alta con lunghi capelli ramati setosi
capelli con grandi occhi blu scuro. Indossava una maglietta attillata
che abbracciava i suoi seni piuttosto piccoli e un paio di larghi pantaloni cargo verdi.
Era scioccato da quanto fosse incredibilmente bella sua zia di 26 anni.

"Chad tesoro, vieni qui a salutare tua zia Alison." Sua madre
disse.

Chad si alzò e camminò verso di lei, i suoi occhi fissi nei suoi.

"Dannazione Chad, sei sicuramente cresciuto negli ultimi dodici anni." Alison ha detto come
lei lo attirò per un abbraccio.

Il diciottenne Chad non sapeva come sentirsi. Aveva questo incredibilmente
bella donna che gli dava un abbraccio stretto ma era sua zia e profondo
giù, sapeva che era sbagliato pensare a lei come a una "bella donna". Una volta
ruppe l'abbraccio, si voltò e si diresse verso il tavolo della sala da pranzo
e si sedette. Voleva rilassarsi dopo la lunga giornata di viaggio che aveva avuto
appena sperimentato.

Dato che la giornata era abbastanza frenetica, la famiglia ha deciso di uscire a cena
invece di cucinarsi da soli. Un'ora dopo che erano arrivati ​​a casa, loro
erano di nuovo in viaggio diretti al loro ristorante preferito. Avevano un
cena veloce e nel giro di due ore siamo tornati a casa. Brian e Chad hanno scaricato
Le due borse di Alison dalla macchina e le ha portate in casa.

"Andiamo Alison, Chad e io ti accompagniamo nella tua stanza." Brian ha detto come
li condusse su per le scale.

Alison sarebbe rimasta nella stanza accanto a quella di Chad per tutta la settimana. Brian
l'ha mostrata in giro per la stanza prima di sentire sua moglie che lo chiamava
piano inferiore.

"Torno subito." Disse ai due giovani nella stanza.

"Va bene Brian," disse Alison. "Fra un minuto mi faccio una doccia
Comunque."

"Okay, Chad ti mostrerà dov'è il bagno." Ha detto mentre lasciava il
camera.

Alison prese il suo asciugamano dalla borsa e lo stese sul letto come Chad
fece del suo meglio per non fissarle il fondoschiena. Si voltò verso di lui e
sorrise.

"Allora Chad, puoi mostrarmi dov'è il bagno?"

"Sicuro." Disse mentre cercava di tenere gli occhi su di lei e non permetterglielo
scivolare giù, ma lottato. La condusse in bagno e aprì la porta
per lei.

"Aw, sei troppo dolce." Gli diede una pacca sulla spalla prima di entrare
il bagno e chiudendo la porta.

Chad fece un respiro profondo prima di entrare nella sua stanza. Si sedette sul suo letto
e ha cercato di riordinare i suoi pensieri. Perché la sua mente gli stava facendo questo?
Era un ragazzo single che non ha mai avuto una ragazza, ma è stato per scelta. Lui
aveva visto tutti i drammi adolescenziali che circondavano i suoi amici all'inizio del liceo
scuola e decise che non voleva averci niente a che fare. Aveva fatto sesso
tre volte prima con una ragazza molto sexy che aveva incontrato al centro commerciale, ma mai
ha portato la relazione fuori dalla camera da letto. A questo ragazzo è stato detto più volte
che era abbastanza bello da avere qualsiasi ragazza potesse desiderare,
ma perché la mente voleva sua zia?

Mentre sedeva lì a pensare a lei, Chad sentì che il suo cazzo stava premendo
duro contro i suoi pantaloni. Era solo un altro dilemma di cui non aveva bisogno.
Non aveva idea se prendersi cura o meno della sua palpitante erezione sapendolo
che avrebbe dovuto pensare a lei mentre compiva l'atto. Ha lottato
con i suoi pensieri per diversi minuti finché alla fine decise di averlo fatto
tendere all'erezione indipendentemente da ciò che il suo cervello vuole immaginare.
Mentre si abbassava i pantaloni, sentì Alison gridare il suo nome.

"Chad! Puoi venire qui un secondo per favore!" Chad si tirò i pantaloni
arretrare e si diresse verso il bagno. Una volta arrivato alla porta, Alison
sporse la testa da dietro la porta e gli sorrise. Lei ha guardato
ancora più caldo nei suoi occhi ora vedendo i suoi capelli ramati bagnati, con lunghi capelli scuri
ciocche attaccate al suo viso.



"Ehi, ho lasciato l'asciugamano sul letto. Me lo prendi?" Si è reso conto
che era completamente nuda dietro la porta, il che non aiutava la confusione
si sentiva già.

"Si certo." disse Chad mentre si girava rapidamente (per assicurarsi che lei
non ha visto la tenda nei suoi pantaloni) e si diresse verso la sua stanza. Lui
Recuperò l'asciugamano e tornò in bagno, porgendole l'asciugamano.
Quando si allungò per prenderlo, Chad diede una buona occhiata al lato sinistro
seno ed era a pochi centimetri dal vedere la sua areola. Lei ha ringraziato
lui e chiuse la porta.

"Che diavolo sta succedendo?" Sussurrò a se stesso come aveva già fatto
un altro motivo per essere confusi.

Tornò di corsa nella sua stanza, chiuse a chiave la porta e si sdraiò sul letto. Lui
si abbassò i pantaloni fino alle caviglie e cominciò ad accarezzarsi. Nonostante
quanto sembrava sbagliato, gli ormoni di questo giovane confuso stavano andando troppo all'impazzata
da ignorare. Non riusciva a capire perché fosse così eccitato per sua zia,
ma le sue palle stavano implorando troppo per un rilascio e ha dovuto cedere.

Chad giaceva sul letto, masturbandosi furiosamente, come immaginava sua zia nuda
nella sua mente. La sua immaginazione stava prendendo il sopravvento. Chad immaginava di correre
la sua mano lungo il suo corpo snello, stringendo forte i suoi piccoli seni.
Immaginò lo strillo di gioia che avrebbe fatto mentre la sua mano si faceva strada
lungo il suo corpo e alla sua figa calda. Aumentò il ritmo mentre immaginava
Alison prende il suo bastone da sei pollici in bocca e lo lecca come un
ghiacciolo. L'immaginazione di Chad lo stava avvicinando all'orgasmo quando bussò
sulla sua porta lo riportò alla realtà.

"Chad?" Alison bussò di nuovo. "Posso entrare?"

Sospirò, sconvolto dal fatto di non essere riuscito a raggiungere l'orgasmo. Tirandosi i pantaloni
indietro, si alzò e aprì la porta, facendola entrare. Indossava
gli stessi vestiti che aveva prima della doccia ei suoi capelli erano ancora un po'
Bagnato. Hanno fatto chiacchiere per circa mezz'ora, parlando di scuola e
lavoro e qualsiasi altra cosa potessero pensare. Ha sottolineato che lo era
andare all'Università dell'Oregon il prossimo autunno, a cui era vicino
A casa di Alison.

"Il campus è a circa un miglio da casa mia. Se non vuoi spendere
soldi per un dormitorio, sei più che benvenuto a stare con me. ne ho una di scorta
stanza e vivere da solo è davvero fottutamente noioso." Il suo cuore cominciò a battere forte
poiché l'idea di starle vicino ogni giorno non solo lo eccitava, ma anche
un po' lo spaventava. Il fatto che non abbia mai voluto stare in un dormitorio lo ha fatto
facile la sua risposta.

"Assolutamente, suona alla grande."

Sedeva a gambe incrociate sul letto mentre lui sedeva alla sedia della scrivania. Di
venti minuti dopo l'inizio della conversazione, gli occhi di Chad si posarono su quelli di Alison
petto e all'improvviso si accorse che non indossava il reggiseno. Durante
ultimi minuti del discorso, ha cercato di nascondere il fatto che poteva vedere
il contorno dei suoi capezzoli durissimi che spuntano dalla maglietta.

Brian è entrato verso le nove (circa quaranta minuti dopo Alison
entrò) e diede la buonanotte sia a sua sorella che a suo figlio. Una volta lui
sinistra, guardò l'orologio e notò l'ora.

"Okay amico, ho avuto una lunga giornata. Vado a letto. Credo che vedrò
domani." Si alzò e sbadigliò molto forte, allungando le braccia in alto
La sua testa. Gli occhi di Chad rimasero fissi sui suoi seni mentre si stiracchiava.

Una volta che Alison ha chiuso la porta dietro di lei, Chad si è tolto i pantaloni e
si strattonò così forte che pensò che gli avrebbe strappato via il pene
il suo corpo. Ci sono voluti solo pochi minuti prima che facesse esplodere il carico più grande che avesse
potrebbe mai ricordare di aver sparato. Si è ripulito, si è messo a nudo
boxer verdi e andò a letto.

Chad si è svegliato verso l'una del mattino, non riuscendo a dormire
con i pensieri di lussuria e confusione che gli attraversavano la mente. È stato
desiderando uno spuntino così scese silenziosamente al piano di sotto ed entrò in cucina. Lui
quasi saltò fuori dalla sua pelle quando entrò e vide Alison in piedi
vicino al microonde mentre una tasca calda girava all'interno. Chad era ancora solo nel suo
boxer ed era imbarazzato quando lo vide.

"Ehi amico... belle mutande." Il suo volto era raggiante rosso da
imbarazzo. Non solo imbarazzo per essere in mutande, ma
vedendo anche Alison nella sua.

"Mi dispiace, non pensavo che qualcuno sarebbe stato qui." Ha detto con a
voce tremante.

"Beh, immagino di non poterti prendere in giro per questo. Voglio dire, guarda cosa sono
che indossa." Chad aveva già notato cosa indossava Alison. Si alzò
lì con indosso solo una canotta bianca e un paio di mutandine nere.

"Sì, io... credo di no." È inciampato nelle parole mentre cercava di non farlo
sguardo, che ha subito catturato.

"Che c'è amico, ti vergogni a vedermi in mutande?"
Disse mentre tirava fuori il suo spuntino dal microonde. Non ha risposto.
"Va tutto bene, lo capisco. Ma ricorda che quando eri un ragazzino, io
ti ha aiutato a cambiarti il ​​pannolino e pulirti il ​​culo regolarmente. Non è
come se non avessi visto tutto quello che c'era da vedere quando si tratta di te." Poteva
vedi che i suoi nervi non si calmavano. "Cercherò di indossare più vestiti quando
Ci sono io la prossima volta, okay?" Gli baciò la guancia prima di prenderla
piatto al piano di sopra. Chad si sedette al tavolo facendo respiri profondi e provando a farlo
capire se stesso. Dopo pochi minuti tornò a letto.

-

Il giorno successivo è stato imbarazzante per Chad. Trascorse la maggior parte della giornata
aiutare la sua famiglia a finire di decorare la casa, il che ha comportato molto
tempo direttamente intorno ad Alison. Oggi indossava una canotta nera attillata
e un paio di pantaloncini da basket dato che era una giornata di dicembre insolitamente calda
nel Vermont. Sembrava a Chad che ora lo stesse prendendo in giro a pieno
il loro incontro la notte precedente. La parte più imbarazzante è arrivata quando loro
iniziato a decorare l'albero. L'albero di Natale di famiglia era alto circa tre metri
alto e quasi arrivato al soffitto.

Alison e Chad hanno avuto la responsabilità di decorare l'albero mentre
Michelle e Brian erano al lavoro. Chad è andato di sopra per recuperare un file
mini-scala in modo che potessero lavorare sulla cima dell'albero. Quando è tornato a
la tana, gli dava le spalle, stendendo gli ornamenti e le decorazioni
in giro sul tavolo. Non poté fare a meno di controllarla quando notò a
tatuaggio piuttosto grande sulla parte superiore della schiena.

"Ehi, è un tatuaggio dall'aspetto piuttosto figo." Disse, facendola voltare
in giro.

"Grazie, ci è voluto un po' per finire. Vuoi vedere tutto?"

"Sicuro." Lui ha risposto.

Alison gli voltò di nuovo le spalle e si sollevò la maglietta
sopra la sua testa, posandolo sul tavolo. Adesso era ovvio per Chad
a sua zia non piaceva indossare un reggiseno mentre la sua schiena nuda lo fronteggiava. È stato
ora fissando un grande falco che si allargava da spalla a spalla a metà
modo per i suoi pantaloncini.

"È carino. Immagino che abbia fatto male."

"All'inizio, ma poi ti ci abitui." Il cuore di Chad quasi si fermò mentre lei
si voltò, ancora in topless, e gli diede un'occhiata completa alla sua coppa b
seno prima di rimettersi la camicia. "Hai dei tatuaggi?" Lui
dovette rapidamente entrare nella realtà.

"No, ma ci ho pensato." Si avvicinò al tavolo come
Alison salì sulla scala.

"Dovresti prenderne uno, ne vale decisamente la pena. Puoi passarmi il
angelo?" Lui le porse l'angelo e lei lo mise in cima all'albero. Loro ottennero
circa metà dell'albero decorato prima che si prendessero una pausa. "Vado a prendere
una birra, ne vuoi una?"

"Ehm, va bene." Chad non si aspettava che sua zia gli offrisse una birra, ma poi
ancora una volta non si aspettava nemmeno che lei gli mostrasse il suo petto nudo... così lui e basta
arrotolato con esso.

I due giovani parenti si sedettero insieme sul divano e girarono il
televisione accesa. Chad aveva il telecomando e si è fermato a una partita di basket, il
New York Knicks contro la sua squadra del cuore, i Boston Celtics.

"Ti piace il basket?" Gli chiese.

"Sì, tifoso dei Celtics per sempre." Lei gli lanciò uno sguardo scherzosamente arrabbiato.

"Celtics eh... beh, sono un fan sfegatato dei Knicks." Chad le ha anche dato una
bagliore giocoso.

"Che ne dici di fare una scommessa in questo gioco?" Chiese.

"Certo, cosa hai in mente?" La cosa ovvia che aveva in mente era
vederla nuda se avesse vinto, ma era abbastanza intelligente da rendersene conto
probabilmente non volerebbe bene con lei.

"Che ne dici del perdente che finisce tutte le faccende che mia mamma ci ha lasciato?
Affare fatto?" Lui tese la mano e lei gliela strinse velocemente.

"Affare!"

La partita era in pareggio all'inizio del quarto quarto quando hanno iniziato
Guardando. Tuttavia, non ci è voluto molto perché Chad si rendesse conto di aver vinto
la scommessa improvvisata non sarebbe avvenuta. I Knicks sono partiti sul 16-0 all'inizio
il quartiere. Hanno finito per vincere per venti... e Alison si è assicurata Chad
lo sapevo. Saltò in piedi urlando un lungo "Wooooooo!"

"Come ha fatto Boston a fare Chad? Eh? Sembra il potente Boston Celtics
perso contro i vecchi New York Knicks. Spero ti piaccia il lavoro che hai
da fare mentre mi siedo e guardo!" Si avvicinò al tavolo e afferrò
una bracciata di decorazioni per l'albero e gliele mise in grembo. "Vai avanti, tuo
i genitori saranno a casa tra poche ore." Prese un'altra birra e si sedette
a tavola mentre Chad iniziava a decorare l'albero.

Mentre stava decorando l'albero, ha sentito la videocamera del telefono di Alison andare
spento più volte. Lui la guardò e lei si limitò a sorridere.

"Di cosa stai fotografando, zia Alison?"

Lei ridacchiò. "Zia Alison? Un modo per farmi sentire vecchio. Chiamami e basta
Alison, amico. Sto solo facendo delle foto per mostrare a tua madre quanto sei duro
lavorando."

Chad riportò la sua attenzione all'albero mentre sua zia continuava a scattare
via con la macchina fotografica. Dopo un'ora, l'albero era completamente decorato. Alison
si alzò e ne fece una bella foto completamente addobbata.

"Bellissimo! Ottimo lavoro Chad." Lei gli batté la mano sulla spalla,
dandogli un breve sfregamento che gli faceva sentire bene. "Siediti e rilassati per un
un po'... allora potrai finire il tuo lavoro." Gli prese una bottiglia d'acqua e si sedette
vicino a lui. Dopo aver terminato un messaggio di testo, Alison ha messo giù il telefono e
guardò suo nipote. "Posso chiederti una cosa Chad?"

"Sicuro."

"Si tratta di ieri sera." Chad sentì un brivido percorrergli il corpo. "IO
non ho potuto fare a meno di notare che sembravi imbarazzato nel vedermi vestita
come ero. Se ti ho messo a disagio, allora mi dispiace davvero. ero in piedi
per un'ora la notte scorsa pensando che ti ho turbato."

"Sul serio?" Lui ha risposto. "Non mi ha turbato affatto; era solo un
shock vedere mia zia in mutande. È solo... non importa." Lui colse
stesso prima di dire qualcosa che avrebbe reso l'intera situazione
molto più strano. io

"Solo cosa?" Lui si limitò a guardarla in silenzio. "Cosa c'è Chad? Tu
può dirmelo."

"Non posso, ti farebbe solo arrabbiare. Non possiamo parlare d'altro?"


Era davvero confusa su quello che stava succedendo. "Chad. Te lo prometto
qualunque cosa tu abbia bisogno di dire... non mi turberà affatto. ho la pelle spessa,
Posso sopportarlo." Continuò a sedersi in silenzio. "Chad. Se non lo dici
io quello che ti dà fastidio che penserò solo che non ti piaccio. Suo
mi rovinerà le vacanze se penso che mio nipote mi odia."

"Non è che non mi piaci, in realtà è l'esatto contrario."
Chad sentiva di aver oltrepassato il limite che non voleva oltrepassare mentre finiva
quella frase. Il suo viso divenne improvvisamente rosso.

"Aspetta..." Disse con uno sguardo scioccato sul viso. "Oh dio. Quindi il
Il motivo per cui ti comporti in modo così strano è perché..." Il suo cervello era
collegare i punti. "Chad... sei innamorato di me?" Scosse piano
la sua testa su e giù. "Oh cielo..." Stava cercando di capire cosa dire.
"Quando hai iniziato a sentirti così? È stato quando ero in mutande
la notte scorsa?"

"No, sono stato attratto da te dall'istante in cui sei entrato
la porta. Non mi aspettavo che fossi così bella e io... lo odio
mi sentivo così, ma con la cosa dell'asciugamano e poi tu che vieni nella mia stanza.
Non indossavi il reggiseno ed è stato DAVVERO evidente quando abbiamo parlato.
Poi ti sei stirato, e poi ieri sera. E poi c'era..."

"Quando ti ho mostrato il mio tatuaggio e mi sono girato prima di mettermi la maglietta
riaccendi?"

"Sì, ho cercato di non pensare in quel modo a te, ma tutto è rimasto
allineandosi in modo strano."

"Aspetta, quindi la scorsa notte, quando ho sentito il tuo letto scricchiolare molto forte dopo di me
sei uscito dalla stanza... eri... e ci stavi pensando?" Lui distolse lo sguardo e
non rispose, scioccata dal fatto che fosse in grado di sentire. Si ricordava che lei
il letto era contro il muro, di fronte al suo. Sapeva che lo era anche lui
imbarazzato ad ammetterlo

Entrambi rimasero seduti in silenzio, guardando il tavolo per diversi minuti.
Alison finalmente ruppe il silenzio.

"Mi dispiace Chad. Se sapessi come ti senti io... devo andare a sdraiarmi e
pensaci bene." Si alzò e salì le scale.

"Alison!?" Chad le gridò ma non ottenne risposta. Sentì la sua porta
sbattere.

Chad si alzò e finì di decorare la casa, urlando per tutto il tempo
se stesso per aver fottuto le cose. Mentre stava facendo il suo ultimo lavoro, ha sentito
i suoi genitori entrano dalla porta.

"Ehi tesoro." ha detto Michele. "Dov'è zia Alison?"

"Uh, non si sentiva molto bene, quindi è andata di sopra. Ha detto di sì
non ha dormito molto la scorsa notte, quindi immagino che fosse solo stanca." Mentì.

I suoi genitori lo ringraziarono per aver decorato la casa, dicendogli che aveva fatto un
lavoro straordinario. Chad salì di sopra per andare nella sua stanza. Si fermò davanti a
Alla porta di Alison e andò a bussare, ma si fermò ed entrò nella sua
camera invece. Dopo alcune ore, Michelle li ha chiamati entrambi per
cena. Chad lasciò la sua stanza e guardò indietro. Vide che la porta di Alison era
leggermente aperto e sembrava che stesse aspettando che lui scendesse per primo.
Mentre si sedeva a tavola, vide sua zia entrare nella stanza. Lei non era
vestita come era stata. Alison indossava una felpa nera con cappuccio
e un paio di pantaloni della tuta rossi. Con sua sorpresa, però, lei stava sorridendo.

"Ehi Brian, Michelle," il suo sorriso si attenuò. "Chad."

"Stai bene tesoro? Chad ha detto che non ti sentivi troppo bene." Michele
chiesto.

"Sì, non ho dormito molto la scorsa notte. Non dormo bene nei letti nuovi."
Continuava a guardare Chad, solo per distogliere lo sguardo quando lui se ne accorse.

Finirono la cena e dopo una lunga chiacchierata andarono tutti e quattro
nelle rispettive stanze per la notte. La camera da letto di Michelle e Brian era
giù per le scale sul lato opposto della cucina e a sinistra prima. Ciad e
Alison rimase seduta in silenzio per alcuni minuti prima di salire le scale.

Chad si sedette sul letto chiedendosi come sarebbe andato il resto della vacanza. Esso
sembra che sia passato dall'essere un buon amico di sua zia a essere un nemico pubblico
numero uno nei suoi occhi. Il pensiero prevalente nella sua testa... com'era
domani andrò. Domani sarebbe stato proprio come oggi, i suoi genitori se ne sarebbero andati
per la maggior parte della giornata lasciandolo solo con Alison che apparentemente voleva
niente a che fare con lui.

-

Il giorno dopo, Chad si è svegliato verso le due del pomeriggio e...
diretto al piano di sotto. Il suo cervello non gli ha permesso di dormire regolarmente la notte
Prima. Sembrava una benedizione sotto mentite spoglie visto che lo sarebbero stati i suoi genitori
ritorno tra circa un'ora. Si fermò sui suoi passi quando raggiunse l'ultimo
passo e vide Alison seduta al tavolo con una coppetta di gelato davanti
di lei. Indossava gli stessi vestiti di ieri sera e chiaramente
non si era ancora spazzolata i capelli perché era un pasticcio gigantesco. Mentre si voltava a
torna di sopra, la sentì gridare, "Chad?" Si voltò lentamente
e la vide voltata verso di lui.

"Amico, penso che dobbiamo parlare. Vieni qui e siediti accanto a me
per favore." Chad si avvicinò lentamente al tavolo e si sedette, immobile
trovando difficile guardarla negli occhi.

"Alison, devo dirti quanto mi dispiace..." Mise il dito sopra
le sue labbra.

"Zitto, fammi parlare prima, ok?" Lui annuì e lei tolse il dito.
"La scorsa notte mi sono sdraiato sul letto pensando a quello che è successo. I
non sapevo se essere arrabbiato, depresso, disgustato, lusingato...io
non riuscivo a capirlo. Poi finalmente mi ha colpito ... non posso davvero essere arrabbiato
a te. Voglio dire, io sono una bella donna e tu sei un uomo di 18 anni. IO
non stavo davvero pensando quando ti ho mostrato le mie tette e tutto il resto
volte hanno attirato la tua attenzione. È davvero colpa mia e lo farei seriamente
pensi che saresti stato gay se non fossi stato attratto da me dopo tutto questo." Chad
non riusciva a staccare gli occhi dai suoi. "E potremmo essere imparentati con il sangue, ma
non è come se fossi presente quando stavi crescendo. Quando mi hai visto camminare
attraverso la porta, hai visto un simpatico sconosciuto invece di un membro della famiglia. Sono io
giusto Ciad?"

"Si Credo di si." Non sapeva esattamente come rispondere.

"Non hai idea di quanto mi sei mancato dall'ultima volta che ti ho visto
Voi. Ho sempre sperato che potessimo essere vicini, ma non avrei mai pensato che sarebbe stato un
problema. Cosa possiamo fare per risolvere questo problema?"

"Non lo so, ma voglio risolvere questo problema. Sembri davvero figo e lo voglio
avere un qualche tipo di relazione con te. Oh, dannazione!" Disse velocemente
era arrabbiato con se stesso per quelle parole "una specie di relazione".

"Stai bene?" gli chiese, posandogli una mano sulla spalla.

"Ho detto 'relazione' e non è quello che volevo dire. Dannazione."

"Chad, calmati, non sono arrabbiata perché...perché..." Si fermò e
abbassò lo sguardo mentre lui la guardava.

"Alison?" le chiese.

"Perché... beh, dopo ieri ho iniziato a pensare alle cose.
Specialmente la cosa su di te... che ti tocchi... beh, quello... e io ho avuto il
l'immagine di te che lo fai e io... io dovevo..." La faccia di Alison era così rossa,
sembrava che la sua faccia stesse per scoppiare. "Ho iniziato a fare la stessa cosa."

"Tu... hai giocato con te stesso? Stai pensando a me?" Alison annuì e
guardò suo nipote. I suoi occhi si stavano riempiendo di lacrime.

"Non ho idea di cosa mi sia preso. Voglio dire...ti conosco da quando eri tu
avevano tre giorni. Non so perché l'ho fatto. L'unica cosa che sapevo
era che mi piaceva. Mi è piaciuto molto." Gli afferrò la mano e
gli diede una leggera stretta.

"Alison?" Chad ruppe il breve silenzio. "Non posso credere che lo farò
dillo, ma... posso baciarti?"

Senza rispondere, si sporse sul tavolo e strinse la lingua
giù per la gola. Gli ci volle solo un secondo per rispondere dandole
il bacio più profondo che avesse mai dato a qualcuno. Le loro labbra rimasero serrate per
circa due minuti prima che fosse rotto.

"Wow...non posso credere che sia appena successo!" esclamò. Le loro mani
rimasero bloccati mentre si fissavano negli occhi. "Penso di provarci
combattere questi sentimenti è semplicemente inutile. Stai pensando cosa sono?
pensiero?"

Senza dire una parola, entrambi si alzarono e corsero di sopra nella stanza di Chad;
le loro mani non si separano mai. Alison lo lasciò andare e strisciò sul suo
letto mentre si chiudeva la porta alle spalle. Si tuffò sul letto, atterrando a destra
accanto a lei mentre le loro labbra si incontravano ancora una volta. Il furiosamente fatto per
diversi minuti prima che le sue mani trovassero la loro strada verso il fondo di lei
felpa. Si alzò a sedere per permettergli di tirarsi su la maglietta sopra la testa.
Sotto c'era la stessa canotta che indossava due sere prima
la cucina. Quella camicia non è rimasta sul suo corpo molto prima che tirasse
e lo gettò da parte.

Per la seconda volta in altrettanti giorni, riuscì a dare un'occhiata completa a sua zia
set quasi perfetto di seni. I bei capezzoli rosa di Alison erano alti,
aspettando solo che la bocca di Chad li insulti. Premette le labbra su di lei
capezzolo sinistro e lo accarezzò delicatamente con la lingua mentre gemeva forte.

"Mmmm, Chad, è così dannatamente bello!" Esclamò mentre lui mordicchiava dolcemente
sul bocciolo duro come la roccia.

Subito dopo, rivolse la sua attenzione all'altro capezzolo e gli diede il
stesso trattamento. Nel frattempo, sua zia cominciò a muovere la mano su e giù per la sua
Indietro. Gli tirò la maglietta bianca sopra la testa e diede un'altra occhiata
il suo corpo. Non era uno che si allenava spesso, ma il suo fisico lo dimostrava
davvero non ce n'era bisogno. Chad è stato costruito naturalmente bene; abbastanza per qualsiasi donna
innamorarsi.

Dopo alcuni minuti passati a prendersi cura del suo petto, Chad decise che era ora di farlo
andare per il premio finale. Si aggrappò alla vita di sua zia
pantaloni della tuta e delicatamente li tirò giù per le sue gambe perfette e via da lei
completamente. I ricordi di due sere prima tornarono quando la vide nera
mutandine, le stesse che indossava quella notte. L'unica differenza tra allora
e ora si stava formando la notevole macchia bagnata sulla parte anteriore. Si alzò e
si tolse i pantaloni, lasciandolo solo con un paio di boxer, sempre gli stessi
di due sere fa. Chad si sporse per rimuovere le mutandine di Alison quando lei
lo fermò.

"Non ancora, tocca a me." Si abbassò sui suoi boxer e li tirò
giù, facendo balzare fuori davanti a lei la sua asta di sei pollici. "Proprio come io
immaginato!» strillò eccitata mentre afferrava le sue pulsazioni
membro e lentamente lo accarezzò su e giù. Lei lo guardò insieme a lei
occhi blu scuro e fece un grande sorriso. "Posso mettermelo in bocca Chad? Io
voglio assaggiarlo».

Chad le mise una mano dietro la testa e la avvicinò alla sua
cazzo. Aprì la bocca e la inalò lentamente, provocando un enorme sospiro di
sollievo dal nipote. Si è adattata rapidamente a tutti i sei pollici nella sua bocca
mentre lavora la punta con la lingua. Alison ha lavorato il suo cazzo come un professionista;
leccandolo su e giù mentre gli accarezzava le palle con la mano libera, succhiandolo
sulla punta come se fosse paglia e alla fine prendendo una gola lunga e profonda. Lei
usava la lunga e spessa ciocca di bava che proveniva dal profondo di lei
esofago per accarezzarlo il più velocemente possibile.

"Penso che verrò presto!" Ha urlato quando improvvisamente Alison
fermato. "Perchè ti sei fermato?"

Guardò la porta prima di alzare lo sguardo su di lui. "Penso che i tuoi genitori
sono a casa." Corse alla finestra e sbirciò fuori. "Cazzo, lo sono
casa. Devo vestirmi e scendere. Non possono prenderci come
Questo."

"Ma sono così vicino, devo farlo uscire." Si lamentò mentre lentamente
accarezzò il suo stesso cazzo.

"Va bene, ma devi farlo da solo." Si tirò giù le mutandine e
glieli porse, dandogli una breve occhiata alla sua figa tagliata. "Vieni
questi, devo andare." Alison si tirò la felpa sopra la testa e lei
pantaloni della tuta prima di uscire dalla stanza. Mentre si faceva strada
al piano di sotto, Chad finì di masturbarsi, esplodendo su tutto il suo
le mutandine nere della zia. Dopo un minuto di relax, si vestì e se ne andò
la sua stanza. Si è fermato nella stanza di Alison e ha lasciato le mutandine macchiate di sperma
il pavimento prima di scendere le scale.

Una volta che Chad è sceso al piano di sotto, ha aiutato i suoi genitori a portare dentro l'ultimo dei
incartato i regali di Natale in casa. Spostare i regali sotto l'albero
ha dato a Chad un'idea per il giorno successivo.

"Ehi Alison, dal momento che nessuno di noi due si è ricevuto regali l'uno dall'altro, ma tu vuoi farlo
vai al centro commerciale domani?" Gli rivolse un grande sorriso.

"Certo amico, ho una buona idea di cosa ti prenderò."


Hanno messo l'ultimo regalo sotto l'albero prima di sedersi alla cena
tavolo mentre Michelle metteva il cibo da asporto nei piatti per tutti. Dopo di loro
finito di mangiare, Michelle ha chiesto loro di lavare i piatti perché avevano un
Festa di Natale sul posto di lavoro a cui andare. Alison e Chad si guardarono
l'un l'altro con facce eccitate. Sapevano che la casa era loro e
avrebbero avuto la privacy di cui avevano un disperato bisogno in quel momento.

Alison e Chad iniziarono a lavare i piatti mentre Brian e Michelle se ne andavano
per la notte. Hanno detto che sarebbero tornati a casa tardi e che si sarebbero "divertiti".
La zia e il nipote sorrisero e ridacchiarono mentre quelle parole lasciavano quelle di Michelle
bocca. Chad guardò fuori dalla finestra e vide i suoi genitori andarsene,
segnalando che il suo divertimento stava per iniziare.

"Se ne sono andati." Disse mentre guardava negli occhi di Alison.

Allungò una mano e diede una leggera stretta al suo sedere, provocando uno stridio
uscire dal suo corpo. Alison lo colpì leggermente sul petto, spingendolo indietro.

"Aspetta amico, finiamo i piatti prima di iniziare a mangiare
divertente." Chad sembrava deluso, ma un rapido bacio sulle sue labbra da parte di lei
cambiò rapidamente il suo umore.

Una volta finiti i piatti, Alison prese due birre e la condusse
nipote in salotto e accese la televisione. Si è rannicchiata
accanto a lui sul divano e bevve un sorso del suo drink mentre canalizzava il surf.
Si è fermato a una partita di hockey; i suoi Boston Bruins stavano affrontando i Toronto
Foglie d'acero.

"Fammi indovinare...Bruins tifoso vero?" Gli sussurrò all'orecchio.

"Già, fammi indovinare... Fan dei Leafs?" Sussurrò di rimando.

"No, per niente... a meno che tu non voglia fare un'altra scommessa, allora lo sarò io
per una notte." Bevve un altro sorso.

"Che tipo di scommessa hai in mente?"

"Hmm... Che ne dici se il vincitore sceglie in quale punto della casa faremo sesso?
stasera?" Chad guardò la televisione e notò che Boston era in piedi
due gol che hanno reso più facile la sua decisione.

"Ci sei, Alison!" Si strinsero la mano e guardarono l'ultimo periodo del
gioco.

Mentre Chad voleva vincere la scommessa, non gli importava davvero del
risultato. Ad ogni modo, avrebbe fatto sesso con la sua bellissima zia; E
questo è tutto ciò che voleva veramente. Era un bene che non gli importasse perché
proprio come l'ultima volta, la sua squadra lo ha deluso e ha avuto una fine terribile
gioco. Toronto ha segnato cinque gol nel terzo periodo vincendo la partita 6-3.

"Haha, vinco di nuovo Chad. Le vostre squadre fanno schifo, vero?" Chad
non ebbe risposta. Si limitò a ricambiare il sorriso quando Alison finì la sua birra e
alzato. "Dai, andiamo a cercare un posto dove scopare." Gli afferrò la mano
e lo tirò su.

Alison lo condusse intorno al piano inferiore della casa, fermandosi davanti
diverse stanze solo per dire "no". Alla fine lo condusse dai suoi genitori
stanza e gli rivolse un sorriso diabolico. Chad la fissò e le fece sapere
come si sentiva.

"Sono aperto a farlo ovunque... ma non lì, Alison."

"Va bene, non volevo comunque." Lei ridacchiò.

Gli teneva ancora la mano mentre salivano le scale, come un...
bambina che guida suo padre in un negozio di giocattoli e cerca di decidere
quale voleva. Alison aveva già il suo giocattolo, tutto ciò di cui aveva bisogno era un
posto per giocarci. Una volta in piedi davanti alla porta della stanza di Chad,
gli lasciò andare la mano e si voltò verso di lui.

"Cosa hai fatto con le mie mutandine?"

"Sono sul pavimento nella tua stanza; probabilmente vorrai lavarli
prima di indossarli di nuovo."

Corse nella sua stanza e afferrò le mutandine. Una volta tornata a
Chad, ha lasciato cadere i pantaloni della tuta a terra e ha messo lo sperma macchiato
biancheria intima. Gli afferrò di nuovo la mano e lo condusse in giro
secondo piano per qualche minuto finché non arrivarono in bagno.

"Non ho fatto una doccia dal primo giorno che sono stato qui. Da quando ho vinto il
scommetto che scelgo io il bagno." Alison aprì la porta e la tirò
nipote in. "Beh?"

"Quindi cosa?"

"Hai intenzione di toglierti i vestiti o di solito fai la doccia?
loro?" Non aveva bisogno di dirglielo due volte come entro dieci secondi, lui
completamente nudo davanti a sua zia.

Alison pulled her sweatshirt off, but left the panties on as she started
the shower.

"Aren't you going to take those off?" She looked back at him and
giggled.

"You said I need to wash them right? Doesn't a shower wash things?
Come on in Chad, the water is nice and warm." She steppd in the shower and
held the curtain open for him.

The second he stepped in, she grabbed the shower head and blasted him in
the face with the jet of water. She giggled as he shielded his eyes.

"What the hell!? What was that for?" Egli ha detto.

"Oh calm down you wimp. Here, take this." She handed him the shower
head. "Clean my panties for me. You dirtied them up, you clean them up."

As Chad moved the shower head towards her panties, he changed to setting
on it and made it shoot a hard, single stream and pointed it right at the
davanti. Alison almost fell down as the powerful jet shot right into her
clit and sent a powerful rush of pleasure throughout her nearly naked body.
He noticed how she reacted to the stream, so he held the head still. Suo
clit was being blasted with a strong stream of water and she felt like she
was in heaven. About a minute after he started, Alison had to hold onto
Chad to avoid slipping as her legs trembled greatly.

"That feels so fucking good Chad! Don't stop, I want to cum so fucking
badly! Ohhhh, shit!"

She slammed her lips into his and kissed him deeply as her body was
starting to prepare for the explosion of pleasure that was imminent. Mentre
still kissing him, she maneuvered her hands down and removed her panties so
that she could feel the full effect from the shower. Alison grabbed onto
Chad's hair and lightly pulled him to the bottom of the tub. She lay flat
down in the tub as Chad knelt at her feet and moved the shower head closer
to his aunt's clitoris. He moved it up and down her pussy while pulling it
farther away and then closer to the overheating slit.

"I'm gonna cum buddy, I'm gonna fucking cum...oh SHIT!"

Alison arched her back as her orgasm exploded throughout her body. Suo
entire body tensed up as her juices poured from her pussy. Chad put the
shower head down and closed his mouth around her hot opening, sucking up
any liquid that dripped from her vibrating pussy. Once her orgasm
subsided, she was back to being flat on the ground as Chad continued
tending to her crotch.

"Come here and kiss me Chad."

Chad made sure to coat his lips with a thick layer of her juices before
giving her a deep kiss. Alison sucked on his lips, enjoying the taste of
her own body. Once she was done cleaning his lips, she moved her mouth to
his ear and whispered a message to him.

"If you don't put your dick inside me now, I'm gonna beat the shit out
of you." She smiled as he pulled back and looked her in the eye. She
winked and smiled as he crawled down her body.

Before he started, he put the shower head back on the wall and aimed it
down on her chest. Chad got down to his aunt's pussy and began rubbing his
solid cock against her slippery opening. The orgasm she already
experienced was going to make entry very easy and very enjoyable.

"I love you Chad." Alison said in a quiet, seductive voice.

"I love you too Alison." He said as he slammed his cock into her pussy.

He slowly began to fuck his aunt, a woman whom he hadn't met three days
ago and a woman whom he thought hated him just a few hours ago. Now he had
her naked, on the floor of the shower he has used for many years and
slamming his solid cock into her moist hole. The moans coming from Alison
was music to Chad's ears. He started to fuck her at a faster pace. Una volta
he did, she started moving her hips in rhythm with him. The sound of his
balls slapping against her ass was almost as loud as the moans that came
from their mouths.

Chad lay down on top of her, the water between their chests feeling
amazing as they slid against each other. They began to kiss passionately
as the water poured over their backs. In their minds, this was the most
romantic experience they could ever have. She was starting to feel yet
another orgasm build deep within her body again. They quickly switched
positions and Alison took control from the top of the pile.

Chad looked up at his aunt and saw the shower raining down on her face
as she rode his cock. It was just a perfect alignment that the shower head
was pointed right at her face, making her look the sexiest he could ever
immaginare.

"Oh my god...I'm gonna cum again Chad...oh...oh...holy shit buddy...I
love you so much!" She grabbed onto the sides of the tub to lift her up
più alto.

Suddenly her body tensed up once again and she screamed out loud, "Oh my
fucking god! Yes baby, yes!" Her body released another flood of cum from
deep within her womb.

Chad took her by the hips and slammed her up and down on his throbbing
cock as he felt his own orgasm building. He knew that he wasn't going to
be able to hold on, especially with the view his aunt being rained on by
the shower. All of a sudden he knew that it was time. He stood up and
leaned against the wall, turning the shower off temporarily. Alison
grabbed on to his cock and began jerking him off at a rapid pace. Alcuni
seconds later, Chad took hand of his cock and used his other hand to pull
her head back. She waited on her knees; eyes closed and mouth wide open.
Another few strokes and he began to unload his sticky white semen on to her
viso.

One large shot landed in her hair, followed by several more on her cheek
and forehead. When the shots began to lose thickness, she took control of
his cock and tried to suck the last bit from within. As his penis finished
releasing his cum, Alison continued sucking on his cock, wanting to swallow
every last drop that his balls would produce. Chad turned the shower back
on and rinsed the remaining cum from his aunt's beautiful face. Once she
was cleaned Alison stood up and kissed her nephew once again, pushing him
up against the wall and forcing every inch of her front to press against
every inch of his.

Once they broke the kiss, Chad shut off the shower and held the curtain
open for Alison to exit. He bent down and picked her panties up from the
tub before exiting himself.

"Damn it, I forgot my towel again."

"No problem," He opened a cabinet next to the toilet and grabbed a spare
asciugamano. "Here you go." Instead of handing her the towel, he unfolded it and
started to dry her off himself. He spent the majority of the time cleaning
her crotch over everything else.

"Grazie." She said, giving him a kiss.

Alison took out a towel and did the same for him; again making his
crotch the prime target for the towel. Once they were dry, the two walked
down the hallway and into her room, holding hands the whole way. Alison
went right to her suitcase and dug around for something to wear. Lei
tossed a bra aside, which caught her nephew's attention.

"Hey, you actually own a bra. I was convinced that you didn't." Lui
laughed as he picked it up.

"I only wear one when I absolutely have to. They are too uncomfortable.
I prefer to keep the girls free." She laughed as she went back to the
suitcase and retrieved her robe.

They then proceeded to go into Chad's room so he could retrieve
something to wear. He went into his closet and got a pair of shorts and a
Larry Bird Celtics jersey.

"Really, a Celtics jersey? I guess you deserve to punish me after
yesterday." They grabbed each other's hands and walked back down stairs.

They sat down on the sofa and put a movie on. The energy that she lost
from her two orgasms proved to be too much for Alison as she quickly fell
asleep on Chad's shoulder. She was cuddled up real close to him with her
head resting on his shoulder as she quietly snored. He gave her a kiss on
the cheek and threw his arm around her. He held her close while he
finished watching the movie.

Once the movie was over, he quietly got up and gently laid her down on
the couch. He slipped a pillow under her head and covered her with a
blanket before going upstairs to get ready for bed. After an hour, he was
finally comfortable and about to fall asleep when he heard a knock on his
porta.

"Chad? Are you still awake?" Alison asked.

"Yeah, come on in." She walked in still in her robe.

"Sorry for falling asleep on you, our shower took a lot out of me."

"No problem Alison." They smiled at each other.

"Well, I guess I'll head off to my bed." She said as she started to
close the door.

"Wait! Why don't you come sleep in here?" She opened the door back up.

"You sure your parents won't come up here and catch us?"

"No way, they will be wasted from the party and probably won't wake up
until noon at the earliest. At least that is how it is after every other
Christmas party. And they have another one tomorrow night." Alison closed
the door and trotted to the bed, laying down next to Chad.

Chad threw the covers over his aunt as she cuddled up next to him and
placed her head against his chest.

"Goodnight Aunt Alison...and thanks for tonight." Chad said as he kissed
her forehead.

"Goodnight Chad...if you thought tonight was good, just wait until your
parents leave tomorrow night." She kissed his cheek before he turned the
lights off. "And don't call me "Aunt" again or I'll have to punish you."

"Okay Aunt Alison." He chuckled as she slapped his chest. They quickly
both fell into a deep sleep.

-

They woke up rather early the next morning since they went to bed early.
It was around six o'clock when Chad woke up. Alison was up a few minutes
Dopo. They stayed in bed cuddling for about a half an hour before getting
out and downstairs for breakfast. Just like Chad had predicted, his
parents were fast asleep and weren't waking up anytime soon. He retrieved
two bowls and a box of cereal. He poured his aunt a bowl before pouring
one for himself. The entire time while eating, Alison's eyes were locked
onto Chad. Even though her feelings still puzzled her, she decided to
ignore them and enjoy the ride.

"Are we still going to the mall today?" Gli chiese.

"Yep. The sooner we go the better. I was thinking we leave as soon as
we finish eating." She nodded at him and continued eating.

When they were done, Alison took both bowls and placed them in the sink.
She then grabbed Chad's hand and led him back upstairs. He was confused as
to what she was doing. He thought she wanted to have sex again, but he was
worried because his parents were just downstairs.

"Dove stiamo andando?" He asked her.

"We have to get dressed, dummy. I'm not going to the mall in a robe!"
She slapped his chest lightly and smiled as she pulled him into her room.
"Have a seat."

Alison dropped her robe in front of her nephew, giving him another look
at her beautiful nude body. He got an even better look when she squatted
down to go through her suitcase. She pulled out the pair of cargo pants
she wore when she first arrived, a black polo shirt and a white pair of
cotton panties. Chad sat and admired her body as she slowly got dressed;
bending over a few times to give him a look at her pussy. Once she got her
sneakers on, she stepped over to him and pulled him up off the chair. Essi
went into his room where he got a pair of shorts and a blue t-shirt. Esso
was another unusually warm December day in Vermont so he took advantage of
the good weather. He got his shoes on and they headed downstairs.

They quietly made their way outside and to Chad's car. He pulled away
from the driveway and they were on their way to the mall. After a minute
on the road, Alison placed her hand on his thigh and lightly rubbed it as
he drove. He looked over at her and got a cute smile in return. Lei
continued rubbing him the entire half-hour ride to the mall. Once they
arrived, he had to wait to get out so the entire world didn't get a look at
the tent sticking out of his shorts.

In a few minutes, they were walking around the mall holding hands. A
the public, they were simply a boyfriend out with his girlfriend. Da
only his parents knew who she was, and since they weren't at the mall with
them, they had no reason to hide anything. When they got to the escalator,
they released each other's hands and began moving to the second floor.

"Okay, I guess we can meet back here after we're done. Do we want to
put a price limit on the gifts?" He asked her.

"Nah, let's just go with whatever we think will be a good gift." Alison
said as they headed their separate ways.

About an hour later, they met back up at the escalator. Era
Christmas Eve, so the mall was packed air tight. Couple that with the fact
that Alison had never been in that mall before, it took her a lot longer to
finish her shopping than it did for Chad. He waited for about a half hour
at the bottom of the stairs. They were each carrying two bags as they made
their way back to the car. Once they got home, they immediately placed one
gift each under the tree. They both had another wrapped gift that was
clearly for private use since they were not placed with the other gifts.
She carried hers upstairs while he left his in the car.

Alison and Chad spent the rest of the day with his parents. Era il
first time they had the day off (at least until their second work party in
as many days), so they took the opportunity to get and know Alison better.
Throughout the entire day, she would constantly look over at her nephew and
smile or wink at him. Basically, she was just waiting until it was time
for Michelle and Brian to leave so she could have him to herself yet again.

Several hours later, the family sat down for a quick dinner before
Chad's parents headed off to another Christmas party. Once again they
asked Alison and Chad to do the dishes as they finished getting ready to
leave. Just like the night before, they left around seven o'clock and told
the two to "have fun". Once again, they peered out the window to watch the
car pull out of the driveway and onto the road. Chad leaned in to kiss
Alison as they wrapped up their job of washing the dishes and was met with
a smile.

As they made out, Alison's hand wandered its way inside his shorts and
grabbed onto his rock-hard cock. While she stroked him, Chad stuck both of
his hands under her polo shirt and pulled it off over her head. They spent
the next few minutes kissing before breaking their lips from one another.

"Living room...now!" Alison commanded as her hand remained gripped on
il suo cazzo.

They ran over to the couch and she shoved him down. She pulled his
shorts down to his ankles and worked her hand all over his member. Chad
threw his head back as the tip became engulfed by the sensual warmth of his
aunt's mouth. He never thought he would get a better blowjob than she had
given him the day before, but he was wrong. He looked down at her and saw
her beautiful blue eyes staring right up at him as she pulled his dick out
swirled her tongue around it like it was covered in ice cream.

Alison quickly forced his cock back into her mouth and took it as far
down her throat as she could possibly take it. He grabbed on to the back
of her head and pulled her closer. He could feel her throat muscles
struggling as she choked on his throbbing meat. Once he let her go, Alison
took a few seconds to catch her breath. While doing so, Chad took the
opportunity to give each of her nipples a hard tug which caused her to
moan. She regained control of his cock and bobbed her head back and forth
at a rapid pace. Alison wanted him to cum and she wanted it now. Her left
hand was tugging on his scrotum hard, which only got him closer.

"Are you gonna cum for me?" She said softly after pulling him out of her
bocca. "Hmm?"

"Oh fuck Alison; you're damn right I'm gonna cum." He moaned.

Alison took both of her hands and shook his dick fast enough to start a
fire. Chad's body was having a hard time staying still; he could feel it
closing in. Her eyes were locked on to his cock as she was shaking enough
to make her arms sore. Chad pushed his back deep into the couch and let
out a long, loud moan as his cum exploded from deep within. She wasn't
expecting the first thick shot as it landed directly between her eyes and
dripped down her nose. She quickly closed her mouth over his cock and felt
shot after shot slam into the back of her throat. She made sure to swallow
every drop that fell from his bright red head. Chad looked down at his
aunt with her lips wrapped tight around him drinking the last few drops.
After she finished cleaning him, she stuck out her tongue to show a large
glob of semen resting there. She took a big gulp and showed him her tongue
once again, clear of any leftovers.

"Your cum tastes so good Chad. You better feed me more cum before the
night is over." Alison said as she crawled on to the couch next to him.

Before she was even settled, Chad began sucking on her hard nipples. COME
he licked the solid buds, his hand went into her cargo pants and found her
posto speciale. He rubbed her pussy through her white panties. Al n
surprise, they were already warm and pre-soaked with her juices. Lui
slipped his hand into her panties and felt her matted-down public hair. Lui
continued to trail down until his finger met her soaked opening. Lei
placed her cheek atop his head and whispered, "Please", as if his finger
was asking to enter.

Chad slowly forced his finger into her womanhood, made easy by the heavy
volume of lubrication already present. He felt her purring on his head as
he slowly moved his finger in and out of her. He put his mouth back to
work on her tits while he was fingering her. She arched her back to make
herself more comfortable as an intense rush of pleasure began to shoot from
head to toe. He used his thumb to massage her bulging clit as he picked up
the rhythm of penetration with his index finger. A few seconds later, his
middle finger joined in on the fun.

Alison jumped a bit as her nephew's second finger began poking into her
vagina. The pitch of her moans rose as she felt her inner walls being
stretched. Due to the moisture leaking from her crotch, the second finger
had no problem slipping in and out. To give him more range to penetrate
her, she reached down and removed her pants, tossing them aside. His other
hand yanked her panties down in one quick motion. Once her bottom half was
free of covering, he took full advantage of the extra room and pounded her
cunt hard. With the motion, he initially feared that he was causing her
pain. His worries were quickly absolved when she buried her face into his
hair and shouted "yes, fucking yes".

Alison had lost full control of her body. Her hips bucking wildly as
the amount of pleasure bursting from deep in her womb was getting more
extreme. The feeling of her pussy being stretched by his fingers would be
enough to make her cum, but his thumb rubbing her clit is what was pushing
her to her breaking point. The constant motion of his hands was finally
troppo per lei.

She wanted to jump out of her skin as the monster explosion of her
womanly juices ran over every inch of her body. She screamed out "FUCKING
YES" as her body began to shake her loose of her sweet nectar. Chad could
feel the warm liquid run all the way down his arm and on to the couch. Lei
clenched his head hard against her chest as she began to relax. Chad
continued sucking her nipple as she collapsed around him.

Both people sat in the couch near-motionless. Only the sound have heavy
breathing filled the room. Chad removed his lips from his aunt's chest to
look up at her. She had her eyes closed and her mouth wide open, trying to
regain her energy. He began kissing her neck until she was fully
re-energized. After a few minutes of cuddling, Alison broke the silence.

"That was the best! I love you so much." Lei disse.

"Anch'io ti amo." He responded.

"I know it's not Christmas yet, but that other gift I got you...I want
you to open it now." Before he could respond, she jumped up off the couch
and ran upstairs. He quickly followed to retrieve his gift for her.

By the time Chad reached the top of the stairs, she was already holding
her gift with a big smile on her face. It was at this point that he
remembered his gift was still in his car.

"I got you a little something too; it's in my car. Be right back."
Alison put her gift down and sat patiently cross-legged on the carpet.

He made his way down to the garage where he quickly retrieved the gift
from his backseat. He quickly noticed how cold it was starting to get
outside as the garage was filled with a brisk chill. The fact that he was
still completely nude made it only more noticeable. It gave him an idea
for something to do later, but that was later and his aunt was sitting
naked atop the stairs waiting for a present so he made his way back inside.
Chad made his way back upstairs but was shocked to see Alison gone.

"Alison!?" He shouted out before hearing the toilet flush and the
bathroom door open.

"Sorry buddy, I had to pee really badly and I didn't want to wet the
carpet." She gave him a hug. "Before we open the gifts, I need a fucking
shower." Good thoughts began stirring in his brain, but she quickly
clarified herself. "Not a shower like last night, a real one. You go
downstairs and put our clothes away. I'll only be in here for a few
minutes, than we can continue." She kissed his cheek before re-entering the
bathroom.

The slightly disappointed young man headed downstairs to gather up the
clothes that were scattered throughout the floor. He was starting to feel
the cool air from outside fill the house so once he gathered all of the
vestiti; he walked to the fireplace and lit a roaring fire. This was the
idea, at least part of it, which he had in the garage. He ran upstairs and
left her clothes in a pile on her bed before doing the same with his
clothes.

After coming back downstairs, Chad went to the refrigerator and
retrieved two beers. He cracked them both open and made his way back to
the fireplace. Placing both beers on a small table, he sat down
cross-legged on the carpet in front of the fire and waited for Alison to
finish her shower. Several minutes later, she came down the stairs wearing
only a towel and carrying her gift; her hair still dripping with water.

"Oh my!" She exclaimed as she saw him in front of the fire. "I like the
fire...nice touch." She giggled as she sat down and removed her towel.
"Here you go." She handed him her gift.

"No, no." He placed it on the ground. "Mine first." She picked up his
gift and opened it. As she opened the box, her face changed from
excitement to shock.

"Oh my god!" She looked at him in disbelief. "A fucking gold necklace!"
Alison pulled out a golden necklace designed with her initials `AN'.
"Chad, how much did you pay for this?"

"A little over a hundred dollars." She was in shock by the amount he had
spent.

"Oh Chad, you didn't need to spend that much. It really makes my gift
look like crap." He picked up her gift and opened it. Inside the box were
a box of condoms and a key. "If I knew you bought me this, I would have
put some more things in there." She said while still staring at her
necklace.

"It's okay Alison. I do have two questions though. Why a box since
this will be our last night together and what is the key for?"

"They're both for the summer. Remember Chad, you're going to the
University of Oregon and I live about a mile from the campus. The key is
for my house and the condoms are for...well, you know exactly what the fuck
they are for." She put the necklace on the table and took a large swig of
her beer. "This will be the last time we have sex for a few months since I
leave in two days and your parents will be home all day tomorrow. Io non
know if it's the fire, the necklace or the beer...but I want you so bad
right now." She leaped onto him and began kissing him all over his head.

Chad began to kiss her back as the fire crackled in the background.
They were both very horny, so they didn't wait anymore before she reached
for the condoms. She unwrapped one and rolled it onto his cock. Il suo cazzo
stood at attention as she slowly lowered herself onto it. Her pussy was
dripping wet, so entry wasn't difficult as she began to bounce up and down
on top of him. Her petite breasts bounced around while she rode him like a
wild horse. He grabbed on to her hips to help slam her down harder onto
his lap. She bent down and started to kiss his lips as his balls slapped
against her asshole, only increasing the lust she felt.

So far for Chad, this had been the best sex in his life. He didn't know
why it felt so much better than the day before, but he couldn't really care
meno. He enjoyed it knowing that it would be the last time until the
summer that he will get to make love to his beautiful aunt. Dopo diversi
minutes, he flipped around to lay her down lightly on the floor and grabbed
onto her ankles before continuing. Alison began to pinch and squeeze her
breasts as she felt her nephew's cock slide in and out of her tight, moist
pussy at a rapid pace. Her eyes were locked onto his the entire time, not
wanting anything to distract herself from the intense rush of pleasure that
was spreading throughout her 26 year old body.

The fire was roaring in the background but to Chad and Alison, nothing
else in the world was happening. Their focus was only on each other as
they made sweet love on the floor of the living room. Her full attention
was only on staring into his eyes until she felt herself begin to build
towards another orgasm. Her back started to arch itself without her even
realizing. She was still grabbing and pinching at her nipples and breasts,
which only helped her come closer to climax. He could sense that she was
close and changed position. He pinned her ankles almost against her ears
and put all of his weight onto her crotch. As his body slammed down onto
hers, she knew that the time had come.

Her loud moans and turned to squeals as her body started to explode from
within. She closed her eyes and bit down on her bottom lip as her body
tensed up and came as hard, maybe even harder, than she had ever
remembered. He kissed her neck as her body started to relax from her
monster orgasm. The feeling of her muscles tugging and pulling at his cock
was starting to build his own orgasm. He continued slamming onto her body
until it was his time. He initially thought about cumming in the condom
but he remembered what his aunt said earlier in the night, "You better feed
me more cum before the night is over". He swiftly removed his cock from
inside her and yanked the condom off.

She got on her knees as he stood up. She closed her eyes and opened
wide as he jerked himself off to completion. He placed the tip of his cock
on the tip of her tongue and shot stream after stream of his steamy white
cum deep into her throat. She placed one hand on his balls and the other
on her pussy as she continued drinking up every drip of cum that landed in
her mouth. Once the last drop fell, she took his cock back in her mouth
and sucked it dry. After a few seconds, she was finished cleaning him.
Alison stood up and gave her nephew a kiss on the cheek and softly said, "I
love you." He responded with his own "I love you" before they both finished
their beers and embraced in a long hug. A few minutes into the hug, Chad
looked up at the clock.

"Oh shit!" Egli ha detto. "My parents will be home in a few minutes." Lei
looked at him.

"We probably should get dressed then, it would look weird if they caught
us naked and hugging."

She grabbed her necklace and led him upstairs. They both quickly got
dressed and headed back downstairs. Chad put the TV on, which had a
Christmas movie on and sat down next to Alison to watch it. They heard the

Storie simili

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto...

1.4K I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.2K I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.1K I più visti

Likes 0

Sesso nel ristorante dello Sri Lanka

Suneetha si asciugò il sudore dalla fronte e appoggiò la matita sulla pad. Gli idioti seduti allo stand non riuscivano a decidersi, e lei stava diventando davvero impaziente. Ehm, disse il ragazzo. Non sono molto sicuro. Si è lasciato scappare l'ultima parola dalle sue labbra come se non sapesse decidere se dirlo o meno. Suneetha ha dovuto sforzarsi manualmente per evitare che il suo piede picchiettasse contro il pavimento di piastrelle dure. Si strofinò i palmi delle mani sul grembiule, come i 90 il caldo soffocante la metteva a disagio. L'aria condizionata era di nuovo su un battito di ciglia, e...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.