Game Over

260Report
Game Over

Game Over.



Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento.

La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore che luccicava sulla sua pelle mentre il suo amante produceva un altro climax sconvolgente dalla lingua che avrebbe preso in giro il suo clitoride gonfio.

Immaginò la scena che senza dubbio stava accadendo nella porta accanto; Le ginocchia di Jacqui si allargarono in quella posa atletica che poteva gestire, le sue mani, simili ad artigli, che afferravano il lenzuolo su entrambi i lati del suo corpo arricciando il materiale in piramidi pieghevoli. La testa bionda di Nicola sarebbe stata sepolta, con il naso in profondità nel tumulo rasato di Jacqui; vieni, gocciolante dal mento di Nicola da uno zampillo climatico emesso al passaggio di un'ondata di piacere.

Sapeva benissimo cosa stava succedendo, voleva ardentemente, quasi disperatamente, farne parte, ma rispettava il loro desiderio di privacy. Non è stata una cosa facile, ascoltare la donna che ami e con cui hai avuto così tanta intimità, divertirti così tanto e non essere coinvolto, anche in qualche modo. Non poteva sapere l'esito di questa relazione o cosa avrebbe significato per lui.

Erano stati sposati per la maggior parte dei quindici anni, certamente per tutta la loro vita da giovani adulti. Durante quel periodo, erano passati attraverso la fase di strapparsi i vestiti a vicenda in una lussuria folle e frenetica ad ogni opportunità che avevano, soffrendo un bisogno animalesco di avere carne dentro e contro carne. Il loro fare l'amore era alimentato dal desiderio istintivo di procreare, ma anche dal bisogno di cementare la loro relazione; era una cosa selvaggia di pura energia ed emozione, di tentativi ed errori, di culmine di successo, di climax estatico. Spesso scopavano freneticamente e solcavano i solchi fino a quando l'esaurimento non li raggiungeva o i loro corpi si rifiutavano di rispondere fino a quando non si riposavano e si ricaricavano.

Dopo tre anni, si è scoperto che Jacqui non era in grado di concepire in modo normale che se avessero voluto figli, sarebbe stato solo attraverso un trattamento di fecondazione in vitro, ma anche con questo, le possibilità di una gravidanza a termine non sembravano troppo buone. Come con la maggior parte delle battute d'arresto, ne viene fuori qualcosa di buono; hanno deciso di intraprendere la loro carriera e godersi i frutti del loro lavoro.

Le loro vite e sentimenti sessuali hanno subito un sottile cambiamento una volta che si è resa conto della notizia del problema di Jacqui. Gli assalti frenetici e selvaggi si sono ridotti a una condivisione più confortevole e appagante di tenerezza e amore. I loro primi anni insieme erano certamente basati sulla lussuria e sulla selezione inconscia dell'abbinamento genetico poiché Jacqui trovò un compagno adatto con gli attributi che cercava inconsapevolmente; l'amore non era altro che una fantasia lontana, ma è diventato qualcosa in cui sono cresciuti con il passare del tempo.

Lì il reddito disponibile è cresciuto in modo esponenziale man mano che hanno scalato le scale delle rispettive carriere. Chris era a capo di un dipartimento di design in una società pubblicitaria di medie dimensioni mentre Jacqui era sulla buona strada per diventare il direttore finanziario di un consorzio commerciale locale. Il loro denaro combinato significava che potevano permettersi i lussi negati alla maggior parte delle coppie con bambini piccoli. Significava anche che avevano tempo l'uno per l'altro, raramente regalato a madri e padri.

Con la ricchezza arriva uno stile di vita, che inizia abbastanza spesso con una residenza desiderabile. Chris aveva un occhio per la proprietà e scelse un bungalow con tre camere da letto ragionevolmente grande nella periferia di Londra. A Jacqui è stato dato libero sfogo per decorare e creare un oggetto di bellezza dopo molte lunghe e spesso noiose sessioni di headbanging con i costruttori.

Avevano le loro grandi auto, a Chris piacevano le linee sottostimate della sua 911 mentre lei scelse una Mercedes SLK 320. Mangiavano dove volevano e si godevano alcuni dei luoghi più esotici per le vacanze. I loro vestiti riflettevano il loro stile di vita, le etichette degli stilisti prominenti come distintivo dell'ufficio.

Poi hanno iniziato a oscillare la società. All'inizio era semplicemente un interesse ozioso, piuttosto che un bisogno di ravvivare un matrimonio in crisi. Nessuno dei due riusciva a ricordare chi di loro avesse trovato il sito web o fatto domanda per partecipare alle feste private organizzate nei club di Londra e dintorni, ma poco importava e in verità entrambi amavano la cam-community, mostrandosi spesso sul mini- telecamera mentre scopavano e giocavano per la gioia della visione di tanti sconosciuti. Avevano parlato a cuor leggero di avere qualcuno che si unisse a loro come partner sessuale, l'immagine mentale di Chris includeva solo un'altra donna, ma Jacqui si era incastrata tra Chris e un altro uomo, uno alle due estremità.

Volevano assistere a una funzione privata, ricercata su Internet, semplicemente come spettatori. Per la maggior parte delle persone, questo è di solito il pensiero introduttivo fino a quando l'accusa sessuale di una festa oscillante non supera la riserva naturale e diventano membri completamente pagati. Sono andati a un paio di eventi, rimanendo fuori dai riflettori come osservatori interessati e poi tornando a casa a fottersi a vicenda. Entrambi erano abbastanza soddisfatti di questo fino a quando un enorme ragazzo di colore non si è avvicinato a Jacqui al loro terzo o quarto evento. Chris ha guardato mentre faceva una mossa su sua moglie, ha osservato la sua riluttanza iniziale ad accettare l'invito a ballare e poi si è rallegrato silenziosamente quando ha ceduto e le mani del ragazzo hanno esplorato il culo e il seno di Jacqui mentre avanzavano in modo circolare sulla pista da ballo. Finito il numero, lei lo baciò in pieno sulle sue labbra e lo lasciò senza fiato, con uno sguardo leggermente sconcertato sul viso mentre tornava al fianco di Chris.

Era piuttosto arrossata mentre sorseggiava il suo drink e lui notò che la sua frequenza respiratoria era più alta del normale. Le piaceva l'attenzione delle mani di questo sconosciuto, di come l'aveva trattata, di come la faceva sentire. Svegliò in lei il desiderio, un drago addormentato, e un po' di desiderio sfrenato di essere poco più di una puttana in erba.

Quella notte a casa, era come un animale selvatico a letto, chiedendo a Chris di scoparla forte e in profondità. Lo succhiò come se ne dipendesse la sua vita e poi, quando lui le aveva svuotato le sacche; lo risvegliò usando la bocca e le dita abili, poi lo avvitò fino a fargli cadere in un sonno esausto. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevano scopato in quel modo, lei lo cavalcava come se fosse insaziabile; nessuno dei due l'ha analizzato, si è semplicemente goduto il momento, ma era ovvio che in Jacqui era stato suonato un accordo.

È emerso che era davvero come se una porta si fosse aperta nella vita di Jacqui; il loro prossimo evento a una funzione privata la vide incoraggiare avidamente le attenzioni di uomini che mostravano il minimo interesse per lei. Si era vestita per l'occasione con una figura che abbracciava un numero nero, scollato e orlato alto. Troia, Jacqui si è seduta su uno sgabello da bar e ha interpretato la sua disponibilità con le gambe leggermente divaricate e senza biancheria intima, dando libero accesso alla vista se il ragazzo era abbastanza interessato da provare.

Sono stati raggiunti da una coppia, non erano richiesti nomi, solo un'attrazione reciproca. Era più alto e molto più largo di Chris, barbuto con mani grandi e braccia pelose. Era ragionevolmente attraente, piuttosto bassa, ovviamente più giovane del suo partner e piuttosto nervosa con movimenti nervosi e a scatti.

Dopo diversi drink e chiacchiere rompighiaccio, hanno preso un taxi per tornare a casa di Chris e Jacqui. Altri drink e un po' di erba rilassarono l'atmosfera finché, in tacito accordo, Jacqui afferrò la mano del ragazzo e lo condusse fuori dal soggiorno verso la camera da letto principale. Chris ha chiacchierato con la giovane donna per qualche minuto in più prima di copiare il ruolo di Jacqui e prendere per mano qualunque fosse il suo nome e nella camera degli ospiti.

Con sua gioia, i suoi nervi sono stati lasciati nel soggiorno o sono stati liberati con i suoi vestiti, perché era una partner molto attiva e volenterosa. Lo irritava un po' dover indossare il preservativo, ma ne capiva la necessità. Ha scopato il suo missionario e poi da dietro, lei a sua volta è stata abbastanza felice di provare a ingoiare il suo cazzo e ha assistito al suo orgasmo strofinandosi il clitoride mentre Chris scivolava nel suo corpo. Fu piacevolmente sorpreso quando lei lo fermò poco prima che stesse per venire e gli chiese di fotterla nel culo. Non era qualcosa che piaceva particolarmente a Jacqui, quindi non era una caratteristica regolare delle loro buffonate sessuali. Chris spinse delicatamente nel suo passaggio anale, cercando di essere il più attento possibile. Ha dovuto semiaccovacciarsi per guadagnare la posizione migliore e impostare un ritmo abbastanza lento. L'effetto su di lei fu elettrico, quasi non appena lui fu sprofondato dentro di lei, gemette e gettò la testa in giro in un selvaggio abbandono, spingendosi di nuovo contro di lui e facendogli richieste gutturali affinché aumentasse il ritmo. Il tempo divenne relativo, non aveva idea di quanto tempo ci stessero lavorando, il suo rilascio, quando fosse arrivato, avrebbe potuto richiedere cinque minuti o cinque ore per quello che sapeva, solo che quando finalmente arrivò, la tensione di lei lo sfintere rendeva quasi doloroso sparare al suo carico, sentiva ogni pezzetto viaggiare per tutta la lunghezza del suo cazzo, lei era quasi delirante, tra loro, avevano fatto un bel pasticcio del letto. Si è scoperto che il suo partner si è rifiutato di fotterla nel culo, quindi ha sfruttato questa opportunità per realizzare i suoi desideri. Chris è stato d'accordo con quello.

La notte di Jacqui era stata altrettanto gratificante. John, il suo partner per la notte, aveva un cazzo enorme sia in lunghezza che in circonferenza. Le riempì la bocca finché non divenne scomoda per la sua mascella, poi le riempì la fica, allungando le pareti del suo utero e inviando deliziosi brividi di attrito attraverso il suo corpo. L'ha scopata da dietro, oltre il bordo del letto e poi l'ha sollevata facilmente tra le sue potenti braccia e l'ha scopata incastrata contro il muro in posizione eretta fino a quando lei è sgorgata in un rilascio culminante che ha spruzzato il pavimento della moquette e i suoi piedi allo stesso modo volta.

Dopo un breve periodo di calma in un languido abbraccio, Jacqui si voltò verso di lui e lo fece diventare duro di nuovo, leccandogli la testa del cazzo e facendo scorrere leggermente le unghie sull'asta finché non tornò in vita. Una volta che fu bravo e duro, lei si mise a cavalcioni su di lui, affondando il suo grosso cazzo a una profondità confortevole, poi, dondolò il bacino, masturbando il suo organo con spinte agili, lavorando gradualmente più in profondità in lei e incoraggiando il sangue a soffondere il suo cazzo. Riuscì a resistere per un po' di tempo, ma alla fine il suo seme si rovesciò mentre tutto il suo corpo si inarcava, sollevandola dal letto e spingendolo dentro di lei fino alla sua radice.

I loro ospiti se ne sono andati con molti ringraziamenti, abbracci intimamente conosciuti. Anche se avevano apprezzato la relazione sessuale tra i due, Chris e Jacqui erano abbastanza contenti di vederli andarsene in modo che potessero riavere la loro casa per se stessi. Si sono piegati felicemente su un divano e hanno condiviso una bottiglia di Chardonnay ghiacciato per raccontare le loro esperienze individuali. La serata e il suo edonismo decisero fosse stata un successo. Entrambi avevano apprezzato il cambio di partner, trovando una sorta di emozione scopare qualcun altro senza alcun senso di colpa. Chris ha ammesso di non aver pensato per un secondo a Jacqui nella camera da letto accanto o a cosa avrebbe potuto fare. Chris era nella sua mente da un po' fino a quando gli eventi e il sesso l'hanno sopraffatta. Conclusero e convennero che, sebbene la coppia il cui odore pervadeva ancora la camera da letto fosse stata buona, nessuno dei due aveva troppo desiderio di rivederli.

Dopo un paio di bicchieri, Chris e Jacqui andarono a letto e fecero l'amore lentamente e intensamente, più una riaffermazione del loro legame che un bisogno di accoppiarsi, una specie di sesso funzionale, se esiste una cosa del genere. Potevano ancora annusare l'un l'altro l'aroma dell'altro partner, entrambi non avendo lavato via le loro essenze; Serviva come afrodisiaco e promemoria di ciò che era accaduto in precedenza. Chris ha assaggiato il residuo di lubrificante di rivestimento del preservativo usato dal suo partner mentre le faceva scivolare la lingua sul clitoride. Odorava di sesso, della sua stessa venuta e dell'odore naturale del corpo di John, un mix inebriante, Chris le frustò il clitoride senza pietà fino a quando non venne a sgorgare, sommergendolo in una pioggia dorata e bagnando di nuovo il letto.

Passarono alcuni mesi prima che si avventurassero di nuovo. Gli impegni di lavoro li mantenevano o nei rispettivi uffici oa casa. Nessuno dei due ha parlato degli eventi della loro prima escursione nell'altalena, preferendo che passasse nella storia senza un segno. È stato qualcosa che è successo è tutto, non è un grosso problema in realtà.

Ma, dopo un po', entrambi hanno sperimentato il bisogno di esplorare ancora una volta. Credendo che il club fosse una scommessa più sicura, hanno parlato di ciò che ognuno di loro vorrebbe dalla loro prossima scappatella. Chris ha ammesso di aver nutrito per molto tempo la fantasia di Jacqui che veniva sculacciata da un ragazzo di colore, probabilmente da quando l'aveva vista ballare e poi baciare il povero ragazzo sconcertato nel club tutti quei mesi prima. Voleva vedere la sua pelle bianca come il latte assorbire la carne scura del più grosso uomo di colore che riuscivano a trovare. Per Jacqui, questo suonava in qualche modo voyeuristico, ma allo stesso tempo erotico. Un'immagine mentale di lei, orizzontale, con un enorme cazzo nero che le sfondava le interiora mentre Chris la guardava, ha suggellato l'accordo. Era stato convenuto che questa volta avrebbero trovato qualcosa per lei; Il turno di Chris sarebbe stato il prossimo.

Hanno complottato per alcuni giorni come gatti predatori, provando scenari, che tipo di ragazzo voleva, dove sarebbe stato Chris durante la sessione e così via fino a quando non avevano un'idea ragionevolmente chiara di quanto lontano sarebbe stato andare e cosa si aspettavano. In senso clinico, stavano cercando un attore e nient'altro, una vita reale, un dildo in carne e ossa, per Jacqui da far entrare mentre suo marito si divertiva a guardare.

Jacqui girava per i negozi alla ricerca dell'abito più squallido che riusciva a trovare. Era tutto molto bello, sapendo cosa voleva, ma avrebbe dovuto pubblicizzare di cosa si trattava e cosa c'era esattamente in offerta per fargli godere. Alla fine, ha optato per un vestito nero puro, fuori dalla spalla e completamente trasparente, solo un po 'più di una calza per il corpo. Jacqui ha completato la visione con un nuovo set di reggiseno e slip composto da un perizoma con cosce alte e un tassello largo solo pochi centimetri. Il reggiseno era poco più di uno spago, solo quel tanto che bastava per coprirle i capezzoli e poco altro.

Chris doveva essere l'autista; erano persino andati a scapito di noleggiare una limousine e un vestito completo di cappello per la serata in modo che Jacqui potesse regalare al suo partner prescelto una vera serata fuori e una ricompensa degna dell'occasione.

Il club era buio come al solito. Riconobbe alcuni dei volti normali e pieni di speranza e fece un cenno a una o due coppie che stavano lucidando l'area da ballo con scarpe dalla suola morbida mentre ruotavano in senso orario su una melodia senza nome trasmessa attraverso gli altoparlanti. Jacqui ha pianificato su uno sgabello da bar per esaminare le prospettive di trovare la sua preda. Sorseggiò lentamente un martini secco ghiacciato e guardò oltre il bordo del bicchiere. L'ampiezza della sua vista si rivelò deludente, nessuno degli uomini corrispondeva ai suoi criteri, ma ragionava, la notte era ancora giovane, forse c'era ancora una possibilità.

Quando il suo secondo martini fu quasi consumato, entrò; un enorme nero africano dal torace a botte, forse sei piedi due o tre. I suoi vestiti e gioielli pubblicizzavano l'accesso ai fondi e il suo facile ingresso parlava di una sicurezza, una consapevolezza di sé che le fece immediatamente tremare il clitoride in attesa. Osservò i suoi progressi attraverso il pavimento scuro verso il bar, come scacciava facilmente le attenzioni indesiderate di un paio di ragazze bionde che quasi si gettavano ai suoi piedi. Ha deciso di fare il figo, anche se lo voleva, ha intuito correttamente che l'avrebbe disprezzata se si fosse mossa contro di lui. Questo ragazzo era tutto per compiacere se stesso, fare le sue scelte di partner e probabilmente aveva i suoi programmi per quanto riguarda il sesso.

Fece schioccare le dita, senza parole e senza cerimonie, un drink si materializzò sul bar per lui, il tenero indietreggiando in modo da non invadere lo spazio del ragazzo. Jacqui si girò sullo sgabello per osservarlo attraverso lo specchio. Il suo riflesso lanciò uno sguardo di apprezzamento su di lei con un sopracciglio alzato. Non osò girarsi verso di lui, preoccupata che se lo avesse fatto, avrebbe potuto spegnersi e rivolgere la sua attenzione altrove. Poi catturò il suo sguardo nello specchio; sorrise e alzò il bicchiere in segno di saluto. Jacqui non poteva trattenersi; lei ricambiò il sorriso, ricambiando il complimento.

La sua voce, quando ha parlato, le ha ricordato il cantante che ha fatto "Old Man River", non lo ha sentito tanto quanto ha sentito le vibrazioni mentre si presentava. Charles aveva un'aria gentile, ma allo stesso tempo trasudava una forza potente che il suo abito su misura non riusciva a nascondere. Senza dubbio, era esattamente quello che aveva in mente, hanno deciso di lasciare il club e tornare al suo posto nella limousine.

Chris guardò attraverso lo specchietto retrovisore mentre le sue mani grandi come una pala esploravano il corpo di Jacqui. I suoi seni non erano troppo grandi o piccoli, ma nelle sue mani scomparvero del tutto. La lingua incontrò la lingua mentre gli apriva i pantaloni. Le sue dita alla ricerca trovarono il suo grosso albero e lo convinsero nella notte. Lo risucchiò in bocca, i capelli che le cadevano in avanti, tagliando di fatto la visuale di Chris, ma lui poteva vedere abbastanza. Gli occhi di Charles erano chiusi mentre Jacqui gli accarezzava l'asta con le labbra e la lingua. Hmm, ecco il bambino brontolò dal suo petto, è così bello. Jacqui non rispose, ne risucchiò solo di più nella sua bocca volenterosa.

Alla fine, Chris ha portato l'auto nel loro vialetto e ha spento le luci e il motore. Da buon autista, ha aperto la porta a Jacqui che ha dovuto svincolarsi dal cazzo di Charles. Erano passati dal suo succhiarlo a lei seduta in grembo con la sua asta sepolta in profondità in lei mentre le sue enormi mani esploravano il suo corpo. Ha passato a Chris un sorriso che ha portato il messaggio; Sto passando il tempo della mia vita qui. Chris si tolse il berretto e chiuse silenziosamente lo sportello della limousine.

Charles si aprì sul lato opposto dell'auto. Quando si fermò, il tetto gli arrivava appena alla vita, rimanendo lì, a guardare la casa e l'altezza della limousine dava una prospettiva di quanto fosse grande davvero. Jacqui pescò nella sua borsa e trovò le chiavi, aprì la portiera e Charles la seguì, lasciando Chris da solo nel vialetto buio a occuparsi della macchina. Lo parcheggiò a poche strade di distanza, lo chiuse a chiave e lo lasciò in modo da poter entrare in silenzio nella porta sul retro della loro casa per guardare Jacqui farsi il cazzo della sua vita dal punto di osservazione della camera da letto degli ospiti.

Quando tornò, erano già in camera da letto con i vestiti accuratamente adagiati sullo schienale di una sedia. Chris è stato in grado di vederli chiaramente attraverso uno specchio angolato proprio per quello scopo. Jacqui stava divorando di nuovo il cazzo di Charles; aprendo la bocca tanto quanto la sua mascella gli avrebbe permesso, inghiottendo la sua mostruosa testa di cazzo. La sua mano gigante le strinse la nuca, con l'aria di poterla schiacciare facilmente senza alcuno sforzo. La sua profonda voce di basso la incoraggiava con parole di "oh piccola, succhialo bene".

Chris non ha potuto fare a meno di confrontare la sua pelle bianca come il latte con il suo colore nero ebano. I suoi capelli biondi a ventaglio sulla sua pancia risaltavano in netto contrasto. Jacqui si imbavagliava, aveva preso un po' troppo e troppo in fretta. Con consumata disinvoltura, Charles sollevò la testa da quello che in realtà sembrava un serpente nero di gallo, la adagiò sulla schiena e ricambiò il favore. Le mangiò la fica e in breve tempo ebbe la ricompensa del suo primo orgasmo, il suo liquido schizzava contro di lui per brillare sulla sua pelle.

Cambiarono posizione in modo che Charles fosse supino, la testa sostenuta da due cuscini che sembravano minuscoli sotto i suoi capelli strettamente arricciati, Jacqui afferrò il suo cazzo, si sedette a cavalcioni di lui e alleggerì la sua lunghezza nel suo corpo. Era la sua posizione preferita, la sua tecnica di oscillazione pelvica era una scopata molto speciale per Chris, e sapeva che anche Charles si sarebbe sentito allo stesso modo. Il cazzo nero scivolò lentamente nelle sue profondità e gradualmente scomparve mentre lei si dondolava, bloccando il suo corpo sul fulcro del suo enorme cazzo.

Il ritmo iniziò lentamente, anche in modo esitante all'inizio come se lei lo stesse provando per taglia e vestibilità, poi, quando la sua fica si adattava alla sua lunghezza e circonferenza, il tempo prese un ritmo costante. Quelle enormi mani nere le afferrarono il culo, inghiottendo le sue guance e accentuando la disparità di dimensioni tra loro. La stava sollevando facilmente, sollevandosi quasi fuori da lei e poi permettendo alla gravità di spingerla di nuovo su di lui.

Charles la sollevò e tenne Jacqui solo sull'estremità del suo cazzo, in modo stuzzicante, allettante semplicemente tenendola in alto, aspettando il momento ottimale prima di tirarla giù per seppellirsi nel suo corpo. Aspettò finché non miagolava il suo bisogno che lui la riempisse di nuovo e poi, senza pietà, la abbassò lentamente, spingendo il suo cazzo nel suo buco volontario. L'azione era volutamente lenta, dal punto di vista di Chris sembrava che non sarebbe mai stata in grado di accontentarlo. Pollice dopo centimetro lui la abbassò e con gli stessi piccoli incrementi, il suo cazzo scomparve nella sua fica fino a quando tutta la sua lunghezza fino alla radice era dentro di lei, molto più profondo di quanto fosse stato prima. Jacqui sussultò e dondolò i fianchi in un abbandono, la testa gettata all'indietro, i capelli che le ricadevano lungo la schiena.

Charles iniziò a scoparla allora, aumentando lentamente il ritmo, sollevando di peso il peso di Jacqui, le sue ginocchia che lasciavano il letto mentre i suoi fianchi si inarcavano sotto di lei. Si stava rapidamente avvicinando al suo culmine, il respiro le usciva in rantoli affannosi, le mani le afferravano i seni, stringendoli in artigli come artigli.

Poi venne, il suo liquido che scorreva liberamente lungo il suo cazzo fino a pozzanghera sul letto tra le sue gambe. Troppo tardi, Chris si rese conto che il Charles non indossava una gomma, infatti se ne accorse davvero solo quando fu ovvio dai gemiti e dalle rapide spinte di Charles che il suo stesso orgasmo era imminente. Poi, con un profondo ringhio che echeggiò attraverso la stanza, Charles riempì l'utero di Jacqui con il suo seme solo per farlo fuoriuscire da Jacqui, attorno al suo cazzo mentre le sue spinte diminuivano nella loro convinzione.

"Va bene?" Jacqui pensava che glielo stesse chiedendo, ma poi si rese conto che la sua domanda era diretta a Chris. Sorrise con un sorriso d'intesa e si alzò con un movimento fluido che smentiva la sua stazza.

Charles se ne andò subito dopo, preferendo prendere un taxi piuttosto che accettare l'offerta di un passaggio. Il suo bacio d'addio fece tremare di nuovo Jacqui, il suo corpo rispondeva in un desiderio animalesco di essere farcito pieno della sua carne nera, di sentirsi appagata come una donna e usata per la sua lussuria. La sua forza gentile aveva creato qualcosa di magico per lei. Sapeva che avrebbe potuto schiacciarla facilmente come un melone se avesse scelto di farlo, ma nonostante l'evidente immensa forza, era stato così attento a non farle del male.

Mentre guardava le luci posteriori del taxi svanire nell'oscurità, sentì il suo venire gocciolare da lei e correre lungo l'interno della sua coscia. Jacqui sapeva che se lo avesse incontrato di nuovo, si sarebbe lasciata andare completamente, gli avrebbe dato libero accesso a tutto ciò che voleva. Non era un'emozione che stava provando, ma una lussuria e una fame di essere portata in un posto che sapeva esistere ma che doveva ancora raggiungere. Quella sera era stato vicino, molto vicino, c'era solo bisogno dell'ultimo passo, per inciampare oltre la soglia in uno stato irragionevole e incontrollato di completa sazietà e travolgente euforia.

L'eccitazione di Chris era fin troppo evidente quando tornò nel loro soggiorno. Ha intuito correttamente che si stava accarezzando, ricordando ciò che aveva osservato voyeuristicamente, immaginandolo nella sua mente e riproducendo la scena. Il suo cazzo puntava al soffitto, rigido e soffuso. Decise che, davvero, era troppo stanca per essere molto utile a Chris in questo caso; si rese conto in quel momento di chiarezza, non condividevano più quel legame d'amore, che queste escursioni nei rapporti con gli altri erano davvero un ripiego per coprire le inadeguatezze del loro matrimonio. Amava Chris e supponeva che anche lui l'amasse, ma era maturato in qualcosa di comodo, facile e non impegnativo. Voleva di più. Voleva disperatamente, no, doveva essere usata al punto in cui il suo cervello spegneva tutte le risposte tranne quelle automobilistiche. Voleva che fosse qualcosa che accadeva più di una volta.

Per compassione, si inginocchiò tra le ginocchia divaricate di Chris, lo prese in bocca e lo succhiò finché il suo seme non le inondò la lingua. Deglutì, facendo spettacolo per lui di deglutire e sorridere mentre lo faceva e poi tirando fuori la lingua per mostrargli che la sua venuta era completamente scomparsa. Era abbastanza. Andò a letto e dormì come un morto.

Le settimane successive furono difficili. Quel momento di chiarezza aveva aperto un vaso di Pandora nel pensiero di Jacqui. Voleva uscire. Dal suo matrimonio, sì, amava Chris in modo profondo, ma aveva perso il desiderio per lui. Desiderava una libertà che il suo matrimonio le impediva. Era possibile che di tanto in tanto, se continuavano nello stile di vita che avevano iniziato invitando estranei, o anche una persona normale nel loro letto, lei potesse raggiungere quella perfezione dell'orgasmo, un climax così sconvolgente che l'avrebbe lasciata senza speranza. di coscienza. Forse era possibile; raggiungere quello stato, ma improbabile, pensò, perché chiunque fosse il loro partner temporaneo, sarebbero sempre stati un estraneo quasi completo, senza legami emotivi con lei, solo un filo fisico, al massimo tenue.

Ha incolpato la loro vita sessuale adottiva? Dopotutto, non è raro che le coppie entrino in questi club con l'intenzione di migliorare la propria vita amorosa, per poi andare in pezzi quando la gelosia o l'inadeguatezza sono emerse e le hanno divise come se tra loro fosse stato piantato un cuneo; di solito dalla parte del maschio stranamente. No, Jacqui considerava l'inclusione di altre persone che la pensano allo stesso modo nient'altro che un condotto verso un risveglio; aveva intravisto un altopiano, prima perso nella linea delle nuvole e ora si stava lasciando dietro la sua vecchia pelle, sfaldata come farebbe una lucertola.

Ma come dire a Chris che non lo voleva né lo desiderava più e, in verità, cosa poteva dirgli che non suonasse troppo drammatizzato nel racconto? Come dirgli che non c'era più davvero bisogno, era game over, capolinea senza devastarlo completamente? Lo accetterebbe e andrà avanti? Ne dubitava e temeva la caduta.

Jacqui ha anche pensato al suo futuro immediato; dove andrebbe? Cosa farebbe e, potrebbe vivere una vita da sola, prendendo i partner mentre sono arrivati ​​​​nella ricerca per raggiungere quell'obiettivo sessuale? Non era mai stata più di un giorno o due da sola, non era sicura che le sarebbe piaciuta la sua compagnia. L'enormità di ciò che aveva realizzato era necessario per lei era travolgente e consumante.

Nel tumulto che era la condizione della sua mente, ha accettato la sua proposta di visitare ancora una volta il club. Non aveva notato la sua preoccupazione, non si era preoccupato abbastanza o voleva vedere che non era felice. Forse a un livello fondamentale aveva compreso la sua quiete, ma se l'avesse fatto, non ne avrebbe fatto alcun cenno. Se la sua determinazione aveva bisogno di essere rafforzata, quel piccolo atto egoistico e tipicamente maschile ha finalizzato la sua decisione.

Jacqui ha fatto solo un timido tentativo di vestirsi per attirare. Si è truccata pensando che davvero non voleva farlo, ma non avendo una ragione abbastanza buona per non farlo. Guidarono in silenzio, un silenzio che negli ultimi tempi era cresciuto, senza sapere come romperlo. Disinteressata, osservò la stanza quando arrivarono al club, notando per la prima volta che era davvero piuttosto squallida e che l'intera scena portava con sé un'intrinseca cupezza più associata alle tane fumanti dell'epoca vittoriana. È quasi scappata, ma è rimasta fuori da una lealtà malriposta nei confronti dell'uomo che aveva intenzione di lasciare presto.

Ordinò uno spritz al vino bianco e diede un'altra occhiata in giro. Erano in anticipo come al solito, Chris credeva che i membri migliori sarebbero stati in anticipo; aveva torto, ma non era qualcos'altro su di lui? Raramente aveva ragione, ma non poteva mai ammetterlo.

La serata trascorse e si prospettava un'escursione infruttuosa. La sua espressione avrebbe potuto essere scoraggiante, pensò, non preoccupata. Fino a quel momento, il viso di Nicola scrutò negli occhi abbattuti di Jacqui. Gli occhi verdi con un anello più scuro intorno all'iride, studiavano il viso abbattuto di Jacqui, un sorriso giocava agli angoli delle sue labbra dipinte. Ha detto qualcosa del genere; perché così cupo o simile, ma è appena registrato. In quell'istante di contatto visivo, un segnale reciproco passò tra loro; Jacqui voleva questa donna, disperatamente, nel nanosecondo del processo di pensiero, ha riconosciuto uno spirito affine, qualcuno che desiderava più di quanto non avesse mai desiderato chiunque prima, qualcuno che potesse portarla nel posto che tanto desiderava.

Il patto, perché questo è ciò che stava diventando senza parole e rapidamente, fu suggellato quando le loro labbra si toccarono e le lingue si incontrarono in un'esplorazione incerta. Il cuore di Jacqui batteva forte e batteva nel suo petto come se stesse cercando di sfuggire alla reclusione della sua gabbia toracica. Arrossì e sentì il rossore insinuarsi lungo il collo, finché le guance le bruciarono, in una reazione sessualmente carica a questa donna che non conosceva in nessun senso se non che avevano una comprensione reciproca, sarebbero stati amanti a un certo punto in il prossimo futuro; quello era scontato.

Chris tornò al tavolo portando uno scotch e una bibita ricaricati in una mano e uno spritz fresco nell'altra. Il suo saluto rimase quasi senza risposta; le due donne erano così assorbite, bevendosi l'una negli occhi escludendo ogni stimolazione esterna, compreso lui.

Anche Jacqui è uscito prima dal thrall e ha iniziato a presentare Nicola, poi si è reso conto che nessuno dei due aveva detto una parola, figuriamoci scambiarsi i nomi. “Questo è ehm…”

“Nicola,” disse, lanciando un'occhiata a Chris, ma restituendo lo sguardo il più rapidamente possibile a Jacqui.

Non c'era bisogno di un grande intelletto per rendersi conto che questi due erano l'uno nell'altro. Chris ha riconosciuto i segni di eccitazione in Jacqui, le sue guance arrossate e il tic nervoso all'angolo della bocca gli hanno detto tutto ciò che aveva bisogno di sapere. Immediatamente, ha evocato un'immagine di loro tre che arruffano le lenzuola nel loro letto; una visione e una fantasia che molti uomini trovano irresistibili.

Posò i drink sul tavolo e chiese a Nicola se le sarebbe piaciuto tornare a casa loro per un bicchierino; un eufemismo per il sesso nel club.

Le bevande rimasero intatte sul tavolo, il ghiaccio si sciolse a malapena quando loro tre furono a casa di Chris e Jacqui e caddero sul letto in una massa aggrovigliata di braccia e gambe. Da parte sua, Chris è riuscito a farsi risucchiare da entrambi, poi è riuscito a seppellire il suo cazzo in Nicola mentre lei mangiava la fica di Jacqui. È venuto spruzzando il suo seme sui loro corpi ed è stato abbastanza soddisfatto della sua performance. Tuttavia, avevano appena iniziato e la sua presenza non era più necessaria, quindi guardò, pensando pigramente a prendere la videocamera.

Senza l'intervento di un uomo nel gruppo, l'atmosfera è cambiata sottilmente tra Jacqui e Nicola. The frenetic pace of fucking ceased, to be replaced by a tenderness of light touches, caresses and kisses that grew deeper and more meaningful as time passed.

They lay on top of the bed facing one another; legs entwined with Jacqui’s over Nicola’s. Their arms locked together in an embrace that allowed them to explore each other’s body, hands running lightly over skin, producing little shivers of delight.

Their mouths came together, lip-to-lip in a kiss that was almost chaste at first, but soon became a deeper exploration of tongues and exchange of breath and saliva. Nicola found one of Jacqui’s nipples and, with fingertips, teased the sensitive nub to a suffused hardness. She broke their kiss and suckled on the hardening bud, drawing it into her mouth and flicking her tongue over the very tip. Jacqui’s back arched, pushing her breast forward and quivered her delight at this wonderful sensation, gasping and then clutching Nicola’s head to push it hard against her yielding mound.

Oh God; she breathed through clenched teeth as her body shivered in delight. She released Nicola’s head and threaded her arm between their bodies to find Nicola’s teat to return the favour. This embrace, this shared pleasure was increasing in intensity, as their responses became tuned to each other; the tension between them grew, almost palpable, leading to a forgone conclusion.

Jacqui pushed Nicola onto her back. Her mouth found one and then the other nipple giving back the delirious pleasure she had been receiving. Nicola’s body responded, her dark nipples hardened, the skin of her aureole puckered as if in cold goose bumps. She could only lay there while being subjected to the pleasures of Jacqui’s tongue, mouth and fingers.

It was those very fingers that strayed over her stomach, making a direct line for her neatly trimmed bush, then between her legs, parting lips to find her clit. The first touch was like a huge current had been passed through her body, she arched her back off the bed and drew a sharp intake of breath as her clit was found and touched. Those fingers lightly rubbed as only another woman’s touch can. She came, emitting her white juice that slicked fingers and ran down over her puckered anus to soak into the white linen of the bedclothes.

They reversed positions, Nicola giving the same to Jacqui with a slightly different result, Jacqui squirted her release as she often did when aroused enough. Nicola drank from her partner, relishing the taste and then flicking her tongue over Jacqui’s exposed shaven mound and clit, only to produce her second orgasm in as many minutes.

They fucked; taking turns to ride each other, kiss, lick, touch or finger fuck. Chris was quite forgotten, his leaving the room went unnoticed, they were so lost in each others bodies and delighted in what they could do.

Jacqui’s mini vibrator was an instant hit. It wasn’t much bigger than a bullet, but had a powerful vibration which, when applied lightly to a clit was just like being touched with the bare ends of an electrical cord. They finished what had taken more than two hours in a frenzy of simultaneously sucking on each other’s clits while finger fucking at the same time. Their essences had destroyed the bedclothes, but were totally ignored as sated; they lay in each other’s arms to sleep.

Jacqui now knew what she needed to say to Chris, she had the reason, and one he could accept. She had the motive now because she had every intention of keeping Nicola beside her. She had the conviction, having found Nicola; she had reached the plateau she had longed for of being completely sexually satisfied. She didn’t know how long it would last; it didn’t matter. She didn’t regard herself a lesbian as such, just someone totally in love with another human being. She didn’t know whether Nicola felt the same way, but suspected she might if the way her body had responded to her touch was any indication.

Chris knew with a certainty. Before she uttered a word the next morning as she made two cups of coffee for her and Nicola, he knew. “That’s it isn’t it?” He asked her, not wanting to hear the answer. Her silence and avoidance of his eyes confirmed his worst feeling. There wasn’t any point in arguing; no point in protesting or begging; it was game over, just like that, with finality, similar to death.

“I’ll need a few days,” he said and then left the kitchen to her and Nicola who had just come in yawning and stretching, looking like she had slept in a wind tunnel. They kissed; a brief touch of lips, familiar and something they would do every morning from then on.

Storie simili

Claudia Incarnata...Parte I

Il potere etereo insegue le anime al mare, il mare le sputa sulla soglia della terra, la terra alla luce del sole splendente e il sole le scaglia nell'etere vorticoso. - Empedocle di Akragas (V secolo a.C.) La prima cosa che hai notato di Claudia è che era bellissima. La sua era una bellezza raffinata e sofisticata e nel suo cuore c'era un'innata terrosità e un'aspra indipendenza che sicuramente provenivano dai suoi antenati siciliani. I suoi occhi castano scuro e i lunghi capelli neri fluenti brillavano nella chiara luce del mattino. Un sorriso giocava sulle sue labbra carnose, labbra tinte di...

690 I più visti

Likes 0

Circostanze diverse

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota/e dell'autore: Onestamente, questa storia è stata parzialmente ispirata da un'altra storia di AbsolxHuman che ho trovato qui. Come dice il riassunto, questa storia contiene bestialità, quindi se non ti piace, è probabilmente meglio che tu trovi un'altra serie da perseguire, poiché la maggior parte degli incontri sessuali coinvolgerà Pokemon e il protagonista, anche se potrebbe esserci un pochi umani spruzzarono qua e là per cambiare le cose. Cambierò il codice per riflettere ulteriori modifiche nei capitoli successivi. Se...

675 I più visti

Likes 0

Chi vuoi baciare

Avevo circa 13 anni quando è successo, ero un bambino molto arrapato, ma per ora per qualche ragione non lo capisco più. L'ho inventato un po' : P Non vedo l'ora di baciare un ragazzo! disse Carolina mentre sfogliava la sua rivista Tiger Beat. Non voglio baciare Devin, il ragazzo della mia classe di matematica. Lo conosci vero? ha detto mentre mi guardava. uh uh. ho mormorato. Ero troppo impegnato a pensare al ragazzo che avrei voluto baciare per dire qualcos'altro. Non volevo dirglielo, ma pensavo che suo fratello di 16 anni fosse molto incantevole. Quasi tutte le sere di questo...

646 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

706 I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

617 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

804 I più visti

Likes 0

Innocente ragazza asiatica si è trasformata in una schiava Capitolo 3

“Indossa una gonna domenica. Niente reggiseno o mutandine. Sophia lesse il breve messaggio e sospirò. Era stata essenzialmente costretta a rinunciare a tutto il resto della sua vita solo per far piacere al Maestro Liam. Invece di andare al club culinario giovedì durante il pranzo, ha passato il tempo a succhiargli le palle nella Tesla. Invece di andare a prendere Boba con le sue amiche domenica, avrebbe perso la verginità con un anziano che aveva incontrato solo due settimane prima. Sophia era terrorizzata dal dolore di perdere la sua verginità. Ha letto online di quanto sia stata dolorosa la rottura dell'imene...

628 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

498 I più visti

Likes 0

Storia della casa sull'albero

Conosci l'espressione boyie girl? Una di quelle ragazze che sono buone amiche di tutti i ragazzi. Non certo che sia sexy o qualcosa del genere, ma solo ovviamente fa tutte le cose che i ragazzi si divertono a fare. Giocano a ventosa, basket, baseball e tutte quelle cose kinna. Le ragazze Boyie hanno spesso molti fratelli maggiori. Simpatici fratelli a cui piace giocare con la sorella e ma non vogliono tutte quelle stronzate di Barbie e My Little Pony. Per questo cresce con lo sport ei videogiochi. Amelia era una ragazza così. Ha un albero di fratelli maggiori che, a pensarci...

492 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

258 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.