Futa Naked In School 11 - Futa Bully's Naughty Week 3: Le passioni Futa di Shelena crescono

70Report
Futa Naked In School 11 - Futa Bully's Naughty Week 3: Le passioni Futa di Shelena crescono

Futa Naked In School – La settimana impertinente di Futa Bully

Capitolo tre: Le passioni Futa di Shelena crescono

Per mionome3000

Copyright 2019

Settimana di Shelena Lowell, giovedì

Guantare Chan...

Non riuscivo a togliermi dalla testa la futa nerd. È stata lei a rimanere nei miei pensieri dopo la mia gangbang all'A/V Club. Quello era stato un pomeriggio selvaggio. Non solo l'hanno filmato, ma l'hanno trasmesso in streaming in diretta su Internet sull'account Twitch del college. Presto sarebbe stato modificato e caricato su YouTube con link per consentire alle persone di acquistare i DVD della prima gangbang di un futa-bully.

E tutto quello a cui riuscivo a pensare era Guanting Chan.

Non si poteva negare che mi fossi divertito. Non potevo più mentire a me stesso. I nerd che avevo preso di mira nell'ultimo anno, quelli che pensavo fossero deboli, patetici e inferiori a me, erano quelli che ora erano popolari. Hanno prodotto il porno hot che ha reso popolare il nostro college. Tutti volevano recitare in loro. Le ragazze volevano fare gangbang. Futas voleva mostrare la loro abilità.

O anche fare una gangbang.

Il quarterback stellare che aveva portato la squadra di football alla vittoria lo scorso dicembre non era più il miglior futa-cagna. Anche se non avevo rovinato la mia reputazione cercando di costringere Salome a fare sesso con me di fronte all'intero college. L'avevo depredata per tutto l'anno, ricattandola affinché facesse sesso con me per proteggere la sua fidanzata futa. Di tutte le persone della scuola con cui ero stata una stronza, lei era stata quella che mi aveva ferito di più.

Affogai nel senso di colpa mentre mi trascinavo nuda verso il college, indossando solo un paio di sandali aperti. Il sole di tarda primavera splendeva sui miei grossi seni color ebano. Il mio futa-cock oscillava a metà tra le mie cosce. Accettare la realtà non è stato facile, come cercare di ingoiare il più grande pezzo di merda di cane mai esistito. Aveva un cattivo sapore, ti soffocava e ti veniva voglia di vomitare.

Ma gli ultimi tre giorni avevano aperto gli occhi. Cominciavo a vedere come mi ero comportato tutto l'anno sotto una luce completamente nuova. Non c'è da stupirsi che tutti al mio college mi odiassero. Ero stato un futa-cagna viziato, pensando che il mio grosso cazzo nero e l'abilità del campo di calcio mi permettessero di fare quello che volevo.

Il Rogers College si profilava avanti. Non avevo idea di quale sarebbe stata l'accoglienza degli studenti. Ieri sera non avevo il telefono. In realtà ho fatto i compiti. Non potevo più costringere un nerd al club degli scacchi a farlo per me.

Inoltre, mi chiederebbero solo di succhiargli il cazzo.

Raggiunsi il college, alcuni studenti prendevano gli autobus pubblici della contea mentre altri guidavano la propria auto o venivano lasciati da amici o familiari. Scorrono fuori, quasi tutti vestiti, anche se a malapena. La Perverts Society era davanti come al solito nuda e con indosso la fascia, esortando tutti a fare pressione sul consiglio di amministrazione per consentire agli insegnanti di scopare gli studenti se tutti erano consenzienti.

Lola Lovell si fermò e abbassò il megafono mentre camminavo accanto a lei e alle altre ragazze nude. “Mi è piaciuto molto il tuo video, Shelena. Avevo il vibratore di Macie nella mia fica e il cazzo di Jade nel mio buco del culo quando Guanting ti ha scopato. Era caldo. Avevate una vera chimica".

"Sì, grazie", dissi.

"Buona giornata, Shelena", ha aggiunto Macie, in piedi al fianco della sua ragazza. La lesbica mi sorrise.

Sbattei le palpebre e le sorrisi. È stato bello.

"Ehi, Shelena, è stato bello", ha detto Ji-Min mentre scendeva dall'auto dei suoi genitori. La ragazza coreana aveva lo sperma sulle labbra. Aveva fatto saltare la sua futa-madre durante il viaggio? "Mi sono divertito con i miei genitori ieri sera a guardarlo."

"Oh, certo", dissi. Non era crudele. Ieri, ha passato ogni lezione che abbiamo condiviso, che era troppa, mostrandomi la figa e poi negandomi qualsiasi contatto con la sua carne. Ora la bella coreana mi è passata davanti con un sorriso, la gonna corta che vorticava sul suo bel culo.

"Su, Shelena", disse Samantha Herbert mentre passeggiava con la sua ragazza aggrappata al suo braccio. "Era caldo."

"Così caldo", gemette Rosario, con gli occhi pieni di rugiada. “Forse potremmo stare insieme. Fate una cosa a tre Mi piacerebbe vedervi fare due futas prima che mi facciate un panino."

"Uh, certo", dissi, perplesso. Cosa stava succedendo qui? Il video aveva avuto così tanto impatto?

Voglio dire, non ero invaso dalle ragazze come lo era Paloma. La futa ispanica più giovane stava tremando, due cheerleader, tre membri della squadra di pallavolo e il presidente del corpo studentesco le accarezzavano il corpo nudo e le accarezzavano il cazzo.

"Sborra, Paloma, vieni!" hanno applaudito le due cheerleader, Genevieve Watkins e Jalila Zaman.

"Sto per succhiare la sua mancia", gemette Priscilla Tinker, il presidente. Cadde in ginocchio e si attaccò fino alla fine.

Quindi non ero completamente fuori dalla lista di merda. Le ragazze non mi accarezzavano, ma non mi mostravano nemmeno le tette, il culo e la fica prima di ridacchiare e scappare via o mostrare segni di come chiunque tranne me potesse toccarle.

Mi è sembrato un nuovo inizio mentre mi muovevo attraverso la mia classe.

"Ehi, Shelena", disse April Gore. Il calciatore della squadra inarcò un sopracciglio marrone verso di me. La futa bianca si sollevò la gonna, il suo cazzo le tendeva le mutandine. "Sono forte. Vuoi prenderti cura di me?"

Gli altri due membri della nostra squadra, Hazel Reed e Caridad Vasquez, ridacchiarono entrambi.

Le mie guance si sono un po' scaldate. Mi prendevano in giro, ma io non lo sopportavo. Ho alzato le spalle e ho detto: "Certo. Lo sperma non è male. Dovresti provarlo."

La mascella di aprile è caduta. Gli altri due mi sbatterono le palpebre. Poi April si tolse la gonna e mormorò della classe. È scappata via e io ho scosso la testa. Ero così. Pensando di poter fare cose del genere. Non ho pensato a nessun altro.

Il passato mi sembrava così rachitico. Come se fossi un cespuglio piantato in un piccolo vaso. Non sono mai riuscito a raggiungere la mia dimensione massima perché ero confinato. Ora che il mio vaso si era frantumato e le mie radici avevano trovato del vero terreno, forse potevo crescere più grande.

Cresci. Smettila di essere un monello. Non ero più un bambino. Avevo compiuto vent'anni qualche mese fa.

Ho raggiunto la mia prima classe, il mio cazzo duro e palpitante. Mi sono seduto. Lizaveta Kuznetsov si spostò e mi guardò da sopra la spalla. Il nerd russo dai capelli neri mi fece l'occhiolino. Ho sorriso e ho ricambiato l'occhiolino. Le avevo succhiato il cazzo durante la gangbang il giorno prima. Il suo sperma aveva un sapore delizioso. Sprofondai sul sedile accanto al mio compagno di squadra Mbali Arendse. Aveva la pelle ancora più nera della mia, una futa afroamericana. Mi sorrise, annuendo con la testa.

Era simpatica, a differenza di April e delle altre due.

Jalila entrò con Alana Glass un minuto dopo, la coppia che sussurrava e ridacchiava. La cheerleader mi fece un cenno con la testa e si sedette di fronte a me, mentre Alanna si sedeva mentre continuavano a parlare di Paloma. Poi è entrata la nostra insegnante di futa, la signora Perrault, pronta a insegnarci l'inglese tecnico, che era più concentrato sulla scrittura per gli affari che sulla lettura della letteratura.

"Shelena, vuoi sollievo questa volta?" chiese, un tono scettico. "Dubito che avrai dei volontari."

Non avevo intenzione di farlo, ma Mbali ha detto: “La aiuterò. Vediamo come le piace farsi scopare da un grosso futa-cock africano."

La signora Perrault sorrise mentre sprofondava. "Beh, se Shelena lo vuole, puoi avere i tuoi dieci minuti."

"Ooh, dì di sì", gemette Jalila. Si è alzata sulla scrivania e si è girata. La sua gonna roteò mentre le sue cosce si aprivano, mostrando la sua figa. La bruna cheerleader araba aveva una passera stretta e rasata. C'erano deboli tracce di pennarello nero dalle parole che aveva scritto lì ieri. Era chiaro che aveva cercato di cancellare la frase offensiva dal suo monticello pubico.

"Sì, sì, vediamo voi due futa-hotties scopare!" gemette Alanna Glass. Allungò le gambe nel corridoio in modo da poter guardare dietro di sé e guardare, i suoi occhi nocciola fumosi.

"Lasciami tirare fuori la mia macchina fotografica", ansimò Lizaveta e frugò nella sua borsa dei libri.

"Adoro un po' di azione futa su futa", ha detto Juniper Dannel. “E sono entrambi neri. Questo lo rende più caldo."

Alanna Glass annuì.

La mia figa si è fusa quando Mbali ha aperto i suoi jeans attillati. Avevo già visto il suo cazzo nello spogliatoio, ma ora c'era questo dolore affamato nella mia fica. Il mio futa-dick si è gonfiato forte. Mi alzai, la punta che afferrò il bordo della scrivania. Sbucò fuori, pre-sborrando dalla punta e schizzando sul viso di Jalila.

Lei ridacchiò mentre lo faceva scorrere verso l'alto. "Mmm, sono nella splash zone."

Le ho fatto l'occhiolino e ho spinto la sedia di lato. Mi chinai sulla scrivania, fissandola. Il mio futa-cock si spinse nella sua direzione sulla superficie della mia scrivania. Lei sorrise e spinge la mano sulla sua figa. Era contro le regole che gli studenti si masturbassero mentre ricevevo l'esonero dal mandato del Programma, ma chi si sarebbe lamentato?

non l'avrei fatto.

Le sue dita aprirono le labbra scure della figa esterna, esponendo le sue profondità rosa. Le sue dita scure scivolarono su e giù per le pieghe. Gemetti, stringendo la mia figa. Mbali uscì dai suoi jeans e si dimenò fuori dalle mutandine scarlatte che indossava, la sua pelle quasi nera come la mezzanotte rispetto al mio ricco ebano. La sua moltitudine di trecce di perline ondeggiava sul suo viso lussureggiante e splendido. Aveva una fame amazzonica nei suoi occhi scuri mentre si muoveva dietro di me.

"Ti scoperò così forte", gemette Mbali. "Hai un bell'aspetto piegato in avanti."

Le ho fatto l'occhiolino, rilassato. Mi sono piaciute sia le futas che le donne. L'avevo imparato su me stesso. Pensavo che ti rendesse una femminuccia ad amare il cazzo. Quello era solo l'infantile in me, la paura di non essere così bravo come pensavo. Avevo bisogno di proiettare forza perché ero davvero una persona così debole e patetica. Ero tutto spavaldo.

Tutto questo è stato strappato via. Ora volevo solo essere fottuto da una futa impiccata.

"Mmm, picchiala forte, Mbali", gemette Jalila. Infilò tre dita nella sua figa, le sue labbra rosa le inghiottirono. Rabbrividì sul tavolo, il piacere le increspò il viso. Li spinse dentro e fuori, agitando la fica. La crostata del suo muschio mi solleticava il naso.

"Fottila!" gemette Alanna, stringendo forte le cosce.

"Sono pronta", disse Lizaveta, i suoi jeans tesi dal suo futa-cock. Ha tenuto la sua macchina fotografica mentre si muoveva intorno a noi. "Spingila forte, Mbali."

La mia compagna di squadra ridacchiò, i suoi suoni da ragazza mi fecero stringere la figa. Poi ha premuto il suo cazzo duro contro le labbra della mia figa. Gemetti alla sensazione della sua circonferenza. Era più grande di qualsiasi cazzo che avessi preso nella mia fica. Non il mio stronzo.

Avevo l'enorme cazzo di Candice laggiù.

Dimenavo i fianchi, strofinando le labbra della mia fica contro il suo cazzo. Poi ho premuto all'indietro, le mie labbra che si aprivano attorno al suo grosso albero. Mi afferrò i fianchi, accarezzandomi con le sue dita sottili. Rabbrividii quando la mia fica ingoiò la sua corona.

"Penso che ci divertiremo molto agli allenamenti di squadra il prossimo anno", ha detto Mbali e poi ha spinto il suo cazzo di ragazza nelle profondità della mia fica.

"Sì!" Ho urlato mentre mi riempiva fino in fondo. Il suo folto cespuglio mi colpì nel culo. I suoi peli pubici mi solleticavano. Gemetti, stringendomi intorno al suo cazzo futa mentre un'ondata di gioia estatica si riversava sulla punta del mio cazzo palpitante.

Jalila tubò. Le sue dita si tuffarono più velocemente nella sua fica, trasformando la sua crema di figa in una schiuma spumeggiante. Ho fissato quella fica calda e ho mosso i fianchi a destra e ho sollevato. La mia figa ondeggiava intorno a quel grosso cazzo sepolto in me. L'ho afferrato. Lo amo.

Mbali gemette mentre tirava indietro il suo cazzo da ragazza. Scivolò fuori dalle profondità della mia fica. Mi strinsi a lei, godendomi la sensazione della sua spessa circonferenza. Lei gemette e poi sbatté nella mia figa. Il mio futa-cock si contrasse. Il calore ha attraversato il mio corpo. Beatitudine.

"Dea, sì!" gemevo. “Dai, Mbali, guida quel grosso cazzo nelle mie profondità. Riempimi ancora e ancora. Fammi venire con quel cazzo enorme del clitoride!”

"Oh, Shelena, ti farò strillare come la futa-sgualdrina che sei!"

Ridacchiai mentre Mbali si spingeva di nuovo dentro di me. "Lo sai. Sono una tale futa-sgualdrina. Adoro prendere un cazzo duro nella mia fica. Risvegliami. Sparerò il mio sperma su Jalila. È nella zona degli schizzi".

"Sì", gemette Jalila. Rabbrividì e si avvicinò al bordo della sua scrivania. Le sue dita le saccheggiarono la fica, quell'odore aspro di fica che mi riempiva il naso. "Fallo!"

Le mani di Mbali mi accarezzavano il corpo mentre mi scopava. Ha spinto il suo cazzo da ragazza in profondità e con forza nella mia fica. Mi ha agitato. Le sue mani scivolarono su entrambe le mie tette. Mi ha afferrato il seno. Li strinse e li massaggiò. Rabbrividii mentre li teneva stretti. Ci ha affondato le dita.

Il piacere scese dai miei seni pesanti e tenne la sua presa massaggiante sulla mia figa. La mia fica l'ha bevuto mentre si stringeva intorno al suo cazzo da ragazza. L'attrito setoso generato dal suo cazzo che si tuffava mi scaldava le ovaie. Il mio futa-cock faceva male, precum gocciolante dalla punta.

"Oh, sì, spingimi forte quel cazzo dentro!" gemevo. “Dea, puoi fottermi più forte. Giochiamo a calcio! Posso prenderlo!"

"Sì!" ansimava Mbali. Mi ha sbattuto addosso. Le nostre carni sbatterono insieme, le mie natiche che tremavano. Le sue dita affondarono nelle mie tette. “Oh, dea, è una bella figa. Sì, sì, sei incredibile per me, Shelena!”

"Dovresti provare a ricevere i tuoi colpi!" gemevo.

"Lo so", fece le fusa Alanna Glass; le sue cosce si strinsero forte.

"Uh-huh, Mbali ti spinge così forte nella fica", ansimò Jalila.

"Sì", ha aggiunto Juniper. "Oh, Shelena, stai per esplodere su quel grosso cazzo, vero?"

"Così fottutamente difficile!" Ansimai, ruotando i fianchi.

La pressione cresceva e cresceva sulla punta del mio cazzo da ragazza. L'ho afferrato con la mano destra, appoggiando tutto il peso sulla sinistra. Il mio corpo si dondolava, abbinando il ritmo di Mbali mentre la mia mano pompava su e giù per il mio cazzo. Il piacere è salito lungo la mia asta, mescolandosi con la beatitudine che ardeva nella mia fica.

Le mie ovaie si sono avvicinate all'ebollizione.

Rabbrividii, l'estasi che si riversava in me era incredibile. Le forti spinte di Mbali mi hanno fatto arricciare le dita dei piedi nei sandali. Ho pugno la mia ragazza-cazzo sempre più velocemente per abbinare la passione del suo futa-cock nella mia fica.

Ero così vicino. Mi sono stretto intorno al suo cazzo da ragazza, dolorante per la mia felicità. Lizaveta si è mossa intorno a noi, cogliendo il divertimento. Gemetti, godendomi la telecamera su di noi. Mbali ansimò. Mi ha stretto le tette e mi ha sbattuto forte nella fica.

"Santa merda!" Sussultai, la mia mano che fece scivolare il mio cazzo fino all'apice. Ho massaggiato la mia asta spugnosa mentre la mia figa afferrava il grosso cazzo di Mbali.

sono scoppiato.

Il mio futa-cum schizzò forte dal mio cazzo, inarcandosi sulla mia scrivania e schizzando proprio sul dorso della mano di Jalila mentre si masturbava. Lei sussultò e si strappò le dita di mezzo. La mia seconda esplosione schizzò la sua vulva scura e le labbra rosa, gocciolandole nella fica.

"Sì sì sì!" la cheerleader sussultò e si unì a noi. Mentre la mia terza esplosione si inarcava per la sua fica, i suoi succhi sgorgavano dalla sua figa e schizzavano sulla mia scrivania.

L'aroma aspro della sua fica mi riempì il naso mentre le bagnavo la fica. La mia figa ha avuto uno spasmo intorno al cazzo di Mbali. Ondate di beatitudine e sussulti di euforia attraversarono il mio corpo. Gemevo e tremavo, le stelle mi esplodevano davanti agli occhi.

"Dea, sì!" Mbali gemette mentre pompava via il mio twat convulso. “La tua figa, Shelena! Così fottutamente buono!”

"Sborrale dentro!" Jalila ansimò, tremando per il suo orgasmo mentre la sua figa gocciolava con il mio sperma.

"Fallo!" gemevo. "Dammi il tuo futa-spunk!"

La mia compagna di squadra ha piantato il suo cazzo da ragazza fino in fondo nella mia figa spasmodica. Il suo sperma sparato dentro di me. Il getto caldo di sperma di una futa che schizza contro la mia cervice ha inviato una potente ondata di estasi attraverso la mia carne. Ansimai, il mio corpo tremava.

Mi ha riempito di sperma mentre sprizzavo la mia esplosione finale di sperma femminile. Schizzò sulla parte superiore della mia scrivania, mescolandosi con la pozzanghera di crema per ragazze. Jalila ansimava mentre strofinava il mio sperma nella sua fica. Tremai, mungendo Mbali a secco.

"Dannazione", ho ansimato mentre il mio orgasmo è morto. Il mio corpo ronzava. Mi sono sentito fantastico.

"Mmm", gemette Mbali. Si è tirata fuori da me e mi ha schiaffeggiato il sedere. «Hai una figa dannatamente bella, Shelena. In qualsiasi momento, ci sarò".

"Sì," ansimai, afferrando il mio posto e sedendomi.

Alanna ha preso il mio sperma mescolato con la crema di Jalila dalla mia scrivania. La ragazza cattiva se lo mise in bocca e sorrise. "Non male, Shelena."

Le ho fatto l'occhiolino.

Mentre mi appoggiavo allo schienale, il mio pensiero andò a Guanting ea quegli occhi intensi. Mi stavo innamorando di uno dei futa-nerd che ho preso in giro? Gemetti e scossi la testa. Non potrebbe essere quello. Mi ha appena fatto una bella scopata ieri sera.

Questo era tutto.

Le ragazze si sono presentate negli spogliatoi. Lanciai un'occhiata a Ginny mentre si spogliava nuda. Mi sono avvicinato a lei. Mi lanciò un'occhiata, un attimo di cauta paura nei suoi occhi prima che svanisse. Il senso di colpa turbinava in me. Nessuno dovrebbe avere paura nel proprio college.

"Ehi, uh, Ginny," dissi, lo stomaco che mi rivoltava. La mia lingua era così pesante. "Io, uh, volevo solo dire che mi dispiace."

"Per?" chiese mentre si infilava i pantaloncini da ginnastica viola.

“All'inizio dell'anno scolastico, non mi importava di quello che provavi. Volevo solo scoparti."

"Lo so", ha detto.

"Ti ho fatto temere di me", dissi, alzando le spalle. "Non è giusto. Non avrei dovuto farlo. Avrei dovuto fare marcia indietro quando hai detto di no. Ero una stronza".

Lei annuì.

“Quindi, volevo solo dire che mi dispiace per questo. lo sono davvero. Nell'ultima settimana, ho visto le cose in modo diverso".

"Rendere conto che non sei diverso da tutti gli altri può farlo", ha detto. Si infilò la canottiera grigia. Si fermò. "Scuse accettate, Shelena."

Mi guardò e mi fece persino un sorriso prima di scappare via. Mi sono sentito bene. Le mie spalle non sembravano così pesanti. Sorrisi e uscii con le altre ragazze per fare educazione fisica, le mie scarpe da tennis allacciate, il mio cazzo duro.

Mi è piaciuto il cazzo duro di Candice che mi ha scopato la figa questa volta per sollievo. Mi ha picchiato forte e quando è finito, l'ho guardata negli occhi e le ho chiesto scusa. La futa nerd arrossì, annuì e corse a uscire con Ginny. Con mia grande gioia, Ginny è caduta in ginocchio e ha succhiato la mia crema di figa dal cazzo di Candice prima che Coach Musil urlasse loro di smetterla e iniziare a correre con il resto di noi.

Sulla strada per la terza ora, ho ritirato dalla stampa degli studenti Lizaveta e mi sono scusato per tutti i nomi con cui l'avevo chiamata. Dopo, ho visto Valarie Riches, una futa nel club di scacchi. "Scusa se ti ho fatto fare i compiti."

Sorrise e annuì prima di andare in classe.

Non ho chiesto sollievo nella mia terza classe, ma sentivo che l'avrei ottenuto. Forse anche da una delle ragazze. Mi sentivo benissimo con me stesso mentre mi dirigevo verso il pranzo. Ho notato Patty Abbott e le ho detto che mi dispiaceva per averla spinta a fare sesso quando era nel Programma. Dopo, ho visto Paloma e Salome che si tenevano per mano.

"Ehi", dissi loro, correndo lungo il corridoio, i miei grossi seni e il mio cazzo duro che tremavano.

"Oh, non ho bisogno della mia figa piena di sperma, grazie", ha detto Salome. Si accarezzò lo stomaco attraverso la canottiera. “Letizia mi ha già preso. Paloma mi leccherà per ripulirmi.»

"No, volevo solo dire che mi dispiace così tanto, Salome." Le presi la mano e fissai la piccola ragazza ispanica negli occhi. “Ti ho trattato peggio di qualsiasi altra persona in questo college. Ho passato la maggior parte dell'anno a cercare di ottenere la tua verginità.

Lei arrossì.

“Ti ho insegnato ad amare il mio cazzo e ho cercato di rompere la tua relazione con Paloma per arroganza. Volevo essere io a farti entrare, e non mi importava chi avrei ferito, men che meno a te. Ho anche detto che ti amavo". Le lacrime bruciavano nei miei occhi. “Ero un pezzo di merda completo. Tutti avevano ragione a odiarmi dopo quello che ti ho fatto la scorsa settimana".

"Shelena", disse, con le lacrime agli occhi.

“Non mi importa se mi perdoni, ma devo solo farti sapere che sono inorridita da quanto sono stata una stronza. Quello che ti ho fatto è stato imperdonabile. Dovevo solo farti sapere. Scusami. Sono felice che tu e Paloma stiate ancora insieme. Siete fantastici. Hai qualcosa di speciale".

Qualcosa che non avevo mai assaggiato. Probabilmente non lo farebbe mai.

Salomè, con mio grande stupore, si chinò e mi baciò sulla guancia. "Sei perdonata, Shelena."

Le lacrime scesero lungo le mie guance. Deglutii, l'emozione bruciava in fondo alla gola. Ho lottato per controllarmi, le mie tette che tremavano mentre le mie spalle ondeggiavano. Trassi un respiro affannoso e mi asciugai gli occhi.

"Grazie", gracchiai. "E Paloma, mi dispiace per tutto questo."

"Lo so." Mi ha sorriso. "Sei perdonato. Forse... forse puoi scopare la figa di Salome così posso leccarla per bene. "

"Oh, sì, certo, se le va bene," ho detto, lottando per mantenere le emozioni imbottigliate. Volevano uscire di nuovo.

"Sì, forse", ha detto Salomè. Deglutì mentre questa energia imbarazzante si increspava intorno a noi. "Beh, voglio dire, Paloma vuole mangiare il mio creampie, quindi..."

"Giusto, giusto, divertiti." Ho sorriso loro anche se il mio cuore era pieno di dolore. Avevano qualcosa di speciale. Qualcosa che non ho mai avuto perché non mi importava di nessuno tranne me stesso. Una persona egoista non avrebbe mai le vere gioie dell'amore. Potrebbero prenderlo da un altro, ma non avrebbero il piacere di ricambiarlo.

Alla fine, una persona egoista soffocherebbe quelle emozioni e le distruggerebbe.

Rabbrividii e continuai. La mia gola continuava a bruciare mentre mi dirigevo verso la caffetteria. Le ragazze mi hanno sorriso. Un'anziana di nome Tina Walker ha effettivamente afferrato il mio cazzo da ragazza e mi ha dato un rapido colpo. Gemetti al suo tocco.

Entrai in mensa e mi guardai intorno.

Il mio sguardo si fermò su Guanting Chan. La futa cinese stava parlando con Lizaveta, Candice e Ginny. Deglutii, ricordando le due volte in cui Guanting mi aveva fottuto. Quando ha preso la mia ciliegina martedì e la sera prima durante la gangbang. Questa strana ondata di emozioni mi ha attraversato.

Non ero degno di queste emozioni.

La paura mi ha attraversato. Dovrei andare prima che Guanting mi notasse. Le dovevo delle scuse, ma non potevo sopportare questi sentimenti che mi traboccavano. La futa era diventata speciale per me prima ancora che me ne accorgessi. forse ero solo come una vergine dagli occhi di rugiada dopo che la sua ciliegia è scoppiata che pensava che doveva essere vero amore.

Come se a Guanting importasse di me.

Stavo per andarmene quando Candice mi ha notato. Ho sentito il mio nome uscire dalle sue labbra. Guanting si voltò in risposta e mi vide, con un sorriso stampato in faccia. Era cinese, gli occhiali appollaiati sul naso. Portava i capelli neri in una ciocca dritta lungo la schiena, mollette che li trattenevano dal viso. Indossava una camicetta abbottonata al collo, blu oggi con un papillon rosso. La gonna le ricadde sulle cosce.

Era così bella. Grazioso ed elegante. Non ostentava il suo corpo ma si vestiva secondo il suo stile. Uno stile che avevo deriso in quanto antiquato e pudico. Le mie guance bruciavano luminose. Non ero abbastanza per lei.

Mi girai di scatto e oltrepassai un paio di futa che entravano nella caffetteria e fuggii lungo il corridoio. All'inizio camminavo a passo svelto e poi mi mettevo a correre. Un senso di colpa umiliante mi pervase. Ero imbarazzato per essere stato visto fissando e per fuggire come una figa.

Questa settimana mi ha sbilanciato. Cambiato. Volevo essere una persona migliore. Ero così patetico. Dopotutto, l'avevo fatto, non potevo aspettarmi che Guanting provasse dei sentimenti per me. Ho appena visto piacere negli occhi del secchione quando è venuta da me il giorno prima.

Era così.

Questa era solo una stupida cotta. È successo. lo supererei.

Ho fatto irruzione fuori nel caldo sole. I miei seni d'ebano tremavano mentre mi precipitavo intorno all'edificio. Mi ritrovai nella piccola alcova. È stato creato da un capriccio dell'architettura del college. Ha creato questo spazio aperto che aveva un ingresso stretto. Due aule quasi si unirono prima che le loro pareti si allargassero.

Mi appoggiai al muro di mattoni, ansimando. Ci ho sbattuto la testa contro la testa e ho trasalito per il lampo di dolore. Dovevo solo lasciare che questi sentimenti si sciogliessero da me. Il dolore nel mio cuore sarebbe svanito. Meritavo un po' di sofferenza dalla fica che ero stata.

Un'ombra oscurò l'alcova. Mi irrigidii mentre qualcuno attraversava il varco, frusciando le gonne. Guanting apparve. Mi guardò e la sua espressione si addolcì. Un sorriso le arricciò gli angoli delle labbra.

"Sei scappato da me?" chiese, qualcosa di beffardo o scherzoso nel suo tono. Non saprei dire quale. I suoi occhi guizzarono su e giù per il mio corpo. “Hai paura della vecchia futa-matron? Una volta non mi hai suggerito di comprare un bastone per completare il look."

Le mie guance si sono scaldate. "Sì, ero uno stronzo", borbottai, distogliendo lo sguardo. "Scusate."

Guant annuì. "Non sei scappata perché avevi paura di scusarti con me, vero?"

ho sussultato. Volevo mentire, ma stavo provando questa cosa da adulto. "No."

Un sorriso divertito giocava sulle sue labbra. Poi si slacciò il papillon, la seta che raschiava insieme. Il suono ha eccitato la mia ragazza-cazzo. Si gonfiò forte quando lei se lo infilò nel colletto e lo lasciò cadere. Poi le sue dita attaccarono i bottoni della camicetta, slacciandoli uno per uno.

"Pensi che io sia sexy, vero?" disse lei, formando il suo rigonfiamento sotto la gonna. “Pensi che io sia un nerd sexy. Ti piace che mi vesta all'antica. Ti fa pensare a cosa indosso qui sotto. Che tipo di mutandine o reggiseno."

Le mie guance bruciavano. "Credo di sì."

"E se non indosso le mutandine, solo i collant?" chiese, inarcando le delicate sopracciglia.

"Dannazione", gemetti, il mio cazzo di ragazza così forte. I succhi della mia figa gocciolavano crema lungo le mie cosce.

"Oh, ti eccita?" lei chiese. "Mmm, questo ti fa venir voglia di metterti in ginocchio, strapparmi i collant e succhiare il mio cazzo di ragazza liberata?"

"Un po' sì." La fissai e poi gemetti mentre si apriva la camicetta. Indossava un reggiseno nero che le avvolgeva i seni rotondi. I suoi capezzoli colpirono il materiale sottile. Aveva un fiocco rosso tra le tette. Intorno alla sua vita, i collant arrivavano più in alto della gonna, appiccicandosi alla parte inferiore dello stomaco proprio sotto l'ombelico.

"Ti piace il mio reggiseno?" lei chiese.

"È sexy", dissi. "Diverso da quello che pensavo avresti indossato."

"Qualcosa di bianco e noioso vero?" Si leccò le labbra. "Anche ai nerd piace divertirsi."

“Sì, l'ho imparato ieri. Vi siete divertiti tutti con me".

Mi ha strizzato l'occhio. "Mmm, ti piace il fiocco sul mio reggiseno?"

"È carino."

"Toccalo. Giocaci."

Allungai la mano destra e l'accarezzai. Il fiocco era carino. Sexy, persino. Le mie dita si abbassarono e sentii qualcosa. La mia fronte si corrugò. Era quello il fermaglio del suo reggiseno. Ho afferrato il materiale e l'ho attorcigliato.

Il suo reggiseno si aprì di scatto, i suoi seni rotondi rimbalzarono liberi. I suoi capezzoli tremavano in cima a quei cumuli di oliva scuro. Gemetti, le mie mani d'ebano che afferravano le sue tette. Li ho strizzati e impastati. Poi ho abbassato la testa e le ho succhiato il capezzolo in bocca. Le mie grandi tette ondeggiavano sotto di me mentre allattavo la protuberanza di Guanting. La mia lingua gli roteò intorno.

"Oh, Shelena", gemette.

Ho sentito il fruscio della stoffa. Una cerniera stridette per un attimo. Una breve. Swished altro panno. Si era tolta la gonna? Volevo guardare, ma mi stavo divertendo a succhiarle la protuberanza. Le mie mani le massaggiavano i seni.

"Stai rendendo la mia ragazza-cazzo così duro e la mia figa così bagnata", gemette. “Mmm, sì, lo sei. Sei solo una cosa cattiva, vero?"

Ho succhiato forte il suo nocciolo. Poi le ho morso il capezzolo con i denti.

Fece un respiro affannoso prima di gemere: “Sì, lo sei. Ooh, mi è piaciuto. Con i denti. Non ho mai avuto una ragazza che mi facesse una cosa del genere".

Tolsi la bocca dal suo capezzolo e fissai i suoi occhi scuri dietro gli occhiali. "Non una futa?"

«Sei la mia prima futa», disse. “Si sono divertite solo con le ragazze prima di te. C'è solo qualcosa di speciale in te, Shelena. Capisco perché tutte le ragazze volevano scoparti anche se eri una fica enorme e uno stronzo allo stesso tempo. "

"Ero una vera futa-cagna", ho fatto le fusa e poi ho succhiato l'altro capezzolo.

"Sì!" sussultò, le sue mani mi afferrarono le spalle. Mi afferrò, le sue dita affondarono nella mia carne.

Adoravo succhiare e mordicchiare il suo nocciolo. Mi piaceva la sensazione del suo capezzolo nella mia bocca. È stata una delizia così succulenta. La mia lingua roteò intorno alla sua areola tra i miei succhia mentre i suoi gemiti cantavano attraverso l'alcova.

Le mie mani hanno massaggiato entrambe le sue tette rotonde e grassocce. Ho affondato le mie dita nella sua carne mentre la mia curiosità aveva la meglio su di me. Si era tolta la gonna? Ho dovuto scoprirlo. Ho fatto scivolare le mie mani lungo il suo corpo mentre continuavo ad allattare sul suo capezzolo. Aveva la pelle liscia, come la seta. Fece un respiro e rabbrividì di gioia.

Ho spazzolato la parte superiore dei suoi collant. Le calze di nylon le abbracciarono i fianchi. Sono andato sempre più in basso. Niente gonna.

Delizioso.

Le mie mani scivolarono per afferrarle il culo. Ho premuto contro le sue guance vivaci, non sentendo mutandine sotto il mio tocco. Stava dicendo la verità. Aveva solo i collant. Deve essere a coppa il suo cazzo.

Il mio futa-dick pulsava. Ho dovuto toccarla. Senti il ​​suo cazzo attraverso il tessuto di seta. La mia mano destra scivolò di nuovo intorno al suo fianco mentre la mia sinistra scivolò lungo la curva del suo sedere. Ho raggiunto tra le sue cosce e ho sentito il suo cespuglio e il calore della sua fica. Poi la mia mano destra ha raggiunto il suo cavallo. Ho preso il suo futa-dick attraverso le sue calze di nylon, accarezzandola.

"Shelena, sì!" gemette contorcendosi il viso. “Mmm, sei così audace. Lo adoro."

Ho staccato la bocca. “Devi essere audace. Non si vince la partita se non si riesce a fare il gioco".

Mi ha sorriso. "Meno male che ho avuto il coraggio di venire qui, eh?"

"Buona cosa", gemetti.

Andai a succhiarle il capezzolo quando le sue mani premette sulle mie spalle. Non ho resistito al simpatico futa-nerd. Mi inginocchiai davanti a lei, le mie tette che tremavano e tremavano. I miei seni avevano una forte influenza su di loro. Ho gemuto mentre rimbalzavano l'uno nell'altro. Tremavano con la mia eccitazione. La mia figa si strinse, il calore bruciava tra le mie cosce.

Fissai il suo cazzo da ragazza intrappolato nei suoi collant scuri. La tonalità olivastra della sua pelle sanguinava attraverso il tessuto lungo l'asta. Pulsava e si contraeva con il battito del suo cuore. Voleva che le strappassi le calze di nylon e giocassi con il suo cazzo.

"Ti piace indossare i collant, vero?" ho chiesto, accarezzando il mio dito su e giù per la sua asta. Ho premuto il nylon contro il suo albero.

"Sembra incredibile sul mio cazzo", piagnucolò. “È quasi insopportabile. Quindi quando mi libererai, sono pronto a esplodere".

Ho sorriso e le ho afferrato le calze di nylon con entrambe le mani. L'ho afferrata su entrambi i lati del suo cazzo e l'ho strappata. Il tessuto si è allungato per un attimo. Poi apparve una corsa, una fila di piccoli fori che si allargavano sempre più fino a quando il forte RIIIIIIP echeggiò attraverso l'alcova.

Il suo cazzo oliva scuro è saltato fuori e si è mosso proprio davanti alla mia faccia. Non ho nemmeno esitato a ingoiare la punta del suo cazzo da ragazza. Lei ansimò. Il suo viso si contorse in estasi. Lei gemette e rabbrividì, la testa che dondolava da una parte all'altra mentre allattavo il suo cazzo da ragazza. Amavo la sensazione di lei nella mia bocca. Quel sapore meraviglioso e il sapore succulento del suo precum che si riversava sulla mia lingua.

"Oh, dea, Shelena", ansimò, spostando gli occhiali. Il suo seno tondo sussultava mentre allattavo il suo cazzo. “Accidenti, va bene. Sei solo una futa così affamata del mio cazzo."

Ero. Volevo accontentarla. Per la prima volta nella mia vita, ero più interessato al piacere di qualcun altro che al mio. Il pulsare nel mio cazzo era un prurito lontano. Non è stato immediato. Non era qualcosa che mi preoccupava in questo momento.

Adorare il suo clitoride era tutto ciò che contava.

Ho ballato la mia lingua intorno al suo futa-cock. Mi girai e l'accarezzai. Ho mosso la testa. Ho lavorato la mia bocca su e giù per il suo cazzo. Le mie labbra si sono sigillate mentre allattavo. Gemette e rabbrividì, il piacere le si contorceva sul viso.

"Oh, dea, sei fantastica, Shelena!" ansimò, le sue lodi mi riempirono di calore. Una gioia gioiosa.

Le sue mani afferrarono i miei capelli corti e folti. Mi afferrò e gemette. Ho adorato i suoni che ha fatto. Le ho dato il piacere che l'ha fatta ansimare, gemere e rabbrividire. L'ho consegnato a lei. Furono la mia bocca, la mia lingua e le mie labbra a darle estasi.

Infilai la mano tra le sue cosce e strofinai il suo cespuglio di seta. Ho trovato le pieghe calde della sua figa. Ho fatto scivolare il dito e ho gemito quando ho sentito il suo imene. Non aveva mai preso un cazzo da ragazza e nemmeno un dildo nella fica.

"Shelena, cazzo!" she gasped and then she erupted.

Her futa-cum fired into my mouth. I gasped and gulped it down. I swallowed the wonderful load. Every last salty blast. Her pussy juices soaked my fingers. She drenched me. The passion gushed out of her, filling my nose with the sweet musk of her passion. A dizzying heat rushed through my body.

I swallowed every last drop of the cum. I gulped it down, the frothy jizz pouring down my throat. I savored it warming my belly. My pussy. My girl-dick throbbed. The powerful ache surged straight to the tip.

“Shelena,” Guanting groaned. “I want you to take my cherry. I want you to slide your cock in me.”

This hot thrill ran through me. My crush on this nerdy futa intensified. She wanted to give me the same gift she'd stolen from me. I quivered, my cunt clenched. I slid my mouth off her clit-dick and growled.

I pulled her down by the hips. Her softening cock smacked into my large breast before she knelt before me. I kissed her hard, letting her taste the salty flavor of her own cum on my mouth. She whimpered, her tongue dueling with mine.

This thrill rippled through me. This heat. This joy. I had fucked so many women, and now a few futas, but it was always this hot and passionate rutting. This felt different. The way we kissed felt sweet. I wanted this to be special.

I didn't thrust her down like she was another slut to fuck, but set her down with care. I lowered her as I followed her down, my large breasts rubbing into her smaller tits. Our nipples kissed, sparks jetting down to my hot cunt.

She whimpered into the kiss as I settled my weight on her.

I broke the kiss, my cock rubbing against her half-hard dick. I stared down at her, feeling her fast breaths swelling her tits against mine. I brushed my nose against hers and whispered, “Guanting?” It was almost like a prayer. “Guanting, do you really want this?”

“Goddess, yes,” she moaned, “Please, Shelena, I want you in me. You're so beautiful. Even if you were a cunt.”

Were! Not are but were.

I kissed her again, loving the taste of her mouth. My hips shifted, siding my cock backward. My hard tip slid down her shaft until I was nuzzling into her bush and the hot folds of her pussy. I grabbed my cock, guiding myself lower. I felt her hymen. She groaned, her arms wrapping around me. She kissed me with passion.

A surge of love rippled through me as I pressed my girl-dick against her pussy. Her futa-cock twitched against my belly, trapped between us. I stroked her cheek as I pressed against her hymen. I'd only taken a few cherries. I always did it hard and fast, making the virgin into my slut.

I needed to apologize to Lola for what I'd said and done to her while I took her cherry. But that was for later.

Now I had Guanting to love.

She whimpered as I pressed against her hymen. Her fingers clawed my back. Her cherry popped. She shuddered and trembled beneath me. My cock entered her pussy. Her girl-dick twitched between us, swelling thicker with her growing excitement. Her deflowered twat stretched and stretched to take every inch of my shaft.

I bottomed out in her. She'd taken every inch of me.

Her pussy squeezed around my cock.

Bliss boiled through my veins.

We kissed with passion, tongues dueling, as I drew back my cock. Her cunt clenched around me, gripping my withdrawing dick. The pleasure melted down to my pussy. My snatch savored the silky friction. It heated up my ovaries.

Then I thrust back into her. Our nipples rubbed together. Her girl-dick throbbed between our bellies. She was fully hard now, her precum leaking out. She trembled and groaned. Her thighs wrapped around my hips.

She humped into my strokes. As I pumped into her pussy with slow but powerful thrusts, she met them. Her silky bush rubbed at my shaved pussy lips. The ticklish delight added to the thrill of being in her tight, once-virginal depths.

I broke the kiss and groaned, “Guanting!”

“Yes, yes, Shelena,” she panted. “Oh, that's incredible. Your girl-dick's filling me up. Mmm, yes that's wonderful. Ooh, you're making me feel amazing. I love feeling you in me.”

“I know the feeling,” I panted as I pumped away at her pussy. Her futa-dick throbbed against me.

I stared into her eyes as I thrust faster and faster. She felt so amazing, it was hard not to pump away at her silky heaven. My pussy clenched with every stroke. Juices flowed from my hot cunt, mixing with her cream bathing my clit-dick. Her cock felt so warm and hard between us, her precum staining our bellies.

I couldn't wait for her to cum.

I stroked her sides and kissed her lips as I made love to her. I savored her fingers stroking down my back. Her touch hot and electric. Our nipples brushed, building and building the fire in my cunt. I came closer and closer to erupting with every thrust into her depths.

She squeezed her twat around me. She gripped me and moaned. Our tongues danced together. They swirled about each other, teasing. I loved the taste of her on my mouth and lips. I reveled in the feel of her beneath me.

Our bodies slammed together. Her nipples throbbed against me. They felt so wicked. Such a naughty thing to experience. Our tongues danced and entwined, just like our bodies had. We were pressed so tight, breasts to breasts, her cock between us, her cunt squeezing around my girl-dick.

I buried to the hilt in her, loving how she felt. This amazing pleasure would have me erupting into her depths. I would cum hard in her. I would explode with power into her cunt's depths. It would be incredible. An amazing passion to enjoy.

She broke the kiss and panted, “Shelena! I'm almost there!”

“Don't hold back!” I moaned, thrusting into her silky snatch. “Just let yourself go, Guanting!”

“Yes, yes, Shelena!” she gasped. “Goddess, yes!”

Her pussy convulsed around my thrusting dick.

Her girl-cock exploded. Hot cum pumped between us. Her jizz spurted up to our pressed tight breasts. She soaked us. I groaned as I drove my cock into her spasming depths. Her pussy rippled around my clit-dick, sending heat slamming into my cunt.

“Shelena!” she howled in delirious pleasure.

She clawed my back as I thrust hard and fast into her climaxing cunt. The pleasure of her pussy writhing around me fed the ache at the tip of my girl-dick. I groaned with every thrust into her writhing depths. My orgasm built faster and faster. My cunt dripped with my cream. It spilled down my cock and into her pussy as I buried into her.

“Guanting!”

I spurted my cum into the amazing futa's depths. A rush of love and pleasure shot through me. My dick unloaded, spurting into her spasming pussy as her cock continued to coat our bellies and tits in her passion. I kissed her hard as stars burst across my vision.

My pussy convulsed around nothing. Pussy juices gushed out. My girl-cum erupted again and again. Rapture and ecstasy, those two amazing delights, mixed and swirled through me. I quivered atop her, breasts pressed into tits. Our tongues dueled.

The pleasure surged so hot through me. I hit the pinnacle of my climax as her pussy milked me dry. I loved the nerdy futa beneath me. I kissed her so hard as we shuddered through our orgasms together. I buzzed as I crashed down into bliss.

I kissed her as my love for her overwhelmed me. I didn't want to get off of her. I wanted to stay like this forever.

I shuddered as my orgasm dwindled further. Our bodies were wonderfully slicked with her cum, my dick softening in her pussy. I stroked her face, brushing her glasses. I rubbed my nose against hers. This heat rippled through me. This need to ask the question burning inside of me.

Fear clenched about my heart. Despite sharing our passion, I was scared of what she would say. But I had to ask. “Would you, uh, like to go out on Friday?”

“Like on a date?” Guanting asked.

“Yeah. A date.” I swallowed as I stared down into the older futa's eyes.

She smiled. “Sure. Sounds fun. Meet after classes?”

Exhilaration surged through me. I kissed her hard, loving the feel of her glasses nudging against my face. Just because she was a nerd that dressed so old-fashioned didn't mean she wasn't a passionate lover. That she didn't have heat burning inside of her.

That she wasn't someone who made me feel like a better person.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

venerdì

The school day was over. I was done being in the Program.

The president waited outside the main exit. She was giving Catherine Snider her miniskirt and tank top to put on. The girl grabbed them then just strolled off naked. President McTaggart watched her walk off, shifting.

“She does have a cute ass,” I said. “You hopeful the board of trustees will let you tap it?”

“Ms. Lowell,” President McTaggart purred, turning to face me. Her red hair flowed about her face. Amusement sparkled in the futa's eyes. “I hear there has been a marked improvement in your behavior. You've even been apologizing.”

“Er, yeah,” I said, rubbing at the back of my neck, my large tits swaying. “I kinda realized how much of a cunt I was.” I blushed. “I mean, jerk.”

“I've heard the word cunt before,” she said. Then winked at me. “I even have one.”

My girl-dick throbbed. Maybe if that ban got approved, she could tap my ass. That would be a delight. I was finding out I liked getting fucked. Girls were fun, but futas had dicks and pussies.

“Looks like you took your second chance and made something of it,” she continued.

“Yeah,” I said. “It's been nice. I've been having a good time. Things are different.”

“Don't waste it. It's good to grow and evolve.”

“It definitely does feel good,” I said noticing Guanting striding up in her long skirt and blouse. She had a smile on her lips, her glasses sparkling in the sun. “Excuse me, my date's here.”

President McTaggart glanced over at Guanting and then clapped her hands in delight. “That's wonderful. Divertiti. Make her cum a lot.”

“I plan on it,” I said, heading out to have my first date ever. Not a booty call. Not a quickie in a bathroom, but dinner, a movie, and who knew what else we'd do. I reached Guanting, my futa-dick throbbing hard before her.

I cupped her face and kissed my futa-girlfriend. My sexy nerd. Growing up and evolving definitely had its perks. I was glad the Program came to our college. Without it, I never would have been so open with my passions. I never would have so thoroughly realized how much of a cunt I was to the entire school.

I never would have fallen on my ass. Sometimes, you needed to get knocked down so hard you are stunned by it. There was no other way to find the strength to stand back up and do it better. It applied in football and in life.

I slipped my arm around Guanting and strolled off with her, contented.

To be continued in the final Naked in School Tale...

Storie simili

Notte incredibile

Notte incredibile Qual è stata la tua notte o il tuo giorno di sesso più incredibile? Cosa lo ha reso così fantastico? Questo è mio, quattro anni fa. Quando ho comprato il mio duplex nei sobborghi di Minneapolis, significava che sarei rimasto qui per un po' e ne ero davvero felice. Una giovane coppia sposata poco più che ventenne stava affittando l'altra parte del duplex. Avevo appena compiuto trentadue anni e mi sentivo già una generazione avanti a loro. Ho organizzato una piccola festa per conoscere i vicini e si sono presentate una ventina di persone. La maggior parte aveva figli...

163 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

122 I più visti

Likes 0

Il Ristorante_(3)

Il ristorante il mio nome segna e questi sono alcuni dei miei exploit sul lavoro. Im nero 5-7 un pò paffuto ma muscoloso allo stesso tempo. ho muscoli duri sotto un piccolo strato di grasso anche se lavoro sempre sul mio stomaco che è solo leggermente ingabbiato dalla birra. era sabato mattina ed ero di nuovo in ritardo 2 di lavoro, sono entrato nel parcheggio e sono entrato al lavoro. Non che a nessuno importi mai quando mi presento, purché mi presenti. A destra del pipistrello mi sono imbattuto in jeans awwh merda questo fa schifo Jenal è indiana e ha...

106 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

95 I più visti

Likes 0

Mia madre_(0)

Tutto è iniziato nel 1968 quando sono tornato a casa dalla marina. come ti ho detto prima io aveva scopato mia sorella sul divano mentre tutti dormivano. qualche anno dopo mi sono sposato. non era il massimo, ma lo ha fatto in un pizzico. abbiamo avuto questo apt. downtown e io ero il manager di questo piccolo posto. aveva solo 12 app. ma era casa. mia madre è venuta a stare con noi perché aveva perso il suo appartamento. le abbiamo dato il nascondiglio nel stanza di fronte. la maggior parte delle sere erano proprio come tutte le notti, una piccola...

86 I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

79 I più visti

Likes 0

Nell'armadio

Nascosto nell'armadio- La mia famiglia è composta da mia madre, mio ​​padre e mio fratello. Mio fratello ha solo 2 anni meno di me e siamo quasi simili. Mi chiamo Marcus e quest'estate verranno i miei 2 cugini Shay e Aniya. Shay ha la mia età e Aniya ha 4 anni in meno. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che li ho visti, quindi sarebbe stato emozionante. Pesco pulendo la mia stanza e mi preparo perché mio fratello trasferisca le sue cose in modo che le ragazze possano prendere la sua stanza per l'estate. A mezzanotte erano già arrivati...

76 I più visti

Likes 0

Ho chiesto a nostro figlio di scopare sua madre

Carrie ed io siamo sposati da 35 anni e ci amiamo profondamente. Ci siamo sposati quando avevo 19 anni e lei aveva solo 18 anni ed era incinta. Abbiamo fatto sesso solo una mezza dozzina di volte prima che lei rimanesse incinta, eravamo sposati, ma la prima notte di nozze, per circa 12 ore, le ho riempito la fica con 12 carichi del mio sperma. Era pronta quanto me. Per i tre mesi successivi l'ho scopata quasi ogni notte e l'ho convinta a succhiarmi il cazzo un paio di volte. Non le è piaciuto e non le è piaciuto molto le...

71 I più visti

Likes 0

Trovare il piacere prima delle femmine

Uscii nel fienile per recuperare alcuni attrezzi e mentre stavo per entrare in bottega udii un sommesso gemito provenire dal fienile. All'inizio ho pensato che potesse essere uno dei tanti animali che vagano liberamente per la fattoria. Entrai nel negozio e sentii di nuovo il gemito. Questa volta non sembrava che nessuno degli animali che conoscevo fosse nella fattoria. Allora, incuriosito, mi avvicinai e salii su una delle scalette che portavano al fienile. Quando la mia testa si è affacciata nel soppalco, mi sono guardata intorno e non ho visto nulla. Ho continuato su per la scala e sono entrato nel...

13 I più visti

Likes 0

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

48 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.