Insegnanti: Mr Johns_(1)

852Report
Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns

Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito.

Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio.

Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro. Non ho mai messo peso, motivo per cui sono sempre stata la prostituta nel rugby e perché ero veloce nei 100 metri. Gli altri ragazzi in classe mi chiamavano ossuto e praticamente ridevano della mia totale mancanza di fisico. Non ha aiutato molto il fatto che fossi un po 'solitario.

Sono stato allevato in orfanotrofi per la maggior parte della mia vita e fare amicizia è sempre stato difficile. Non appena ho fatto amicizia, sono stati trasferiti in un'altra casa, quindi non è mai durato a lungo. Quindi suppongo che inconsciamente sia diventato inutile tentare. Avevo anche un enorme complesso di inferiorità. Non sono stato vittima di bullismo, beh non per molto perché avevo anche una rabbia rossa che si accumulava nel corso delle settimane e poi esplodeva. Se tu fossi quello che mi ha fatto cadere oltre il limite, non importerebbe quanto eri grande o quanto forte o anche se fossi un adulto, sono semplicemente esploso e sono andato per te. Non è un bello spettacolo, posso dirti.

Ero tra i primi cinque nella maggior parte delle materie durante il mio anno scolastico, incluso lo sport, quindi avevo un senso di realizzazione in quello che facevo, ma ancora non avevo molta fiducia in me stesso. Una strana miscela davvero.

Comunque torniamo alla storia. Avevamo un nuovo insegnante di educazione fisica nella scuola che era pazzo di rugby. L'educazione fisica era sempre la mia ultima lezione della giornata, quindi non c'era mai fretta di passare alla lezione successiva. Questo mi ha fatto sì che a volte impiegassi più tempo a riporre l'attrezzatura e quel giorno particolare sono entrato nello spogliatoio mentre l'ultimo studente se ne andava, quindi ero tutto solo. O così pensavo. Sentire una doccia ancora in funzione non era insolito, quindi mi sono spogliato e sono andato nella doccia per essere affrontato dal signor Alban, il nuovo insegnante di educazione fisica, nudo, che si faceva la doccia.

Dire che ero imbarazzato sarebbe un grossolano eufemismo. Non avevo mai visto un uomo nudo prima. Era totalmente diverso dai ragazzi nudi. Ovviamente i miei occhi caddero immediatamente su quello che allora mi sembrò un pene enorme.

"Io... mi dispiace signore, pensavo che se ne fossero andati tutti." balbettai.

"È per questo che sei sempre in ritardo?" chiese continuando con la sua doccia.

Abbassai lo sguardo sul pavimento. "No... no signore." Ho detto: "Io solo..."

"Ti sei preso il tuo tempo sperando che gli altri se ne fossero andati in modo che non commentassero il tuo corpo snello." intervenne.

Volevo mentire ma davvero non riuscivo a pensare a niente da dire. "Si signore." dissi, sconfitto.

“Beh, sono solo io, quindi fatti la doccia e poi penso che dovremmo fare due chiacchiere. OK?" Poi ha chiuso la doccia ed è uscito sorridendomi.

Per qualche motivo quel sorriso mi fece rilassare. Mi sono fatto una doccia veloce e poi, con l'asciugamano avvolto intorno alla vita, sono andato nello spogliatoio dove il signor Alban si stava asciugando. Il suo enorme cazzo oscilla come una mangiatoia per uccelli nella brezza. Gli voltai le spalle, mi asciugai velocemente e mi vestii. Per qualche ragione ho sentito una strana agitazione nelle mie palle

"Capisco cosa provi per gli altri ragazzi che ridono di te." Disse piano: “Ho avuto lo stesso problema quando ero a scuola. Non perché fossi magro, ma perché anche adesso sono basso. Come te, ero la prostituta della squadra.

(per quelli che non sanno cosa sia un tallonatore di rugby, di solito è l'uomo più basso o più leggero della squadra che si trova al centro della prima linea della mischia. Si appende ai due piloni e usa le gambe per agganciare il palla fuori. Quindi prostituta)

"Veramente." sussultai, sorpreso.

"Sì davvero." Ha riso. "Comunque. Dobbiamo rendere un po' meno ovvio che stai facendo quello che stai facendo perché gli altri ragazzi l'hanno notato. Quindi in futuro ti chiederò di mettere via la roba invece di farlo e basta. In questo modo lo farai ufficialmente e se vorrai potrai unirti alla squadra quando giocheremo con altre scuole in casa e in trasferta come nostro roady se vuoi. In questo modo ti farai la doccia dopo una partita o una lezione. Di solito chiudo a chiave le porte principali una volta che gli altri se ne sono andati, quindi potrei dover usare anche la doccia, ma non è un problema, vero?"

"No signore," ansimai, "Grazie signore."

“Giusto, è meglio che ti lasci uscire. Martedì e giovedì sono le tue lezioni di educazione fisica. Ti farò sapere quando giocheremo una partita e lo chiarirò con la tua casa in modo che tu possa unirti alla squadra.

"Grazie Signore." Dissi, mentre apriva la porta e mi faceva uscire: "Ci vediamo domani, signore". Sorrise e chiuse la porta.

Per tutta la strada verso casa non riuscivo a togliermi dalla mente l'immagine di quell'enorme cazzo. Più ci pensavo, più forte era l'agitazione nei miei lombi finché mi resi conto che stavo avendo un'erezione. Lo shock è stata la mia reazione iniziale, poi la confusione.

Arrivò giovedì ed ero più rilassato di quanto non fossi mai stato. Non preoccuparmi delle docce sembrava sollevarmi un peso enorme. Ho avuto un cracker di un gioco e ho anche segnato una meta che mi ha portato via con una spalla contusa. Mi sono seduto e ho guardato il resto del gioco e poi, una volta finito, ho aspettato, esitante.

"Mike, metti via la roba per favore e penso che forse ci sia una palla in fondo al campo."

"Sì, signore, darò un'occhiata." L'ho detto con un sorriso.

Quando ho trovato la palla e messo via la roba, l'ultimo studente se n'era appena andato e il signor Alban stava chiudendo la porta. Sono andato nello spogliatoio e mi sono spogliato senza paura al mondo. Mentre entravo nella doccia, il signor Alban entrò spogliato e si unì a me. Ancora una volta sono rimasto ipnotizzato dal suo cazzo.

"Sì, è reale e sì, un giorno sarai così grande." disse il signor Alban, sorridendo.

Sono diventato rosso vivo. "Spiacente signore, è solo, solo..."

Si è avvicinato a me e ha detto: “Guardalo quanto vuoi. Togliamoci di mezzo questo imbarazzo perché faremo spesso la doccia insieme.

"Mi dispiace signore." Ho detto piano: "È solo, è così, grande signore".

Ha riso, il che ha alleggerito un po' la situazione. Senti, asciughiamoci e andiamo in ufficio dove fa un po' più caldo.»

Uscì dalla doccia, prese un asciugamano e si diresse verso l'ufficio seguito da me. Aveva ragione, ovviamente l'ufficio era riscaldato e molto più caldo. Ha lasciato cadere l'asciugamano sul pavimento. "Siediti in poltrona." Egli ha detto. Ho fatto come indicato. "Ora. Asciugami.

"Cosa...?"

"Asciugami". Ha ripetuto. “La tua curiosità è scritta su tutto il viso. Tutte quelle domande. Come ci si sente? Fa male? Quindi asciugami. Toccalo. Sentilo. Ottieni le tue risposte. Allora io farò lo stesso per te.

Mentre ero seduto sulla poltrona, il suo cazzo era proprio davanti alla mia faccia. Era palpitante e sembrava crescere. L'ho guardato in faccia, sorrideva, rilassato. Poi lentamente ho allungato la mano con l'asciugamano e, ancora un po' spaventato, gli ho asciugato lo stomaco ma non sono riuscito a trattenermi e mi sono fatto strada velocemente verso quell'enorme cazzo. Non era morbido come mi aspettavo e stava crescendo. Ero affascinato. Più lo asciugavo più cresceva e più cresceva più lo asciugavo. Ormai doveva essere lungo 7 o 8 pollici e palpitante.

“Ok ora ti asciugo.” Egli ha detto. Ero deluso. "Scambia posto".

Ci siamo scambiati di posto e lui mi ha tirato vicino a sé e ha iniziato ad asciugarmi. Dal mio petto giù ai miei piedi e poi di nuovo su fino a quando ha asciugato dolcemente il mio piccolo cazzo. Di nuovo sentii quel formicolio nelle palle solo che questa volta era dieci volte più forte e mi fece gemere di piacere. Ha continuato le sue manipolazioni per alcuni minuti, "Ti fa sentire bene?" Chiese.

"Oh sì signore." gemetti.

"Mi ha fatto sentire bene quando l'hai fatto a me." Egli ha detto.

"Veramente?" chiesi con un sorriso.

"Oh si." Disse dolcemente: “Mi ha fatto sentire tutto caldo dentro. È così che ti senti?"

"Oh sì signore." dissi lottando per mantenermi in piedi.

"Forse è meglio che ti siedi mentre ti asciugo."

"Si signore." dissi e mi lasciai cadere sulla poltrona.

Mi ha tirato in avanti finché il mio sedere non è stato sul bordo del sedile e poi ha ricominciato ad asciugarmi. Non so quando ha smesso di usare l'asciugamano, so solo che a un certo punto il mio cazzo era più duro di quanto non fosse mai stato ed era nella sua mano. Allargò le mie gambe più larghe e si sistemò tra di loro mentre gemevo di piacere poi, sentii l'aria calda intorno al mio cazzo, poi le morbide labbra umide che circondavano la testa gonfia del cazzo. I miei occhi si spalancarono ed emisi un forte gemito di squisito piacere mentre la sua testa si alzava e si abbassava lentamente sul mio piccolo cazzo. Quando ho chiuso di nuovo gli occhi, quel formicolio è diventato un'esplosione che mi è corsa su per tutta la lunghezza.

“Arrrrghhhhh.” Ho pianto quando la mia testa di cazzo è esplosa. I miei occhi si spalancarono per vedere il signor Alban che leccava l'estremità del mio cazzo con la lingua e il fluido bianco e viscoso che gli schizzava in bocca. "ooohhhh mmmyyy oh iiii'mmmm sorrrrrryyy signore sono..."

Quando il fluido si fermò, prese in bocca tutti i miei 3 pollici e poi mi liberò. "Non hai mai avuto un orgasmo prima?" Chiese.

“Se quello fosse un orgasmo. Allora no signore. Mai."

Sorrise: "Ti piacerebbe imparare a farlo?"

"Oh sì, per favore signore." Ero ansioso. Volevo sentirmi così molto di più, credimi.

“Va bene, chiamerò casa tua e gli farò sapere che farai un po' tardi a casa. Scambia di posto.»

Afferrò il telefono dalla scrivania e si sedette sulla poltrona con le gambe divaricate. "Ora siediti qui e inizia ad asciugarmi il cazzo ma senza l'asciugamano."

Feci come mi aveva ordinato e presi in mano il suo cazzo palpitante come se lo stessi asciugando. Mi ha dato un paio di istruzioni finché non ho capito bene e poi ha composto un numero al telefono.

“Oh sì ciao.” Disse sorridendomi. «Questo è il signor Alban. Ho Michael qui. SÌ. Sì, è vero, ma temo che siamo stati trattenuti, quindi farà un po' tardi a casa. Oh sì, va bene, gli offrirò la cena prima di accompagnarlo. Ok grazie ciao.”

Non so perché ma giocare con il suo cazzo mentre parlava al telefono mi sembrava proprio così, non lo so. Emozionante. Avevo un sorriso raggiante sul mio volto.

“Beh, questo è tutto risolto. Abbiamo un sacco di tempo adesso. Disse mentre sollevava le gambe sopra il bracciolo della sedia. “Ora usa la tua mano libera per giocare con le mie palle mentre strofini su e giù. Ora usa la lingua e lecca su e giù per l'asta fino alla fessura del mio sedere e succhia una delle mie palle mentre passi.

Non ho pensato a niente. Ho appena fatto come indicato e ho saputo dal suo incoraggiamento e dallo sguardo sul suo viso che lo stavo facendo bene. Provavo uno strano senso di orgoglio per quello che stavo facendo e un'erezione che si stava formando ancora una volta.

“Ora quando torni su prendi il mio cazzo in bocca e succhialo leggermente, niente denti solo gengive e labbra. Questo è tutto. Ora fallo un paio di volte, poi torna giù e su di nuovo. Oh, è così bello. Sei davvero bravo in questo. Ora, quando arrivi di nuovo al mio sedere, spingi dentro la lingua il più lontano possibile.

Devo ammettere che spingere la mia lingua nel buco di merda di un uomo mi ha scoraggiato un po', ma l'ho fatto comunque e sono rimasto piacevolmente sorpreso sia dalla sua reazione che dalla mancanza di gusto.

“Ora spingi due dita nel mio buco del culo invece della tua lingua. Eh si, perfetto. Sei davvero bravo in questo Mike. Dopo alcuni minuti passati a scopargli con le dita il buco del culo ea masturbarsi il cazzo, il suo respiro era diventato un po' irregolare.

"Hai un duro con Mike?" Chiese.

"Sì, signore, lo voglio."

"Allora perché non provi a metterlo dove sono le dita e vedi se ti piace."

Ha tirato su le gambe e ho potuto vedere l'apertura che mi aspettava. Mi alzai e mi avvicinai a quel buco. Ha afferrato la mia erezione e l'ha guidata dentro. Sono rimasto stupito di quanto fosse comodo e di quanto presto sia scomparso. Il mio Alban mi ha istruito su come scoparlo e la presa del suo buco del culo era tale che molto presto ho sentito quel succo caldo che mi scorreva su per il cazzo.

"Oh signore." Gemetti ad alta voce: "Sta succedendo di nuovo oh signore oh oh oooohhhhhhh." Era così potente che ho dovuto fermarmi, ma il signor Alban mi ha tirato ancora di più dentro di sé e ha assunto le azioni fino a quando le mie gambe non sono crollate.

"Ti è piaciuto quel Mike?"

"Oh signore, lo era, beh, era wow signore."

“Bene, sono contento. Ora torna a succhiarmi il cazzo, giovanotto.

Se dicessi che ero impaziente sarebbe un eufemismo. Tutto il mio corpo brillava e volevo fare tutto il possibile per far sentire il signor Alban come me. Ho succhiato quel cazzo con gusto. Non ci è voluto molto. La prima volta che seppi del suo orgasmo fu quando un getto di qualcosa di salato colpì l'interno della mia bocca. Ho tirato indietro la testa e ho visto quel liquido bianco schizzare dal suo cazzo. Mi ha tirato giù e mi ha fatto oscillare la testa su e giù finché non ha finito. Vorrei dire che l'ho ingoiato tutto, ma sarebbe una bugia dato che un po' di esso mi è caduto sul mento mentre sorridevo con orgoglio per aver dato a quest'uomo la stessa piacevole sensazione che aveva dato a me.

"Dovremmo farci la doccia e vestirci o ci staremo tutta la notte." Disse con una risata.

Abbiamo fatto una doccia e devo ammettere di aver giocato con lui per un po' e di aver succhiato velocemente prima di vestirci. Mentre ci allontanavamo ho chiesto: "Fa male?"

"Cosa diavolo vuoi dire?"

"SÌ."

“Non io no.” Disse con un sorriso: “Probabilmente ti farebbe male se non ti preparassimo prima. Perché? Ti piacerebbe provarlo così?

"Penso che lo farei, signore." Ho detto: "Finché non fa male".

«Allora dobbiamo prepararti. Quando sei solo a letto puoi masturbarti il ​​cazzo. Mentre lo fai, leccati le dita e infilatene una nel sedere. Quando è comodo usane due, poi tre e così via. Te ne prenderò un po', ma puoi usare dei plug per aiutarti e forse entro la prossima settimana puoi prenderti un cazzo su per il culo. Faresti così?

"Oh sì signore." Ho detto: "Inizierò stasera".

"Bene, prenderemo qualcosa da asporto e poi ti accompagnerò." Egli ha detto. "Non dire a nessuno cosa abbiamo fatto e ci vediamo sabato ok?"

"Si signore."

Venerdì sono stato su di giri tutto il giorno. Ho visto il signor Alban un paio di volte, ma adesso era il signor Alban l'insegnante. Sabato sono arrivato per la partita che era una partita casalinga senior quindi non stavo giocando. Facendo parte della squadra sul campo ero in pantaloncini e maglietta della scuola. Per tutto il tempo ho fatto del mio meglio per comportarmi normalmente. Combattere costantemente contro un'erezione. Ho iniziato a masturbarmi il cazzo quasi senza sosta da giovedì e ho persino imparato a trattenere il mio orgasmo il più a lungo possibile, facendolo esplodere dolorosamente dal mio cazzo ma con un dolore così piacevole ne volevo sempre di più.

Terminata la partita mi sono preso il mio solito tempo per riporre l'attrezzatura e come speravo quando sono arrivato nello spogliatoio era vuoto. Mi sono spogliato e sono andato sotto la doccia e mi sono seduto sul pavimento sotto l'acqua fumante godendomi il getto rilassante. Ho sentito la porta aprirsi e un attimo dopo è entrato il signor Alban.

Stava di fronte a me. Il suo enorme cazzo era duro e palpitante. Si limitò a guardarmi, sorridendo. Sapevo cosa voleva e ho preso il suo cazzo palpitante nella mia mano e l'ho fatto scivolare nella mia bocca. Tutte le piccole cose che avevo provato su me stesso le ho fatte a lui. Ha emesso un forte gemito e ha dovuto appoggiarsi al muro per sostenersi, quindi sapevo che si stava divertendo. Ancora una volta provai quel senso di orgoglio per il mio risultato che raddoppiò quando le sue ginocchia quasi cedettero e lui gettò fiumi di sperma nella mia bocca in attesa.

"Mio dio ragazzo, ti sei esercitato."

"Si signore."

"Bene. Adesso vestiti. Ho un regalo per te.

Ero un po' deluso dal fatto che non mi avesse fatto venire, ma ero ansioso di vedere quale fosse il suo regalo".

Ci siamo lavati velocemente e poi siamo tornati nello spogliatoio. Frugò nella sua borsa e tirò fuori una piccola scatola. Quando l'ha aperto ho visto una piccola forma conica con quello che sembrava un supporto. Lo tirò fuori e poi mi disse di girarmi, piegarmi e allargare le gambe. Una volta che fui in posizione, fece scorrere la mano sotto il mio corpo e iniziò a suonare il mio cazzo che si alzava rapidamente. Poi ho sentito il suo respiro sulle mie natiche e poi, con un po' di shock, la sua lingua mi ha sfiorato l'ano. Il mio cazzo pulsava al tocco.

La sua presa sul mio cazzo si fece più dura ei movimenti più rapidi mentre spingeva la sua lingua più in profondità nella mia cavità anale. Stavo per venire. Gemetti forte, la velocità della sua mano sul mio cazzo mi fece indebolire le gambe e quasi crollai. Poi è arrivato. Il mio seme è uscito dal mio cazzo così grasso da essere doloroso. In quel preciso momento ho sentito qualcosa di duro trafiggermi il sedere. Era duro e lungo solo un paio di centimetri, ma sembrava il paradiso mentre il signor Alban lo spingeva e lo girava. Alla fine le mie gambe cedettero. Per fortuna mi ha beccato. E mi ha abbassato per sedermi sulle sue ginocchia.

Mi appoggiai allo schienale e appoggiai la testa sul suo petto. “Oh signore. Cosa mi hai fatto?"

«Il tuo attuale giovanotto.» Disse, e tenne davanti a me lo strano oggetto.

“Si chiama plug anale. E tu ne hai quattro. Il più piccolo è incastrato nel tuo sedere in questo momento e rimarrà lì finché non lo tirerai fuori. Che avverrà non appena si sentirà a suo agio. Quindi inserirai la taglia successiva e così via finché non avrai quella più grande in posizione. Una volta che quello grosso è nel tuo culo, lo lascerai lì. In effetti ne avrai sempre uno nel sedere fintanto che è sicuro farlo. Inteso?"

"Oh sì signore." Rimasi senza fiato prendendolo dalla sua mano: "È meraviglioso, signore".

“Una volta che hai quello grosso dentro, devi esercitarti ad afferrarlo e rilasciarlo con i muscoli. Vedi se riesci a farti venire semplicemente afferrandolo e rilasciandolo. Dovrebbe essere divertente"

"Sì, signore, lo farò, signore." Alzandosi cautamente. Quasi mi aspettavo che cadesse, ma sono rimasto piacevolmente sorpreso quando è rimasto fermo. Mi è sembrato di iniziare istintivamente ad afferrarlo e rilasciarlo.

"Adesso vestiti e ti accompagno a casa."

Martedì non sono riuscito a vedere il signor Alban fino alla lezione di educazione fisica e mi ha informato che sarebbe stato impegnato tutto il pomeriggio mentre ci stavamo avvicinando alle vacanze di metà semestre. Mi ha chiesto come me la cavavo con i giocattoli e gli ho detto che avevo quello grande da domenica pomeriggio ed era davvero comodo.

Quando mi sono alzato per andare a scuola mercoledì, sono stato informato che il signor Alban aveva ospiti a casa sua per il tè e che ci sarebbe stato un ragazzino presente e sono stato invitato a unirmi a loro in modo che il ragazzo avesse qualcuno con cui giocare.

Non sapevo se fosse vero. Tutto quello che sapevo era che sarei stato con il signor Alban dopo la scuola e, si spera, saremmo stati in grado di giocare insieme. La giornata sembrava trascinarsi all'infinito. Alla fine la scuola fu chiusa e il signor Alban mi venne incontro davanti alla porta.

"Dai, allora ho una sorpresa per te." Disse: “Ho bisogno che tu ti comporti al meglio e faccia tutto ciò che ti viene chiesto. OK?"

"Si signore." Ho detto: "Lo farò signore".

Pensavo stessimo andando verso la macchina del signor Albans, ma l'abbiamo oltrepassata e ci siamo diretti verso la grande casa all'ingresso del cortile della scuola. Era un posto enorme, dall'aspetto antico e storico ed era la casa del Preside e di sua moglie. Questo posto era totalmente vietato agli studenti. Il mio cuore batteva forte. Eravamo stati catturati? Avevo fatto qualcosa di sbagliato? Stavo per essere rimproverato per qualche reato sconosciuto.

Quando il signor Alban si avvicinò alla porta, questa fu aperta dalla signora Johns. La moglie del preside. Era piuttosto alta, circa 5'10 "a indovinare con lunghi capelli castani e un corpo snello tranne che per le sue tette che sembravano troppo grandi per il suo petto. Ma sembrava gentile, mi sorrideva ampiamente.

"Tu devi essere Michael." Disse tendendomi la mano.

Misi la mia mano nella sua e lei mi condusse in soggiorno dove il signor Johns sedeva comodamente su una poltrona. Vestito con quella che sembrava una vestaglia a figura intera di seta.

"È lui?" chiese il signor Johns, guardando il signor Alban.

"Si signore." Rispose il signor Alban. Sono rimasto un po' sorpreso dalla deferenza che il signor Alban ha mostrato a quest'uomo, ma poi era il Preside e quel solo pensiero mi ha fatto tremare le ginocchia.

"Bene, giovanotto." Il signor Johns ha detto con un sorriso: "John qui mi parla bene di te".

"Grazie Signore."

"Ora perché non ti togli i vestiti e mi permetti di darti un'occhiata."

Ero sorpreso. Ho guardato il signor Alban che ora era in piedi accanto al signor Johns. Sorrise e mi fece un cenno. Cos'altro dovevo fare. Questi due uomini erano l'autorità della scuola e si aspettavano di essere obbediti. E il signor Alban aveva detto che avrei dovuto comportarmi al meglio e fare come mi era stato chiesto. Mi tolsi i vestiti e rimasi timidamente nudo. Consapevole della spina ancora nel mio culo.

"Vieni qui." Disse dolcemente.

Mi sono mosso verso di lui e lui ha fatto scorrere le sue mani leggermente sulla mia spalla e lungo la schiena fino alle natiche e poi sui miei fianchi fino al mio cazzo semi duro. “John mi ha detto che sei molto bravo a succhiare cazzi Michael. È giusto?"

"Noi... noi... beh, mi piace, signore." dissi tremante.

“Vieni e mostrami quanto sei bravo. Ecco un bravo ragazzo. Mentre diceva questo aprì la vestaglia per rivelare il suo corpo nudo. Per essere un uomo di circa 50 anni, era abbastanza magro e il cazzo semiduro tra le sue gambe era più grande del signor Alban ma non così grosso. Ho notato tutto questo mentre mi inginocchiavo davanti al signor Johns. Ho fatto un respiro profondo e mi sono detto di essere il meglio che posso essere.

Quando ho afferrato il suo cazzo e ci ho fatto scorrere lentamente la mano, è diventato completamente eretto. Lentamente ho abbassato la testa e l'ho preso in bocca. Il signor Johns emise un sospiro e sentii il suo corpo improvvisamente rilassarsi completamente mentre si abbandonava al piacere della mia giovane bocca. Mi ha guidato per il suo piacere personale. Rallentandomi, accelerandomi in modo che il suo piacere salisse e scendesse.

Dopo un po' sentii una mano morbida sulle mie natiche, tra le gambe che tirava indietro i fianchi e allargava le gambe, senza mai lasciare che quel cazzo mi scappasse dalla bocca. Queste non erano le mani del signor Albans. Dovevano appartenere alla signora Johns. Questo era totalmente nuovo per me. Non ero mai stato toccato da una ragazza e l'unica volta in cui una donna mi aveva toccato era per lavarmi negli orfanotrofi che avevo frequentato per tutta la vita.

Queste mani erano sessualmente esperte. Hanno giocato con la mia erezione in continua crescita e mi hanno infilato il tappo nel culo. gemetti forte. Ho gemuto ancora più forte quando la spina è stata rimossa. E poi, ho sentito qualcosa di morbido, rigido ma morbido che bussava a quel buco vuoto. Lentamente si infilò dentro. Toccando punti che la spina non aveva mai raggiunto. Sfiorare qualcosa dentro di me che ha mandato un'onda d'urto in tutto il mio corpo e ha fatto tremare il mio cazzo eretto in attesa. Chiunque fosse nel mio culo ha iniziato ad accelerare, andando sempre più in profondità finché non ho sentito che non poteva andare oltre. Poi hanno elaborato un ritmo che ho abbinato al cazzo di Mr Johns nella mia bocca. Stavo oscillando avanti e indietro. Gemendo forte ad ogni movimento fino a quando, finalmente, lacrime di gioia totale sono esplose dai miei occhi e ho urlato ad alta voce dalla mia bocca piena di cazzo mentre il cazzo esplodeva sul pavimento e il signor Johns mi ha riempito la bocca con più succo di quanto potessi trattenere. Allo stesso tempo un forte gemito di piacere da dietro di me e la sensazione nel mio retto di succhi che colpiscono i miei posti più profondi.

Mentre il signor Johns veniva sbavato dalla mia bocca, ho gemuto i miei apologhi: "Mi dispiace signore, mi dispiace tanto, non ho potuto reggere tutto signore".

"Shhhh." disse il signor Johns passandomi una mano tra i capelli. “Dovresti essere molto orgoglioso di te stesso Michael. Non venivo così da molto, molto tempo.

«Nemmeno io.» Disse la voce dietro di me.

Girai la testa per guardare negli occhi la signora Johns. Confuso ho guardato in basso e sono rimasto stupito nel vedere che la signora Johns aveva un cazzo, un cazzo piuttosto grande e un paio piuttosto grande di tette molto sode. Ero totalmente confuso. Mi sono seduto meglio che potevo e ho appoggiato la testa sul grembo del signor John mentre continuava a passarmi le mani tra i capelli.

Mi è stato permesso di rimanere lì per un po' e poi la signora Johns mi ha preso la mano e ci siamo diretti a fare una doccia. Aprì l'acqua e io entrai. Mi lavò delicatamente e per tutto il tempo non riuscii a staccare gli occhi dal suo corpo nudo.

"Ti è piaciuto?" Lei chiese

"Oh sì signorina." Ho detto: "Non ho mai pensato..."

"Vai avanti." ha incoraggiato.

"Beh, il tuo... un uomo?" ho chiesto.

«Sono la signora Johns.» sorrise: “Se lo facciamo di nuovo allora forse possiamo discutere un po' di più le cose. Ma penso che tu abbia reso molto felice il signor Johns oggi. Ora asciugati e mettiti questo, poi possiamo andare a prendere il tè. Mi porse una piccola vestaglia di seta, molto simile a quella che indossava il signor Johns. L'ho indossato e sono andato in sala da pranzo dove ho trovato il signore e la signora Johns che aspettavano al tavolo. Nessun segno del signor Alban.

"Non preoccuparti Michael." Il signor Johns disse sedendosi al tavolo: "John tornerà per accompagnarti a casa un po' più tardi".

"Si signore." dissi, prendendo il posto indicato dalla signora Johns. Erano entrambi ancora vestiti come prima, i loro corpi aperti al mio sguardo. Ma sembrava loro naturale.

Mangiai in silenzio ascoltando a metà quello di cui parlavano i due adulti, ma ovviamente non ero così scortese da interromperli, anche se sapevo che parte della conversazione riguardava me.

Una volta terminato, il signor Johns è tornato alla sua poltrona e mi ha invitato a raggiungerlo. Mi sono seduto sulle sue ginocchia e non è passato molto tempo prima che potessi sentire il suo cazzo diventare duro, quindi mi sono mosso di tanto in tanto contorcendomi contro la sua erezione in aumento.

Speravo che volesse scoparmi e non sono rimasto deluso. "Alzati per un momento Michael." Egli ha detto.

Ho messo le mani sui braccioli della sedia e mi sono alzato. Abbastanza sicuro ho sentito la sua erezione bussare al mio sedere. "Bravo ragazzo. Adesso abbassati”.

Sospirai mentre, con gli occhi chiusi, mi abbassai lentamente sul suo membro palpitante. L'ho sentito connettersi con le mie viscere, ma ho continuato finché non sono stato di nuovo seduto sulle sue ginocchia. Mi tirò indietro per sdraiarmi sul suo petto e la signora Johns si avvicinò e allargò le mie gambe ai lati delle sue. Non ha provato a fottermi, ma l'ho sentito far pulsare il suo cazzo dentro di me. È stato qui che è entrato in vigore il mio allenamento con i tappi di testa. Ho usato i muscoli dei miei glutei per masturbargli il cazzo ed ero molto soddisfatto che gemesse di piacere.

Ovviamente ormai ero anche eretto ed ero cresciuto fino a circa 4 pollici di lunghezza. La signora Johns si avvicinò e si sedette tra le mie gambe sorridendo. Ha raggiunto il mio cazzo e ha iniziato a giocare delicatamente, molto leggermente con le palle e strofinare il mio cazzo. Poi, con mia assoluta gioia, mi ha preso in bocca.

Posso immaginarlo ora. Sdraiata in grembo al signor John con le gambe divaricate, il suo cazzo nel mio culo e il mio cazzo nella bocca di sua moglie, anche con il mio cazzo e il mio culo che pulsavano selvaggiamente, ero più rilassato di quanto non fossi mai stato in vita mia. Mi ci sono voluti solo pochi istanti per sparare il mio piccolo carico nella bocca della signora Johns. Una volta che ho finito, ha tirato fuori la lingua per mostrarmi, o era il signor Johns, i miei succhi.

La signora Johns allora si alzò e si avvicinò alla sedia, portando con sé le mie gambe. Il signor Johns mi mise un braccio intorno alla schiena e mi fece sedere finché non riuscii a prendere in bocca il cazzo della signora Johns, cosa che feci con un sorriso.

Succhiare il suo cazzo piuttosto grande e far pulsare i muscoli del mio sedere per il signor Johns è stato un po' un compito, ma alla fine ho preso il ritmo. Anche se non riuscivo a mettermi in bocca molto del suo cazzo, giocando con le sue palle e facendo scorrere la mia mano su e giù per quell'asta dura, alla fine l'ho fatta gemere il suo succo nella mia bocca, mentre lo faceva prendeva la mano del signor Johns e Ho sentito anche lui rilasciare il suo carico nel mio buco del culo affamato. E, devo dire con un certo orgoglio, non ho perso una goccia e ho persino tirato fuori la lingua con sopra un po' del seme della signora Johns.

"Sei sfacciato." Disse sfiorandomi il viso con la mano. “Dai, ti diamo una ripulita.

Mi portò sotto la doccia e di nuovo mi lavò, dentro e fuori. Mi sono vestita pronta per andare a casa e sono tornata in soggiorno.

"Siediti Michael." disse il signor Johns indicando la sedia accanto a lui.

"Ti è piaciuta la tua visita oggi Michael?" chiese la signora Johns.

"Oh sì, mi manca molto." dissi, con entusiasmo.

“La prossima settimana sono vacanze di metà semestre. Il signor Johns ha detto: "Come vorresti passarlo con noi?"

"Veramente!" sussultai.

"Sì, davvero" rise la signora Johns.

"Oh sì, per favore, signorina." Ho sussultato, "Posso?"

"Certo che puoi." Ha detto: "Ci piacerebbe averti".

«Ma», disse il signor Johns, «non devi mai e poi mai dire a nessuno cosa facciamo qui. OK?"

"Oh no, signore, non lo prometto, signore."

"Se qualcuno lo chiede, giochiamo e guardiamo la TV."

"Sì signore giochi e TV signore."

A quel punto qualcuno bussò alla porta e un attimo dopo la signora Johns fece entrare il signor Alban nella stanza.

"Hai fatto davvero bene John." Il signor Johns ha detto: "È perfetto".

"Grazie Signore." Rispose il signor Alban. "Ok Michael, ti riportiamo a casa."

Non mi ci volle molto per tornare a casa e, a parte confermare al signor Alban che mi ero divertito, la conversazione fu minima. Con un sorriso raggiante andai a letto e mi addormentai all'istante, sognando le gioie dell'imminente settimana di vacanza.

Quando venne venerdì fui portato direttamente a casa del preside. La signora Johns mi ha mostrato la mia stanza che aveva un enorme letto matrimoniale e mi ha detto che non dovevo mai indossare niente a letto. “Dormi sempre nudo e se io o il signor Johns desideriamo unirci a te lo faremo. Ti va bene?"

"Si Signora." Ho risposto: "Sarebbe carino".

Feci la doccia, cenai e ancora una volta passai la serata in grembo al signor John. Niente sesso questa volta, anche se sono sicuro che stava diventando di nuovo duro. Poi, quando ho iniziato ad addormentarmi, la signora Johns ha detto: “Ok Michael, è ora di andare a letto. Domani inizieremo una vita completamente nuova per te. Una volta a letto mi addormentai presto.

La signora Johns mi ha svegliato al mattino e mi ha detto di farmi una doccia e di mettermi la vestaglia, cosa che ho fatto. Li raggiunsi al tavolo della cucina e mi godetti una colazione a base di uova sode e soldati. Dopo ho aiutato la signora Johns a rimettersi in ordine e poi mi ha portato nel salotto dove il signor Johns era di nuovo sulla sua poltrona.

"Come ti piacerebbe vestirti oggi Michael?" Chiese.

Non essendo sicuro di cosa intendesse, mi limitai a sorridere. I clienti del signor erano in piedi dietro di me e poi ha abbassato un vestito davanti alla mia faccia. "Ti piace questo?" Lei chiese.

L'ho preso e ci ho passato sopra le mani: “Sì, è molto carino e si sente davvero bene. Posso provarlo?" Era un vestito di pizzo rosso con rifiniture di pizzo tutt'intorno all'orlo e alle braccia.

"Ovviamente." Il signor Johns ha detto: "E se ti piace, te ne prenderemo dell'altro".

Ho tolto la vestaglia e la signora Johns mi ha consegnato un gilet e poi mi ha aiutato a infilarmi delle mutandine con volant che erano davvero piacevoli sulla mia pelle. Poi mi ha messo il vestito sopra la testa e ha chiuso la cerniera sul retro. Mi fece voltare verso di lei e usò una spazzola per pettinarmi i capelli, che erano cresciuti piuttosto lunghi.

"Là." Disse con un sorriso: “Sei davvero carina. Come ti fa sentire?"

"È davvero bello."

"Vai a dare un'occhiata allo specchio della tua camera da letto."

Corsi nella mia stanza e mi guardai allo specchio a figura intera. Sono rimasto scioccato da quanto fossi carino. Sembravo e mi sentivo molto meglio in questi vestiti di quanto mi fossi mai sentito nei miei vestiti da ragazzo. Tornai di corsa in salotto. “Grazie signor Johns. Sono davvero carina. È questo, sbagliato da parte mia.

"Niente Michele". Disse dolcemente e mi tese le braccia. Mi ha tirato su in grembo e ha detto: “Questo è il modo in cui dovresti sempre vestirti se ti rende felice e ti fa sentire bene. Sembra che questo sia ciò che hai sempre desiderato ma non lo sapevi.

"Oh, lo fa." Dissi piano: “Mi fa sentire davvero felice. Posso sempre vestirmi con bei vestiti?

“Well we would have to buy you some more now that we know you like them. But for now you can only wear them when you are here and not say anything to anyone.”

“Oh thank you sir.” Ho detto. Turning slightly I kissed him the cheek. I felt an immediate reaction from his cock. “Would you like me to suck you cock sir?” I just felt I needed to repay him for all his kindness.

“That would be very, Michelle.” I looked at him quizzically. “Michelle is French for Michael and the name we will call you when you with us.”

I slid off his lap beaming with joy at my new name. I would show Mr Johns how happy he had made me. I unzipped his trousers and pulled out his hard cock. I spent an age sucking and playing with that wonderful piece of meat until he couldn’t take any more, and then I took him deep into my mouth and finished him off. I swallowed most of his seed but deliberately let some dribble down my chin as I smiled with pride, before using my finger to wipe it into my mouth.

That week was the happiest I had ever been. I got lots of new clothes. I spent most evenings on Mr Johns lap as we talked or watched TV. I slept in my room or Mr Johns room with him and his wife or she would spend the night with me in my room. I played with her tits as well as her cock and she should me how wonderful sex could really be. Even Mr Alban spent a night in my bed so I could finally thank him for all that he had done for me. By the end of the week I didn’t want to leave.

Just before I was supposed to go home Mr Johns pulled me up onto his lap. “I have to ask you a serious question Michael, (I was back in boys clothes).” Mr Johns said.

“Ok.” I said worried.

“How would you like to live with Mr’s Johns and Myself for ever?”

“Oh really?” I asked jumping up.” Really really?”

“Yes really.” He laughed.

“Oh yes please.” I gasped, “Let me please I would be a good b….girl for you always I promise.”

“Well if you did it would mean we would become your mother and father and you would no longer see your real parents.”

“I never see my real parents anyway and when I do they don’t want me around.” I said sadly. “I have been happy this week. Happier than I can ever remember.”

“Then we will arrange it.” Mr Johns said. “It may take a few weeks but soon you will belong to us.” And with that he gave me a huge hug. I gave Mrs Johns a huge hug and a kiss and then Mr Alban drove me home.

I spent every weekend with Mr and Mrs Johns after that. Then many weeks later, on a Monday morning I was taken to a big office building instead of to school. I was sat in a small room with a settee and an armchair. I had no idea why I was there. After a while a lady walked in and sat down smiling.

“Good morning Michael.” She said, “My name is Helen and I have some questions I would like to ask you if that’s alright?”

I nodded silently. She asked about my weekends with Mr and Mrs Johns and without from saying anything about how I dressed or the other secret things I told her how everything we did, clothes shopping going on trips and playing games and generally how happy I had been and how much I loved going to see them.

“Well Mr and Mrs Johns would like you to live with them all the time. How would you feel about that?”

“Oh yes please.” I said, tears welling up in my eyes. “Can I please?”

She put her arm round me to calm me down. She explained that I would never see my mum and dad again. And I told her I didn’t care.

“Alright then.” She said standing up. “I will be back shortly.”

She came back a moment later and I became truly afraid when my mum and dad walked in behind her.

“I thought you may like to say good bye Michael.” Helen said.

“Bye.” I said tersely.

My parents sat down without a word. Helen took some papers from her bag and lay then in front of my parents. “If you would sign here and here.” She said pointing at the papers.

Two minutes later and my parents left the room without even a goodbye. I waited scared of what happened next as I had no idea. Then a different woman walked in closely followed by Mr and Mrs Johns. I flew at them. Throwing my arms around Mrs Johns as though my very life depended on it, tears flowing down my cheeks.

Mrs Johns sat down and pulled me to her. “There there.” She said, “Calm down now.” She dabbed at my face with a tissue. “It will all be over soon and you will come home with us.” That was all I needed to know.

“I don’t think he needs to be asked again. I think it is obvious that he has become very attached to you. Shall we just sign the papers and you can take him home.

And that was the start of my new life. Somehow the papers had my name as Michelle Johns and officially that was my name. IT was a little difficult to begin with being a boy by day and girl at home but after a couple of months Mr Johns took a job at a private school 400 miles away and from the first moment we arrived I was a full time girl. I never did PE due to ‘breathing problems’ but I ran around the field every morning and every evening I became triple A student in all academic subjects including maths English and information technology.

At 16 I was invited by Henry (Mr Johns) to embark on hormone therapy to enhance my female body. He explained everything that would happen and said the choice was entirely mine and I readily agreed. It was at this time that he explained to me that John (Mr Alban) and Susan (Mrs Johns) were in fact brother (s) and sister and that Mr Alban had chosen not to embark on hormone therapy as he loved sports too much. It did explain why they never had sex together though they would at times share me and my bed together.

At 18 I was given the option of breast implants which I accepted and had 34D implants which I thought suited my slim body and small stature of 5’ 8”. I was an adult. Free to make my own choices with a life before me that I would never have had with my own parents and, most importantly I loved and was loved.

Now at 28 I had just said my farewells to Henry Johns may he rest in peace and had a whole new life to look forward to. I gave Susan a last kiss and hug. Took Johns arm and walked into a bright future with a man that I knew would care for me for the rest of my life.

Storie simili

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

2.7K I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

2.5K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.