L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

830Report
L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti

Scritto da: PABLO DIABLO

Diritto d'autore 2018

CAPITOLO 1

Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose.

A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company:

• Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda.

• Ho ricevuto una mancia di $ 2000 dal signor Jaxson, solo per aver fatto ciò che si suppone che si debba fare per prendersi cura di un cliente.

• Ho ottenuto di nuovo un aumento di stipendio del 100% dovuto al signor Jaxson, la notte del mio primissimo giorno. Il mio stipendio ora è un minimo garantito di $ 400.000 all'anno più mance e bonus.

• Sono innamorato di Tina.

• Sasha mi ha usato per fare sesso più volte, a sua discrezione.

• Jill mi ha portato in giro per vari hotel/resort di lusso e mi ha fatto conoscere le donne chiave con cui devo restare in contatto per promuovere la mia carriera.

• Ora sono il "discorso" dell'ufficio.

• Le mie buffonate hanno dato vita a un nuovo club…. "Il club dell'inconscio fottuto"

Poi, con un "ding", l'ascensore si è aperto per permettere a me e Tina di salire. Scendemmo in silenzio. La mia mente era lontana. Quando le porte dell'ascensore si sono aperte, sono rimasto sorpreso dal fatto che siamo arrivati ​​così velocemente al nostro piano. Siamo scesi dall'ascensore, Tina mi ha chiesto se sto bene.

“Sì, in realtà sto benissimo! Ho fatto due turni incredibili lavorando qui”. dissi, chinandomi per baciarla.

"Meraviglioso, voglio sentire tutto." Tina ha risposto sorridendo per tutto il tempo.

Lo faremo, ma non qui. Ci sono troppe registrazioni e dispositivi di ascolto.

"Come fai a sapere che non sto nascondendo un dispositivo di registrazione?" Tina ha scherzato.

"Beh, immagino che dovrò solo perquisirti a fondo." dissi facendo il mio sorriso sdolcinato.

"mmm, sembra delizioso!" Tina ha risposto.

"Hai fame? Sto morendo di fame, non mangio da quando è iniziato il mio secondo turno. dissi senza pensare.

"Allora, ti sei fottuto Jill allora." ribatté Tina.

"Ehm, sì." Ho detto con un tono da "mi dispiace".

Nei minuti successivi, Tina continuava a inveire su come Jill ottiene tutto il sesso che vuole. Jill era una tale sgualdrina. Jill era questo e Jill era quello... bla, bla, bla.

Ad un certo punto, l'ho semplicemente ignorata. Mi sono chiesto, perché è così gelosa di Jill? Cosa diavolo le aveva fatto Jill?

“MI STAI ASCOLTANDO??” Tina mi ha abbaiato.

"No, non proprio." Questo la faceva arrabbiare ancora di più, se possibile.

Al prossimo incrocio, ho fatto un'inversione a U.

"Che diavolo stai facendo?" chiese

«Riportarti in ufficio. Non passerò i miei due giorni liberi ad ascoltare un mucchio di lamentele e ad essere infelice. Tina, mi piaci. Davvero. Ma forse non siamo fatti l'uno per l'altro. Mi dispiace." Ho risposto.

I minuti successivi guidammo in silenzio. Lanciai un'occhiata a Tina, era presa da emozioni contrastanti. Da un lato, era così gelosa di Jill. D'altra parte, pensò, io e lei avremmo passato i due giorni successivi a letto insieme. Ho visto una piccola lacrima formarsi sul lato del suo occhio più vicino a me.

"CAZZO" ho pensato tra me e me.

Sapevo di aver appena ferito Tina. Le ho piantato il pugnale nel cuore. Non volevo farlo, è appena uscito. Immagino che una volta che sei stato bruciato dall'amore, tendi a girare intorno ai carri intorno al tuo cuore.

CAPITOLO 2

Quando mi sono imbattuto in un IHOP, ho fermato e parcheggiato la macchina. Ho avuto uno sguardo molto sconcertato da Tina.

“Cosa stiamo facendo qui? Pensavo mi stessi riportando in ufficio e scaricandomi.» Ha chiesto.

“Andiamo a mangiare. Fai una discussione tra adulti, che alla fine di WE deciderà in che direzione sarà diretta questa macchina quando lasceremo il parcheggio. Abbastanza giusto?" risposi il più impassibile possibile.

"sì" disse Tina timidamente.

Sono sceso dall'auto, sono andato al suo fianco, ho aperto la portiera e l'ho aspettata.

Quando è uscita, mi sono avvicinato e l'ho baciata sulle labbra. Non eccessivamente appassionato, ma solo per dimostrare che sono ancora interessato se riusciamo a risolverlo.

Entrammo nel ristorante, che era quasi deserto. Solo un altro tavolo con persone. L'altro tavolo era composto da ragazzini ubriachi in età universitaria che si divertivano un mondo. Erano rumorosi, ma non mi importava.

Ho chiesto un tavolo lontano da loro. La padrona di casa / responsabile del turno di notte ci ha accompagnato in uno stand lontano dai bambini. Buttò giù i due menu e disse che sarebbe tornata subito per prendere un drink.

Tina è scivolata su un lato della cabina e io sono scivolato sul lato opposto. Ho discusso nella mia testa se scivolare accanto a lei, ma ho scelto di non farlo, non ancora comunque.

Ho aperto il mio menu. Ho esaminato gli elenchi e ho deciso di fare solo colazione.

“Qualche idea su cosa vorresti? La mia sorpresa. dissi mentre guardavo i suoi occhi pieni di lacrime.

Il mio cuore affondò. Sapevo di averla ferita. La mia testa era una trottola. Tante emozioni che lo attraversano contemporaneamente.

"Ok ragazzi, cosa prendete?" La padrona di casa / manager / ora cameriera ha chiesto schioccando la gomma.

"Beh, vedo un anello nuziale, quindi immagino di no" dissi, ridacchiando.

La cameriera ridacchiò un po', molto probabilmente alla mia stupida battuta pensando che l'avrebbe aiutata a dare la mancia.

“Mi dispiace Ruth. È stato un brutto scherzo da parte mia. Non preoccuparti, le battute sono brutte e peggiorano col passare del tempo. Tina, cosa vorresti? Ho detto.

"Fammi avere un bicchiere di succo d'arancia, un'acqua senza limone e l'insalata di cobb con un leggero condimento italiano, per favore" disse Tina cercando ancora di non piangere

Poi Ruth mi guardò.

“Prenderò la colazione da uomo, uova strapazzate, bacon, patate fritte, frittelle con sciroppo d'acero e un bicchiere abbondante di succo d'ananas, se ne hai, altrimenti succo di mela con una grande acqua ghiacciata anche senza limone. " Ho indirizzato a Ruth.

Ruth sorrise, continuando a schioccare la gomma e se ne andò.

Alzo le mani sul tavolo verso Tina, i palmi verso l'alto. Speravo che allungasse la mano e mettesse le sue mani nelle mie. Ma, ahimè, no.

“Tina, mi piaci. Spero tu lo sappia. Ma c'è di più per me di quello che hai visto finora. Riesci a capirlo? chiesi piano.

"Credo di sì. Pensavo che stessimo andando molto d'accordo, ma poi sei andato a scoparti Jill.» Tina ha detto con un tono di rabbia.

“Tina, non siamo sposati. Non stiamo nemmeno uscendo insieme, infatti questo IHOP sarebbe il nostro primo appuntamento. Non so cosa sia successo tra te e Jill perché tu sia così arrabbiata con me e arrabbiata con lei. Il che mi fa chiedere perché va bene per me scopare Paula e fare sesso con Sasha per suo capriccio? Come lo trovi ok, ma non Jill? mi sono perso qui Spiega per favore." Ho risposto più gentilmente che potevo.

Ci fu una pausa gravida. Ruth arrivò con i nostri drink e se ne andò di nuovo.

Il silenzio era assordante. Il gruppo del college si è alzato, è letteralmente barcollato verso il registratore di cassa e ha iniziato a cercare di mettere insieme abbastanza soldi per l'assegno.

"Ti mancano circa $ 20 PIÙ LA MIA MANCIA." abbaiò Ruth

Ho detto a Tina di stare ferma, che sarei tornato subito.

Mi sono alzato e sono andato alla cassa. Il gruppo del college stava scavando nelle borse, nelle tasche, aprendo i portafogli, cercando ovunque altri soldi.

"Senti, se non hai i soldi dovrò chiamare la polizia." Ruth abbaiò di nuovo contro di loro.

Mi sono avvicinato alla cassa e mi sono presentato. "Ruth, quanto costa il loro conto?"

"Sono circa $ 20 in meno più la mia mancia", ha risposto gelida

«Ruth, non è quello che ho chiesto. Qual è il loro conto totale? ho chiesto di nuovo.

"Il loro assegno, 'SIR', è di $ 67,50." disse Ruth grondando le parole con un tono.

“Va bene, mi prenderò cura del loro assegno PIU' della tua mancia. Abbastanza buono?" Le ho risposto con un mio tono sarcastico.

Misi una mano in tasca e tirai fuori una delle banconote da 100 dollari che avevo ricevuto dal signor Jaxson.

I ragazzi del college erano sbalorditi. Tutti mi hanno chiesto il mio nome e dove potevano inviarmi i soldi.

Ho dato loro un biglietto da visita generico della compagnia di limousine. Ho scritto il mio nome sul retro, pensando tra me e me che non li rivedrò mai più. Ma ho sorriso e ho dato il biglietto a una simpatica signorina che sembrava essere abbastanza sobria da guidare il gruppo a casa sano e salvo. Hanno chiesto, mentre Ruth stava finendo la transazione, se possedevo la compagnia di limousine.

"No, sono solo l'autista." risposi sorridendo loro.

"In nessun modo", ha detto uno dei ragazzi del college ubriachi.

Ruth ha posato il resto sul bancone. $ 32,50. Presi i dieci, i due e i due quarti e me ne andai. Le ho lasciato i venti per la mancia. Venendo dall'industria della ristorazione per la maggior parte della mia vita adulta, sapevo che Ruth aveva IL turno schifoso ed era oberata di lavoro dall'azienda.

Tornai al tavolo dove eravamo seduti io e Tina. La prima cosa che ho notato è stata che sorrideva di nuovo. Bene, questo è un passo nella giusta direzione, ho pensato tra me e me.

Mi sono seduto di nuovo dalla mia parte del tavolo.

“È bello vederti sorridere di nuovo. Sono stato preoccupato lì per alcuni minuti. Ho detto a lei.

Proprio in quel momento, Ruth si presentò con il nostro pasto. Era così diversa adesso. Posò educatamente i nostri pasti sul tavolo, offrì ketchup, salsa piccante o altro condimento per l'insalata di Tina. Li abbiamo rifiutati tutti, ringraziandola e lei è tornata a uno dei separé dove stava arrotolando l'argenteria.

Abbiamo iniziato a mangiare. Ho guardato Tina chiedendomi se avrei dovuto portare avanti questa conversazione da solo.

CAPITOLO 3

“Tina, non hai risposto alle mie domande. Cosa dà. Porti Paula in ufficio per farmi scopare, ti pieghi per farmi scopare, diavolo, anche Sasha continua a usarmi per le sue martellate eppure sei arrabbiata con Jill. Non capisco. Per favore, spiegamelo. chiesi.

Tina cominciò, balbettando un po' cercando di trattenere le lacrime, “Sasha mi possiede. Sono la sua serva personale/schiava sessuale. Tutto ciò che vuole da me lo ottiene senza domande o obiezioni. Ho portato Paula perché sapevo che ti sarebbe piaciuta tanto quanto me... Jill, beh, Jill è completamente un'altra storia.

Mi sono seduto lì ancora perplesso. "Allora, spiegami come Sasha ti 'possiede'?"

"Beh, è ​​una storia piuttosto lunga." Tina rispose timidamente.

Ho dato un'occhiata al ristorante. Nessuno tranne Ruth e il cuoco di breve durata dietro il bancone che prepara qualcosa.

"Non dobbiamo essere da nessuna parte, quindi continua". Ho suggerito.

“Ehm, ok. Diversi anni fa, avevo una relazione orribile con un ragazzo. Era fisicamente violento, mentalmente violento e, peggio ancora, mi ha fatto fare sesso con tutti i suoi amici, compagni di lavoro e altri ragazzi a caso. Sono stato violentato ripetutamente dai suoi compagni di lavoro mentre giaceva svenuto per il troppo bere. Una notte, che ricordo davvero come se fosse ieri, hanno riso e mi hanno detto che stavo per "tirare un treno". Ho finito per fare sesso duro e doloroso con più di 15 ragazzi quella notte, che io possa ricordare. Mi hanno prostituito. Hanno chiamato i loro amici che si sono presentati. Mi hanno legato alle colonne del letto, mi hanno spogliato. Hanno fatto a modo loro con me e mi ha fatto molto male. Questo è andato avanti per un'intera notte. Mi hanno messo del nastro adesivo sulla bocca per impedirmi di gridare aiuto. Quando il mio "fidanzato" si è svegliato, mi ha visto fare sesso violento con due ragazzi che nemmeno conosceva, dato che i suoi amici se n'erano andati tutti. Andò su tutte le furie chiamandomi tutto ciò a cui poteva pensare. Mi ha battuto a un centimetro dalla mia vita. Mi ha picchiato così tanto che uno dei tizi che mi stava scopando ha chiamato la polizia. Quando si sono presentati, ha raccontato loro la sua versione della storia e mi hanno arrestato. Qui stavo sanguinando, malconcio, denti rotti, occhi neri, spalla lussata e così tante altre cose che mi fa male anche solo pensare a quella notte. Spiegò Tina mentre le lacrime le rigavano il viso come un fiume.

Ero sbalordito. Non sapevo nemmeno se avrei dovuto ascoltare il resto, ma ho detto gentilmente: “Tina, se vuoi fermarti qui va bene. Capisco."

“No, no. Ti racconto come sono arrivato qui. In prigione, ho incontrato Jill. Ha ascoltato la mia storia e si è offerta di prendersi cura di me e di aiutarmi. È stato allora che ho incontrato Sasha. Jill e Sasha hanno parlato un po'. Non riuscivo a sentire la loro conversazione. Sasha ha pagato la mia cauzione. Mi hanno portato in ufficio. Mi ha ripulito. Chiamato un dottore. Mi ha detto di sdraiarmi su uno dei divani nell'ufficio di Sasha. Mi sono addormentato. Quando mi sono svegliato, c'era uno strano uomo con una borsa nera in piedi sopra di me con uno stetoscopio che ascoltava il mio cuore e il mio respiro. Jill, Sasha e il dottore parlavano tutti con me. La cosa successiva che ho saputo Sasha mi ha fatto fare un pompino al dottore come pagamento per aver fatto una "visita a domicilio". Jill mi ha portato a casa con lei. Mi ha lasciato vivere con lei per un paio di mesi. Sasha mi ha assunto come sua assistente personale. Mi ha fatto firmare un contratto proprio come hai fatto tu, solo che il mio aveva una clausola in cui si affermava che ero di proprietà di Sasha e Happy, la società Happee Limo. Sasha mi ha spiegato che ora mi possedeva. Dovevo fare tutto e tutto ciò che voleva, quando voleva e come voleva. Non avevo voce in capitolo. Se provassi a smettere, reagire o scappare, lei mi troverebbe e mi farebbe tirare 10 treni a settimana. Ha chiamato un grosso ragazzo italiano in ufficio per dimostrarmi che poteva farcela. Ha tirato fuori un cazzo enorme, il più grande che avessi mai visto, anche più grande di quei ragazzi nei video porno. Mi ha afferrato i pantaloni, li ha tirati giù e mi ha stuprato il culo. Niente lubrificante, niente dolcezza, solo sesso duro che mi ha fatto sanguinare. Per tutto il tempo, Jill è rimasta lì e non ha fatto nulla. Ecco, ora sai tutto David. Mi riporterai in ufficio ora che conosci la mia storia?" Disse Tina con le lacrime che le rigavano il viso.

Le ho dato un tovagliolo, così poteva soffiarsi il naso.

“Tina, mi dispiace tanto. Non ne avevo idea. Tuttavia, per quanto spietato possa sembrare, dobbiamo discutere di quello che è successo in macchina. Sì, ho scopato Jill. Tuttavia, mi ha presentato molte donne negli hotel che possono aiutarmi finanziariamente. Ciò significherebbe che ho bisogno di "prendermi cura" di loro. Due di loro volevano mettermi subito alla prova, ma ho preso la loro carta con i loro numeri di cellulare sul retro di ogni carta promettendo che sarei tornata presto con loro. Ho detto.

A quel punto, ho deciso di spostarmi dalla sua parte del tavolo. L'ho abbracciata e l'ho abbracciata. Si chinò su di me appoggiando la testa sulla mia spalla. Restammo seduti in silenzio per circa 20 minuti circa. Ho continuato a tenerla stretta.

Tina mi guardò e mi chiese dolcemente: "David, posso venire a casa con te?"

"Sei pronto per andare adesso?" Ho chiesto. Lei fece cenno di sì con la testa. Ci siamo alzati dalla cabina. Le ho dato un altro paio di tovaglioli per asciugarsi gli occhi e soffiarsi il naso. Li accartocciò e li gettò nel piatto.

Ho ritirato il nostro assegno dal tavolo. La tenni sottobraccio mentre ci avvicinavamo alla cassa. Ruth ci ha incontrato lì. Ho messo giù altri $ 100 per pagare l'assegno. Ruth ha chiesto se andava tutto bene. Ha incassato il nostro assegno e ha rimesso il resto sul bancone. Le ho lasciato un'altra mancia di $ 20 e sono andato al bancone dove stava lavorando il cuoco di breve durata e l'ho chiamato. Gli ho dato anche $ 20 dicendogli che ci siamo goduti il ​​pasto e ringraziandolo per il suo duro lavoro. Era a dir poco sbalordito.

Sono tornato da Tina, mi sono avvicinato e l'ho baciata e siamo tornati alla mia macchina.

Siamo entrati e siamo andati a casa mia.

"Ehm, Tina, ho una domanda su oggi." chiesi cercando di essere gentile.

"Ok, qual è la tua domanda?" lei rispose.

“Ho visto lo sperma secco sulle tue mutandine. Hai detto che avresti spiegato dopo. Bene, è più tardi. Ho detto un dato di fatto.

“Oh, quello. L'avevo dimenticato. Sasha ha intervistato un paio di nuovi conducenti. Mi ha fatto scopare da ognuno di loro. Ognuno di loro è arrivato in un paio di minuti. Uno di loro mi ha schizzato sulle mutandine e Sasha non voleva che andassi a pulirmi perché dovevo essere disponibile a scopare il prossimo colloquio tra 10 minuti. Ero imbarazzato che tu l'avessi visto. Tina ha spiegato.

Ho portato la macchina nel parcheggio del mio appartamento. Mi chinai, la baciai e le dissi che eravamo a casa mia.

Scesi, feci il giro e le aprii la portiera. Di nuovo, mentre scendeva, la baciai, questa volta molto più appassionatamente. Le nostre lingue si sono intrecciate. Siamo rimasti lì per circa 5 minuti circa a pomiciare.

Ho visto il mio vicino camminare verso il suo F-150. Sapevo che dovevano essere circa le 5 del mattino.

Ho rotto il nostro bacio prendendo la mano di Tina e mi sono diretto verso il mio appartamento. Prima di entrare, l'ho avvertita che casa mia non è così grande. Ridacchiò, dicendomi quanto fosse dolce che fossi preoccupato per le dimensioni dell'appartamento.

"Pensavo che saremmo rimasti a letto?" Ha chiesto scherzosamente.

CAPITOLO 4

Facendo la mia migliore imitazione di Sasha, ho detto: "Mia Tina, per favore spogliati".

Questo l'ha colta alla sprovvista. Chiaramente, non lo trovava affatto divertente. Mi sono scusato spiegando che stavo cercando di prendere in giro Sasha. Ho visto un barlume di sorriso.

“David, per favore portami a letto. Sono stanco di essere il suo schiavo sessuale. Voglio riavere la mia vita. Non lo vedi? Disse con gli occhi di nuovo lucidi.

"Mi dispiace. È stato crudele e non pensare a me. Mi scusai. Detto questo, l'ho sollevata da terra e l'ho portata lungo il corridoio fino alla camera da letto. L'ho adagiata dolcemente sul mio letto.

Mi sono tolto le scarpe e sono salito sul letto con lei. È rimasta lì, ovviamente nervosa.

“Vuoi farlo o no. Sembri nervoso. Stai bene?" chiesi preoccupato.

“Sì, sto bene. Devo solo togliermi dalla testa te e Jill. Lei rispose.

“Ok, questo è tutto. Che diavolo hai? Jill è solo un autista. Potrebbe essere la preferita di Sasha, ma mi hai detto che ti ha aiutato quando avevi bisogno di assistenza medica e che hai vissuto con lei per un paio di mesi... quindi, immagino di non capire. Manca qualcosa a questa storia. dissi un po' infastidito.

Gli occhi di Tina si stavano di nuovo illuminando: “David, per favore, non essere arrabbiato con me. Hai ragione, c'è un pezzo che ho tralasciato. Vedi Jill, l'autista, vero? Beh, lei ero io prima che lavorassi li'. LEI era l'assistente di Sasha. Quando Sasha mi ha fatto firmare quel contratto, ha declassato Jill ad autista e le ha tagliato lo stipendio del 75%. Quindi, ora, Jill lavora dieci volte di più solo per fare i soldi che guadagnava prima che arrivassi io. Mi incolpa per tutto quello che va storto nella sua vita. Ti dirà che non ci si deve fidare di me. Che mi ha aiutato e che le ho rubato il lavoro. Lei mi odia."

"Non è vero. Non è affatto vero. Jill si è affrettata a sottolineare che tu ed io siamo sul radar di tutti nella stanza del telefono. Sanno tutti, o pensano di sapere, di me e te. Jill mi ha dato un buon consiglio per mantenere i nostri sentimenti personali FUORI dall'ufficio. Non ha detto altro che cose carine su di te. Non una volta ha nemmeno fatto un'osservazione ambigua su di te. Le piaci, lo vedo. Penso che con tutte le stronzate che ti hanno fatto passare Sasha, stia tirando un sospiro di sollievo sapendo che non è lei. Non può dirti niente di tutto questo per paura dei pettegolezzi in ufficio, come il guaio gemello. Tutto questo ha senso?" Ho detto.

«Lo dici solo per farmi sentire meglio.» ha osservato Tina.

"No, no, non lo sono." Ho risposto.

Con ciò, Tina sembrò alleggerirsi. Mi chinai e la baciai. Ha iniziato a togliersi i vestiti. Ho appena sorriso e ho iniziato a togliermi i vestiti.

Quando finalmente fummo entrambi nudi, Tina si alzò a sedere e mi avvolse le braccia intorno, sussurrandomi all'orecchio: "Scopami, gentilmente, per favore".

Non avendo bisogno che me lo dicessero due volte, l'ho abbracciata e mi sono inginocchiata tra le sue gambe. Li ha aperti volentieri. Ha allungato la mano e ha iniziato a tirare il mio cazzo flaccido. Non ci sono voluti che pochi colpi perché la mia virilità puntasse verso il soffitto.

Ho messo due dita nella bocca di Tina ordinandole di bagnarle. Quando ho pensato che fossero abbastanza bagnati, li ho spostati dalla sua bocca alla sua figa. Ho fatto scivolare delicatamente entrambe le dita dentro di lei. Mentre erano dentro di lei, ho usato il pollice per strofinarle delicatamente la clitoride in piccoli cerchi.

Ho usato l'altra mano per toccare il suo bocciolo di rosa nell'ano. Accarezzandolo dolcemente, ma senza cercare di entrare.

Tina cominciò a gemere. Il suo respiro divenne superficiale e balbettante. Ho sentito la sua figa bagnata e sfrenata stringermi le dita. All'improvviso, la mia mano e le mie dita si sono bagnate fradicie di sperma della signora.

Potevo vedere lo smalto iniziare nei suoi occhi.

Ho tirato fuori le mie due dita e le ho sostituite con il mio cazzo duro come la roccia. Spinsi delicatamente solo la testa. Lentamente, molto lentamente ho spinto un po' di più.

Un'altra ondata di orgasmo rotolò nel suo corpo.

Le afferrai entrambi i fianchi e delicatamente feci scivolare tutta la mia virilità dentro di lei. Quando i nostri bacini si sono incontrati, è esplosa con un fiotto di umidità. Ho iniziato lentamente a muovermi dentro e fuori con il mio cazzo. Ho accelerato il ritmo, ma sono stato comunque molto gentile con lei.

Il suo respiro divenne ancora più superficiale. La vidi flettere le mani quasi come se si fossero addormentate, ma lo sapevo mentre un'onda dopo l'altra stava rotolando attraverso il suo corpo.

"David, sto venendo così forte" disse a malapena in un sussurro. Chiaramente non era in grado di comunicare correttamente. Ho guardato mentre i suoi bellissimi occhi stavano letteralmente ruotando dietro la sua testa mentre continuavo a scoparla dolcemente.

Poi è successo. “DAVID, DAVID, OH MIO GAWD, OH MIO….MIO……STO CUMMMMMMMMMMMMMING. DAVID, SONO TUO. FARE CON ME QUELLO CHE VUOI……OH DAVVERO, DAVVERO, DAVVERO…….” esclamò Tina a squarciagola.

Tuttavia, ho continuato il mio movimento ritmico dentro e fuori con il mio cazzo. Ho sentito le sue gambe deboli avvolgere i miei fianchi ei suoi piedi intrecciarsi sul mio sedere.

Mentre guardavo questa bellezza color ebano sotto di me, ho iniziato a lasciare che la mia mente vagasse su quanto potesse essere crudele Sasha e cosa si potesse fare al riguardo.

“Davide, dove sei?” chiese Tina.

"Oh, scusa, mi stavo solo godendo la sensazione di noi due." Mentendo completamente tra i denti, ma non volendo ferire i suoi sentimenti più di quanto non abbia già fatto.

"Vieni qui e baciami, per favore."

Mi chinai su di lei e posai dolcemente le mie labbra sulle sue. Delicatamente, ho aperto le mie labbra solo per sentire le sue labbra aprirsi e le nostre lingue intrecciarsi e fare la danza dell'amore.

Mentre le nostre bocche erano bloccate insieme, ho mantenuto il mio delicato movimento dentro e fuori.

Potevo sentire il suo corpo continuamente teso, tremare e inarcarsi mentre un'onda dopo l'altra si agitava su di lei.

Tina ha rotto il bacio. “David, nessuno è stato così gentile e tenero con me, mai. Sei un amante così paziente e meraviglioso. La tua gentilezza mi fa sentire così... così... sexy. Mi hai fatto provare una serie completamente diversa di emozioni, quelle che credevo fossero morte da tempo. David, so che mi sto innamorando di te. Cadere FORTE. Spero che dirlo non ti spaventi.

"No, non mi spaventa." dissi solo guardandola negli occhi sinceri.

Ho continuato il mio fottuto andare, dentro e fuori. Stavo spingendo la mia virilità il più profondamente possibile dentro di lei, passando la sua cervice ad ogni spinta dentro di lei.

Ho sentito la sua deliziosa figa bagnata iniziare a stringersi attorno al mio cazzo. Ho preso il ritmo, sono andato sempre più veloce. Adesso la sua testa si contorceva avanti e indietro. Stava ansimando per l'aria.

"OH MIO DIO……. OH OH OH"

Poi è andata completamente inerte. Il suo respiro si fermò. I suoi occhi erano chiusi. Ho chiamato ripetutamente il suo nome, ma non è successo niente. Alla fine, ho dovuto schiaffeggiarla per svegliarla.

"Schiocco" era il suono che il mio palmo fece colpendole la guancia.

Tina prese un'enorme boccata d'aria. Sembrava sbalordita, quasi come se non sapesse dove si trovava.

“Tina, Tina, stai bene? Stai bene?" dissi preoccupato.

"Sì, perché?" Lei rispose.

"Ehm, perché sei svenuto di nuovo nel mezzo." dissi dolcemente.

"Stai scherzando? Per favore, dimmi che stai scherzando. disse Tina con un po' di apprensione.

non ho nemmeno risposto. Mentre mi guardava negli occhi, sapeva. Sapeva che ancora una volta era stata "fottuta priva di sensi". Ho ricominciato il movimento dentro e fuori. La sua figa era ancora molto bagnata. Potevo sentire il suo culo mentre le mie palle le colpivano il sedere.

Dopo qualche colpo in più, ho iniziato a essere un po' più duro con il mio cazzo. Sempre gentile, come aveva chiesto, ma con un po' più di forza. Dentro e fuori, dentro e fuori, più profondo e più duro di prima. La sua cervice stava colpendo la mia testa di cazzo. Era così piacevole, non come il duro colpo che Sasha sembrava desiderare sempre.

Ho notato che il sole era sorto mentre faceva capolino attraverso le mie tende. Questo mi ha fatto dare un'occhiata alla mia sveglia. '8:32'. Che diavolo? Andiamo avanti da più di 3 ore?

Proprio a questo punto, le mie palle hanno sentito quella contrazione. Alla fine, stavo superando il punto di non ritorno. Potevo sentire lo sperma sgorgare dalle mie palle, facendosi strada lungo l'asta del mio cazzo. Mi sono tuffato più forte e più in profondità che potevo in Tina. Sapeva cosa stava per succedere. Mi ha fatto le fusa nell'orecchio. "Vieni dentro di me amante."

Con quella semplice affermazione, sono venuto più forte che potevo venire. Ho sparato 10 o più corde del mio seme di uomo in profondità dentro di lei. I miei stessi occhi rotearono dietro la mia testa. Il mio corpo si irrigidì. Alla fine, la figa di Tina ha continuato a mungermi il cazzo per ogni goccia di sperma.

Ci sono volute tutte le mie energie per trattenermi dal crollare su di lei. Tirai fuori delicatamente il mio cazzo sgonfio da lei e rotolai su un fianco accanto a lei.

CAPITOLO 5

Abbiamo fatto sesso in tutti i modi in cui potevamo pensare. Tina in cima. Posizione del missionario. Alla pecorina. L'ho fatta sotto la doccia. L'ho fatta sul mio divano. L'ho fatta piegare sul bancone della cucina e l'ho piegata sul tavolo della cucina. Abbiamo scopato sul tappeto del soggiorno.

Si è accovacciata sulla mia faccia ed è venuta più volte mentre le mangiavo la sua gustosa figa. Abbiamo 69 anni. Ho fatto un pompino dritto con lei in ginocchio davanti a me. Diamine, una notte mi ha persino fatto un pompino nel patio sotto la copertura dell'oscurità.

Mercoledì sera è arrivato troppo in fretta. Mentre mangiavamo un pasto leggero, seduti nudi nella mia cucina, non abbiamo detto una parola. Sapevamo entrambi che la passione era lì, ma ora dovevamo metterla via perché domani saremmo tornati al lavoro.

Dopo che abbiamo finito di mangiare, ho pulito i piatti e la cucina. Le ho suggerito di fare insieme una lunga doccia calda prima di accompagnarla a casa.

C'era una tristezza nel finire dei nostri giorni di riposo. Ho camminato con lei, tenendole la mano nella mia, fino alla doccia. Ho aperto l'acqua. Mentre mi giravo per chiederle di entrare, sono stato spinto indietro contro il recinto di vetro da Tina. Mi prese il viso tra le sue mani delicate e mi baciò più forte che mai. Questo non era il dolce bacio della passione. Questo era un bacio di pura lussuria animale.

Ha rilasciato un lato della mia faccia solo per afferrare il mio cazzo semi-eretto tirandolo, rendendolo duro piuttosto rapidamente. Sollevò la gamba e appoggiò il piede sul mobile. Ho tenuto il mio cazzo e sono entrato in lei, mettendo il mio cazzo al suo ingresso. Ho spinto più forte che potevo. Ho seppellito tutta la mia lunghezza dentro di lei. Mi chinai e le baciai il collo. Ho accarezzato le sue piccole tette impertinenti. Per tutto il tempo, ho continuato a scoparla. Emise un forte gemito affannoso.

Ho continuato a scoparla, sempre più velocemente. Abbiamo continuato così per un po'. È venuta più volte spruzzando il mio cazzo con il suo succo d'amore.

Sapevo di essere vicino. Ho avuto così tante sborrate negli ultimi due giorni che non ero sicuro di avere ancora molto sperma. Ho sentito le mie palle irrigidirsi e ho spruzzato quello che avevo più in profondità che potevo su Tina. Anche lei è venuta forte.

Quando il nostro respiro è tornato alla normalità, siamo entrati insieme nella doccia. L'ho lavata, lei mi ha lavato. Abbiamo fatto l'amore sotto la doccia ancora una volta. L'acqua stava diventando fredda, il che ci ha segnalato di andarcene e asciugarci.

Siamo rimasti delusi dal fatto che il nostro tempo insieme fosse finito, per ora. Ci siamo vestiti in silenzio. Ho tirato fuori l'abito di domani assicurandomi che fosse pulito e stirato. Tina ha scelto una bella camicia e una cravatta dal mio armadio. Li ho messi tutti insieme e li ho appesi al grande gancio sul retro della porta della mia camera da letto.

Indosso un paio di jeans e una maglietta da golf con sopra un piccolo alligatore. Mi allacciai le scarpe da ginnastica e aiutai Tina a rimettere le sue cose nella ventiquattrore.

Ci siamo baciati un'ultima volta. Ho preso le mie chiavi, il mio portafoglio e la sua ventiquattrore per andare in macchina.

Siamo entrati e ci siamo diretti a casa sua. Quando siamo arrivati ​​all'indirizzo, ho visto l'auto di Sasha, ma non ho detto niente. Tuttavia, nella mia testa, VIVE con Sasha? Se è così, Sasha si sta spingendo troppo oltre.

L'ho baciata il più appassionatamente possibile sapendo che probabilmente Sasha stava guardando.

Scesi dall'auto, corsi sul lato dell'auto di Tina, aprii la portiera e afferrai la sua ventiquattrore. Mi fermò, togliendomi di mano la ventiquattrore. Guardò per terra e ammise timidamente che doveva vivere con Sasha. Mi ha chiesto di tornare in macchina e andarmene, altrimenti avrebbe creato molte punizioni per lei.

Il mio cuore affondò. Non sapevo cosa fare. Ho obbedito. L'ho baciata e sono tornato in macchina, vedendo una sola lacrima rigarle la guancia. Ho avviato la macchina ma non l'ho messa in marcia finché non ho visto che era dentro casa.

Tornai al mio appartamento. Non riuscivo a pensare ad altro che a Tina e all'orrore di dover vivere con Sasha. Quando sono arrivato nel mio appartamento, mi sono seduto in macchina.

Continuavo a pensare di tornare da Sasha e chiedere a Tina. Eppure, per quanto possa sembrare spavalderia, sapevo che non avrebbe giovato a Tina, le sarebbe venuto solo del male. Ho spento la macchina e mi sono diretto nel mio appartamento per una lunga notte agitata.

CAPITOLO 6

Verso le 8 del mattino, ho aperto gli occhi. Non ho davvero dormito molto bene pensando a Tina. La nostra "lotta", il suo essere "di proprietà" di Sasha e i suoi problemi con Jill. La maggior parte della notte, ho guardato l'orologio. 23:03, 12:03, 1:06, 1:59, 2:44 e così via finché non sono svenuto verso le 6:00. Non sono davvero arrivato a nessuna soluzione. Mi sentivo esausto, ma i giovedì dovrebbero essere più impegnativi.

Mi sono reso conto che non ero sicuro di che ora fosse programmato il mio turno. Ho deciso di chiamare l'ufficio.

“Felice, Happee Limo Company. Questa è Paola che parla. È per il ritiro o la consegna?"

“Buongiorno Paola! Questo è David, il ragazzo nuovo. Prima di partire lunedì sera, non ho controllato il programma per sapere a che ora devo arrivare oggi. Puoi controllare per me, per favore? Ho risposto.

“Aspetta solo un secondo mentre controllo il programma…. Dice che sei programmato per le 19:00 e che dovrai viaggiare di nuovo con Jill. me l'ha detto Paola.

“Meraviglioso, per favore fai sapere a Sasha che sarò puntuale per il mio turno. Grazie Paola.” Ho pensato tra me e me che avrei potuto prepararmi per stanotte e tornare a letto per qualche ora e, si spera, dormire un po'.

Ho ricontrollato il vestito che avevo appeso al grosso gancio sul retro della porta della mia camera da letto. Non manca nulla. Ho guardato le mie scarpe e la cintura, stanno bene. Ho chiuso le tende oscuranti della mia stanza, ho impostato la sveglia per le 16:45 e sono tornato a letto.

Ero così stanco che mi addormentai profondamente in pochi minuti. Mi sono svegliato esattamente un minuto prima che suonasse la sveglia. Alzai gli occhi al cielo, spensi la sveglia e mi misi a sedere sul letto. Finalmente ho dormito un po'. Mi sentivo molto meglio.

Ho deciso che dovevo mettere almeno la metà dei soldi del signor Jaxson nella cassaforte.

"Non ho bisogno di portare così tanti soldi per guidare." Mi sono detto

Ho aperto la cassaforte e ho pensato a quanto avrei dovuto portare. $ 200 + il resto dal ristorante e metti gli altri $ 1600 nella cassaforte. Dovrebbe essere più che sufficiente, ho pensato tra me e me. Ho anche dato un'occhiata al calendario, notando che il prossimo lunedì sarà il mio primo stipendio. Grazie al cielo mi sono registrato per il deposito diretto. Non c'è bisogno di andare in ufficio se non programmato.

Ho deciso che avrei mangiato per strada mentre andavo al lavoro. Mi sono preparato per il lavoro, assicurandomi di masturbarmi prima di finire la doccia.

I put on my suit but left the coat on the hanger, so it would stay in pressed condition.

I grabbed my keys, my wallet, and cell phone. I left for work at 5:45, hoping I would miss some of the ‘go home’ traffic.

On my way to the office, I went through the drive thru at some local Greek restaurant ordering a Greek salad and a Gyro. I ate the Gyro in the car and left the salad in the bag for later.

I arrived at the office an hour before my shift. After putting on my suit coat, I checked the mirror making sure I looked ok. I grabbed the salad bag and headed inside.

I got off the elevator, took a deep breath and headed inside the office. Tina was the first to see me. She came over and gave me a ‘friendly’ hug. Nothing like the hugs I got from her before. I thought to myself “is she playing low-key like Jill suggested OR did something happen with Sasha after I left her?”

As she walked me to Sasha’s office, Tina reminded me that I was again riding with Jill, but tonight we will have a full-sized limo. I smiled and shrugged my shoulders noting that I had nothing to do with the car assignments.

Without knocking, Tina entered Sasha’s office and I followed behind her.

“Mr. David, on time. Nice to see that. Please sit down on one of the couches so we can discuss.” Sasha said in her eastern European accent.

I walked over to one of the couches and waited for her to join me.

“Mr. David, did we not speak about dating?” Sasha inquired.

“We did” I replied.

“Then whom authorized you to date My Tina?” She asked with a tone to her voice.

“No one did. However, you were clear that there is no restriction on sex. You ‘frown’ on dating but you even said yourself that you can’t stop it. I believe your words were something to the effect of dating only causes hard feelings.” I retorted.

I continued on saying, “Tina and I didn’t date. We had two glorious days of unbridled sex. Tina loved it. I loved it. We had a spectacular time.”

Sasha interjected, “My Tina says you went out to dinner. That sounds like a date to me.”

I rolled my eyes and laughed at her saying, “Well, you’re partially correct. We did stop for breakfast at IHOP before getting to my place. Hell, it was 2 in the morning and I was hungry. So, yes, we did eat but no, it was NOT a date.”

Sasha sat pensive before saying, “Ok, Mr. David. Please be careful as I’m watching you now.”

“Oh, like you weren’t already doing that.” I said dripping with sarcasm.

“You may go now. I’m sure Jill is waiting for you.” Was all that Sasha replied.

I got up from the couch, gave Tina a kiss (making sure that Sasha saw that) before heading out the castle doors.

Jill was heading towards Sasha’s office looking for me. I met her in the phone room and asked if we were ready to go. She said we were so, off we went to the 12th floor to get the limo for the night.

We walked in silence towards the limo. However, in the elevator I remembered I left my back pack in my car trunk. I poked a different button to get off at the floor to get my back pack from the car.

After getting the back pack, I headed up to the 12th floor and met Jill in the dark blue limo. She popped the trunk, I put in my back pack and joined her in the front.

She put the earpiece in and logged in with the dispatcher.

“We have a fairly full pick up list tonight. Our first pick up is at the airport, private jet area. We’re picking up some British rock n roll guy and taking him to the McCall. You’ll get to see Donna again. I’m sure she’ll be happy to see you.” Jill said with a smirk.

“Well, lets go pick up this rocker then.” I replied.

“He’s a client and I already know what special request he’ll have for me.” Jill said with a touch of disgust in her voice.

“Let me get the wording right. A ‘customer’ is just regular people. Whereas, a ‘client’ is someone who pays for extra services. Clients get priority treatment over customers. Am I getting the hang of this?” I asked rhetorically.

“Perfect. You’re catching on quickly.” Said Jill.

Jill continued, “So how was your two day ‘date’ with Tina?”

“Why does everyone think it was a date? It was just two spectacular days of unabashed sex.” I said, defending my position.

We arrived at the private jet side of the airport. The rock n roll guy’s plane was just finding a parking spot among other top end jets.

While we waited for his plane to park, Jill taught me about the 4 security cameras in the back of the car and how to watch what is going on in the back on the flip down screen.

When the plane came to a resting place, Jill jumped out and met the entertainer at the foot of the plane steps. I recognized him. He was quite aggressive with Jill. He grabbed her forcefully, kissing her on the lips and grabbing her ass simultaneously.

Jill, just let it happen without any resistance.

I got out of the limo and headed over to the plane to pick up his luggage and put it in the trunk.

“Blimey, who the hell are you bloke?” he said to me.

“Hello sir, I’m David. I’m new here and Jill is my trainer. Is there anything I can get you before we head to your hotel, the McCall?” I said as respectfully as possible.

“Bloke, you can stop and pick me up a couple of fags.”

“Pardon? You want what?” I replied as I had no idea what he was asking for. Did he mean a gay boy?

Jill piped up chuckling, “David, he means smokes, cigarettes. That’s what they call them in Great Brittan.”

“Oh, I apologize sir.”

“David, is it? Can you drive so Jill can sit in back with me and we can catch up.” Mr. rock n roll said.

“Um, sir that is up to my trainer. If she says its ok, then yes. But I may have not had enough training for her to turn the driving duties over to me.” I replied trying to give Jill a way out of whatever extra service she may have to perform.

“David, I think it will be ok since we are just going to the McCall. Just remember what I taught you before.” Jill said with a nervous tone.

Well, then, I’ll wait at the limo until your ready to head over to your hotel.

“Hey Chap, I’m ready now.”

I opened the limo door for Jill and him to climb inside the back. I went around to the driver’s seat. Immediately, he rolled up the private blackout windows. I turned on the security cameras. I flipped down the screen. When it came into focus, I saw that he had his pants already down to his ankles with Jill sucking his nearly erect very short cock. She was using only two fingers to hold it steady while she was trying to suck it.

I thought to myself, “Figures”.

I put the car in drive and headed towards the McCall. I remember that we had to stop for “a couple of fags” for the ‘artiste’. I switched on the intercom and used the interior phone and aske him what brand of smokes he wanted.

“At least two packs of Dunhill”

“Thank you, sir. When I pull the car over, I’ll jump out and get the smokes, so you and Jill can catch up. Then I’ll get you to the McCall. Is that acceptable?” still trying to be in a submissive and respective role.

“That’s fantastic.” He replied not knowing that I could see him and Jill.

Jill had moved from giving him a blowjob from his side to kneeling between his legs. I wondered what he tipped Jill for this extra?

CHAPTER 7

I pulled the limo at the smoke shop two blocks from the McCall. I left the car running and got out to get the smokes. I inquired with the old crusty guy behind the counter how much Dunhill brand smokes cost.

“Ten bucks a box. You can get a carton for $95.” He said with a very raspy voice and a lit cigarette hanging out of his mouth.

“Ok, a carton then.” I said handing him one of the $100 bills I had with me.

I went back to the car, knocked on the door glass. The window opened just enough for the carton of smokes to be passed inside. Little did he know that I could hear Jill slurping and him moaning.

The window rolled back up and I got back in the driver’s seat and headed off to the McCall.

When we arrived, I didn’t see James, the valet boss at first but then he appeared.

I popped the trunk. I got out and waited by the back door until I heard a knocking on the window that it was ok to open the door.

Mr. Rock n Roll got out first. Jill followed him out of the limo. He leaned in and kissed her.

“Hey Bloke, how much do I owe you for Dunhill’s?” He asked.

“$250”

“Why so cheap. When Jill gets them for me, they are $400.” He questioned.

“It was their last carton and I asked for two cartons and he lowered the price since he couldn’t sell me the two that I asked.” Once again lying through my teeth.

He took out three $100 bills and handed them over to me and squeezed Jill’s ass before heading inside the hotel.

Jill said she needed to see James and that I should go inside and see Donna.

I went inside and waited patiently as Donna was finishing with some other customers. She smiled when she saw me. I smiled back.

I looked through the automatic doors to see a valet get in the limo and pull it out of the portiere. I also saw Jill going around the corner with James.

I felt a pair of hands covering my eyes. “Guess who”

“Um, would it be the beautiful Donna?” I said jokingly.

“Why YES!” she said standing on her tip toes to kiss me.

“Can you take a small break?” I asked.

“Sure. Since you brought our last VIP we will only have regular customers the rest of the night. How long of a break do you need me to take?” she asked.

“Maybe 15-20 minutes. Jill and I have another client to pick up from the airport in about an hour.” I told her.

“Sure, come with me.” She said, taking my hand.

We went through an office to another office that had a door and window blinds.

When we got inside, she spun around and tried to kiss me. I leaned down and gave her a deep kiss.

I whispered in her ear, “Do you want to be fucked or have me eat you?”

“Well, I haven’t had oral in quite a while, but I’ve been working for a while, so I may not be too fresh down there.” She said hesitantly.

“Then oral sex it is” I said with a big grin on my face.

Her face just lit up with her smile. I sat her down in the office chair. I unbuttoned her pants and shimmied them down past her knees. I put my fingers inside her waistband and pulled her panties down also.

I dropped to my knees. I leaned into her wet womanhood. I took a deep inhale of her musky aroma.

“mmmm, smells delicious.” I said to her.

She parted her legs even wider for me.

I leaned even further forward and began my gentle assault on her wet and wanton pussy. I kissed around the outer lips. I licked her slit from top to bottom several times, hearing her moan. I used my tongue to flick across her clit. The first time I flicked it, she jumped. I slid first one, then two fingers inside of her. I gently thrust them in an out of her.

I heard her breathing begin to change. I thrust my tongue harder up and down her slit. I pulled my two fingers out and presented them to her to lick clean of her female cum juice. When they were sufficiently clean, I put them back into her adding an all important third finger. I kept pushing them in and out in a rhythm.

“Harder and faster” she requested.

Gladly I complied. I began pushing all three fingers into her as deep as I could get them. I removed my other hand off her clit and replaced it with my mouth. This made her really moan and move her hips into my face.

Faster and faster, harder and harder I thrust my fingers into her. I had my mouth sucking and nibbling hard on her nubby flower.

“Oh gawd, OH GAWD, I’M CUMMING. OH SHIT, I’M CUMMING. THIS FEELS SO FUCKING GOOD.”

I kept licking and sucking. I changed tactics. I began licking her clit, hard. All the while, sucking her love juice and swallowing it as fast as I could. My tongue was like a small dart on her clit. I felt the big orgasm beginning deep in her.

I looked in her eyes and saw them completely glazed over. With my two fingers going in an out of her at a rapid pace, I stopped. I replaced my fingers with my thumb and put one of my very wet fingers in her anal rosebud. This pushed her over the edge and she loudly said, “OH MY GAWD, FUCK, FUCK, FUCK, I’M CUMMING. GAWD, I’M CUMMING.”

Just then, there was a knock on the office door. I froze. I’m not sure Donna even heard the knock.

“Donna, David, its me, Jill. Let me in.”

I got up and unlocked the door.

“Holy crap Donna. You are so loud. I guess he’s a keeper then?” Jill said sarcastically.

“Oh yeah. I’ve been waiting for a GOOD male driver not the couple of pinky dicks you currently employ.

As the ladies were talking, I got up and wiped my face off with a paper towel. I pulled another couple off the roll and offered them to Donna. She used them to wipe the cum off her pussy. She stood up and wiped the soaked office chair seat.

I was still on my knees, when she pulled my head to hers where our lips met again. This time, she moaned into my mouth. She broke the kiss and whispered, “Next time I owe you.”

“That sounds nice, but I’m not done with you yet. Oh, I am for tonight, but not the next time we meet.” I said with a big smile on my face.

Donna fixed her clothes. Jill looked her over and they both inspected me before we left the office. Before we reached the front desk, Donna stopped and got back on her tip toes to kiss me and thank me.

Jill just stood there with a stupid smile on her face. As we got to the front doors, there waited the limo.

We both got in, Jill in the driver’s seat and me in the passenger side.

We checked in with dispatch and were told that two of our pickups were not going to make it due to severe weather. So, dispatch gave us an hour and a half to go have dinner.

I asked Jill to pick where we go for our 90 minutes. She said that she was truly hungry and wanted food, not just protein.

I smiled and told her to go where ever her little heart desires. She took us to Chili’s.

While we ate, I asked about her and Tina.

There was a pregnant pause again. “Oh” was all Jill said.

“Well then, tell me what happened?” I requested.

“It’s a long story.” She replied.

“Here’s what she believes, that it was your doing the reason she even got to work here. You recommended her to Sasha. Here’s where the train leaves the tracks. Once Sasha had her sign a contract with the company, Sasha demoted you taking away most of your pay. You’ve had to do things so much harder just to get back to where you were being paid before the demotion.” I explained.

CHAPTER 8

“Well, that’s mostly true, but you’re leaving out a part.” She said

“Then tell me. Make me understand”

“When I got demoted and Tina took over my job. She knew that I was being demoted and yet she did nothing. Here, I helped her, and she stiffed me.” Jill said with a bit of anger in her voice.

“Wow, you both are angry with each other for the entirely wrong reasons. She blames you for not helping her when that big fat Italian guy raped her ass, leaving her bleeding. And you did nothing to help her except stand there and watch. Meanwhile, you’re angry at her for knowing that you were getting demoted and losing almost all your pay and she did nothing to help you. Am I right?” I asked.

“I guess.” Jill said in a submissive tone.

“You both are mad at the wrong person. It’s SASHA you should be mad at, not each other. Sasha sent the big Italian guy in to rape Tina and leave her bleeding and I’m just guessing you were not allowed to even move, or you would get the same treatment. Am I right?” I asked.

“Yes, how did you know?” Jill replied.

“Funny, that is exactly the position that Tina was put in when you got demoted and lost your pay. She was not allowed to interfere in any way or she would be hurt.” I added.

Jill sat there with a long pause thinking about what I had just said.

“David, I think you are absolutely correct. We are mad at the wrong person. You are a genius.” Jill exclaimed.

“What would you like for a reward?” Jill offered.

“Hold on, I’ll tell you in a moment.” I answered with Jill looking completely puzzled at me.

I dialed my cell phone. “Hey Hun, I have someone that you need to talk to. I’m going to hand the phone over.” I said into my phone.

I handed the phone to Jill. She looked at the caller ID, smiled at me and began talking to Tina.

“Hey there. Do you know that David is a wonderful person?” She started.

“He told me about how you were unable to do anything to help me when you found out that Sasha was demoting me an taking my pay away. Is that right?” Jill asked.

“Tina, I’m sorry about not helping you when you were getting raped by the fat Italian guy who left you bleeding. But, Sasha told me that if I even moved a muscle that I would get twice what you were getting. So, I had to just sit there and watch not being able to help. I’m so, so sorry.” Jill said with tears forming in her eyes.

‘Uh, uh, yes he is. I’ll give him a hug for you. He’s got a hug coming from me. He says that we should be mad at Sasha, not at each other. Do you agree?” Jill said into the phone.

I raised my wrist and tapped on it as if I had a watch on and we were out of time.

“Hun, I need to go. I’m so, so sorry. Maybe we both owe David our best.” Jill said, winking at me.

“Good bye dear.” And she hung up the phone.

I put money out to pay for our meal. The waitress came by and picked it up saying she would be right back with our change.

While she was gone with our money, Jill got up and came over to me and gave me a long deep passionate kiss. She whispered in my ear, “Darling, Tina and I will rock your world our next days off.”

I just smiled from ear to ear. I was proud of myself being able to put out this firestorm between Jill and Tina.

The waitress returned with my change. I handed her a $20 for a tip and we got up and left.

CHAPTER 9

We got back in the limo. Jill checked us back in. Next, we were to pick up a state Senator and his trophy wife. Jill explained that usually she gets to satisfy them both but with me the time will be cut in half with us each getting about $5000 for a tip. When she’s by herself the tip is usually about $7500 but with both of us they’ll pay 5K each.

We drove quickly to the airport private jet area again. We pulled up to a Learjet. It was all white with no markings on it except the ID numbers.

I asked Jill what ‘special services’ the couple would need.

“Well, that depends on their ‘mood’. The wife, Darleen, likes big cocks. She has me use a 12” thick black dildo on her until she cums. She has never cum more than once, at least not with me. The Senator, he’s an odd bird. He likes a straight blowjob but only if I put something in his ass. The he really loves to watch his wife take it with the dildo. Once they are finished, there is no kissing. They fix their clothes and just leave, no goodbyes. We are basically “the help” and provide them with an extra service.” Jill explained.

“Um, ok. But how do you know that we will each get $5K? I asked.

“He’s told me many times that if I were to bring a second then we would each get the same amount.” She answered.

“Jill, that could mean we would each get $3500 not 5 grand.” I argued back.

“David, you got to trust me on this one. I know how to get the money out of him.”

“Well, you ARE my trainer. So, I leave everything in your capable hands.” I said in a flirtatious voice.

As we pulled up to the plane, we both got out of the limo and approached the stairs to the jet.

The Senator appeared first, followed by his wife.

Jill introduced me to the Senator, “Senator, this is David. He’s here to assist with your need’s tonight. Darleen, this is David. He will personally attend to your need’s tonight. He is my personal choice to cater to whatever you need him to do for you.”

I picked up their luggage and put it in the trunk.

Jill quietly chatted with the couple as they stood by the back door to get in the client area of the limo. I stood quietly next to the passenger door not sure what to do.

Jill leaned in and gave the Senator a peck on the cheek and another one on his wife’s cheek. She then signaled to me to get in the car.

She drove us to a parking garage that she usually used to take care of the couple since it was only three or four blocks away from their hotel “The Jonathan”.

“Ok, here’s the game plan. I will take care of the Senator and you will take care of his wife, Darleen. She likes it hard in the pussy and she’s ok with you cumming inside of her as she had her ‘factory’ removed years back. However, you can not finish before I finish with the Senator. He really wants to see someone fuck his wife. We will get in on the driver’s side of the back. We won’t get naked, but you will pull your pants down to your ankles for Darleen to have full access if she chooses to do anything other than fuck. DO NOT KISS HER, that only pisses off the Senator. If she kisses you keep it a friendly kiss, nothing passionate. If we do this right, they will pay us $15K together meaning $7500 each!” Jill instructed.

“Does he last a long time? I need to plan how fast or slow I need to go with Darleen if he takes a long time.” I said.

“No, he’s a quickie. I think he is more voyeur than participant.” She replied.

“Let’s go then.”

We got out of the limo and went to the back door of the limo. Jill got in first then me. The Senator already had his dick out and was stroking it. Darleen was massaging herself through her black panties with her skirt hiked up to her waist.

Jill immediately began sucking on the Senator. She licked the head of his old cock. She licked up and down the regular sized shaft. She played with his balls, gently touching him. Finally, she engulfed his whole cock into her mouth. You could hear the slurping sounds as she worked on his manhood. Her head began to bob up and down on his penis. She pulled all the way out only leaving the head inside of her wet mouth. She used her index finger to gently scrape with her fingernail up the shaft to her lips. She reached into his pants and plunged a couple of fingers up his rectum. That simple action made him cum. As his breathing slowed down, she pulled her hand out of his pants, removed her mouth from his cock, and used a tissue to wipe her mouth and spit his cum into the tissue.

He put his now flaccid cock back into his trousers and zipped up. Jill joined him on the seat readying herself to watch me take care of Darleen.

I reached over and began to remove her panties, but she stopped me.

“Just push them to the side. I don’t want to have to take off my shoes.” Darleen expressed.

I shrugged and told her that I would do whatever she requested. I unzipped my pants and shoved them down past my knees. I also slid my boxers down. I had to pull on my cock a couple of times to make sure that I was hard enough for her.

I grasped the base of my cock with one hand and pulled her panties to the side with the other. On my knees in front of her, I rubbed my now hard cock up and down her slit. I heard her moan. I kept rubbing it and spanked her clit with the bulbous head. She flinched. I pushed the head of my cock into her waiting hole. She gasped. I pushed it all the way in feeling her deep wide pussy. She was not tight at all. She was as loose as an old pair of sneakers even though she was this hot looking trophy wife. I began the in and out motion hard. I slammed my cock into her making my balls hit her ass. She was very wet. I kept up the pounding going harder and harder into her wanton pussy.

“That’s it baby, take it all. My gawd, you look so good with that hard cock pounding your sweet pussy.” The Senator said.

“Harder, harder please. Fuck me, Fuck me hard!” Darleen demanded.

I changed tactics on her by putting her feet over my shoulders, which allowed me to penetrate her even further. I started pounding her with the same furiousness that I use on Sasha’s pussy. I pounded harder and harder.

“C’mon David, fuck her. Fuck her like she wants you to.” Jill encouraged.

After several minutes, sweat was now forming on my forehead and my neck was all sweaty.

Then it happened……Darleen yelled at the top of her lungs, “Fuck me…. OH GAWD, I’M…I’M…CUMMING…. I’M CUMMING…. FUCK, FUCK, FUCK!”

The Senator exhaled. He smiled and gave Jill a white envelope which she folded up and put in her pants back pocket. True to Jill’s word, Darleen put herself back together not saying one word to me. Jill handed me a couple of tissues to wipe myself off with and pull my boxers and pants back up. Once my belt was buckled, we got out of the limo back and went back to the front seat. Jill started the car and we drove silently to “The Jonathan”. When we pulled in the valet opened the back door and the Senator and his wife stepped out. Another bellman took their luggage from the trunk. Jill started the car and we drove off.

We went a couple of blocks before Jill suggested that we get some water somewhere. We stopped at a quickie mart. However, before I went in she opened the envelope and counted the money. Inside, there was $7500 in cash and a personal check from Darleen, in the amount of $10,000. They put a small note inside also. The note read, “Jill. Thank you for your personal service. My wife appreciates what you did to take such special care of us. We look forward to seeing you and your trainee on our next visit. Thank you once again.” It was signed by the Senator.

“Well, how about that? He’s never ever said Thank you before. I’m going to have to bring you along next time they come to town.” Jill said smiling ear to ear.

I got out and went inside to get drinks for us.

Over the next 4 hours, we picked up several clients. A couple from a hi-tech firm from Silicon Valley who enjoyed fucking each other while Jill and I watched in silence. A CEO of a fortune 500 company who liked using street whores. A church pastor who wanted Jill to watch him masturbate. A pair of lesbians who wanted me to be their first cock in them since high school. And, finally a B-level movie actor who wanted to have me fuck him in the ass while he ate Jill out.

It was quite the crazy night.

Jill and I were plum tuckered out. However, we each made over $22,000. I sat in complete awe of our earnings. Oh, and of course, Jill had her ‘thank you’ note from the Senator, which she intended on framing and putting up in her home.

Jill called in to the dispatcher and took us off the clock. The dispatcher asked how much money we made. She replied that she made about $22K and David made zero as Sasha won’t let him get tips for his first 30 days. Dante, the dispatcher, rambled on about how unfair that was and how that rule needs to change. Just as I was about to say something, Jill put her finger to her lips signaling not to say anything.

She hung up with him and turned the phone off and put the earpiece into the center console for the next driver to easily find it.

“David, you fuck like a porn star. Are you sure I won’t find you in any porn videos?” Jill asked in a joking manner.

“Nope, I’m just the chauffeur.” I said with a huge smile on my face.

Thanks for reading this story. I look forward to reading your comments (good or bad) as I am always trying to enhance my writing for as many as possible to enjoy.

Storie simili

Circostanze diverse

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare. Nota/e dell'autore: Onestamente, questa storia è stata parzialmente ispirata da un'altra storia di AbsolxHuman che ho trovato qui. Come dice il riassunto, questa storia contiene bestialità, quindi se non ti piace, è probabilmente meglio che tu trovi un'altra serie da perseguire, poiché la maggior parte degli incontri sessuali coinvolgerà Pokemon e il protagonista, anche se potrebbe esserci un pochi umani spruzzarono qua e là per cambiare le cose. Cambierò il codice per riflettere ulteriori modifiche nei capitoli successivi. Se...

2.9K I più visti

Likes 0

Una lunga notte_(1)

Merda. Merda merda merda MERDA. Todd mormorò sottovoce mentre lottava contro il sacco della spazzatura troppo imbottito attraverso la stretta apertura dell'ascensore. Con una goffa spinta del gomito premette il pulsante B e si appoggiò alla parete di fondo, espirando lentamente. Fottuta giornata della spazzatura. Andiamo giù per i tubi, io e la borsa piena di rifiutare. Rifiutare. Mi rifiuto! pensò, e mantenne quel pensiero con divertito mentre precipitava giù per la gola del suo edificio nell'oscurità viscere sottostanti. Spostò il peso sotto il suo fardello e ci provò respirare attraverso la sua bocca. Clunk clunk clunk. Atterraggio. L'Aquila è atterrata...

1.1K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.1K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

961 I più visti

Likes 0

Aiden 5

America per il weekend di 5 giorni. Guardo Aiden attraversare la nostra stanza. Grace è sdraiata sul letto a guardare le Olimpiadi. David gioca con il suo telefono. Jett salta sul letto. Colin si sdraia accanto a Grace, abbracciandola. I miei occhi cadono su Aiden che mi guarda. Lo fisso di rimando. Si spazzola i capelli di lato e guarda dall'altra parte. Mi siedo con le coperte addosso. Digito sul mio computer. I miei occhi sbirciano di nuovo oltre il bordo. Questa volta Aiden è sdraiato sul pavimento e mi mostra i suoi addominali. Faccio finta di non accorgermene. Sa che...

1.1K I più visti

Likes 0

Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito. Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio. Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro...

854 I più visti

Likes 0

Vero stronzo

Mi è sempre piaciuto guardare mia moglie scopare con altri uomini e donne, oltre a condividere con gli altri. Di tanto in tanto lo portiamo al punto di un cornuto davvero umiliante. Non è qualcosa che facciamo sempre, ma può essere davvero divertente. Questa è una di quelle volte. Ogni sabato andavamo a casa dell'amante di mia moglie, John. Di solito trascorrevano insieme il mercoledì sera, quindi spesso avevano un piano per il sabato, quando tutti e tre avremmo potuto giocare. Non ho mai saputo cosa potessero avere in serbo loro due: entrambi hanno un'immaginazione malvagia e lui ha una collezione...

842 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

583 I più visti

Likes 0

Barare con Ell

Ad un certo punto in un passato non troppo lontano, ero troppo impegnato con il lavoro e la famiglia per avere qualsiasi tipo di vita sociale. Ho 32 anni, sono sposato con una moglie noiosa e ho tre figli. Come un uomo potrebbe immaginare, questo mi ha lasciato frustrato sapendo di avere tutti questi strani e strani feticci, ma non avevo nient'altro che un coniuge morto in camera da letto su cui provarli. Volevo sentirmi vivo! Entra negli appuntamenti online. Funziona, in teoria, per metterti in contatto con qualcuno che potrebbe avere una situazione simile o una moltitudine di altri motivi...

642 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

556 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.