Intrufolarsi negli spogliatoi

984Report
Intrufolarsi negli spogliatoi

Ho scritto questa storia per il mio amico, che è menzionato ovviamente. È finzione e poiché io stesso non sono uno scrittore, non è di grande qualità dal punto di vista di uno scrittore. Spero che la storia stessa sia piacevole per tutti coloro che la leggono.

-----*****----------

Seduto sugli spalti, a guardarti mentre giochi. Continuo a fissare il tuo culetto stretto in quei pantaloncini di spandex e la mia bocca, e l'inguine inizia a lacrimare. Mi sforzo così tanto di non toccarmi di fronte a tutte queste persone, sapendo cosa ti farò dopo. Continuo ad accavallare e divaricare le gambe, sperando che allevi temporaneamente la tensione tra le mie gambe. I miei jeans non stanno facendo un buon lavoro nel nasconderlo perché ho opportunamente dimenticato di indossare le mutandine.

Vedere il tuo sedere sussultare mentre esci dal campo e ti dirigi verso gli spogliatoi mi fa venire i brividi. Scendo silenziosamente dalle gradinate e mi dirigo verso l'ingresso sul retro dello spogliatoio, aspettando che la maggior parte delle ragazze se ne sia andata prima di entrare. Entrando ho notato che alcuni dei tuoi compagni di squadra sono ancora lì, ma non pensare a una giovane donna apparentemente nello spogliatoio di una ragazza. Dopo averti visto, mi nascondo dietro gli armadietti vicino alle docce e mi nascondo in modo che tu non possa vedermi.

Sapendo che sei l'ultimo ad andartene, aspetto pazientemente che tutti gli altri se ne siano andati, aprendo la cerniera e tirando giù i miei jeans, togliendomi la canotta, lasciandomi solo con il reggiseno, avvicinandomi di soppiatto dietro di te mentre indossi solo i tuoi pantaloncini di spandex. Schioccandoti il ​​sedere paffuto, poi avvolgendo le mie braccia intorno a te e tirando il tuo culo coperto di spandex contro il mio inguine nudo, strofinandomi contro di te, alzando le mani e afferrando i tuoi seni nudi, iniziando dolcemente a massaggiarli. Sentendoti sobbalzare un po' al mio contatto, poi realizzando che sono io, appoggiandoti contro di me, gemendo leggermente mentre traccio dei cerchi intorno alla tua areola con la punta delle dita, facendomi lentamente strada verso i tuoi capezzoli rosa, prendendomi il mio tempo, tirandolo fuori mentre il più a lungo possibile prima di strofinare le punte dei capezzoli, rendendoli duri, quindi usando il pollice e l'indice per pizzicarli leggermente, quindi arrotolarli. Avvicinando la mia bocca al tuo collo, succhiando e mordendo dolcemente mentre manipolo i tuoi seni, continuando a strofinare la mia fessura ora bagnata contro il tuo culo coperto, lasciando una scia bagnata sullo spandex. Sentendo che inizi a muovere i fianchi, prendo la mia mano destra dal tuo seno e trascino lentamente una scia lungo la tua pancia con l'unghia, fermandomi alla tua cintura, facendo scorrere la mano sopra la parte superiore dei tuoi pantaloncini e prendendo a coppa il tuo cavallo, sentendo il tessuto un po' umido, stringendo un po', premendo due dita contro le tue labbra, spingendo il tessuto tra di loro.

Lasciandolo lì, muovendo la mano verso l'alto e premendo le mie due dita contro la parte superiore della tua fessura, sentendo il tuo clitoride leggermente gonfio, iniziando lentamente a premere verso il basso ea muoverti in circolo. La mia mano sinistra sta ancora massaggiando il tuo seno e pizzicando il tuo capezzolo, rendendomi conto che l'altra è stata lasciata fuori, la allungo sul tuo petto e le faccio lo stesso trattamento, oltre a tirare il tuo capezzolo. Strofinando il tuo clitoride più velocemente e più forte, muovendo i miei fianchi su e giù contro il tuo culo sexy, sentendo la mia figa bagnarsi di secondo in secondo, l'umidità che inizia a scivolare lungo le mie cosce interne. Smetto di strofinare il tuo clitoride, muovendo la mano sopra la cintura, facendo scivolare le dita sotto, premendo contro il tuo tumulo e mordicchiandoti il ​​collo allo stesso tempo. Abbassando lentamente la mano, fermandomi un secondo sul tuo clitoride per pizzicartelo, sentendoti mentre emetti un piccolo sussulto. Rilasciando il tuo clitoride e facendo scivolare la mia mano più in basso, arricciando l'indice e il mignolo all'indietro, spingendo i miei due medi tra le tue labbra e in profondità nella tua figa in una sola spinta. Premendo con il palmo della mia mano contro il tuo clitoride, iniziando a muovere le mie dita dentro di te, pompandole, aumentando costantemente la velocità. Posso sentire il tuo respiro accelerare, sentire la tua mano sinistra allungarsi e afferrarmi il culo, ridacchiare sentendo la tua mano sul mio sedere.

Prendendo la mia mano sinistra e afferrando la cintura dei tuoi pantaloncini, spingendoli giù per le gambe, lasciandoli appena sopra le ginocchia in modo da tenere le gambe unite. Spostando indietro quella mano, creando una piccola separazione tra il tuo sedere e il mio inguine, trascinando le mie unghie sulla tua guancia sinistra, poi sulla tua destra, continuando a infilare le mie dita dentro e fuori dalla tua figa fradicia. Trascinando le mie unghie intorno ai tuoi fianchi fino alla tua pancia, muovendomi in modo che le mie dita la tocchino appena, muovendole su e giù sopra il tuo stomaco. Fermandomi proprio sopra il tuo tumulo, prendendo tre dita e premendo con forza, piegando le dita dell'altra mano verso l'alto e pompando il mio polso con movimenti brevi e rapidi direttamente contro il tuo punto g. Facendo un altro passo avanti e premendo la mia fessura bagnata e appiccicosa contro la tua guancia destra, ruotando i miei fianchi in cerchio, creando attrito sul mio clitoride con la tua guancia sexy. Andando più forte e veloce che posso con la mia mano nella tua figa, sentendoti iniziare a emettere brevi gemiti silenziosi, respirando sempre più velocemente, sentendo il tuo stomaco iniziare a stringersi e il tuo corpo che si muove in avanti, posso sentirti venire, il tuo figa che pulsa intorno alle mie dita, affondando le unghie nella mia guancia del culo. Ti mordo un po' il collo sentendo le tue unghie affondare nel mio culo, raddrizzando le mie dita e pompandole dentro e fuori di te, muovendo la mia mano sinistra verso il basso e premendo con decisione due dita contro il tuo clitoride, muovendole su e giù altrettanto velocemente come posso contro il tuo clitoride. Mi stritolo ancora contro il tuo culo, avvicinandomi anch'io all'orgasmo, ma sapendo che avrò bisogno di altro. Spingendomi più veloce che posso, sento il tuo secondo orgasmo consecutivo, sentendoti gemere leggermente mentre le mie dita entrano ed escono dalla tua figa pulsante.

Togliendo le mie dita dalla tua figa, portandole alla tua bocca e spingendole tra le tue labbra, asciugando la tua copiosa quantità di sperma sulla tua lingua, sentendoti leccare via. Muovendosi per affrontarti, guardandoti negli occhi, notando che sono lucidi per i tuoi orgasmi. Togliendo le mie dita dalla tua bocca dopo che le hai pulite, premendo le mie labbra sulle tue, spingendo la mia lingua nella tua bocca, facendola scorrere sulle tue, assaporando il tuo sperma, gemendo un po' godendomi il sapore. Allungando le mie mani e stringendo le tue guance paffute, impastandole mentre ti baci, godendo della sensazione della tua morbida carne tra le mie mani. Alzando le mani e tirando giù le unghie, premendole contro il tuo sedere e grattandole lentamente intorno alle tue guance, sentendoti espirare al contatto.

Afferrando i tuoi pantaloncini e spingendoli fino in fondo alle tue gambe e via, avvolgendo il mio braccio intorno alla parte bassa della tua schiena e sdraiandoti sul pavimento in moquette. Mi tolgo il reggiseno e sento i miei capezzoli indurirsi all'istante alla sensazione dell'aria fresca. Guardarti dall'alto in basso, vederti con le gambe divaricate e gli occhi chiusi, sorridere, ammirare il tuo corpo bellissimo e sexy, amare tutto ciò che vedo. Mettendomi in ginocchio e chinando la testa sulla tua splendida figa rosa, guardando da vicino la pelle luccicante, poi premendo le mie labbra sul tuo clitoride, succhiandolo nella mia bocca e pizzicandolo con i denti, sentendoti ansimare mentre lo faccio io, alzando un po' i fianchi. Abbassando la bocca, tirando fuori un po' la lingua, leccando le tue labbra interne, assaporando il sapore, sentendo la mia figa gocciolare. Poi spingo bruscamente la mia lingua nella tua figa il più lontano possibile, alzando la mano destra e giocando con la tua clitoride. Pompando la mia lingua dentro e fuori dalla tua figa fradicia e appiccicosa, fottendoti la clitoride velocemente e con forza, decidendo che ho bisogno di un po' di sollievo anch'io. Muovendo la mia mano sinistra tra le mie gambe, sentendo l'umidità su tutte le mie parti interne, saltando il mio clitoride e infilando due dita nella mia figa, emettendo un suono udibile mentre lo faccio, grugnendo nella tua figa. Facendo scorrere la mia lingua dentro e fuori, il più velocemente possibile, amando il gusto e la sensazione della tua figa calda sulla mia lingua. Scopandomi con le dita per tutto quello che valgo, desiderosa di sborrare, facendo roteare i fianchi avanti e indietro mentre ti fotto con la lingua. Respiro più pesante anch'io, sento i tuoi fianchi sollevarsi in un movimento a scatti, sapendo che significa che stai venendo, sento il tuo sperma iniziare a fuoriuscire dalla mia lingua e nella mia bocca. Il tuo orgasmo nella mia bocca innesca il mio mentre emetto un forte gemito nella tua figa, la mia lingua ancora in profondità, venendo forte sulla mia mano, sentendo il mio stesso sperma rotolare intorno alle mie dita e lungo le mie cosce. Premendo le mie gambe insieme, sentendo l'incredibile quantità di umidità e appiccicosità che si uniscono.

Tirando le mie dita dalla mia figa, spostando la mia testa tra le tue cosce sexy, strisciando su di te, allungando la mia mano sinistra e spalmando il mio sperma sulle tue labbra, naso e seno. Chinandomi e baciandoti, spingendo il tuo sperma nella tua bocca, facendo rotolare la mia lingua contro la tua. Sto cercando di riempirti la bocca con quanto più sperma possibile. Quando l'ho fatto, sposto le mie labbra dalle tue, usando la mia lingua per leccare il mio sperma dalla tua faccia, tenendolo in bocca, scendendo sul tuo seno e leccandolo tutto, facendo scorrere la mia lingua sui tuoi capezzoli e leggermente succhiandoli. Rilasciare l'altro capezzolo dopo averlo reso duro, tornare sulle tue labbra, trattenere una buona quantità del mio sperma in bocca, spingerlo nella tua bocca, mescolare il nostro sperma insieme, assaggiarlo, amarlo, spingere il mio cavallo contro il tuo mentre mi eccita avere tutto quello sperma in bocca.

Storie simili

Sperma medicina 4

Capitolo 4 Si prega di leggere i primi 3 capitoli Kellie fece del suo meglio per sembrare sconvolta mentre Kristin si precipitava alla porta principale dalla sua macchina. Kellie aprì la porta d'ingresso prima che Kristin avesse la possibilità di bussare. “Oh mio dio Kellie? Che cosa sta accadendo?! Hai chiamato i servizi di emergenza??”, disse frettolosamente Kristin mentre entrava in casa. Kellie notò che i suoi capelli erano ancora bagnati dalla doccia. Ha anche notato che era truccata, il che non era da lei a quest'ora della notte. Non ancora! Potremmo averne bisogno se non riusciamo a risolvere il problema...

1.4K I più visti

Likes 0

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.1K I più visti

Likes 1

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito. Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio. Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro...

1.1K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

964 I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

1.1K I più visti

Likes 0

Curioso Giorgio

Quando ero ragazzo, forse intorno ai 14 o 15 anni, mentre curiosavo trovai un libro sotto il letto dei miei genitori. Il libro conteneva tutti i tipi di storie erotiche e mi sono ritrovato ad amarlo. Mi sono masturbato spesso, come fa ogni giovane, e anche questo libro è diventato una delle cose che preferisco masturbarmi. Potevo usare il libro solo mentre i miei genitori non erano a casa, dato che dovevo andare nella loro stanza per prenderlo, e temevo di essere trovata a cercare il libro sotto il loro letto. Dopo alcune settimane, avevo finito tutte le storie e le...

662 I più visti

Likes 0

La nuova carriera di Anna_(1)

Anastasia era preoccupata. Il ristorante era molto tranquillo, ancora una volta, e lei non guadagnava abbastanza mance. Inoltre, il corso le stava costando più di quanto si aspettasse, con i libri, l'attrezzatura, ecc. che doveva acquistare. Faceva del suo meglio per essere gentile con tutti i clienti, ma erano troppo pochi per poter guadagnare quanto le serviva. Mentre puliva i tavoli sparecchiati, rimase solo un cliente: un uomo d'affari sui trentacinque anni che era arrivato tardi. A lei non importava, dato che le persone come lui di solito danno una buona mancia, quindi si assicurò di essere particolarmente attenta a lui...

451 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

3.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.