L'uomo della mia vita

889Report
L'uomo della mia vita

Sono sicuramente un uomo gay e arrapato. Lo so da quando ero bambino. Quando lo ero, non sapevo davvero cosa volevo, a parte voler fare sesso. E in realtà, non volevo nemmeno quello.

Ho sempre immaginato di succhiare il pene di un ragazzo. E la prima volta che l'ho fatto, sono venuto nei pantaloni. Quando ha infilato il suo cazzo nella mia gola, ho sentito un po' di precum schizzare sul retro di esso, e il mio cazzo è quasi venuto in quel momento! Quando il suo sperma caldo mi è scivolato giù per la gola, come ho detto, sono venuto nei miei pantaloni.

Sono un grande cummer, e diventa piuttosto disordinato quando lo faccio. Non avevo indossato biancheria intima, quindi lo sperma filtrava solo attraverso i miei jeans. Era quasi come se mi fossi pisciato addosso, ma si vedeva uscire del bianco. Il ragazzo ha pensato che fosse così eccitante che sono venuto così, che mi ha fottuto la bocca una seconda volta. E altre tre volte dopo. Ho avuto mal di gola per la settimana successiva, ma ho avuto anche un'erezione per la settimana successiva. Adoro masturbarmi, e quella è stata una settimana in paradiso.

Ma sono io da bambino. Sono ancora un grande cummer, 10 anni dopo. Ma ora so esattamente cosa voglio. E vivo esattamente nel modo in cui volevo vivere. Chi sono? Sono schiavo di un padrone. Un ragazzo per il suo uomo, un figlio per suo padre. Ed è il primo ragazzo a mettermi il pene in bocca.

Diversi anni dopo quel primo sperma, ho stipulato un accordo, quasi un parente di un matrimonio. Ho accettato di essere il suo schiavo. Mi fornisce cibo e riparo, così come felicità sessuale di tanto in tanto e profondo dolore fisico. Gli fornisco il mio amore e le mie cure, la sottomissione del mio corpo e del mio spirito sessuale e qualsiasi altra cosa di cui abbia mai bisogno.

È un rapporto altamente ineguale. Sono profondamente innamorato di lui. Ma è un uomo profondamente violento. È un uomo molto promiscuo. Quando non mi usa, va a letto con qualcun altro. Quando non va a letto con qualcun altro, beve. E quando ha finito di bere, mi picchia.

Non mi importa che sia un violentatore fisico. Meglio me che qualcuno a cui non piace o non lo vuole. Ma ha i suoi momenti che so che nessun altro vede. C'è la notte occasionale in cui mi permette di dormire con lui (ma in genere solo dopo che ho preso un pestaggio insolitamente duro), o la rara notte in cui mi permette di masturbarmi (solo in genere quando sa che ci sarà un po 'di di sangue nel mio sperma - adora quando succede), o la notte ancora più rara in cui mi picchierà sulla veranda sul retro (che sono le uniche volte in cui lascio l'appartamento).

L'ultima volta che sono stato fuori è stato poco più di un anno fa, quando mi ha picchiato sulla veranda sul retro. C'era la condizione che non mi fosse permesso di fare un solo rumore, perché non voleva che qualcuno nelle vicinanze ci sentisse. Era particolarmente ubriaco; il suo alito sapeva così tanto di whisky che pensavo di berlo. Era particolarmente arrabbiato; qualcosa è andato storto al lavoro, non ha ottenuto la promozione che voleva e ha scopato il suo capo cercando di ottenerla.

Il whisky nel suo alito era particolarmente pungente, come ho detto. E sfortunatamente, mi ha fatto venire il vomito. Quel rumore stava infrangendo la sua regola. Non mi aveva nemmeno colpito e ho infranto l'unica regola. Quindi, con una mossa calcolata, mi ha lanciato attraverso la porta a vetri, rompendola. Mi ha dato diversi pugni in faccia e non sono riuscito a vedere bene per una settimana dopo. Ma, dopo i pugni e il lancio attraverso la porta a vetri, sono caduto privo di sensi.

Mi sono svegliato, diverse ore dopo. Ero accecato e avevo le orecchie e la bocca coperte. Ero stordito da quello che immagino fosse una commozione cerebrale e mi sono subito reso conto che stavo provando un dolore estremo al mio pene. È stato così doloroso che all'inizio non me ne sono nemmeno reso conto. Ho cercato di urlare per il dolore, ma con la bocca coperta e imbottita non riuscivo a emettere un vero suono.

Aveva piuttosto battuto il mio pene. E metteva anche il sale sulle ferite, per aumentare il dolore. Ma stava anche inviando una corrente elettrica attraverso il mio pene e lo scroto. In qualche modo, la corrente elettrica faceva sembrare che il mio pene stesse venendo. Sentivo il mio pene contrarsi in quel modo, e ogni volta che lo faceva, era molto doloroso. Sono rimasto in quella posizione per un bel po' di tempo, anche se non ho mai saputo quanto tempo è passato. Ad un certo punto nel mezzo, l'ho sentito remare contro il mio scroto. Era quasi come se i miei testicoli fossero le sue palline da golf.

Alla fine si è fermato. E ad un certo punto, mi ha liberato dalla mia schiavitù. Da allora non mi ha più lasciato uscire, e dopo è andato a letto con ancora più persone. Mi ha baciato, però. E per questo, lo amo ancora, perché nonostante l'orribile pestaggio allo scroto e al pene, il mio cazzo è ancora un po' duro... anche se è stato piuttosto doloroso.

Quando guardo il mio pene in questo momento, vedo le cicatrici lasciate. Non è molto attraente, ma so che gli piace il lavoro che ci ha fatto. Mi piace pensare che le cicatrici indichino il suo nome, perché, dopotutto, io sono sua proprietà, e cosa non è più importante del pene di un uomo? Mi picchia ancora come ha fatto. Anche se ha più persone a casa e mi spinge più spesso nel suo armadio.

Ma non importa. Perchè lo amo. Mi dà la vita che ho, la vita che voglio. Non mi dispiace più, perché è questo che mi rende felice. Il mio pene era sfregiato; ci ha messo il suo nome e io sarò sempre suo.

Storie simili

Caldissimo giocatore di basket

Sono un allenatore di basket in un piccolo collage nel sud. Alleno una ragazza, ne ho venti, cinque per classe. sono di tutte le taglie, alti e bassi, ma non troppo bassi. Tutti sono ben costruiti. Petto delle dimensioni di un gragefruit. Alcuni dei culi più belli che tu abbia mai visto. Quindi un giorno sono nel mio ufficio e Annie entra nel mio ufficio. Indossa uno di quei top corti che le arrivano appena sopra il seno. È obesa che non indossava un reggiseno. Indossa un paio di pantaloncini che sono di cotone e sono così attillati che puoi vedere...

859 I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

867 I più visti

Likes 0

La riluttante lap dance di Alison

Alison è entrata nella mia vita come parte di una cosa a tre con un'altra ragazza. Il trio è stato divertente, ma presto ci siamo separati. Abbiamo ricominciato a parlare qualche mese dopo, quando l'ho vista in uno strip-club in cui aveva appena iniziato a lavorare. Poco dopo, abbiamo avuto il nostro primo vero appuntamento. Un paio di drink veloci in un bar per immersioni e un pompino nel parcheggio è stato il massimo del romanticismo. Quando ha iniziato a venire a casa mia, sono stato il primo a farla squirtare quando raggiungeva l'orgasmo. Sono stato anche il primo a trattarla...

910 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

698 I più visti

Likes 0

Eventi che portano alla nostra fase di

Come la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori, eravamo in tanti a frequentarci spesso. Scherzavamo, ci davamo del filo da torcere, ci prendevamo in giro, cose normali da ragazzi. E come la maggior parte dei gruppi di ragazzi di quell'età, alcuni di noi avevano l'auto, e alcuni di noi dovevano prendere in prestito quella dei nostri genitori di tanto in tanto... Era il fine settimana e avevamo deciso di andare in un luogo di ritrovo popolare, un lago a circa un'ora di macchina, che aveva scivoli e piattaforme da cui saltare, probabilmente meglio descritto come l'equivalente anni '80 di un...

563 I più visti

Likes 0

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

2K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

951 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

670 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

645 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

621 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.