Dalla casalinga solitaria alla troia perversa, capitolo 21 ripubblicato

755Report
Dalla casalinga solitaria alla troia perversa, capitolo 21 ripubblicato

Dalla casalinga solitaria alla troia perversa Capitolo 21 ripubblicato A cura di un amico.
Informazioni sull'autore
Sesso: femmina Età: Località:
Originariamente pubblicato tStoria vera, Anale, Autoritario, Tradimento, Ingoio di sperma, Erotica, Esibizionismo, Sesso di gruppo, Sesso orale, Moglie, Scritto da donne 2 maggio 2015
Rapporto
Nessuna persona coinvolta in atti sessuali o addirittura testimone degli stessi è inclusa in questa serie sotto l'età del consenso. Una persona sotto l'età del consenso può essere menzionata di sfuggita, ma lui o lei, a seconda dei casi, è collegata o inclusa solo casualmente in questa serie come una persona informale e casuale che non partecipa a qualsiasi fornicazione di qualsiasi natura. Questa versione è stata modificata da Geo.Venereal
Introduzione:
continua la storia su Joan
Da casalinga solitaria a troia perversa Capitolo 21

“Sono rimasto in fondo e ho lasciato che i miei occhi si adattassero al teatro buio prima di dirigermi verso l'ultima fila del teatro. Andai fino alla fine del teatro e mi diressi verso la penultima fila.

Mi sono ricordato delle mie istruzioni. “Quando entri vai nella penultima fila. Mitch è al centro della fila." Quando ho raggiunto Mitch gli ho dato un colpetto sulla spalla. "Scusate, ma posso sedermi dall'altra parte?" chiesi guardandolo.

Alzai lo sguardo sullo schermo e vidi una giovane donna bianca, attraente, snella, con i seni grandi, sui vent'anni, che camminava lungo un sentiero. Ho anche visto un gruppo di uomini di colore che giocavano a calcio in un campo lontano.

"Oh certo. Non ti ho sentito avvicinarti a me. Wow, sei un knockout. Per favore, mi alzo così puoi passare davanti a me e sederti dall'altra parte." Mitch ha detto sopportandoci. "Non pensavo nemmeno che le donne fossero ammesse a teatro." Mitch torreggiava su di me e parlava di muscoli con i suoi jeans attillati e la maglietta senza maniche. Potevo vedere un grosso rigonfiamento lungo la sua gamba destra ed ero sicuro che non fosse ancora duro.

Ho sentito la ragazza urlare sullo schermo del cinema. "Che cosa volete da me, voi uomini?"

“Sei tu che gironzoli per il nostro campo di calcio. Non ti abbiamo invitato nel nostro dominio privato." Ha risposto uno dei calciatori neri e sexy.

"Il direttore del teatro ha fatto un'eccezione per me." Spinsi oltre Mitch assicurandomi di spingermi indietro per sentire il suo rigonfiamento premere contro la mia schiena. "Grazie." dissi e poi trovando il mio posto mi sedetti. "Hai un bel rigonfiamento lì." Metto la mano sul serpente che gli corre lungo la gamba destra. "È davvero bello."

"Per favore, non farmi del male." Ho sentito la donna piangere nel film.

"Lo sta chiedendo." Ho sentito un ragazzo urlare qualche fila a testa tra me e Mitch nel teatro.

"Che ne dici di tirarlo fuori per una boccata d'aria?" Ha detto Mitch. "Oh comunque mi chiamo Mitch, come ti chiami stronza?" chiese Mitch tirando su la sua maglietta attillata senza maniche sopra lo stomaco muscoloso, sopra il petto e la testa e gettandola sul sedile dall'altra parte di lui. "Sei più sexy della donna nel film, stronza."

"Mi chiamo Joan, ma non importa se ho bisogno di un po' di questo." dissi spostando la mano sul suo enorme rigonfiamento fino alla parte superiore dei jeans e slacciando il primo bottone. Ho quindi iniziato ad abbassare la cerniera.

"È tutto tuo, troia." disse Mitch mentre alzava il sedere dal sedile e si infilava i jeans lungo le gambe insieme alle mutande attillate. Il suo enorme cazzo mezzo duro rimbalzò fuori raggiungendo un'erezione parziale completa di almeno dieci pollici di spessore. Ha afferrato la mia camicetta e l'ha strappata facendola cadere da me sul sedile. Si è chinato su di me e mi ha strappato la gonna infilando le dita nella mia figa fradicia. "Sembra davvero bello."

“Gang bang. Gang bang con la troia. Ho sentito alcuni uomini gridare nel teatro. Alzai lo sguardo e vidi che la donna era nuda e giaceva sul campo di calcio circondata dai giocatori di calcio neri.

"Grazie Mitch." Gemetti mentre ero seduto al mio posto, completamente nudo, guardando il suo cazzo duro che ora era premuto contro il suo stomaco da sei addominali. Mi sono chinato sul sedile e ho preso il suo cazzo in mano. La mia piccola mano è arrivata a malapena a metà intorno al suo cazzo mentre lo tiravo verso di me e leccavo l'enorme testa del cazzo a forma di fungo.

Ho cercato di escludere le urla dei ragazzi in teatro mentre mi concentravo sul grosso cazzo di Mitch.

"Oh sì, puttana, prendilo in bocca, puttana." Mitch gemette mentre mi alzavo dal sedile e riuscivo a infilarmi tra le sue gambe muscolose e divaricate. Mi sono abbassato e ho preso il suo grosso cazzo in bocca.

Mi sono tolto il cazzo dalla bocca massaggiando le sue grandi palle marroni con la mano guardando i suoi occhi marroni. “Mmmmmmm. Il tuo cazzo ha un sapore così buono, Stud." dissi prima di chinare la testa e tornare a leccargli la testa del cazzo.

Ho sentito Mitch afferrarmi la testa tra le sue grandi mani nere e spingermela verso il basso. “È così che la stronza succhia quel cazzo. Fallo bene e bagnalo perché voglio farti piegare sul sedile di fronte a noi e farti davvero una bella scopata.

Ho preso il suo grosso cazzo in bocca e ho lasciato che mi afferrasse la testa e spingesse il suo cazzo nella mia gola affamata di cazzo. "Oh sì, la tua gola è come il velluto."

In fondo ho sentito i ragazzi urlare. "Succhia quel cazzo di puttana e prendi l'altro cazzo su quella figa calda di puttana."

“Quegli idioti non sanno cosa si perdono. Quella troia riesce a malapena a prendere metà del cazzo in bocca senza soffocarsi e io ho il mio cazzo a metà nella tua gola e tu non stai ancora soffocando. Mitch gemette premendomi la testa finché il suo grosso cazzo non entrò nella mia gola e le sue grosse palle si posarono sul mio labbro inferiore. "Puoi davvero ingoiare una troia."

Riuscii solo a gemere intorno al suo grosso cazzo mentre mi tiravo indietro finché solo la testa del cazzo era nella mia bocca e lui mi spinse di nuovo il suo cazzo in gola. Mi sentivo dondolare su e giù per il suo grosso cazzo ancora e ancora.

Le urla nel teatro divennero un rumore di sottofondo. Ero perso nella lussuria mentre Mitch continuava a sbattere il suo grosso cazzo dentro e fuori dalla mia gola affamata di cazzi. Deve avermi scopato la gola per cinque minuti buoni prima che lo sentissi gemere mentre mi spingeva la testa verso il basso prendendomi tutto il cazzo in gola. “Oh sì, sto venendo, stronza. Oh sì, prendi il mio sperma.

Ho sentito il suo cazzo espandersi nella mia gola e sapevo che mi stava sparando la sua sborra in gola. Ha lasciato andare la mia testa e ho sollevato il suo cazzo finché solo la testa del suo cazzo è rimasta nella mia bocca e ha sparato un altro carico sulla mia lingua e ho assaporato il suo sperma denso, salato e muschiato sulla mia lingua. Ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia bocca e mi ha sparato un'altra dose sul viso e sulle labbra. Tirai fuori la lingua e mi leccai le labbra. "Wow, ha un buon sapore." Gemetti dopo essermi leccato le labbra.

Potevo sentire gli altri adolescenti gemere nel teatro mentre sentivo i due uomini urlare sullo schermo. "Sto venendo, troia."

"Toglimi le scarpe e i calzini, stronza, e passiamo a qualche bella scopata." disse Mitch spingendomi via e facendomi cadere a terra.

Ho slacciato le sue scarpe da ginnastica e le ho tolte seguite dai suoi calzini bianchi. Poi gli ho tirato giù i jeans lungo le gambe muscolose e gli ho tolto i piedi, gettandoli sul sedile accanto a Mitch che si univa alla sua maglietta e ai suoi pantaloni.

"Va bene, alzati e girati." disse Mitch guardandomi e allungando il suo braccio forte per aiutarmi ad alzarmi. Mi sono voltato e sono stato spinto sul sedile di fronte a me. Ho alzato il sedere in aria e ho sentito le dita di Mitch raggiungere sotto di me e nella mia figa bagnata e gocciolante. "Wow, hai voglia di farti scopare, troia."

Ho visto la stanza piena di adolescenti dall'aspetto attraente mentre applaudivano quello che stava succedendo, sullo schermo. Alcuni addirittura si alzarono e applaudirono. Nessuno si era voltato, non avevano idea di cosa stesse succedendo nel retro del teatro, non così lontano da dove tutti erano seduti o in piedi.

Ho sentito Mitch circondarmi con le sue grandi braccia e stringermi i capezzoli. - gemetti cercando di tenere bassa la voce. "Oh sì, oh sì Mitch ora spingi quel grosso cazzo nella mia figa affamata."

"Non preoccuparti, è esattamente quello che ho in mente, troia." Mitch mi sussurrò all'orecchio. Ho sentito la punta del suo cazzo entrare nella mia figa, allargare le labbra gonfie della mia figa e scivolare contro il mio clitoride duro. "Quanti uomini hanno scopato questa figa calda?"

"Intendi oggi?" Ho chiesto. "OH sì, spingilo tutto dentro di me."

“Oggi immagino. Vuoi dire che lo fai continuamente?" chiese Mitch.

"Finora oggi sei l'unico, ma ho intenzione di prenderne molto di più dopo che avrai finito." gemevo.

"Scommetto che lo sei." Mitch gemette nel mio orecchio mentre il suo cazzo si spingeva in profondità e con forza nella mia figa assetata di cazzo. "Sei come una cagna in calore."

Ho sentito e visto la ragazza a terra mentre uno stallone nero le infilava il cazzo nella figa. "Fanculo a me." Ha urlato.

Mitch ha sbattuto il suo cazzo dentro e fuori dalla mia figa lentamente ma con forza. Continuava a infilare il suo grosso cazzo nella mia figa affamata. Poi ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa e con mia sorpresa me lo ha infilato nel culo. "Bel culo che hai, troia." Mitch gemette nel mio orecchio.

“Oh sì, è fantastico. Il tuo grosso cazzo mi sta così bene nel culo." Gemetti guardando in basso e poi scuotendo la testa con desiderio.

"Beh, è ​​fantastico." Mitch gemette nel mio orecchio mentre me lo sbatteva nel didietro e questa volta lo tirava fuori sbattendolo nella figa questa volta. È andato avanti e indietro dalla mia figa e dal mio culo, le sue grandi palle rimbalzavano mentre mi scopava.

Sullo schermo il ragazzo che scopa la bionda calda si è tirato fuori e si è rotolato a terra lasciando che un altro calciatore nero e sexy prendesse il suo posto nella sua figa calda. Gli adolescenti nel teatro hanno esultato di nuovo.

“Sei molto meglio di quella stronza sullo schermo, troia. Oh si! prendi il mio grosso cazzo in quella figa calda. Gemette.

Spinsi indietro il sedere e gemetti. “Vaffanculo, stallone. Scopami bene e forte.

Mitch deve avermi scopato la figa e il culo per almeno mezz'ora andando avanti e indietro mentre mi scopava forte. «Sei proprio una bella scopata. Sto venendo, stronza." Gemette nel mio orecchio quando sentii il suo cazzo espandersi nella mia figa e sapevo che mi stava sparando dentro il suo sperma caldo e denso. Lo sentii lasciarmi andare mentre si sedeva sulla sedia dietro di lui. "È stata una bella scopata."

“Sì, sei un vero stallone, ma ho appena iniziato. Ho bisogno di più. Un cazzo nero più grosso e grosso, come il tuo Mitch."

Ci sono due uomini attraenti dall'altra parte del teatro, un paio di file davanti a noi. Che ne dici di andare da loro e sorprenderli? Noto che hanno un posto vuoto in mezzo a loro." disse Mitch mentre abbassavo lo sguardo accanto a lui.

"Non è una cattiva idea. Augurami buona fortuna." sussurrai alzandomi, scavalcando le gambe muscolose di Mitch.

“Credimi, non hai bisogno di fortuna quando ti vedono avvicinarti a loro. Ti metti la camicetta e la gonna? chiese Mitch.

«Temo che tu abbia fatto un ottimo lavoro nel strapparmeli. Non posso indossarli, ripasserò semplicemente come sono. dissi attraversando la fila fino alla navata principale. Quando sono arrivato alla fine della fila ho percorso un paio di file lungo il corridoio e mi sono diretto verso i due adolescenti neri e sexy seduti a fissare lo schermo mentre la donna gemeva sullo schermo.
La fine del capitolo 21.

Storie simili

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

649 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

582 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.4K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.