Amandina

384Report
Amandina

Capitolo 1: il punto di partenza
Ho 25 anni e lavoro per un'azienda che fa ricerche sociali: comportamento delle persone, risposta a una situazione particolare… Durante i periodi elettorali, possiamo condurre sondaggi. L’80% del nostro business proviene dai brand alimentari: di cosa ha bisogno il consumatore? Quali sono i gusti che preferisce?...
Quello che faccio in questa azienda è abbastanza semplice: raccolgo dati. Non sono particolarmente entusiasta del mio lavoro ma non mi annoia, ho uno stipendio decente e la maggior parte delle volte i miei orari di lavoro sono davvero corretti. Se lo dico la maggior parte delle volte è a causa del progetto a cui sto lavorando. Fondamentalmente devo guardare le persone che dormono. C'è un'atmosfera di mistero dietro questo progetto: non sappiamo a chi sia rivolto né perché. Voci dicono che si tratti di un'azienda farmaceutica che sta sperimentando un sonnifero. Altri dicono che è un test per materassi diversi.
L'idea è abbastanza semplice: le persone hanno accettato di avere una macchina fotografica nella loro stanza per un anno e di essere registrate mentre dormono. La camera da letto è un luogo piuttosto privato, quindi hanno un telecomando per spegnere la videocamera per 3, 8 o 12 ore di seguito. Tutte le persone che hanno accettato questa strana richiesta sono single. Quindi, se ci sono due persone (o più) nella stanza, la telecamera la identifica grazie al controllo del calore e si spegne da sola, a meno che qualcuno che lavora per la mia azienda (come me) non la accenda manualmente. Ma quando lo facciamo, ognuno di noi ha un codice personale: se siamo tentati di accenderlo per lo spettacolo, il Grande Fratello saprà chi è stato. Credo che tu lo abbia capito, tutto è fatto per mantenere la privacy dei “soggetti”. Se le cose non si surriscaldano, dovremmo accendere la fotocamera.
Se ho accettato di lavorare a questo progetto è per diversi motivi. Prima di tutto, a volte dobbiamo guardare le persone che dormono in diretta. Non sono un tipo strano ma questo significa stipendio notturno… posso lavorare anche da casa (scarica i video e guardali sul mio personal computer). E soprattutto ho molto tempo libero. Dato che non ho bisogno di dormire molto, non devo occuparmi delle ore di lavoro notturne. Poiché voglio diventare un ingegnere, nel tempo libero lavoro sulle mie competenze informatiche.
Siamo in tre a lavorare su questo progetto (come “data collector” ovviamente). E abbiamo concordato tutti insieme di lavorare sempre sugli stessi temi. Mi considero il fortunato. La mia fortuna è l'argomento di questa storia e lei ha un nome: Amandine.
Amandine è una madre single bruna. Come puoi immaginare, è stupenda. Lei è una bruna minuta con quello che sembra un corpo assassino. Se dico “sembra” è perché non l’ho ancora visto. Ed è ovvio che fa il possibile per nascondere i suoi beni alla telecamera. All'inizio.
Durante il primo mese, tutti i soggetti erano ovviamente troppo consapevoli della fotocamera. Lo stavano spegnendo per qualsiasi scopo, inclusa Amandine. Ma poiché tutti stavano dimenticando la presenza dell'Occhio, lei ovviamente non lo era. Non so dire perché ho questa sensazione perché, come chiunque, era sempre meno infastidita dall'intruso. Fin dall'inizio ho avuto un interesse particolare per lei, il che è perfettamente comprensibile: tutti dedichiamo più tempo a ciò che è interessante nel nostro lavoro e nel mio, tutto era uguale tranne l'aspetto dei miei soggetti. Su questo argomento lei aveva le mani migliori di chiunque altro tra i miei soggetti. Ma il mio interesse per lei aumenta quando persiste la mia sensazione: era (quasi) sempre consapevole della macchina fotografica ma si comportava come se la dimenticasse.
All'inizio non era niente; e forse non era davvero niente. Un cassetto lasciato aperto. Un letto slegato. Il suo pigiama su una sedia. E poi era la porta del suo bagno non del tutto chiusa, ma non abbastanza aperta per permettermi di vederla, oppure potevo vederla uscire dal bagno solo coperta dal TOVOLO perché aveva dimenticato i suoi vestiti nella sua stanza. Trovo che le donne vestite così siano davvero sexy. Mentre la guardavo il primo giorno in cui è successo, ho avuto una vera erezione svegliarmi nei pantaloni. Ma non accadde più nulla.
Una domenica pomeriggio ero al lavoro e guardavo i miei soggetti in diretta mentre Amandine entrava nella sua stanza. Chiuse la porta con la serratura, cosa che non faceva spesso. E apre un cassetto della sua scrivania. Prima che potessi vedere cosa stava cercando, ha spento la fotocamera. Per tre ore. Il più delle volte, questo significa sesso o masturbazione. E per quanto ne so, questa non è stata un'eccezione. Non ha mai chiuso a chiave la porta e quando lo ha fatto ha spento la telecamera per 3 ore. Ogni volta. La novità in questo modello era il cassetto. Ho dovuto rivedere la scena più volte per scoprire cosa fosse veramente strano.
Lei entra nella sua stanza e chiude a chiave la porta. Normalmente prendeva il telecomando della macchina fotografica alla sua sinistra, al suo solito posto, e lo spegneva, ma qui no. Attraversa la sua stanza, passa davanti al letto, dritta alla scrivania e al cassetto. Apre il cassetto e la telecamera si spegne. Quello che mi è mancato la prima volta è stato il telecomando della telecamera sul lato del letto. Quando l'ha superata, ha preso il telecomando senza che io lo vedessi. Sono tre mesi che la osservo vivere nella sua stanza e ritengo di conoscerla tranquillamente. Ho anche assistito più volte al suo strano rapporto con la figlia, ma di questo ne parlerò più avanti. Il telecomando è sempre al suo posto (vicino alla porta quando non è in camera e sul tavolo accanto al letto quando è a casa), mai sul letto. Mai. Tranne questa volta. Sono dovuto tornare al mattino per vedere come era finito il telecomando sulla sponda del letto. L'ha messo qui quando si è messa le scarpe. Di solito si siede sul letto e si mette le scarpe, ma questa volta si è inginocchiata ai piedi del letto per mettersi le scarpe. Poiché aveva il telecomando in mano, lo posò sul letto. Un mese prima non me ne sarei accorto. Ma se c'era una cosa che avevo imparato dal progetto a cui stavo lavorando in quel giorno, era che l'abitudine era però, soprattutto le abitudini mattutine. Non sei completamente sveglio, quindi tutto ciò che fai, lo fai automaticamente. Le mie scoperte furono confermate da due segnali. Il primo è stato un rapido sguardo alla telecamera quando ha finito di mettersi le scarpe. È stato uno sguardo, ma troppo veloce per essere uno “sguardo normale”. Non voleva essere vista mentre lo guardava. Il secondo segno fu il sorrisetto che fece quando automaticamente appoggiò la mano sul letto per prendere il telecomando, ma vivendolo dov'era. Ancora una volta, avrei potuto credere che usasse il suo letto per alzarsi, ma era una coincidenza troppo grande allo stesso tempo...
Quindi ho aspettato; tre ore.
Quando la fotocamera si è accesa da sola, sullo schermo non c'era nulla di insolito. Dormiva sul suo letto, vestita. Mi aspettavo qualcosa, non so cosa ma sono rimasto deluso dal fatto che fosse tutto normale. Se tutto fosse normale, potrei aver sbagliato a leggere il suo comportamento. Odio sbagliarmi. Quindi guardo da vicino.
Ho solo una cosa da dire: oh mio Dio.
Per prima cosa ho ingrandito il suo viso. Non stava dormendo. Quando dormi, i tuoi occhi si muovono da soli, velocemente. I suoi no. Ho mirato un po' più in basso e ho guardato tutto il suo corpo, da vicino. Non posso dire di non aver mai avuto la tentazione di farlo, ma non l'ho fatto fino a quel giorno. Mi è piaciuto quello che vedo. Il suo reggiseno era slacciato. Indossava una maglietta ma evidentemente durante queste tre ore si era slacciata il reggiseno. La sua camicia aveva solo tre bottoni: potevo vedere il colore del reggiseno, nero, e l'ombelico su una pancia perfetta. Il bottone dei suoi jeans era aperto, tutti, ma senza scoprire troppo – solo che le sue mutandine erano abbinate. E alla fine, le sue gambe furono leggermente aperte. Ovviamente aveva apprezzato i servizi della sua mano.
L'ho guardata così per quindici minuti, con un'erezione furiosa. Non veniva mostrata molto, ma questa era una delle cose più calde che avessi mai visto sullo schermo. Stavo cominciando a masturbarmi quando lei si è rotolata sul letto. La sua mano sinistra “naturalmente” si è posata sul seno destro e lo ha massaggiato per tre secondi, attraverso il tessuto dei suoi vestiti. Fino a quel giorno mi vergognavo un po' (solo un po') di osservarla più degli altri miei soggetti. Ecco perché non riconoscevo ciò che vedevo nemmeno a me stesso. Ma quando le sue mani si massaggiavano il seno, una cosa era ovvia: aveva il seno grande; troppo grande per le sue piccole mani, perfetto per le mani di un uomo.
Durante questi tre secondi ero così ipnotizzato che quasi mi perdevo qualcosa. Un attimo prima era sdraiata sul suo vibratore. Quando ho visto questo, sono venuto. A mia difesa, ho avuto solo due “donne” (leggi “ragazze poco più che ventenni”) nella mia vita ed era passato parecchio tempo dall’ultima volta che avevo rapporti. A quel tempo ero sempre arrapato.
Oggi, prima di uscire dal lavoro, ho caricato le cassette sul mio computer. Ho riguardato di nuovo il video a casa e quello che ho visto mi ha fatto aspettare la prossima volta. Proprio quando aveva finito di massaggiarsi il seno, Amandine aveva aperto gli occhi, guardò la telecamera e sorrise.
Il destino mi aveva messo un esibizionista nel mio “soggetto”: caldo e anche sottile. Cosa mi farà vedere la prossima volta?

Come ho detto prima, Amandine e sua figlia hanno uno strano rapporto. A loro piace prendersi in giro a vicenda. Non fraintendetemi, non avevo mai assistito a comportamenti inappropriati anche se erano molto vicini: passavano gran parte del loro tempo nella stanza di Amandine. Dato che erano madre e figlia, ogni volta che la fotocamera veniva spenta automaticamente (due fonti di calore, ricordate?) quando erano insieme, la rimettevo subito dopo.
Amandine e sua figlia non sono uguali. Amandine era una piccola bruna con un seno grande e un corpo sodo: gambe lunghe (dato il suo corpo), un culo sodo e perfetto, un seno che desideravo ardentemente e occhiali. Una bella caricatura di una segretaria del porno, diresti. Forse ma aveva qualcosa in più. Aveva carattere nel suo corpo. Sua figlia era bionda e sarebbe diventata una (top?) modella: alta, un bel culo, un seno piccolo (non indossava reggiseni, per il mio divertimento) e una figura perfetta. Dalle loro conversazioni avevo appreso che era minorenne per altri cinque mesi. Non avevo pensato al suo nome.
Come ho detto, nessun comportamento inappropriato ma molte prese in giro. Si complimenterebbero moltissimo a vicenda per il loro sex appeal (non servono ipocrisie, credetemi). Ed era regolarmente che ascoltavo conversazioni come questa (in entrambe le direzioni):
- Beh, dovremmo smetterla di chiacchierare. Devo fare una doccia.
-Si, anch'io. Chi va per primo?
- Sappiamo entrambi che il secondo avrà l'acqua fredda, eh?
- Hai ragione… Vuoi fare il bagno con me?
- Eeeh... smettila di tentarmi, un giorno dirò di sì

Penso che tu capisca.
Durante tutti questi mesi trascorsi a guardare la madre, ho imparato un'ultima cosa sulla figlia. Non era a conoscenza della telecamera. Non essere sovraeccitato. La figlia non era una ragazza indecente. Ma sono riuscito a dare una bella sbirciatina alle sue gambe. Era a letto con la madre, dopo le docce (docce consecutive, non la stessa), in accappatoio. Per dirla semplice, la figlia ha preso in giro sua madre con le gambe. Amandine ovviamente non era a suo agio con tutto ciò. Ma penso che pensasse che la telecamera fosse spenta. Qualcuno le aveva spiegato che quando nella stanza c'erano due persone (o più) non ci sarebbero state intercettazioni. Deve aver dimenticato che se sembrava che non succedesse nulla, potevo accenderlo. Qualcosa che facevo ogni volta che era con sua figlia.
Il tempo passava. Stavo migliorando le mie capacità informatiche e Amandine diventava ogni giorno più cattiva con la fotocamera. La seconda volta che ha stuzzicato la telecamera è stata la domenica successiva alla prima.
Entrò nella sua stanza, chiuse a chiave la porta, prese il telecomando e si tolse la maglietta, con la faccia rivolta alla porta. Guardò la telecamera da sopra la spalla, sorrise e... nera. Quando ho visto questo video ero a casa. Per me il messaggio era chiaro: d'ora in poi avrei fatto uno spettacolo veloce ogni domenica. E avevo ragione.
Da questo momento faccio volontariato per ogni orario di lavoro la domenica. E avevo ragione, ogni domenica avevo il mio piccolo spettacolo.
All'inizio ha smesso di "nascondere" il vibratore. Entrò nella sua stanza, chiuse a chiave la porta, andò al cassetto, prese il vibratore, guardò la telecamera e nero. La domenica successiva prese il fallo, lo avvolse con la mano in modo provocante e lo annerì. La volta successiva, l'ha accarezzato per circa cinque secondi mentre sorrideva alla telecamera. La domenica successiva, si è tolta lentamente il top sulla porta della sua stanza e si è rivolta alla telecamera. Indossava un reggiseno rosso. Si passa lentamente un dito sul petto prima di raggiungere il suo vibratore, accarezzandolo mentre guarda la telecamera e... nera. Ogni volta non duravano più di venti secondi, ma questo momento me lo aspettavo per tutta la settimana. Non si è persa una sola domenica. Presto cominciò a baciare il vibratore. Leccalo. Un giorno, era sul reggiseno con i jeans aperti, potevo vedere la sua lingua bianca. Mentre baciava e leccava il suo vibratore, per la prima volta ha messo l'altra mano nei pantaloni e ha cominciato a massaggiarsi l'inguine. In quel momento sapevo che avrei dovuto abbassare io stesso la macchina fotografica: fino ad ora era al limite, ma questo era un passo in cui dovevo porre fine se volevo mantenere il mio lavoro. Purtroppo ero in “diretta” quindi non avevo scuse. Volevo farla finita ma non ho potuto trattenermi e le ho lasciato finire il suo spettacolo. Si accarezzò lentamente la pelle con il suo vibratore: dal petto, passando tra il seno (il reggiseno bianco costringeva le sue tette ad avvolgerlo), sulla pancia fino alle mutandine. Ha guardato me e BLACK. Non ero mai stato così frustrato, ma lo schermo nero (con il conto alla rovescia: 02:58:46) mi ha fatto tornare alla realtà. Ero fregato. Se il mio capo avesse controllato il mio lavoro e avesse scoperto che non l'avevo rifiutato, avrei sicuramente perso il lavoro.
Come ho detto, mi piace il mio lavoro; e durante questo periodo lo ADORO. Ho fatto quello che andava fatto: ho messo in pratica le mie competenze informatiche. Almeno, ho deciso di provarci. Ci ho messo quattro ore ma ci sono riuscito: sono entrato nel disco rigido e ho fatto finta di aver fermato la macchina fotografica per tre ore al momento giusto. Naturalmente, quando ho scoperto come farlo, mi assicuro di avere una copia del “filmato” prima di cancellarlo. Mi era mancata la mia adorabile Amandine dopo tre ore di “riposo” ma non mi importava. Nessuno è riuscito a scoprire che ho cancellato alcuni video. Il problema era che era facile rendersi conto che avevo craccato il programma. Dovevo trovare una risposta a questo. Avevo tutta la sera e tutta la notte per farlo.
L'ho fatto.
Lunedì mattina, la prima cosa che ho fatto è stata andare nell'ufficio del mio capo:
- Ciao Pete, hai un minuto?
- Certo, che succede?
- Beh, ho una confessione da fare...
-Che cosa hai fatto? a quel punto sembrava un po' preoccupato.
- Lo sai che cerco di diventare quello che definirei un ingegnere informatico, vero?
- Sì, certo, lo sanno tutti. Personalmente penso che sia una grande iniziativa. Abbandoni la scuola troppo presto e hai le capacità per avere un lavoro migliore.
-Grazie…
-Sì. Allora, che ne dici della tua confessione?
- Beh, ieri ero un po' annoiato al lavoro, tutto solo, guardando le stanze per lo più vuote e...
-E?
- Beh, direi che pratico i miei corsi e ho hackerato il nostro sistema.
-Cosa hai fatto?
- Calmati per favore, è stato davvero stupido, lo so, ma non ho fatto nulla. Dentro e fuori, questo è tutto.
-Dentro e fuori?
- Sì, dentro e fuori. Puoi controllarlo se vuoi.
- Beh, lo farò sicuramente. Continueremo questa discussione più avanti. Puoi andartene e andare a lavorare adesso.

Lo so, la mia scusa non era perfetta. Ma a volte le bugie più grandi sono meglio è… e ammetto di non aver trovato niente di meglio. Speravo di essere bravo come pensavo per quanto riguarda i computer. Alla fine del pomeriggio Pete mi chiamò nel suo ufficio. Ciò che piace a tutti di Pete è la sua capacità di trovare opportunità ovunque. Mi spiegò che era venuto un tecnico tutto il giorno e stava confermando la mia storia. Dentro e fuori. Nessun danno fatto. Questo è stato un sollievo, ma ciò che mi ha sbalordito è stata la sua proposta: “Senti, non diventeresti il ​​nostro tecnico locale per problemi minori. Eserciterai le tue abilità e risolverai problemi come bug quando il tuo team scarica molti video contemporaneamente. Ma devi promettermi che non “proverai” mai. Tocchi il sistema solo se sei sicuro di quello che stai facendo. Ti va bene?" Inutile dire che lo era.
Da quel giorno sapevo che avrei potuto spegnere una telecamera anche dopo: sapevo come cancellare le registrazioni senza lasciare tracce, e sarebbe stato normale entrare e uscire dal sistema. La mia mente era piena di possibilità, possibilità con sempre Amandine al centro. Per evitare qualsiasi malinteso, non dovrei provare ad accendere una fotocamera. Potevo semplicemente tenere per me ciò che i miei soggetti mi permettevano di guardare.
Devo ammettere una cosa. Ogni "spettacolo" che Amandine mi ha regalato è stato fantastico e davvero piccante, ma nessuno di loro era vicino al primo. E l'ultimo. L'ultimo è molto più avanti degli altri. Prima di raccontarvi quest’ultima devo precisare due cose. La prima è che avevo cancellato tutti gli show che mi aveva dato grazie all'accesso gratuito al sistema fornitomi da Pete, il mio capo. E il secondo è stato un miglioramento che ho apportato allo stesso sistema, sempre con l'approvazione di Pete. Avevo inserito un conto alla rovescia di 10 secondi per ogni spegnimento automatico della fotocamera. In dieci secondi è raro che accada qualcosa. Ma il tempo bastò perché gli osservatori sapessero se potevano continuare a guardare oppure no. Ovviamente, avevo uno scopo personale in questo. Sono diventato dipendente dal guardare Amanda, non solo la domenica ma tutta la settimana, e odiavo il tempo perso quando sua figlia entrava nella sua stanza e dovevo accendere la telecamera. Questi dieci secondi mi permettevano di osservarla quasi continuamente.
Una domenica ero al lavoro aspettando Amandine. Per tutte quelle settimane aveva seguito il suo programma molto regolarmente, ma questa volta era in ritardo. Ero disperato: forse non sarebbe venuta? Non doveva venire... forse si è annoiata o ha trovato un nuovo gioco. Dopo quindici minuti di attesa, entrò nella sua stanza. Ovviamente si era vestita per me... con gli abiti di sua figlia: scarpe da tennis bianche, calzini lunghi neri, una gonna nera sopra le ginocchia e una camicia bianca.
Per quanto fosse calda, ero scioccato. Non me lo sarei mai aspettato e lei stava facendo un grande passo per questa domenica. Sono rimasto ipnotizzato dal suo sguardo quando si è avvicinata alla telecamera, in direzione del cassetto. Come ho detto, non era come sua figlia. Quindi non si adattava ai vestiti che aveva addosso: la gonna doveva essere un po' più alta di come la indossava sua figlia e, soprattutto, la gonna era troppo stretta per il suo seno: i tre bottoni superiori erano aperti ma il seno spingeva tuttavia due capezzoli duri contro il tessuto. Era ovviamente eccitata. Quanto a me, ho avuto l'erezione di una vita.
Tirò fuori il vibratore dal cassetto e cominciò a succhiarlo avidamente. Finalmente lo stava succhiando davanti alla telecamera! Ero così eccitato che quasi mi sono venuto nei pantaloni senza toccarmi. Mentre si infilava il vibratore in bocca con la mano destra, con la sinistra puntava il telecomando verso la telecamera. Mi stava uccidendo di lussuria! Ha sbattuto le palpebre verso la fotocamera e non ha spento la fotocamera. Stava cominciando a gemere.
Ha smesso di succhiare il suo giocattolo, lo ha messo sul bordo del letto e si è avvicinata alla telecamera. Voglio dire, molto vicino. Vedevo solo la sua bocca e poi ha detto con una voce bassa e sexy:
- So che stai guardando, tesoro. Il punto rosso ti sta tradendo, cattivo ragazzo. Sono sicuro che ti sarai accorto che dall'inizio ad oggi non ho mai pulito il mio piccolo amico. Credimi, il sapore che ho in bocca in questo momento è sudato e delizioso.

Questo è tutto. Sono venuto nei pantaloni, senza toccarmi. Mi ha appena regalato il miglior orgasmo della mia vita. Meglio delle due donne con cui ero stato. Era stata migliore di loro senza toccarmi, solo su uno schermo, con una frase.
Quando ho ripreso il contatto con la realtà, lei voltava le spalle alla telecamera e si chinava con le gambe dritte. Potevo quasi vederle il culo. Ovviamente il “quasi” era fatto apposta. Ho aperto i pantaloni con mano tremante e ho tirato fuori il cazzo. Aveva le mutandine intorno alle caviglie. Dopo tre colpi, ho avuto il mio secondo orgasmo. Ero così arrabbiato con me stesso!
- Sono sicuro che ti aspetti di vedere un po' più del solito, vero? Bene... non lo farai. Non essere troppo deluso, sono sicuro che ti divertirai.

Ha preso il suo vibratore e si è messa di fronte alla telecamera. La sua “amica” si muoveva da sola… era l'automobilismo! La cosa stava diventando più che interessante: per la prima volta lei parlava davanti alla telecamera e stavo per vederla masturbarsi. Ha messo il suo vibratore sotto la gonna e dopo un lungo gemito, le sue mani sono uscite dalla sua fica vuota.

La sua mano sinistra andò a prenderle il seno mentre la destra tornò immediatamente nella gonna, massaggiandole la fica. L'avevo vista spogliarsi per molto tempo rispetto a oggi, ma a volte i vestiti addosso sono più sexy che senza. Non sempre, ma a volte. Iniziò a gemere sempre più forte.
- Mmmh... Ohh. Oh, è così... molto bello. Cazzo sì, adoro questa vibrazione nella mia fica stretta. Oh mio Dio, è così bello sapere che stai guardando, sicuramente non durerò a lungo. La mia mano è così bagnata... così bagnata. Guarda (ha tolto la mano dalla gonna). Ti rendi conto che sei tu che mi fai bagnare così tanto? Lasciami succhiarmi la mano per pulirti, ok? Mmmmh... ho un sapore così dannatamente buono! Oh mio Dio, sta già arrivando! Sto per venire! Mi senti lassù? Sto per venire! In pochi secondi. Sarà davvero fantastico, non credi? AAAahhh! Ma... mmh... ma... cazzo sì... non te lo farò vedere.

E velocemente raggiunse il telecomando e premette il pulsante per spegnere la fotocamera. Ero così arrabbiato con lei per avermi fatto questo! Questo secondo è stato uno dei più fortunati della mia vita. Nella fretta, non ha premuto abbastanza forte il pulsante per spegnere la fotocamera. La mia rabbia è stata sostituita da un sentimento di vittoria… era molto più bello che se mi avesse lasciato guardare! Non esagerava nel suo ruolo ma si comportava in modo naturale. Un secondo prima che raggiunga l'orgasmo...
- Vado a farmi una docciaeeh… Mamma! Cosa ci fai nei miei vestiti?!

Sua figlia entrò nella stanza in accappatoio. Amandine aveva dimenticato di chiudere a chiave la porta. Non sapevo se ero sovraeccitato o arrabbiato: era chiaro che la figlia aveva interrotto l'orgasmo della madre ma intanto osservavo una madre con un vibratore nella fica, caldissima, che cercava una spiegazione per indossando i suoi vestitini da bambina.
- Ti stai masturbando???
- NO!... Io, hum... stavo solo... Oh, cazzo... sì, lo sono.

Amandine concluse la frase con una voce impercettibile, vergognandosi. Ha messo velocemente la mano sotto una gonna e se l'è tolta tenendo in mano un vibratore bagnato.
- Mi dispiace davvero per questa bambina. Mi creda. Ma se non lo avessi fatto, avrei... hum... sai... davanti a te e non avrei mai potuto...
- Fantastica mamma giocattolo! Avresti dovuto mostrarmelo prima. Mi sarebbe piaciuto!

Amandine ed io siamo rimasti così sorpresi da questa reazione che non ci siamo accorti che aveva fatto un passo verso sua madre, standole molto vicino.
-Fammi vedere?

Prima che Amandine potesse rispondere, sua figlia ha preso il vibratore in mano.
- E si muove da solo! Bene, questo è un vero e proprio pezzo di dildo high tech, ce l'hai.
- Basta, disse Amandine a bassa voce.
-Hai ragione. Dovremmo metterlo al suo posto.

In un batter d'occhio, spinse sua madre sul letto e si inginocchiò tra le sue gambe. Né troppo velocemente, né troppo lentamente, sollevò la gonna e avvicinò il vibratore alla fica di sua madre. Sfortunatamente per me, non avevo una buona angolazione: vedevo la madre, la sua grande scollatura, ma la maglietta nascondeva quello che sua figlia le stava facendo.
- Oddio, è come se si muovesse da solo!
-Smettila! Io... oh mio Dio!
- Ti stai divertendo, vero?
-Non è questo il punto!
- Su questo non sono d'accordo.

Mentre diceva questa frase, si alzò nuda tra le gambe di sua madre. Il mio apprezzamento per il suo corpo prima non le rendeva giustizia. Non era una top model. Era quello che si vede in una top model, non una donna anoressica, ma una giovane donna che non avrebbe dovuto cedere di fronte a Marilyn, Angelina o qualsiasi superstar. Aveva un seno quasi perfetto (una coppa più grande sarebbe stato un sogno diventato realtà) con capezzoli rosa, una pancia piatta e una minuscola linea bionda che le copriva la parte più intima. Ha cominciato a muovere i fianchi mentre scopava sua madre con il vibratore. Anche se Amandine stava protestando, le sue gambe si muovevano da sole e avvolgevano il busto di sua figlia. La schiava cominciò ad accarezzare il petto di sua madre attraverso la gonna. Il gemito divenne più forte.

Il tutto terminò con un ultimo, veloce e violento colpo del vibratore.
Erano entrambi sdraiati sul letto, senza fiato.
- Oh mio Dio, cosa abbiamo fatto?
- Niente, tesoro. Mi capisci? Niente. Vai a farti il ​​bagno e non ne parliamo mai, mai.

Mentre sua figlia prendeva l'accappatoio e andava in bagno. Amandine rimase sul suo letto.
Ho spento rapidamente la fotocamera. Non volevo che vedesse il punto rosso e capisse che avevo visto tutto. Successivamente scarico la sequenza su un CD e ne cancello l'esistenza dal sistema.
È stato solo mentre ero a letto stasera che tutte le possibilità che questo video mi offriva mi hanno colpito. Per quanto riguarda la legge, Amandine aveva violentato sua figlia.
L'esperimento sarebbe durato altri due mesi. Questa volta ho avuto il tempo di elaborare un piano e trovare l'indirizzo di Amandine.

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

487 I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.