La incontro ad un barbecue

746Report
La incontro ad un barbecue

Mi ero appena seduto a mangiare un piatto quando lei entrò nel barbecue della comunità. La giusta quantità di spessore in tutti i posti giusti riempiva il tubino nero che indossava, il tacco le allungava le gambe. Non riuscivo a distogliere lo sguardo da lei mentre camminava ridendo con i suoi amici in quello che sembrava essere al rallentatore. Mi sono avvicinato al mio amico e gli ho chiesto se sapeva chi eri. “Il suo nome è Dayana o qualcosa del genere. È la cugina di Luis", ha detto, l'ultima parte voleva essere un avvertimento. Luis e io non corre buon sangue fin dalla prima media a causa di una cotta che abbiamo avuto entrambi e del suo carattere, quindi questo ti ha reso più attraente per me. Non l'avevo visto al barbecue, ma questo non significava che non fosse lì, e non volevo rovinare il barbecue al resto delle persone che si divertivano, quindi ho mandato il mio amico con un biglietto che diceva "Mi piacerebbe parlare con te, per favore mandami un messaggio" e includeva il mio numero. Ho fatto finta di niente e non ho prestato attenzione al mio amico quando ti ha consegnato il biglietto e mi ha indicato. Quando guardi, vedi un ragazzo di 6 piedi, 220 libbre, con forti braccia muscolose e tatuaggi, che scherza con i suoi amici. Prendi il biglietto e lo leggi, infilandolo nella borsa, ringraziando il mio amico. Lui torna e mi dà la notizia che non sembravi interessato e, un po' abbattuto, finisco il mio drink e dico ai miei amici che me ne vado.

Circa 15 minuti dopo, mentre sto camminando verso casa, il telefono mi vibra in tasca. Pensando che probabilmente sono i miei amici a prendermi in giro, lo ignoro e vado a casa mia, dato che è ora che io vada in palestra, prendo la borsa ed esco. Mi alleno per un'ora e torno a casa per farmi una doccia, quando decido di guardare il mio telefono. Ho un messaggio da un numero che non conosco che dice: "Dove sei andato?" Pensando che sia semplicemente un numero sbagliato, lo ignoro e mi butto sotto la doccia. Il mio telefono lampeggia quando esco, indicando che ho un nuovo messaggio, lo guardo ed è dello stesso numero. Questa volta il messaggio è “non è molto carino dare a qualcuno il proprio numero e poi non rispondere”. Rispondo velocemente "ciao, mi dispiace, pensavo avessi sbagliato numero e che non fossi interessato. A proposito, mi chiamo Derrick.

“Dayana, e non volevo che i miei amici mi prendessero in giro, dato che mi sono appena trasferita qui”

"senti, ancora una volta mi dispiace, perché non mi permetti di farmi perdonare e di portarti fuori qualche volta"?

“Sono libero adesso, perché non vieni a prendermi e andiamo in spiaggia? Non ci sono ancora stato”

"suona bene"

“passa a prendermi tra 20 minuti dal negozio all'angolo”

“Ci sarò” rispondo. Entusiasta mi infilo un paio di pantaloncini da surf, una maglietta bianca e un cappello, prendo una borsa, ci metto un asciugamano e un po' di crema solare. Ci vogliono solo circa 5 minuti, ho 15 minuti da ammazzare, quindi vado comunque al negozio e prendo una confezione da 12 di Corona e del ghiaccio. Mentre sto riempiendo il frigorifero, sento "ehi, non pensavo che fossi già qui". Mi giro ed eccoti lì. Sei vestito in modo completamente diverso dal barbecue. Mentre scruto dai tuoi piedi in su, indossi delle infradito, un prendisole bianco che mostra sprazzi di un bikini dai colori vivaci sotto e ti togli i capelli dallo chignon, così soffia leggermente nella brezza. "Wow" è stato tutto ciò che sono riuscito a mormorare. Alzi la borsa da spiaggia e dici "dove vorresti che la mettessi?" Ritornando in me, lo prendo e lo metto nel bagagliaio insieme al mio e poi carico il frigorifero. "Sono così felice che tu mi abbia mandato un messaggio e sei assolutamente fantastico", dico mentre ti tengo la porta aperta. Dentro la mia testa mi sto maledicendo per essere un tale nerd come dici tu: "Anch'io lo sono".

Guidiamo in un silenzio imbarazzato, rotto solo da domande timide e chiacchiere da parte di entrambi. Dopo circa 20 minuti di macchina arriviamo ad una piccola spiaggia che la maggior parte dei turisti non conosce. Per lo più è pieno di surfisti locali, ma poiché non ci sono molte buone onde a quest'ora del giorno, spero che sia per lo più vuoto. Mi fermo in un punto ed esco, faccio il giro e apro la portiera. Esci, guardandoti intorno, mentre io vado al bagagliaio e tiro fuori sia le nostre borse che la mia borsa termica. Usciamo sulla sabbia, io con la borsa frigo e la mia borsa, tu con la tua. Sembra che siamo fortunati perché la spiaggia è quasi deserta, ci sono solo 4 o 5 persone con noi. Trovo un bel posto lontano da tutti gli altri e butto via l'asciugamano, appoggiando il frigorifero su un'estremità. Disponi la tua mentre tiro fuori una birra, stappo il tappo e la offro anche a te. Lo prendi e ti siedi, mentre io ti raggiungo. La nostra conversazione diventa più rilassata e naturale man mano che ci conosciamo e iniziamo a sentirci più a nostro agio l'uno con l'altro. Dopo altre 2 birre a testa, ti chiedo se ti va di andare a nuotare. Guardi nella borsa e ti rendi conto che hai dimenticato la crema solare e dici che non vuoi scottarti. Dico che va bene, ne ho un po' mentre lo tiro fuori dalla borsa.

Sorridi e ti sollevi il prendisole sopra la testa rivelando un piccolo bikini rosa e nero (come questo, ma anche il bianco sarebbe rosa http://www.beachstuffshop.com/wp-content/uploads/2013/12/Hot- Zebra-Tonga-Bikini-Swimsuit-1.jpg) e dire "ok, ma devi aiutarmi a indossarlo. Sorrido timidamente e annuisco, prendo la crema solare, me ne verso un po' tra le mani, inizio dalle tue spalle, massaggiandola delicatamente. Ti tieni i capelli sollevati e mentre mi avvicino al tuo collo, gemi leggermente. Trovando questo incoraggiante, strofino con un po' più forza, quindi faccio scivolare le mani lungo la schiena, assicurandomi di strofinare la lozione solare sulla schiena. Ti sdrai a faccia in giù sulla coperta e dici: "è fantastico, quindi non dimenticare le mie gambe". Per niente dispiaciuto, metto più lozione sulle mani e inizio dalla gamba sinistra all'altezza del polpaccio, massaggiando delicatamente, mentre strofino la lozione sulla pelle. Le mie mani scivolano su e giù sul tuo polpaccio mentre allarghi leggermente le gambe, incoraggiandomi a spostarmi verso la tua coscia. Le mie mani su ciascun lato della tua gamba, scivolano verso l'alto. Gemi di nuovo mentre inizio a spalmarti la lozione. Dopo aver finito con la gamba sinistra, mi sposto su quella destra, iniziando di nuovo dal polpaccio e poi risalendo lungo la coscia.

Sudando per il caldo, mi tolgo la maglietta dalla testa mentre ti giri. “È ora di andare al fronte” dici con una punta di umorismo nella voce. Questa volta inizio dalle gambe, massaggiando dagli stinchi fino alla zona bikini, poi sullo stomaco. Questa volta ti spruzzo la lozione direttamente sulla pancia e tu squittisci perché faceva freddo. Le mie mani forti massaggiano la lozione, scivolando con facilità su tutta la pancia, assicurandomi che sia bella e ben idratata. Ti siedi e dici "hai mancato un punto" guardandoti il ​​décolleté, io rido e vado a metterti la lozione, ma tu prendi la bottiglia e dici con tono giocoso "non così in fretta, stavo solo scherzando, cosa che tipo di ragazza pensi che io sia?" Ti guardo mentre spruzzi una linea di lozione lungo la parte superiore del tuo seno, poi con entrambe le mani inizi a massaggiarla. Poi ti alzi, lanci me e la bottiglia e corri giù verso l'oceano. Sono scioccato che tu abbia un vantaggio su di me, ma mi alzo velocemente e ti corro dietro, raggiungendoti mentre raggiungiamo l'acqua. Rallenti ed entri in acqua, ma io continuo a correre e poi mi immergo, nuotando un po' fuori e poi risalendo per prendere aria.

Esci in modo che l'acqua sia appena sopra il tuo seno e io nuoto verso di te. Mentre mi avvicino, mi schizzi scherzosamente dell'acqua in faccia. Ti afferro e ti porto più in profondità, ti dimeni tra le mie braccia. Sto per gettarti in acqua, ma tu ti aggrappi al mio collo mentre ti lascio andare, trascinando anche me sotto. Ci avviciniamo entrambi ridendo e tu mi avvolgi le braccia attorno al collo, io mi chino e ti bacio profondamente, stringendoti forte a me. Le tue gambe si avvolgono intorno alla mia vita mentre stiamo nell'oceano, le nostre lingue esplorano la bocca dell'altro. Le mie mani scivolano lungo il tuo corpo, afferrandoti il ​​sedere per aiutarti a trattenerti, le nostre labbra salate dall'oceano. Interrompi il bacio e nuoti lontano da me mentre sto lì ad assaporare il tuo sapore sulle mie labbra. Rimaniamo in acqua finché non inizia a rinfrescarsi per la giornata. Mentre usciamo dall'acqua e ci avvolgiamo negli asciugamani, ti chiedo se vuoi tornare a casa. “Possiamo lasciare la spiaggia, ma non sono pronto per tornare a casa, inoltre hai ancora qualche birra da bere, dici. “Potremmo andare a prendere qualcosa da mangiare e andare a vedere un film a casa mia” suggerisco. "Sembra perfetto, ma posso scegliere il film" dici. Quindi raccogliamo le nostre cose e torniamo alla macchina.

Passiamo davanti a un piccolo buco nel muro del bar messicano, prendiamo un mucchio di tacos e torniamo a casa mia. Prendo la borsa termica e le nostre borse e le porto dentro. "Vorrei togliermi le cose bagnate, hai qualcosa che potrei prestarmi?" tu chiedi. Ti mostro il bagno e ti porto una delle mie magliette larghe e un paio dei miei pantaloncini. “Non so quanto ti andranno bene, ma puoi provarli” dico mentre te li porgo. Poi esco, mi siedo sul divano e carico Netflix sulla TV, poi indosso un paio di pantaloncini da basket e una maglietta. Sento un fruscio nel bagno mentre torno al divano, tiro fuori un'altra birra per entrambi e sto per iniziare a tirare fuori il cibo mentre tu esci indossando solo la maglietta. "I pantaloncini erano troppo grandi", dici, mentre mi spingi indietro e mi metti a cavalcioni, baciandomi profondamente.

Le mie mani scivolano di nuovo sul tuo culo, afferrandolo e tirandoti contro di me mentre muovi i fianchi contro il mio cazzo immediatamente duro. Faccio scivolare le mani sotto la maglietta, afferrando il tuo culo nudo, le nostre bocche unite e le lingue che danzano all'interno. Interrompi il bacio, tirandomi la maglietta sopra la testa, e poi ti appoggi all'indietro per baciarmi. Posso sentire il calore tra le tue gambe mentre ti strusci contro di me. Le mie mani scivolano lungo la tua schiena stringendoti, poi fanno scivolare la maglietta sul tuo seno, esponendo il tuo seno. Ti appoggi all'indietro riprendendo fiato, dandomi la possibilità di piegarti in avanti e succhiarmi un capezzolo in bocca, tirandolo delicatamente con i denti. La tua mano va alla nuca tirandomi dentro mentre la tua schiena si inarca e gemi di piacere. Mentre ti strusci contro di me, crei una macchia bagnata sui miei pantaloncini a causa dei succhi che sgorgano dalla tua figa. Scivolo da una tetta all'altra dando a ciascuna la stessa attenzione mentre le succhio e le bacio.

Ti afferro e ti faccio rotolare sul divano. Bacio il tuo corpo, leccandolo e succhiandolo mentre procedo. Poi scivolo ancora di più e inizio a baciarti dalle ginocchia alle cosce, baciandoti su tutte le gambe. Alla fine faccio scorrere la lingua lungo la tua figa, la tua mano va dietro la mia testa spingendomi a fare di più. Faccio scorrere la mia lingua dentro di te, succhiando i tuoi succhi dalla fica. Le mie mani afferrano le tue cosce allargando le tue gambe dandomi un migliore accesso per mangiarti. Mentre la mia lingua scivola via da te e sfiora il tuo clitoride, hai un orgasmo, i succhi fluiscono da te ricoprendomi il viso. Bacio di nuovo il tuo corpo, e quando raggiungo la tua bocca succhi avidamente la mia lingua, assaporandoti su di me.

Mentre ti bacio, premo il mio cazzo contro la tua figa, facendolo scivolare facilmente dentro di te, inspiri profondamente mentre ti allarga. Le tue gambe mi avvolgono e le tue mani mi afferrano mentre inizio a far scivolare il mio cazzo dentro e fuori da te. Il tuo secondo orgasmo scuote il tuo corpo, la tua figa si stringe attorno al mio cazzo, implorandone di più. Mentre mi spingo fino in fondo, stringo il mio bacino contro di te, il mio cazzo sfiora il tuo punto G. Poi lentamente scivolo indietro fino in fondo, poi solo la punta, dentro e fuori prima di spingermi indietro all'improvviso, creando un altro orgasmo che ti inonda. Le tue dita che affondano nella mia schiena e le tue gambe che cercano di trascinarmi più in profondità. Lascio che questo si calmi e tu mi dici di muovermi. Dopo che sarò uscito da te, chinati sul divano e dimmi di scoparti da dietro.

Felicemente acconsento, muovendomi dietro di te faccio prima scivolare la mia lingua fino alla tua figa, succhiandoti i succhi. Poi mi metto dietro di te, premendo la testa del mio grosso cazzo tra le tue labbra gonfie, i tuoi succhi e la mia saliva che si mescolano insieme nel lubrificante. Le mie palle pesanti di sperma colpiscono il tuo clitoride ad ogni spinta in avanti. Le mie mani ti afferrano i fianchi tirandoti indietro ad ogni spinta così posso scoparti più forte. Il tuo viso premuto contro la parte superiore del mio divano, gemiti di estasi che sfuggono a te riempiendo l'aria insieme al suono dei nostri corpi che si schiaffeggiano. Ti afferro per i gomiti tirando indietro le tue braccia mentre mi spingo dentro di te, sollevando la metà superiore del tuo corpo dal divano. "Smettila, non ne posso più", ansimi mentre un altro orgasmo ti travolge. Scivolo fuori, baciandoti profondamente. Mi spingi sul divano e sostituisci la tua figa avvolgendo la tua bocca attorno al mio cazzo, succhiando la tua sborra dalla mia asta. Le mie mani iniziano ad accarezzarti le tette mentre stai chinato su di me seppellendo il mio cazzo in fondo alla tua gola. Su e giù la tua lingua muove la mia asta, la mia testa colpisce la parte posteriore della tua gola. Stanco di stare in ginocchio, ti inginocchi tra le mie gambe, senza mai togliermi il cazzo dalla bocca. Le mie mani scivolano dalle tue tette rotonde e sode alla parte posteriore della tua testa, assistendoti come la tua bocca e ora una mano lavora sul mio cazzo.

La sensazione di scoparti e basta, ora che mi succhi il cazzo non mi fa durare a lungo, presto il mio cazzo comincia a gonfiarsi nella tua bocca e ti avverto che sto per venire. Invece di tirarmi fuori e finirmi con la mano, succhi più forte la testa del mio cazzo e inizi a scuotere la mia asta più velocemente. Senza ulteriori avvertimenti esplodo. Il mio primo getto di sperma ti colpisce in fondo alla gola, facendoti tossire un po'. Riesci a ingoiarlo e un filo dopo l'altro, la tua bocca non lascia mai il mio cazzo finché non lo estrai tutto dalle mie palle. Esausto, rimasi lì, respirando pesantemente. Ti alzi, prendi le nostre bevande e il nostro cibo e ci metti una coperta addosso. Scegli un film mentre mangiamo e finiamo le nostre birre. Dopo ti coccoli dentro di me, appoggiando la testa sulla mia spalla, la tua mano arriva fino al mio cazzo e lentamente inizi ad accarezzarlo mentre guardiamo il film.

Storie simili

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

Il gigolò del re

Il gigolò del re (Un'avventura medievale) Sono sempre stato un po' appassionato di epoca medievale. Non sono affatto quello che chiameresti un appassionato di storia, mi piace la moda primitiva, in particolare le scollature e i seni gonfi e il comportamento barbaro, ma soprattutto gli intermezzi romantici che sono collegati a così tanti eroi e leggende. Su scala ridotta, sono sempre stato, diciamo, divertito più che interessato all'idea del viaggio nel tempo e del teletrasporto fin dalla tenera età da quando ho iniziato a leggere Le cronache di Narnia, ma immagino che ogni bambino lo sia in una certa misura. Forse...

1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

952 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

945 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

919 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.