Vacanze a Nizza - Capitolo 4 - Mamma confortante

2.9KReport
Vacanze a Nizza - Capitolo 4 - Mamma confortante

"Cosa le è successo mentre andava in chiesa?"

"Sei cieco o semplicemente stupido?" ha detto Stacy. “Una donna non si veste così solo per visitare una chiesa. Stava uscendo per un appuntamento con qualcuno".

“Sapevi cosa stava facendo e non hai detto niente? Non mi hai detto niente!?"

“Cosa dovevo fare? Fermala!? Forse perseguitarla!?"

"Mi stai dicendo che si è inventata tutte quelle stronzate sulla visita di una vecchia chiesa solo perché sapeva che non saremmo andati con lei?!"

“Julian, smettila di urlare” sussurrò. “Può ancora sentirci sotto la doccia”

“Ho bisogno di vederlo da solo. Voglio una prova". Le ho detto.

Ho avviato il mio laptop e ho aperto Tinder. Usavo quell'app da due anni, ma ogni ragazza che incontravo lì poteva dire che ero troppo giovane e si rifiutava di collegarmi. Non ho mai trovato mamma lì, ma non ho mai cercato donne di età superiore ai 30 anni, e comunque avrebbe potuto usare una falsa immagine del profilo. Forse è per questo che il suo appuntamento è andato storto.

Quando è apparsa la pagina di accesso, ho inserito il numero di telefono di mia madre. Pochi secondi dopo, ho sentito un forte gracchiare provenire dalla sua borsa. O era andata a raccogliere le rane vicino a una palude o aveva appena ricevuto il messaggio con il codice necessario per accedere al sito.

Ho reinserito il suo numero. Il suo telefono squillò di nuovo.

"Cosa hai intenzione di fare ora, affrontarla?" Ho chiesto a mia sorella.

"No, devo prenderla in flagrante"

"E come pensi di farlo?"

“Non lo so, sorella. Mi inventerò qualcosa. Agiamo normalmente per ora"

Stacy è uscita dalla mia stanza battendo i piedi.

A tavola, la mamma controllava il telefono. Non l'avevo mai vista farlo. Non una volta in tutta la mia vita. Ci avrebbe rimproverato se avessimo fatto lo stesso. Probabilmente si stava chiedendo perché aveva ricevuto due messaggi da Tinder senza effettuare il login.

"Fammi vedere le foto che hai scattato" ho chiesto. Stacy alzò gli occhi al cielo.

"Immagini? Di cosa?" chiese la mamma.

“Le foto di tutti i monumenti che hai visto. Quelli che devi guardare in questo momento"

"Se volevi vederli, saresti dovuto venire con me!"

“Voglio solo vedere cosa mi sono perso, mamma! Per favore, oh per favore!”

“Non ne ho presi. Il luogo era troppo buio ed era vietato usare il flash. Danneggia il pigmento degli affreschi”

“Sicuramente devi aver fatto delle foto all'esterno”

“Non l'ho fatto. Era troppo affollato per farlo. C'era sempre qualche idiota che si intrometteva nel mio tiro"

"Allora perché stai guardando il tuo telefono?"

“Sono quasi senza credito” Dio, è una pessima bugiarda, soprattutto quando è costretta a mentire sul posto. Eppure, ora avevo un'idea su come organizzare un incontro con lei.

"Va bene. Conosco una tabaccheria vicino alla spiaggia dove puoi ricaricarla. Le previsioni prevedono sole per domani, quindi-“

"Sei andato a comprare le sigarette, Julian?!" gridò la mamma. Stacy sorrise.

Cazzo, non ci ho pensato. "No mamma. Lasciatemi spiegare. Vendono anche gelati lì. Ho appena comprato un gelato. È tutto." La mamma ha domato il suo carattere.

Finimmo la cena in silenzio e andammo a dormire. Volevo che Stacy desse al mio cazzo un bacio della buonanotte, ma con la mamma intorno, era fuori questione.

La mattina dopo ci siamo fermati in tabaccheria prima di andare in spiaggia. La mamma ha scritto ad alta voce il suo numero di telefono all'uomo dietro il bancone. Ho dato un'occhiata in giro per il posto. Un piccolo bar pieno di anziani che giocano a Belote intorno a tavoli traballanti. Non bene. Speravo di trovare dei turisti di bell'aspetto, ma era troppo presto per essere qui.

Poi, l'ho visto.

Un ragazzo alto 7 piedi sui venticinque anni è venuto dal retro del negozio per servire birra e caffè ai tavoli. I suoi bicipiti muscolosi fuoriuscivano dalla maglietta a maniche corte. Aveva una presa salda sul piatto che teneva in mano. Non ha versato una sola goccia di schiuma di birra dalle pinte che stava servendo e ha attraversato con sicurezza il bar. Ho beccato mia madre a controllarlo, con la coda dell'occhio.

Sì, lo farebbe.

Più tardi quella mattina, con mia sorpresa, Stacy non ha trovato una scusa per stare da sola con me. Pensavo che volesse finire quello che avevamo iniziato ieri tanto quanto me. Invece, non mi ha detto una sola parola e ha persino guardato dall'altra parte ogni volta che mi sono avvicinato a lei.

Perché serbava rancore contro di me? Perché non poteva semplicemente dirmi cosa ho fatto per farla arrabbiare? Le donne sono così complicate. Ma avevo pesce più grande da friggere. Sono andato a fare una nuotata per rinfrescare i miei pensieri.

Sulla via del ritorno, Stacy continuava a ignorarmi. Era gelosa delle mie attenzioni? Avrei parlato con lei più tardi. Era ora di mettere in moto il mio piano.

Ho passato 2 ore a leggere recensioni di hotel online. L'hotel doveva essere economico e vicino alla casa.

Alla fine, ho trovato una recensione che diceva: “Posto orribile. Nessun servizio in camera. Il personale ti tratta come spazzatura. Stanza disordinata e sporca con macchie discutibili su tutte le pareti della camera da letto. Cimici morte sui materassi. Prostitute che bighellonano nel corridoio. La reception non ha nemmeno registrato il mio nome per evitare le tasse. Qualcuno dovrebbe chiamare la polizia e far arrestare il manager".

Bingo. La recensione sembrava legittima, poiché ogni singola era estremamente negativa. Mi è particolarmente piaciuto il fatto che non registrassero il nome del cliente. Si spera che non avrebbero controllato il mio ID.

Ho cercato il percorso più veloce per l'hotel dalla casa. Una cinquantina di minuti di autobus. Cioè, se hai aspettato alla fermata dell'autobus più vicina a casa nostra. Cinque minuti a piedi da qui, c'era un'altra fermata dell'autobus. La linea che si fermava lì era più frequente, prendeva un percorso più breve e mi avrebbe fatto scendere più vicino all'hotel. Prendendo quella linea, avrei potuto risparmiare quindici minuti.

Con questa scorciatoia potrei battere mia madre fino all'hotel, anche se iniziava la gara con qualche minuto di vantaggio.

Poi ho guardato il saldo della mia carta prepagata: settanta dollari. Non molto, soprattutto perché in primo luogo avevo bisogno di soldi per attirare mia madre nella stanza d'albergo.

Il prezzo per affittare una stanza per un giorno in questo hotel era di cinquanta euro. Che convertito in dollari era... troppo per me da permettermi. Accidenti! Ero così vicino! Se il personale trattava i propri ospiti come spazzatura, non potevo contrattare sul prezzo. Ho dovuto iniziare la mia ricerca da zero. A meno che…. Certamente! Dovevo solo convincere Stacy a prestarmi dei soldi. L'aveva salvata dall'estate scorsa.

L'operatore telefonico della mamma ha permesso a chi ha ricaricato il proprio numero di lasciare un messaggio sul telefono ricaricato. Probabilmente era inteso come un modo per i parenti di inviare messaggi regalo insieme a un regalo privo di fantasia. Ma era completamente anonimo, in quanto il messaggio è stato inviato direttamente dall'operatore telefonico.

Avrei usato questa tattica per attirare la mamma in albergo.

Ho iniziato a digitare sulla tastiera: “Salve, mia bella signora. Innanzitutto spero di non sembrare troppo invadente. Inoltre, voglio chiarire che questo non è uno scherzo. In allegato a questo messaggio, riceverai una piccola donazione. Un segno della mia sincerità, se vuoi. Ci siamo già incontrati prima. Stamattina, per la precisione, in Tabaccheria. Stavo servendo ai tavoli quando ho posato i miei occhi su di te per la prima volta. Non avevo mai visto una donna così bella. I miei sentimenti e le mie intenzioni nei tuoi confronti sono sinceri. So che potrei essere licenziato per questo, ma ne varrebbe la pena solo per avere la possibilità di passare una notte con te.

Ci vediamo oggi alle 16:30. Cerca la stanza con i lacci delle scarpe legati alla maniglia.

"Sì, questo andrà bene" ho pensato. Ho aggiunto l'indirizzo dell'hotel e ho inviato 20 dollari insieme al messaggio.

Pochi minuti dopo, ho visto mia madre vestirsi.

Stacy ha chiesto: "Dove vai, mamma?"

«Uh, per visitare Castle Hill. Vuoi venire anche tu?" Sembrava incredibilmente preoccupata per la sua risposta, e lo ero anche io. Se Stacy avesse detto di sì, i miei piani sarebbero andati in fumo.

"No, penso che rimarrò qui."

La mamma corse alla porta e la richiuse dietro di sé. L'ho sentita urlare da fuori: "Addio ragazzi, comportatevi bene".

Stacy si è avvicinata a me e mi ha urlato in faccia: "Ci sei tu dietro a tutto questo, vero?"

"Sì. Guarda sorella, il tempo è fuori dall'essenza. Puoi darmi dei soldi?"

"A cosa ti serve?"

“È per la mamma. L'ho invitata ad un appuntamento fingendo di essere qualcun altro. Senza i soldi, non posso affittare la stanza in cui alloggeremo e lei penserà che il suo appuntamento si è tirato indietro. Non voglio farla soffrire".

“Beh, non sarebbe la prima volta che giochi con i sentimenti di una donna. Ora puoi aggiungere alla lista la vergogna di nostra madre per aver avuto una vita sessuale”.

“Sorella, di cosa stai parlando!? L'hai vista ieri. Non l'avevo vista così da quando aveva divorziato da papà. Se continua così, si farà solo più male. Chissà che tipo di uomo troverà?

«Ed ecco che arriva il suo cavaliere dall'armatura scintillante. Pronto a salvare la sua amata da ogni male".

"Di cosa stai parlando? Perché sei così ostile nei miei confronti all'improvviso?"

«Oh, niente di che. Pensavo solo che io e mio fratello avessimo qualcosa di speciale in corso. Che c'era una connessione speciale, anche se contorta, tra noi. Volevo prendere sul serio la nostra relazione. Ora ho capito che è solo un pervertito a cui viene fuori l'idea di scopare tutti i membri della sua famiglia senza preoccuparsi dei loro sentimenti "

“Sorella, di cosa stai parlando? Non ho intenzione di scopare mamma. E se ho ferito i tuoi sentimenti, sono profondamente dispiaciuto. Voglio dirglielo”.

"Dirle cosa?"

"Chi siamo. Non so come, o quanto tempo ci vorrà, ma non voglio che il nostro amore rimanga segreto per sempre. Non è abbastanza per me scoparti alle sue spalle. Voglio stare con te senza aspettare che la mamma distolga lo sguardo. Voglio passare il pomeriggio a baciarti sul divano. Voglio uscire con te come amante. Voglio tenerti stretto tra le mie braccia di notte"

Mia sorella è stata commossa fino alle lacrime dalle mie parole. "Prometti che non la toccherai e che io sono l'unico per te?"

"Lo prometto"

"Sì, ma mi giuri che io appartengo a te e tu appartieni a me?"

“Incrocia il mio cuore e spera di morire, mettimi un ago nell'occhio”

"Ok. Quanto hai bisogno?"

“Quaranta dollari”

“Ok, ecco. Prendi il mio portafoglio. Vai a prenderla"

“Grazie, Stacy. Non ti deluderò”

Corsi alla porta e corsi per le strade. Ero appena in tempo per prendere l'autobus.

La recensione è stata accurata: l'addetto alla reception non ha nemmeno controllato il mio documento d'identità. O avevo più di 18 anni o semplicemente non le importava. Di certo non mi importava delle sue ragioni per avermi prestato una stanza non registrata. Avevo altre cose di cui preoccuparmi.

Mi sono guardato intorno per cercare la mia stanza. Quando l'ho trovato, ho lasciato un laccio sulla maniglia della porta e la porta si è aperta.

Una volta entrato, sono andato in bagno e ho aperto il rubinetto. L'acqua del rubinetto puzzava di palude, ma non avevo comunque intenzione di berla.

Tre minuti dopo, ho sentito bussare alla porta. "Ciao? Sono io, la tua bella signora!

Quella era la voce di mia madre. Ho fatto del mio meglio per parlare con un accento francese. I consigli sulla recitazione che Stacy mi ha dato l'anno scorso sono tornati utili.

“Entra e togliti i vestiti. Sono sotto la doccia."

Ci fu silenzio per un paio di secondi, poi giunse il rumore del tessuto che colpiva il suolo e delle molle di metallo che rimbalzavano.

Uscii dal bagno e trovai mia madre completamente nuda sul letto, con le gambe spalancate. Il pitone nei miei pantaloni si è svegliato dal suo sonno e ha alzato la testa. Mi aspettavo che indossasse solo la sua lingerie, invece ho avuto modo di ammirare il suo folto cespuglio dorato, che sembrava grano maturo.

“Giuliano! Cosa stai facendo qui?" gridò coprendosi il seno.

“Vorrei farti la stessa domanda, mamma! Cosa stai facendo qui? Oh, aspetta, conosco già la risposta. Sei qui per farti scopare! Che fine ha fatto il pericolo estraneo, eh?!

"Quindi, sei stato tu a organizzare tutto questo, vero?"

"Sì! Ero io. Ora te lo chiederò di nuovo. Perché sei qui?"

"Non ti devo una spiegazione!"

"Dopo tutti i problemi che ho dovuto affrontare per impostare tutto questo, sono abbastanza sicuro che lo farai!"

La mamma era sull'orlo delle lacrime. “Chiudi a chiave la porta e siediti qui accanto a me. La gente poteva sentirci”

Pensavo che la sua prima reazione sarebbe stata quella di vestirsi. Eppure, si limitava a premere le ginocchia contro il petto e teneva le gambe chiuse con le braccia. Nascose il viso dietro le ginocchia. Sembrava così vulnerabile e fragile nuda in quella posizione, ma almeno non mostrava nessuna delle sue parti intime.

"Il mio uccello si sarebbe ridotto alla fine" pensai mentre mi sedevo accanto a lei sul letto.

«Una donna della mia età ha ancora questi bisogni, Julian. Dopo che ti ho visto fissare quella donna in topless sulla spiaggia l'altro giorno, ho pensato che avresti capito. Ma avrei dovuto dirvi cosa avrei fatto. So che dopo il divorzio hai sofferto tanto quanto me, forse anche di più. Prometto che non commetterò gli stessi errori, ma ho bisogno di qualcuno che mi ami per sentirmi vivo".

“Mamma di cosa stai parlando? Sai che sia io che Stacy ti amiamo. Vogliamo solo ciò che è meglio per te".

«Lo so già, sciocco. Ma sto parlando di un altro tipo di amore. Uno che un membro della famiglia semplicemente non può dare. Credimi, questa volta sarà diverso. Non sposerò un altro violento, insensibile-“

“Mamma, chiudi la trappola. Non c'è tipo di amore che un membro della famiglia non possa dare. Hai me e Stacy. Ci prenderemo cura di te per il resto della nostra vita. Non hai bisogno di nessun altro. Non devi preoccuparti di niente"

Mia madre mi avvolse le braccia intorno alla schiena. L'ho abbracciata. Le lacrime scorrevano dai suoi occhi.

Poi, mi ha lasciato andare. "Julian, cos'è questo?"

Una schifezza. Aveva notato la mia erezione. "Non è niente, mamma."

“Giuliano. Sei così per causa mia?"

"No, io solo-"

“Giuliano. Guardami negli occhi e dimmi che non sei così per causa mia"

"Io non sono-" abbassai la testa, come faccio sempre quando mento. Mi sono ritrovato a fissare le sue tette. Il mio cazzo si è contorto sotto i miei pantaloni. A peggiorare le cose, la mamma non si copriva più la figa.

“Julian, sono lusingato. Pensavo di essere troppo vecchio per essere considerato attraente per un ragazzo della tua età”

"Mamma, io non sono-"

"La tua bocca dice di no, ma questo dice di sì" disse indicando il mio cazzo. Poi arrossì e si coprì il viso con le mani, ridendo.

"Ehi Julian, posso vederlo?"

"Che cosa?!"

«Oh, sai esattamente cosa, figliolo. Dai, non è niente che non abbia già visto. Voglio solo vedere quanto sei cresciuto.

Merda. Ho promesso a Stacy che non avrei fatto nulla di osceno con mamma. Ma potrei almeno bagnarmi i piedi. Se la mamma fosse d'accordo nel vedere il mio cazzo, forse non andrebbe fuori di testa quando le viene detto cosa abbiamo fatto io e Stacy la scorsa settimana.

Ho aperto i pantaloni e mi sono tolto le mutande.

"Oh. Non l'hai preso da tuo padre. Sei molto più grande. E non sei nemmeno completamente eretto”

"No mamma. Sono. La mancia non viene mai fuori".

“Oh, è brutto. Avresti dovuto mostrarmelo prima. Devi farlo controllare" La mamma si sporse in avanti e afferrò il mio cazzo saldamente alla base.

"Oh. È così rigido. Farai sicuramente felice il tuo fidanzato. L'hai già fatto?"

Annuii, ingoiando la saliva e mordendomi la lingua.

“Allora sai cosa verrà dopo. Mostrami quello che hai imparato, Julian.

Non volevo davvero che si arrivasse a questo. Ero bloccato tra una roccia e un luogo duro. Potrei far sentire la mamma ancora peggio con se stessa o infrangere la promessa di Stacy. E mentre il mio cervello non era sicuro, il mio cazzo urlava la risposta. Ho scelto quest'ultimo.

Ho acceso la lampada sul comodino.

“Oh, abbiamo un intenditore. In penombra è molto più romantico” La mamma si alzò e chiuse le persiane. Non quello che avevo in mente, ma mi andava bene.

Si sdraiò sopra di me e mi baciò sulle labbra. A pensarci bene, non avevo mai baciato Stacy sulla sua bocca. Questo è stato il mio primo bacio.

Ho aperto la bocca aspettando che la sua lingua vi entrasse. Eppure, invece, mi ha succhiato il labbro inferiore, poi è andata a succhiarmi il mento e ha punto la lingua sulla mia barba mal curata.

Ho tirato fuori la lingua, cercando la sua. Quando le nostre lingue si sono incontrate, ha fatto roteare la sua lingua attorno alla mia. Poi la sua lingua si ritirò nella sua bocca, e la mia la seguì. Chiuse le labbra intorno alla mia lingua, esercitando una leggera pressione e succhiò leggermente. La punta della sua lingua colpì la mia dal basso a un ritmo costante.

Mi ha fatto sentire benissimo solo succhiandomi la lingua. Non vedevo l'ora che lei prendesse il mio cazzo in bocca.

Ho afferrato saldamente le sue tette, che erano grandi quasi quanto la mia mano, muovendo il mio dito indice attorno ai suoi capezzoli con un movimento circolare.

“Mamma, ho un po' di fame. Posso avere un sorso del tuo latte?"

“Julian, per favore chiamami per nome. È imbarazzante"

“Ok, mamma. Posso avere un sorso del tuo latte, per favore?

“Non credo che per te sia rimasto nulla. Dovrai succhiare molto. Ricambierò il favore"

Era tutto ciò che avevo bisogno di sentire. Le mordicchiai delicatamente i capezzoli. “Julian, attento! Ti sono fatti crescere i denti dall'ultima volta che l'hai fatto."

Ho spostato la mia bocca lungo il suo corpo. Baciandole il petto, poi la pancia, poi l'inguine. Alla fine, venne il momento di baciarla sulle labbra esterne. Ho cercato di replicare la tecnica che ha usato su di me e le ho infilato la lingua dentro. Era un fiume di succo in piena. Era pronta.

Ho spento la luce e svitato la lampadina. Farlo al buio non è stato facile. La lampadina era calda al tatto. Avvicinai il vetro rovente alla sua fica, facendo attenzione a non toccarlo con il suo bel cespuglio biondo, perché la lampadina era abbastanza calda da far prendere fuoco al suo cespuglio al contatto. La mamma rimase senza fiato quando l'ho premuto contro le labbra della sua figa. Una leggera spinta ed è scivolato dentro. La mamma ha urlato.

“Julian cos'è questo? Tiralo fuori da me!”

“Rilassati, mamma! La lampadina ti scioglierà le viscere. Ora allarga di più la tua figa. Non vuoi che il vetro si frantumi in minuscoli frammenti dentro di te, vero?"

Stava lottando per allontanarsi da me. Sono stato troppo duro con lei. Ho smesso di muovermi e lei mi ha spinto via.

Siamo rimasti in silenzio per tipo un minuto, ma sembravano ore. Alla fine si alzò dal letto e aprì le persiane.

In pieno giorno, mi stava fissando dritto negli occhi. Non potevo sopportarlo.

“Giuliano. È come essere violentata. Chi ti ha insegnato a fare l'amore in quel modo? Hai sbirciato me e papà?"

Non potevo più sopportare la pressione. "L'ho imparato da Stacy"

“Giuliano! Dio mio. Tu e Stacy avete...

La mia vergogna si è trasformata in rabbia. "Senti chi parla. La donna che ha appena fatto sesso con suo figlio. Non hai il diritto di giudicarla”

“Julian, non sono deluso da nessuno di voi. È tutta colpa mia per quello che è successo. Avrei dovuto fermarlo finché potevo"

Scoppiò di nuovo in lacrime. Proprio quello che stavo cercando di evitare.

“Mamma, cosa intendi? Non capisco"

«Voglio dire che Stacy ci ha visti. Ricordi quel periodo in cui non parlava da più di un mese e l'abbiamo portata dallo psichiatra? Le hanno dato delle pillole e io pensavo che avesse dimenticato tutto”

"Di cosa stai parlando? Cosa ha dimenticato?"

“Non devi mai dirglielo, ok? Me lo devi promettere.

Avevo già infranto una promessa quel giorno, non ero dell'umore per farne un'altra. Eppure, ho annuito comunque. “Ha visto me e tuo padre quando era piccola. Julian, mi ha visto violentata!

Quella rivelazione lasciò sbalordito anche me. Li avevo visti discutere e urlare a vicenda, ma non avrei mai immaginato che sarebbe arrivato così lontano. Incerto su cosa fare, la tenni stretta tra le mie braccia.

“Non è stata colpa tua! Non pensarci nemmeno! Non è stata colpa tua!” La mamma mi sorrise.

“Julian, ascolta. Quella ferita è stata rimarginata molto tempo fa. Ora devo curare Stacy. Mi aiuterai in questo?"

"Cosa possiamo fare per aiutarla?"

“Dobbiamo insegnarle l'amore. Ma prima di poter insegnare l'amore, devi impararlo tu stesso, altrimenti non sarai di alcun aiuto. Ad essere sincero, anche io sono un po' arrugginito sull'argomento. La maggior parte l'ho dimenticata negli ultimi anni"

"Lo imparerai di nuovo con me, mamma"

L'ho sdraiata sul letto e ho piegato il viso in avanti per succhiarle i capezzoli. Niente denti questa volta. Solo la mia lingua che gira intorno alle sue areole. Ha tenuto la mia testa contro di sé e l'ho seppellita tra le sue brocche, respirando il suo odore.

Mi mise le mani sulle spalle e spinse. Scivolai più in basso sul suo corpo, baciandolo lungo la strada.

Adesso ero a solo un centimetro dalla sua caverna umida. L'ho baciata sulle labbra esterne. Aprì la figa con le dita, aspettando che la mia lingua la penetrasse. Le presi il clitoride in bocca, tirandolo con le labbra mentre gemeva. Gli ho spostato la lingua intorno. I suoi gemiti si fecero più forti. Ho provato ad asciugarlo, ma i suoi succhi continuavano a uscirne. Ho tirato fuori la lingua e l'ho spinta dentro la sua bella fica gonfia. La mia lingua ha incontrato un fiume di nettare.

Senza preavviso, la mamma mi è salita sopra, sedendosi sulla mia faccia. Poi si sdraiò, toccando il mio addome con le sue tette. I suoi capezzoli erano duri come diamanti sulla mia pelle. Ha tirato fuori la lingua e ha leccato lo smegma dalla punta del mio cazzo. Leccare la sua figa è diventato molto più difficile all'improvviso. Le ho sputato il clitoride, temendo che l'avrei morso per sbaglio mentre lei mi faceva un pompino. Con mia sorpresa, i suoi succhi non hanno smesso di fluire nella mia bocca. Al contrario, il torrente si è gonfiato.

Ha continuato a leccare finché il mio cazzo non è stato inghiottito dal suo sputo. In un colpo solo, ha messo tutto il mio cazzo in bocca. Ha usato la sua saliva come lubrificante per ingoiarsela in gola. Poi, la sua lingua avvolse completamente la punta del mio albero. Il mio cazzo era avvolto come un regalo di compleanno. Questa bobina si è solo stretta quando la sua lingua ha colpito la piccola porzione del mio glande che sporgeva dal mio cazzo fimotico.

Ero vicino, ma non volevo andare giù così.

"Mamma, voglio tornare dove sono nata" Ha ricevuto il messaggio. Si alzò e abbassò i fianchi sul mio cazzo. Scivolò dentro di lei senza resistenza, fino alla cervice.

Ho inarcato la schiena per baciarle i seni mentre lei mi scopava. Seguendo il suo ritmo, anche io ho scosso i fianchi, spingendo il mio cazzo dentro e fuori di lei, premendo la punta contro la sua cervice. Ha spinto il mio mento verso l'alto, la sua lingua fuori. Ho tirato fuori il mio, desideroso di incontrare il suo. Le nostre lingue erano intrecciate in un bacio. La mia faccia è diventata rossa e ho lasciato andare la sua lingua.

"Mamma, non posso tenerlo dentro"

“Julian, per favore, non ritirarti ancora. Sto arrivando!"

La sua figa si è liberata intorno al mio cazzo. Poi è arrivato il ruscello, così forte che ha spinto il mio cazzo fuori da lei. Ha spruzzato un fiume di succo sulle mie palle.

Cercò di alzarsi in piedi, ma cadde di schiena. Il mio cazzo è esploso, spargendo sperma su tutto il suo corpo. Sulle sue cosce, sul suo ventre, tra le sue tette, sul suo collo, sul suo mento, sulla sua bocca, sulla sua fronte. Alcuni le sono persino finiti tra i capelli.

La mia schiuma antincendio estinse i suoi desideri ardenti.

Ho fatto in modo di non lasciare che nessuna goccia andasse sprecata. Le ho baciato le cosce, la pancia, le tette, il collo, il mento, arrivando fino alla fronte e leccando tutto lo sperma che ho trovato lungo la strada.

È stato strano assaggiare il mio sperma, ma ho continuato a leccarlo dal suo corpo, finché la mia bocca non è stata piena e il suo corpo pulito. Alla fine, l'ho baciata sulle sue labbra, sputando tutto lo sperma che avevo in bocca sulla sua lingua. Ma non ha ingoiato. Lei mi ha baciato di rimando. Le nostre lingue ballavano in una pozza di noci. Il suo spessore rallentava i nostri movimenti. Abbiamo passato minuti a baciarci in quel modo. Alla fine ci siamo fermati. Un filo di saliva, o forse era sperma, si unì alle nostre bocche mentre si separavano.

Poi i muscoli della sua gola si flettono e il mio sperma è stato ingoiato.

Ci coccolammo a letto in silenzio per un'altra ora circa. Fuori stava diventando più buio. Era ora che andassimo. Ci siamo vestiti, abbiamo preso le nostre cose e siamo usciti tenendoci per mano.

La mamma salutò l'addetto alla reception. Non c'è stata risposta.

"Accidenti, quanto hai pagato per questo posto?"

"Novanta dollari" ho risposto.

"Che cosa!? Novanta dollari per questo buco di merda?"

"Sì. Più altri venti per farti venire qui.

"Dove hai preso tutti quei soldi?"

“Non era tutto mio. La metà era di Stacy.

"Beh, dovrò restituirvi ogni singolo centesimo"

“Oh, a proposito. Ascolta mamma. Ho giurato a Stacy che non avrei fatto sesso con te. Puoi mantenere un segreto tra me e te? Almeno per ora?"

“Va tutto bene, tesoro. Troveremo un modo per dirle cosa è successo senza ferire i suoi sentimenti. Ora lascia tutto il resto a me"

Ci siamo baciati appassionatamente come sposi novelli mentre tornavamo a casa.

Storie simili

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

649 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

582 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.4K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.