Rapimento_(2)

1.2KReport
Rapimento_(2)

Mia si è svegliata all'improvviso. Guardò l'orologio. Era spento. "Senza energia." lei ha pensato. La luce entrava dalle persiane della finestra, ma sembrava ancora che fosse notte fonda. Si alzò per andare alla finestra. Non appena si tolse le coperte, i brividi le percorsero il corpo. Era una fredda notte di novembre, e siccome il riscaldamento non era acceso, faceva freddo. Anche il fatto che indossasse solo una camicia da notte e le mutandine non aiutava. Incrociò le braccia mentre si avvicinava alla finestra. Aprì un po' le persiane e la luce era accecante, come se qualcuno stesse puntando un riflettore proprio nella sua stanza. "Fantastico", pensò. "Cosa diavolo stanno facendo i vicini?" Si avvicinò e afferrò i pantaloni del pigiama dal pavimento. Stava per andare a svegliare i suoi genitori ma decise di guardare ancora una volta fuori dalla finestra.

Questa volta ha aperto completamente le persiane. La luce era intensa. Si riparò gli occhi dal bagliore accecante. All'improvviso, la luce divenne di un colore bluastro. Non era così brillante, quindi si scoprì gli occhi, ma la accecò comunque. Ma ha iniziato a sentirsi strana. La luce la stava ipnotizzando; sentiva un forte bisogno di andare alla luce. Il suo corpo era stranamente caldo e le braccia e le gambe iniziarono a formicolare. Era spaventata a morte, ma non distolse lo sguardo; si sentiva come se fosse letteralmente un cervo catturato dai fari.

Cominciò a sentirsi più leggera e, prima che se ne rendesse conto, iniziò a sollevarsi da terra. A questo punto ha cercato di urlare, ma non è successo niente. Urlò più forte che poté, ma non uscì alcun suono. Trafitta dalla luce, cercò di voltarsi ma non ci riuscì. Mentre levitava lì, il suo corpo si irrigidì e lasciò cadere il pigiama. Poi iniziò ad avanzare verso la finestra. Inorridita, cercò di urlare di nuovo ma ancora non uscì alcun suono. Aveva paura di colpire la finestra, ma quando l'ha raggiunta, l'ha attraversata. Sembrava di camminare tra le ragnatele.

Ora fuori, fluttuando fuori dalla finestra del suo secondo piano, era ancora più terrorizzata. Per una frazione di secondo, fu imbarazzata dal fatto che i suoi vicini la vedessero in mutandine, ma non ci pensò molto a lungo. Mia era ora a 20 piedi da terra e si stava alzando velocemente. La luce stava diventando sempre più brillante e, man mano che si avvicinava, iniziò a perdere i sensi. Prima che arrivasse fino alla fonte della luce misteriosa, svenne.

Quando si è svegliata, le luci le brillavano di nuovo in faccia. Ma questa volta i suoi occhi si adattarono alla luce e riuscì a vedere. Era in una piccola stanza, sdraiata sulla schiena sopra un tavolo al centro. Le sue gambe erano divaricate ei suoi piedi e le sue mani erano legati al tavolo. La stanza era rotonda con un soffitto a cupola. Le pareti e il soffitto erano di metallo nero lucido con luci verdi e rosse che lampeggiavano qua e là. Sembrava un computer touch screen ad alta tecnologia sul muro e una luce brillante sulla parte superiore della cupola. A parte quello e il tavolo, non c'era nient'altro nella stanza; non riusciva a trovare una porta. Provò di nuovo a gridare aiuto, e questa volta emise un grido da far fracassare le orecchie. Passarono alcuni minuti. Niente.

Mia iniziò a pensare. Si è svegliata con la corrente che mancava. Una luce intensa la tirò fuori dalla sua comoda camera da letto e attraverso la sua finestra. Ora era intrappolata in una stanza dall'aspetto high-tech. Essendo una ragazza di 17 anni, aveva visto un sacco di film dell'orrore e si rese presto conto di essere stata rapita dagli alieni. All'inizio Mia non riusciva a crederci. Doveva sognare; questo non potrebbe mai realmente accadere. Ma sembrava troppo reale per essere un sogno. "Qualcuno mi sta prendendo in giro", pensò. Ma sembrava troppo reale per essere un trucco, e quello che accadde dopo le dimostrò che si trattava di un vero affare.

All'improvviso, alla sua sinistra, il muro si aprì e lei capì che quella era la porta. Poi, la sua peggiore paura si è avverata. Ciò che è entrato dalla porta era a dir poco un mostro. Aveva gambe e braccia, come un essere umano, ma la sua mano aveva 3 dita con artigli da due pollici e i suoi piedi avevano 4 artigli ricurvi. Tutto il suo corpo era una pelle liscia, lucida, grigio scuro che sembrava carnosa ma muscolosa. I suoi piccoli occhi erano gialli, aveva una grande bocca con denti aguzzi e seghettati e senza naso. Aveva una coda lunga 5 piedi e 5 tentacoli, due su ciascun lato sotto le braccia e sull'inguine, dove sarebbe stato un pene umano. Su tutti e cinque i tentacoli c'era un buco all'estremità, che li faceva assomigliare alla proboscide di un elefante, grande solo quanto il braccio di qualcuno. A più di un metro di altezza, l'alieno si fermò sopra di lei e sibilò.

Mia ha urlato. Era spaventata a morte. Mentre urlava, l'alieno coprì i suoi fori per le orecchie (che si trovavano vicino a dove si trova un essere umano, anche se più avanti) con i suoi tentacoli e le ringhiò ad alta voce. Ha urlato così forte che era stordita. L'alieno allungò uno dei suoi tentacoli verso il suo viso e la spruzzò con un gas blu. Quando lo inspirò, il suo grido divenne sempre più acuto finché non si spense e non riuscì più a urlare. Cercò di dire qualcosa ma non ci riuscì, il gas le aveva tolto la voce. L'alieno si scoprì le orecchie e si avvicinò al tavolo.

Con i suoi artigli, le strappò la camicia e la gettò a terra. Guardò le sue tette di dimensioni modeste per un secondo e poi le strofinò ciascuna con un tentacolo. Mia era inorridita, ma iniziò a gemere silenziosamente e i suoi capezzoli si indurirono. I tentacoli iniziarono a secernere un liquido verde pallido che le ricopriva i seni. Questo le fece pizzicare il seno. Quindi i tentacoli del mostro si sono attaccati a ciascun capezzolo come una ventosa. Hanno iniziato a spremere e succhiare ogni capezzolo. Presto si rese conto che l'alieno la stava mungendo! La roba che le aveva spruzzato sui seni le stava facendo produrre il latte, e ora lo stava succhiando con i suoi tentacoli.

Continuava a cercare di urlare, ma era inutile. Aveva così tanta paura che tutto il suo corpo tremava e si sentiva come se stesse per vomitare. Mentre l'alieno la mungeva, usò i suoi artigli per strapparle le mutandine. Ora era completamente nuda e la sua figa rasata era esposta e vulnerabile. Lo sfregamento e il succhiamento delle sue tette, per quanto la facessero inorridire, l'avevano eccitata, quindi era bella e bagnata. Con il tentacolo che era dove sarebbe stato un pene, le strofinò la fica bagnata. Si chiuse e cercò di urlare di nuovo, senza successo. Lo sfregamento cessò e lei abbassò lo sguardo. Dal buco nel tentacolo uscì un'asta viscida e rossa che poteva essere solo il cazzo dell'alieno. Era viscido e sodo, ma carnoso e flessibile. La punta era sottile ma crebbe fino a diventare grande quanto una lattina di soda, ed era lunga trenta centimetri. Il cazzo viscido si dimenò e poi si seppellì nella sua figa. Rabbrividì tutta mentre il cazzo alieno si contorceva e scivolava più in profondità dentro di lei. Non era vergine, quindi non era così doloroso, ma man mano che entrava e diventava sempre più grande, la allungava. Se non fosse stata portata su una nave aliena e violentata contro la sua volontà, si sarebbe divertita moltissimo.

La sua figa era stretta contro il cazzo viscido mentre scivolava più a fondo. Quando è entrato di circa dieci pollici, ha smesso di scivolare più in profondità. Lo sentiva dimenarsi dentro di lei. Era una sensazione strana ma intensamente piacevole. Presto il cazzo alieno iniziò a pulsare, come se stesse cercando di pompare qualcosa dentro di lei. Divenne terrorizzata ma la sensazione del cazzo pulsante dentro di lei fece sì che la sua figa iniziasse a stringersi attorno ad esso. Si irrigidì e ebbe un forte orgasmo. Era così intenso che urlò finché il suo viso non divenne blu, ma ovviamente non ne uscì alcun suono. La melma che ricopriva il suo cazzo iniziò a far formicolare la sua figa convulsa, e iniziò a raggiungere l'orgasmo senza sosta. Smise di urlare e cercò di respirare, sopraffatta dai suoi ripetuti orgasmi. Mentre il cazzo pulsava, sentì un liquido caldo che iniziava a riempirle la figa. La sua pancia iniziò ad estendersi mentre il suo grembo veniva pompato pieno di liquido. Mia era così esausta dai suoi orgasmi che iniziò a svenire. Prima di svenire, si ricordò che la sua pancia era così grande che sembrava fosse incinta. Poi tutto è diventato nero.

Dopo che Mia è svenuta, l'alieno ha finito di pompare il suo sperma nel suo grembo. Una volta che il suo cazzo ha smesso di pulsare, ha secreto più melma per facilitarne la rimozione. Dopo che il suo grosso cazzo alieno fu libero, portò uno dei suoi tentacoli e le spruzzò la figa con una nebbia sottile. Questo lo ha fatto restringere e sigillare. Il suo seme era ora sigillato saldamente nella sua figa. Soddisfatto, l'alieno lasciò la stanza.

Quando Mia si è svegliata, era di nuovo nella sua stanza. Era sdraiata con le lenzuola sotto di lei. Era completamente nuda. Intorpidita ed esausta, non era in grado di muoversi. La prima cosa che realizzò fu che non era più incinta. Tuttavia, si rese presto conto che c'era un piccolo alieno che le succhiava i capezzoli per il latte.

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

733 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.